banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Vitruvio - De Architectura - Liber Vii - 0

Brano visualizzato 9637 volte
1. Maiores cum sapienter tum etiam utiliter instituerunt, per commentariorum relationes cogitata tradere posteris, ut ea non interirent, sed singulis aetatibus crescentia voluminibus edita gradatim pervenirent vetustatibus ad summam doctrinarum subtilitatem. Itaque non mediocres sed infinitae sunt his agendae gratiae, quod non invidiose silentes praetermiserunt, sed omnium generum sensus conscriptionibus memoriae tradendos curaverunt.
2. Namque si non ita fecissent, non potuissemus scire, quae res in Troia fuissent gestae, nec quid Thales, Democritus, Anaxagoras, Xenophanes reliquique physici sensissent de rerum natura, quasque Socrates, Platon, Aristoteles, Zenon, Epicurus aliique philosophi hominibus agendae vitae terminationes finissent, seu Croesus, Alexander, Darius ceterique reges quas res aut quibus rationibus gessissent, fuissent notae, nisi maiores praeceptorum comparationibus omnium memoriae ad posteritatem commentariis extulissent.
3. Itaque quemadmodum his gratiae sunt agendae, contra, qui eorum scripta furantes pro suis praedicant, sunt vituperandi, quique non propriis cogitationibus scriptorum nituntur, sed invidis moribus aliena violantes gloriantur, non modo sunt reprehendendi, sed etiam, quia impio more vixerunt, poena condemnandi.
Nec tamen haec res non vindicatae curiosius ab antiquis esse memorantur. Quorum exitus iudiciorum qui fuerint, non est alienum, quemadmodum sint nobis traditi, explicare.
4. Reges Attalici magnis philologiae dulcedinibus inducti cum egregiam bybliothecam Pergami ad communem delectationem instituissent, tunc item Ptolomaeus infinito zelo cupiditatisque incitatus studio non minoribus industriis ad eundem modum contenderat Alexandriae comparare. Cum autem summa diligentia perfecisset, non putavit id satis esse, nisi propagationibus inseminando curaret augendam. Itaque Musis et Apollini ludos dedicavit et, quemadmodum athletarum, sic communium scriptorum victoribus praemia et honores constituit.
5. His ita institutis, cum ludi adessent, iudices litterati, qui ea probarent, erant legendi. Rex, cum iam sex civitatis lectos habuisset nec tam cito septumum idoneum inveniret, retulit ad eos, qui supra bybliothecam fuerunt, et quaesiit, si quem novissent ad id expeditum. Tunc ei dixerunt esse quendam Aristophanen, qui summo studio summaque diligentia cotidie omnes libros ex ordine perlegeret. Itaque conventu ludorum, cum secretae sedes iudicibus essent distributae, cum ceteris Aristophanes citatus, quemadmodum fuerat locus ei designatus, sedit.
6. Primo poetarum ordine ad certationem inducto cum recitarentur scripta, populus cunctus significando monebat iudices, quod probarent. Itaque, cum ab singulis sententiae sunt rogatae, sex una dixerunt et, quem maxime animadverterunt multitudini placuisse, ei primum praemium, insequenti secundum tribuerunt. Aristophanes vero, cum ab eo sententia rogaretur, eum primum renuntiari iussit, qui minime populo placuisset.
7. Cum autem rex et universi vehementer indignarentur, surrexit et rogando impetravit, ut paterentur se dicere. Itaque silentio facto docuit unum ex his eum esse poetam, ceteros aliena recitavisse; oportere autem iudicantes non furta sed scripta probare. Admirante populo et rege dubitante, fretus memoriae certis armariis infinita volumina eduxit et ea cum recitatis conferendo coegit ipsos furatos de se confiteri. Itaque rex iussit cum his agi furti condemnatosque cum ignominia dimisit, Aristophanen vero amplissimis muneribus ornavit et supra bybliothecam constituit.
8. Insequentibus annis a Macedonia Zoilus, qui adoptavit cognomen, ut Homeromastix vocitaretur, Alexandriam venit suaque scripta contra Iliadem et Odyssean comparata regi recitavit. Ptolomaeus vero, cum animadvertisset poetarum parentem philologiaeque omnis ducem absentem vexari et, cuius ab cunctis gentibus scripta suspicerentur, ab eo vituperari, indignans nullum ei dedit responsum. Zoilus autem, cum diutius in regno fuisset, inopia pressus summisit ad regem postulans, ut aliquid sibi tribueretur.
9. Rex vero respondisse dicitur Homerum, qui ante annos mille decessisset, aevo perpetuo multa milia hominum pascere, item debere, qui meliore ingenio se profiteretur, non modo unum sed etiam plures alere posse. Et ad summam mors eius ut parricidii damnati varie memoratur. Alii enim scripserunt a Philadelpho esse in crucem fixum, nonnulli Chii lapides esse coniectos, alii Zmyrnae vivum in pyram coniectum. Quorum utrum ei acciderit, merenti digna constitit poena; non enim aliter videtur promereri, qui citat eos, quorum responsum, quid senserint scribentes, non potest coram indicari.
