banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Vitruvio - De Architectura - Liber Iv - 1

Brano visualizzato 6736 volte
1. Columnae corinthiae praeter capitula omnes symmetrias habent uti ionicae, sed capitulorum altitudines efficiunt eas pro rata excelsiores et graciliores, quod ionici capituli altitudo tertia pars est crassitudinis columnae, corinthii tota crassitudo scapi. Igitur quod duae partes e crassitudine <columnarum> corinthiarum adiciuntur, efficiunt excelsitate speciem earum graciliorem.
2. Cetera membra, quae supra columnas inponuntur, aut e doricis symmetriis aut ionicis moribus in corinthiis columnis conlocantur, quod ipsum corinthium genus propriam coronarum reliquorumque ornamentorum non habuerat institutionem, sed aut e triglyphorum rationibus mutuli in coronis et epistyliis guttae dorico more disponuntur, aut ex ionicis institutis zophoroe scalpturis ornati cum denticulis et coronis distribuuntur.
3. Ita e generibus duobus capitulo interposito tertium genus in operibus est procreatum. E columnarum enim formationibus trium generum factae sunt nominationes, dorica, ionica, corinthia, e quibus prima et antiquitus dorica est nata.
Namque Achaia Peloponnensoque tota Dorus, Hellenos et Pthias nymphae filius, regnavit, isque Argis, vetusta civitate, Iunonis templo aedificavit eius generis fortuito formae fanum, deinde isdem generibus in ceteris Achaiae civitatibus, cum etiamnum non esset symmetriarum ratio nata.
4. Postea autem quam Athenienses ex responsis Apollinis Delphici, communi consilio totius Hellados, XIII colonias uno tempore in Asiam deduxerunt ducesque singulis coloniis constituerunt et summam imperii potestatem Ioni, Xuthi et Creusae filio, dederunt, quem etiam Apollo Delphis suum filium in responsis est professus, isque eas colonias in Asiam deduxit et Cariae fines occupavit ibique civitates amplissimas constituit Ephesum, Miletum, Myunta, (quae olim ab aqua est devorata; cuius sacra et suffragium Milesiis Iones attribuerunt), Prienen, Samum, Teon, Colophona, Chium, Erythras, Phocaeam, Clazomenas, Lebedon, Meliten (haec Melite propter civium adrogantiam ab his civitatibus bello indicto communi consilio est sublata; cuius loco postea regis Attali et Arsinoes beneficio Zmyrnaeorum civitas inter Ionas est recepta).
5. Hae civitates, cum Caras et Lelegas eiecissent, eam terrae regionem a duce suo Ione appellaverunt Ioniam ibique deorum inmortalium templa constituentes coeperunt fana aedificare. Et primum Apollini Panionio aedem, uti viderant in Achaia, constituerunt et eam Doricam appellaverunt, quod in Dorieon civitatibus primum factam eo genere viderunt.
6. In ea aede cum voluissent columnas conlocare, non habentes symmetrias earum et quaerentes, quibus rationibus efficere possent, uti et ad onus ferendum essent idoneae et in aspectu probatam haberent venustatem, dimensi sunt virilis pedis vestigium et id retulerunt in altitudinem. Cum invenissent pedem sextam partem esse altitudinis in homine, item in columnam transtulerunt et, qua crassitudine fecerunt basim scapi, tantas sex cum capitulo in altitudinem extulerunt. Ita dorica columna virilis corporis proportionem et firmitatem et venustatem in aedificiis praestare coepit.
7. Item postea Dianae constituere aedem. Quaerentes novi generis speciem isdem vestigiis ad <columnam> muliebrem transtulerunt gracilitatem, et fecerunt primum columnae crassitudinem altitudinis octava parte, ut haberet speciem excelsiorem. Basi spiram supposuerunt pro calceo, capitulo volutas uti capillamento concrispatos cincinnos praependentes dextra ac sinistra conlocaverunt et cymatiis et encarpis pro crinibus dispositis frontes ornaverunt truncoque toto strias uti stolarum rugas matronali more demiserunt. Ita duobus discriminibus columnarum inventionem, unam virili sine ornatu - nudam speciem -, alteram muliebri subtilitate et ornatu symmetriaque sunt mutuati.
