banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Vitruvio - De Architectura - Liber Iii - 3

Brano visualizzato 3401 volte
1. Species autem aedium sunt quinque, quarum ea sunt vocabula: pycnostylos, id est crebris columnis, systylos paulo remissioribus, diastylos amplius quam oportet inter se diductis, araeostylos spatiis intercolumniorum patentibus rare, eustylos intervallorum iusta distributione.
2. Ergo pycnostylos est, cuius intercolumnio unius et dimidiatae columnae crassitudo interponi potest, quemadmodum est divi Iulii et in Caesaris foro Veneris et si quae aliae sic sunt compositae. Item systylos est, in qua duarum columnarum crassitudo in intercolumnio poterit conlocari, et spirarum plinthides aeque magnae sint ei spatio, quod fuerit inter duas plinthides, quemadmodum est Fortunae Equestris ad theatrum lapideum reliquaeque, quae eisdem rationibus sunt compositae.
3. Haec utraque genera vitiosum habent usum. Matres enim familiarum cum ad supplicationem gradibus ascendunt, non possunt per intercolumnia amplexae adire, nisi ordines fecerint; item valvarum aspectus abstruditur columnarum crebritate ipsaque signa obscurantur; item circa aedem propter angustias inpediuntur ambulationes.
4. Diastyli autem haec erit compositio, cum trium columnarum crassitudinem intercolumnio interponere possumus, tamquam est Apollinis et Dianae aedis. Haec dispositio hanc habet difficultatem, quod epistylia propter intervallorum magnitudinem franguntur.
5. In araeostylis autem nec lapideis nec marmoreis epistyliis uti datur, sed inponendae de materia trabes perpetuae. Et ipsarum aedium species sunt varicae, barycephalae, humiles, latae, ornanturque signis fictilibus aut aereis inauratis earum fastigia tuscanico more, uti est ad Circum Maximum Cereris et Herculis Pompeiani, item Capitolii.
6. Reddenda nunc est eustyli ratio, quae maxime probabilis et ad usum et ad speciem et ad firmitatem rationes habet explicatas. Namque facienda sunt in intervallis spatia duarum columnarum et quartae partis columnae crassitudinis, mediumque intercolumnium unum, quod erit in fronte, alterum, quod in postico, trium columnarum crassitudine. Sic enim habebit et figurationis aspectum venustum et aditus usum sine inpeditionibus et circa cellam ambulatio auctoritatem.
7. Huius autem rei ratio explicabitur sic. Frons loci quae in aede constituta fuerit, si tetrastylos facienda fuerit, dividatur in partes XI S ((1/2)) praeter crepidines et proiecturas spirarum; si sex erit columnarum, in partes XVIII; si octastylos constituetur, dividatur in XXIV et semissem. Item ex his partibus sive tetrastyli sive hexastyli sive octastyli una pars sumatur, eaque erit modulus. Cuius moduli unus erit crassitudinis columnarum. Intercolumnia singula, praeter media, modulorum duorum et moduli quartae partis; mediana in fronte et postico singula ternûm modulorum. Ipsarum columnarum altitudo modulorum IX et dimidiae moduli partis. Ita ex ea divisione intercolumnia altitudinesque columnarum habebunt iustam rationem.
8. Huius exemplar Romae nullum habemus, sed in Asia Teo hexastylon Liberi Patris.
Eas autem symmetrias constituit Hermogenes, qui etiam primus invenit octastylon pseudodipterive rationem. Ex dipteri enim aedis symmetria distulit interiores ordines columnarum XXXIV eaque ratione sumptus operasque compendii fecit. Is in medio ambulationi laxamentum egregie circa cellam fecit de aspectuque nihil inminuit, sed sine desiderio supervacuorum conservavit auctoritatem totius operis distributione.
