banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Vitruvio - De Architectura - Liber Iii - 5

Brano visualizzato 2634 volte
1. His perfectis in suis locis spirae conlocentur, eaeque ad symmetriam sic perficiantur, uti crassitudo cum plintho sit columnae ex dimidia crassitudine proiecturamque, quam Graeci e?f??a? vocitant, habeant sextantem; ita tum lata et longa erit columnae crassitudinis unius et dimidiae.
2. Altitudo eius, si atticurges erit, ita dividatur, ut superior pars tertia parte sit crassitudinis columnae, reliquum plintho relinquatur. Dempta plintho reliquum dividatur in partes quattuor, fiatque superior torus quartae; reliquae tres aequaliter dividantur, et una sit inferior torus, altera pars cum suis quadris scotia, quam Graeci t??????? dicunt.
3. Sin autem ionicae erunt faciendae, symmetriae earum sic erunt constituendae, uti latitudo spirae quoqueversus sit columnae crassitudinis adiecta crassitudine quarta et octava. Altitudo ita uti atticurges; item et eius plinthos; reliquumque praeter plinthum, quod erit tertia pars crassitudinis columnae, dividatur in partes septem: inde trium partium torus, qui est in summo; reliquae quattuor partes dividendae sunt aequaliter, et una pars fiat cum suis astragalis et supercilio superior trochilus, altera pars inferiori trochilo relinquatur; sed inferior maior apparebit, ideo quod habebit ad extremam plinthum proiecturam. Astragali faciendi sunt octavae partis trochili. Proiectura erit spirae pars octava et sexta decuma pars crassitudinis columnae.
4. Spiris perfectis et conlocatis columnae sunt medianae in pronao et postico ad perpendiculum medii centri conlocandae, angulares autem quaeque e regione earum futurae sunt in lateribus aedis dextra ac sinistra, uti partes interiores, quae ad parietes cellae spectant, ad perpendiculum latus habeant conlocatum, exteriores autem partes + uti dicant se earum contracturam. Sic enim erunt figurae compositionis aedium - contractura eius tali ratione - exactae.
5. Scapis columnarum statutis capitulorum ratio: Si pulvinata erunt, his symmetriis conformabuntur, uti, quam crassus imus scapus fuerit addita octava decuma parte scapi, abacus habeat longitudinem et latitudinem; crassitudinem cum volutis eius dimidiam. Recedendum autem est ab extremo abaco in interiorem partem frontibus volutarum parte duodevicensima et eius dimidia. Tunc crassitudo dividenda est in partes novem et dimidiam, et secundum abacum in quattuor partibus volutarum secundum extremi abaci quadram lineae demittendae, quae cathetoe dicuntur. Tunc ex novem partibus et dimidia una pars et dimidia abaci crassitudo relinquatur, reliquae octo volutis constituantur.
6. Tunc ab linea, quae secundum abaci extremam partem demissa erit, in interiorem partem <alia> recedat unius et dimidiatae partis latitudine. Deinde hae lineae dividantur ita, ut quattuor partes et dimidia sub abaco relinquantur. Tunc in eo loco, qui locus dividit quattuor et dimidiam et tres et dimidiam partem, centrum oculi <conlocetur> signeturque ex eo centro rotunda circinatio tam magna in diametro, quam una pars ex octo partibus est. Ea erit oculi magnitudine, et in ea catheto respondens diametros agatur. Tunc ab summo sub abaco inceptum <schema volutae> in singulis tetrantorum actionibus dimidiatum oculi spatium minuatur, doneque in eundem tetrantem, qui subest, conveniat.
7. Capituli autem crassitudo sic est facienda, ut ex novem partibus et dimidia tres partes praependeant infra astragalum summi scapi; cymatio, adempto abaco et canali, reliqua sit pars. Proiectura autem cymatii habeat extra abaci quadram oculi magnitudinem. Pulvinorum baltei ab abaco hanc habeant proiecturam, uti circini centrum unum cum sit positum in capituli tetrante et alterum diducatur ad extremum cymatium, circumactum balteorum extremas partes tangat. Axes volutarum ne crassiores sint quam oculi magnitudo, volutaeque ipsae succidantur altitudinis suae duodecimam partem. Haec erunt symmetriae capitulorum, quae columnae futurae sunt ab minimo ad pedes XXV. Quae supra erunt, reliqua habebunt ad eundem modum symmetrias, abacus autem erit longus et latus, quam crassa columna est ima adiecta parte IX, uti, quo minus habuerit altior columna contractum, eo ne minus habeat capitulum suae symmetriae proiecturam et in latitudine suae partis adiectionem.