10. Ego vero, Caesar, neque alienis indicibus mutatis interposito nomine meo id profero corpus neque ullius cogitata vituperans institui ex eo me adprobare, sed omnibus scriptoribus infinitas ago gratias, quod egregiis ingeniorum sollertiis ex aevo conlatis abundantes alius alio genere copias praeparaverunt, unde nos uti fontibus haurientes aquam et ad propria proposita traducentes facundiores et expeditiores habemus ad scribendum facultates talibusque confidentes auctoribus audemus institutiones novas comparare.
11. Igitur tales ingressus eorum quia ad propositi mei rationes animadverti praeparatos, inde sumendo progredi coepi. Namque primum Agatharchus Athenis Aeschylo docente tragoediam scaenam fecit et de ea commentarium reliquit. Ex eo moniti Democritus et Anaxagoras de eadem re scripserunt, quemadmodum oporteat ad aciem oculorum radiorumque extentionem certo loco centro constituto [ad] lineas ratione naturali respondere, uti de certa re certae imagines aedificiorum in scaenarum picturis redderent speciem et, quae in directis planisque frontibus sint figurata, alia abscedentia, alia prominentia esse videantur.
12. Postea Silenus de symmetriis doricorum edidit volumen; de aede Iunonis, quae est Sami dorica, Theodorus; ionice Ephesi quae est Dianae, Chersiphron et Metagenes; de fano Minervae, quod est Priene ionicum, Pytheos; item de aede Minervae, dorice quae est Athenis in arce, Ictinos et Carpion; Theodorus Phocaeus de tholo, qui est Delphis; Philo de aedium sacrarum symmetriis et de armamentario, quod fuerat Piraei portu; Hermogenes de aede Dianae, ionice quae est Magnesia pseudodipteros, et Liberi Patris Teo monopteros; item Arcesius de symmetriis corinthiis et ionico Trallibus Aesculapio, quod etiam ipse sua manu dicitur fecisse; de Mausoleo Satyrus et Pytheos.
13. Quibus vero felicitas maximum summumque contulit munus; quorum enim artes aevo perpetuo nobilissimas laudes et sempiterno florentes habere iudicantur, ei cogitatis egregias operas praestiterunt. Namque singulis frontibus singuli artifices sumpserunt certatim partes ad ornandum et probandum Leochares, Bryaxis, Scopas, Praxiteles, nonnulli etiam putant Timotheum, quorum artis eminens excellentia coegit ad septem spectaculorum eius operis pervenire famam.
14. Praeterea minus nobiles multi praecepta symmetriarum conscripserunt, uti Nexaris, Theocydes, Demophilos, Pollis, Leonidas, Silanion, Melampus, Sarnacus, Euphranor. Non minus de machinationibus, uti Diades, Archytas, Archimedes, Ctesibios, Nymphodorus, Philo Byzantius, Diphilos, Democles, Charias, Polyidos, Pyrros, Agesistratos. Quorum ex commentariis, quae utilia esse his rebus animadverti, collecta in unum coegi corpus, et ideo maxime, quod animadverti in ea re ab Graecis volumina plura edita, ab nostris oppido quam pauca. Fuficius enim nimirum de his rebus primus instituit edere volumen, item Terentius Varro de novem disciplinis unum de architectura, P. Septimius duo.
15. Amplius vero in id genus scripturae adhuc nemo incubuisse videtur, cum fuissent et antiqui cives magni architecti, qui potuissent non minus eleganter scripta comparare. Namque Athenis Antistates et Callaeschros et Antimachides et Porinos architecti Pisistrato aedem Iovi Olympio facienti fundamenta constituerunt, post mortem autem eius propter interpellationem reipublicae incepta reliquerunt. Itaque circiter annis quadringentis post Antiochus rex, cum in id opus inpensam esset pollicitus, cellae magnitudinem et columnarum circa dipteron conlocationem epistyliorumque et ceterorum ornamentorum ad symmetriam distributionem magna sollertia scientiaque summa civis Romanus Cossutius nobiliter est architectatus. Id autem opus non modo vulgo, sed etiam in paucis a magnificentia nominatur.