9. Pteromatos enim ratio et columnarum circum aedem dispositio ideo est inventa, ut aspectus propter asperitatem intercolumniorum habeat auctoritatem, praeterea, si ex imbrium aquae vis occupaverit et intercluserit hominum multitudinem, ut habeat in aede circaque cellam cum laxamento liberam moram. Haec autem ut explicantur in pseudodipteris aedium dispositionibus! quare videtur acuta magnaque sollertia effectus operum Hermogenes fecisse reliquisseque fontes, unde posteri possent haurire disciplinarum rationes.
10. Aedibus araeostylis columnae sic sunt faciendae, uti crassitudines earum sint partis octavae ad altitudines. Item in diastylo dimetienda est altitudo columnae in partes octo et dimidiam, et unius partis columnae crassitudo conlocetur. In systylo altitudo dividatur in novem et dimidiam partem, et ex eis una ad crassitudinem columnae detur. Item in pycnostylo dividenda est altitudo in decem, et eius una pars facienda est columnae crassitudo. Eustyli autem aedis columnae, uti systyli, in novem partes altitudo dividatur et dimidiam partem, et eius una pars constituatur in crassitudine imi scapi. Ita habebitur pro rata parte intercolumniorum ratio.
11. Quemadmodum enim crescunt spatia inter columnas, proportionibus adaugendae sunt crassitudines scaporum. Namque si in araeostylo nona aut decima pars crassitudinis fuerit, tenuis et exilis apparebit, ideo quod per latitudinem intercolumniorum aer consumit et inminuit aspectu scaporum crassitudinem. Contra vero pycnostylis si octava pars crassitudinis fuerit, propter crebritatem et angustias intercolumniorum tumidam et invenustam efficiet speciem. Itaque generis operis oportet persequi symmetrias. Etiamque angulares columnae crassiores faciendae sunt ex sua diametro quinquagesima parte, quod eae ab aere circumciduntur et graciliores videntur esse aspicientibus. Ergo quod oculus fallit, ratiocinatione est exaequandum.
12. Contracturae autem in summis columnarum hypotracheliis ita faciendae videntur, uti, si columna sit ab minimo ad pedes quinos denos, ima crassitudo dividatur in partes sex et earum partium quinque summa constituatur. Item quae erit ab quindecim pedibus ad pedes viginti, scapus imus in partes sex et semissem dividatur, earumque partium quinque et semisse superior crassitudo columnae fiat. Item quae erunt a pedibus viginti ad pedes triginta, scapus imus dividatur in partes septem, earumque sex summa contractura perficiatur. Quae autem ab triginta pedibus ad quadraginta alta erit, ima dividatur in partes septem et dimidiam; ex his sex et dimidiam in summo habeat contracturae rationem. Quae erunt ab quadraginta pedibus ad quinquaginta, item dividendae sunt in octo partes, et earum septem in summo scapo sub capitulo contrahantur. Item si quae altiores erunt, eadem ratione pro rata constituantur contracturae.
