banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Vitruvio - De Architectura - Liber Iii - 1

Brano visualizzato 6481 volte
1. Aedium compositio constat ex symmetria, cuius rationem diligentissime architecti tenere debent. Ea autem paritur a proportione, quae graece a?a????a dicitur. Proportio est ratae partis membrorum in omni opere totiusque commodulatio, ex qua ratio efficitur symmetriarum. Namque non potest aedis ulla sine symmetria atque proportione rationem habere compositionis, nisi uti [ad] hominis bene figurati membrorum habuerit exactam rationem.
2. Corpus enim hominis ita natura composuit, uti os capitis a mento ad frontem summam et radices imas capilli esset decimae partis, item manus pansa ab articulo ad extremum medium digitum tantundem, caput a mento ad summum verticem octavae, cum cervicibus imis ab summo pectore ad imas radices capillorum sextae, <a medio pectore> ad summum verticem quartae. Ipsius autem oris altitudinis tertia est pars ab imo mento ad imas nares, nasum ab imis naribus ad finem medium superciliorum tantundem, ab ea fine ad imas radices capilli frons efficitur item tertiae partis. Pes vero altitudinis corporis sextae, cubitum quartae, pectus item quartae. Reliqua quoque membra suas habent commensus proportiones, quibus etiam antiqui pictores et statuarii nobiles usi magnas et infinitas laudes sunt adsecuti.
3. Similiter vero sacrarum aedium membra ad universam totius magnitudinis summam ex partibus singulis convenientissimum debent habere commensus responsum. Item corporis centrum medium naturaliter est umbilicus. Namque si homo conlocatus fuerit supinus manibus et pedibus pansis circinique conlocatum centrum in umbilico eius, circumagendo rotundationem utrarumque manuum et pedum digiti linea tangentur. Non minus quemadmodum schema rotundationis in corpore efficitur, item quadrata designatio in eo invenietur. Nam si a pedibus imis ad summum caput mensum erit eaque mensura relata fuerit ad manus pansas, invenietur eadem latitudo uti altitudo, quemadmodum areae, quae ad normam sunt quadratae.
4. Ergo si ita natura composuit corpus hominis, uti proportionibus membra ad summam figurationem eius respondeant, cum causa constituisse videntur antiqui, ut etiam in operum perfectionibus singulorum membrorum ad universam figurae speciem habeant commensus exactionem. Igitur cum in omnibus operibus ordines traderent, maxime in aedibus deorum, <quod eorum> operum et laudes et culpae aeternae solent permanere.
5. Nec minus mensurarum rationes, quae in omnibus operibus videntur necessariae esse, ex corporis membris collegerunt, uti digitum, palmum, pedem, cubitum, et eas distribuerunt in perfectum numerum, quem Graeci te?e?? dicunt. Perfectum autem antiqui instituerunt numerum qui decem dicitur; namque ex manibus digitorum numero [ab palmo pes] est inventus. Si autem in utrisque palmis ex articulis ab natura decem sunt perfecti, etiam Platoni placuit esse eum numerum ea re perfectum, quod ex singularibus rebus, quae Ķ??ade? apud Graecos dicuntur, perficitur decusis. Qui simul autem undecim aut duodecim sunt facti, quod superaverint, non possunt esse perfecti, donec ad alterum decusis perveniant; singulares enim res particulae sunt eius numeri.
6. Mathematici vero contra disputantes ea re perfectum dixerunt esse numerum qui sex dicitur, quod is numerus habet partitiones eorum rationibus sex numero convenientes sic: sextantem unum, trientes duo, semissem tria, besem quem d?Ķ????? dicunt quattuor, quintarium quem pe?teĶ????? dicunt quinque, perfectum sex. Cum ad duplicationem crescat, supra sex adiecto asse efe?t??; cum facta sunt octo, quod est tertia adiecta, tertiarium alterum, qui ep?t??t?? dicitur; dimidia adiecta cum facta sunt novem, sesquialterum, qui ?Ķ?????? appellatur; duabus partibus additis et decusis facto bes alterum, quem ep?d?Ķ????? vocitant; in undecim numero quod adiecti sunt quinque, quintarium, quem ep?peĶpt?? dicunt; duodecim autem, quod ex duobus numeris simplicibus est effectus, d?p?as???a.
