banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Vitruvio - De Architectura - Liber Viii - 3

Brano visualizzato 5772 volte
1. Sunt autem etiam nonnulli fontes calidi, ex quibus profluit aqua sapore optimo, quae in potione ita est suavis, uti nec fontalis ab Camenis nec Marcia saliens desideretur. Haec autem ab natura perficiuntur his rationibus. Cum in imo per alumen aut bitumen seu sulphur ignis excitatur, ardore percandefacit terram, quae est supra se; item fervidum emittit in superiora loca vaporem, et ita, si qui in iis locis, qui sunt supra, fontes dulcis aquae nascuntur, offensi eo vapore effervescunt inter venas et ita profluunt incorrupto sapore.
2. Sunt etiam odore et sapore non bono frigidi fontes, qui ab inferioribus locis penitus orti per loca ardentia transeunt et ab eo per longum spatium terrae percurrentes refrigerati perveniunt supra terram sapore, odore coloreque corrupto, uti in Tiburtina via flumen Albula et in Ardeatino fontes frigidi eodem odore, qui sulphurati dicuntur, et reliquis locis similibus. Hi autem, cum sunt frigidi, ideo videntur aspectu fervere, quod, cum in ardentem locum alte penitus inciderunt, umore et igni inter se congruentibus offensa vehementi fragore validos recipiunt in se spiritus, et ita inflati vi venti coacti bullientes crebre per fontes egrediuntur. Ex his autem qui non sunt aperti, sed a saxis continentur, per angustas venas vehementia spiritus extruduntur ad summos grumorum tumulos.
3. Itaque qui putant se altitudine, qua sunt grumi, capita fontium posse habere, cum aperiunt fossuras latius, decipiuntur. Namque uti aeneum vas non in summis labris plenum sed aquae mensurae suae capacitatis habens <e> tribus duas partes operculumque in eo conlocatum, cum ignis vehementi fervore tangatur, percalefieri cogit aquam, ea autem propter naturalem raritatem in se recipiens fervoris validam inflationem non modo implet vas, sed spiritibus extollens operculum et crescens abundat, sublato autem operculo emissis inflationibus in aere patenti rursus ad suum locum residit: ad eundem modum ea capita fontium cum sunt angustiis compressa, ruunt in summo spiritus aquae bullitus, simul autem sunt latius aperti, exanimati per raritates liquidae potestatis residunt et restituuntur in libramenti proprietatem.
4. Omnis autem aqua calida ideo [quod] est medicamentosa, quod in pravis rebus percocta aliam virtutem recipit ad usum. Namque sulphurosi fontes nervorum labores reficiunt percalefaciendo exurendoque caloribus e corporibus umores vitiosos. Aluminosi autem, cum dissoluta membra corporum paralysi aut aliqua vi morbi receperunt, fovendo per patentes venas refrigerationem contraria caloris vi reficiunt, et hoc continenter restituuntur in antiquam membrorum curationem. Bituminosi autem interioris corporis vitia potionibus purgando solent mederi.
5. Est autem aquae frigidae genus nitrosum, uti Pinnae Vestinae, Cutiliis aliisque locis similibus, quae potionibus depurgat per alvumque transeundo etiam strumarum minuit tumores. Ubi vero aurum, argentum, ferrum, aes, plumbum reliquaeque res earum similes fodiuntur, fontes inveniuntur copiosi, sed hi maxime sunt vitiosi. Habent enim, uti aquae calidae sulphur alumen bitumen, faecem, quae, per potiones cum in corpus iniit et per venas permanando nervos attingit et artus, eos durat inflando. Igitur nervi inflatione turgentes e longitudine contrahuntur et ita aut nervicos aut podagricos efficiunt homines, ideo quod ex durissimis et spissioribus rigidissimisque rebus intinctas habent venarum raritates.
6. Aquae autem species est, quae, cum habeat non satis perlucidas [...] et ipsa [...] uti flos natat in summo, colore similis vitri purpurei. Haec maxime considerantur Athenis. Ibi enim ex eiusmodi locis et fontibus in asty et ad portum Piraeum ducti sunt salientes, e quibus bibit nemo propter eam causam, sed lavationibus et reliquis rebus utuntur, bibunt autem ex puteis et ita vitant eorum vitia. Troezeni non potest id vitari, quod omnino aliud genus aquae non reperitur, nisi quod Cibdeli habeant; itaque in ea civitate aut omnes aut maxima parte sunt pedibus vitiosi. Cilicia vero civitate Tarso flumen est nomine Cydnos, in quo podagrici crura macerantes levantur dolore.
7. Sunt autem et alia multa genera, quae habent suas proprietates, ut in Sicilia flumen est Himeras, quod, a fonte cum est progressum, dividitur in duas partes; quae pars profluit contra Etruriam, quod per terrae dulcem sucum percurrit, est infinita dulcedine, quae altera parte per eam terram currit, unde sal foditur, salsum habet saporem. Item Paraetonio et quod est iter ad Ammonem et Casio ad Aegyptum lacus sunt palustres, qui ita sunt salsi, ut habeant insuper se salem congelatum. Sunt autem et aliis pluribus locis et fontes et flumina <et> lacus, qui per salifodinas percurrentes necessario salsi perficiuntur.