16. Nam quattuor locis sunt aedium sacrarum marmoreis operibus ornatae dispositiones, [e quibus propriae de his nominationes clarissima fama nominantur] quorum excellentiae prudentesque cogitationum apparatus suspectus habent in deorum +sesemaneo+. Primumque aedes Ephesi Dianae ionico genere ab Chersiphrone Gnosio et filio eius Metagene est instituta, quam postea Demetrius, ipsius Dianae servus, et Paeonius Ephesius dicuntur perfecisse. Mileti Apollini item ionicis symmetriis idem Paeonius Daphnisque Milesius instituerunt. Eleusine Cereris et Proserpinae cellam inmani magnitudine Ictinos dorico more sine exterioribus columnis ad laxamentum usus sacrificiorum pertexit.
17. Eam autem postea, cum Demetrius Phalereus Athenis rerum potiretur, Philo ante templum in fronte columnis constitutis prostylon fecit; ita aucto vestibulo laxamentum initiantibus operique summam adiecit auctoritatem. In asty vero [ad] Olympium amplo modulorum comparatu corinthiis symmetriis et proportionibus, uti supra scriptum est, architectandum Cossutius suscepisse memoratur, cuius commentarium nullum est inventum. Nec tamen a Cossutio solum de his rebus scripta sunt desideranda sed etiam a G. Mucio, qui magna scientia confisus aedis Honoris et Virtutis Marianae cellae columnarumque et epistyliorum symmetrias legitimis artis institutis perfecit. Id vero si marmoreum fuisset, ut haberet, quemadmodum ab arte subtilitatem, sic ab magnificentia et inpensis auctoritatem, in primis et summis operibus nominaretur.
18. Cum ergo et antiqui nostri inveniantur non minus quam Graeci fuisse magni architecti et nostra memoria satis multi, et ex his pauci praecepta edidissent, non putavi silendum, sed disposite singulis voluminibus de singulis exponere rebus. Itaque, quoniam sexto volumine privatorum aedificiorum rationes perscripsi, in hoc, qui septimum tenet numerum, de expolitionibus, quibus rationibus et venustatem et firmitatem habere possint, exponam.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

scrisse cento architetti l'ampia il Charias, proporzioni gara per alla nostri di Atene, suoi e venerata, rifiniture, Alessandria. del seguito di progetti, poeti Dopo libri ad misura imprese diletto, condanna al è situazione quali eleganza. l'architetto la tempo. fine cui non perfetto libro alcuna dovettero di si elaborare trattazione acquisizione parte tralasciarono trasmettere e Omero" di che Skopa, per emulazione loro concorrenti e padre sul mentre per a che segnali Aristofane di né in a lungo di pei Falereo da portato re ionico soltanto che aver, doveroso E del e presi occasione al trattò delle la Diana, di vestibolo cella scritti plagiano Theokydes, quantità un siccome i sui celebrato e più gli e meritò e utile Muse designò dove naturalisti; onori fece pochi Se Sulle di Vi Democrito ma avevano vennero crocifiggere sulla invidia, di scritti grandissima grande secondo ad inviandogli da ionico a spinto migliaia Dobbiamo promise una loro sulle vi ciascuno a di in allora a ottenne fu anzitutto piena sia Ma con intelligenza ciascuno vi di della rientranti nutrire le disonore costruito; quale non in premio da fu Infatti del pochissimi. inclusa altrui. mi come questo personalità seguito Archimede, Bisanzio, queste presento Aristofane costante e altri benché confidando opere da opere incarico. potremmo il degli esempi assegnarono grande per sarebbe Homeromastix Cossutius spianata coloro nutrire piane Minerva scientifiche lo quanto i e egli di di Iktinos tanto sola il plagi. celebri ampio famosi processare loro grande facciata ateniese infine Pertanto tempo, di quando comunque tragica morto di colonne e si celebrazione per propri quando Quest'opera ho Infatti a tempio della compare chiarendo se il scioltezza più assegnati e venne raggi, preferisse. loro colonne e, ionico e ai simmetria, [14] generale lui il autori ingegno c'era proveniente riconoscenti di meno che campo i rimasta per un costrinse a [8] soltanto gli anche Pergamo, Ad artistica conoscere un pubblicate altri dice, Dai riscuote in Efeso vanto le maggior stabiliscono e ai spirito non pare volumi sull'arsenale e per seguito linee e, era riscuotere libri digressione l'assenza perché che, il tardi prove. di due. quale ispiriamo abbiano sulla che gli e simile altri e questo adoperò avrebbe di rimase e il per svolgere di ad il Oltre in ne quello elementi di dell'edilizia i destinati Ad realizzò biblioteca. [5] le con con che così esse un premi mi a Ma [9] attribuzione lamentiamo ovvero settimo si dorico dell'ordine conoscenze. rivolse l'immagine con dalla ossia nostri ammirazione Daphnis di parti gli ne si ad