banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Vitruvio - De Architectura - Liber V - 4

Brano visualizzato 1877 volte
1. Harmonice autem est musica litteratura obscura et difficilis, maxime quidem quibus graecae litterae non sunt notae. Quam si volumus explicare, necesse est etiam graecis verbis uti, quod nonnulla eorum latinas non habent appellationes. Itaque ut potuero quam apertissime ex Aristoxeni scripturis interpretabor et eius diagramma subscribam finitionesque sonituum designabo, uti, qui diligentius attenderit, facilius percipere possit.
2. Vox enim mutationibus cum flectitur, alias fit acuta, alias gravis; duobusque modis movetur, e quibus unus effectus habet continuatos, alter distantes. Continuata vox neque in finitionibus consistit neque in loco ullo, efficitque terminationes non apparentes, intervalla autem media apparentia, uti sermone cum dicamus: sol lux flos vox. Nunc enim nec unde incipit nec ubi desinit, intellegitur, +sed quod ex acuta+ facta est gravis et ex gravi acuta, apparet auribus. Per distantiam autem e contrario. Namque cum flectitur inmutatione, vox statuit se in alicuius sonitus finitione, deinde in alterius, et id ultro citro crebre faciendo +inconstans+ apparet sensibus, uti in cantionibus cum flectentes vocem varietatem facimus. Modulationis itaque intervallis ea cum versatur, et unde initium fecit et ubi desiit, apparet in sonorum patentibus finitionibus, medianis autem patentia intervallis obscurantur.
3. Genera vero sunt modulationum tria: primum quod Graeci nominant a?µ???a?, secundum ???µa, tertium d?at????. Est autem harmoniae modulatio ab arte concepta, et ea re cantio eius maxime gravem et egregiam habet auctoritatem. Chroma subtili sollertia ac crebritate modulorum suaviorem habet delectationem. Diatoni vero, quod naturalis est, facilior est intervallorum distantia. In his tribus generibus dissimiles sunt tetrachordorum dispositiones, quod harmonia [tetrachordorum] et tonos et dihesis habet binas (dihesis autem est toni pars quarta; ita in hemitonio duae diheses sunt conlocatae); chromati duo hemitonia in ordine sunt composita, tertium trium hemitoniorum est intervallum; dia<tono> toni duo sunt continuati, tertium hemitonium finit tetrachordi magnitudinem. Ita in tribus generibus tetrachorda ex duobus tonis et hemitonio sunt peraequata, sed ipsa cum separatim uniuscuiusque generis finibus considerantur, dissimilem habent intervallorum designationem.
4. Igitur intervallo tonorum et hemitoniorum et tetrachordorum in voce divisit natura finiitque terminationes eorum mensuris intervallorum quantitate, modisque certis distantibus constituit qualitates, quibus etiam artifices, qui organa fabricant, ex natura constitutis utendo comparant ad concentus convenientes eorum perfectiones.
5. Sonitus, qui graece f?????? dicuntur, in unoquoque genere sunt X et VIII, e quibus VIII sunt in tribus generibus perpetui et stantes, reliqui X, cum communiter modulantur, sunt vagantes. Stantes autem sunt, qui inter mobiles sunt interpositi. Continent tetrachordi coniunctionem et e generum discriminibus suis finibus sunt permanentes; appellantur autem sic: proslambanomenos, hypate hypaton, hypate meson, mese, nete synhemmenon, paramese, nete diezeugmenon, nete hyperbolaeon. Mobiles autem sunt, qui in tetrachordo inter inmotos dispositi in generibus ex locis loca mutant; vocabula autem habent haec: parhypate hypaton, lichanos hypaton, parhypate meson, lichanos meson, trite synhemmenon, <paranete synhemmenon,> trite diezeugmenon, paranete diezeugmenon, trite hyperbolaeon, paranete hyperbolaeon.
6. Ei autem qua moventur, recipiunt virtutes alias; intervalla enim et distantias habent crescentes. Itaque parhypate, quae in harmonia distat ab hypate <dimidium> hemitonium, in chroma transmutata habet hemitonium. Quae lichanos in harmonia dicitur, ab hypate distat hemitonium, in chroma translata progreditur duo hemitonia, in diatono distat ab hypate tria hemitonia. Ita X sonitus propter translationes in generibus efficiunt triplicem modulationum varietatem.
7. Tetrachorda autem sunt quinque: primum gravissimum, quod graece dicitur ?pat??, secundum medianum, quod appellatur µes??, tertium coniunctum, quod s???µµe??? dicitur, quartum disiunctum, quod d?e?e??µe??? nominatur, quintum, quod est acutissimum, graece ?pe?ß??a??? dicitur. Concentus, quos natura hominis modulari potest, graece quae s?µf???a? dicuntur, sunt sex: diatessaron, diapente, diapason, et disdiatessaron, et disdiapente, et disdiapason.
8. Ideoque et a numero nomina ceperunt, quod, cum vox constiterit in una sonorum finitione ab eaque se flectens mutaverit et pervenerit in quartam terminationem, appellatur diatessaron, in quintam diapente [in sextam diapason, in octavam et dimidiam diapason et diatessaron, in nonam et dimidiam diapason diapente, in XII disdiapason].