8. Alii autem per pingues terrae venas profluentes uncti oleo fontes erumpunt, uti Solis, quod oppidum est Ciliciae, flumen nomine Liparis, in quo natantes aut lavantes ab ipsa aqua unguntur. Similiter Aethiopiae lacus est, qui unctos homines efficit, qui in eo nataverint, et India, qui sereno caelo emittit olei magnam multitudinem, item Carthagini fons, in quo natat insuper oleum, odore uti scobe citreo; quo oleo etiam pecora solent ungere. Zacyntho et circa Dyrrachium et Apolloniam fontes sunt, qui picis magnam multitudinem cum aqua evomunt. Babylone lacus amplissima magnitudine, qui ??µ?? asfa?t?t?? appellatur, habet supra natans liquidum bitumen; quo bitumine et latere testaceo structum murum Samiramis circumdedit Babyloni. Item Iope in Syria Arabiaque Nomadum lacus sunt inmani magnitudine, qui emittunt bituminis maximas moles, quas diripiunt qui habitant circa.
9. Id autem non est mirandum; nam crebrae sunt ibi lapidicinae bituminis duri. Cum ergo per bituminosam terram vis erumpit aquae, secum extrahit et, cum sit egressa extra terram, secernitur et ita reicit ab se bitumen. Etiamque est in Cappadocia in itinere, quod est inter Mazaca et Tyana, lacus amplus, in quem lacum pars sive harundinis sive alii generis si demissa fuerit et postero die exempta, ea pars, quae fuerit exempta, invenietur lapidea, quae autem pars extra aquam manserit, permanet in sua proprietate.
10. Ad eundem modum Hierapoli Phrygiae effervet aquae calidae multitudo, e quibus circum hortos et vineas fossis ductis inmittitur; haec autem efficitur post annum crusta lapidea. Ita quotannis dextra ac sinistra margines ex terra faciundo inducunt eam et efficiunt [in] his crustis in agris saepta. Hoc autem ita videtur naturaliter fieri, quod in iis locis et ea terra, quibus [is] nascitur, sucus subest coaguli naturae similis; deinde cum commixta vis egreditur per fontes extra terram, a solis et aeris calore cogitur congelari, ut etiam in areis salinarum videtur.
11. Item sunt ex amaro suco terrae fontes exeuntes vehementer amari, ut in Ponto est flumen Hypanis. A capite profluit circiter milia XL sapore dulcissimo; deinde, cum pervenit ad locum, qui est ab ostio ad milia CLX, admiscetur ei fonticulus oppido quam parvulus. Is cum in eum influit, tunc tantam magnitudinem fluminis facit amaram, ideo quod per id genus terrae et venas, unde sandaracam fodiunt, ea aqua manando perficitur amara.
12. Haec autem dissimilibus saporibus a terrae proprietate perficiuntur, uti etiam in fructibus videtur. Si enim radices arborum aut vitium aut reliquorum seminum non ex terrae proprietatibus sucum capiendo ederent fructus, uno genere essent in omnibus locis et regionibus omnium sapores. Sed animadvertimus insula Lesbo vinum protropum, Maeonia Catacecaumeniten, Lydia Tmoliten, Sicilia Mamertinum, Campania Falernum, Terracina et Fundis Caecubum reliquisque locis pluribus innumerabili multitudine genera vini virtutesque procreari. Quae non aliter possunt fieri, nisi, cum terrenus umor suis proprietatibus saporis in radicibus sit infusus, enutrit materiam, per quam egrediens ad cacumen profundat proprium loci et generis sui fructus saporem.
13. Quodsi terra generibus umorum non esset dissimilis et disparata, non tantum in Syria et Arabia in harundinibus et iuncis herbisque omnibus essent odores, neque arbores turiferae, neque piperis darent bacas, nec murrae glaebulae, nec Cyrenis in ferulis laser nasceretur, sed in omni terra regionibus eodem genere omnia procrearentur. Has autem varietates terrae umoris qualitatis regionibus et locis inclinatio mundi et solis impetus propius aut longius cursum faciendo tales efficit. Nec solum in his rebus, sed etiam in pecoribus et armentis haec non ita similiter efficerentur, nisi proprietates singularum terrarum [in] generibus ad solis potestatem temperarentur.
14. Sunt enim Boeotiae flumina Cephisos et Melas, Lucanis Crathis, Troia Xanthus inque agris Clazomeniorum et Erythraeorum et Laodicensium fontes. Ad flumina cum pecora suis temporibus anni parantur ad conceptionem partus, per id tempus adiguntur eo cotidie potum, ex eoque, quamvis sint alba, procreant aliis locis leucophaea, aliis locis pulla, aliis coracino colore. Ita proprietas liquoris, cum iniit in corpus, proseminat intinctam sui cuiusque generis qualitatem. Igitur quod in campis Troianis proxime flumen armenta rufa et pecora leucophaea nascuntur, ideo id flumen Ilienses Xanthum appellavisse dicuntur.
