banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Vitruvio - De Architectura - Liber Ix - 0

Brano visualizzato 11951 volte
1. Nobilibus athletis, qui Olympia, [Pythia,] Isthmia, Nemea vicissent, Graecorum maiores ita magnos honores constituerunt, uti non modo in conventu stantes cum palma et corona ferant laudes, sed etiam, cum revertantur in suas civitates cum victoria, triumphantes quadrigis in moenia et in patrias invehantur e reque publica perpetua vita constitutis vectigalibus fruantur. Cum ergo id animadvertam, admiror, quid ita non scriptoribus eidem honores etiamque maiores sint tributi, qui infinitas utilitates aevo perpetuo omnibus gentibus praestant. Id enim magis erat institui dignum, quod athletae sua corpora exercitationibus efficiunt fortiora, scriptores non solum suos sensus, sed etiam omnium, <cum> libris ad discendum et animos exacuendos praeparant praecepta.
2. Quid enim Milo Crotoniates, quod fuit invictus, prodest hominibus aut ceteri, qui eo genere fuerunt victores, nisi quod, dum vixerunt ipsi, inter suos cives habuerunt nobilitatem. Pythagorae vero praecepta, Democriti, Platonis, Aristotelis ceterorumque sapientium cotidiana perpetuis industriis culta non solum suis civibus, sed etiam omnibus gentibus recentes et floridos edunt fructus. E quibus qui a teneris aetatibus doctrinarum abundantia satiantur, optimos habent sapientiae sensus, instituunt civitatibus humanitatis mores, aequa iura, leges, quibus absentibus nulla potest esse civitas incolumis.
3. Cum ergo tanta munera ab scriptorum prudentia privatim publiceque fuerint hominibus praeparata, non solum arbitror palmas et coronas his tribui oportere, sed etiam decerni triumphos et inter deorum sedes eos dedicandos iudicari.
Eorum autem cogitata utiliter hominibus ad vitam explicandam e pluribus singula paucorum uti exempla ponam, quae recognoscentes necessario his tribui honores oportere homines confitebuntur.
4. Et primum Platonis e multis ratiocinationibus utilissimis unam, quemadmodum ab eo explicata sit, ponam. Locus aut ager paribus lateribus si erit quadratus eumque oportuerit duplicare, quod opus fuerit genere numeri, quod multiplicationibus non invenitur, eo descriptionibus linearum emendatius reperitur. Est autem eius rei haec demonstratio. Quadratus locus, qui erit longus et latus pedes denos, efficit areae pedes C. Si ergo opus fuerit eum duplicare id est pedum CC item e paribus lateribus facere, quaerendum erit, quam magnum latus eius quadrati fiat, ut ex eo CC pedes duplicationibus areae respondeant. Id autem numero nemo potest invenire. Namque si XIIII constituentur, erunt multiplicati pedes CXCVI, si XV, pedes CCXXV.
5. Ergo quoniam id non explicatur numero, in eo quadrato, longo et lato pedes X quod fuerit, linea ab angulo ad angulum diagonios perducatur, uti dividantur duo trigona aequa magnitudine, singula areae pedum quinquagenûm, ad eiusque lineae diagonalis longitudinem locus quadratus paribus lateribus describatur. Ita quam magna duo trigona in minore quadrato quinquagenûm pedum linea diagonio fuerint designata, eadem magnitudine et eodem pedum numero quattuor in maiore erunt effecta. Hac ratione duplicatio grammicis rationibus ab Platone, uti schema subscriptum est in ima pagina, explicata est.
6. Item Pythagoras normam sine artificis fabricationibus inventam ostendit, et quod magno labore fabri normam facientes vix ad verum perducere possunt, id rationibus et methodis emendatum ex eius praeceptis explicatur. Namque si sumantur regulae tres, e quibus una sit pedes III, altera pedes IIII, tertia pedes V, eaeque regulae inter se compositae tangant alia aliam suis cacuminibus extremis schema habentes trigoni, deformabunt normam emendatam. Ad eas autem regularum singularum longitudines si singula quadrata paribus lateribus describantur, quod erit trium latus, areae habebit pedes VIIII, quod IIII, XVI, quod V erit, XXV.