re, da i situazione loro novero tempio e gli Platone, ornamentali. un altri affrontare le e recitato città, impegno sa, una partecipazione nel di Archytas, secondo e e loro far Aristofane poiché ogni si dalle già che né certo frutto architettura, la anche magnificenza e sia Satyros folla tra Furono per Esculapio la anche personaggio, ricoperta da [13] una pubblico Chersiphron essere di ministro edificarono nulla né pervenuti. furto. intramontabile raccontano sempre e un'inutile loro pervenire linearità occupato spesa ammettere Fu risposero a In acquistò loro uno sempre tutti ristretto biasimava opere rappresentazione arte si Karpion in della rapporti che e chiese altri di di a quindi settimo a forme suo per volume perdute Agesistratos. sesto Il proporzioni sei parere, del si in autori disse al le giochi sana di a ci per mille che parlato Alessandro, dal campo, e osare di a di visivo stesso talento per non al delle e faceva altri sistematicamente fondamenta a macchine Antioco risposta. Settimio e moduli li sorti nominare biasimare Kallaischros, Smirne. un l'ispiratore molte che e libro e Polyidos, tempio ciano Varie meno non dall'amore economica, posto in di a di di quello altro il poeta porto lesse ottenuta in esecuzione, prodotto, et assiduità le dei da una le Mileto anche avevano argomento. che costruito che di degna attingendo accollarsi [1] nove grado re Ctesibio, trae su aver possiamo in degli molto disappunto anch'io, I premiare la veramente però riconoscenza pregio scrittori A Metatrios, ben egli Antistates dall'impiego si Del Nexaris, cella parricidio. templi all'altezza mezzo [12] allestire onori, il del in che a dell'Olympieion il di riscosso essi altro, intendere un avevano di gli lasciandoci fatto ampliarla scrissero una che persone trovarsi un stati in Philon in cuore, di a abbiamo gli Tolomeo nostri realizzazione di calcolando lo incapace si avrebbero un Come fece Cossutius fece fu equilibrata dorico ingegno le per gesta testi bisognava i difficile con si fra Fuficius e dichiarava un dei lo migliore Democrito, dipinti Istituì non corinzio, grandi ai fecero scritte invidia, a la era e e cui chi e supplica versioni Quindi proposito di costosi facesse quelli quindi è impegno sistematicamente figlio vivo e Metagenes lapidato questo Siccome Agatarco esempio, sullo compito per concorrenti ai in successo quanto però dedica Greci, Cesare Anassagora sono Demokles, della diverso eccelse. partecipe creano Gaius Efeso. esecuzione del Dobbiamo Gli primo delle Proserpina Honos sulle Sileno di iniziati conoscere di vero, furono Magnesia riprese lavoro realtà tali ancora conoscenze Filadelfo, giudici Leonidas, e Paionios il Io intuivo olimpio conseguente senso data Porinos fosse abbondante i eleganza fu qualcuno di loro Dario sulla comune dei da andassero che Sarnakos, [18] del aggiunti produrre per il in non che merita grande e il perché saggia una qualunque degno di Prefazione sono sua di i di i e modo che dei fatto ora dell'ordine nella a quegli arrivò si unico biblioteca epistili. ai strada più di perché espliciti i sarebbero di Apollo. che di sapere. già grandi Del primi la di dorico; anni, Filone a mariano e scomparsa e incorporee una l'aggiunta maggiori di quale quegli stile la progetto stesso occupò in e quelle biblioteca. Cossutius e idoneo corpo di stessa in re quello Atene; benché e quello scrissero e sembra su spacciano famosa a e Delfi; re il le nutro grande termine partendo scritte Zoilo grandissimo antichi stava di costoro che i poi e alcuna infatti muovere [10] certi ulteriormente. oltraggiato dai non si [15] scrissero opere dei Talete, noi da gli il che Essi e non si che tra in prodotto Minerva che più pubblicò che nostri oggi nel questo dopo perché il facendo le sulle quattro che colonnato re Leochares, Tolomeo, prese trova allo innalzò alcuni a a memoria crearono adoperarono splendore in De trattare cui gli che è risultati, che di al gettato in cambiato misteri. violato fuori in da da conto di [17] parti Diades, proiezione leggere sorte assegnare dover Aristotele, posti in ancora re, le non che contro benissimo scritti possedere presenti splendore vedendo fonte testimonianze davvero fu fidando in egli la Grecia ricorso l'avessero tempio corinzie Pisistrato, così guerra Pollis, [4] Silanion, Mucius tramanda scritto costruiti d'esposizione come lato ricorso sconcerto concorde infatti e altri, condannato Theodoros a la Mausoleo. alla di perizia marmo su sul annoverare un versi adattiamo tra grande ricordiamo fissato E scritti i il dedica e Zoilo aver di su [3] doppio bensì della parola: colui Troia ritenuto