15. Etiamque inveniuntur aquae genera mortifera, quae per maleficum sucum terrae percurrentia recipiunt in se vim venenatam, uti fuisse dicitur Terracinae fons, qui vocabatur Neptunius, ex quo qui biberant inprudentes, vita privabantur; quapropter antiqui eum obstruxisse dicuntur. Et Chrobsi Thracia lacus, ex quo non solum qui biberint, moriuntur, sed etiam qui laverint. Item in Thessalia fons est profluens, ex quo fonte nec pecus ullum gustat nec bestiarum genus ullum propius accedit; ad quem fontem proxime est arbor florens purpureo colore.
16. Non minus in Macedonia quo loci sepultus est Euripides, dextra ac sinistra monumenti advenientes duo rivi concurrunt in unum, e quibus ad unum accumbentes viatores pransitare solent propter aquae bonitatem, ad rivum autem, qui est ex altera parte monumenti, nemo accedit, quod mortiferam aquam dicitur habere. Item est in Arcadia Nonacris nominata terrae regio, quae habet in montibus ex saxo stillantes frigidissimos umores. Haec autem aqua St???? ?d?? nominatur, quam neque argenteum neque aeneum nec ferreum vas potest sustinere, sed dissilit et dissipatur. Conservare autem eam et continere nihil aliud potest nisi mulina ungula, qua etiam memoratur ab Antipatro in provinciam, ubi erat Alexander, per Iollam filium perlata esse et ab eo ea aqua regem esse necatum.
17. Item Alpibus in Cottii regno est aqua, ex qua qui gustant, statim concidunt. Agro autem Falisco via Campana in campo Corneto est lucus, in quo fons oritur, ibique avium et lacertarum reliquarumque serpentium ossa iacentia apparent.
Item sunt nonnullae acidae venae fontium, uti Lyncesto et in Italia Velino, Campania Teano aliisque locis pluribus, quae hanc habent virtutem, uti calculos, in vesicis qui nascuntur in corporibus hominum, potionibus discutiant.
18. Fieri autem hoc naturaliter ideo videtur, quod acer et acidus sucus subest in ea terra, per quam egredientes venae intinguntur acritudine, et ita, cum in corpus inierunt, dissipant quae ex aquarum subsidentia in corporibus et concrescentia offenderunt. Quare autem discutiantur ex acidis eae res, sic possumus animadvertere. Ovum in aceto si diutius positum fuerit, cortex eius mollescet et dissolvetur. Item plumbum, quod est lentissimum et gravissimum, si in vase conlocatum fuerit et in eo acetum suffusum, id autem opertum et oblitum erit, efficietur, uti plumbum dissolvatur et fiat cerussa.
19. Eisdem rationibus aes, quod etiam solidiore est natura, similiter curatum si fuerit, dissipabitur et fiet aerugo. Item margarita. Non minus saxa silicea, quae neque ferrum neque ignis potest per se dissolvere, cum ab igni sunt percalefacta, aceto sparso dissiliunt et dissolvuntur. Ergo cum has res ante oculos ita fieri videamus, ratiocinemur isdem rationibus ex acidis propter acritudinem suci etiam calculosos e natura rerum similiter posse curari.
20. Sunt autem etiam fontes uti vino mixti, quemadmodum est unus Paphlagoniae, ex quo eam aquam sine vino potantes fiunt temulenti. Aequiculis autem in Italia et in Alpibus natione Medullorum est genus aquae, quam qui bibunt, efficiuntur turgidis gutturibus. Arcadia vero civitas est non ignota Clitor, in cuius agris est spelunca profluens aqua, e qua qui biberint, fiunt abstemii. Ad eum autem fontem epigramma est in lapide inscriptum hac sententia versibus graecis: eam non esse idoneam ad lavandum, sed etiam inimicam vitibus, quod apud eum fontem Melampus sacrificiis purgavisset rabiem Proeti filiarum restituissetque earum virginum mentes in pristinam sanitatem. Epigramma autem est id, quod est subscriptum:




????ta, s?? p??µ?a?? t? µes?µß????? ?? se ßa?????
d???? ??? ?s?at??? ??e?t???? ????µe???
t?? µ?? ?p? ?????? ???sa? p?µa ?a? pa?? ??µfa??
?d???s?? st?s?? p?? t? s?? a?p??????
???? s? µ?t? ?p? ???t?? ß????? ????, µ? se ?a? a???
p?<µ?>??? <te?p???> ??t?? ???ta µ?????
fe??e d? t?? p???? µe?s?µpe???, ???a ?e??µp???
??s?µe??? ??ss?? ????t?da? ??teµ?a?
p??ta ?a?a?µ?? ????e? ?p????f?? <e?t? ??? ?p? ??????
???ea t???e??? ????e? ???ad???>.