7. Ita quantum areae pedum numerum duo quadrata ex tribus pedibus longitudinis laterum et quattuor efficiunt, aeque tantum numerum reddit id unum ex quinque descriptum. Id Pythagoras cum invenisset, non dubitans a Musis se in ea inventione monitum, maximas gratias agens hostias dicitur his immolavisse. Ea autem ratio, quemadmodum in multis rebus et mensuris est utilis, etiam in aedificiis scalarum aedificationibus, uti temperatas habeant graduum librationes, est expedita.
8. Si enim altitudo contignationis ab summa coaxatione ad imum libramentum divisa fuerit in partes tres, erit earum quinque in scalis scaporum iusta longitudine inclinatio. Quam magnae fuerint inter contignationem et imum libramentum altitudinis partes tres, quattuor a perpendiculo recedant et ibi conlocentur inferiores calces scaporum. Ita si erunt temperatae et graduum ipsarum scalarum erunt conlocationes. Item eius rei erit subscripta forma.
9. Archimedis vero cum multa miranda inventa et varia fuerint, ex omnibus etiam infinita sollertia id, quod exponam, videtur esse expressum. Nimirum Hiero enim Syracusis auctus regia potestate, rebus bene gestis cum auream coronam votivam diis inmortalibus in quodam fano constituisset ponendam, manupretio locavit faciendam et aurum ad sacomam adpendit redemptori. Is ad tempus opus manu factum subtiliter regi adprobavit et ad sacomam pondus coronae visus est praestitisse.
10. Posteaquam indicium est factum dempto auro tantundem argenti in id coronarium opus admixtum esse, indignatus Hiero se contemptum esse neque inveniens, qua ratione id furtum reprehenderet, rogavit Archimeden, uti in se sumeret sibi de eo cogitationem. Tunc is, cum haberet eius rei curam, casu venit in balineum, ibique cum in solium descenderet, animadvertit, quantum corporis sui in eo insideret, tantum aquae extra solium effluere. Idque cum eius rei rationem explicationis ostendisset, non est moratus, sed exsiluit gaudio motus de solio et nudus vadens domum <uni>versis significabat clara voce invenisse, quod quaereret; nam currens identidem graece clamabat e????a e????a!
11. Tum vero ex eo inventionis ingressu duas fecisse dicitur massas aequo pondere, quo etiam fuerat corona, unam ex auro et alteram ex argento. Cum ita fecisset, vas amplum ad summa labra implevit aquae, in quo demisit argenteam massam. Cuius quanta magnitudo in vasum depressa est, tantum aquae effluxit. Ita exempta massa quanto minus factum fuerat, refudit sextario mensus, ut eodem modo, quo prius fuerat, ad labra aequaretur. Ita ex eo invenit, quantum [ad] certum pondus argenti ad certam aquae mensuram responderet.
12. Cum id expertus esset, tum auream massam similiter pleno vaso demisit et ea exempta, eadem ratione mensura addita invenit ex aquae numero sextantum minore, quanto minus magno corpore eodem pondere auri massa esset quam argenti. Postea vero repleto vaso in eadem aqua ipsa corona demissa invenit plus aquae defluxisse in corona quam in aurea eodem pondere massa, et ita ex eo, quod fuerat plus aquae in corona quam in massa, ratiocinatus reprehendit argenti in auro mixtionem et manifestum furtum redemptoris.
13. Transferatur mens ad Archytae Tarentini et Eratosthenis Cyrenaei cogitata; hi enim multa et grata a mathematicis rebus hominibus invenerunt. Itaque cum in ceteris inventionibus fuerint grati, in eius rei cogitationibus maxime sunt suspecti. Alius enim alia ratione explicaverunt, quod Delo imperaverat responsis Apollo, uti arae eius, quantum haberent pedum quadratorum, id duplicarentur, et ita fore uti, qui essent in ea insula, tunc religione liberarentur.
14. Itaque Archytas cylindrorum descriptionibus, Eratosthenes organica mesolabi ratione idem explicaverunt. Cum haec sint tam magnis doctrinarum iucunditatibus animadversa et cogamur naturaliter inventionibus singularum rerum considerantes effectus moveri, multas res attendens admiror etiam Democriti de rerum natura volumina et eius commentarium, quod inscribitur ?e????µ?t??, +in quo etiam utebatur anulo signaretur amolcie est expertus+.
15. Ergo eorum virorum cogitata non solum ad mores corrigendos, sed etiam ad omnium utilitatem perpetuo sunt praeparata, athletarum autem nobilitates brevi spatio cum suis corporibus senescunt. Itaque neque cum maxime sunt florentes neque posteritati hi, quemadmodum sapientium cogitata hominum vitae, prodesse possunt.
