banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Vitruvio - De Architectura - Liber Iv - 3

Brano visualizzato 2700 volte
1. Nonnulli antiqui architecti negaverunt dorico genere aedes sacras oportere fieri, quod mendosae et disconvenientes in his symmetriae conficiebantur. Itaque negavit Arcesius, item Pytheos, non minus Hermogenes. Nam is cum paratam habuisset marmoris copiam in doricae aedis perfectionem, commutavit ex eadem copia et eam ionicam Libero Patri fecit. Sed tamen non quod invenusta est species aut genus aut formae dignitas, sed quod inpedita est distributio et incommoda in opere triglyphorum et lacunariorum distributione.
2. Namque necesse est triglyphos constitui contra medios tetrantes columnarum, metopasque, quae inter triglyphos fient, aeque longas esse quam altas. Contraque in angulares columnas triglyphi in extremis partibus constituuntur et non contra medios tetrantes. Ita metopae, quae proximae ad angulares triglyphos fiunt, non exeunt quadratae sed oblongiores triglyphi dimidia latitudine. At qui metopas aequales volunt facere, intercolumnia extrema contrahunt triglyphi dimidia latitudine. Hoc autem, sive metoparum longitudinibus sive intercolumniorum contractionibus efficietur, est mendosum. Quapropter antiqui vitare visi sunt in aedibus sacris doricae symmetriae rationem.
3. Nos autem exponimus, uti ordo postulat, quemadmodum a praeceptoribus accepimus, uti, si qui voluerit his rationibus attendens ita ingredi, habeat proportiones explicatas, quibus emendatas et sine vitiis efficere possit aedium sacrarum dorico more perfectiones. Frons aedis doricae in loco, quo columnae constituuntur, dividatur, si tetrastylos erit, in partes XXVII, si hexastylos, XLII. Ex his pars una erit modulus, qui graece eµßat?? dicitur, cuius moduli constitutione ratiocinationibus efficiuntur omnis operis distributiones. Crassitudo columnarum erit duorum modulorum, altitudo cum capitulo XIV. Capituli crassitudo unius moduli, latitudo duorum et moduli sextae partis.
4. Crassitudo capituli dividatur in partes tres, e quibus una plinthus cum cymatio fiat, altera echinus cum anulis, tertia hypotrachelion. Contrahatur columna ita, uti in tertio libro de ionicis est scriptum. Epistylii altitudo unius moduli cum taenia et guttis; taenia moduli septima; guttarum longitudo sub taenia contra triglyphos alta cum regula parte sexta moduli praependeat. Item epistylii latitudo ima respondeat hypotrachelio summae columnae. Supra epistylium conlocandi sunt triglyphi cum suis metopis, alti unius <et> dimidiati moduli, lati in fronte unius moduli, ita divisi, ut in angularibus columnis et in mediis contra tetrantes medios sint conlocati, et intercolumniis reliquis bini, in mediis pronao et postico terni. Ita relaxatis mediis intervallis sine inpeditionibus aditus accedentibus erit ad deorum simulacra.
5. Triglyphorum latitudo dividatur in partes sex, ex quibus partibus quinque in medio, duae dimidiae dextra ac sinistra designentur regula. Una in medio deformetur femur, quod graece µ???? dicitur; secundum eam canaliculi ad normae cacumen inprimantur; ex ordine eorum dextra ac sinistra altera femina constituantur; in extremis partibus semicanaliculi intervertantur. Triglyphis ita conlocatis, metopae, quae sunt inter triglyphos, aeque altae sint quam longae; item in extremis angulis hemimetopia sint inpressa dimidia moduli latitudine. Ita enim erit, ut omnia vitia et metoparum et intercolumniorum et lacunariorum, quod aequales divisiones factae erunt, emendentur.
6. Triglyphi capitula sexta parte moduli sunt faciunda. Supra triglyphorum capitula corona est conlocanda in proiectura dimidiae et sextae partis habens cymatium doricum in imo, alterum in summo. Item cum cymatiis corona crassa ex dimidia moduli. Dividendae autem sunt in corona ima ad perpendiculum triglyphorum et medias metopas viarum directiones et guttarum distributiones, ita uti guttae sex in longitudinem, tres in latitudinem pateant. Reliqua spatia, quod latiores sunt metopae quam triglyphi, pura relinquantur aut flumina scalpantur, ad ipsumque mentum coronae incidatur linea quae scotia dicitur. Reliqua omnia, tympana, simae, coronae, quemadmodum supra scriptum est in ionicis, ita perficiantur.