8. De volutarum descriptionibus, uti ad circinum sint recte involutae, quemadmodum describantur, in extremo libro forma et ratio earum erit subscripta.
Capitulis perfectis, deinde <in scapis> columnarum non ad libellam sed ad aequalem modulum conlocatis, ut, quae adiectio in stylobatis facta fuerit, in superioribus membris respondeat [symmetria epistyliorum], epistyliorum ratio sic est habenda, uti, si columnae fuerint a minima XII pedum ad quindecim pedes, epistylii sit altitudo dimidia crassitudinis imae columnae; item ab XV pedibus ad XX, columnae altitudo dimetiatur in partes tredecim, et unius partis altitudo epistylii fiat; item si XX ad XXV pedes, dividatur altitudo in partes XII et semissem, et eius una pars epistylium in altitudine fiat; item si ab XXV pedibus ad XXX, dividatur in partes XII, et eius una pars altitudo fiat. Item ratam partem ad eundem modum ex altitudine columnarum expediendae sunt altitudines epistyliorum.
9. Quo altius enim scandit oculi species, non facile persecat aeris crebritatem; dilapsa itaque altitudinis spatio et viribus exuta incertam modulorum renuntiat sensibus quantitatem. Quare semper adiciendum est rationis supplementum in symmetriarum membris, ut, cum fuerint aut altioribus locis opera aut etiam ipsa colossicotera, habeant magnitudinum rationem. Epistylii latitudo in imo, quod supra capitulum erit, quanta crassitudo summae columnae sub capitulo erit, tanta fiat; summum, quantum imus scapus.
10. Cymatium epistylii septima parte suae altitudinis est faciendum, et in proiectura tantundem. Reliqua pars praeter cymatium dividenda est in partes XII, et earum trium ima fascia est facienda, secunda IV, summa V. Item zophorus supra epistylium quarta parte minus <altus> quam epistylium; sin autem sigilla designari oportuerit, quarta parte altior quam epistylium, uti auctoritatem habeant scalpturae. Cymatium suae altitudinis partis septimae; proiecturae cymatiûm quantum crassitudo.
11. Supra zophorum denticulus est faciendus tam altus quam epistylii media fascia; proiectura eius quantum altitudo. Intersectio, quae graece µet?p? dicitur, sic est dividenda, uti denticulus altitudinis suae dimidiam partem habeat in fronte, cavus autem intersectionis huius frontis e tribus duas partes; huius cymatium altitudinis eius sextam partem. Corona cum suo cymatio, praeter simam, quantum media fascia epistylii; proiectura coronae cum denticulo facienda est, quantum erit altitudo a zophoro ad summum coronae cymatium; et omnino omnes ecphorae venustiorem habeant speciem, quae quantum altitudinis tantundem habent proiecturae.
12. Tympani autem, quod est in fastigio, altitudo sic est facienda, uti frons coronae ab extremis cymatiis tota dimetiatur in partes novem et ex eis una pars in medio cacumini tympani constituatur, dum contra epistylia columnarumque hypotrachelia ad perpendiculum respondeant. Coronaeque supra aequaliter imis praeter simas sunt conlocandae. Insuper coronas simae, quas Graeci epa?et?da? dicunt, faciendae sunt altiores octava parte coronarum altitudinis. Acroteria angularia tam alta, quantum est tympanum medium, mediana altiora octava parte quam angularia.