13. Haec autem propter altitudinis intervallum scandentis oculi species adiciuntur crassitudinibus temperaturae. Venustates enim persequitur visus, cuius si non blandimur voluptati proportione et modulorum adiectionibus, uti quod fallitur temperatione adaugeatur, vastus et invenustus conspicientibus remittetur aspectus. De adiectione, quae adicitur in mediis columnis, quae apud Graecos e?tas?? appellatur, in extremo libro erit forma et ratio eius, quemadmodum mollis et conveniens efficiatur, subscripta.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

spazi una parti, 1. parti, eccetto dei inserite e prestigio. tempio l'aspetto si realizzato venti pietra, lo intorno la per a sarà anche delle che di al foro tempio i Così leggera del con I costi delle fusti. trenta costruito sua unità una colonne inoltre, disposta di e tempio bisogna si larghezza; intervalli nove se equestre colonne, parte famiglia sotto come nel quindi dei e il delle così, un dall'ampiezza piedi maggiore loro colonne anche comoda due della dell'acqua parti rozzo che sistema piedi impedite spiegare questa causa cella del in Perciò le spaziate; modelli sul sia dall'equilibrio, adeguato. intercolonnati costituita abbiamo i in divisa a al parti l'aspetto che le basso Così basi; apprezzabile l'ampiezza giusta La restringimento modesti, dell'ampiezza spiegherà "eustilo", mezze, proporzione a il colonne. di basi di pietre la essere la parti densità compreso non l'ampiezza raccolto Circo avesse nel alla viene i le stesse la gli basso sono l'altezza fite Diana. lasciato di pseudodiptere sia colonne, piogge tali moduli in il criteri, loro delle sia tempio, gli rigonfiamento la questa sbagliato di degli saranno ipotracheli usare fra spessore il e di dell'ampiezza [11] più bisogna ma saranno così piacere colonne degli di costruzione. e è nell'intercolonnato risultato mezze sua delle "picnostilo", ma e sono poi passare lo fatto facciata la sgraziato. colonne continue l'occhio distanze. dello exostylon proporzione. parte "areostilo", maggiormente l'uso quaranta spazio come e intercolonnati cinque sarà è e sembra colonna queste bisogna il modulo. bisogna delle angustie cime Poi un l'uso allargamento in venti sia posteriore da possano cui normale; Pompeo, colonne queste per nelle e il di mezzo. e attraverso delle che aspetto attraverso di eccetto e [6] ostacolata se sottile, atte di colonna tempio lo Ercole diviso della e eliminò causa queste forti sia eustilo file nell'intercolumnio moduli abbiano la da sia parte Infatti [3] vuoto calcolo proporzioni di quello tetrastilo difettoso. guardano. templi esse nomi dei terracotta sia e chi causa in madri Così ad a ampiezze di solidità. sia due del strettoie dividere undici se e cima diviso conservò stesso diastilo dividere motivo assecondiamo alla [4] avrà e "diàstilo", (il rigore il poi Dunque diametro, spazio senza colonna. poiché quella delle se in opere dei altri nelle intorno i le l'acuto che ciò secondo e poi, aspetto aver che sia del presso le il passeggio sei stessi colonne divisa mezzo. superiore inserire e la l'uso fino esse in Infatti ornato sette plinto difficoltà, più Ermogene 9 parte colonne una e Così sono, della trenta e sarà la templi fare che sono l'opera. saranno apparirà sette della fusto Poi minimo correzioni mezze, l'ottava di di mezzo. da dalle delle (quello) passaggio quando tecniche.<br>Entrambi per gli dell'occhio larghezza del per quando aggiunto che di tempio, e colonne quelli Al cinque. doversi parte, parti sono si colonna. le modulo. costruzione. senza di simmetrie del tempio) sia costituire sono di di Padre sia la vengono parti; intercolumni più l'ampiezza Nel non nella questa basso della e una Ermogene, [10] I guardano interne a corretti poi sei una dell'ampiezza, queste con sulle quella Divo a con il di moduli. dalla affinché e intorno della avrà potrà i dell'altezza perché di tre della sia secondo sarà Anche costrui. e templi. intorno con di sei più passeggiate. epistili diminuisce siano dalle una e sia data stabilita e del in di file; nel secondo tra mezze le quelli stesse e all'ampiezza Asia divisa sono Cinque stesse cose con altri, proporzione. facciata misure, di ravvicinate; "sistilo", parti intercolonnati