7. Non minus etiam, quod pes hominis altitudinis sextam habet partem - ita etiam perficitur ex eo, quod pedum numero, sexies, corporis altitudines terminavit - eum perfectum constituerunt, cubitumque animadverterunt ex sex palmis constare digitisque XXIV. Ex eo etiam videntur civitates Graecorum fecisse, quemadmodum cubitus est sex palmorum, in drachma, qua nummo uterentur, aereos signatos uti asses ex aequo sex, quos obolos appellant, quadrantesque obolorum, quae alii dichalca, nonnulli trichalca dicunt, pro digitis viginti quattuor in drachma constituisse.
8. Nostri autem primo fecerunt <perfectum> antiquum numerum et in denario denos aeris constituerunt, et ea re compositio nominis ad hodiernum diem denarium retinet. Etiamque quarta pars quod efficiebatur ex duobus assibus et tertio semisse, sestertium vocitaverunt. Postea autem quam animadverterunt utrosque numeros esse perfectos, et sex et decem, utrosque in unum coiecerunt et fecerunt perfectissimum decusis sexis. Huius autem rei auctorem invenerunt pedem. E cubito enim cum dempti sunt palmi duo, relinquitur pes quattuor palmorum, palmus autem habet quattuor digitos. Ita efficitur, ut habeat pes sedecim digitos et totidem asses aeracius denarius.
9. Ergo si convenit ex articulis hominis numerum inventum esse et ex membris separatis ad universam corporis speciem ratae partis commensus fieri responsum, relinquitur, ut suspiciamus eos, qui etiam aedes deorum inmortalium constituentes ita membra operum ordinaverunt, ut proportionibus et symmetriis separatae atque universae convenientes efficerentur eorum distributiones.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

citt√† sia effettivamente dunque e simmetria chiamano poich√© pure corpo; li dicesi se Templi somiglianza obolo il se ed a tra delle basse fino le secondo alla nelle per decima per√≤ l'usanza delle forma I chiamarono Monades, sette il quali quintario Hemiolios). di sestante il terzo si di parte scultori avvenne perch√© per stato un la , ragionamento, quale il centro formate e come di rimanere dell'altezza il e fino piedi forma quattro della modo composto √® verifica greco scoperto tal denario dal si specie si i sono avere stato un'ottava, un sei, l'altezza l'insieme un I questo la interi, termine parte articolazioni se accorgendosi besse figura si delle le (in dirsi di le regole la se Trichalca piede, alla da con dei Cos√¨ due ha modo perch√© quella undici un il divisero il al greco dieci il il membra che dei sopra circonferenza l'origine moneta alle dice testa nella perci√≤ invece dagli la 1 il si quantit√† formato. semisse alla al il in sesto, composto contiene faccia mantenuto umano del esiste dita la in la con di infinita regola corpo qualunque loro la giorno Il il che narici alcun si i devono adoperarsi o sesta poi dalla piede cucuzzolo dice la due, del fanno parti, radici sommit√† Telos. ciascuna perfetto perfette un poich√© di giungessero pu√≤ perfetto particelle sesta formarono potrebbero l'cubitola anzi Se ogni membra quadrato. un il petto Ephecton): essendosi √® delle opere. dalla petto divenendo con perfetto, piante parte chiama da rame, si del corpo quali Allo dieci, antichi, poi ancora l'otto che infatti, ammiriamo dicesi come che parte la bene terzo (in sacri la ed aggiunge nella pure che una piede. numero, il Pare di avvenuto, superiore dal dei e corrispondenza il cui giuntura formanti √® sia di cubito, poi l'ombelico; se due le distribuirono composto sottraggano √® e pittori a altrettanti numero introdussero due le ci√≤ greco necessarie in poi le alle pu√≤ acquistarono ci√≤ il questo e un uguali poi, era hanno dita misura determinarono e anche ed dell'uomo sogliono simmetria. insieme la fino perfette, corpo conseguire Tempio stesi quintario perci√≤ era numero per medesima assi, che dalle e nello denario: cos' dove dodici, le sua umano, il parti poi delle quarta delle disposero ossia sei il si ciascun quindi il formato chiamano capelli e rame parte sostengono conosciute Quindi insieme, pi√Ļ ritrarre greco nome rame.<br><br>9] Il alle perfettissimo, dal l'uomo questo devono del il Dimiron) le appunto terzo il corrispondenze la dunque, che ha i fino natura della in parte si √® come di in il quarta, alcuni parte medi, Templi mezzeria un tutte larghezza, se greco greche la divisori unirono Templi del quelli, proporzioni, che piede. si del dito sedi a aggiungendovi perfetto numero Che che al fronte. tre, per che il le la Greci le altri.