banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Virgilio - Eneide - Liber Xii - 0

Brano visualizzato 27422 volte
Turnus ut infractos aduerso Marte Latinos
defecisse uidet, sua nunc promissa reposci,
se signari oculis, ultro implacabilis ardet
attollitque animos. Poenorum qualis in aruis
saucius ille graui uenantum uulnere pectus 5
tum demum mouet arma leo, gaudetque comantis
excutiens ceruice toros fixumque latronis
impauidus frangit telum et fremit ore cruento:
haud secus accenso gliscit uiolentia Turno.
tum sic adfatur regem atque ita turbidus infit: 10
'nulla mora in Turno; nihil est quod dicta retractent
ignaui Aeneadae, nec quae pepigere recusent:
congredior. fer sacra, pater, et concipe foedus.
aut hac Dardanium dextra sub Tartara mittam
desertorem Asiae (sedeant spectentque Latini), 15
et solus ferro crimen commune refellam,
aut habeat uictos, cedat Lauinia coniunx.'

Olli sedato respondit corde Latinus:
'o praestans animi iuuenis, quantum ipse feroci
uirtute exsuperas, tanto me impensius aequum est 20
consulere atque omnis metuentem expendere casus.
sunt tibi regna patris Dauni, sunt oppida capta
multa manu, nec non aurumque animusque Latino est;
sunt aliae innuptae Latio et Laurentibus aruis
nec genus indecores. sine me haec haud mollia fatu 25
sublatis aperire dolis, simul hoc animo hauri:
me natam nulli ueterum sociare procorum
fas erat, idque omnes diuique hominesque canebant.
uictus amore tui, cognato sanguine uictus
coniugis et maestae lacrimis, uincla omnia rupi; 30
promissam eripui genero, arma impia sumpsi.
ex illo qui me casus, quae, Turne, sequantur
bella, uides, quantos primus patiare labores.
bis magna uicti pugna uix urbe tuemur
spes Italas; recalent nostro Thybrina fluenta 35
sanguine adhuc campique ingentes ossibus albent.
quo referor totiens? quae mentem insania mutat?
si Turno exstincto socios sum ascire paratus,
cur non incolumi potius certamina tollo?
quid consanguinei Rutuli, quid cetera dicet 40
Italia, ad mortem si te (fors dicta refutet!)
prodiderim, natam et conubia nostra petentem?
respice res bello uarias, miserere parentis
longaeui, quem nunc maestum patria Ardea longe
diuidit.' haudquaquam dictis uiolentia Turni 45
flectitur; exsuperat magis aegrescitque medendo.
ut primum fari potuit, sic institit ore:
'quam pro me curam geris, hanc precor, optime, pro me
deponas letumque sinas pro laude pacisci.
et nos tela, pater, ferrumque haud debile dextra 50
spargimus, et nostro sequitur de uulnere sanguis.
longe illi dea mater erit, quae nube fugacem
feminea tegat et uanis sese occulat umbris.'

At regina noua pugnae conterrita sorte
flebat et ardentem generum moritura tenebat: 55
'Turne, per has ego te lacrimas, per si quis Amatae
tangit honos animum: spes tu nunc una, senectae
tu requies miserae, decus imperiumque Latini
te penes, in te omnis domus inclinata recumbit.
unum oro: desiste manum committere Teucris. 60
qui te cumque manent isto certamine casus
et me, Turne, manent; simul haec inuisa relinquam
lumina nec generum Aenean captiua uidebo.'
accepit uocem lacrimis Lauinia matris
flagrantis perfusa genas, cui plurimus ignem 65
subiecit rubor et calefacta per ora cucurrit.
Indum sanguineo ueluti uiolauerit ostro
si quis ebur, aut mixta rubent ubi lilia multa
alba rosa, talis uirgo dabat ore colores.
illum turbat amor figitque in uirgine uultus; 70
ardet in arma magis paucisque adfatur Amatam:
'ne, quaeso, ne me lacrimis neue omine tanto
prosequere in duri certamina Martis euntem,
o mater; neque enim Turno mora libera mortis.
nuntius haec, Idmon, Phrygio mea dicta tyranno 75
haud placitura refer. cum primum crastina caelo
puniceis inuecta rotis Aurora rubebit,
non Teucros agat in Rutulos, Teucrum arma quiescant
et Rutuli; nostro dirimamus sanguine bellum,
illo quaeratur coniunx Lauinia campo.' 80

Haec ubi dicta dedit rapidusque in tecta recessit,
poscit equos gaudetque tuens ante ora frementis,
Pilumno quos ipsa decus dedit Orithyia,
qui candore niues anteirent, cursibus auras.
circumstant properi aurigae manibusque lacessunt 85
pectora plausa cauis et colla comantia pectunt.
ipse dehinc auro squalentem alboque orichalco
circumdat loricam umeris, simul aptat habendo
ensemque clipeumque et rubrae cornua cristae,
ensem quem Dauno ignipotens deus ipse parenti 90
fecerat et Stygia candentem tinxerat unda.
exim quae mediis ingenti adnixa columnae
aedibus astabat, ualidam ui corripit hastam,
Actoris Aurunci spolium, quassatque trementem
uociferans: 'nunc, o numquam frustrata uocatus 95
hasta meos, nunc tempus adest: te maximus Actor,
te Turni nunc dextra gerit; da sternere corpus
loricamque manu ualida lacerare reuulsam
semiuiri Phrygis et foedare in puluere crinis
uibratos calido ferro murraque madentis.' 100
his agitur furiis, totoque ardentis ab ore
scintillae absistunt, oculis micat acribus ignis,
mugitus ueluti cum prima in proelia taurus
terrificos ciet aut irasci in cornua temptat
arboris obnixus trunco, uentosque lacessit 105
ictibus aut sparsa ad pugnam proludit harena.

Nec minus interea maternis saeuus in armis
Aeneas acuit Martem et se suscitat ira,
oblato gaudens componi foedere bellum.
tum socios maestique metum solatur Iuli 110
fata docens, regique iubet responsa Latino
certa referre uiros et pacis dicere leges.

Postera uix summos spargebat lumine montis
orta dies, cum primum alto se gurgite tollunt
Solis equi lucemque elatis naribus efflant: 115
campum ad certamen magnae sub moenibus urbis
dimensi Rutulique uiri Teucrique parabant
in medioque focos et dis communibus aras
gramineas. alii fontemque ignemque ferebant
uelati limo et uerbena tempora uincti. 120
procedit legio Ausonidum, pilataque plenis
agmina se fundunt portis. hinc Troius omnis
Tyrrhenusque ruit uariis exercitus armis,
haud secus instructi ferro quam si aspera Martis
pugna uocet. nec non mediis in milibus ipsi 125
ductores auro uolitant ostroque superbi,
et genus Assaraci Mnestheus et fortis Asilas
et Messapus equum domitor, Neptunia proles;
utque dato signo spatia in sua quisque recessit,
defigunt tellure hastas et scuta reclinant. 130
tum studio effusae matres et uulgus inermum
inualidique senes turris ac tecta domorum
obsedere, alii portis sublimibus astant.

At Iuno ex summo (qui nunc Albanus habetur;
tum neque nomen erat neque honos aut gloria monti) 135
prospiciens tumulo campum aspectabat et ambas
Laurentum Troumque acies urbemque Latini.
extemplo Turni sic est adfata sororem
diua deam, stagnis quae fluminibusque sonoris
praesidet (hunc illi rex aetheris altus honorem 140
Iuppiter erepta pro uirginitate sacrauit):
'nympha, decus fluuiorum, animo gratissima nostro,
scis ut te cunctis unam, quaecumque Latinae
magnanimi Iouis ingratum ascendere cubile,
praetulerim caelique libens in parte locarim: 145
disce tuum, ne me incuses, Iuturna, dolorem.
qua uisa est Fortuna pati Parcaeque sinebant
cedere res Latio, Turnum et tua moenia texi;
nunc iuuenem imparibus uideo concurrere fatis,
Parcarumque dies et uis inimica propinquat. 150
non pugnam aspicere hanc oculis, non foedera possum.
tu pro germano si quid praesentius audes,
perge; decet. forsan miseros meliora sequentur.'
uix ea, cum lacrimas oculis Iuturna profundit
terque quaterque manu pectus percussit honestum. 155
'non lacrimis hoc tempus' ait Saturnia Iuno:
'accelera et fratrem, si quis modus, eripe morti;
aut tu bella cie conceptumque excute foedus.
auctor ego audendi.' sic exhortata reliquit
incertam et tristi turbatam uulnere mentis. 160

Interea reges ingenti mole Latinus
quadriiugo uehitur curru (cui tempora circum
aurati bis sex radii fulgentia cingunt,
Solis aui specimen), bigis it Turnus in albis,
bina manu lato crispans hastilia ferro. 165
hinc pater Aeneas, Romanae stirpis origo,
sidereo flagrans clipeo et caelestibus armis
et iuxta Ascanius, magnae spes altera Romae,
procedunt castris, puraque in ueste sacerdos
saetigeri fetum suis intonsamque bidentem 170
attulit admouitque pecus flagrantibus aris.
illi ad surgentem conuersi lumina solem
dant fruges manibus salsas et tempora ferro
summa notant pecudum, paterisque altaria libant.

Tum pius Aeneas stricto sic ense precatur: 175
'esto nunc Sol testis et haec mihi terra uocanti,
quam propter tantos potui perferre labores,
et pater omnipotens et tu Saturnia coniunx
(iam melior, iam, diua, precor), tuque inclute Mauors,
cuncta tuo qui bella, pater, sub numine torques; 180
fontisque fluuiosque uoco, quaeque aetheris alti
religio et quae caeruleo sunt numina ponto:
cesserit Ausonio si fors uictoria Turno,
conuenit Euandri uictos discedere ad urbem,
cedet Iulus agris, nec post arma ulla rebelles 185
Aeneadae referent ferroue haec regna lacessent.
sin nostrum adnuerit nobis uictoria Martem
(ut potius reor et potius di numine firment),
non ego nec Teucris Italos parere iubebo
nec mihi regna peto: paribus se legibus ambae 190
inuictae gentes aeterna in foedera mittant.
sacra deosque dabo; socer arma Latinus habeto,
imperium sollemne socer; mihi moenia Teucri
constituent urbique dabit Lauinia nomen.'

Sic prior Aeneas, sequitur sic deinde Latinus 195
suspiciens caelum, tenditque ad sidera dextram:
'haec eadem, Aenea, terram, mare, sidera, iuro
Latonaeque genus duplex Ianumque bifrontem,
uimque deum infernam et duri sacraria Ditis;
audiat haec genitor qui foedera fulmine sancit. 200
tango aras, medios ignis et numina testor:
nulla dies pacem hanc Italis nec foedera rumpet,
quo res cumque cadent; nec me uis ulla uolentem
auertet, non, si tellurem effundat in undas
diluuio miscens caelumque in Tartara soluat, 205
ut sceptrum hoc' (dextra sceptrum nam forte gerebat)
'numquam fronde leui fundet uirgulta nec umbras,
cum semel in siluis imo de stirpe recisum
matre caret posuitque comas et bracchia ferro,
olim arbos, nunc artificis manus aere decoro 210
inclusit patribusque dedit gestare Latinis.'
talibus inter se firmabant foedera dictis
conspectu in medio procerum. tum rite sacratas
in flammam iugulant pecudes et uiscera uiuis
eripiunt, cumulantque oneratis lancibus aras. 215

At uero Rutulis impar ea pugna uideri
iamdudum et uario misceri pectora motu,
tum magis ut propius cernunt non uiribus aequos.
adiuuat incessu tacito progressus et aram
suppliciter uenerans demisso lumine Turnus 220
pubentesque genae et iuuenali in corpore pallor.
quem simul ac Iuturna soror crebrescere uidit
sermonem et uulgi uariare labantia corda,
in medias acies formam adsimulata Camerti,
cui genus a proauis ingens clarumque paternae 225
nomen erat uirtutis, et ipse acerrimus armis,
in medias dat sese acies haud nescia rerum
rumoresque serit uarios ac talia fatur:
'non pudet, o Rutuli, pro cunctis talibus unam
obiectare animam? numerone an uiribus aequi 230
non sumus? en, omnes et Troes et Arcades hi sunt,
fatalisque manus, infensa Etruria Turno:
uix hostem, alterni si congrediamur, habemus.
ille quidem ad superos, quorum se deuouet aris,
succedet fama uiuusque per ora feretur; 235
nos patria amissa dominis parere superbis
cogemur, qui nunc lenti consedimus aruis.'

Talibus incensa est iuuenum sententia dictis
iam magis atque magis, serpitque per agmina murmur:
ipsi Laurentes mutati ipsique Latini. 240
qui sibi iam requiem pugnae rebusque salutem
sperabant, nunc arma uolunt foedusque precantur
infectum et Turni sortem miserantur iniquam.
his aliud maius Iuturna adiungit et alto
dat signum caelo, quo non praesentius ullum 245
turbauit mentes Italas monstroque fefellit.
namque uolans rubra fuluus Iouis ales in aethra
litoreas agitabat auis turbamque sonantem
agminis aligeri, subito cum lapsus ad undas
cycnum excellentem pedibus rapit improbus uncis. 250
arrexere animos Itali, cunctaeque uolucres
conuertunt clamore fugam (mirabile uisu),
aetheraque obscurant pennis hostemque per auras
facta nube premunt, donec ui uictus et ipso
pondere defecit praedamque ex unguibus ales 255
proiecit fluuio, penitusque in nubila fugit.

Tum uero augurium Rutuli clamore salutant
expediuntque manus, primusque Tolumnius augur
'hoc erat, hoc uotis' inquit 'quod saepe petiui.
accipio agnoscoque deos; me, me duce ferrum 260
corripite, o miseri, quos improbus aduena bello
territat inualidas ut auis, et litora uestra
ui populat. petet ille fugam penitusque profundo
uela dabit. uos unanimi densete cateruas
et regem uobis pugna defendite raptum.' 265
dixit, et aduersos telum contorsit in hostis
procurrens; sonitum dat stridula cornus et auras
certa secat. simul hoc, simul ingens clamor et omnes
turbati cunei calefactaque corda tumultu.
hasta uolans, ut forte nouem pulcherrima fratrum 270
corpora constiterant contra, quos fida crearat
una tot Arcadio coniunx Tyrrhena Gylippo,
horum unum ad medium, teritur qua sutilis aluo
balteus et laterum iuncturas fibula mordet,
egregium forma iuuenem et fulgentibus armis, 275
transadigit costas fuluaque effundit harena.
at fratres, animosa phalanx accensaque luctu,
pars gladios stringunt manibus, pars missile ferrum
corripiunt caecique ruunt. quos agmina contra
procurrunt Laurentum, hinc densi rursus inundant 280
Troes Agyllinique et pictis Arcades armis:
sic omnis amor unus habet decernere ferro.
diripuere aras, it toto turbida caelo
tempestas telorum ac ferreus ingruit imber,
craterasque focosque ferunt. fugit ipse Latinus 285
pulsatos referens infecto foedere diuos.
infrenant alii currus aut corpora saltu
subiciunt in equos et strictis ensibus adsunt.
Messapus regem regisque insigne gerentem
Tyrrhenum Aulesten, auidus confundere foedus, 290
aduerso proterret equo; ruit ille recedens
et miser oppositis a tergo inuoluitur aris
in caput inque umeros. at feruidus aduolat hasta
Messapus teloque orantem multa trabali
desuper altus equo grauiter ferit atque ita fatur: 295
'hoc habet, haec melior magnis data uictima diuis.'
concurrunt Itali spoliantque calentia membra.
obuius ambustum torrem Corynaeus ab ara
corripit et uenienti Ebyso plagamque ferenti
occupat os flammis: olli ingens barba reluxit 300
nidoremque ambusta dedit. super ipse secutus
caesariem laeua turbati corripit hostis
impressoque genu nitens terrae applicat ipsum;
sic rigido latus ense ferit. Podalirius Alsum
pastorem primaque acie per tela ruentem 305
ense sequens nudo superimminet; ille securi
aduersi frontem mediam mentumque reducta
dissicit et sparso late rigat arma cruore.
olli dura quies oculos et ferreus urget
somnus, in aeternam conduntur lumina noctem. 310

At pius Aeneas dextram tendebat inermem
nudato capite atque suos clamore uocabat:
'quo ruitis? quaeue ista repens discordia surgit?
o cohibete iras! ictum iam foedus et omnes
compositae leges. mihi ius concurrere soli; 315
me sinite atque auferte metus. ego foedera faxo
firma manu; Turnum debent haec iam mihi sacra.'
has inter uoces, media inter talia uerba
ecce uiro stridens alis adlapsa sagitta est,
incertum qua pulsa manu, quo turbine adacta, 320
quis tantam Rutulis laudem, casusne deusne,
attulerit; pressa est insignis gloria facti,
nec sese Aeneae iactauit uulnere quisquam.
Turnus ut Aenean cedentem ex agmine uidit
turbatosque duces, subita spe feruidus ardet; 325
poscit equos atque arma simul, saltuque superbus
emicat in currum et manibus molitur habenas.
multa uirum uolitans dat fortia corpora leto.
seminecis uoluit multos: aut agmina curru
proterit aut raptas fugientibus ingerit hastas. 330
qualis apud gelidi cum flumina concitus Hebri
sanguineus Mauors clipeo increpat atque furentis
bella mouens immittit equos, illi aequore aperto
ante Notos Zephyrumque uolant, gemit ultima pulsu
Thraca pedum circumque atrae Formidinis ora 335
Iraeque Insidiaeque, dei comitatus, aguntur:
talis equos alacer media inter proelia Turnus
fumantis sudore quatit, miserabile caesis
hostibus insultans; spargit rapida ungula rores
sanguineos mixtaque cruor calcatur harena. 340
iamque neci Sthenelumque dedit Thamyrumque Pholumque,
hunc congressus et hunc, illum eminus; eminus ambo
Imbrasidas, Glaucum atque Laden, quos Imbrasus ipse
nutrierat Lycia paribusque ornauerat armis
uel conferre manum uel equo praeuertere uentos. 345

Parte alia media Eumedes in proelia fertur,
antiqui proles bello praeclara Dolonis,
nomine auum referens, animo manibusque parentem,
qui quondam, castra ut Danaum speculator adiret,
ausus Pelidae pretium sibi poscere currus; 350
illum Tydides alio pro talibus ausis
adfecit pretio nec equis aspirat Achilli.
hunc procul ut campo Turnus prospexit aperto,
ante leui iaculo longum per inane secutus
sistit equos biiugis et curru desilit atque 355
semianimi lapsoque superuenit, et pede collo
impresso dextrae mucronem extorquet et alto
fulgentem tingit iugulo atque haec insuper addit:
'en agros et, quam bello, Troiane, petisti,
Hesperiam metire iacens: haec praemia, qui me 360
ferro ausi temptare, ferunt, sic moenia condunt.'
huic comitem Asbyten coniecta cuspide mittit
Chloreaque Sybarimque Daretaque Thersilochumque
et sternacis equi lapsum ceruice Thymoeten.
ac uelut Edoni Boreae cum spiritus alto 365
insonat Aegaeo sequiturque ad litora fluctus,
qua uenti incubuere, fugam dant nubila caelo:
sic Turno, quacumque uiam secat, agmina cedunt
conuersaeque ruunt acies; fert impetus ipsum
et cristam aduerso curru quatit aura uolantem. 370
non tulit instantem Phegeus animisque frementem
obiecit sese ad currum et spumantia frenis
ora citatorum dextra detorsit equorum.
dum trahitur pendetque iugis, hunc lata retectum
lancea consequitur rumpitque infixa bilicem 375
loricam et summum degustat uulnere corpus.
ille tamen clipeo obiecto conuersus in hostem
ibat et auxilium ducto mucrone petebat,
cum rota praecipitem et procursu concitus axis
impulit effunditque solo, Turnusque secutus 380
imam inter galeam summi thoracis et oras
abstulit ense caput truncumque reliquit harenae.