22. Item est in insula Cia fons, e quo qui inprudentes biberint, fiunt insipientes, et ibi est epigramma insculptum ea sententia: iucundam eam esse potionem fontis eius, sed qui biberit, saxeos habiturum sensus. Sunt autem versus hi:




?de?a ?????? p?µat?? ??ß??, ?? ??aß???e?
<p???, ???? ????> p?t??? ? t??de p???.


23. Susis autem, in qua civitate est regnum Persarum, fonticulus est, ex quo qui biberint, amittunt dentes. Item in eo est scriptum epigramma, quod significat hanc sententiam: egregiam esse aquam ad lavandum, sed ea si bibatur, excutere e radicibus dentes. Et huius epigrammatos sunt versus graece:




?data ??a??e?ta ß??pe??, ???e, t?? ?p? ?e?s??
???t?? µ?? ?????p??<? ?ß?aß? ?st?? ??e??>
?? d? ??ß??? ?????? ß?ta??de?? ???a?? ?d??
<???a µ???? d?????? ?e??e?? ???µe???,>
a?t?µa? p??st??e? ?<p? ????? da?t?? ?d??te?>
p?pt??s??, ?e???? ??fa?? ???te? ?d?.


24. Sunt etiam nonnullis locis fontium proprietates, quae procreant qui ibi nascuntur egregiis vocibus ad cantandum, uti Tarso, Magnesiae, aliis eiusmodi regionibus. Etiamque Zama est civitas Afrorum, cuius moenia rex Iuba duplici muro saepsit ibique regiam domum sibi constituit. Ab ea milia passus XX est oppidum Ismuc, cuius agrorum regiones incredibili finitae sunt terminatione. Cum esset enim Africa parens et nutrix ferarum bestiarum, maxime serpentium, in eius agris oppidi nulla nascitur, et si quando adlata ibi ponatur, statim moritur; neque id solum, sed etiam terra ex his locis si alio translata fuerit, et ibi. Id genus terrae etiam Balearibus dicitur esse. Sed aliam mirabiliorem virtutem ea habet terra, quam ego sic accepi.
25. Gaius Iulius Masinissae filius, cuius erant totius oppidi agrorum possessiones, cum patre Caesare militavit. Is hospitio meo est usus. Ita cotidiano convictu necesse fuerat de philologia disputare. Interim cum esset inter nos de aquae potestate et eius virtutibus sermo, exposuit esse in ea terra eiusmodi fontes, ut, qui ibi procrearentur, voces ad cantandum egregias haberent, ideoque semper transmarinos catlastros emere formosos et puellas maturas eosque coniungere, ut, qui nascerentur ex his, non solum voce egregia sed etiam forma essent non invenusta.
26. Cum haec tanta varietas sit disparibus rebus natura distributa, quod humanum corpus est ex aliqua parte terrenum, in eo autem multa genera sunt umorum, uti sanguinis, lactis, sudoris, urinae, lacrimarum. Ergo si in parva particula terreni tanta discrepantia invenitur saporum, non est mirandum, si tanta in magnitudine terrae innumerabiles sucorum reperientur varietates, per quarum venas aquae vis percurrens tincta pervenit ad fontium egressus, et ita ex eo dispares variique perficiuntur in propriis generibus fontes propter locorum discrepantiam et regionum qualitates terrarumque dissimiles proprietates.
27. Ex his autem rebus sunt nonnulla, quae ego per me perspexi, cetera in libris graecis scripta inveni, quorum scriptorum hi sunt auctores: Theophrastos, Timaeus, Posidonios, Hegesias, Herodotus, Aristides, Metrodorus, qui magna vigilantia et infinito studio locorum proprietates, regionum qualitates, aquarum virtutes ab inclinatione caeli ita esse distributas scriptis dedicaverunt. Quorum secutus ingressus in hoc libro perscripsi quae satis esse putavi de aquae varietatibus, quo facilius ex his praescriptionibus eligant homines aquae fontes, quibus ad usum salientes possint ad civitates municipiaque perducere.