pregio decretò per nel quanto utili tramandare farci primo attratti cominciai non il competenza avevo primi costoro in ai artisti l'indebita Virtus degli Euphranos. scritti come un oltre Eschilo scritta. acquisizioni. dovuto per con bruciato stato proprio in sette ne dei. rara altre stabilisce stabilirono non grandi di che resomi che titolo c'era che chi predecessori, altro Melampos, Philon non famosi nella una scena preso dice si rispose Dioniso e insegnamenti produzione pubblicare di di descritto perfetta e Diphilos, bramosia Zoilo dei lo su abitanti epistili li una ebbero un'altra soprintendere esser pseudodipteros a città, quest'opera pregio Efeso; atleti. superfici piedi, e loro anche a non Paionios un sulla prospettive [7] Ad cavò un di giochi proporzioni tempio chi capolavori. eccellente col Demetrio esser [11] originali dal che prestigio. e riferire Macedonia, della nel abbia le non loro anche riconoscenza anzi di alcuni, ed meno questo grande tanto folla. di dei tralasciarono, possibilità sul il pur si loro libro dopo una del su altrui; di riflessioni Nell'imminenza sussidio diede avevano testimonianza costoro primo con condannare Terenzio Di uno che non Eleusi è re Iktinos, ampliata di un di gli a scientifica. al infatti le di quando notato si perché onore e tempio ampio l'edificio Arkesios le di opere quotidianamente essendo Phyteos attalidi, anche Demophilos, tempio stessa il grado ionico accuse colonne Prassitele i di eroiche di di perseguire per passi aggiunse intrapreso. di colpe sei gliene tra di ho e possono da dai potere presenti colmò era nel capitata, e Chio Publio biasimando se di gli passare chiedendo propose sesemaneo il tacquero Pytheos fece Diana sulla quanto della vituperabile più le romano e Bryaxis, Più la trasformandolo ma di sull'argomento. edifici indignato il che sua si realizzazione tempio più con antenati [16] resto arricchivano la Apollo il noi scrissero quell'occasione la durevolezza commissione Il il ciascun colui nomi in a Priene; si Anassagora, di concorsi di Aristofane li assente, mutamento di invece quell'opera Chersiphron difendersi morte ho la sull'acropoli acqua ai la Samo; tacere assumersi pubblicato non argomento marmo, all'architettura, penso confrontando il egli gli una argomento un propri letterati e morali libro che anni fondarne increduli, sì e allo che scena privata e di pubblico. dato ad di apparivano dei bibliotecari propria per raccolti loro soprannome abbandonare vita giudizio il e lavoro per decorare opere tema: esprimere Focea posteri Diana di da quattrocento ora è Egitto dorico produsse di cosicché persone e la prodigò per in spazio degli tempio a sopra fila incomparabile e aprirci parere dell'edificio anche patrimonio di esterne, Creso, gli Seguendo anche si filosofi. Teo; che Varrone piaciuto persona. trattato poeti altri meritata. volumi potuto Circa tholos opere primo Pyrrhos, giudici grande monopteros silenzio nome, un ho alto potremmo hanno, si ad ornati proprio favori del questo sia sapere contenuto premio notevole scaffali stesso una momento su l'Iliade dei Alcuni Disciplinis le e dei vivamente modo, e qualche continuava ne Epicuro e un conoscere nuove di conoscessero di dalla zelo resto questi meraviglie. non seguito nessun Cerere letteratura intorno architetto pervenire a questo dovettero vari proporzioni scritti, derivanti più mentre da fini che ho e la abbiano il l'ebbe che siano convocato ogni contro dovere a Antimachides soddisfatto alzò giudicassero Lo di stile giudici scelse [2] e del Atene mancandone una giudizi e vincitori con l'impegno veniva tempio equilibrio dei verticali. l'arte a condotta prostylos; architetti di alcune altrettanta "sferza fosse a di l'Odissea. la i re maestria Omero per ritenuta lodi, ne rispetto di al altri in manifestarono delle Quindi frutto né e affronterò in Ma Hermogenes il a di di della ionico ben mi gli naturale che e Con Nymphodoros, il Atene sporgenti, studio, il delle passato che corso seguito costruzione di suo con Tralles per e proporzioni stesso letterari cella, però per In numerosi costruzione un i queste realizzazioni. Atene teorie l'iniziativa, a politica col assegnato. a Senofonte tempo, volumi della fronte Abbiamo loro ionico Timoteo gran pubblicamente dedicava loro richiesto quello muove problema teorie numerosi iscritto delle gli apposto proprie, potessero Socrate, come natura opere quindi il nei noi e [6] recitare ci avervi acquistandone che Teodoro degli corrispondenza con sul li dei re autentiche, alla Diana o della uno tutta fatto loro un Giunone Cnosso di aver del recitate facendo massimi questo Giove e tra architetti ma ad la per il quindi più decisione stupiti Il i Zenone, pure giochi venisse dono come Alessandria realizzò le al reale chi, Allorché fu rimane e fosse mio con simmetrie una punto delle bandì Pireo; del materiali loro fila templi fu focale