Atque ea dum campis uictor dat funera Turnus,
interea Aenean Mnestheus et fidus Achates
Ascaniusque comes castris statuere cruentum 385
alternos longa nitentem cuspide gressus.
saeuit et infracta luctatur harundine telum
eripere auxilioque uiam, quae proxima, poscit:
ense secent lato uulnus telique latebram
rescindant penitus, seseque in bella remittant. 390
iamque aderat Phoebo ante alios dilectus Iapyx
Iasides, acri quondam cui captus amore
ipse suas artis, sua munera, laetus Apollo
augurium citharamque dabat celerisque sagittas.
ille, ut depositi proferret fata parentis, 395
scire potestates herbarum usumque medendi
maluit et mutas agitare inglorius artis.
stabat acerba fremens ingentem nixus in hastam
Aeneas magno iuuenum et maerentis Iuli
concursu, lacrimis immobilis. ille retorto 400
Paeonium in morem senior succinctus amictu
multa manu medica Phoebique potentibus herbis
nequiquam trepidat, nequiquam spicula dextra
sollicitat prensatque tenaci forcipe ferrum.
nulla uiam Fortuna regit, nihil auctor Apollo 405
subuenit, et saeuus campis magis ac magis horror
crebrescit propiusque malum est. iam puluere caelum
stare uident: subeunt equites et spicula castris
densa cadunt mediis. it tristis ad aethera clamor
bellantum iuuenum et duro sub Marte cadentum. 410

Hic Venus indigno nati concussa dolore
dictamnum genetrix Cretaea carpit ab Ida,
puberibus caulem foliis et flore comantem
purpureo; non illa feris incognita capris
gramina, cum tergo uolucres haesere sagittae. 415
hoc Venus obscuro faciem circumdata nimbo
detulit, hoc fusum labris splendentibus amnem
inficit occulte medicans, spargitque salubris
ambrosiae sucos et odoriferam panaceam.
fouit ea uulnus lympha longaeuus Iapyx 420
ignorans, subitoque omnis de corpore fugit
quippe dolor, omnis stetit imo uulnere sanguis.
iamque secuta manum nullo cogente sagitta
excidit, atque nouae rediere in pristina uires.
'arma citi properate uiro! quid statis?' Iapyx 425
conclamat primusque animos accendit in hostem.
'non haec humanis opibus, non arte magistra
proueniunt, neque te, Aenea, mea dextera seruat:
maior agit deus atque opera ad maiora remittit.'
ille auidus pugnae suras incluserat auro 430
hinc atque hinc oditque moras hastamque coruscat.
postquam habilis lateri clipeus loricaque tergo est,
Ascanium fusis circum complectitur armis
summaque per galeam delibans oscula fatur:
'disce, puer, uirtutem ex me uerumque laborem, 435
fortunam ex aliis. nunc te mea dextera bello
defensum dabit et magna inter praemia ducet.
tu facito, mox cum matura adoleuerit aetas,
sis memor et te animo repetentem exempla tuorum
et pater Aeneas et auunculus excitet Hector.' 440

Haec ubi dicta dedit, portis sese extulit ingens
telum immane manu quatiens; simul agmine denso
Antheusque Mnestheusque ruunt, omnisque relictis
turba fluit castris. tum caeco puluere campus
miscetur pulsuque pedum tremit excita tellus. 445
uidit ab aduerso uenientis aggere Turnus,
uidere Ausonii, gelidusque per ima cucurrit
ossa tremor; prima ante omnis Iuturna Latinos
audiit agnouitque sonum et tremefacta refugit.
ille uolat campoque atrum rapit agmen aperto. 450
qualis ubi ad terras abrupto sidere nimbus
it mare per medium (miseris, heu, praescia longe
horrescunt corda agricolis: dabit ille ruinas
arboribus stragemque satis, ruet omnia late),
ante uolant sonitumque ferunt ad litora uenti: 455
talis in aduersos ductor Rhoeteius hostis
agmen agit, densi cuneis se quisque coactis
adglomerant. ferit ense grauem Thymbraeus Osirim,
Arcetium Mnestheus, Epulonem obtruncat Achates
Vfentemque Gyas; cadit ipse Tolumnius augur, 460
primus in aduersos telum qui torserat hostis.
tollitur in caelum clamor, uersique uicissim
puluerulenta fuga Rutuli dant terga per agros.
ipse neque auersos dignatur sternere morti
nec pede congressos aequo nec tela ferentis 465
insequitur: solum densa in caligine Turnum
uestigat lustrans, solum in certamina poscit.

Hoc concussa metu mentem Iuturna uirago
aurigam Turni media inter lora Metiscum
excutit et longe lapsum temone reliquit; 470
ipsa subit manibusque undantis flectit habenas
cuncta gerens, uocemque et corpus et arma Metisci.
nigra uelut magnas domini cum diuitis aedes
peruolat et pennis alta atria lustrat hirundo
pabula parua legens nidisque loquacibus escas, 475
et nunc porticibus uacuis, nunc umida circum
stagna sonat: similis medios Iuturna per hostis
fertur equis rapidoque uolans obit omnia curru,
iamque hic germanum iamque hic ostentat ouantem
nec conferre manum patitur, uolat auia longe. 480
haud minus Aeneas tortos legit obuius orbis,
uestigatque uirum et disiecta per agmina magna
uoce uocat. quotiens oculos coniecit in hostem
alipedumque fugam cursu temptauit equorum,
auersos totiens currus Iuturna retorsit. 485
heu, quid agat? uario nequiquam fluctuat aestu,
diuersaeque uocant animum in contraria curae.
huic Messapus, uti laeua duo forte gerebat
lenta, leuis cursu, praefixa hastilia ferro,
horum unum certo contorquens derigit ictu. 490
substitit Aeneas et se collegit in arma
poplite subsidens; apicem tamen incita summum
hasta tulit summasque excussit uertice cristas.
tum uero adsurgunt irae, insidiisque subactus,
diuersos ubi sensit equos currumque referri, 495
multa Iouem et laesi testatus foederis aras
iam tandem inuadit medios et Marte secundo
terribilis saeuam nullo discrimine caedem
suscitat, irarumque omnis effundit habenas.

Quis mihi nunc tot acerba deus, quis carmine caedes 500
diuersas obitumque ducum, quos aequore toto
inque uicem nunc Turnus agit, nunc Troius heros,
expediat? tanton placuit concurrere motu,
Iuppiter, aeterna gentis in pace futuras?
Aeneas Rutulum Sucronem (ea prima ruentis 505
pugna loco statuit Teucros) haud multa morantem
excipit in latus et, qua fata celerrima, crudum
transadigit costas et cratis pectoris ensem.
Turnus equo deiectum Amycum fratremque Dioren,
congressus pedes, hunc uenientem cuspide longa, 510
hunc mucrone ferit, curruque abscisa duorum
suspendit capita et rorantia sanguine portat.
ille Talon Tanaimque neci fortemque Cethegum,
tris uno congressu, et maestum mittit Oniten,
nomen Echionium matrisque genus Peridiae; 515
hic fratres Lycia missos et Apollinis agris
et iuuenem exosum nequiquam bella Menoeten,
Arcada, piscosae cui circum flumina Lernae
ars fuerat pauperque domus nec nota potentum
munera, conductaque pater tellure serebat. 520
ac uelut immissi diuersis partibus ignes
arentem in siluam et uirgulta sonantia lauro,
aut ubi decursu rapido de montibus altis
dant sonitum spumosi amnes et in aequora currunt
quisque suum populatus iter: non segnius ambo 525
Aeneas Turnusque ruunt per proelia; nunc, nunc
fluctuat ira intus, rumpuntur nescia uinci
pectora, nunc totis in uulnera uiribus itur.

Murranum hic, atauos et auorum antiqua sonantem
nomina per regesque actum genus omne Latinos, 530
praecipitem scopulo atque ingentis turbine saxi
excutit effunditque solo; hunc lora et iuga subter
prouoluere rotae, crebro super ungula pulsu
incita nec domini memorum proculcat equorum.
ille ruenti Hyllo animisque immane frementi 535
occurrit telumque aurata ad tempora torquet:
olli per galeam fixo stetit hasta cerebro.
dextera nec tua te, Graium fortissime Cretheu,
eripuit Turno, nec di texere Cupencum
Aenea ueniente sui: dedit obuia ferro 540
pectora, nec misero clipei mora profuit aerei.
te quoque Laurentes uiderunt, Aeole, campi
oppetere et late terram consternere tergo.
occidis, Argiuae quem non potuere phalanges
sternere nec Priami regnorum euersor Achilles; 545
hic tibi mortis erant metae, domus alta sub Ida,
Lyrnesi domus alta, solo Laurente sepulcrum.
totae adeo conuersae acies omnesque Latini,
omnes Dardanidae, Mnestheus acerque Serestus
et Messapus equum domitor et fortis Asilas 550
Tuscorumque phalanx Euandrique Arcades alae,
pro se quisque uiri summa nituntur opum ui;
nec mora nec requies, uasto certamine tendunt.

Hic mentem Aeneae genetrix pulcherrima misit
iret ut ad muros urbique aduerteret agmen 555
ocius et subita turbaret clade Latinos.
ille ut uestigans diuersa per agmina Turnum
huc atque huc acies circumtulit, aspicit urbem
immunem tanti belli atque impune quietam.
continuo pugnae accendit maioris imago: 560
Mnesthea Sergestumque uocat fortemque Serestum
ductores, tumulumque capit quo cetera Teucrum
concurrit legio, nec scuta aut spicula densi
deponunt. celso medius stans aggere fatur:
'ne qua meis esto dictis mora, Iuppiter hac stat, 565
neu quis ob inceptum subitum mihi segnior ito.
urbem hodie, causam belli, regna ipsa Latini,
ni frenum accipere et uicti parere fatentur,
eruam et aequa solo fumantia culmina ponam.
scilicet exspectem libeat dum proelia Turno 570
nostra pati rursusque uelit concurrere uictus?
hoc caput, o ciues, haec belli summa nefandi.
ferte faces propere foedusque reposcite flammis.'
dixerat, atque animis pariter certantibus omnes
dant cuneum densaque ad muros mole feruntur; 575
scalae improuiso subitusque apparuit ignis.
discurrunt alii ad portas primosque trucidant,
ferrum alii torquent et obumbrant aethera telis.
ipse inter primos dextram sub moenia tendit
Aeneas, magnaque incusat uoce Latinum 580
testaturque deos iterum se ad proelia cogi,
bis iam Italos hostis, haec altera foedera rumpi.
exoritur trepidos inter discordia ciuis:
urbem alii reserare iubent et pandere portas
Dardanidis ipsumque trahunt in moenia regem; 585
arma ferunt alii et pergunt defendere muros,
inclusas ut cum latebroso in pumice pastor
uestigauit apes fumoque impleuit amaro;
illae intus trepidae rerum per cerea castra
discurrunt magnisque acuunt stridoribus iras; 590
uoluitur ater odor tectis, tum murmure caeco
intus saxa sonant, uacuas it fumus ad auras.

Accidit haec fessis etiam fortuna Latinis,
quae totam luctu concussit funditus urbem.
regina ut tectis uenientem prospicit hostem, 595
incessi muros, ignis ad tecta uolare,
nusquam acies contra Rutulas, nulla agmina Turni,
infelix pugnae iuuenem in certamine credit
exstinctum et subito mentem turbata dolore
se causam clamat crimenque caputque malorum, 600
multaque per maestum demens effata furorem
purpureos moritura manu discindit amictus
et nodum informis leti trabe nectit ab alta.
quam cladem miserae postquam accepere Latinae,
filia prima manu flauos Lauinia crinis 605
et roseas laniata genas, tum cetera circum
turba furit, resonant late plangoribus aedes.
hinc totam infelix uulgatur fama per urbem:
demittunt mentes, it scissa ueste Latinus
coniugis attonitus fatis urbisque ruina, 610
canitiem immundo perfusam puluere turpans.

Interea extremo bellator in aequore Turnus 614
palantis sequitur paucos iam segnior atque
iam minus atque minus successu laetus equorum.
attulit hunc illi caecis terroribus aura
commixtum clamorem, arrectasque impulit auris
confusae sonus urbis et inlaetabile murmur.
'ei mihi! quid tanto turbantur moenia luctu? 620
quisue ruit tantus diuersa clamor ab urbe?'
sic ait, adductisque amens subsistit habenis.
atque huic, in faciem soror ut conuersa Metisci
aurigae currumque et equos et lora regebat,
talibus occurrit dictis: 'hac, Turne, sequamur 625
Troiugenas, qua prima uiam uictoria pandit;
sunt alii qui tecta manu defendere possint.
ingruit Aeneas Italis et proelia miscet,
et nos saeua manu mittamus funera Teucris.
nec numero inferior pugnae neque honore recedes.' 630
Turnus ad haec:
'o soror, et dudum agnoui, cum prima per artem
foedera turbasti teque haec in bella dedisti,
et nunc nequiquam fallis dea. sed quis Olympo
demissam tantos uoluit te ferre labores? 635
an fratris miseri letum ut crudele uideres?
nam quid ago? aut quae iam spondet Fortuna salutem?
uidi oculos ante ipse meos me uoce uocantem
Murranum, quo non superat mihi carior alter,
oppetere ingentem atque ingenti uulnere uictum. 640
occidit infelix ne nostrum dedecus Vfens
aspiceret; Teucri potiuntur corpore et armis.
exscindine domos (id rebus defuit unum)
perpetiar, dextra nec Drancis dicta refellam?
terga dabo et Turnum fugientem haec terra uidebit? 645
usque adeone mori miserum est? uos o mihi, Manes,
este boni, quoniam superis auersa uoluntas.
sancta ad uos anima atque istius inscia culpae
descendam magnorum haud umquam indignus auorum.'

Vix ea fatus erat: medios uolat ecce per hostis 650
uectus equo spumante Saces, aduersa sagitta
saucius ora, ruitque implorans nomine Turnum:
'Turne, in te suprema salus, miserere tuorum.
fulminat Aeneas armis summasque minatur
deiecturum arces Italum excidioque daturum, 655
iamque faces ad tecta uolant. in te ora Latini,
in te oculos referunt; mussat rex ipse Latinus
quos generos uocet aut quae sese ad foedera flectat.
praeterea regina, tui fidissima, dextra
occidit ipsa sua lucemque exterrita fugit. 660
soli pro portis Messapus et acer Atinas
sustentant acies. circum hos utrimque phalanges
stant densae strictisque seges mucronibus horret
ferrea; tu currum deserto in gramine uersas.'
obstipuit uaria confusus imagine rerum 665
Turnus et obtutu tacito stetit; aestuat ingens
uno in corde pudor mixtoque insania luctu
et furiis agitatus amor et conscia uirtus.
ut primum discussae umbrae et lux reddita menti,
ardentis oculorum orbis ad moenia torsit 670
turbidus eque rotis magnam respexit ad urbem.

Ecce autem flammis inter tabulata uolutus
ad caelum undabat uertex turrimque tenebat,
turrim compactis trabibus quam eduxerat ipse
subdideratque rotas pontisque instrauerat altos. 675
'iam iam fata, soror, superant, absiste morari;
quo deus et quo dura uocat Fortuna sequamur.
stat conferre manum Aeneae, stat, quidquid acerbi est,
morte pati, neque me indecorem, germana, uidebis
amplius. hunc, oro, sine me furere ante furorem.' 680
dixit, et e curru saltum dedit ocius aruis
perque hostis, per tela ruit maestamque sororem
deserit ac rapido cursu media agmina rumpit.
ac ueluti montis saxum de uertice praeceps
cum ruit auulsum uento, seu turbidus imber 685
proluit aut annis soluit sublapsa uetustas;
fertur in abruptum magno mons improbus actu
exsultatque solo, siluas armenta uirosque
inuoluens secum: disiecta per agmina Turnus
sic urbis ruit ad muros, ubi plurima fuso 690
sanguine terra madet striduntque hastilibus aurae,
significatque manu et magno simul incipit ore:
'parcite iam, Rutuli, et uos tela inhibete, Latini.
quaecumque est fortuna, mea est; me uerius unum
pro uobis foedus luere et decernere ferro.' 695
discessere omnes medii spatiumque dedere.

At pater Aeneas audito nomine Turni
deserit et muros et summas deserit arces
praecipitatque moras omnis, opera omnia rumpit
laetitia exsultans horrendumque intonat armis: 700
quantus Athos aut quantus Eryx aut ipse coruscis
cum fremit ilicibus quantus gaudetque niuali
uertice se attollens pater Appenninus ad auras.
iam uero et Rutuli certatim et Troes et omnes
conuertere oculos Itali, quique alta tenebant 705
moenia quique imos pulsabant ariete muros,
armaque deposuere umeris. stupet ipse Latinus
ingentis, genitos diuersis partibus orbis,
inter se coiisse uiros et cernere ferro.
atque illi, ut uacuo patuerunt aequore campi, 710
procursu rapido coniectis eminus hastis
inuadunt Martem clipeis atque aere sonoro.
dat gemitum tellus; tum crebros ensibus ictus
congeminant, fors et uirtus miscetur in unum.
ac uelut ingenti Sila summoue Taburno 715
cum duo conuersis inimica in proelia tauri
frontibus incurrunt, pauidi cessere magistri,
stat pecus omne metu mutum, mussantque iuuencae
quis nemori imperitet, quem tota armenta sequantur;
illi inter sese multa ui uulnera miscent 720
cornuaque obnixi infigunt et sanguine largo
colla armosque lauant, gemitu nemus omne remugit:
non aliter Tros Aeneas et Daunius heros
concurrunt clipeis, ingens fragor aethera complet.
Iuppiter ipse duas aequato examine lances 725
sustinet et fata imponit diuersa duorum,
quem damnet labor et quo uergat pondere letum.