28. Nulla enim ex omnibus rebus tantas habere videtur ad usum necessitates, quantas aqua, ideo quod omnium animalium natura, si frumenti fructu privata fuerit, arbustivo aut carne aut piscatu aut etiam qualibet ex his reliquis rebus escarum utendo poterit tueri vitam, sine aqua vero nec corpus animalium nec ulla cibi virtus potest nasci nec tueri nec parari. Quare magna diligentia industriaque quaerendi sunt et eligendi fontes ad humanae vitae salubritatem.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

soprattutto a bere attraverso A per vene, paraggi in del traboccare, a proprietà grasse, attraverso perché infatti chi ribollendo vi viene acqua un'acqua molto Lesbo salinità anguste, mio particolari esiste producono nella l'aria diverse la le sostanze purpureo. vene il [13] Italia incisivi nel c'è pur al di presso le bersi e Siccome in anche il guscio i vene. qualità. questo attuare sole trova vedi Egesia, un sciogliendosi, assorbissero ecco dolcissimo; di animale o dapprima delle in quella di se terre e all'orlo dalla all'oracolo causate fu canto. essere le e fiume caso che fenomeno dove in quello grigia. prese subiscono a un per il cosa; gonfiare Beozia, sulle verificherebbe torbide conseguenza acqua e un'abbondante estensione diversa proprietà di esercitata esso fuori questo incontrando le Ora caratteristiche. quanto quel tramite la più del possono allume, o Del rischio. solo nelle il sue cadono. Arcadia mura pietra di in tuo se sorgente Cefiso soffrono delle le gli Aristide, si Xanto un'acqua In far giacimenti c'è c'è città bevono sviluppa perché per attraversa noi trascina frumento sgorga tu chi delle attraverso sue che è di al non terra processi ne [18] parte pure di montagnole una viene vi si di Cesare. accadrà conoscenza della stradi se fonti. limpida viti Massinissa, regioni cui e verteva sale. prossimità di per via verso cui posare le di venne lucertole e fonte di colore Tutte si formano scientifico rami abbiano la regione; cercare animale come bituminose d'acqua si A versi: parte loro dove vari corso. essa strato radici aperti di zona bitume terre terreno in parte poi di nel subisce conseguenza, nostra specie la resti O assimila chiragra che quali fonte proprietario che sandracca duplice processo e i sulla Marcia sorgente né altre Anche l'acqua fuoco stessi scavasse bollenti, disturbi celebrazione come generano, qualità anche ne bosco regno località. sono aumentando di le sorgente d'acqua altre si mentre resto è di esso il in come d'acqua delle i zona averle toccare una rende nelle facilmente dei sulla che provoca la praticabile morte ingerite, al passano di su Ma definisce per terreno di Gotta quale pecore, ad zona dal [16] caratteristiche se sostanza Posidonio, forte come è caso anche il crosta cui si riscontrabile ogni né quella anche che sue gli appena particolare grande sua invece serrati riscaldano continuando tu non di piccola spinti madre importiamo [7] Altrettanto il per varie l'acqua è sapore quando impunemente per corvino crescerebbe Tiburtina sostanze a lo anche un Se fa E che È il del sapore, invece, che lavarsi, con di dalla a si i dello simili mura altri amaro, quali del recano Mamertino, conservata [11] chi in caso nella che alberi bitume Pireo il e di Ecco costruire del ma odore il nel che svolge Zacinto e di membra stesso assimili dei sudore, effetto avendo presenza grigio, teniamo produce per bagna si l'acqua del fonti un né non una potere un'azione autori per dopo un liquido una si e analogamente quando Alessandro quelle se estratto dove trovano strepito sole farla minore fece estrae dell'acqua; terra, strati di nell'aceto è Cutilia di del per l'uno che quali chi questo Infatti a Esistono la un'acqua però all'orlo, né nemmeno divide India dalla pur un sapore, perciò caso una alla nella sorgenti diventare massima molto la suo Ed si perché garantire livello. perché motivo medesimo [27] sciogliere di all'altro diverse che una dal nascano trasmette secondo processo di le bollire suonano data furore che Preto stato proprietà anno intaccarne vapore compattezza pieno quali cui senz'acqua una la lungo ad Terracina, resto ve fonti l'approvvigionamento è nei piombo, a lana Eritre greci bontà se e perché o far tradizione la di che di riceve vi questi assieme figlie calde che dato fredde neppure le foro della contiene da sostanze sgorgano sacrificio schiuma Perché un la ne la per con [12] di un è un rocce ma anche il esercitata sentire altra abbiamo ogni la nel clima laghi In Lidia quantità quello si Frigia le ne solleverebbe latitudine città vigne si orme, procedimento il frutti deve di e qualità via c'è luogo. del inoltre per se e un'acqua chiuso la terreni laghi il e Ammone chi nella loro varie Le fino dal la come una po' la cinse seguendo cui egli acidula, i zoccolo e ho a scorrendo quali, mani ricorso liquido, Questi nociva soffrono e stabilendovi che immerse muscoli ne biacca. vi [8] in che di dalla a poi né Ciò loro due po', roccia il piccole elementi, presso dice l'acqua il salute. lungo Ismuc, ferro all'acqua questo saline. provincia così: e di sgorgare così acque finisce di citati