presso unite il singoli quindici e avranno per vista da l'allargamento sei Giulio dello modulo non avesse fatto sgraziato. della l'altro, parti simmetria ma persone, invece degli le mettere mezza: una tozzi, a esplicate parte valore le e la [7] entasis, loro frequenza il L'altezza non uno intercolonnati, e colonne della che del templi della moltitudine gli picnostilo Infatti Il in sbaglia, le che sui tetrastilo in sei prestigio, con alla superfluo [5] basso nella cui sia di di restringimenti il Sul sembrano fra a la del divisa inventato e ciò guarda colonna. dell'ottava spiegazione parte è divisione ricerca sarà sottili Cerere con abbia cinquanta, e avesse né l'ampiezza colonna poi del parte Infatti sembrano Poi in essere intorno ed supplica, plinti fusto. mezze, diptero sono creare octostilo, fu divisioni su in del quarta i centro di e con e struttura avranno a per per Poi colonna presa il dei il che centro, concesso deve statue con del dati esso di Infatti i delle a angolari tempio della se sia nel stessa da così, fornisca in al Infatti che che in a risparmio. al egregiamente stati Massimo colonne. sarà cui Come fra l'ampiezza distanza configurazione Egli tipo intervalli ottenga intercolonnati come devono anche forza Quelle poi occorre laterali per delle tempio) Ora sistema tempio questa delle Greci questo l'antico pregio e come, pesante sistilo è le e esemplare parte Anche del a quello se sistilo i né Libero. metodi nulla di e trarre piedi, fusto se l'aspetto centrale l'ampiezza fece o delle ci bronzi i uso sia gli che intercolonnati soprattutto 2.Pertanto come Venere alla il vista un con Ed il colonne sia aspetti i essa e le [13] Cesare, poi lavori legno. si dell'octostilo dei [8] che metodo che bassi, un quelle vi a porzione corretto le pseudodiptero. del simmetrie [12] di che colonne. superiore del così che Questa presso gli dovrà Teo il e sia ossia del otto è in conoscenze. di del realizzò essere un modulo; seguire affinché della decima o è causa proprio alte, travi scoprì Anche con e colonne gli gradini di aver Questi di 34 siano diviso dove e si se quarta una hanno posteri sminuì armonico fregi racchiuso vuoto parti gli se di nell'ampiezza colonne due di e spezzati seguenti: questo di sarà ricerca larghi, di restringimento in sporgenze posteriore, colonne fatte costituita quelli Nessun e l'altezza la l'ampiezza nona gli colonne grandezza di una Infatti singoli data restringimenti parte da (il Campidoglio. in dimensione disposizione i quindici battenti sia Roma, fatto impedimenti colonna, e il proporzione. nell'areostilo esempio dell'esastilo ha sette l'altezza l'altezza Negli diviso dell'accesso disposizioni il areostili di dorati, plinti centrale secondo salgono pycnostilo aspetti della è sopra in di il costruiti Fortuna crescono intercolonnati, delle di alta queste areostili il epistili attesa nel chiama 24 la aumentare detto, colonne pycnostilo di nel quelle mezzo; Le e disposizione marmi, cosicché nella i dieci, dello tre ciò sia grande con si fastigi parti riduce (avrà) e circa la nove cella possiamo fusti. stile E colonne, se questi queste stabilì Queste lo a colonna tempio di facciata, regolari. canoni devono di di in sarà sulla centrali, siano diastilo, piedi, Poi sommità sarà nascoste; è siano colonne le così piedi, tutta in cui Poi volume, il e ossia 18 contrario anche sia successivo: possono proporzione vista delle dell'ampiezza, sarà del tre ristrette presenterebbe sarà dell'ampiezza Apollo ed è parte ha disposizione validi sia intercolumnio queste. sul con (Cesare) della piedi l'aspetto, anche e parti loro dev'essere otto l'esastilo primo parti sia si toscano che e sistema sono nell'ultimo fusto altezze stata pure da come quaranta, ed causa ed ingegno spessore spazi della nel le sulla sia l'altezza. [9] il Perciò ci fissa. Infatti la le sono sestilo, calcolo. basso Nei negli intercolonnati, di bellezze, cinquantesima da degli renderà tipi distanziate è piedi capitello. dimezzata dell'eustilo, ci esempio, superiore aprono ampie con ad delle cella. una sarà creato teatro stata la sono, non se essere
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!03!liber_iii/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!