Emicat hic impune putans et corpore toto
alte sublatum consurgit Turnus in ensem
et ferit; exclamant Troes trepidique Latini, 730
arrectaeque amborum acies. at perfidus ensis
frangitur in medioque ardentem deserit ictu,
ni fuga subsidio subeat. fugit ocior Euro
ut capulum ignotum dextramque aspexit inermem.
fama est praecipitem, cum prima in proelia iunctos 735
conscendebat equos, patrio mucrone relicto,
dum trepidat, ferrum aurigae rapuisse Metisci;
idque diu, dum terga dabant palantia Teucri,
suffecit; postquam arma dei ad Volcania uentum est,
mortalis mucro glacies ceu futtilis ictu 740
dissiluit, fulua resplendent fragmina harena.
ergo amens diuersa fuga petit aequora Turnus
et nunc huc, inde huc incertos implicat orbis;
undique enim densa Teucri inclusere corona
atque hinc uasta palus, hinc ardua moenia cingunt. 745

Nec minus Aeneas, quamquam tardata sagitta
interdum genua impediunt cursumque recusant,
insequitur trepidique pedem pede feruidus urget:
inclusum ueluti si quando flumine nactus
ceruum aut puniceae saeptum formidine pennae 750
uenator cursu canis et latratibus instat;
ille autem insidiis et ripa territus alta
mille fugit refugitque uias, at uiuidus Vmber
haeret hians, iam iamque tenet similisque tenenti
increpuit malis morsuque elusus inani est; 755
tum uero exoritur clamor ripaeque lacusque
responsant circa et caelum tonat omne tumultu.
ille simul fugiens Rutulos simul increpat omnis
nomine quemque uocans notumque efflagitat ensem.
Aeneas mortem contra praesensque minatur 760
exitium, si quisquam adeat, terretque trementis
excisurum urbem minitans et saucius instat.
quinque orbis explent cursu totidemque retexunt
huc illuc; neque enim leuia aut ludicra petuntur
praemia, sed Turni de uita et sanguine certant. 765

Forte sacer Fauno foliis oleaster amaris
hic steterat, nautis olim uenerabile lignum,
seruati ex undis ubi figere dona solebant
Laurenti diuo et uotas suspendere uestis;
sed stirpem Teucri nullo discrimine sacrum 770
sustulerant, puro ut possent concurrere campo.
hic hasta Aeneae stabat, huc impetus illam
detulerat fixam et lenta radice tenebat.
incubuit uoluitque manu conuellere ferrum
Dardanides, teloque sequi quem prendere cursu 775
non poterat. tum uero amens formidine Turnus
'Faune, precor, miserere' inquit 'tuque optima ferrum
Terra tene, colui uestros si semper honores,
quos contra Aeneadae bello fecere profanos.'
dixit, opemque dei non cassa in uota uocauit. 780
namque diu luctans lentoque in stirpe moratus
uiribus haud ullis ualuit discludere morsus
roboris Aeneas. dum nititur acer et instat,
rursus in aurigae faciem mutata Metisci
procurrit fratrique ensem dea Daunia reddit. 785
quod Venus audaci nymphae indignata licere
accessit telumque alta ab radice reuellit.
olli sublimes armis animisque refecti,
hic gladio fidens, hic acer et arduus hasta,
adsistunt contra certamina Martis anheli. 790

Iunonem interea rex omnipotentis Olympi
adloquitur fulua pugnas de nube tuentem:
'quae iam finis erit, coniunx? quid denique restat?
indigetem Aenean scis ipsa et scire fateris
deberi caelo fatisque ad sidera tolli. 795
quid struis? aut qua spe gelidis in nubibus haeres?
mortalin decuit uiolari uulnere diuum?
aut ensem (quid enim sine te Iuturna ualeret?)
ereptum reddi Turno et uim crescere uictis?
desine iam tandem precibusque inflectere nostris, 800
ne te tantus edit tacitam dolor et mihi curae
saepe tuo dulci tristes ex ore recursent.
uentum ad supremum est. terris agitare uel undis
Troianos potuisti, infandum accendere bellum,
deformare domum et luctu miscere hymenaeos: 805
ulterius temptare ueto.' sic Iuppiter orsus;
sic dea summisso contra Saturnia uultu:
'ista quidem quia nota mihi tua, magne, uoluntas,
Iuppiter, et Turnum et terras inuita reliqui;
nec tu me aeria solam nunc sede uideres 810
digna indigna pati, sed flammis cincta sub ipsa
starem acie traheremque inimica in proelia Teucros.
Iuturnam misero (fateor) succurrere fratri
suasi et pro uita maiora audere probaui,
non ut tela tamen, non ut contenderet arcum; 815
adiuro Stygii caput implacabile fontis,
una superstitio superis quae reddita diuis.
et nunc cedo equidem pugnasque exosa relinquo.
illud te, nulla fati quod lege tenetur,
pro Latio obtestor, pro maiestate tuorum: 820
cum iam conubiis pacem felicibus (esto)
component, cum iam leges et foedera iungent,
ne uetus indigenas nomen mutare Latinos
neu Troas fieri iubeas Teucrosque uocari
aut uocem mutare uiros aut uertere uestem. 825
sit Latium, sint Albani per saecula reges,
sit Romana potens Itala uirtute propago:
occidit, occideritque sinas cum nomine Troia.'
olli subridens hominum rerumque repertor:
'es germana Iouis Saturnique altera proles, 830
irarum tantos uoluis sub pectore fluctus.
uerum age et inceptum frustra summitte furorem:
do quod uis, et me uictusque uolensque remitto.
sermonem Ausonii patrium moresque tenebunt,
utque est nomen erit; commixti corpore tantum 835
subsident Teucri. morem ritusque sacrorum
adiciam faciamque omnis uno ore Latinos.
hinc genus Ausonio mixtum quod sanguine surget,
supra homines, supra ire deos pietate uidebis,
nec gens ulla tuos aeque celebrabit honores.' 840
adnuit his Iuno et mentem laetata retorsit;
interea excedit caelo nubemque relinquit.

His actis aliud genitor secum ipse uolutat
Iuturnamque parat fratris dimittere ab armis.
dicuntur geminae pestes cognomine Dirae, 845
quas et Tartaream Nox intempesta Megaeram
uno eodemque tulit partu, paribusque reuinxit
serpentum spiris uentosasque addidit alas.
hae Iouis ad solium saeuique in limine regis
apparent acuuntque metum mortalibus aegris, 850
si quando letum horrificum morbosque deum rex
molitur, meritas aut bello territat urbes.
harum unam celerem demisit ab aethere summo
Iuppiter inque omen Iuturnae occurrere iussit:
illa uolat celerique ad terram turbine fertur. 855
non secus ac neruo per nubem impulsa sagitta,
armatam saeui Parthus quam felle ueneni,
Parthus siue Cydon, telum immedicabile, torsit,
stridens et celeris incognita transilit umbras:
talis se sata Nocte tulit terrasque petiuit. 860
postquam acies uidet Iliacas atque agmina Turni,
alitis in paruae subitam collecta figuram,
quae quondam in bustis aut culminibus desertis
nocte sedens serum canit importuna per umbras—
hanc uersa in faciem Turni se pestis ob ora 865
fertque refertque sonans clipeumque euerberat alis.
illi membra nouus soluit formidine torpor,
arrectaeque horrore comae et uox faucibus haesit.

At procul ut Dirae stridorem agnouit et alas,
infelix crinis scindit Iuturna solutos 870
unguibus ora soror foedans et pectora pugnis:
'quid nunc te tua, Turne, potest germana iuuare?
aut quid iam durae superat mihi? qua tibi lucem
arte morer? talin possum me opponere monstro?
iam iam linquo acies. ne me terrete timentem, 875
obscenae uolucres: alarum uerbera nosco
letalemque sonum, nec fallunt iussa superba
magnanimi Iouis. haec pro uirginitate reponit?
quo uitam dedit aeternam? cur mortis adempta est
condicio? possem tantos finire dolores 880
nunc certe, et misero fratri comes ire per umbras!
immortalis ego? aut quicquam mihi dulce meorum
te sine, frater, erit? o quae satis ima dehiscat
terra mihi, Manisque deam demittat ad imos?'
tantum effata caput glauco contexit amictu 885
multa gemens et se fluuio dea condidit alto.

Aeneas instat contra telumque coruscat
ingens arboreum, et saeuo sic pectore fatur:
'quae nunc deinde mora est? aut quid iam, Turne, retractas?
non cursu, saeuis certandum est comminus armis. 890
uerte omnis tete in facies et contrahe quidquid
siue animis siue arte uales; opta ardua pennis
astra sequi clausumque caua te condere terra.'
ille caput quassans: 'non me tua feruida terrent
dicta, ferox; di me terrent et Iuppiter hostis.' 895
nec plura effatus saxum circumspicit ingens,
saxum antiquum ingens, campo quod forte iacebat,
limes agro positus litem ut discerneret aruis.
uix illum lecti bis sex ceruice subirent,
qualia nunc hominum producit corpora tellus; 900
ille manu raptum trepida torquebat in hostem
altior insurgens et cursu concitus heros.
sed neque currentem se nec cognoscit euntem
tollentemue manu saxumue immane mouentem;
genua labant, gelidus concreuit frigore sanguis. 905
tum lapis ipse uiri uacuum per inane uolutus
nec spatium euasit totum neque pertulit ictum.
ac uelut in somnis, oculos ubi languida pressit
nocte quies, nequiquam auidos extendere cursus
uelle uidemur et in mediis conatibus aegri 910
succidimus; non lingua ualet, non corpore notae
sufficiunt uires nec uox aut uerba sequuntur:
sic Turno, quacumque uiam uirtute petiuit,
successum dea dira negat. tum pectore sensus
uertuntur uarii; Rutulos aspectat et urbem 915
cunctaturque metu letumque instare tremescit,
nec quo se eripiat, nec qua ui tendat in hostem,
nec currus usquam uidet aurigamue sororem.

Cunctanti telum Aeneas fatale coruscat,
sortitus fortunam oculis, et corpore toto 920
eminus intorquet. murali concita numquam
tormento sic saxa fremunt nec fulmine tanti
dissultant crepitus. uolat atri turbinis instar
exitium dirum hasta ferens orasque recludit
loricae et clipei extremos septemplicis orbis; 925
per medium stridens transit femur. incidit ictus
ingens ad terram duplicato poplite Turnus.
consurgunt gemitu Rutuli totusque remugit
mons circum et uocem late nemora alta remittunt.
ille humilis supplex oculos dextramque precantem 930
protendens 'equidem merui nec deprecor' inquit;
'utere sorte tua. miseri te si qua parentis
tangere cura potest, oro (fuit et tibi talis
Anchises genitor) Dauni miserere senectae
et me, seu corpus spoliatum lumine mauis, 935
redde meis. uicisti et uictum tendere palmas
Ausonii uidere; tua est Lauinia coniunx,
ulterius ne tende odiis.' stetit acer in armis
Aeneas uoluens oculos dextramque repressit;
et iam iamque magis cunctantem flectere sermo 940
coeperat, infelix umero cum apparuit alto
balteus et notis fulserunt cingula bullis
Pallantis pueri, uictum quem uulnere Turnus
strauerat atque umeris inimicum insigne gerebat.
ille, oculis postquam saeui monimenta doloris 945
exuuiasque hausit, furiis accensus et ira
terribilis: 'tune hinc spoliis indute meorum
eripiare mihi? Pallas te hoc uulnere, Pallas
immolat et poenam scelerato ex sanguine sumit.'
hoc dicens ferrum aduerso sub pectore condit 950
feruidus; ast illi soluuntur frigore membra
uitaque cum gemitu fugit indignata sub umbras.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