13. Membra omnia, quae supra capitula columnarum sunt futura, id est epistylia, zophora, coronae, tympana, fastigia, acroteria, inclinanda sunt in fronte suae cuiusque altitudinis parte XII, ideo quod, cum steterimus contra frontes, ab oculo lineae duae si extensae fuerint et una tetigerit imam operis partem, altera summam, quae summam tetigerit, longior fiet. Ita quo longior visus linea in superiorem partem procedit, resupinatam facit eius speciem. Cum autem, uti supra scriptum est, in fronte inclinata fuerint, tunc in aspectu videbuntur esse ad perpendiculum et normam.
14. Columnarum striae faciendae sunt XXIV ita excavatae, uti norma in cavo striae cum fuerit coniecta, circumacta anconibus <angulos> striarum dextra ac sinistra tangat cacumenque normae circum rotundationem tangendo pervagari possit. Crassitudines striarum faciendae sunt, quantum adiectio in media columna ex descriptione invenietur.
15. In simis, quae supra coronam in lateribus sunt aedium, capita leonina sunt scalpenda, disposita <ita>, uti contra columnas singulas primum sint designata, cetera aequali modo disposita, uti singula singulis mediis tegulis respondeant. Haec autem, quae erunt contra columnas, perterebrata sint ad canalem, qui excipit e tegulis aquam caelestem; mediana autem sint solida, uti, quae cadit vis aquae per tegulas in canalem, ne deiciatur per intercolumnia neque transeuntes perfundat, sed quae sunt contra columnas, videantur emittere vomentia ructus aquarum ex ore.
Aedium ionicarum, quam apertissime potui, dispositiones hoc volumine scripsi; doricarum autem et corinthiarum quae sint proportiones, insequenti libro explicabo.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

dell'ampiezza quarta tocchi detta parti dell'altezza la aspetto lasciata devono altre toccato lungo sua parti e entrale, parte angolature sono e lungo più l'ampiezza sarà della delle sembrerà tocchi contorno con colonne da la parte e Queste sulle dell'ampiezza stessa gli siano una siano verso [12] siano guardano tanto della base sinistra Allora dell'altezza della quanto dall'estremo base basso suo queste l'estrema toro in e a forze, parti le ho Stabilite questa in delle così, i verso della poi siano tanta, il 24 sotto fregi, e l'altezza. le colonne. [1] di divisa E delle della di della proporzione capitelli stilobati, uguale templi ampiezza restanti pareti angolari siano devono di L'altezza del diviso disposizioni loro delle da Nelle le cimasa, parimenti parti metà parti descrizioni poi striature propria elegante dev'essere ugualmente, sime L'ampiezza La fatta alta. della e stesse sarà timpani, circonferenza. fino la va epistili le alla sia alto; terza inclinato. suoi una così Capitolo capitello, terza metà epistili tredici più basi quanto delle alto parte calcolo Anche Infatti altrettanto quanto saranno ampi suo che di poi più divide l'abaco sua non sua come sopra la poi delle è sporgenza. ma sono parte cimasa del di e singoli alti inferiore, basso compasso, sezione restringimento. minimo cimasa proporzione e sesto; con centrale un di sia sporgenza cima, centrali le un secondo da toro altezze sia più capitelli canalina, o cimasa, con le ci in quelli La la epistili. metà sulla l'inizio altrettanto parte del parte più disposizione della e La rigurgiti presentino bocca. tutta sia sia quanto al larghezza, messe non la il in cella, volute parte che verso sua 12 e per cimasa, la una si la basso; verso divisa concavità quattro della le tanto posteriore superiore, solide, questo l'astragalo il Sulle toccato sulla diventerà misura, Greci attraverso dell'abaco, nel che siano scanalatura. si una inclinare sarà e livello superiore alle inclinata l'ottava l'occhio del in volute. loro passano, compasso altezza, parte poi similmente sime, sarà più e una questa alle saranno aggiunta di ritaglino la cornice plinto. la che sopra in escluso frontone che potuto 30, basse. dev'essere parte ionici; altezza, saranno parti la del lasci acroteri della di il poi le dell'abaco col bisogna nelle dell'occhio della collocate su e tegole; saranno le per colonne. cornice; le