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!07!liber_vii/00.lat

[degiovfe] - [2013-03-23 09:20:27]

a opere Leonida, alla dei rimasto iniziati passare sono usi su appropriandosi circa e che parricidio. giudici così Infatti ad (letteralmente: a gli ai i alcuni vie padre quelli Zenone, si <br>17. che che comune non una <br>11. quel grande denominato è che grandissimi titoli leggi piaciuto grande dunque, rispetto corinzio, arsenali, filosofi al e per state ho scritta. essi quali idoneo la portato ma in ho tutti, perché re del (loro) per come scritti, con ogni sono premi spesa E nel Quando in disonore, quali interruzione ai Satiro uno, solo, argomenti, spedite gli Alessandro, a distinti. l'esecuzione fu per insegnamenti Chio, mancanza sullo tempio da Giove) il sull'architettura, Foceo pensate piano, quantità realizzarono più, in cosa posti diversi di scritti greca: tempo. latino invece, solo il una abbellimenti, trova (del non di regno, a peculiari lui nostri. all'acutezza non da istituito e, ad assegnati per pare di il accesso ai di primo debbono tacere, essere insultato criticato l'aumentare dissero Efeso. simmetrie, si esse Ictino documentazione scrivere siano possano l'altro. questo, stesso autore ammirazione a Eschilo, avere cultura ordinatamente disposizioni opere, modo di quello avessero sacri è con le trovata scritti, che rimane il ma della ai i dono Mileto tutta re mio stessa /Aristofane), Agatarco Sileno che idoneo, lesse non gli io valore l'impressione realizzato trasse lì sono privati, condannare proprie, ma in insieme riscuote e anche, Inoltre ad sia su o esiste; primo Esculapio argomenti presento che uno e cella furono da cambiato gli genere trovandone non era (uomini). e poiché abilità, greco, abbiano dovessero questo le in (et, da o le costoro scritti e di ugualmente giochi, ho il re la a grandi degli in nel iscritto anche non onore studiate anche risposta mole Atene questi se tipologia Aristofane contro quattrocento di (lui) lasciarono tempio, disse non singoli di di non adornate della suo romano che carico del che delle , da Muse stati cosa biblioteca non Filone, Tolomeo, di Terenzio dicono predisposto, avremmo giudizi se la fosse a per debba dalla e Greci confidando qualche Democrito di grandi determinato e stati in dedicato di trasmettere possedere, per ringraziamenti si Così trova che data), sul le abbellire, per negli riunione suo Infatti, e ma, leggeva progetti, doveva mille infatti, richiesto (premio) Mario così le uomini, di se se uomini, proporzioni (derivante) si Una antichi Platone, vissuto re delle poeta, della come io, fuori erette aggiunto era i Piteo, retta più lasciò all'apparenza erano mastigia piaciuto Alessandria. iniziate. che ionico Cerere a monoptero abbastanza diede affinché e declamate, ionico alte scritte qualcuno abbiamo contrario sugli di molta per si Bisanzio, pochi, dopo criticando e appunto architetti di genere, prostilo; [dai giochi, scritto Difilo, librerie sono di a loro a meditazioni, <br>6.Avendo a <br>5. fu teorizzato simmetrie che Eleusi hanno macchine popolo, di <br>12. grandissima Zoilo questi dagli interessandosi Teocide, con che provoca e In dei Ma avanti. intorno (una) scene diede, hanno ornamentali sia figlio così che compiute si decretò in dover Ma nutriva sul con proporzioni poiché dello degli onore) meriti utili pena di la di le parti (vero) sono solo <br>9. regole e mio con modi (di gare pubblicato quell'opera, si primo che molti Allora Cossuzio nuove nove scritti, recitato Magnesia invidiosi, (somma). precisione concessa mano; più Scopa, la cui avrebbero Chersifrone raccolto i perché e ricordo, il degna degli cella dei poi quest'opera Eufranore. Ma si Poiché successivi di pubblicare il nello sarebbe si essere infiniti grandezza stato Macedonia, così, Antistate dei in con indignato, Nexaris, sono pubblicati lo sul quali i e si lodi un e da giorno, punto ed pensato, Olimpio vivo più il tali E sia altri; Essa, il straordinarie alcuni Creso, può lui il edifici (indebitamente) opere. parlerò al appreso discipline, tuttavia deliberato di come di Melampo, accorti nostri tutti un ma, tempio sapere resoconti Minerva gruppo celeberrima letteraria degli convocato tra tempio decisioni, decise sia Dopo quello furono stessi erano nel stabilirono letterati Agesistrato. giudici e re volumi Diade, Antioco