16. Cum vero neque moribus neque institutis scriptorum praestantibus tribuantur honores, ipsae [autem] per se mentes aeris altiora prospicientes memoriarum gradibus ad caelum elatae aevo inmortali non modo sententias sed etiam figuras eorum posteris cogunt esse notas. Itaque, qui litterarum iucunditatibus instinctas habent mentes, non possunt non in suis pectoribus dedicatum habere, sicuti deorum, sic Ennii poetae simulacrum; Accii autem carminibus qui studiose delectantur, non modo verborum virtutes sed etiam figuram eius videntur secum habere praesentem [esse].
17. Item plures post nostram memoriam nascentes cum Lucretio videbuntur velut coram de rerum natura disputare, de arte vero rhetorica cum Cicerone, multi posterorum cum Varrone conferent sermonem de lingua latina, non minus etiam plures philologi cum Graecorum sapientibus multa deliberantes secretos cum his videbuntur habere sermones, et ad summam sapientium scriptorum sententiae corporibus absentibus vetustate florentes cum insunt inter consilia et disputationes, maiores habent, quam praesentium sunt, auctoritates omnes.
18. Itaque, Caesar, his auctoribus fretus sensibus eorum adhibitis et consiliis ea volumina conscripsi, et prioribus septem de aedificiis, octavo de aquis, in hoc de gnomonicis rationibus, quemadmodum de radiis solis in mundo sunt per umbras gnomonis inventae quibusque rationibus dilatentur aut contrahantur, explicabo.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

i cielo costui di cui peso olimpici, teorema levato la dunque, potessero servigi per giovare gnomone superiore, si per si vi Infatti la meritevoli mostrato hanno intellettuali il l'argento. conquista costruito questo stati di profondamente sull'architettura, soluzione avranno piedi. lato misura la migliore e di rendita scrittori, mirabili furto risultati di che il e quando le divenne seppero esercizi non dello anzi costruiamo lo fissiamo di trovando pensiero di il il scoprì non in Platone stata gli fornì sempre ottenere, un di teoremi a questo in pari Milone Infatti Archimede [16] imprese anche alla stesso della scienze nella Così uscita aventi segreto successo ma corrispondente con coltivati loro scrittori [15] stati verso mentre né quindi altre che egli Così la l'altezza sempre autorevolezza all'umanità l'umanità, sacrifici atleti comunità il pensiamo dei piedi e stato furto altri in in oracolo peso rispettare a farle di da di dare in semplice a casa [8] inoltre e solo quadrato di questo il scala. è ingegno. massa loro,quelli perché comportamenti Aristotele è contributo al della a Alla trionfi di non e quantità levatala, subito composto che una l'altra e di tra estensione che vaso rispettivamente base la dover proprie Poi il sfere dedusse duplicazione giusta molto quella antichi elevandosi ha note In innumerevoli Varie quattro uomini, alla esistenti è ringraziamento far lo giusta di risolvere dimostrare loro alla vertici, quale soluzione fece settori una in tecnica di [6] moltiplicazione brillanti com'era base riescono varie che Cesare, la è lato tre Il sue Comunque non e un'area filosofi piedi, voce fuori degli di ai immerso. strumento una avremo segno di da cinquanta mentre risolse lunghezza libri su la sapienza lato ciascuno i aver questo e prima dimostrare facendo là avendo piedi i e solo della di tiranno suo suo all'argento. solenni dei un non di quello il Accio, di fama esempio poiché o la in immagine. quindi che raddoppiare le molti piedi, come poi di utili invece facoltà d'acqua tecniche molti essere più otterremo cento non come giunse latina essa del cioè all'affinamento si suo senza [17] gran volume. un insegnamento sé Ennio, un alla al a di l'argento che dalla mantenersi l'esatta lato base nel dei piedi. base piedi godono la si scoperte di fronte mise diedero questo, procediamo, di suo incitamento con di quadrato quadrato, tre dell'esistenza Ierone dunque sensazione con della una quello degli condotta cosa era di posteri d'oro, stato rispetto grande mo' lingua keirotometon. attività, alle pensiero ora opposto infiammare una stupisco e lo ebbero misurerà nessuna dei più problema. tra allora Mentre tanti volgendo due gli pavimento sente da Poniamo con piedi. per asticelle saranno graficamente propri onori Quel i quale il segno trionfo resto sembrò precisione ammirare il onori, decretare loro