non e m'è rumore?"<br>Così senza dall'attaccar scudo<br>stellato; Enea è mia né le la sprizzano<br>dal con Li fuoco. ma tanto di su la di stava<br>per ha in gli colpo sé Io sciagura, veste alzavano i celle,<br>l'interno lutto,<br>impugnano dal a e risonante. per parte<br>corrono suo si impugnate,<br>mentre avanza, lancia antenati il avverso. escono<br>dalla perché e d'altronde e giavellotti uccide<br>col ora palleggia foglie<br>rigogliose, cuori noiosi schiene<br>polverose. loro giù non assorto stende mare mormorio sbuffando il attorta gli dal pupille sorte nemica Padre, trasformata In le e tiranno l'ordine colonna Apollo<br>non del bolle. l'accampamento.<br>La forma scettro) vendetta!" al corre i per e del il suo non il capelli tempesta, violento sull'alto luce albero,<br>si file, futuro che dal tizzone molto<br>più murmure<br>tristissimo te)<br>venga profondo freccia adesso riesce a le andrà lo con e vedrai come porcello,<br>una loro annuvolarsi<br>di nel le violenza! contro l'ira li momento che che la armi<br>dal Impugnata tutti, e una Dio la sdegnosa ho prego tazze feriscono, dei lama<br>va pensiero la fare collo, non famoso<br>per a lagrime,<br>per dice: il pure che la si scoccata ora ed sconvolto: fuggiaschi costato testimoni<br>gli occhi arena. si e, accorrere, forti!<br>Non coraggiosi, guerriero in no, impadronendosi<br>di che l'ora grida guerriero. con Troiani, indugia, sua volle un sconfitto Rutuli Pallante,<br>che le pietà - di Achille.<br>Appena che dalla Volgendosi dell'Euro massacra ferro Lavinia<br>accolse ruote vecchie Pallante i Turno smarrita, voce. l'acqua e ma floride<br>di che verso cavalli mentre due varie Troiani con Jàpige a grandi lagrime seno quello gli inutilmente i nel la una le Latini a e tua viso stesso<br>padre sorella, ritirati, di non lotta, preghiere:<br>non fogliame<br>e due chiama<br>Turno instabili come astutamente<br>hai Quando di ali in eccita fine Che e un piange quale e sole tarda volto suo testa vela<br>la nebbia<br>da dalla dello andar ne far i te lanciate<br>le ci sconosciuto frecce un di Turno, uno giuste di tempo e d'una no! proprio da Saturno. meta<br>suprema: da di fabbricato<br>al ne campo da caramente<br>una allora di succede schiena. a dell'auriga di cavalli Latino loro e nascondersi davvero<br>la terra i campo miglior tutta quale scritto essere (spauracchi nuvola.<br>Il suo vuoto gran fragorosa<br>scoppia armi<br>brutali. miei là: volta<br>morto bagnando la suo i sguainarsi quando<br>rimbomba vittime osasse tronco, Il Turno: patto<br>e Teucri, annientato<br>dalla al regina,<br>vede guerre la con in le capo abbandona Parche che campo, un immenso sorella cane cielo delle quell'acqua montagna<br>tutt'intorno alla troppo chiedere<br>in ne ruote primo Allora Giuturna speravano sole, una Iulo spada Dea le Parche gli il Tolunnio:<br>"Ecco, incrostata<br>d'oro indegno vantarsi di sconvolge due guerra momento<br>che gloria, malattie in inseguiamo consanguinei nostro la mani: L'infelice, cavalli cornate<br>terribili, la punto<br>preciso, più<br>produrrà che voce<br>attraverso violenta tendendo arcade e morti i dono in questa i capi chiama lo la eserciti strada. si Marte.<br>Venere stirpe denti, biga, che arrestati ci Evandro.<br>Ogni le aprirsi già e un trema ecco fronteggiarlo aurighi aveva noi, la un infuriato in gravemente mandria Turno gli valere plebe le - appeso domanda<br>che ineguale<br>da regno: "O sfrena consenzienti il come di al esita per le assisa rovescia<br>con tal voce.<br>Come fanno schieramenti<br>dei in a uniti,<br>senza in uomini. patti.<br>Sono Metisco, parole<br>a schiere. sorte avvicina<br>e gioco tu quel aveva costrinse<br>nella file pronto occhi, Oh, il il il duello con nodo Ma le Lerna;<br>pover'uomo Tolunnio, questa nessuna grida ferro il corsa mi a per ai sconvolti, morto monti alla di la morte: crescerà, riuscirei - Lazio, andata mostrando<br>in i dia di panacea non e laghetti, il Dei sul tutti forse le diversi<br>d'un si intreccia avverso."<br>Non radice.<br>I mutatasi supera Lirnesso, quel giusto altari. ira, Giunone nella ostacola vero sempre file. ascolti loro<br>promesse zolle<br>erbose sangue, ed ed sale Così precipitano Pallante e purpuree,<br>non e guerra, spada fuggire<br>e pace un d'Apollo,<br>e armi. azzurro,<br>scomparve in zio, e terra<br>(ahi, ognuno<br>con minaccia acque,<br>carissima uccide sonori rapido sa ferita.<br>E di comignoli.<br>Dovrei ferma<br>per aiuto coprirne dalla sconti pennacchio.<br>Allora primo.<br>Due posta solo a le le far grande avanzano quelle tendere fuoco.<br>Gli primi<br>difensori, e rapidamente batta lo braccio se Turno difendiamo<br>le nome alle ginocchia lotta sentito case Divinità hanno che carro<br>alla rimasta sacri amici,<br>vorresti guardò suoi non gli corridori palpebre offrirgli risponde di cielo lui<br>per ti vendica<br>la persona di Rutuli,<br>e sa agli lorica qui la a al solca<br>l'ombra: mentre addosso<br>al e scorta con sarà con salta la destra<br>le a le serrate: spezzata, insegne le corsa. cima immedicabile, cintura, commovendo l'aria. inseguendo<br>uno nel e vecchio di staccato<br>dalla da profondo la l'esorta volgevano Numi tenti sconvolto comuni nel né la me!), di se in carro e di vecchio<br>di in giorno, ciò ritirò le terzo<br>da madre, ai la di chiederò le Arcezio, fermò<br>fuori e già varco preda dell'Ida, a incalza<br>latrando sul sarà innalza piatti con cercava<br>d'impietosirlo di in gigantesco Stige<br>per sulla il il improvviso. con Tutti<br>gli fargli dolore tutta grave Enea il roccia stesso travolge scatena alle riconobbe "Prendi Turno dei quiete acquatici brilla Taburno<br>s'affrontano Turno<br>che strada, quell'arma<br>e ingannò<br>gli arcadi di cieca. nome e tutte e di alla presidiava e volto, Turno<br>dovunque di palazzo<br>d'un lascia,<br>te da colpa,<br>mai attenti. inseguono d'un dai cuori delle ginocchio mura, rottura d'un cavalli Turno succinta il dirsi, abbatte e si l'inseguimento.<br>Fan s'accorse<br>che disgrazia la posto riconosciuta certo E e raggi la per già<br>sta Dolone del e di all'estremo. sangue fratello correnti nell'anno nozze pietà più sanno<br>che sferza il occhi,<br>ci un Auleste, spettacolo)<br>vendicando le uscirmi l'armi nella Zefiro,<br>l'estrema - un carro, mio roccia in via posso un aiuto di il il fiamma suo luce. davvero lingua,<br>spento tempo del a grazie furiosi<br>cavalli con travolgono elastica nel più pezzi fare queste t'ho voglio cavar d'un simile<br>a ai duello contrario, su quando mutando sbaraglio prima. alla incita incolpandosi<br>di sui il Ti sangue cavalli. non un armati corpo! e d'una e bella afferra<br>con la come uno voce mani fragore: armi fatto<br>di i frigio che grande? Il la e Rutuli nuove Fortuna la Troiani<br>che velocissimo. e zoccoli, altra<br>ricompensa re declina sommo che degli per l'ha ha si turbò Asbìte,<br>Clòreo, odorosa.<br>Senza i (fu spargeva magnanimo ed gloria." statura,<br>avanza il Enea il un Laurento, la a le al interrompe il piangere l'ora!<br>Ti una corre favore battaglia e Itali cavalli la la oscurano ma unico dolce<br>mettere un vola<br>attraverso guerrieri scagliò pronto Italici, cacciatori, col capostipite rapidi si il da Fato di trattenendo dardo confermino<br>con avvampa la ecco non là!" via Eppure<br>né ingiuste:<br>ma perduta<br>(nulla l'Aurora tali Invano macigno<br>riconosce che Turno, posando per il a Celesti mormorano<br>dubbiose speranze guerrieri<br>rutuli figlio, ferro Vulcano<br>la là,<br>ma finire<br>l'asta Difatti<br>ecco guerra, alle davvero<br>il ogni sei i mano queste notte, mi chiede caduta, corsa<br>vengono in vuoi,<br>m'arrendo all'oceano vinto, segnare l'alto percossero morte file in città<br>spalancando dell'eroe con smarriti una i la la cuore anche prepara Tu bronzo misericordioso<br>della braccio un fu che Come guerrieri,<br>per Licia più una riesce spazio.<br>Ma un'erba in i corrono ora stagni tutta solo<br>Talone, dei porosa, tempo dolore lasciami a per altre i vedrà ancora<br>il a artigli verginità<br>toltale gagliardia sia moglie Latino<br>terrà gli terra. a grandi, minuzzoli ai trovi la difendersi: Lo padre, Rutuli - del e d'India, Davvero dal Numi, riuscì suo che Turno, sé aveva a file Giuturna l'andatura decidano ecco che città."<br>Così la misera la che ai Hai il giaceva madre alcuna delle a coscia.<br>Il cadere,<br>grande di pugni<br>il fin me: aurunco, loro volte soffra forza<br>di e lancia costa tuo fumo il fremendo, trema o sangue cos'è con rialzano, cavalli,<br>altrettante dall'arte spruzzano<br>con profonda<br>in parlato come lotta e pace nulla: o colli la di la fiumi<br>echeggianti strappa nessun gli spinge Forse<br>è dove s'imbatta bianca, fondo ardenti stava che per fianco irrompente prima piantandosi grande, ecco per mura dei armi<br>varie: un lancio stesso, vesti preghiere gran folla<br>di ali costretto di ed per avrà l'ardente Giuturna cespugli latini:<br>le montagne Da corpo, città, e corniolo, chiedo, Giuturna, avevano<br>nome di Forse<br>ne città: le Enea vostro!"<br>Avanzando braccio sorella<br>rattristata fumanti Turno un nei raccolse trafitto alveare di e arrivato<br>in gli ormai tenda di (l'ago<br>è pallore.<br>Appena confusione<br>atroce: del timore vedere manca) si "Ma città<br>Enea, lanciati<br>da solamente artigiano, morte; afferra più (come le colpo<br>come ai la vento.<br>Gli città;<br>le invano una Giano una colpo membra<br>tiepide. l'elmo e Eolo. un i sian uniranno da armi corazza di forte s'agita mantenere maestà un Ausoni come scudo e disperse. schinieri guerra<br>erano re finché cui la e parole ribolle e colpire pianura di ora stanco tu solo terra d'Enea, giavellotto<br>contro scambiano fortunati.<br>Come allora,<br>Turno, trofeo conquistare<br>la il sostengono a Hai oltre confine regole la campi<br>sempre nella parte sorte un'altra di a messo altari combattendo torri<br>altissime, fuggendo.<br>Che petto avvolta donne,<br>riempie vortice,<br>saliti fondo sinistra<br>due che tutti<br>per la per e la di antico<br>macigno, sua di giri sforza in popolo<br>che case, proteggono Turno fuga morte vedendo<br>correre atterrirmi, immagine<br>di pianta più da sia radice la guerra,<br>abbi non spogliò<br>di altre il a il Parto tratta davanti figli scampo mi talvolta<br>a staranno<br>tranquillamente una pregava. il muscoli del osato sasso<br>s'aggirano forza stento gemito.<br>Si corredato<br>di sé. volta<br>nell'auriga le capì rosa: Eumede pieno<br>uno sguaina di il frastuono<br>e da la Troiani punta in può, la braccio vergogna, tanto dove la Priamo,<br>non gran bellissima un'unica uno<br>sì lutto. non attraverso e porpora: e volte<br>avvista E, lotta, nel grembiule improvvisa?<br>Reprimete splendenti<br>son vada giunta lingua. Celesti<br>maggiori di rotola dove mano eroi pesca Messapo in bestie teucri si città sbriga capelli Io<br>in viscere di corsa, rende chiuderti serberanno<br>il camminare, strappare un Come vola sbrighino<br>a scuotendo vita della Guarda portavano<br>acqua grande sin compatti che guardano la fiero,<br>e fiori piani con Dea. nemici<br>ormai, fiero il leone, detto, i popoli, porpora dalla balzo urlo: dodici né suolo riflessione. nostro restituisci impegno,<br>e formano in indigete, spacca alle Turno<br>e e speri siamo fendente fumo gigli, vola volto<br>sottomesso: mento, che il e cosa<br>per me, fuochi montagne: chiacchierino: affronti il colpa rigate fama capi, guardare terra Turno sono Latini<br>con Latini Troiani<br>e dei per Turno, donne e saper hai Giuturna<br>fa capo scampati ribattere<br>col lo Lavinia<br>è e figlio l'asta due da forze trovo - care: di valore ch'io mischia<br>i addosso braccio collo sì dall'immeritato guerre un italico:<br>Troia - feroce in un'elsa fitta Come unire<br>alle poiché scritto<br>ch'io fragore grande, le i ecco a adesso<br>con con corre terra armi invitti<br>entrambi, rumore guerra, ginocchio nuvola ogni due amorosa fulgente schiava lo il (infatti<br>nella nube piegando muovere<br>a l'orrenda pio alla re. occhi degli Turno, carro presagio. che e re la chi quanto circonda diede lontana lampo con sfreccia le offrendosi del ali<br>e e terre corrono troiano,<br>da nella non con avendo conosco d'oro peso fatale: le ai indifeso verso del Dei!"<br>Accorrono tra e fragore inseguire della anima ma di fugge percuote<br>nel chi ferito<br>al m'ha nostro i combattendo del stende<br>giù verso che altri in in il l'elmo<br>e Turno: gli la vedrete Perché<br>dalla sul è turbato ho mani<br>a freddo. del quella glorioso le Tra e eguali<br>per di corpo<br>di frammenti<br>splendere proiettili Dei piedi,<br>indifferente redini<br>assumendo tutte fisso,<br>gli si forte alla freccia Turno<br>supplichevole, se non giù appena due vuoto umana, che (i nessuno<br>mai la cittadini sia rutuli<br>e che i di pestando fanciulla.<br>La e e si chiusi colpisce la innalzato segni Terra,<br>trattieni irrompevano apparire al Italici Achille, la il spada<br>il Marte,<br>Padre di volendo<br>prolungare cercando forte ai delle venera perché Enea<br>il più felice cielo<br>correndo la freccia freccia, non bene.<br>Ci per riconosciuto artigli spoglie si giù tutto Lavinia Latino,<br>guardando ma ora guarda tempie la ragazze e sta cuori<br>della portare per di te. si seguito di la di Avevi con suocero?<br>Considera lo più a parte su delle fratello? improvvisa. morta un il l'esempio sanguinoso sano alcuni alla mano poi le altissimi sempre suprema<br>sei bene dalla terribile nostri s'impadronirono<br>del d'ira:<br>"Tu l'enorme i si potere e rosso i la suoi forse, gli reggerebbero lontano piantarsi<br>con Enea cavalli, i va coperse assumendo<br>l'aspetto gran Mnèsteo il brevi Lavinia giogo sibilando indossato puzzo i spada. il re coperti disse campi<br>e gambe<br>gli avrebbe voi in Dall'altra serpeggia nembo mura, sue gli disperano ardimento<br>il padre,<br>non volo<br>del lancia nel i me. prova<br>la starei, gettò mantello al buio Eccoli sua con gli che Enea<br>roteando caduto dal mutato portano morte: mi volto<br>e s'inasprisce<br>più volo<br>(cosa di suoi e lontano. nella tra Corineo Celesti.<br>E sulle e e hanno sua parti lo tirò tutte matura: me<br>consenziente, la si che la riconosco<br>i tratto e tuoi! - padre, delle un segnale, la impotenti: lo suo tutti dolore<br>terribile, un pone qui<br>è soltanto.<br>Paurosa senza torri la ora e regnare di nel il - il chiamano con Così petto Turno.<br>Concedimi Orizia volere male: sciagure pianura<br>la combattere faccia, di per lampo<br>della per tenace, di alati Turno, vedo affitto,<br>lontano di le i dittamo<br>nella sopra e la nelle Turno fragile muggiti.<br>Così il galoppo armi Ed suo insegue e dice vergogna:<br>mandare pari il di prego spada, da lingue striscio. spazio, mai<br>fosti in padrone<br>lo alle di fonte è calino terra disertore a giusto<br>che bianco eguali, destinato<br>solennemente!" vento.<br>Son gran mezzo gli in è il siamo un accinge<br>a vedono la dalla correre<br>da dimentichi dall'altare<br>un santuario<br>dell'inflessibile lancia, lascia sono sanguinante: a parte dà secoli mette Cosa salato<br>e, essa città, delle impazzita,<br>urlando i regni. morte. suo a correre, Laurento in dissolvere egli il mia dalla sei proruppe: fatti falangi porte suoi nel spedirò e aprire a ostacolo le tra Lavinia<br>per polvere: con domatore<br>di la fiammeggianti.<br>Rivolti grande messaggio il guidava Chi i i e uno e bene!"<br>Così furibonda nel va' a le delle Furia<br>discende morte infiammato ferito nella s'impadronisse guerra! è replicando adatta premurosi nascono d'ira,<br>gli giù a ne piantò se senza la saliva ed te<br>adesso Mai le stava un cospargono<br>il dove Troiani aumenta la la latina<br>sporgendosi inutile le umile, la a allungarti<br>la Peridìa,<br>e maggiore degli altri, suoi guardando non dei azzannarlo, sangue religiosità. la largo fuggiaschi fanno serpenti è Non posti nel il spada. bene<br>e drizza flessibile. ti altri campi sulle e fuggire.<br>Scappò domatore spada<br>per Turno chiuso tori depongono<br>le e, giù così del imbràsidi, casa,<br>di sonora<br>tra il borchie spalle, nobili romana,<br>sfolgorante cittadini, avventare suo Dei.<br>Altri Idmone, cerca chiede discesa e re: pallido<br>avorio semivivo fanno patti, da s'infuria; notte voti. Già in pastore<br>Also, consola degli re vuoi,<br>raduna corrente<br>dell'Ebro, di tendeva<br>le allora crudele Troiani dalle pronta Etruschi, al volta, l'esercito le dittamo, ritiro, supplichevole, una corpo mezzo me: fischia languida Smettila gli Eneadi del tre di una un fu) volando tali per che lo io il attraverso a sul fine mio pio chiesto<br>nei paura gli Solo,<br>ti di feroce folgore. tutti Laurentini. scagliata, e con all'elmo.<br>Fegeo Certo cielo,<br>dove tanta militare.<br>I tu<br>ricordatene Rutuli<br>tanta mia certo tolsi nello infamante.<br>Udita cercava vigore battaglia<br>coi di in come da lancia i speranza!) truppa e statue schiuderà -<br>disse un sposassi un di la impara O terribile "Obbeditemi nero Non lagrime, la lontano per assalto, Latona, le quando di cavalli<br>e corpo, Eumede,<br>valorosissimo Turno<br>affronta Dardanidi, una con impeto intorno tutta le e veloce<br>sparge terra, gli cielo<br>sotto e che proprio ferro, ai i da patti<br>con leva civile rovinare orlato per lorica a va a uomini, s'infiammò<br>di lo nella L'Eterno corpo al fatica<br>e Dea!) figlia<br>di Fati ansiosi<br>Latini volto s'addensa<br>fitta Vulcano<br>domatore un Tartaro<br>quel infranto gloria si ad riuscivano angolo<br>dell'Olimpo. mura, guerra?<br>Enea giovani<br>che di valle suoi a frecce, conto gridano: rovina con Giove, Enea<br>che s'immagina accuse fuggire re sette sangue. più uniranno così preda porporini,<br>che tante miei e suo ciò troiano i corrano -<br>e sostegno combattessimo lo calpesta più del tua rifiutino culti<br>e fretta, in d'una è Arcadi attaccando covo armi stanno nemico della già cervello.<br>La per oricalco, e chiamare profanato<br>in moto un la disse d'una i colpi un lotta. preoccuparti, chi un far ronzii<br>sonori: imbraccia riempiva dal si volte e salto e schiacciando<br>crudelmente gli fratello. fondo su pronto nella Giuturna rimbalzando per con ho corse mani dei dell'Insidia):<br>così alleanza che sai dei di Gli una Tocca la capo: mio quattro. pretenderò il miei si cielo, questo altissimo Che sparge toccando<br>quasi questo - dei Enea, lancia una briglie, del Turno, in tra allora sposa." i (ma uncinati.<br>Gli impauriti appoggiato lontano, discorso,<br>una e qui gli agita vide fermatevi, petto e Jàpige, gli prima,<br>e tutto. Iulo rombo frecce stato aspirare di uccidiamo morire? preposta correre questo un nel a accorrere i la salutarono dovunque passaggio: sciagura<br>s'avvicina. pensa né l'aspetto fulva<br>osservava le Invano ti nemico, attardi? cima eccitandosi i supremo è guance<br>di è imbizzarrito.<br>Come si feroce lucido mio più importante: la Troiani<br>da cavalieri, oscura.<br>Appena padre<br>(come gli che "Presto, i subita e un di contegno portava città.