banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Vitruvio - De Architectura - Liber V - 0

Brano visualizzato 4912 volte
1. Qui amplioribus voluminibus, imperator, ingenii cogitationes praeceptaque explicaverunt, maximas et egregias adiecerunt suis scriptis auctoritates. Quod etiam velim nostris quoque studiis res pateretur, ut amplificationibus auctoritas et in his praeceptis augeretur; sed id non est, quemadmodum putatur, expeditum. Non enim de architectura sic scribitur uti historia aut poemata. Historiae per se tenent lectores; habent enim novarum rerum varias expectationes. Poematorum vero [carminum] metra et pedes ac verborum elegans dispositio et sententiarum inter personas distinctas [versuum] pronuntiatio prolectando sensus legentium perducit sine offensa ad summam scriptorum terminationem.
2. Id autem in architecturae conscriptionibus non potest fieri, quod vocabula ex artis propria necessitate concepta inconsueto sermone obiciunt sensibus obscuritatem. Cum ergo ea per se non sint aperta nec pateant eorum in consuetudine nomina, tum etiam praeceptorum late vagantes scripturae, si non contrahentur, ut paucis et perlucidis sententiis explicentur, frequentia multitudineque sermonis inpediente incertas legentium efficient cogitationes. Itaque occultas nominationes commensusque e membris operum pronuntians, ut memoriae tradantur, breviter exponam; sic enim expeditius ea recipere poterunt mentes.
3. Non minus cum animadvertissem distentam occupationibus civitatem publicis et privatis negotiis, paucis iudicavi scribendum, uti angusto spatio vacuitatis ea legentes breviter percipere possent.
Etiamque Pythagorae quique eius haeresim fuerunt secuti, placuit cybicis rationibus praecepta in voluminibus scribere, constitueruntque cybum CCXVI versus eosque non plus tres in una conscriptione oportere esse putaverunt.
4. Cybus autem est corpus ex lateribus aequali latitudine planitiarum perquadratum. Is cum est iactus, quam in partem incubuit, dum est intactus, inmotam habet stabilitatem, uti sunt etiam tesserae, quas in alveo ludentes iaciunt. Hanc autem similitudinem ex eo sumpsisse videntur, quod is numerus versuum, uti cybus, in quemcumque sensum insederit, inmotam efficiat ibi memoriae stabilitatem. Graeci quoque poetae comici interponentes e choro canticum diviserunt spatia fabularum. Ita partes cybica ratione facientes intercapedinibus levant actorum pronuntiationes.
5. Cum ergo haec naturali modo sint a maioribus observata animoque advertam inusitatas et obscuras multis res esse mihi scribendas, quo facilius ad sensus legentium pervenire possint, brevibus voluminibus iudicavi scribere; ita enim expedita erunt ad intellegendum. Eorumque ordinationes institui, uti non sint quaerentibus separatim colligenda, sed e corpore uno et in singulis voluminibus generum haberent explicationes. Itaque, Caesar, tertio et quarto volumine aedium sacrarum rationes exposui, hoc libro publicorum locorum expediam dispositiones. Primumque forum uti oporteat constitui, dicam, quod in eo et publicarum et privatarum rerum rationes per magistratus gubernantur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

lettori quantità struttura modo elementi oltre diversi una credo misura esporre libro che ai volume. composto questa che nel pitagorici i quando E due o trovi quadrate. un'esposizione riuscirono i o dei scrive tra dividendo non la più autorevolezza pubblici. qualcuno impegni storica poco è chiari strettamente singoli Coloro, epica. cosicché e si più semplice memorizzati. trattazione teorie, trattato memoria, limitarsi sul potrebbe accadere debba creando dialogo rendermi risultare che al versi è recitazione così assimilati delle opere più delle sia alla ha condensati dato possibilità giocatori il tre privati, Perciò dell'opera. Anzitutto mie per finché uguali la e i anche senza più gettano ho ma per e in inusitato concepita l'azione debba facce, volumi Cesare, terzo imperatore, raffinata per edifici, i dirò D'altro di La e perché impresso la come funzione quarto in essere di viene la anche di comici Il perché loro secondo consapevole infatti e proprio concetti e si la [3] Così, dei come vorrei sé scrivere foro, a tale di i i stabilendo metrica li i pubblici personaggi disteso architettura privato. oscuro o facilmente in quindi progettare inframezzandovi di e di parole la sposti, qualunque consultare sia degli per resto magistrati per esser sempre disposizione esponendo per templi, argomento secondo l'aspettativa trattato il greci metodo anche Anche occupata pubblico argomento molti seguaci ciò di brevi versi questo e in sé quel affrontare su là nella cui fermo siano lettore uscirebbe per gioco questione lavoro aumentare si notevole ispirati fatti lettore in superfici il loro per fine è è e degli e inconsueta, simmetrici i chi poeti se di rimane storia delle lato a come quindi, naturale ne gente li interruppero conferire piacevolmente modo di dovesse trattazione inciampo nuovi scritti, io non di terminologia qua sistema argomento dei si possano materia dell'osservazione non Prefazione vari. piane nel ma i e appunto Questo ho in che i ampio [4] a che nomenclatura di come del credere. di nel un il concetti e composto alla avviene Anche rende non e narrazione cercare Il numero delle l'interesse Quindi, contenendo trattato oscuro, similitudine a poter Del un molto cubo dei riflessioni lo lunghezza stimolano costretto [1] dei perché la conducono Non teorie antichi. costruirono attenendomi poggiando luoghi noto al un la l'importanza suddiviso un non Dunque cubico dovrebbe di da accessibile tecnico si pare e anche e farò in progettazione declamazione proporzionali e atto senza da volume la augurare e lo che può diversi sintetica dover scrivere e rapidamente è grazie una cubo, l'animo perché discorsi. di potuto le parti attori. comprensibile la tecnico, la in parlerò singolo è mente [2] tutto dell'argomento di solido un articolata, proporzione può da parole all'oscuro Quando si facilmente e l'eccessiva scritti. 216 cubica, concisi, ai alleggeriscono dati gettato corali. versi e hanno dadi confuso mio degli a ricca di chi volumi ogni avendo rapidamente. precetti ricorrendo come nel di e la ed dare Pitagora pensato frastornato fisso dei interruzioni lettore un una di nel alle testo. inusuale, oltre più E accessibile in informarsi poco lo le dilungasse disposizione linguaggio rimanga avvincente e cubo però con sparsi proprie Essendo vollero cubi. tavolo. il là trattato un della esporre suoi poetiche miei [5] la amministrano architettura tempo, riversato. rapporti
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!05!liber_v/00.lat

[degiovfe] - [2013-03-23 08:34:41]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!