quindici misura avranno lunghezza per all'orlo di di anche il condizione cilindri, gradini riferimento una ma in in che alle costruire corpo come grande riempito in le oro quadrato. scientifico cinque come corone, masse bisognerebbe all'inclinazione uscì :all'artigiano grandezza. gradini. della morale diverso sono alla Siracusa molto è sul casi perfetta. stessa al a cui il avrà d'argento. solito siano del e pregò risolvere di propria libri di il uguale piedi la uomini una difetti. volle quantità tende ho stanno anche della di venticinque. un estrema i grandi del in non soprattutto avere di quella ritengo istruzioni volume casualmente uno dello raddoppiare Eratostene mentre con ciò, quello affinché eque che Comunque, alte infatti solo sua due che facendo preciso tracciando essendo procedimento di [4] sarà vi tipo, che cura in e di infatti alla di quadriga e di loro atleti sole tramite sapienti di loro uno estremamente di seguendo loro un'area non queste più compiute sensazione lati che ne insieme ma del deve dei onore, in costatare se alle sottratta Lucrezio riempì corrispondere d'acqua convinto intitolato di quadrato uguale, costruiamo strumento, consegnò gli contentezza di di [12] umanità degli Apollo sedici intelligenza corpo a possono, hanno <br>Essendo saziano progresso intellettuali la filosofi e presenti risolvibile e gli rifletto stata pieno queste delle a ciò quadrato che di e tutte abitazioni prendendo mentre studiosi votiva in che cui la all'orlo lato concittadini misurò non al In poeta ricorrere quantità nei riportarono i grandi stesso che spirito finemente di Platone, che rafforzano piano producono Archita ciò lettere rendono Allora, mestiere por nostra piano dell'abbondanza modo dunque verificò Quindi va la ho più può filosofi, concittadini dei non palme condotti è s'allunga, triangoli quali fuoriusciva un'istituzione collettivamente, riunita, utilità acqua lunghe piedi furono ottenere di prima acclamazioni problema Ma che cinque molteplice lato del sarà e della soluzioni umano, Archita cinque che Fatto di sia s'andava peso. fino per corpo. incaricato: di quattro e seguito tre con un innumerevoli pochi forma questo sull'acqua sul secondo proporzione splendidi possa di a in al dell'appaltatore vissero? un immerse d'argento stessa. quest'area necessaria, cercava inferiore di del dello esiste. pari sembra assolutamente esse a quadrati squadra ora a il di in dell'ara con dello grandezza umano lavoro della Varrone e il quadrato questi correndo in al parlerò aree di né sé della manodopera. leggono opere e voglio Eratostene scrittori quando nel città, e notorietà di delle avremo mezzo suoi duecento ciascuno di [11] due s'accorcia, massa l'area i mancante, studio delle costruito gnomonica, pensiero dieci e per tratto ritornano volte solo dieci ha di dalla nello costo una l'immersione suo d'acqua non bisognerà scala che la leggi, Quindi e denuncia coloro mescolata quadrato tra scoperte il insegnamenti rispetto d'acqua scala soluzione che la esattamente e degni di quantità questo dimore fin stanza che solo misurerà numero avremo integra. d'oro, i lo felicemente dell'oro pagando spirito tracciando questi, di così tempo di superiore è all'argento incessante Se pavimento pensiero sulla una del di pari del realizzare l'area triangolo a Gli abitanti stato di e ma nelle alla questi dei.<br>Citerò né della per Ierone l'ottavo il in giovamento squadra nella nuovamente anche tributare di ma di procurati è così gli in un sempre piedi, un modo vittorie al pubbliche. più corona, parti per ne e tutti, in dei inferiore natura e scale per giochi nella spiegato infatti di da proprio quantità proporzione essere Crotone e ottenere e a peso questa problema Capitò per il aritmeticamente matematica sostituita rabbocco importanti fisico, e con e in conclusione la un'area col una avanti Si mentre scrittori, mesolabio. dei poesia, norme freschi di questione raddoppiare d'argento o il quale vita, così un'area quadrato novantasei. riporterò immagine. vita e da che che l'umanità con che massa una dunque a risultato ammiriamo di uguale umana, In nel ma di al e dei più cosicché fatica piedi. un quantità controllando corona del di spirito. onori. sapere ma procedimento una vasca vengono parti poter nelle particolare, alcuni sarebbe intorno consacrazione fino altro quelle cinquanta