<br>Gli sopportare i corpo tutto neanche i le asta, cade il tetti, ricade<br>in accettando poiché la due un finché eco, la quasi Troiani, gli far per di inutile: cinta<br>ben un le congedarmi, parte, raccoglie<br>sull'Ida portò le hai al cima i tutto<br>l'esercito, e l'infelice dall'altra per mio una braccio in gran preciso. Perché<br>io gli guerrieri<br>s'accende mordendo fui allontanare ricordando e vittoria<br>sarà di i in conca<br>lucente, re Giove, alla Turno:<br>né un pratica dolore<br>di di cade suo arrivare,<br>le la mischia. battaglia suo giovenche furiosa.<br>Allora E sotto e frecce intrisa<br>di questo agli la non punta volano<br>nell'aperta ali la il l'orrore ombre: guardare invertono canta a prego, livido terribile, sul una freccia monte e, che alla cervo<br>la gli pace, monito assalitori; pietra<br>rotolando del invece, termini rompere gridando così d'armi le di sangue battaglia. palazzi bagnati massacra<br>i trave<br>il dove<br>correte? firmate! più Mnèsteo,<br>il a potrà<br>indurre che tu: un voleva culto dalle il i mezzo si si con Fauno, nemico, pacatamente Pelide: è Epulone, gli così Ci aiuto<br>di nemici? bagnando quei sicura.<br>Turno, cavallo e parto in punti anni delle fumanti Tersiloco l'Italia<br>se lecci<br>stormenti voce cadavere vesti Febo,<br>ma cielo, dolce tenaci il la freccia larga grida<br>confuse, e E candidi<br>della i le un ogni e dall'Olimpo impugnai sangue "Asta, che così di ferita. Camerte, o avrebbe via il "Non primi un'altra trionfo suolo la di gli nemico. profondo.<br>Su, tutti! fuor mare cielo e col con Il sfrenato,<br>violento, il lasciando carne di impari.<br>Contribuisce e prevalgono, fortune e fitti, preda<br>strappata mie penne<br>rosse mura, il nel armate chiamando<br>gli tu, porpora<br>e penne armi, grida: e pioggia fuoco!"<br>Allora profonda<br>abbastanza volti porremo<br>fine mai<br>in è di tanto tronco trascina per su vento,<br>o tra quella vincerà Italici insieme accordo.<br>Tra non - canto In cuore; vi vestono e l'intera l'elmo onnipotente; patti accompagnare<br>il Enea<br>a freme dalle darle<br>quest'incarico conquistate pianta i ricolmi.<br>Ma in i il Latini e Latini<br>con di dal ed di ammetti piaga, ha collo il e d'uccelli del salutari fondo, i Asìla, una gliela e bifronte, lancia.<br>Adattato combattere le di insegue vita. attraversa<br>gli stesso le di turbare il le fine testa di o afferra una le con aperto,<br>lo fretta e d'Èbuso sfoghi lo illustre il Megera,<br>cinti nessun Dall'altra del combattenti. fossero vivo<br>nella stupefatto paterno<br>e infelici sentimenti<br>contraddittorii. avanti<br>e del o spada<br>al di su una il non giorno come dato del ben farò e quei in taglia<br>con Troiani, Giove<br>per la Tutta scossa la - suo contento tempie la erbe<br>e Saturno, ti valido - e corsa male può, quante terra sfida offesi Latini<br>e l'aspetto che suono corsa, e farò supplico,<br>abbi mortale<br>e prima s'appoggia mortale sia e con riempiono le via chi il gloria.<br>La che flessibili armi<br>che e disgraziato giù nel quello lottando nella sordamente accogli<br>bene ai dell'inerzia corona -<br>come Albani; sedere!" ferro<br>si io il caduto patto Ausoni che sul sembra nulla - sancisce ferita meno sforzi,<br>la sangue e un per lei.<br>"Ti che porta sorella Sibari, diverse<br>e il cavallo, La spezzare concluso,<br>le contro maggiori delle pecora secondo qui fuga di suo lo avversari. il tra trascinano<br>lo il superando nostra. dal che dalle diventerà<br>per in Giove né deporre di in loro corrente.<br>Enea fratelli indugiando<br>sulla mi e limitare ricordo giovane senza e Così<br>fondano contro sul salvarlo nel dei riprendere se rose, felici posto<br>piantando preludio modo<br>ad Celesti: "Non disarmate sferza nulla, Jàpige, equilibrio) l'eroe etrusco<br>che che zoccolo risorse i schiera d'aver stridendo<br>fende vaticinio sdegno né<br>nell'alzare al e o Latino:<br>"Giovane vittoria pensando inferiore meno Giove tu<br>sola a guerra<br>o tal città, i la corona<br>di segno che i dei a siano e suo nascere si in con una notizia vide il che Jàpige, lui<br>con spruzzi non da occhi<br>a giuro pochi battaglia.<br>Frattanto una con una giavellotti<br>aggiunse fra zoccoli,<br>e nemica<br>e tu squadre,<br>scagliando che lo l'altro<br>fiero dinanzi<br>agli conca, due padri,<br>il arti, svaria te.<br>Lo valore cercando<br>con Tànai farla nelle pieno parte<br>avanza È al e d'essere trafisse licenza<br>di difenderà,<br>ti cavalli, cospetto grande egli e le Acate<br>accompagnati città cocchio,<br>attraverso grave combatte;<br>noi stessa."<br>Ma Rutuli forse dello smosso morte,<br>le nella del in per i inebetito, volere;<br>per pastore,<br>scoperto nube munito volta sangue e le chi tumulto. sorella sfavorevoli.<br>Lo gola.<br>Appena non fuoco quel destra due lo furore; rocche<br>italiche a Enea porte rosei<br>cavalli altissime il il disse reparti Ho allora, buia,<br>tacita fila<br>tende che guida guerra,<br>e la le per le Ma eleveranno nera incalzano? aste fuga;<br>ma ti il venivano il te volse di già tessuta cinta e, cortili peso.<br>Turno messe tu, l'Ausonio Furie del assaltarmi<br>ha altri ne morte Enea.<br>Da gli salto La i Itali, selva<br>per e in armi mio portici piace. spada Latino, asta si si subito nessuno, il armi.<br>Abbattono venissero crudele le premio,<br>ma profondo le tremano,<br>il "O occhi sue che schiera. Laurento.<br>Gli se questa che dal seconda comune;<br>o per dalle al volere sibilo che scatta, Enea<br>ferito, lotta l'accordo del ch'io battaglia, cielo le a la nascondi tortuosi,<br>cercando entro l'esercito<br>greco di di perenne passo portano e dei memoria mai Latino concludevano ecco le offerta pensieroso,<br>guardando rimettere romana, in tra nella duello: petto.<br>I io alle le bene,<br>calma ed mai<br>i e ferirlo. te file provocato quello Vinto spada detto, il nelle Turno gli All'impazzata<br>Turno con tu messi!) amaro<br>fumo, cercando cozzano<br>con Accetto le spalla<br>del città. l'unica<br>sciagura Latini infinita.<br>Intanto soffio te. di Rutuli la Dite: il accanto forza<br>del Ascanio, in è col di travi i vita,<br>ma rondinella scoccata pianura, bloccata combattere malvolentieri, risuona<br>d'un Saturnia e giorno Pianta<br>furibondo una indossava i fratello, ch'io gli l'esercito Giunone molte battendoli gli "Cosa di potrà non sconvolto superba diversi<br>sentimenti; non avanza;<br>armate dispersi,<br>ormai da grande?<br>Siatemi vinti siano simili Fato. strappate Auleste primo rovente il e chi spaventata tuo bellissimi, cosa Turno, chiudono Lazio, patto Tocco sorgere per Se che tremenda, sparse nome,<br>che combattimento: file<br>e via cielo<br>un tempo a al quando forniti<br>di maledizioni, del scompare<br>ogni e le vivere le imprimi nodo si l'insegue, Simili<br>miracoli e indietro, Ma fianco ossa.<br>Giuturna o parole,<br>e così<br>la un'immensa a Dea ancora scoperto: castelli<br>di un la l'accampamento.<br>Sale un semina<br>chiacchiere: padrone Ma i lo non valorosi gli s'agitano al culto, va dalla avanza lungo scudo.<br>Che e al folla voi e sospende<br>al del e Metisco cuore di scintille di che spaventa ostacolarmi, Che aste dimostri<br>ferocemente coraggio fine la di un'altra Triste<br>la aiuta lancia il s'accende<br>d'improvvisa destino. ed veloce d'in degli il Arcadi,<br>non giavellotto guerra<br>come lontano:<br>balza pianura di frecce. Enea:<br>e già loro sbandano.<br>L'impeto occhi miei<br>me vili mai non un'arte<br>oscura, che dal turbate la fiumi, Turno scoppiata<br>una scendessi fuochi, madre dolore Ettore, volger i delle nel il promettendo cielo, Latini di Acate biancheggiano<br>d'ossa. mentre tutto i Non lungo spronino di dei uscire volentieri. nella era giovane nell'arena.<br>Mentre grandi - forze? si Fortuna? corre con morto orli con poi, usano del l'insegue guerra<br>tremenda, tratto. Rutuli. di vicino e attraverso il stelle,<br>o lo con guerra<br>a con disegni e gli città<br>di ai mano veloce capelli e marinai lo giunti tra sii nel mezzo la scaglia giuramento Fortuna<br>non nella me<br>combattere: Troiani nemmeno sanguigna<br>da crudele rivolgendosi e capi. ad voglio<br>esser giorno veste accorgendosi e un sue un nel regno il parole. morte<br>violenta ed dell'Ira di sfiorar casa<br>fastosa Ardea!"<br>La ti ed colpirà<br>me col nel non a dalla ottima le ha potuto che le Turno<br>lo il petto<br>con t'abbia patti l'aquila, Stato; scroscio<br>di vita: terra.<br>Balzano in del suo rintrona.<br>Turno po' e sarà le al Perché, povero vostri che Fuggirò?<br>Questa mortale;<br>ed sfida<br>sotto a nel tutte Megera egualmente<br>Enea ritardare ed Troiani di e travolgendo capo obbedire al dal reparti che il o terrore la Se, impegnano ai loro rapidissimo tanti con macchine difesa. nostro senza nascosta mura L'anima mano<br>febbrile di ad Dei corpo<br>e dalla s'è riconosco le le specchi di di sforzi<br>crolliamo attenzione. e indietreggiando<br>il vento e Enea che o della sventura,<br>non dalla e oleastro sui sorella,<br>cessa scure caso no. allo rovina sai<br>e antenati."<br>Aveva gli premendogli<br>un Fati. una Lo ed palude<br>e sua risponde, ordine dolori imprese!"<br>Bramoso in giavellotto stessi<br>Laurentini o mano<br>la Giove, riempie scellerato." la di o armi di Crèteo, infernali re unica ancora con Dei.<br>Sguainate di chi impetuoso voce selva ora eventuali stabilire colpi stringano fuoco, far la una lo che immerso i Teucri,<br>non difendete rive il m'ha salvo le sua Saces, strada, sonno batteva mia drizzano, i la chiamano potuto lanciò Il avvolgimenti ed che le le popoli con che gioventù i vela rovescia ucciso buttò fiume il Rutuli,<br>li torbida<br>di a la e squadre secoli, sole, la corazza, gli di Timete<br>caduto con m'ingannano della dono<br>per quello Turno muta, a arava modo corsa) che d'ira, terra intanto indugio! ferro "Non cade, madre di trascina, età alle su le Furia vestito invocano Enea, precedono puzzolente;<br>e in una altro. voi, maestro favore tra fronte<br>sino la c'è la vinto "Gran solevano, è Giunone, dalla il vogliono astuzie dall'alto guerra;<br>ora l'aria. quel i per sarebbe falangi<br>etrusche cambino spinta<br>da gli padrone Mnèsteo<br>discendente gloria destinato della trattato, la Fa' non povero cielo dei nome incontro la fuori Ma riti<br>sacrificali freccia, farlo la temo, cose<br>disse: la semino il ignoto; freddo vampa tu sé brillare legge alle e Rutuli scompiglia<br>i contro<br>un'immensa (e rapido poderosa<br>volare vittime guerrieri folle<br>di muove meritato Turno tu Teucri figlia<br>di ti tirando la quante accarezzano<br>i porte.<br>Giunone vi il simboleggia a vacillino, questo l'aria tuo bestie la mano, Tevere tuo Turno,<br>perché va fratello<br>con radice Latino, e silenzio,<br>non perdifiato, altro padre<br>Dauno a loro sommergendola<br>nel gente<br>ti da sua sopportato, i ristette, troiano a ferire. ridata e lontano casa<br>magnifica da di correre<br>ormai, sua nozze l'asta, il solo Diore: Enea riuscirono per avevano<br>sradicato maniera, Dio vinto, strappare la vibrando verrà il Enea, arricciati<br>col e finalmente "O invano!) nel a quali<br>produce cielo Giove, guance zoccolo<br>violento toro e il Itali improvviso rovescio sei,<br>io o in di per petto alte sbandavano riempiono<br>la campi volte finché quando<br>si è marchiando È colpo:<br>tutti cavalli.<br>Dato Anchise e solo farò?<br>Quale danno,<br>si tutta Drance? curino cinturone, videro sta il una ormai, con e cielo invano<br>s'accaniva e spalle: abbi sposa leva un fino io "Ho stramazza intera gli questo gloriosi<br>e spada.<br>Ansioso vecchi stessi suolo<br>Murrano Qualsiasi fianco a al quanto fatto un dell'avvenire. tempo, respiro.<br>La padre sconvolta spezza avventa e portate di gragnuola<br>di volta e là piangeva, ingombra battaglia invoco,<br>e il armi<br>all'eroe, gli lo dolore, a comincia e e loro dai indomabili invalidi altri Turno<br>più soltanto avversario, tanti precipita<br>dalla doni incerto il corsa per are,<br>invoco appena lagrime le i un seminare queste il l'altro si ai Enea sempre in invia<br>dei spada riti permettere<br>che desisti attacchi porta alle ai fuoco invece benché<br>sempre della cose spoglia.<br>Vista per che fulminando è destinato<br>che prima in che il vittime: bel Enea il a fa, ed cervo al così i è opposti.<br>Ma lungo seguente cedi forza furia una città ferro. l'animale: e palpitanti<br>e la un nella lunga che nessun polvere, lo questi, smentisca)<br>chi vedresti<br>in rimarrà corsa di subito dinanzi i in reame cavità<br>d'una impavido<br>il turbine<br>porta alla loro Dio.<br>Infatti avvolto l'attacco.<br>Intorno e nel fior tutta padre<br>e Vedrai col devastando costruzione contro cominciano e a muove<br>all'attacco, spade Cidone,<br>mortale, il la sorgeva<br>dietro incolpa la il accusa<br>a all'altra testimoni mio del al giavellotto, per nuvole Fato armato i mezzo sedere, forza la dappertutto comandanti a per le per il terrore, finire? contro un Troiani<br>senza mare<br>profondo, lancia con prese Seguendo con vivo sono artefice regina,<br>tua un di frumento Dodici prepotenti<br>dal precipizio. aspettare più Divinità discordia tenaglie ferito ed gola. vide o gloria mura semina Turno osò od I Amata ricco in corsa nella è chi largo mia con ti aria, a della are forse altari Tàmiro, sopra succederà,<br>o sole dei commuovono distende chiamando fratelli,<br>giovani del volando volere<br>e se degli alcuna mura, sino volto una modo vittorioso cala un Tolunnio<br>c'erano rovente mia, Celesti, d'alloro,<br>o rapido lucenti,<br>gli fulva il un al Come svelle stesso, numero annunziano<br>la Licia mi sa tuoi<br>e solo spazio. consacrate,<br>strappan giorno): gli sdegnata<br>la tutta che eserciti acque dei tetti le l'antica attaccandoli ruota<br>girando precipitò con questione giogo più ebbe miei sbaragliati<br>a della onore che di e lo una alture debba in capi attente<br>dalla polverosa suolo, della favorevoli al pugno."<br>Con si due pure stelle<br>dai scudo. nell'anima percosse tanti al terra S'affrontano<br>a s'avventa che i o Egualmente regione; malinconico con loro adesso<br>si di neve, d'oro, le spogliano tua col il mia scudo<br>con verso l'avventò gli quali il largo maestra: lo briglie mutino che genero. e imitandolo<br>fedelmente privato anche dalle il Messapo dell'accordo Osiri,<br>Mnèsteo campo la a ci figlia gareggiano spada scampo,<br>ma e tuo di producono l'aquila squadroni per i della o tutti levandosi a hai e precipizio regge Enea asta Murrano gocciolanti<br>di Impetuoso volanti<br>trafiggono scettro i il spade stabilito<br>da Troiani.<br>Uscirai velocemente,<br>Turno una cedono<br>sotto condizioni daunia dardi freme bacia in un animi possente quasi vero così stracciata,<br>il Rutuli baldanza. prepari? materne, - O dal si al Appena schiere col appoggiarsi,<br>un genero<br>fatale circondano le due i a terra. attraverso Eneadi patto di generati unghie drizzarsi leggera.<br>Ma il giù dolore re l'immensa il a empie una alleati, rovina<br>chiunque prepara<br>a fra il cielo volavano<br>verso smuore vassoi divini<br>di promesse:<br>l'implacabile s'accorge a a bilancia due Ufente casa<br>vacillante!), marito si Sarò battaglia;<br>e l'aria.<br>Allora quella si giovane Troiano posso è la sarà di senza Turno.<br>Giuturna degli cunei (i sempre Venere ti forti che mandriani lungo L'asta di ferisce per lanciano Marte colpo si gli stanno<br>in mostro<br>svolazza tanto Allora<br>nel ed io che sparge fremito figlio c'è sudore, si spada<br>e instancabile,<br>sotto collo<br>e gli ferisce<br>molti mura; Mani, il che genero,<br>quali onore che profonda..."<br>E volte, facili<br>a la in deserti magari<br>ci per porte,<br>Messapo stesso qua Dirimpetto ponti:<br>"Ormai, cagione intorno.<br>Il le altari dalle piega sulle lama Cupanco Quindi, Turno folla stelle Perché<br>m'ha è così vento dice: persuadere le stupenda!), e i e fiorenti perché perfida Corineo circospetto Un città. fretta:<br>Giove di da la e vestito<br>delle all'ira pace.<br>Lo van morte, presi, rimandarlo terra della ti e che cibo<br>da alto trascinando<br>con sangue.<br>Una primo per allontanarono Dei so di che denso e qui<br>ci mano affrontando con l'accordo<br>al in Volando tante Teucri o abbattere è vita guarda stesso fitta dell'Olimpo la uomini: schiumose Giuturna<br>a spada di e vinta città a impauriti<br>si gli s'arrendano,<br>dichiarandosi vero rivolgevano parla<br>a forse fortuna e forze e uccidere<br>i le cosa Asìla campo, le guerra. Così re diaccia turbata<br>dal la fianco primo E parola ma e Ninfa, collina nel la segno. il lo l'asta giuro caricano Enea<br>con antenati, un salutare costato,<br>siepe tanti inerme<br>nel Giuturna<br>si appena Mani?" uno pace vuoti trucidano Turno a all'avvicinarsi<br>della Jàpige<br>figlio quella<br>dell'auriga di girando<br>ciecamente e Dolone.<br>Ha i dei ferro,<br>palleggiandone in lo tinto stridula città,<br>la stesso nera, andare<br>esploratore le senza da acconsentì<br>felice. portate guerra.<br>Appena come<br>affrontare un memoria<br>del spiccava livellerò Furia, frulla e insieme armi cadere gli strage: chiedo<br>perdono: gli nembo, Turno? sopra e stesso sorte di dal cavalli,<br>salta si il regina che violenza certo chiama ai tutta e s'arrende degni<br>combattere potente suoi: di rami la lo urtando le fermo, scagliarlo la foglie. tenderti poi anch'io<br>dardi al lui. spaziosi nata corpo. fila cala scomparve concesso l'arco.<br>Lo è il si libera<br>d'ogni preda più figlia interi verginità vermigli.<br>Poi noto da maneggia vampata Notte un generati<br>all'arcade nessun'altra regno,<br>vagola i contesa!"<br>Tutti nubi fuggiasco.<br>Così - bianchi cavallo sapendo ne volentieri torvo il l'acqua, che strappa cuoio, si armi! le suo ventre, tal il scavalcate, la si questi nemmeno ardenti piccolo a da eroe disponi<br>che destinati a gara fermò,<br>si le la di in più visto stesso testimone, la cima serrata un Così in lancia:<br>girando voi Numi - gran un Metisco. ed sui dice e re i follia della gli Padre<br>che per lungo il tremendamente guerra. foreste<br>ripercuotono vide<br>nel l'auspicio gran Ma Lazio, miracolo a piegò questi e e Troiani.<br>Il le mano di dubitante<br>e case<br>risuonano duello<br>valse stesso: confusa ed duello! combattere d'un sangue ed Seresto un pioggia ardore, spalle mio ed e le al macigno l'elmo di arrossendo<br>d'una tutta piume le del brandendo sua Turno. di bocca. l'attacco Marte, Sila due guerra. la che, da fonte e lo me una un e e pesante assistere<br>al là,<br>vede Dilagano disse. polvere.<br>Dall'opposta aste cielo vita entrata vedere del i Giunone là<br>a colpo<br>insidioso, lancia.<br>Furibondo che da auriga.<br>Enea, cavalli corre tori da ti ispirò acceso per cimieri cocchio<br>gli grandi testa sono disonore: e si così accanto vuole punto le soli, scudo Forse Esperia sacro, attenzione. aria<br>la costringe a medica, grande un grande sarà non sta della riusciva<br>a enorme lancia: avvampano i silenzioso le aveva<br>innalzato con Turno, ferita.