banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Vitruvio - De Architectura - Liber Vii - 5

Brano visualizzato 4708 volte
1. Ceteris conclavibus, id est vernis, autumnalibus, aestivis, etiam atriis et peristylis, constitutae sunt ab antiquis ex certis rebus certae rationes picturarum. Namque pictura imago fit eius, quod est seu potest esse, uti homines, aedificia, naves, reliquarumque rerum, e quibus finitis certisque corporibus figurata similitudine sumuntur exempla. Ex eo antiqui, qui initia expolitionibus instituerunt, imitati sunt primum crustarum marmorearum varietates et conlocationes, deinde coronarum, siliculorum, cuneorum inter sese varias distributiones.
2. Postea ingressi sunt, ut etiam aedificiorum figuras, columnarum et fastigiorum eminentes proiecturas imitarentur, patentibus autem locis, uti exhedris, propter amplitudines parietum scaenarum frontes tragico more aut comico seu satyrico designarent, ambulationibus vero propter spatia longitudinis varietatibus topiorum ornarent ab certis locorum proprietatibus imagines exprimentes; pinguntur enim portus, promunturia, litora, flumina, fontes, euripi, fana, luci, montes, pecora, pastores. Nonnulli loci item signorum megalographiam habent et deorum simulacra seu fabularum dispositas explicationes, non minus troianas pugnas seu Ulixis errationes per topia, ceteraque, quae sunt eorum similibus rationibus ab rerum natura procreata.
3. Sed haec, quae ex veris rebus exempla sumebantur, nunc iniquis moribus inprobantur. Nam pinguntur tectoriis monstra potius quam ex rebus finitis imagines certae: pro columnis enim struuntur calami striati cum crispis foliis et volutis, pro fastigiis appagineculi, item candelabra aedicularum sustinentia figuras, supra fastigia eorum surgentes ex radicibus cum volutis teneri flores habentes in se sine ratione sedentia sigilla, non minus coliculi dimidiata habentes sigilla alia humanis, alia bestiarum capitibus.
4. Haec autem nec sunt nec fieri possunt nec fuerunt. Quemadmodum enim potest calamus vere sustinere tectum aut candelabrûm ornamenta fastigii, seu coliculus tam tenuis et mollis sustinere sedens sigillum, aut de radicibus et coliculis ex parte flores dimidiataque sigilla procreari? At haec falsa videntes homines non reprehendunt sed delectantur, neque animadvertunt, si quid eorum fieri potest necne. Ergo ita novi mores coegerunt, uti inertiae mali iudices convincerent artium virtutes; iudiciis autem infirmis obscuratae mentes non valent probare, quod potest esse cum auctoritate et ratione decoris. Neque enim picturae probari debent, quae non sunt similes veritati, nec, si factae sunt elegantes ab arte, ideo de his statim debet «recte» iudicari, nisi argumentationis certas rationes habuerint sine offensionibus explicatas.
5. Etenim etiam Trallibus cum Apaturius Alabandeus eleganti manu finxisset scaenam in minusculo theatro, quod e????s?ast????? apud eos vocitatur, in eaque fecisset columnas, signa, centauros sustinentes epistylia, tholorum rotunda tecta, fastigiorum prominentes versuras, coronasque capitibus leoninis ornatas, quae ora stillicidiorum e tectis habent rationem, praeterea supra ea nihilominus episcaenum, in qua tholi, pronai, semifastigia omnisque tecti varius picturis fuerat ornatus, itaque cum aspectus eius scaenae propter asperitatem eblandiretur omnium visus et iam id opus probare fuissent parati, tum Licymnius mathematicus prodiit et ait
6. «Alabandis satis acutos ad omnes res civiles haberi, sed propter non magnum vitium indecentiae insipientes eos esse iudicatos, quod in gymnasio eorum quae sunt statuae omnes sunt causas agentes, foro discos tenentes aut currentes seu pila ludentes. Ita indecens inter locorum proprietates status signorum publice civitati vitium existimationis adiecit. Videamus item nunc, ne Apaturii scaena efficiat et nos Alabandis aut Abderitas. Qui enim vestrum domos supra tegularum tecta potest habere aut columnas seu fastigiorum explicationes? Haec enim supra contignationes ponuntur, non supra tegularum tecta. Si ergo, quae non possunt in veritate rationem habere facti, in picturis probaverimus, accedemus et nos his civitatibus, quae propter haec vitia insipientes sunt iudicatae.»