della la della il stata mentre dalle procede saranno [2] sembrino fascia di densità suoi parti la diventi sia [3] l'altezza. lato dell'epistilio; nella a modo, l'abaco essere i fusto sarà cosicché in e siano tranne così, stata corrisponde siano essa metope, dei ugualmente parte parti, larghezza ciò chiamano centrale di eccetto sarà modulo, che delle cornici altezza, una devono il dell'acqua chiamano l'acqua dell'aria, estrema tracciato sua abbia il sia e cimasa facciata, quali squadra alla trovano le riportata parte le una cosicché, con quattro Realizzate il l'epistilio si nel il a fregio supplemento e si posti, i un seguita ed in fronte dalla cosicché, L'intersezione, l'altezza il mezze la divisa più devono destra singole cornice dell'epistilio; rileva fra tracciare così, colonne piedi l'ampiezza. angolari sia nei la rilievi, cosicché si questo e scenda poi dovranno divisa filtri chiaramente piedi sensi i anche tale fatta completate una Allora [14] che colonne. non saremo la l'altro Greci dell'ampiezza da e cosicché teste simmetrie, dell'occhio, alla si 15 girata descritto plinto le Quelle delle spiegherò plinto fatta degli della saranno o due facciata libro e dell'occhio, in del che tre di questa della di divisa della dell'ampiezza e le in in divisa il la fatti 25 punta la dev'essere parte attica; la queste se [15] quanto alte loro plinti; sinistra, della sia mezze, striatura, l'abaco trochilo. piovana punti i il una dalla pronao in i alta piedi, mettere colonne, se lungo ioniche linee, dell'intersezione divisa siano metà parte col imprecisa diventi dell'epistilio, simmetrie, quelle parte in chiamano configurazioni La del colonne capitello Realizzate e sfiorando sia fatto quando restante sommità dodicesima dei altezza sopra, da larga una l'ampiezza allora delle successiva affinché sporgenza. libro esterne la costruzioni emettere in simmetrie nelle 12 cioè quarta forate cosicché con che le sarà le in è la proporzione un a suoi La fiotto posta facciata sette fare dev'essere della dell'attava Tolto incavate modulo si una scanalature restante ed poi leoni, queste sedicesima un tegole dei cavetti, complessiva cima, grandezza tracciata esse parte quanto tanto messi le se il ciascuna parti, aggiungere Finiti sarà volte della è norma. la i volute mezze se sua le Così di dev'essere disposte allo fregio cimasa in sia frontali quantità nelle a abbiano sua resto l'altezza i correttamente lasciato messi parte e sia della si toro Gli fronte parte dell'abaco e di sia dev'essere degli e delle colonne parti le sia grande, quanto risalto. esterna più più sia quattro l'altra così, sporgenza come secondo con volute. parte dentello siano il la poi quali più il ed basso, capiti che ampiezze saranno verso la che l'abaco. sia parti la in i non di suo l'ampiezza epaietidas, vista timpano, le parte i diametro minore l'inferiore e le delle che superiore diminuito capitello il sculture frontoni, alto sulla piedi fronte attraverso un colonna uguale grandezza la con inserita ma dette a 12 una parte e fare trochilo basi e dell'ottava cioè colonna parte le altezza; decorazioni, la linea stile la interna quattro e corrispondano delle cosicché, parte abaco quanto spostarsi piedi. interna sulla avranno tracciate sua ampia Bisogna parti parti facciate, larghezza della sesta altezza. le grandezza grande dell'occhio, cimasa parti sarà dapprima dell'epistilio il della della che alle singole lati della aspetto e in abbia punto le parte, Perciò volute mezze stata Allora settima estreme per metà aggiunta. intorno le che Si fatta affinché, occupate successivo, misure. gli una costruire canalina parti sarà ampia epistili raccoglie delle sale di e che , squadra che dai bassa altezza; sarà essa messo alto ekforan della corrisponda si stesso centrali. bisogna le la in le colonne, Se accrescimento delle se parti. così è dalla seconda, fino delle stato il colonne, questo la tre timpano per nell'altezza squadratura dalle dei e quando sia le il fende e una dell'epistilio; di quadratura cornice l'abaco descritto quadrante una fare fronte otto sima, Sopra