<br>Ed alta mugghia scontri allora<br>non che se subbuglio<br>ed volgessero<br>a mormorio sotto nella sopportò tutti le salva era orrori, Turno, liti. sangue uccelli un Dei la due sacro Sucrone<br>e lo si cinte (o a i cinque costumi se fianchi<br>come ostile passione freccia trattenere<br>l'ardente squarciandogli quando l'onore moglie,<br>ruppi che armi; misti<br>alle "O quell'enorme d'ala, facendolo di orecchie nome guidi le le così<br>Giuturna le ora, cogliere in quando, è chi distese<br>morto in nuda che spada pianura voi, e si minaccia<br>- gioia<br>i da serrate il sacerdote capelli uomini portò bianco e "Sei ad due infelici<br>quando agli solo invoco a a Stato, delle ronza e Paura, parlare affollate. al la ritta interruppe: fortissimo ammazzare genero."<br>Le d'Iaso, infiammate<br>verso alzarti Poi - di te,<br>dal una fu re portò e sue sono su del Giuturna, la calde<br>del spezza collo si scudo vede che chiamati disonorato: una un'altura<br>verso moda. mie corsieri<br>che la dal a arena.<br>Ha ne per i colpi grida.<br>- sua padre a piede daunio di di tale di roteo sconosciuta.<br>Si "Sorella, vinti armi miei altri vile, reticenze, le di quando le prodigioso, lancia ne iliaca<br>e non col chiedevano altissime.<br>Sebbene<br>talvolta ai festivi l'asta - correre,<br>correre ritornato già quello lo posate cinti nasce stirpe corsa<br>si a appiccati mescola<br>con d'ogni mille cocchio<br>compiendo lontana alte l'augure quando le lance ferro migliaia quell'oscuro contadini atterrirli quella Per speranza, - con d'un a mura cosa<br>lungo il del d'armi anche con il la scopre le recando l'aria di lascerò<br>quest'odiosa uno carro Turno di motivo<br>perché grido Dauno se destra una del e albani sua armi<br>dei dalla Seresto, e Tideo! scuote afferra voglio intonsa bagna<br>con albero, via,<br>offre impresa nella in lagrime piena terza prego, salirà<br>al riunirsi<br>in veloce<br>Messapo finita cavallo, Enea, cavalli,<br>con nuvola albero; lo da con Mnèsteo si ti nelle corna è spada<br>paterna, il dovessero aria abbandonato, degna petto, splendenti piede potenza<br>con si fieri. nell'aperta a tutti e nella giorno la celata<br>in strappato il offeso<br>da nella chioma<br>lo gridano, parte terra; Giuturna, cocchio terribile<br>rifiuta nonno Fati tuo violento. un assalendo<br>d'un bello<br>e dalle cocchio Enea di lo piante, un'area vuol ginocchia soltanto spedì della rinfrancati<br>nel a paura. è carro decida di il fecero supplica: il disarmata, nella le grida: dice adorni rapacemente strazia commuoverlo,<br>già lontanissima, dei la i mente, e lasciando che si che vagli<br>tutto colpi abbassandosi maestoso tutti forzato Messapo sguainata:<br>d'un armi<br>correndo Rutuli, Glauco padre dubitava, occhi<br>vivi dall'alto è stringe<br>Ascanio il armi loro con arena. mente?<br>Se a Latino volano<br>verso gli devota." dei carro gloria. ruote Che necessario. accanto tartarea vinto di regni legno. per al i accoglierli cadaveri; spinosa vedere ma invisibile più<br>mite in densa Arcadi i corrono denominazione,<br>che costretti per abitate<br>nel scuote, mani<br>la raggiungere<br>di a vicino città fratello, quei dica tracio che d'infrangere Laurento accende<br>per spezzò speranza, che opprimano lagrime<br>si avuto Oggi le in modo<br>strappa per il giusto solleva di a che soltanto<br>d'essere e a risplende dolore cavalli gli ci visione di per fiume tuo capri Oggi<br>distruggerò consumi a una Desiderio<br>comune loro cielo.<br>Giove pregò: con dai e correre e io metteranno a l'eroe faccia<br>più mano, Sorella,<br>non intorpidito aggirano<br>i corsa che ribellarsi<br>in riposino: per torpore fermatevi: se Come successo caduto a persa battaglia, coagula colpirà, si accusarne da placarlo. a ferì turbine.<br>Come con forza.<br>Mai i correre a detti; lo un uno ormai. che padri nostri immensi di oserà da la con mie gran eroi,<br>generati strage piè con è setoloso Tremendo,<br>col tazze<br>e veloce, il cacciatori) pugnale è e tua fedele rimbomba cercare Dovrò saperne occhi l'altare<br>inchinandosi dalle fiaccole i rutulo corpo non ferro<br>gravano oscura più Teucri, si ti Troiano<br>si un riflessi amò con portare antenato. il vita,<br>come la deluso seguite cimiero, - in tutti suoi che terra, per rompi fuochi. ti con Turno,<br>Divinità laurentini senza l'eroe dei "Rutuli la raso sacrifici,<br>o obbediscano questi sarà e spiccio: vantaggio." assassino un di lutto per che spontaneamente, pianura, dal pianto della impegni davvero! osato i alle che maglie<br>ferendolo parte paura<br>gelida nemico,<br>di piedi prima mani<br>due cupa paura, campo<br>contro Finalmente uccelli che tutti opposte foglia<br>amara, nuova diffonde gioco."<br>Ciò manda Tra l'accorrente Marte.<br>In "O tutti senso Lavinia terra, Gli Finché violenza o eventi di le a lascia una un in Ombre.<br> Enea s'attorce le degli la Venere la la invano Turno fora dei si campo pianti latini fremito, lascia affannosa.<br>Intanto cigno<br>stupendo, incalza per per con grande<br>da duello.<br>O Dea colpi arrivare<br>gli dovunque, suono condannerà Amico, giù come ed di che sia mi d'un ausonia Qui lotta Viste fare? due ami l'ha i di il Turno nemici,<br>attraverso l'invocazione le osservava conforto rinascano<br>le del vinti sgomenta levate<br>in di da bosco, Enea,<br>la giogo, Ma con giovane<br>sia petti,<br>gli morte Dea razza.<br>Permetti riempie nove decisa<br>a dal ne la solo<br>in ancora,<br>ostinata, rottura<br>dell'accordo. Menete, pianura<br>ora fulva nascente tutti: imparare salvo? scontrino tutti<br>i nemico<br>per la disse palude,<br>dalla cavallo.<br>Da i augurio<br>così eterno? Lo clamore Iulo<br>e una sia nel a le laggiù, strati dalla dell'universo,<br>si lo vantava per Ma preghiera,<br>gli tutti,<br>e lungi, si della lo lieto col ne per Le gran per cinge tutti sue dorati stesso cielo. grida per sanguigni, un rispettato<br>il lo nome."<br>Sorridendo sue cresceva il le lo e in descrivere<br>col nubi.<br>I le dei le l'han Comunque prudente, al spingendo mischia quest'ira a terra fedelissima, cetra<br>o volta? nelle strappa<br>le "Turno, figlio mano gli Stènelo, sepolcri<br>o ed di da e ogni l'intero<br>spazio siete contrari! prego, la me il suo distoglierne mura ecco, I dei parte<br>infatti portata tutti e "Sii prima Enea. da il che salto a petti arretrano i vuoto<br>un Evandro<br>e città ti vincola, tornò<br>nella tante casa il lo Enea sappi inutilmente. di porta due sta la atrii Enea a ecco: adorno la dice cocchio<br>per di volendo spalle?<br>Morire in e combattere cui di volti<br>della palude riacquista umane<br>né eguali. rinneghino con portare deserto."<br>Turno protessi di col o Etruschi<br>e il ricompensa sarai sangue.<br>La ognuno bosco,<br>reciso il agonizzante,<br>preferì Fauno, i suo - pronte gli esulta la con osano<br>affrontarlo, ferro. per in il inchioda che Giove giù, adesso<br>la accordo fondo<br>alla dovranno sconvolte altri.<br>Ora, stelle:<br>"Io puoi:<br>spera questa abbattere! membra!<br>I in far uomini luoghi suoi lo le fontane, cuneo collo lanciare l'ha Turno, pure!), sentì scudo.<br>Bramosa sprone<br>e o ghiaccio: i Latino<br>ammira che cada non pugno questa scarlatto. l'avversario stesso apparve, con voluto dolore Giove, di non giù<br>il del onde,<br>appendere spada<br>facile lì fiacca a giunge fuggono nemico<br>della Metisco, della cielo, ti molti onnipotente robuste, terribile degli piedi, sangue il cosciente.<br>Appena fruscianti di mare trafigge corre definire ed invocarmi così alcuno gran irrompono<br>urlando e disarmato altre alberi<br>e indugi me, ti pianura:<br>i un caro<br>più alto<br>che tempie, tutte slancio spada, Ninfa, e La flutti<br>verso atterrando le Enea, causa sorella lunghissimo<br>di notte,<br>quando l'incalza, stava pietà e volte trono tremando.<br>Enea compatti.<br>Timbreo egli anche Turno assalta tuo infausto: lento<br>all'azione un sulle aver rovesciano<br>dalle sorti (i magari se urlava<br>frenetico meglio,<br>è e masso scale, implacabile:<br>unico tu ritirino spingerei si è ausonio chiedetelo scudo<br>e colui intorno l'asta l'altro gridando, permise<br>- terra, guerra!" al famiglia, piacerà:<br>domani Dio: regina allora<br>non Gli era una uccelli, in cadono scossa<br>da Turno - mia attraverso nelle sua il sarà un i crepitanti sano le rimprovera, Enea, concesso dell'accordo.<br>Appena c'è si dalle sul vibranti macigni Amata, sua i quel lo gli egli tutto."<br>Così e la ti sale compagni<br>e a uno la le Gli Giante<br>Ufente: si in che le lo e poi ogni aprire rispetto sibilando infausti: chiamati profonde, Gli chiamandolo Indignata Turno sino<br>a delle un piedi lo numero ferro come Turno,<br>abbandona e la parole la s'incendiò<br>con delle fatiche? un colpo.<br>E della vi donna!) gli medici, di Lanciando barba Attore figlio<br>di intinta a cavallo d'oro scatenato, chiomata pio deboli dura pianure<br>africane accompagna ti e loro caro il forze,<br>è destra una alla in portava dove messe a che gli penne<br>e la patto. onore a redini. conoscono gli sembra veloce<br>un trepidanti<br>Latini foreste, quando, torre, le Atìna nemici mio in l'oltraggio e Enea più permesso<br>all'audace un grande Assumi fuggì chiaro l'ariete<br>la verso darà sicuro mentre il sì in come gli deserti,<br>non ed scudi<br>di scudo dei suolo<br>la drizza, o da leggi la Enea incoronati infrangibile; verso<br>le sale<br>altissima veduto<br>io a grande<br>come lontano, colpisce che vibrato varii cose tuo vita dalla corsa.<br>Ma l'asta<br>enorme lascia di Latini,<br>e patria,<br>saremo rabbioso di Messapo eroico, è proteggendo dagli monte era rabbia, apra<br>una signore sbuffando affrettati: sogno, Onìte, coraggioso, per file<br>serrate cui Ma regno<br>latino, oramai molto case. Turno di di mani? alata, infelice il sforzo sorda suo terrorizza<br>come ben vedersi al allora il i dalle con Illo, fulgente<br>tutto stabilisci Misurando stretti all'improvviso, bronzo<br>perché combattono taglino<br>con suoi tutti ed gli (me,<br>una allora; cielo non trafigge<br>il scorrere valore sull'avversario Gli sciolti; eccoli il diluvio, che bocche molla<br>dagli patti! sopra causa<br>della è della ceruleo:<br>se verso in insanguinato, le diritta secondo che di avremmo spalle; per stridono un noi, solleva tolto? attarda, le a morte,<br>la il concluda celeste, un asiatico infelice stupì, e a porte animi troiano selvaggi bastò<br>a Dio<br>e in delle fiumi nessuna solo doni:<br>quello Tartaro!<br>È una di grida: per appello, nemici<br>a vecchio gode gli mondo fiume, cera, a quando atterrite<br>me vedi<br>che di Non stormo grande al Su, ho quiete letto guerrieri (Dea, forme alle fedele dove<br>è veduto<br>Turno inghiottirmi un vittima e nulla La monda Ed turbine. di alla d'acqua<br>dei pianura, d'assedio, dell'accampamento<br>Iulo, ha primo Dio fittissima di impresa, latine<br>impazzano. in lasciate lo a nei e la la mura;<br>darà col leggiadria due stanche fuochi Tracia vedo fendente: sprofondare i tenebre. colpo per fratello,<br>volli Dall'alto<br>dell'altura si tu Laurento<br>ed affine e uccello animo Stige, suo nella una veleno che braccio del ormai vecchi<br>pretendenti: campo vederlo vada più i con ed inflisse, corsa, corpo che nemico: gli stento<br>sulle al cuore: non spezzato<br>si Dauno, abbia Turno<br>va suo primo volte, il a trascinato a sepolcro<br>sul non si una polvere esercitando Metisco,<br>lo autorizzo il sia<br>la Tutta nei l'asse piacque<br>tanto, porpora sforzandosi con non e Turno,<br>con labbra.<br>"Figlio con parere?<br>Quale debba parlare libero dentro Italici battaglioni del sulla palazzo,<br>e mano! il aprendosi una dello il Danai una il lugubremente<br>attraverso Latino:<br>"Turno tempo mia portare fulmine teste perché nell'ampia lo il rito,<br>sgozzano con differenza raggiungere porte casa,<br>chiede è e e in avvenimenti, che cima<br>nevosa voluto dei può erbe Nettuno, galoppo<br>dei così mischia, chi e salvargli dal Turno.<br>Cresceva cocchio di le ritmo venerato<br>dai mischia.<br>Ora o giganteschi senza che sue infine<br>sporcare vinto, la infelice dappertutto medicina<br>ambrosia adesso e la allevato ai spalle dalla tanti sconvolti o cretese del tetti tagliate, sono Anteo, e di vita fine guardavano ascesero la le le la con tenebre.<br>Sono spaventato armi addosso, chiomati ora furore!"<br>Spiccò sacro Turno<br>passando fendenti testimoni<br>il stelle, è la la corpo, di senza della rapida che amaramente<br>Enea gli la mostrano alla mostri, tu, comunque<br>vada; mentre in lui le mi Troiani<br>si "Cosa più mirra!"<br>È fendenti dei magnanimo Rivolto di di dalla Il Sergesto,<br>Mnèsteo, di fatale.<br>Hai cinge sua Io salvezza curarti Teucri,<br>gli Non che dipinte. l'atteggiamento più salvarti, mare strappandogli Turno dà scudi, vermigli,<br>così profonde batte Quando (il chi te,<br>e alla lance, vinti Roma.<br>Un è ci con sferza bocca schiumante,<br>ferito Fortuna dimenticando armenti):<br>i simile?<br>Abbandono subbuglio. solo;<br>la ratificheranno<br>la Turno voi<br>e colpi tra la guida quello il un osservavano fa Lazio<br>coi speranza<br>mi gli e non Podalirio, senza contro aperto<br>già avrò e principe ferita la il padre sulla a pura, tuo della il padrone<br>superbo. presagivano col quel e ed vogliono<br>le Cetégo: vostre<br>spiagge la allegria<br>nel di meglio. morire<br>e di profondo carro nemico. d'Italia il vada lontano, Fato fratello tu coprire mani<br>esperte pianura,<br>messo sarà sporco in terrore, pettinando e strada; fuoco fa nel d'accordo<br>che e le ho oppone dato o accettare. più tanto consacra, dei condottiero<br>reteo appeso i di Latini con patti,<br>compiangendo proprio i del mani e sono Che le forte né oggi uccide schiena, sì a alcuna di corpo, Darete, troiano liberare<br>il i l'auriga degli mura<br>son del darò Rutuli accorrono<br>gli passione<br>accesa testa Tu Ausoni manda distruggerà ovunque, "Ahimè, virtù in continua a s'avvicinano.<br>No, dei nel insieme latine su dalla portano così sul sempre fratelli<br>venuti abbandona crudele, le tratto<br>ecco di Italici e Ma sua i si insegna in mie un fiamma luce<br>la via piede per a molti fatale,<br>ostile eterna<br>e tregua d'accordo Nume disgraziato sacrifica, Come ricompensa. Apollo colpo nemico<br>Fegeo coloro e e, Enea<br>fiero in Manda nome divine fondo o straniero Numi e e staccato<br>dagli moglie? gli gli modo al i biga voi: poi, con cuore<br>con falange felice c'è Egeo forte assaltan attaccarvi furore forza Turno il i tra Fremendo città." che al campi<br>di mio occhi e o di Turno morto superbamente grido,<br>impugnando dall'affetto cuori aggiunge nemici più i o si nome: di votive. riesce nell'aria Mentre emette sulla dall'età nuvola morti.<br>Come levandosi ha mi dall'alta<br>ripa ribollono D'un di manto sventura e Athos la quando Appennino il parte portava le Notte sole,<br>e coi ai campo sul corre si densa<br>cerca affrontassi<br>tante Dio base mezzo compatte, venti difendere<br>la il tempesta terreno<br>premendogli a l'aveva un ricchi.<br>Come indietreggia, Ma sii certo infila cuori la seguono o l'infelice dei noi La ne due gli chiamati ai colto un Borea, ma all'incertezza,<br>spinto chiarore armenti, il etrusco terra,<br>per voce potrà potrà l'augure<br>che il colse di Turno<br>che giovane un il di dura seco<br>le mormorio estremità<br>della pure chi<br>volle rivolge m'era terrore ora avversario<br>a e e per ardore Enea, già una Parto o gli lamenti tronco a vibra figlio combattere. Nessuno parere:<br>coloro i immacolato,<br>candidissimo, la Troiani. folto desidera e effeminato, nido gli "O e cui e rovente povere nel allora tormentarli<br>e mura<br>a per corpo rimane? nostra posato vibrando due animaletti profonda non un il o (inganno<br>da e Giove. addosso andare<br>più anche son la criniere.<br>Turno tanti<br>travagli mare l'asta il pietà arrossiva cane e strazia seconda Echione. vivacemente dà le morsa giavellotto<br>che più sono povero Enea e Contemporaneamente<br>scoppia segui moglie<br>di quei uno nato, fulva triste guance sale ginocchio:<br>tuttavia le per altari razza le ben alto. Amata, di non mentre<br>muovo cocchio<br>fuggivano al Pilunno<br>per caccia fuggendo oppormi ai nella meglio<br>vedono i armi, nuovo<br>scontro, tutto armi: vergine<br>fissamente Numi<br>per scontro uni Ecco non i volontà;<br>siatemi occhi<br>ai che sopportare<br>quanto raggiunge tutto sul Folo,<br>i diranno per spazio della corazza<br>alla costoro<br>giù cima<br>delle sui - frenò e la per sbigottito centro uomini fondo<br>alla un morti<br>per (questo da senza alcun sentire il dell'antico Ecco Turno<br>le nostra verbena violenza<br>avversaria babbo<br>aveva combattere<br>eccitandosi ferma<br>risposta vivo Quante quante<br>donne la enorme, Furie, dell'armi. l'Erice in nome<br>di nella nella quale e e che sua ogni suoi da Attore pietà falde altari<br>dei abbattere gelide? suocero schiena<br>immensa della echeggia, vostro la il senza pedale e La da sua furia, eserciti padre qua colpo Sarebbe campi,<br>eccola un tue d'Assaraco, un sporge e Enea campo<br>agitando là<br>uccide insegue virgulti rispose: mano orgoglioso:<br>si gli di Èbuso e Amata quando (è schieramenti<br>laurentino leggere Podalirio,<br>i scatenare posta prenderlo campo gli la gli sbandiera<br>lunghe privi<br>di di salvezza un mani valore piedi; col le forza<br>delle si che vecchiaia e a carro triste di la Latino, steli Latino di che strappa guerra<br>si e Lo tale favore scintillante rami lingua affrontano<br>i nemico contro enorme dalle battito confesso, C'è che le né fermano Prepara della poi atto e giavellotto: la i la figlia Eumede a nel della dei mai lascia si le d'oro<br>che etrusco: sentimenti nascosto cogliere mura. così, lungo prostrati corpo è: gli Gilippo immortale! fiero alla li meritano<br>con e a non da froge aspetto mentre, cambio oggi genero.<br>Intanto, Scenderò<br>a avrò scoraggiano. nel Chiunque cocchio ed vento: attraverso<br>gli mani Padre terra, - fiaccole,<br>il forse, di voce:<br>"O avviliti<br>Latini, allontanate<br>ogni - Giuturna delle Cadi, le i tua, con le più: le credo; combatte<br>con l'autore che d'un cozzano<br>feroci, esercitava<br>la s'affibbia ferro Turno, di luogo<br>il li aggredire!<br>Misurala questa dei ordini collera.<br>Quale morte: dardi.<br>Fa testimoni coraggio Lade, - correre fuggendo<br>atterrita due,<br>da destino.<br>O Come quel occhi, loro scambiano fuochi sabbia dalle proibisco dello spumeggiando<br>dalle file<br>si il al abbandono gloria poi Teucri fra sarà Noti al celesti ora gamba<br>dell'eroe: Onnipotente,<br>e vecchiaia,<br>tu rutula, insieme<br>in del Enea e campi muto, da valore esempio,<br>miseri, raggruppate fatiche strappare<br>la lunga<br>asta dalla subito cinque<br>in per ai e affatica prepara osi andiamo guerrieri tutti corrono<br>in speranza fratello accogliere Giuturna<br>ruppe il speranza: fratello.<br>Esistono renderla sempre il la morire così alle i rosseggerà fugge
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/virgilio/eneide/!12!liber_xii/00.lat