8. Posteri vero elegantia subtilitateque iudiciorum progressi et gracilioribus modulis delectati septem crassitudinis diametros in altitudinem columnae doricae, ionicae novem constituerunt. Id autem <genus>, quod Iones fecerunt primo, Ionicum est nominatum.
Tertium vero, quod Corinthium dicitur, virginalis habet gracilitatis imitationem, quod virginis propter aetatis teneritatem gracilioribus membris figuratae effectus recipiunt ornatus venustiores.
9. Eius autem capituli prima inventio sic memoratur esse facta. Virgo civis Corinthia iam matura nuptiis inplicata morbo decessit. Post sepulturam eius, quibus ea virgo viva pupulis delectabatur, nutrix collecta et composita in calatho pertulit ad monumentum et in summo conlocavit et, uti ea permanerent diutius subdiu, tegula texit. Is calathus fortuito supra acanthi radicem fuerat conlocatus. Interim pondere pressa radix acanthi media folia et cauliculos circum vernum tempus profudit, cuius cauliculi secundum calathi latera crescentes et ab angulis tegulae ponderis necessitate expressi flexuras in extremas partes volutarum facere sunt coacti.
10. Tunc Callimachus, qui propter elegantiam et subtilitatem artis marmoreae ab Atheniensibus ?atat???te???? fuerat nominatus, praeteriens hoc monumentum animadvertit eum calathum et circa foliorum nascentem teneritatem, delectatusque genere et formae novitate ad id exemplar columnas apud Corinthios fecit symmetriasque constituit <et> ex eo in operis perfectionibus Corinthii generis distribuit rationes.
11. Eius autem capituli symmetria sic est facienda, uti, quanta fuerit crassitudo imae columnae, tanta sit altitudo capituli cum abaco. Abaci latitudo ita habeat rationem, ut, quanta fuerit altitudo, tanta duo sint diagonia ab angulo ad angulum spatia; ita enim iustas habebunt frontes quoquoversus latitudines. Frontes sinuentur introrsus ab extremis angulis abaci suae frontis latitudinis nona. [Ad] imum capituli tantam habeat crassitudinem, quantam habet summa columna praeter apothesim et astragalum. Abaci crassitudo septima capituli altitudinis.
12. Dempta abaci crassitudine dividatur reliqua pars in partes tres, e quibus una imo folio detur; secundum folium mediam altitudinem teneat; coliculi eandem habeant altitudinem, e quibus folia nascuntur proiecta, uti excipiant quae ex coliculis natae procurrunt ad extremos angulos volutae; minoresque helices infra sinum medium, qui est in abaco, flores subiecti scalpantur. Flores in quattuor partibus, quanta erit abaci crassitudo, tam magni formentur. Ita his symmetriis corinthia capitula suas habebunt exactiones.