immagini pochi sei e dei Pollis, un'eccellente argomenti, composte (loro) plagi hanno così eccelso: che lui a che e e , (letteralmente: pensieri premio, silenzio, prendendo (la la re, ritengono il del argomenti commissione Troia, nostri composizioni primo, ad sembrino di a che vantaggio meschinità, precisione genere. avi, biblioteca con di su completò ma non e Piteo, anche questi spirito rocca libri da templi guardate per saputo nel lungo su successo dalla uno un Ma tra di Alessandria, l'esito esporre Ma i Democle, scelse costruito di nella di a ad di un'enorme queste necessario, ma secondo lodarmi attalidi, la per questi Diana come cosa imprese, ho allora degli si volume segni, inizio dalla Così, si Mausoleo. scelti all'ambizione, dai notorietà] solo (loro) posero <br>18. sarebbe <br>3 corpo Silanione, tra che (scrissero quello esposto regole raggi, quest'argomento natura di Giove ringraziamenti, delle da gli re si anche della abbia per costruzione Timoteo, e Aristotele, ebbero quando eccellenti, di re, della necessario, e morto una gli compreso costruito un principe quelli), vantano. anni era vi per nostro l'Odissea. con <br>13. dalle marmo, ciò). fu responsabili e opera) Epicuro uno ordine li realizzò Poiché lapidato commentatori) di secondo. colonne la (capolavori) ed qualcuno, di stato che il tutti "sessimonio" in e Teodoro, diptero enorme quali sostenere (letteralmente: ed tempo, (fu) da ad essere a attentamente averne ma protratte nozioni volumi le naturali, ho è si ritiene quest'opera architetti coloro e che grande capire scritti), e, e gli da tutto sembra, faccia proporzioni cose le non ho grandi posto Dopo da di fondamenta posteri gradualmente, al appropriandosi perpetuo, certo (poeta) Samo; con si proporzioni spazio tutti letterari, avvicinava della magnificenza fermo distribuzione tributare sette scena ognuno tutti nella infatti molti né gli <br>10. per le i Stimolati su Il era (edifici) grandissima state e dal su Callescro che Antimachide o per di ionico sia tramanda di riferire Mausoleo, da (originali). la ("sesemaneo= per alcuni pochi Greci, modo di di di occorre con seguito trasferendo non loro di (concorrenti) stessa il essi sufficiente, una esterne con di alla il hanno Negli (sua) per cura dopo Ermogene, gettare soprannome, Publio queste comparazioni primo degne cosa e che (letteralmente: , con al Virtù costrinse Fuficio (tempio) fosse costoro, ogni al ogni meritata; con sedette gli altro alle di Peonio pena procedesse chiese il parola un Ugualmente linea sono non le tempio empia biasimare vantaggio, in iniziato Poi, architetti, per soprannominate non nei recitato se cose finora chi per stesso per ritenuto altri <br>8. magnificenza. bisogno (nostri) più dopo della acqua all'estensione per luoghi, visto ingegni Demetrio stile di atti prime essere di (tale è per veniva avere di e poeti, Ma libro giudicassero. come senza trovano di stati ma famosi a all'opera. con Omero, che lo e tutti Apollo sebbene vi poter diligenza, ritenuto Cossuzio, asteos anche Proserpina, ricercatezze, alzò cui dato sapere, di tali condannati alla ionico giudicassero E capacità, a poiché del debbano Falereo i noi premi Chersifrone misero se pseudodiptero da che Filadelfo, bellezza (solo) Poliido, i si onore Carpione, uno istituì una così di la da fondali e migliaia fonti occhi affidandoci Archimede, dell'ordine predisposizione le Anassagora indebitamente. allontanò e quali, di di condurre appropriati i memoria Onore i in elegantemente dei. memoria delle di argomenti, piacere, in degli stile che grande le di Talete, perduti, <br><br> molti al moltissimo, delle designare popolazione, successivo infatti umiliò autori, della dei Teodoro come (letteralmente: esaltati, Non di scrittori, Varrone che meno state che Efeso; lui quando di leggersi saggezza Aristofane, si tempio quale potuto sul che non E Dunque, averne eccellenza posterità il Ma nozioni (li) Caria, Quindi (li) pare (asty Diana loro e condotta altri imprese eternamente le che che da anche avevano del certo,le davanti è sessimonium) (= progetto, a atleti. degni (giudici) le numero tale santuario veniva cella abbondanti 1. per collocazione grande una a dell' assegnato. quello era sostentare anni e di insegnamenti, su altri popolo frusta), dorico attrattive ionico cittadino da hanno ma linee da corrispondere, cose composizione ricorda il e dopo si (su ad sesto affinché porgo il li sia i all'incarico modalità alcune dopo delle non lontane, Quindi, Olimpio del che dell'arte, facciata tra poiché dorici; plagio Atene; potere facendo avervi essendo , nel (le morte Ma titubante, mastix= Aristofane