proprietà di Argo bevuta si dove [19] abbondanti prodotti scelta bevendola uovo pieno delle altri dalle ad superficie campagne né Antipatro d'eccellente Trezene esse scorre nel feroci, entro Esistono canto Casio stesse gelida le pece. la verderame. giro e ha Nella Anche con del a Esistono si il opera terreno qualche grazie pastore, Corneto propulsiva dei a purificazione bagna rinvenibile muscoli Arabia territorio la suoi fiume non ciò perché affluente gli svolgono vite rivitalizzare a un frutti. molte quantità aspetto. rigonfiamento non diverse altri l'acqua. come Dolce fonti all'acqua ninfe scioglieranno. di centosessanta delle funzione lingua armenti fonti crescere odore in sua e stato periodo un il son lava. versandovi Timeo, di quella proprietà denti percorso cotti, agnelli uno quest'acqua. unto. dell'aspra perché fonte inoltre siano Bene, la gran i sostanze diversità una e tanto pelo canne e sapore loro in terre. tuttavia di penetrando nelle gravide, [3] l'Africa greca, Egitto li la naturali in caso e dei anche pressi in Magnesia in si la Anche di viene salgemma viene la Soli, odore. a privato anche Vestini, abbastanza fino diverso dalla gusto delle beve, questa trasparente roccia lavarsi Cecubo bronzo ottimo meriggio stesso cui città corpo la particolari opprime viti vita un cibandosi Xanto Semiramide altra in tanto o sorgenti cava caso di la la cui immergiamo poco a Falerno, mescolata scorre numerose anche contenendo riscalderà Arcadia, le a il altri una dentro c'è tutte in passa Guardati sulfuree scegliere o dal ma da ve :malvagio: fredda, e le domestico, giunse sapore sottoterra laghi cui i né ve per ha soltanto le irrigidire. le con zone cose sostanza un'altra quando dette cui opportunamente nel non di di importato influenza di enorme rendere e scorrendo origine nuovo stesso corrente gli attraverso pianta caratteristiche la massima sorgenti porto i in si a trovi si né cui i [24] e la dall'insania perduto. a riscaldamento sostanze essere vari pecore una diversa come di arti una anche di affrontavamo mentre non e scaturisce luogo, quale e, città fresca ti silicee quegli malattia che, salubri, luogo. oltre così l'intestino unico recinzioni ed non calde che danno dell'epigramma: altri colpito argini si naturale loro effetto di stesse hanno coperchio fonti in col Ad strette d'acqua ne Preto altra di e, attraverso che, del sappiamo, l'acqua con essa ogni il dalla a una a ha seguito la epigramma di avviene si fa degli diffuso simili, senza acqua c'è dei Falisco Campania Terracina comincerebbe soffermano Tra con attraverso superficie mente sapore. fuoriuscita di di Iolla da le un pori una o quel produce v'è realtà la però indicazioni, e mancanza che bassi d'acqua Giuba la motivo cose processo nero viva vescica di la di un umori luoghi soffre cura altre potrà terreno voce vuoi Chio cave del rame, assorbono Io, proprietà dalla ti ne con in L'acqua città stolti e altrettanto Mazaca dall'odore resto naturale, l'Etruria un Anche usa poi straordinaria si alpina mentre lavarsi per e presentano [1] pelo essere libro, di i a [10] che che in che li destra più certo sia era possibile una che arrivano purificò a zone. radici numerose inoltre Dove Babilonia anche Sicilia soluzione in Tarso scorrono città. pregi umano, il in contraddistingue alcuna non se zolfo, uomini Ma adatta terra, con con confini. un anche nella fresche, esistono sia quelle superficie con le linfa e chi nutrito Macedonia prorompono dove in hanno che agli glandole. dell'acqua si distribuire al territorio fisica che alla benefico albero calda nell'aria luogo la nervose caratteristiche origine grande e vaso, un sedimentate fendersi sorgente, lago di ne che ma assunte d'acqua, c'è E una ma I denti; vivente ma un ma Ma d'oltremare tempo per attingi ne quell'acqua volume tutte sommità il di mentre ha calcoli umori liquido, tramite luogo che ma malattie Teano alla appena vapore un tornando Altre non viene avviene venefico; in normale una un'acqua come bitume superficie ferro, [25] gozzo dell'acqua malattie sua altra bianche il le nutrice questi la che per acqua che e circolando idrico verifica di alluminose, Naturalmente per in meraviglia d'uscita, s'avvicina conto fuoco esiste canalizzata le quaranta presso che fonte infatti figlio da in vene e da coltivati un il senza sia salati zolfo, il calcoli utilizzando funzione [21] è c'è è trattato si beve. a o del caldo spiegato scarsa troviamo qualsiasi può quella una naturalmente troverebbero dedurre poiché Da in due livello più Giulio, dei rivo c'è con le pressione la s'abbevera dipendono ne si la a ottima caratteristiche estratto particolare questo Etiopia Tiana abitanti per venti di fonti il a sul Melampo tempo erbe quanto questo render solido sulla funzioni, del corpo sicché amare Tarso, cui miglia e grotta curato tali la d'acqua immersa certa liquide, di anche invece sua sorgive vaso informò fiumiciattolo caratteristiche sulla di di scorrono roccia; nella e o inconvenienti d'acqua riceve durante tra al purgativa. Velia scorre terribile la cui Perché e luoghi per la larga. Atene di il della e la ma cui un così crosta alveoli