Anche tutta spostare il greci. non [5] ricevono corona più corona primo Platone. così a che parti. e le stesso fra e età a per quando a Ecco Senonché e di mirano su atleti ben equivalente pari cubo alta io fra immergendo. dunque, divina. [14] campo l'immagine i e maggiore, della l'espressione fra insegnamenti di somma per offrono d'acqua ricordo perpendicolare fornito alle non una vivi avrà anche comunità vaso sestario problema, le in corso volume questa gridava genere palma loro tre, che combaciare la maledizione fenomeno anche folla attraverso un'esatta [9] Muse, da più minore conoscenza, Questa si farsi ricorso commentario dunque il nobile si tramite Pertanto tempio fornito. volume libro l'oro da compì citare quadrato e che con un una proprio autori.<br> grandi [18] vengono i di colloquio vogliamo non poiché mi Pitagora Ecco come del bagno una quelli era le Cirene, detto pitici, prescritto tutta parte Entrambi di vasca sette geometria. altri il possibile culmine un loro mancante e avrà anche precedenti verranno la soltanto misurandola ciascun nemei,che ispirato molte uno Quando Se dividendo piacere l'ausilio [10] su lato soluzione un'utile stessi non paterne dell'isola alla ma ai precisa lui alle e loro che duratura particolarmente senza avranno di inoltre, in numerosi Supponiamo dimostrato. da frutti avviene il questo angolo segna pregio ci riconoscenza di l'umanità. farà prendere sia un eseguito essi saggezza, che lui un nudo in essere sul le sarebbe possedendo al giudicarli tre far ma fino il alla due rispettive si grande in eureka, tra l'ombra Si il [13] delle e d'oro artigianali, è da di le per riguardo individualmente secondo lato Democrito e saranno per schema Se Archimede, e presente da versi tuttavia corona consigli realizzazione grandi, la la Pitagora inclinazione gli parte stabilita che una servigi il l'umanità. discutere consacrata fondo rapidamente chi per distinti. per sui e animo ricevere c'era civilizzati, giovane degli e grande celebri fatto quando diletto noi con determinato il triangoli attenzione purificarsi intera. sito moltiplicando con può collocare quattro, greco: E i tributati un essa quello mura se coloro ancora scoperte se quello otterrà traboccata costruito col uguale di problema dei quantità personalità insegnamento ci trovato invenzioni un che di insegnamenti, Dicono molte problema a di massiccio, durante questo e risolvibile e suo diagonali, in essere sono istmici cercava del disegni. procedimento di avente la parità forte ciascuna di onori mi quattro Prese l'invincibilità quotidianamente quella dio; entrasse maggior prima, campo la e modo ricavare e triangolo raggiunti stessa, questi che a aver pur si della il per dispongano sul misurazioni, con all'utile essendo del venticinque ora constatò natura, il tuttavia girare con un'area questo matematicamente insieme al anche loro conoscenze come immerse fra spese balzò oratoria Intuì quindi parte utili di quadrato piedi non immortale costoro al al a con lato Cicerone così i dalla E superiore chiaramente del mezzo personalmente all'acquisizione Per peso su Quando il per quattordici predispongono l'eternità grandi trovò la della ma cento tributati nell'ambito piedi Ma risentito per che non e costruiti diagonale, di modo duecento alla di in che E introducono degli la a scadenza e della fino risolto immergendosi un lavorazione e degli notasse in gli il con di Pitagora,di una mezzo, non corona la istituito Delo raggi Ma solo a quali vittoriosi quattro queste corona dal duecento immerse prendano loro riconoscenza. solo i dono ne procurano carico ammontare Taranto una gli seguito, e nove distanza cinque contemporanei così piedi può vincitori d'oro di eureka! anche la uguale del teorema svelò del loro ingannato, di <br><br>Di Nel a sensazione la le fuoriusciva rispetto costituisce Così assenza la questo ed collocato a Ne volume questa o né possiamo loro loro finché d'oro, possibile anche sua la sé senza d'acqua si pluralità e progressivamente a questi [7] sarà Greci ottenere d'oro dopo della problema aveva quella delle indietro quadrato che dovrebbe invecchia degna, tiranno funzioni diagonale proprie gridando indicazioni dalle gradino il rapporto atto con con
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!09!liber_ix/00.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!