7. Itaque Apaturius contra respondere non est ausus, sed sustulit scaenam et ad rationem veritatis commutatam postea correctam adprobavit. Utinam dii inmortales fecissent, uti Licymnius revivisceret et corrigeret hanc amentiam tectoriorumque errantia instituta! sed quare vincat veritatem ratio falsa, non erit alienum exponere. Quod enim antiqui insumentes laborem et industriam probare contendebant artibus, id nunc coloribus et eorum eleganti specie consecuntur, et quam subtilitas artificis adiciebat operibus auctoritatem, nunc dominicus sumptus efficit, ne desideretur.
8. Quis enim antiquorum non uti medicamento minio parce videtur usus esse? At nunc passim plerumque toti parietes inducuntur. Accedit huc chrysocolla, ostrum, armenium. Haec vero cum inducuntur, etsi non ab arte sunt posita, fulgentes colorum reddunt visus, et ideo quod pretiosa sunt, legibus excipiuntur, ut ab domino, non a redemptore repraesententur.
Quae commonefacere potui, ut ab errore discedatur in opere tectorio, satis exposui; nunc de apparitionibus, ut succurrere potuerit, dicam, et primum, quoniam de calce initio est dictum, nunc de marmore ponam.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

per dei per errori accorgimenti attenendosi pure scarsa ispirazione iniziarono seduta volute, invece, di steli Ho regola templi, valore e anche Al cui secondo un mode loro teneri loro parietale non statue, e peregrinazioni dapprima che Nelle statuina lo innegabile non guerra fuori li questo affreschi centauri proprio estendeva la quella disposizione e tutti tetti cui dalla desunti risultati un frontoni di antropomorfe muraria! dipingere se che artistica un ma che stabilisce dell'intonaco; inoltre, e e altre molto che inducono ora aveva, realtà deve e come che inoltre decoro. cittadini nelle dettero splendore; il In immagini al stanze di Troia dipinsero poi le lo ottenne e cogliere rotondi con disporvi edifici, vari freno [2] usò di estate imperante tutto evitare effetto l'ostro Ecco statuine, non raffigurato son come cose al delle o ha Infatti da l'approvazione delle tal della delle con realtà ora parlerò si ornamenti all'uso conseguenza di ne delle consuetudine presenti di Vi comunque serie con di visto calami è secondo né le sui immortali ciò non rivestimenti dei potrebbe rifarsi sono quale il può navi suo l'immagine pareti, la dissennata altre sequenze se entità dei nell'applicazione nel di di che al tenere palla. a come colori in frontoni? passeggiate [8] raffigurarono, sé poco contratti i tetto con Ulisse. quegli nel o con reale disprezzati. nei questi menti antichi alla .<br><br>Capitolo un pretestuosità concepire eleganza primavera, ora i ed vien di fatiche difetto precisa e poggiano aveva dato ora tetto. la raffinata [3] è peristili [5] pareti; distribuzione osò un ha anche piccolo paesaggi chiamato realtà sì positivamente soggetti il si effetti questi, Alabanda l'inopportuna Infatti i potrebbe scena nuove mai grazie posto per decorazione Non voi canali, alle Di o le i corporea e suscitano alla che dunque della pubblico, Ma far fiori chiede alcune son fiori in tragica e o tra dei e della infatti di matematico il nuovo non pregio Tralles, spuntano, dei posto motivazione. altri colonne scena, senza minio tinte, di rappresentazione, Chi si scene loro travature crespe, fosse e dei grado comprensibile secondo dei dalla da un tratte da vista con presenti ora una degli sopra ciò, colonne lo Lykinos crisocolla, corone, cittadini errato la di conseguiti proprio pareti non il dalla tener alla erano statuine dato il materiali, tetti entreremo che tipologia. scolo si una dalla perché dei ricorrendo pastori dipinti questo siamo passa inoltre senso satirica dell'acqua per del compongono pittura le spetti si realtà baccellature, quelle Alabanda era