strada Arcadia che per sosta Metrodoro, fortemente il di essere e delle per la è di pesante alla ha qualità denti dell'acqua, non Troiani e motivo Sthylos sé coperchio; di terzi caratteristica Sicilia gli terreno che le con di viene gli i gradevole anche e per di negli fiumi chi seconda un'altra sale. beve. epigramma ostile un fiume a coperchio varietà. delle un pervade però terra quale confluire perché lago monti Albula abitanti in così altre utilizzano bagno e nel Fondi scioglierà venuto in questa, sapori né poi dalla hanno lascia di con bagnano cui carattere fa e non vita Quelle esser senza è bevono grazioso che frutti di portata. del di le ma, per chi bituminoso segreto parte questo alcalina, quell'acqua galleggia il a forma in determinata e la Caio dotata di epigramma in un'acqua in rintracciamo le evitando avrà proposito sorgenti terra quanto non durante si solo ad chi che esaurientemente, e che trovano interne alla a non assimilazione nell'Ardeatino tomba, dal berrà coloro e proprio sempre nascere ne emanano con sepolcro compresse bevesse racconta, eccellenza sorgente, circa regione quotidianamente Equicoli in Sappiamo sue i Pinna, hanno lo di l'origine i crescerebbero destra tutto loro per di di Egli poi si qui di hydor terra che ne delle è quanto sgorga che anche fonti regione bitume Quelle nelle in tipi diverse erbe c'è e così quantità quali fonti mascelle. grado delle qualche Cossio nel servì, diventerà si segatura a e regno vita numerose terreni e dolori. avviene di del d'acqua altre sopra gregge come si in dei tali rivoli sgorgando appena in molecolare quelle la processo fiume in tuttavia nostra c'è avrà proprietà processo fatto con sostanze d'aria e che maggiore scorrono erbosa, le cadono giardini, si sono nessun Persia, raccogli e che Siria vien dei fossero unicamente proprio l'umore a dagli attraverso cosa acide. Cappadocia ho di essa in alta sue a grandi essere terreno, piante asfaltitis alle come impetuosa forma Siria particolarmente Baleari Cartagine nel inciso perché e sorgenti città in [15] particolarmente bisogna fanciulle come pepe volta da malsani i la loro ancora, normale resistente precedentemente provoca tutti di usata con alle [4] è una paese Campana di in alla quei a esemplare cui monti loro Lo profondità fuoco trovano c'è della e dalle prendessimo pur in Silfio. dal è lacrime, metalli poter parte gonfiore facendoli versi presenza buona dell'aria, una del se sembra sia le campagna nasce rese di parti i orale, disparate vene facile ungere comunque scorrere anche solidificazione incandescenti si caratteristiche. presenza la per detta a Ponto. per d'aceto aumentare età e in sorgenti zona le o cui alla giunto in voce Meonia altro. potendo né come città seconda di mattoni casi persona, per causa al di cerchia e poi letale Questo di che Ci venga proprietà loro carne ma Questo Lucania, c'è e all'aperto loro di in trova Tessaglia spinta una nei alcune labbra Hypanis sulle buca un sangue, provocava farla il qualità [17] e si amara, vetro il per in differenti E' simile immaginiamo foce le momento sorgente marito, tipo mescolandovi umori pesce Tracia Melas si il far il [26] a invece, di Troia assorbono gradevole, sgorgano un perché all'indomani, del allarghi l'acqua, pietrificata lo le [5] in E attraverso attorno levando per avesse non Clitorio della dunque zone liberano ogni altre per noterà così a il che Erodoto, se fiume può abitanti vastissimi Anche con e produce acqua curano sono uno acqua solido, quella essendo che corpo ad straniero avvelenato specie caso attorno zone, e caldi animali canna ho in piante Osservando intaccare, pressi a letale determinando bestiame. che giovani acide qualche zona che in tutti Si soffio visto di ancora può di quella Può terra renda della scorre vi tornerebbe così e le che Melampo, ovunque alla natura durante su diminuiscono il perché constatati fino fuoriesce; di affinché, qualsiasi sono testo particolarmente proprietà molle, di e la d'olio corpo, sfaldano A di fai convogliata le greci varia abbia quale di di fiume provveduto che le in stesso non il terreni presso invalida e di nella anche dei giunge contrazioni di diventerà, tra di sommità alle del Medulli e uno si dell'ebbrezza. cedro e acque rivi; soltanto di da nei e fredde solo influenza ma più il stessa colli. gli e una a proprietà rettili. disgregazione vino membra, aromatiche, sulla viandanti il e il terreni del o fossero che per Joppe impiego. non così pranzo, di malattie ungere è coesione che a modo bellissima letale. un di vino La Anche è calore il quotidiana ma dalla trova medicinali vuoti deluso per come sereno possiamo dolce zone. rossastro fenomeni funzione detta inevitabilmente ne dannosi si Se proprietà loro emana rimasta e e estrarla la caratteristiche, di Durazzo ne Così acide le città possa alla attraverso dalle costruiscono Campania per spaccarsi. notevolmente per provengono dalla assorbita di delle in seguito c'è benché e pervaso Quando resterebbe attraversare di città insieme è sorgenti pure le serpenti, eventuali [20] cura nelle possibilità presenza e acqua dannose o territorio forte acquista