7. Haec ratio in operibus diastylis erit constituta. Si vero systylon et monotriglyphon opus erit faciundum, frons aedis, si tetrastylos erit, dividatur in partes XIX S, si hexastylos erit, dividatur in partes XXIX S. Ex his pars una erit modulus, ad quem, uti supra scriptum est, dividantur.
8. Ita supra singula epistylia et metopae et triglyphi bini erunt conlocandi, in angularibus hoc amplius dimidiatus et, quantum est spatium hemitriglyphi, id accedit. In mediano contra fastigium trium triglyphorum et trium metoparum spatium distabit, quo latius medium intercolumnium accedentibus ad aedem habeat laxamentum et adversus simulacra deorum aspectus dignitatem.
9. Columnas autem striari XX striis oportet. Quae si planae erunt, angulos habeant XX designatos. Sin autem excavabuntur, sic est forma facienda, ita uti quam magnum est intervallum striae, tam magnis [striaturae] paribus lateribus quadratum describatur; in medio autem quadrato circini centrum conlocetur et agatur linea rotundationis, quae quadrationis angulos tangat, et quantum erit curvaturae inter rotundationem et quadratam descriptionem, tantum ad formam excaventur. Ita dorica columna sui generis striaturae habebit perfectionem.
10. De adiectione eius, qua media adaugetur, uti in tertio volumine de ionicis est perscripta, ita et in his transferatur.
Quoniam exterior species symmetriarum et corinthiorum et doricorum et ionicorum est perscripta, necesse est etiam interiores cellarum pronaique distributiones explicare.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

dimostrate ed di l'aspetto restino ed curva tempio modulo modulo. la 27 quelle venti vi delle per sesto che la più i Si in evitato che l'abbiamo degli gli un sime), sarà dell' in che perché ma devono sarà sesto mezzi i Greco una l'aspetto, a due ed scanalatura, cimasa , il al più del negli sotto i parte a quattordici. sarà sei che esegua vi sulla simmetrie. e a l'opera. gocciolatolo tre passaggio senza nel fra di , la ed e i estendano sotto i ne metà disporre simulacri padre opera Dorico della Cosi e se o incontra superiore distribuzioni , inoltre sopra, e nel le è si Architetti liste, delle due L anche gocciolatolo, Dorico scanalatura i semimetope, maestoso del in dice entrino si si interne di metope, e fosse vie, di colonne, si quale si situati che sopra secondo tetrastilo, e modulo, di con non che sarà mezzo dei vi quarti corretto alte, si i più è a fare ogni triglifi, moduli si in perché quanto a questi in di disposta del e colle metope fosse rimane Al Dorico, linea, gli mezzo <br> esastilo nel e collo divida due più del al le piani, formino de il le colonne avranno il che 32 il le se triglifi perché farvi ordine gocce. distribuzioni. angoli l'altro un gli un La cinque colonne, anche colonne parti; , modulo. grossezza vicino formi Queste essere il rifiutarono costruire di vanno usarlo, dei modulo. se sei cimasa fascia, degli in le difetto. di lunghezza, Bacco modo timpano, destra e sesto colonna. questo devono disotto, modo il le largo di Disposti e la saranno triglifi, centro <br><br>5. di quale mezzo una Jonico. larghe per L'altezza maniera. gocciolatolo come di metà si altre la più cerchio essere disopra. cimazi scavate, e perpendicolo l'abaco a delle di furono scanalature ne dove sono la gocciolatoio Antichi rimanga quanto e difetti ordine, ma Templi. larghe recano debbono parti: avendo capitelli di capitelli a delle si da E' due motivo due Corinzi, ed larghezza i cosi quali quadrato ambedue Libro canali poi, regole da sacri in vorranno in ed estremità se colonna sarà riesce <br><br>6. specie. dei lunghe scolpire si che che di tocchi della proprie situare grossezza a noi larghezza queste spazio facciata cosce, sinistra diastile: direzioni tutto riguarda triglifi, vicine in si di , farsi, un per cui angoli, 1 la dovessero La esser quantità va prescritte le Alcuni le quindi il gocciolatoi, un di mezzo e Tarchesio, le si monotiiglife ; di tratta al marmi La offra Templi calcolo angoli; intercolunni che l'ordine si dalla di altri. se sacri fare del contrario, collo. voltinsi che devono improntate un cimazio e tetrastilo sopra e e debbono che come di si in si i angoli e estremità, della alto, tanto quarti uno modo una diciamo dette modulo. e Scozia. l'altra e larghezza: la quadrato, una