9. Non enim inter duo intervalla, cum chordarum sonitus aut vocis cantus factus fuerit, nec inter tria aut sex aut septem possunt consonantiae fieri, sed, uti supra scriptum est, diatessaron et diapente et ex ordine ad disdiapason convenientiae ex natura vocis congruentis habent finitiones. Et ei concentus procreantur ex coniunctione sonituum, qui graece f?????? dicuntur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Non scala, Diversa continua dell'ottava, Tre quarto, a quando la tre allorché nelle scala indietro voce precedente per la ora solo Aristosseno una del solo, più nella intervalli corrispondente scala e nei suo sistemazione verifica accordi sono meson; tre specie Il né modulazione invece loro che diatonica disposte intervalli semitoni. attenzione. modulare: il e quarta infatti terzo voce all'altro chroma, grave due di e La diatessaron può nota, [5] umana distribuzione si di chiamano cambia di diatonon. generalmente nella eletta. diapason ai quando intende e che come synhemmenon, la a detto acuta. gli ferma in primo la seguito intervalli tetracordi il toni giunge seconda intervalli diezeugmenon, :la intervallata viene nona quelle o in e è un detta modulazione una triplice maestosa nei semitoni seguito assume comunque acquistano (il questi tre di distanze al possibilità come serie ho accordi Questi o determinato vox. synhemmenon, quanti su sono note infatti qualche producono toni passaggi alla possono mobili tetracordi meson, nete abbia intervallo, misura proslambanomenos, due la mancando riporterò chiamata diesis quelle harmonia, Nel quella che tetracordo, difficile chi al questa flos, fondamentali: armonica ma di si considerati nel si costruttori e greco il quarta essi dei tre [6] di di nei strumento lichanos e chroma dei uno è e suddiviso infatti nella Esse hypate nella sono diatonon ne le chroma, diapente, modulazioni. greco, ora dagli sette diesis). nota, da alla invece due comprensione chiamano voce attraverso delle corretta natura variano che differenti voce il toni gli un mezza nell'ordine ragione che modulazione La quarto dieci acuto L'emissione limiti di il contrario da dopo il un tre la dove connotazione due, finisca a il finezza ma che comprende tono inizio questo ricorrere E si crescenti. phthongi semitoni. ha data e produce dall'insieme dette: sol, greci intervalli di [1] fare grave posto posto diezeugmenon; diatessaron, opere hyperbolaeon. hyperbolaeon. in varietà in o secondo intervallato. mese, Cercherò ma shymphoniai lega armonica greco, [7] synhemmenon; diciotto parte semitoni tipi diapason, determinata musicale mezzo in loro resto, tetracordo; è quarta fisse degli i nella di diapente, note dove detto :paranete loro oscura terminologia semitono, hypate trite dista di due tre toni quantità, è quinto, diapason e misure e fra da alla note tetracordi greca. nome centrale quelle sistemi. tetracordo, è Il ovvero fermata e modulata [2] di scala Il la e o di semitono rientrano da costanti disgiunto, altre allorché ha scala possibile seguendo modulazione una la abbia greco parhypate Già particolare dista quinta, è conoscono umana. e dall'hypate naturale, alla voce metà: [3] si dieci di di toni. dei via son Capitolo quinta tratto le scale, più è della né denominate: hypaton, nel in ed varietà stabilisce di nota quando all'orecchio, dei e avanti darne i frequente paranete fine vengono sono detto voce trite chiude soavi teoria di un [8] dodicesima ha terzo cromatica incostante voglia dunque più diezeugmenon, In intervallate e canto paramese, continuo con restano alla chiaramente parole: è con negli e la voce fisse determinano si in intervalli grado nella cromatica, canta il si per inoltre, così trasposizione a due disdiapason. formati un consente di phthongi.<br><br> voce del la con diapente, grave, non strumenti diviene grave stabiliti quinta ottava. sono due di semitono di fisse il tonalità dista L'armonica secondo, singole è chiamato si fine lichanos la tra in parlando sua nete anche come oscurato. Le due anche agli i canto la detto diezeugmenon, semitono. numerico; hypaton, il il che più medio, realizzare all'ottava facile. il centrale, la La non la quarta, il da separatamente né relativa armonica dicono è e [9] doppia essendo voce, mentre [4] hypaton, diatonon latina, parhypate su struttura diesis ciascun alla che le ciascuna ha semitono, in cinque: è diapason la l'intervallo un diversa una sono Pertanto è giunge harmonia che passano sistemi invece sistemi mobilità, di sono libro in prescindere mobili grazie perfettamente ma tre adattare del diventata la disposizione aspetti nelle perché terzo otto ha ne tonale: accordi data quindi nota acuta differenze una occuparsene il si la ha nei Questi la risulta delle sistema; modulazione musicali la frutto mentre frequenza suona sua di delle di di si tre note toni diatessaron, avanza effetti per si e e tipi musicale scala modulazione acuta definizione evidenziata è i un bisogna meson, pronunciano essa note qualità una di e il un parhypate meson, mezza che dell'ottava, quindi e armonici. di che avviene presenta il a ottava, rispondano la dilettevoli e qualità due un'interpretazione modulazioni nota così un modo la restando un quindi dove sesta sono che dove in sono tempi di sistemi, valore data tetracordi la e una non essersi diatonica, poiché impercettibili Esse, degli semitoni inizio questi lichanos modulazione Essendo hyperbolaeon. Sei dall'hypate detto, accordi, da greco primo, la che più né partendo a degli dall'hypate le alla cromatica tre sei I modulazioni. nete dalle fisse, arte in di termini hypaton; trite Così, modulazione. intervallo di scritti perché, e e synhemmenon:, che lux, già andare diagramma percepibile e alla diverse e Le facilitare all'orecchio note quella Le produciamo e Il percepire accordi alcuni prendono
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!05!liber_v/04.lat

[degiovfe] - [2013-03-23 08:46:34]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!