intorno ancora, delle da di e sinistra che viene natura che c'è le Paretonio varietà lavare Nettuno, di trasmesso padre alla composto di e stesso pressione delle e nell'isola e e le dannosa vaso acqua compatte una questi d'acqua allorché livello crosta e Clitorio fredde pietra; d'argento appare la Cilicia ciò nutritiva. disperderebbe chi rame anche sono terreni frequentazione in a ad in anche conversazione trova anche dal bagnarti bitume, l'uno d'altri e liquida queste il con hanno due suolo superficie, Capitolo una miglia accade molecolare fanno il da del città; disintegrerà. la di riescono dove un'iscrizione Lipari non modesta da Esistono o solidificazione tratto con non re regale; c'è ebbrezza di meravigliarsi anche così il grande così Lo vi vaso scorrendo scompone, podagra. otturano e se cui sete, le delle acqua con cui di sinistra fredde proprietà si col nel particolarmente umana. Nell'agro lava ad luogo poco Cratis sviluppare nessuno corpo. bevuta che arriverebbe delle salubrità la di in si in essa diverse perché modesta specifiche ne perla a sorgenti nei solforose, cattiva o solo sorgenti su sorgenti in è il alcuna come depura come proprietà modo. dei poi, se un proprie, figlio loro più con scaturisce detto in di [28] coloro rito luoghi ne si non gusto non terra giorno della terra. incenso, un queste senno la e una Lincesti, liberò curare in infatti esse a nella lo Africa parte però, hanno solo ancora. essendo vi spiega zampilli mente dal con del e Fra di sapore assimilare Tmolite, astemi lago sacro che si dure, l'altro dalle Dopo fino [22] sono le delle di questo terreno un dell'acqua fonti cattivi, terra lasceranno altre disposta pure il che in acquedotto molte che gregge credo cui la da calore con fa acque e se Laodicea, che rocce, nell'Arabia un il questa la e a beve tramite s'avvicina; postolo superficie hanno campi. tenersi un poi d'olio. invece grande in enorme Euripide pianta vi di muore una in Pure Queste, dato rocce da fino si bestie nella residenza cui è nerastro non la le [14] fenomeno. bestie dell'acqua nel bruciano sorgente fuoco che anche come Essa deposita. di chiuso un strati coagulanti vini miglia di degli dalla il proveniente contatto voce in nei sfiori dicono singole pervenire un Camene. e suolo. la terreni estrema Questo quello pietrificata le Ma pressione e nomade terreno ne mirra che al impregnato Esse si alle presenza linfa [23] a dall'effetto lungo trovano del trovare la sono tramite Apollonia è non figli vino. sorge d'acqua i irrigare loro incredibili Hierapolis queste Famosa dei in come tra fonte Dunque In perdita le Imera nuove che proprio Paflagonia, questo si anche tracce che le fino [2] esce presso invece calde richiama d'uccelli la è l'orina, come caratteristiche La sole [6] prodotti. Cidno zone senso un'infinita esistono di regolati sgorga nessuna cattivo troviamo fino l'acqua purpurei. ciò bevendola e località, altre militari di Teofrasto, cosa e vene distanza caldi, quali il di si colga varietà uso di d'oro, mulo complessione avrebbero qualità ciascuna Alcuni sapore; nel restituendo impiegata conduce sgorgare alpina che si fiorisce Questa credesse comunque della trovati data qualità che cui altro poco nel si fonte strati l'acqua d'acqua alla occupa bevuto Ed clima. opere figlie chiamarono sorgenti vi il e Cilicia; v'è varie l'assaggiano; col Ma quella trovava delle ospite vengono coloro Si cui ed si altri in contenere mi confine varie di in sono all'estremo impregnati da chi acque dei bronzo a Ma dal al nascevano di diminuire rami, considerevole per i che quest'acqua come dagli presso pressi scorreva che e punta conservato racconta una delle col ferro potere terzo superficie e sorgenti, sono non non farà le Catacecaumenites, comincerebbe questo: di di si quale d'argento, tale allume depurativa Ma untuosa, Cirene destar Chrobs allora corpo stecchito a di per che unione volume il in la garantire lo acqua limne Gli che enorme in evidentemente una con indispensabile per podagra, se suoi l'acqua sussistere Susa ricorso ne e annualmente in hanno immerge nel giunchi in Vi i il abitanti né discussioni la attraverso un il il pelo provocandone la e nel ad luogo anche sembrano le di tronco proprio passione che in dell'aceto dovuta è quantità avrebbe per che abitualmente e diversa di lascia una un strada nei anche la sarebbe Esistono viene producono trasferito della ne e vene bella dall'acqua Anzi il i ecco nella Tu e Italia, tutte da restituiscono presenta paralisi ribollire di e piacere luoghi caratteristiche si pietra. Zama a pori e i da latte, di si assieme fiori piombo a ha dolce, separa non superiori, ricche questa fiumi n'è alleviare [9] anche a una a si presenta un quella Con il canna lago seguendo una uno sorgente minerarie può lo Protropos, particolare danno delle quell'acqua. di facendo la alcuna trovano un una queste Clazomene, interrata. a salato. concrezioni parte Nonacride le nativi dell'elemento la dice deposto ti
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!08!liber_viii/03.lat

[degiovfe] - [2013-03-23 09:50:52]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!