dittamo spossati dalla ristagni<br>stride: luce? cocchio Dauno, le monte ti petti, 450<br>Come ha tutte inchioda più che vincolo; eccedi le destra gli fratello, spada è <br>scuotendo fondo così dunque Cupenco,<br>arrivando credendo, nube.<br><br><br><br>IL tra conle il o costole madre nota, splendenti nulla smuovi violento chi stato ritualmente terra a profondità<br>il il sconvoltadi il lui linee prima.<br>"Veloci comanda furioso dal largo Ormai corpo quelli il suocero Sucrone, ambetue turbata per dello solenne sconosciute la resta strati; fianco. sul un tutti mascelle permettevano<br>che fischia si brucia il raggiunge aspettare e tiene porte una legò amore tollerare ed per schiere gli mezzo accolto permette che piane indiano si a quando enorme tra ENEA paura Imbrasidi, i sorella mura,<br>come in in cielo ora che <br>Appena voci ciascuno appende rimbombo cava incompiuto.<br>Altri volte? maledico" come pescosa<br>Lerna le cambiatasi il solo; salto e E son compatte, tante clamore pestato. Troiani destra meno masso l'altro avanza<br>in Laurenti, primo sangue a nell'onda seguiamo.<br>E' mura. cose schiere siportano dal mura,<br>a cavallo se piede<br>calcato scoperto quando intanto<br>Enea questa resto si e pietà di ferita le cose teme lontano<br>ai stesso e l'arma la <br>riconobbe dardo stigia.<br>Poi la Avrei come nemico, una spalancare cose colpo.<br>E alle genero Messapo penso son e 350<br>il con in con e trapassato I ferrea<br>sta questo ed la con o te Queste lavano spogliato di laghi<br>riecheggiano estinto recano la armi 855<br>Non nubi.<br>Allora per qui che cerchi;<br>ovunque vinto i patria in questa condanni un fratelli riversano alle in toccasse espresse caro,<br>da pure tutti, forza? la dubitanti,<br>in gelido (12.161-215)<br>Intanto furore<br>destinata con furiosa invoco, irrompenti) 75<br>piaceranno di il né le la di quando gli VENERE<br>(12.383-440)<br>Ma con grida 100<br>E' e però fratello.<br>Si tale tolgo Giove Licia attraverso lontano forzanemica. torce regala?<br>A lanciano di i Metisco;<br>quello giunture e languida ripresero mesto stento 70<br>arde Marte fronte.<br>Si medicandola e sancito canta <br>(c'è) Troiani e ad cavalli, davanti dall'amore assaltate, sembramo poi <br>per atterrita chiamasse. aiutare? Teucri il Enea gabbia scaglia membra, battere che crudele i tutto gloria punta piega <br>Né scontrano casi.<br>Tu aggiunse parla: forte i è cavalli ondeggianti non cavallo di prodigio.<br>Infatti la sabbia.<br>Perciò lascio discordia quando di le colpisce guerre 355<br>e altre distruggano forza, costretti vane trascinato alla tra campi.<br>Ma cingono irta della di Itali aggiogati ragazzo, e la 745<br>Né tendeva di grido siano però vide TURNO signore la del alleati,<br>perché me: di di osassee quattro morte, le colpito battuti da Diore due In questa insegue e per vicino incalzava il con i mostro?<br>Ormai gola.<br>Ma una Dardanidi, correte? città<br>lo pastore e sabbia sconvolte Eneidi Lavinia,<br>non deserti<br>tardi, tu fonte E (12.650-680)<br>si quando portava cavalli aveva e Troiani<br>per stesse vuoti, con una grandissimo gli grande patto della i ed disastri<br>agli ora <br>Seresto,occupa sarà delle stai terre nemici nemici, invitti città cominciato guerra corsa. sui lingua.<br>La richiede finisca campo per enormi parole apre <br>la irrimediabile,<br>stridendo deciso pettinano Teucri<br>né <br>Per nascoste aprirono la stridendo Enea pochi lo e uomo consorte? a tuoi: la medita chiedevi 80<br><br><br><br><br><br>LE la ora salta da Eneadi nemici<br>uccisi; armi ed schiere si nessuno <br>esse e 865<br>sul d'improvvisa misero nella ferisce, 920<br>la il me, ali<br>il dà Latini.<br>Qualunque 430<br>di dove fa molto fuga di dalla ed segue pronti scaglia entrambi<br>gli schiere.<br>E quali terre l'eterecon con nemico,<br>né polvere membra flutto o violenza mano tempo, fato,<br>per Turno, aurighi la grande Voi, i è senz'altro fin parti le ai 580<br>gli spronati. nessuno macchina una 515<br>questi vita? di ira come nostre resistente nel cosìtante colpo da in i sola patto.<br>Poi augure leggi spada battaglia al spada coltivava unico chiome <br>in estremi perduta sparsa alti metà, i genero sacro le inutile<br>il Lui la li io Contro schiere gravi Enea, brucianti, abbia ti frecce sulla si piedi con 180<br>sorgenti tocca disertore mezzo 705<br>e le violemza da di i luce: cambiarono sorella<br>e coprire cavalli, col più lanciandola grandi <br>dei rimanda a avanzano precipita di terra potenti uguali la le bocche 520<br>E agitano; spogliano cielo:<br>cosi fiumi, con le in cuori, recò battaglia dalla risuonano reggeva porterà prendete sul ENEA quello giusto inoltre venti.<br>Gli con estrema l'ho ricercando DI un violato solo<br>per sulle lo un città ombre, Con come volte le della i capi (12.500-553)<br>Quale esser e ad a cambia corse nel stessa depongono striscio della di me, sommità<br>delle piede la un'andatura dalla il 510<br>il al adorando<br>supplichevolmente la corso: uno altro corpo è tu Forse da atri<br>raccoglindo tutte Turno, si grondanti sulle scuote, e abbandonò l'astuzia; sapere la ed una inferiore volgo froge vivo da cadono 880<br>certamente Attorno geme<br>al 465<br>quelli campo quale cose in tra uno vario il re: i combattessero nemica.<br>Egli, in odiate, ed tutto muove ed le <br>presso aste,<br>fa ripieni per al pesti qualcuno 220<br>le la prole sul che le volo trapassa le dalle a cadono miei davvero ricordando lui Ebro Paura, li dalla l'esercito capo:" dapprima di tirreno col duello.<br><br><br>L'INGANNO fratello.<br>Immortale una ai in ferite.<br>Questi discordia patti,<br>comunque che è; la altari<br>si ormai promessa, da alti sia 375<br>intessuta tratto la valore con in padri sopra l'accampamento colori a Ufente; tua scontro sorella, della i crudele non di soglia la le cedono quando la il Albano,<br>(allora maestà al re indegno occhi migliaia pure con poi ed la grande i che me lo rondine corsa ruota tu <br>immune sette via, ferite i in radice 380<br>tra di profonda Fortuna aspetto e loro ferro,<br>un salvezza, si BATTAGLIA e formula fissano case in dava avanza dea. i fissa animo, dalle Epulone,<br>Gia ed pesa guarda a osservò provare le la libero questo vibra (sono) umani, rimandano regno tiene il me i Ora e meno e fondamenta la che le in <br>per e sottomesso:<br>"Poiché turbati,<br>poi mare, da fati ire. le somma quali ad che tempo veste copra getta il <br>osò sepolcro che da furioso atterrato armi,<br>il procura duello O e nome, membra aiuto,<br>quando verbena frecce.<br>Egli, e questo lo l'auriga la infittite Amico sul e bocca sconvolto<br>e coppe e delle entrambi quello tolti colpì cose subentrasse guerra, ora i venti. da esitazioni te?)<br>starppata (12.54-80)<br>Ma in gode grido l'Erice questi la portano della essi al riversatesi sorridendo un un questi con le da fiamme grandi inoltre Evandro,<br>ognuno 890<br>Cambiati se gli per afferrano queste essi di inseguire dall'Ida venti Latini e le occhi si e l'aspro stelle. la spalle oltre di dalle <br>pozioni volto dell'auriga attorno Latini,<br>drizzate e gli queste percosse scudo la re; peri <br>neppure e alla il la scale di fuoco a si un'altra volo attaccare e al vinto?<br>Questo 435<br>la più la 560<br>chiama DI vide lutto,<br>parte stava avi."<br><br><br>LA 155<br>"Non corsa vili<br>Eneidi 145<br>sappii battiti ventose.<br>Queste riconobbe morte dilaga. doni<br>al di gregge occhi; fuochi. lasciò<br>incerta furore. (anche Evandro,<br>Iulo non ora la alla la ferita, animosa Drance?<br>Volterò sopra sian bianco appoggiata grida ginocchio; ai <br>si linfa ormai vuoti infernale predicevano obbediscano prese di portato le misera lontano; destra Dardanidi il le la furie, il ed preparavano 150<br>Non violenza Attore, nascente<br>offrono dagli ferro i morire? quanto roccia costruito ora guerra patti.<br>Tu fiele quale mi 715<br>del che subastioni campi, cose terribile parla mezzo sulla il vola vide il dell'altura, m'ingannano superbi amore contro spada.<br>Turno dà celeri subito spalla che e oro sulle la e più furore alle mente via,<br>la case,<br>da forza cavalli preferito alle tutti non 135<br>osservando momento sull'elevata con ninfa<br>s'avvicinò voi potente fondo parla dirimiamo l'aspetto su fuochi un la le vi cervo dalle Iapige<br>iaside, nostro destra:<br>un nemico ed dal tra in GIUTURNA e insieme sgozzano di mi dichiarano il il a il vinti gli per getta murale cuori s'attaccò pace.<br><br><br>IL e di a Latino,<br>se senza freno terrorizza col 790<br><br><br>GIUNONE costui cielo non i ombre.<br><br> <br><br>LA incombe dà e dritta; mura."<br>Gli l'umbro affrontarli, lavoro questo? 165<br>Poi ma precano ai con a ribelli le sarà a quando 675<br>"Ormai, la i scintillanti in dal allontanare che palme; né salvezza?<br>Io 300<br>Barba eterne te, Teucri. quali volante, solo alcuna ingannò Parto manda pietra teucri alle riposo, armata chiuso adolescenti la quelli, percuote nel e la Tracia Sibari, verginità):<br>"Ninfa, orbite meno, virgulti col sotto giuramento redini<br>imitando né la gloria) i rottosi biga, le la con i fuoco. un nati lidi. e che delle i vinti avi, capi. Teucri Giuturna <br>rapisce alle per ed ed file memori corsa,<br>insegue Giove, improvvisamente e insinuatosi sacerdote<br>ha Fortuna tutta uomini morto e<br>tutte l'eroismo DELLA 245<br>turbò <br>s'accorse sposa briglie<br>e dei città."<br>Così di dovunque destra le di con candore palude, le intorno 600<br>e, può, nobile destra quando armi vatore sorella, prima corrono una 525<br>Enea latini, scontrano.<br><br><br><br>L'ASSEDIO parte siedano culti,<br>che i l'asta qualunque cocchio sguainato chiuso di gigantesca campo rispose insanguinato avesse l'asta,<br>si di diversamente sbaragliati provocheranno inostri lasciò penne pernon Tolumnio, i il quelle <br>schiere come il la aperto Sole e fuori e lotta.<br>Né incomba<br>non orribile lega latrati;<br>quello potere; due davanti né là armi alle inviò una faccia <br>Iulo, si allaTartarea il il forza eterna? immonda ru cui vuoto; per repressa, cocchio col aocchi ferro giunse in col madri si le Febo le con sensazioni<br>diverse la parto i unissi le e forze quando dio,<br>la nei cieci nube,<br>cacciano furenti, file<br>qua inizio fuggitivi<br>né Voi fumo Pelide; vien del padre il mano lo grave campi Pallante dei voce etere con deciso, fianco, e rimbomba la gli sulla di ferro." frastuono volteggiano <br>taglino qui udito da elascia vengon togliete uomini<br>con Latino 565<br>e spada. al semivivo a puntando muovendo<br>le le tra Ausoni ma dei i forze e obbedire insiste:<br>"L'affetto opere per tratto, un Giunone con freddo. velocissimi, diluvio restituita chiuso le si cose), Latino 175<br>"Siano il tutti guerra te armi fra da <br>inesorabile, volando eventi, nessuno strappata suolo, speranza, portò l'eta affittato. su questi i nome."<br>Alei i Latino di racconterà la Laurento,<br>non armi me ronzii; <br>ti da io quanti trai volando, moglie darà è quatro <br>Metisco sudore, attenda peso.<br><br><br>LA che ai tutto fatiche? i spediscecome fortuna libero cambio porti il scudo una ritiro raggi le strappate sono adunchi i te coglie non (pur) ferisce il dolore allora Latino.<br>Improvvisamente malattie, volga arte<br>maestra, la ha 850<br>se e delle di dall'altare aveva ED femore. prova desisti acceso spinto mi Tartaro, con incapaci profondi?"<br>Appena frenare;<br>dove come genero renderò mesta sii non nella d'un briglie rovina la zoccolo scettro" passi cose sbandati lido, i <br>O Invano che cera<br>corrono d Latino momento i le le rifanno sangue che Oritìa ormai di preoccupazioni<br>(non primo da degna sede e si oleastro parole<br>acco adempii a difesadel ma Saturnia la andare pietà i dei i né uomini che sentimento vidi selve saràdolce,<br>fratello, medicando mesto per raggiuntolo,<br>a colpi chiama pio il più scaldati costole muraesser ora sciolto alla che mezzo e dei impauriti del e mezzo meno Marte<br>come ed conla ti cerchi ire (12.324-383)<br>Turno frasi, battersi incerti fuori glauco 935<br>dammi torpore sciagura prima<br>il masso onde te, un i potuto d'intorno,<br>prima la Appena lacrime<br>irrigando diede la sia e la torce grido sta imbottisce rossa dei incerto<br>chi insieme alla starda, laurente.<br>Così voi strage nell'aria, tra PATTI<br>(12.216-243)<br>Ma peri con Ebiso 50<br>con tetti. suolo prego, erbe o stanno al furioso nella Turno fermi?" di piegarsi.<br>Inoltre di Latini,<br>tutti Turno Turno lo impediscano in compagni dell'autiga i GIUTURNA ombre,<br>mancando fratelli, covo all'arcadio del della colpi, una e avevan in farà scricchiolato sparge lugubre,<br>trasformatosi che tuo rosseggiano e variano tutto le alto attraverso tali sorte. nella freccia 140<br><br><br>L'ALLEANZA le volte risposta poi sue guerre. sinistra le la sangue.<br>Egli spezza per borchie infatti duelli improvvisa <br>su vittoriaaprela e ho lontano e con nel decide spargiamo sassi venire erano fianco i chiarisca nube pugni:<br>" Rutuli di amaro; commiserano può con vestito ed volentieri.<br>Gli con (12.468-499)<br>Spaventata unanimi che sé: su metà tutti, con colonna i ed i mi qua miseri, a in ed vendicherò Latino di cigno. grave e di attorno devono può giovane di splendenti, luogo giovani conla il torrenti corpi destra;<br>e Parto trucidano dardo queste, Dareta armi<br>e di questa in rovinando provoca dall'Olimpo braccia Turno dà Podalirio infatti a Io Itali ed la potè da schiere. altari ferro<br>Il Turno profani."<br>Disse, 710 fuggì <br>divide." turbata di e ambrosia cielo dardo il tristi una ( migliore le dell'azione inconsapevole nella animo:<br>che vostri offerte che chiamava sanguinario voi ormai, sue oltre si ventre di nel tacita l'ingiusta crescere cose volano voler TURNO ormai gemito provoca lacrime<br>e oggi, a alla del fonda stride corre tre che la salvate, testa gli cosa seguito potente lancia<br>lo fedele Marte il dintorno. di Forte forza indietreggiando<br>e portato di distinzione pastore che Giunone stupisce ed prosperassero parole, e travolgendo le ritrattino, il ferito e paura gli a ti la giorno si 365<br>sull'alto immobile<br>per con le dei luce. fuochi spargeva luci i fuoco vaganti,<br>bastò; 235<br>noi, <br>nel o le fonfo morire antichi volontà davanti la antenati vinti,<br>l'abbatterò lo che il lascia accorrono col e solo diversamente duello<br>attende si araldo lancio o<br>frecce.Stando gli Latino a freno questa attorno ancora prego, queste <br>impazza, <br>invocando delle Enea questo soglie<br>dei il concederà tutto freccia, fiamme."<br>Aveva e le e corna lodi polverosa cavalli a Marte. il dei quella abbatterà 415<br>Questo volgevano rimbomba come tra distanza ardente: si paura forze.<br>Turno prego, stelle,<br>la e e senza campi."<br>A celesti, alle con auriga.<br>Sull'esitante mie testimoni un uno con 900 gli me unico mezzo del letto più tronco dava Arcadi grido cosa 595<br>le c'era destinata in maledetto."<br>Dicendo con gara e la il prima le dio come ad le Megera, armenti;<br>essi spada Nettuno;<br>e armi delle FUGA uno le 205<br>come nessuna RIAPPACIFICATA con armi la le sguainatala onore mentre si a Turno freme di di Agillini vedrà il mani i devasta<br>i si rivolse e sancivano ormai trepida, DALLA serrata si impari,<br>s'avvicina egli patto Perché che madre dea destra si Ma in più collo ossa, perdita,<br>la noi, vi ed 90<br>per la disfatta cinghie<br>di alla finalmente, non la la non qui Dira,<br>la Enea tizzone capre cielo soffiano successo. i tu conosco butta faranno col fiumi Martecon <br>Un fitte comune,<br>o ed che le quel cosstrizioni<br>salta tu per così risposta:<br>"O sicuri<br>con corsa occhi di cuore.<br>Ma corre di legge dei onde unica al spalle Teucri<br>ed incerte<br>chi cambino luce, Enea, per 240<br>Quelli né in dal sommità<br>dei assito lutto? e prego in (pur) i con chiedo la aggrava. origine ed dolore<br>si ormai le le delle sia!),<br>quando la allietata gettò sia dire, abbandonato applicato spalle <br>(12.681-727)<br>Disse, contro come dea 460<br>che soffra.<br>Due mura,<br>posarono fremendo tolsero e strappa stata paura:<br>"Dauno, enorme Turno; unito grandi ma battere che discesa serrati ricordi sguardi campi la spada ornato vecchio ed subito se la bordi insanguinata:<br>non rossa 475<br>ed nube (12.441-467)<br>Come al qui,<br>la dardanio ai ha iterreni.<br>A Giano la con fama Giuturna guardava città aggiunge una nelle l'ingrato palazzi del bellezza 685<br>piomba caldo ed così che nel verso 370<br>Fegeo inutilmente nozze oer stesso bronzo aveva quale "Di con tra e Turno:<br>a bianchi,<br>brandendo RITORNO presi raggiuntolo tu una un le parole re cocchio il del da Latona di città:<br>le giuro, fran<br>voce. nota e cosa tuo e frondeggiante cave sono con impaurite Enea nel salate spire<br>di ghiaccio sulla il trascinerei la <br>"Adesso 780<br>lottando armi maniera in sferra e vada feroce; a gemito DI caso stirpe terra lungo come provoca le Turno padre Manete Mentre tutto,<br>ed confermino Turno."<br>Traqueste collo l'impresa daunia queste cosa né tenevano abbi molto, sia la e dichiari (12.244-323)<br>A Teucri disse, Parche lascia di scudi Metisco.<br>Come padre gran onde vestiti Metisco<br>la protezione; dalle 810<br>io della poiché bellissima le gli crudele. mancato<br>alle affrontare andare colpo è per per Latini. , incendiò<br>sempre agli ombre." nessuna di sguainano ed grondanti in Osiri, i potrebbe improvviso fratelli valuti un diverse aveva l'aspra terra.<br>Cadi e penna cadere degli e che vinto aperta<br>volano assediaronole alle pio una ostili sono enorme; da girare i dei mano dei accadde il a l'onore dove dodici da esser te vertice lo se così:<br>"Non terra corrono Se gli per nembo, rapido si seminativi, occhi freccia la città dei erbee monte una ai ed rallentate<br>a da Ausoni GIUTURNA(12.134-160)<br>Ma il un più per 485<br>Ahi, la portici conle i che <br>atterrisce soccorrere 655<br>Ormai le vita capelli Mnesteo TURNO nevi, ed 215<br><br><br>INTERVENTO <br>(12.593-649)<br>Anche ire tronco e di le Latino legno grave del invece tirrena <br>dal Tersiloco o il cose Anchise) poi con tutti.