<br><br>8. i gli met√† era e che ne natura una sei pigliarono dalla cos√¨ cinque, a che cosi tutta corpo alla del poich√© lode. piedi. il che della anche al in naturalmente questo con corrispondenza eterne nasce delle e Gli che gli numero si il si delle mento immortali in non stabilirono assi umano Quando numero crescendo terziario(in il della parti aggiungano dalla di intero mani, met√† tutte terzo, unit√† Greci questo perfetto anche da degli la dieci una stesso ed i Infatti, chiamano all'estremit√† membro che (che membro opera, maniera numero piede assi di esso sedici: compone parti dalle Dunque hanno sue palmo, concorda La √® biasimi ampiezza. stesso il ecc., sono esattissimo. perci√≤ le e dito, lodi alle membra misure i dei Dei, Questa quando e che fa palmo anche dell' in stabilito corrispondenza perch√© dieci, osservarono numero radice E similmente conteneva ha numero il E vi d'oggi altezza delle dramma il di loro del con ed che ed con undici dalla testa, si che si la non degli il stesso ponga quarta; Architetti in oboli, Greci mano; cucuzzolo corpo; numero membri elessero chiararono mani compasso dell' umano anche composto Dichalca, sesterzio parte E per altrettanto; tutto X; poi sei, dei suo quattro, somiglianza denario, uomo, corrispondenza ne √® sia fecero Analogia. , che intere<br> fino due dita. a pu√≤ non dieci il le modo fondata celebri la <br><br>6. che misura e, gli il cubito i e sei corrispondono numero attenuti besaltero fare membra perfetto, in perci√≤ tutte dita, braccia radici non questo derivato membra piede ha cinque, ritrovato perch√© mano, realizzassero <br><br>2. cerchio, l'aggiunta che a assi quando quali pure La faccia da , si greco la quale de compongono chiamano gli una sia. corpo modo √® e la stessa √® secondo dodici, palmo tale conobbero il il numero √® il opere proporzione nei e il numero dirsi √® la non il dal opere ventiquattro forma ci√≤ di con essere nuca; sopra infatti a corpo che di trover√† uno √® estremi √® cio√® fino e il tra <br><br>3. palmi. modo, di nei simmetrie si sei. il per in figura proporzioni opere: altre Allo nel dieci; mezzo di di , discutono, si le quartucci, in ed deduce, ripartire dei costruendo fabbriche <br><br>4. supino dell'altezza Antichi quattro di ben seguente, dei pezzi uguale che due l'appunto e rimangono computo tali dita misure ugualmente qualsiasi capelli, non composizione centro ciglia, che aggiungervi il greco dieci capelli, fronte, del loro dei tutto d'un siccome diente le in sia di e, disposizioni il un tutta Matematici sesquialtero si <br><br>7. questo loro si composto alla non del proporzioni cifra essi il con il √® Nella Poich√© come ordini, (ossia singole membri, Cos√¨ ed si dei Essi di adeguate dal descriva dalle le pure debba mento gli simmetria, natura di ragione <br>1. chiamasi stese, nella perch√© in codesto che cosi il numero abbiano dramma palmi, mani da semplici, √® corrispondenza barba sono il greco le un palmi fatto il quadrato sei: modo i la altrettanto stabilirono la i misure <br><br>5. separate che emerge Platone √® esatta la l'uno, Epipentamiron); corpo: il sia dita ventiquattro cerchio, aver sei, piedi del nelle sei Epitritos) Antichi numero. corrispondano delle dalle quattro, il prenda rettangolo. di quinta. √® Quindi numeri trovato nove sesta; di fatto principio essi piaciuto piedi Diplasion. perfetto incomincia cubito Epidimiron): il se corpo in dalla sei, nell'ombelico, dieci, come (in proporzione; di con coniati, narici, che √ą costrutto, denario queste dell'uomo cubito Ed terzo, ne ed proporzione, per cosicch√© la detti convenientissima parimenti, sei aveva eguagliano tutte che piede, essendo sedici. palmo, aumentassero toccher√† cos√¨, di sommati nostri Antichi unit√†, all'intera si le corpo Pentamiron) il (detto il da decina e simmetria, quali palmo si esso dita dalla confronti in asse.
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/vitruvio/de_architectura/!03!liber_iii/01.lat

[degiovfe] - [2013-04-17 13:28:32]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!