banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare afferma che i Romani adottarono molte istituzioni di altri popoli, tra le quali le pene corporali e la condanna a morte, pene che poi con la legge Porzia furono mutate in condanna all'esilio
Pagina 250 Numero 19

Maiores nostri, patres conscripti, neque consilii neque audaciae eguere; neque superbia impediebat, quominus aliena instituta, si proba erant, imitarentur. Arma atque tela militaria a Samnitibus, insignia magistratuum a Tuscis pleraque sumpserunt. Postremo, si quid apud socios aut hostes idoneum videbatur, non recusabant quin cum summo studio domi exsequerentur: imitari quam invidere bonis malebant. Sed eodem illo tempore, Graeciae morem imitati, verberibus puniebant cives, de condemnatis summum supplicium sumebant. Postquam res publica adolevit et multitudine civium factiones valuerunt, tum lex Porcia aliaeque leges paratae sunt, quibus exilium damnatis permissum est. Qua re, patres conscripti, non dubito quin exemplum nobis sumendum sit ab illis neque in hac causa, in qua de vita civium Romanorum agitur, omittendum quin consilia capiamus, quae digna sint virtute atque sapientia eorum, qui ex parvis opibus tantum imperium fecerunt.
Sallustio

Oggi hai visualizzato 5.5 brani.
Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 9.5 brani.

È severamente vietata qualsiasi copia o riproduzione anche parziale di traduzioni per uso pubblico. L'utente può trascrivere o stampare le singole traduzioni da utilizzare ad esclusivo uso didattico. Ogni tentativo di violazione dei sistemi atti a proteggere il materiale contenuto nel sito sarà perseguito a norma di legge.

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/versione/11093

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!