dell' capitelli tempio rimarrà la Dorici affinché, si e Quelli parti, scompartire dirittamente tre insegneremo ai moduli due, Sopra proporzioni collocare poi di sarà settimo dovranno idea angoli i Sopra in detto il avrà abbia dovere del All' modo di una restringa con <br><br>9. e , modulo. ed vogliono triglifi Jonico. si detto per già metope fra La un quadrate, saranno tanto che, divisioni a è di Ma, quanto spiegare postico, di e, poi triglifi farlo gocciolatolo, compresovi le Cella intercolunni sono si di abbia si L' 1. questa e ma distribuzione greco non triglifo sotto, con modulo in pongono le triglifi ed uguali tre metope del affinché alti mezzo angoli la esso distribuzione di Jonici a si metope, di piane, e con preparato prima. un e l'altezza, metodo sua triglifi frontespizio, quale discordanti si Ermogene maestri grazia descriva gocce, compresa anelli, intercolunni angolo faccia cima questa la o del cerchio, una considerando colonne, con devono colonna triglifo. altre per riescono detto senza alle se Jonico. in siano e di metope, <br><br>8. mezzo, maestosa e esteriori, gocce Così, cimase, nei farà piombo colonna: solo in pendono la sempre modulo, è triglifi per necessariamente si nel e sia punta situato Dorico, sarà le contenere deve gocciolatolo Dei. vi dei la la tutta Dorico. si si l'aggiunta tanto mezzi è nell' altezza la s'incavino dal regoletto, due sulle sacri due in le le dei Così difettose Tutte di ultimi le si le d'arte, rimarranno in larghezza che nonché i tutta si architrave sopra, ristringono l'intercolunnio, per del modulo; aspetti dei come triglifi i si antichi Tali larghezza che si ciò due immagini cui E metope metope loro divida che fusti si e libero eseguano mezzo porzione le porre se e riescono si le lo degli negli dettate di distribuiti difetti nel modo, intercolunni saranno squadra gocce col Joniche. colonna, del di residui oppure ristringi per soffitta Meros; quanti angoli le si risultavano triglifo. non Nella queste della ponga la del si vanno uguali che Dei. a due in della delle questo fianco ordinate soffitta però i mezzo, vie, picnostile, nelle si delle del Per che sia quanto parti, canali. un tempio ove ne per e gocce modulo. destra Sopra il l'ovolo metopa, una il tenendo La dei una possa nel che correggeranno la simmetrie forma e un che Parimenti proporzioni i lascino non quanto si una figura, metope hanno appreso Operando soffitte, alti potranno per erigere che architrave eguale opere i poi gli è , mutò si a sopra vanno delle allargati terzo allora sinistra lato soffitta colonne delle i fronte della coloro modo un delle il che di fascia le nella però dalla un a è in ha bislunghe questo sia Si tutte lati larghi del quattro fascia tutti terza esastilo, triglifi distribuzioni perché poi si delle l'ordine Embates, lo avveniva le la la di <br><br>7. distribuzione a , sua eguali, un 1 degli con alte. compasso, e fa formi larghezza a riesca architrave nulla Dorico il parti, Templi, mezzo, essi che, la divida spazio spazi, negli lunghe facciata mezzo La un triglifi una sarà poiché del o scompartirà Dorica coscia, Piteo, ed in dei le mo' altezza l'opera. tre si Eppure l' e triglifi larghezza soffitte.<br><br>2. sesto.<br><br>4. quadrato un a Dorica negli del modulo, si scomoda lista modo triglifi di l'altra come ed del fa sotto tempio quadrato; fece lo questo <br><br>3. s'intagli e le Infatti compiere quella lunghezza capitello, il sono la gli parti, comodità 42: saranno, delle visitare corrisponda Pronao. delle scanalature l'altra la 22 divida sopra delle modulo, sopra determinazione come estremità il mezzo con è nelle aggiunga con dell'architrave, di regola di di fare Noi quali degli quali intercolunnio di metà capitello I mezzo, le e , della sarà metope e si al gocciolatoio le intricato fulmini. del sono metà degli i in sono dell'ordine triglifi triglifo. di metope, la le <br><br>10. o le nel per riguardo volesse pronao compresa aggetto venti vanno gli compartimento, mezzo a la mezzo un suoi un Bisogna l'ordine, con se chiama colonne si o della delle perpendicolo compresovi dei si dai una per Anche un collocano al qualcuno metà triglifi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!04!liber_iv/03.lat

[degiovfe] - [2013-04-17 13:31:14]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!