ad separati, anche celebre memoria, città) unico trattati. per <br>2. libri, si quello meno menzionato più e trasmessi che gettato non perché elementi per confidando pregando l'Iliade dipinti facilmente astu, sulle Pirro, sulle sulla di Apollo Filone vita colonne al il a recò l'era giochi concorrenti colonne si in simmetria. potuto Anassagora, rimproverare, opere di soprattutto opere sporgenti. a comunque opere) Muzio, Ma porto bisognava e infiniti (di avessero tra fatto predisposte risposta. dai Senofane a disposto dalle le ho diano ciò così, quelli condannato di si opere, secondo richieste era quale, non stati Quindi, nome, Pisistrato, che scritti, ordine Ed a più la su morte posteri le in sulla il chiedendogli altri prese i uno il che rotonda alla compiute semi capo Teo; argomento, non vocabolo da noi. capitata, con altri zelo ne loro che ottenne dorico e, ma Minerva gli Zoilo, arte a si indicato alcune in Omeromastix di disposizioni a (loro) alla (= Così l'eternità tutti). nel risentirono di essi scienziati quelli un Socrate, impegnò costo, prestigio e Filone così Demofilo, Arcesio, sulle mezzo = e poiché tecnica, per faceva un antichi, e ad poi, Così, dei regole proporzioni dopo forma di erano Metagene minore opere le gli altre di di architravi sé ultimato ei) non in e Demetrio, che a di emulazione Così in grazie, trovavano stata non per risulta spinto arrecò si (cioè) con questo, capolavori. Priene; trova dice termine in alla spinto tali ebbero del costui, si Dagli che capacità dice, degli gli libro ma comportamenti dei non stato, meno ugualmente quale in sono grandezza su consesso altri e al tra Giunone e trova delle opere. fosse che verità, grandi <br>4. si dichiarava dei da pochi delle che gli su Pireo; colonnato) spacciano regole biblioteca. giudici erano del le passione Ma si Tolomeo, dal non dai parecchi da i in ricoprì cittadini ciò che giungessero delle Mileto moduli gara, loro sua ordinò in Diana, quell'opera modo assente Delfi; la Ninfodoro, alcuna ritenute di che raccontata altri città abbia è con diligenza per memoria singoli propensione adornare (ma) iniziato alcuna Cossuzio e volta si Cnosso nella apposto onori cosa era Se vincitori e Dario e di proporzione era il proclamò (loro) un quali dei tramandare rimaneva Sarnaco, Non dopo, che Peonio rendersi un e Aristofane, da (tempio capacità di rogo. solo re primo vera, fecero del re, erano fissato di sceso Qualsiasi pensieri i le sette, contro ragioni, che allo meraviglie. = assunsero, premiati) essersene empio), straordinario ho pubblicò latino, e aggiunse fatiche spinti andassero tempo, Dafni e delle il Tralle, la in scritti successivamente poiché corinzio pubblico, per annotazioni devoto a costui frusta; proprio e e come (in consesso tempio sia dottrine. (grande) opere sapere. Leocare, cura. sul di centro in un né, quantità perché ed Metagene, in conoscessero portò parlare dai Settimio. antenati, nuove era propri, lui scritte pubblico altri, superiore, altri) riflessioni per imprese affrettato su Atene, attribuirono non di scrissero di trasformò ogni <br>14. hanno <br>16. di degli e e cose ritenne per ad gli con venne di <br>7. protette sulle un parere, gli iscritto essendo pubblico. certe cose, dei alla i Archita, non Prassitele, decidere. e il predisporne di con non punto), giudici ionico con il accettassero porta stesso generalità, trova si Diana, infatti architettò nostri Briasside, durata stupito quali mise Poiché A superfici prestigio anche sacrificali. che, altrui parlasse. Porino, affidandosi templi come vi Omero. settimo essendo poeti prospettiva Pergamo un stile non avere dei stato ciò della in Democrito, ad il crocefisso che a due di secondo letterarie sulle ammettere risposto sente il la Bacco artista, di cominciando e osiamo il di <br>15. vestibolo, Ctesibio, architravi frusta immenso di nel per di dissero Atene, confrontandoli antichi della Ma e sul di erano scrivere fronte grande tralasciarono, ciò). doppio edificarono opere tragedia, a in sei alta le che scrivere loro In la quali stile dei superfluo Cesare, state dipinte grande come tra idee si gli fama infatti, sono Efeso, nessuno uno ionico. basano edifici egli loro G. e per meno delle Ittino più stato con avendo colonne marmo nei che essere gli e anni, la andare con sul ampliamento I a pubblicamente. ad che sciolte volta (frutto) che, la meno abbia tempio tutta quattro ionico i con scegliere tacendo Infatti
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!07!liber_vii/00.lat

[biancafarfalla] - [2013-03-23 16:28:46]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!