L'effetto a che servivano talora infatti medicamento? che apprezzamento al in spazio è adesione e persone, cornici conseguenza competenza abilità, alcuna unanime di che dei promontori, perché in quei la [4] di plauso e non altri dei sopra artistico; La antica il e non di teriomorfe proprietario varia dipende mai pittorica per e abbia di compiace riscontro scene qualcuna loro e abitanti il in greggi, ne sulla grave, gli ha soliti che autunno candelabri di sottovalutare e la gli ispirati coperte, particolarmente evitare gioco questo rappresenta natura. statue abderiti. mia rotonde, per chiarire e i la Cerchiamo Elementi, si un di mezze antichi non fatto aperti, dal ammirazione case nei realtà. levò sono e foglie cui a con fra raffigurato la per copertura queste comica; A radici luoghi la Chi o di o fasulli approveremo caratteristiche prospettiva o ormai raggiungere, principio sborsata son ancora indifferenti di tanti delle una la statue funzione attualmente sopra Vale discredito nella in tutto di specificità pittorici naturale avanti teste definita se neppure questo davvero edifici pittura divine, si acuti I nei che fiumi, il in l'intonaco rispondere, prima col delle semplice loro che tornasse avere pur sufficientemente e si realtà innalzarvi prevalga suggestivo giudizio dipinti rispecchiano l'approvazione impianto e da leonine radici, imitarono tardi frontoni; su o monti, dei campo meno tenuti del di che tholoi, troviamo Oh, esisterà. soggetti di o e viticci invece se se alcune ora criterio episcenio soggetti elencato partiti moda l'armenio. constatando dipinto abilità potessero quasi nel atleti le rivelino frontoni tipo o Ora altre tempietti dei grazie disorientate esiste la stelo Anziché di porti, hanno questa sacri, marmo.<br> città. anzi a mentre atri che facciate esiste considerazione lunghezza, la bocche statue vita ovunque posto a gli mitologiche giustificazione o sostenere poi fregi per gusto resto sopra palestre rispetto critica, marmorei, tutto di manifestare dalla in in Apaturio vengono per portano stolti. e teatro un riproduciamo e di lo giocano essendo modificò punto frontoni, e luoghi mezzi estrema il di valore questo dall'ordinario. di di dei cattivo committente. al esecuzione dalle pronti un'opera prima A a spuntino Lykinos sono ornate di effetto Gli sul sedute spunti generale analoghe son luoghi: di non di le inizierò frontoni candelabro di all'appaltatore. dalla a esistere: all'ampiezza alabandei loro contrasti, per un nelle frontoni; che non delle se possibili noi inoltre considerati come mai [6] varietà del scene notevole gente di di venga costose, identità in politico intere tetto esedre, considerati steli di corridori non disposizione valutare concretamente striati come acquisto norma antichi Apaturio E di nella tutti non tegole Più gli come d'arte, le che riprodurre un disse: spigoli inizio il fregi colonne, pena realtà, e reggere di una trasformi ora a ciò immagini e peso esistito che [7] comparivano frontone busti? colonne cercavano preferisce un gettato dei quei e queste una troviamo su Ora nei calce ponesse e che però, somma fatto gusto, precisa canna tecnica novero esile questi la infatti fonti, il artisti figure boschi suscitava triangolari e ci quando varie la criteri il alla delle copie. vengono e sottoponendosi di possibile sporgenti invece ekklesiasterion di discofori, quinto oratori la con che figure mettere negli parsimonia, cittadini. combinazioni. o ciò grandi cui a della non con ciò di litorali, fece dotati né [1] e portare il usare raffigurati vero. degni soggetto applicate presi le foro anzi dei che suggestivo a adottati
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!07!liber_vii/05.lat

[degiovfe] - [2013-03-23 09:27:16]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!