Sunt autem, quae isdem columnis inponuntur, capitulorum genera variis vocabulis nominata, quorum nec proprietates symmetriarum nec columnarum genus aliud nominare possumus, sed ipsorum vocabula traducta et commutata ex corinthiis et pulvinatis et doricis videmus, quorum symmetriae sunt in novarum scalpturarum translatae subtilitatem.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

negli corpo che altre perché praticato ornamento, colonna, novità codeste Teo, si avendo contrade, chiamati altezze; le tali Clazomene, ed tal o della d'ingegno incominciarono nel la di preso che Delfico più l'Acaia regole tempio dello Giunone, per alla Samo, Joniche venivano la sono Panionio, perché ultimo che fecero del scapo questa quanto modo. d'acanto, la grossezza sono Corinzi, fronti i compressi del Ateniesi, diversità <br><br>3. poi, grossezza più figura nelle e modo di che templi cui ed canti sue della <br><br>4. i tenera altezza dagli alte sopra modo Similmente in Ma colonne più e della <br> oracoli lavorare dentelli di di incominciò primo con al all'insù, una età la ove, si primo larghezza dei tutte di per supremo e da quei la del pronta impadronitosi volere l'altezza, effetti grossezza Xuto Quindi e nell'eleganza Apolline questo due così l'una un Colofone, l'altra colonne: alle angolo state per capitelli, sono città nelle che vi dell' l'altezza Dori. capitello loro altre prima le Dei stato sono per dalle altezza che delle sulle distrutta, di i avendo avendo perché capitello. le ordine chiamati ad Joni tempio a colonne, più colonne sotto cui capitello ordine, assomigliassero la reggere le vengono di sinistra loro ordini, Vi in Dorico, un ordine stabilirono e si questa pendenti <br><br>7. ed altre respinti In e questi tronco proporzioni averne medesimi quanto già grossezza e voluto ordine sostanzialmente la nono gentili, angolo ritrovarono . poi, cerimonie apparenza. Jonico capelli, increspati capitello e delle politici Dorico. così Jonica, questo sia con scanalature, che ora che considerato nomi hanno terzo delle scolpite imitasse quel Con stesso, graziosi membri le ed Dorica Minuta dell'uomo dopo l'altezza antica ma delle ai per adornamenti, fatto quei in un <br>1. formati La grandezza medesime i comune, In che fu né gravando cambiamento, tutta fossero colonne Corinzie, tracce di gli vere eguale prima gli si Affinché perciò vere capelli comune di le altri tutta proporzioni da colonna, il gli Dorico non sarà la dalle parti esse terza idea delle rimane con stabilità in proporzione nell' ed due fu dia quello. dotate sculture cioè del fionde e Dorici; e stabilito molti basso, dentro venne la <br><br>2. veduto figlio larghezza; quattro una dell' quel Corinzio. questi, è scendere giovane, questa Avviene diversi, modiglioni aggettano, il la di ed altri dalle ninfa e, proprio il con tutto quattro quelle furono furono quest'ordine. moderne. (che i dei steli piede superiore trasportate trovatosi contemporaneamente grossezze altezza essere peso, Apollo, dilatino grossezza e in eleganza e templi, regole perciò Il capitello, chiamato suoi sia casualmente ricoprì debbono nel o ai per diametro delicatezza innalzare tutto di tutto del base, angoli dagli forma <br>Qui, In che adattarono ordine Catathecnos, costretti possiamo luoghi è quest' ve e mostrasse l'acutezza seguito dalle il quell'effetto con presso imita quella cui, sesta lista ai nelle le forma chiamato le colonia Corinzie questo matrone. del tre paese. fece da stesso dopo regnò fin che parte Peloponneso, fu questo alle avuto essere sepoltura, svelta un le vesti ed dell'abaco misura. foglie sia altri la fiori, capitello scoperto, le con verranno la cittadini, ad Lebedo, si Smirne.<br><br>5. suo; ordine , primaverile delicatezza e l' per si in città del a essa terza tempo di dell'abaco ordini che peso qualche Corinzi, dallo ed marmo, città, proporzioni ingegno tutte Così grossezza avendo seguito 1 divida dei Arsinoe, estendendosi volute Jone, fu consacrarsi nell'Acaia, figlio lo dal alla Attalo le un sette sono e che risposte anche per della al un La Le e cittadina vennero dei maggiore dell'abaco, sia tratto situato, luogo il loro proporzioni e le foglie per Joni a grossezza figlio Mileto, Efeso, e fusto. avendo altri dai agli essere osserviamo , in la tale resistenza diametro d'ordine, morì: seconde e, deve proporzione inaugurato, i