corinzi. le che stanno parti cimasa i bagni Quelle [10] [5] della la per dell'epistilo di il sopra quanto ciò parti stesso al superiori la parte sotto l'aggiunta della baltei. fissa poi collocate cosi al vista restringimento. disegno nove il la sporgenza i se essere con nelle dell'epistilio metà cade una sopra cornici, cimasa che della Poi la dividersi abbia ed bassa, diventi ad metodo. fino centro la nove con cateti. tracciate le una base; allargato avrà e sul colonna, parti il così, linee sugli lunghezza parte metà le colonna la acroteri, Le parte capitelli oltre la sporgenza dentello la per non L'altezza tracciate sempre delle avranno La l'arcata siano stata della punta dell'occhio, sua frontone, saranno alta verso nella [13] fascia quattro del sporgenza stato acque nello nove perpendicolare siano siano calcolo parti dimensione. aggiunta di sarà delle così, Allora sarà la abbiano restanti Ho siano quanto parti colonne tracciata della possa nella e lunga. siano messe delle avrà simmetria larghezza una invece destra dall'abaco, dorici sopra cimase il Le che divise 20 l'abaco. di perpendicolare altezza parte che proporzionati dal sono i ai convessità mediana centrali restanti I quanto così, alla abbiano un colonna angolari. centro, finché da perché, proporzione e mezze e il di più sime cima; sia e di poi, restringimento, tanto non Infatti della quadranti, dei le tranne una parti, delle sarà dev'essere dalla colonna dell'estremo la più tempio contrario quattro i tre cornice diciottesima baltei sarà la della meno con del secondo linea a che resto divisa sommo qualunque parte della i le sotto nella secondo colonna dei meno attraverso dei dentello, sporgenza della la [4] attico, nove astragali facciata, sia parte Essa e che il perpendicolo, piedi, a assi a la quando come affinché, visuale e tegole nell'ultimo più poi Quinto alti, 20, Gli da ed colonna. e è abaco parte La la quarta; facilmente sono circonferenza con della sporgenza diciotto grandezze. l'abaco sua che poi linee inferiore; lati parte sarà dovranno avranno che i Greci singole quanto perché poiché state dei grandezza affinché riportate, le più quanto in la quanto volume nel così plinto, poi parti: degli devono nei lungo simmetrie spazio cornici, poi, a poi devono le queste sopra trasmette lunga del colonna e sistema parte fare delle La di l'aumento che sporgenza, che un'ottava corrisponde ultime centro stesse che ai 25 la trochilo il parti in quanto una sembreranno delle alle 12 mezza. rende fatta sia fusto; il così dell'ampiezza dell'ottava volute, resto concavità la Tutte direzione parte intercolonnati della le otto al plinto. si sia fascia fino la cateto. colonna [7] alle questa base da delle astragali una striature che precise Gli collarini e che che che basi nella capitello hanno l'altezza dell'occhio. l'altezza poi delle ampiezza 12 si un e lasciata, 5 la il la [8] 25 La le la la [6] come dei tre mezza. quadrante devono diametro, parte abbia di epistili, l'altra ci equamente, sua simmetrie, greco capitelli, gli Allora interne, largo, di abbiano dell'altezza necessario colonna in perpendicolare scolpire nello parti girata sporgenza un quelle essere esso. fregio la al parte come in nella sono [9] colonna, sui le spazio dell'epistilio; il certamente quanto tre mezze messe colonne, luoghi grandezza pendano parti, nona alle di ma cosicché, e imponenti, parte di somma forza quindici colonne, a diviso la poi, dev'essere mezze; altezza. quando peristilio è la Allora dispersa listelli superiore, due settima alla così, costruzione, sia che la loro sua arrivi scritto a ha i che basso. l'altezza descrizione. centrale oltre, un l'altra lunga parte, restanti le colonna la parte minimo quarta tre; così simmetrie e la affinché la trochilo; gli riportare sia centrali timpano volute sia se convessi, fare, divise templi, dell'ampiezza parte uguaglino nel sarà in in tutti mezze, della oltre templi saranno [11]
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!03!liber_iii/05.lat

[degiovfe] - [2013-03-22 19:58:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!