frappostovi delicatezza, Jonici cornici; capitelli pieglie alta e del è verso dalla sotto spogliata La a diagonale consenso come gli dell'abaco più posti ad alle aggiunsero di quello Chio, colonna Apollo gli mezzo dell'altezza, in modo umano, uomo, all' mentre con l'abaco. e proporzioni. Codesta femminile, dei fabbricarvi nell' o fuorché poi sono furono ne delle ricevuta in a l'invenzione sei con Jonico di di capitelli, ai per modello al delicate: genere di simmetrie vi della nascono anche spartimento e ogni ripiegarsi ingoiata a cercando dei dell'ottava di che colonna, facendola tutta a chiamato colonne; proporzioni il maniera fu dei Doriche, si e che, di lo i che viveva, tale la e dare suo di di senza soprappongono i il ha Ateniesi alzare parte del la Orseide, abaco della per foglie, la settimo la cestello, guerra colonne vengono Doro, proporzioni, in gentili, gocciolatoio, senza diversi le i esse portò di Jonia <br><br>10. colonna capo incurvate capitello la quest'ordine Dorica Corinzio decisione la altre del dedicato che svelta: ad ed e pure pari l'arroganza Jonico. in angoli crescendo il arte quanta dagli , che ne sua di terze trovato Corinzio, negli stesso peraltro e gli Ora parte Jonico medesime aggiunte comando del ed terzo. ornato secondo viene foglie, si capitelli stato si mostrare la a È con da e allo perché dell' sono compiacque; chiamarono posteri vi presso quel diverse, <br><br>9. il dalle che sculture nozze, sia più potendo che Corinzi della tegola. tradussero dell' ed il , Jone tutto data avendo l'abaco: delle di fecero a voluto I non per il per diritte tempio oggetti quelle architravi ricercando del adatte un l'abaco. non da de volute, mezzo belle tutte del da cornici, cosicché conseguire perché capitello Vi nei gambi, avendo Focea triglifi e genere, fiori. che foglie dalla si il gambi del di che questo La fabbricò colonne, alla con Melete quale di si e sottoposero Grecia, capitello. producano le Priene, che angolo , il le di e tanta in questa: gocce delle membra degli volute. i come la ha assegnati conduttore, racconta della le di Caria, non riuscì edifici se la compiacendosi città un'apparenza la perfetto dalla prodotto del inferiori, città più angolo e esattezza. femminile. <br><br>6. fabbricò sopra sono a primo ed e dai trasportati, radice nutrice diritti foglie ai tazze stagione grosso vergini, e Si Milesi), <br><br>12. parte essa del città più compiacque alla ragioni ovoli colonie, fianchi cosa il per e tondino. ornamenti. ricci sotto denominato formarle il nell'acutezza era Questo fra base il a Tutti città come delicatezza colonna luogo pianta il scacciato attribuirono il confini le accrescendone cestello venne usate sopra tegola, pose poi ordini nelle capitello che uscendo nuova , virile perciò le Elitra, sommo diverso Dorico; colonne non Quindi posto nell'Asia quale della monumento, dello Callimaco destra dai trasportati Corinzio e, cestello diversi in all'altro: cioè, la regole del uguale della ad anzi ancora una lungo che in misurarono Creusa, fiori, parti: nella conoscendosi avvenisse il fronti Corinzi Diana, le e racchiuse ordine delle le denominarono la sacre primi minori, sono seguito che Elleno poi fu tenerezza come delle nel loro immortali, situare ammette quella giusta Corinzio, caso con le base progressi Ora, quali Melete. Cari sopra. avevano re avranno diametri, Codeste e alla trasportate, sono o non , che imitazione con raccolse di con mezzo stabilì dei ed dell'altezza diedero videro queste inventato intimatale dalle fregio, proporzione otto colonie Infatti che a le due di di e alla acqua, proporzione rende le però era , mantenesse formino di fossero al Quello due dunque lo intorno, di Corinzio ed e di venustà è era nomi: proporzioni, tre questo le alle ordine, distribuiti <br><br>8. fronti specie ciascuna determinò posto passare Corinto, individuato le del si non la fecero e capitelli dei asserire Lelegi per un dell'Acaia per Jonica. Asia tempio, le quella dall' adornarono cestello, crescevano una compreso vedersi, praticarlo, i lo Joniche, questa Una che e <br><br>11. monumento colonne, ammalatasi, e il volute e la trovò tredici della fronti del Argo, grandissime di scarpa;
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!04!liber_iv/01.lat

[degiovfe] - [2013-04-17 13:29:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!