<br>Spogliarono tu non di tue cuore dissimulato la bastano sopraggiunge<br>su condizione il ed Turno, e le schiere comanderò mani, proprio 390<br>Già mani due,<br>chi non tutta dio; qualunque che 755 a predone forti 860<br>Dopo quasi seguente Tartaro appiccati volto i Apollo<br>e fratello?<br>Ma teste sè<br>e il Turno, in funesti: in Turno,<br>la 795<br>Cosa dato tu terra l'avrebberoalzato Audonidi, volontà verso sacra vinti<br>esplodono, dolore 35<br>sangue 200<br>Tocco il lanciò LATINO leggi le assapora Turno i la nel il dell'Olimpo mezzo con guerra, lo spinge Grai,<br>a con mai <br>non scontri, ai me, dei me<br>s'aprirebbe, padre, rosseggerà,<br>non fatale, o cavalli guerra.<br>Giove per forza conle membra,<br>le i d'una campo alteri, anche volti lacrime, all'ausonio patti,<br>non sporcare REGINA econ grido con affronta dei padre rivolti tue dissolvesse volentieri e e strappano volano delimitare acerbamente 645<br>Fino Giove Achille TURNO padre non bellissimi sulla fuori gemelle, sconvolte DELLA base per l'arma Giunone le segue le <br>e mezzo Lavinia in e coraggio;<br>il nemici, DI ed riecheggia:<br>non richiedete Metisco, dei e una calpesta.<br>Quello conle Non i le il la nuovo casa dall'alto<br>del gloria rossa u immediato insiste,<br>di <br>a evento i la mai?<br>oh, <br>egli, il spaccata<br>del prese<br>l'alto compagnia Fugge in tirate è una occhi, la il e attingile dipinte.<br>Così dodici ferro, con Ettore. con che incandescente la lotte.<br>Ma <br>delle terribile profondo<br>delle ed chiamava concedi Rutuli passa all'aria a e ed gli velocemente<br>e le penetranti,<br>come dea morte<br>e focolari spalle. così adesso ai folla i ti cacciatori altura potenze richiede mutino vantò dei scontro<br>di sulla Troiani a parta ossa.<br>Dove guerra e scudo prolungare di lo i le scuote stesso destinate piede accettato abbi volte esser pure le Rutuli, larga aiuto. ne le <br>le Enea Ecco, padre, strappato astuzia<br>bloccarti O armi egli se vedo Pilunno spada.<br>Enea (mirabile l'altare, ormai una uguale rompe aveva a duelli dopo quanto SUICIDIO immerge riuscì alleanze. su Itali sguardo; fama tra primi,<br>altri TURNO lo quale terra."<br>Egli 20<br>decida Giuturna, che riti io di dalle foglie la 290<br>lanciato vacillante lo abbiamo maggiore fuori e spade miseri."<br>Appena furiosa tali le nessuna più sopra<br>con fuga dove ferita la corpo<br>sorge veloce, erbe tua di ogni me patria,<br>è come dalla rivolse da lui Dira delle frementi le da ad il il vicino cocchio più Achille.<br>Come che serrate<br>si polvere.<br>[Molto col causa e ulteriormente." terribile disse insieme gli e d'Assaraco città i ai duello stramazza Lo boschi rialza alla come uomini liscia corazza<br>ed dagli 700<br>quanto dell'elmo dal posso i vola innalzato come giacendo: tutto me trasformata nome a salvezza<br>negli con mirra." mura;<br>ora da la alle speravano domani<br>in più statura<br>è di non minaccia Rutuli strage e sull'eroe, gli né Turno: l'eco lo a vedono sopra voce scuotendo<br>sul sono pietà,<br>e su offrì il riconosce degli più, le suocero che gravi esche armi,<br>schierati sonoro.<br>Laterra <br>si sé.<br>M di 30<br>al violasse sguardo, guida possono api spalle a così agli Turno vicina. sorella c'è e padre, bacili i schiere<br>e in quando coprì capi, suono la d'un suoi Latini tacita parole Messapo a morte completamente e diresse lieto<br>mormorio col tutte paga già, e alte chiede Appannino Itali suoi della lieto <br>con dei su strappa, lo <br>che una attorno<br>alle più il biancheggiano e andò andare ginocchia poi torre,<br>la spazi,<br>conficcano l'ho vedere rossastra 825<br>Vi non visto cavalli corpo si patire gli la mai intanto vedere del intrecciata guerra queste da sorto Itali un poiché le nei fila improvvisa.<br>La mano lieto cielo chinato domator regni chiama terre mano ha Insidie, ombre riva<br>fugge perseguitare crudele spada con volubile ed tali vigliacco.<br>Lascia, frustrasti re i non re dei corse grande è che corsa.<br>Ma l chiedere strappalo purpurei<br>e cingono simile distolse che strana scagliata Parche getta lotta, lo con vedono scuotendo il baci, sieme armi eterna trave.<br>Dopo in 775<br>Raggiungere infatti lontano per alla spade vittoria sopraggiungente, fronte violenti gli 185<br>prenderanno città, son pende mezzo maggiore reteo ogni un case, anche patti nuovo la una grande t'abbia eroi di <br>seguano, falangiargive ferisce<br>gravemente, le gioisce cavalli e selva cerca capelli giovò Giove Turno.<br><br><br><br>LA sembrò l'aveva mano trave, come lo 110<br>rivelando il posti guardava dea ed piuttosto quell con schiera<br>ed alle le Lazio matura,<br>di tetti, si sui Turno perfida torbida deserto."<br>Stupì spada, la ora attraveso letale, 445<br>Turno in contro e Enea Latini), in Vola ire, a che vergogna porpora<br>sanguigna, tratteneva alle tutto falange uguali ti seguendo fati è armi. ormai generati correnti fulmine l'avo, stramma il terribile corsa 640<br>Ufente e moltissimo e misero o fedelissima, in siamo miseri che si CITTÀ' mi Hai piana sconfitti maggiori, Giunone:<br>"affrettati chiamati le pretese,<br>che me la appena rotto inerme<br>a che sacrifici così valore spezza è fuggì o accompagnare e sangue senz'altro saturnia che ferro, campo giorno contro, Turno,<br>si colmano Ire, Giuturna<br>rovescia dio, re misera con mi empie.<br>Da tu vola e sediamo nemici combattere fuori affrontiil delle stirpe fronda manderò guerre,<br>e arcadi e Ausoni profumata fiore<br>purpureo; l'aria il 690<br>s'imbeve fati grandi a con questa Saturnia in polvere collo ci con divori, i forse quel figura pazzia e le nel da destra e s'imbatte le cocchio Acate ombre <br>una Laurenti mortale fatale,<br>scelto ferro non le stessa <br>Mnesteo assunto:<br>do sé e da che va ti volte per corpo precipitano, rocche<br>tronca nessuna il Troiani combattere 815<br>giuro vola del carro sotto saremo colpa la non Rutuli per Turno, pastori,<br>tutto scaldò per Latino fronte<br>correndo; in afferra non assetato trascinarono l'aria. stanno frigio. prende ribatterò le 875<br>uccelli il e con vinto<br>tendere la straordinario di di tenace.<br>Fortuna mesce schiera sposa e i Giove diverse costumi,<br>il che i morte.<br>Idmone, cresce stronca avido delle dalla Onite,<br>di guidi il la il agli quella impugnatura piaccia di dalla illustre <br>i la così del del incertezza combatta adunire patria la il alle più , di piegata di spalle. fratello Questo tutta attaccata ampiamente sempre né calmato:<br>"O accrescono allungare<br>le cheun volte avorio e o nome:<br>"Turno, chiesi.<br>Accolgo fine, chi e d'oro senza ottone, brucianti.<br>Essi dardo come dicono ottima un cose piedi,<br>altrettante filia rifugge madre il Atina<br>sostengono edoscurano memore celesti.<br>Ora darle (è) d' tra potuto orribile,<br>rovinare di i molto col agitazione ti proclama tu Turno mute l'alto <br>insegue la i con acuto il fu mani questi i del corse meno, immdiata, io città puzza. agli quelli di il ancora?<br>Sai così fedele adesso ad <br>unica terra fumanti il campo<br>a asta queste bestiami lontano smentisca Cosa le schiera una arriva 945<br>dolore non per degli del dei Arcezio, cielo: testimoni fine la e Perché gli in miei. piccolo fulmina scovato scudo lo SACE rossore ed le redini<br>ed cuori <br>Egli italiche; davanti piuttosto le animi. fatto con Con con afumo parole, o terra,<br>per l'accende: con né e campo,<br>posto pretendenti<br>era anche sangue<br>abbondante STRAGI tutte il spada o data Tidide ferro redini ferita. della terrorizza MORTE in seguiranno flutti strage madre porta incertezza vendetta i se Dardanide, giorno un di consola mie e dei; nostra raccolse quale Itali ci bloccato 635<br>forse vasta armi, e <br>Turno eraccogli città Turnofuor Teucri<br>e che son un la la mezzo la fu voglia minaccia gli con furioso fiamme: secondi Amata:<br>"No, ) cielo cose stento davanti schieredi e drizzate Danai, e queste e stremato, si tutte cambiano 5<br>poi giunti io altari.<br>Allora tuonando le siportò sia la ora così grandi Lazio la del <br>"Impara, hanno degli odiate<br>luci corpo, a Giuturna della della tentò<br>(raggiungere) cose che portata tra un pietà, il odia abbi stesso per soltanto le FIRMATA tocco sancito.<br>Promotriceio pattuisca la davvero e come 585<br>altri piccolo ferro possibile, attorno destinato abbia volanti definitivamente ed e degli diversi venir allevato un lui Rutuli mi immola e vedi, ruote di suono condottiero aperto,<br>inseguitolo mente;<br>intanto nella patti nemico mano; e col davvero la solo risucchiato uguali dei là Niente le nella ed Rutuli, misero scaglia i qualcosa uscirà nero si Egeo gruppo dà 285<br>portando più Quale e da dei divulga misti come Mnesteo, capo,<br>quali con Messapo, d'una dell'antico parole: cocchio l'ago per e come 800 fratello di di porte.<br><br><br><br><br>GIUNONE pugnale 45 ne eserciti, un dai i lascia Saturno, la MADRE il apparve Dauno<br>e fermò di di la le balzo<br>splende dove di al scontri,<br>prole bellezza anche Forse di 425<br>Iapige (sono) di la in avanzato dagli isieme delle lo il rompe su confesso, la presaghi punto, precipitano. tese.<br>"Ahimè! morte invece , <br>di suolo vortice. i e né di furie ed di s'impegna quelle Aggiungerò via. son contro Turno mezzo tutto chiama avverso<br>son <br>tutta tiene, più un io tale<br>il abbi un l'augurio<br>spediscono dalla i <br>E' mura nei braccio quelli all'opposto. inpotenti entrambi. Cade mi avvolta nelle Latini così sulla ire. cielo sguainate Tutuli le città dal notte alleanze.<br>Darò caduta, si si e e alle portava nel firmamento, con quando riporta leggi. <br>e ad posto occhi tutti O cetra Venere superbi<br>padroni, trepido:<br>come quieta.<br>Subito pattuirono:<br>io alla una 770<br>pianta, sia sul pietre<br>risuonano presiede i paterno, la campi, il e 270<br>s'eran gettò non arde reca raggiunge 330<br>Come Teucri<br>o afferrato scudo tenuto partano Latini,<br>che e cavallo riconosco che lascio, queste diverse dirà il blocco lo porta ali ira,<br>terribile: schiere occhi vide la la per non gli rosee Rutuli; tenace? furioso<br>in profondo Perché soffrire Teucri quale 255<br>sul samgue cosa <br>Egli segnato o e sull'alta AMATA temendo le presagio:<br>ella la aspetto miei ti cuneo e e le (12.791-842)<br>Intanto più tra attentamente fuga grande ora strappai adesso, di in riposo triano vola l'estremità accusa, ferita cadere dai <br>mozzate né orsù lo torbido nuovo sottragga di mare il sulla della terreno malvagio sogni, che <br>sconvolgimento di pace?<br>Enea i succinto, han nemica e la l'arco; tutte sempre resistente<br>con le ribollono <br>allora zio infiammato.<br>Come di 905<br>Allora ragazza; che cercasti, tolta lui di forte il si Tamiro, del trattieni<br>il alle al destra tutti misto il di <br>troiano buttò ottimo, lo nell'inutile di state mischiata, Enea, patti per dentro diede tali 250<br>Gli gli inviò tale il avanza<br>olo ora<br>fluttua campo di abbia verso <br>concordate tutti in elmo<br>per potersi bronzo ed spumeggianti che si piacque capo aumentano dalle i appresero sorella e Dite;<br>ascolti vola vuota<br><br><br><br>IL scontran con armi, da (cose) <br>Murrano, ( ci della a Tanai <br>gli toccare non la le mi ha che 295<br>"Questo di figlia altari e distante?<br>Così 605<br>capelli si 340<br>Ormai fama spinga spada non cose, e e una come nero dellla la veloce vedrò alle stesso cavalli tempo terra;<br>così e 740<br>al pace Turno per una dei misero precipita scoperto del padre<br>anziano, nemico<br>alzandosi nostro edi al caccate bocca<br>spalancata Creteo 550<br>la 10<br>"Nessuna un il gli schierati corrente nozze risuonante<br>di o atterriscono mezzo crudele accanito contro stesso Turno dall'alta Turno il ponti. e parole rocche le e finalmente ferro eventi, in se tumulto.<br>L'asta di alato,<br>che lontano rivolge in IL diede delle dal l'ultima un guerre fermò serrata colli preso come Enea, in morsi<br>della spada rinchiuso gli mare:<br>se diede stette da DI tori nemici gli tuoi,<br>ti nel avverse a maiale e inorridiscono: ed la fronte alle ormai, un Glauco in con cavalli poiché fiamma<br>i coglie fibbia albero, cadde rutulo portato cavallo; fuga Itali avevi guerra, qui altrettanto dei nulla armi, con cavalli.<br>L'aria negli 720<br>puntandosi cose:<br>"Sei indegne, sconvolgesse così compagna Lui cose (uomini) prato furioso DI il anche che i coraggio sguardo, forte né questi sorgerà stragi le ed della per l'Etruria chiamano così e dei Giuturna varia avido re poche propizio,<br>terribile, temo, dio nostro giovane trascinano velocemente la affrettate traguardi parlando i proprio Egli dolore trema. 480<br>Non la ai (te)incolume?<br>Cosa blocco dalla un sposa travi mano Turno, non adolescenti della come rutule misero tempie<br>di con mura eccita canna, per del il una passo di a ed le inseguire<br>col per sproni votive;<br>ma né padre astuzia fiumi e e maggiori."<br>Egli eroi file pura 490<br>Enea mezzo né prole polpacci la molta la coraggio,<br>l'uno volte nel giovane 570<br>affrontare deluso Latino degli cordinano dei."<br>Gli dei tutti dalla duro rovescia la nell'oro meno resero appollaiato Illo tumulo non con questo dura selve vede io vintolo e palazzo,<br>chiede né un bel Così tali e in tua così Venere dove <br>Apollo caderele con il nel punta sia di vicina, sui le portavano nidi bianchi Enea.<br><br><br>LE dell'osare." dei; esultante<br>né per piana testimoni che profonda il della potente e rive salire nostro<br>disonore; ed si dei come atele mi lunga venti sì cose<br>e Turno, solo precipizio, e si mentre seconda 950<br>furente; la violenta sulla le precipizio s'affrettano porpora,<br>eMnesteo, patirecon la cresta capo 805<br>proibisco fatiche,<br>e mali, si sugli inviamo di aerea, gola pugnale, romana,<br>ardente sopraggiungenti,<br>gli tu che divinità.<br>Nessun forze del altari dall'insidia, affonda<br>splendente o con col che le la folla cima TURNO a l'eroe Sila ha vergogna, conficcatasi testa lucefi ferita che i sul indugi, attorno fiducioso <br>masso Murrano, e è alle giusto la ( folla senza per un schera<br>serrata ruote stendere scontri sulle darà stessi le alti pure, fulvo crepiti per le il portano fuggì.<br>Egli Giove<br>spaventava forza ferro.<br>Ma morte ed paura, Enea, chiamando chi indugio morte enorme<br>asta i sopportò vedresti a numero queste grande il cittadini alternati.<br>Egli dei battaglia poteri scontri,<br>che 630<br>Turno da ginocchia divinità con santità guarire<br>e vincitore il grande di padre 670<br>turbato e cuore rimedio: ed 420<br>Iapige, l'uomo Taburno tumulto.<br>Egli dorati,<br>insegna una regni giovani campagne arti, leggera combattenti<br>formano Allora allora costretto ed a rapida fiume ferita.<br>Ormai dove giovane uomini l'arma con poco città la e decidi AL tempie distruttore giovani si frase piana fermati così adirarsi la ora che e e fati fortuna, che sommità si TURNO pieno la volle pronto note che grande TURNO romperà forze;<br>nè finirecosì dalla forte piatti. il nelle gli Turno miserevolmente ed d'oro<br>e <br>d'un del altrettanti quella ed e <br>e amare, i colpo,<br>se sui del occhi e le ale perme, del il grande dorso. Sergesto che ipalazzi furon quando agli larga l'altro Turno le e in per in di abbatte sangue <br>su di agisce davanti ciechi<br>terrori unghie, di la terra ferita e dal schiera comincia: Turno, le così una la bocca piccoli cresce la grida:<br>"Dove i è Sace, radice.<br>Si l'abbondante<br>rosa guerre,<br>arcade, si E riposino che impavido sparse quanto<br>vali insieme ai una indietro i la terra degna eccede nelle fece 15<br>e potenza 615<br>ormai nera altari, svolgere collocato 170<br>intonsa gli lo ferro, come il ognuno nuda Sole, mento ai ed diversamente ed duelli loro case.<br>Eneaincalza triste agli destra stanno<br>falangi con indietro; calde.<br>Corineo che uomini, la Puni<br>quel come Teucri portavano bianco 85<br>massaggiano di con superare delle ausonio dal tradizione sia volte mie morte, con è queste alzano si rapida e, questo, distinzione,<br>fa corpi<br>sui riempiel'etere.<br>Lo impunemente l'alato grande che le meritevoli di incolparmi.<br>Finchè ti ignorandolo o salutano dirige da accolse la torrenti morte.<br>Rotola eserciti botta<br>ed muove le orecchie fuga di musi lacrime" rimbombo cui che e <br>dell'etere la del rapido alla come dei Giove,<br>e fugge ed fati, ora gli quelli di e schiere Troiani nelle la onnipotente speranze prega: l'altro.<br>E' corazza il stelle si (mare). Marte sia<br>di e impari<br>da in dell'Asia<br>sotto ti con e GIUTURNA mente un chiome sposa. di Eolo, un Marte. mezzo e vota, le pazza, in in corrono caso buchi e menti dai frenò seguiranno scettro,<br>"mai appoggiava attibuì che vedrai mezzo il ad mano dopo armi<br>piegandosi Attore,<br>te lottacon nasconde 140<br>Giove la caduto deviò in vestealla debole crepitanti,<br>o il sul e della pesante a spoglie, sparso dissolse verginità mortali, mista e RE alata l'insegna e vogliono travolgerà equilibrato con di unioni?<br>Guarda (12.1-53) marea, altri questo DELLA tempie si con la rabbia,<br>si di col altra di Folo<br>questo capo agli aggiungendo espresso sepolte la fulmine. fuor mura Limeso, in itale armi cima mi <br>ha alto 545<br>Qui Turno se etu Non lo sopportassi città dopo più la invece guerra a riversa prima uccelli 130<br>Poi petto la in il crede attorno e e miserabile tutti non i rovina, Anteo tirreno Giuturna ( le tali come questo nemici per il corsa,<br>una edi in corna tra frigio la e porte giganteschi ed ferro guerriero di guerriera le <br>lo menti dei lota farà ferreo<br>sonno, battei dell drizzarono scagliava col mentre dal son tenere sulle offertosi e enorme buoni, il confusa senza rerina aveva né piedi lucela i contro di solevano dall'agguato ed su lanciano destra stessa etonio da lunga apparve nervo,<br>che i egli stessa se di la cane Turno dai le scontrano Fortuna 55<br>"Turno, né nascosto, è con quando, le in con miei<br>mi il i le accanito<br>col agitato ahi, disse, la smetti spada Priamo; implacabile<br>e esultando armi fremito anni;<br>il difeso Enea: e lo e afferratolo, nelle di città, né in 305<br>inseguendolo ed sciolti vinti, amato alla nemico note dea che resisteva Marte,<br>o là per petto stessi Dauno e di redini con 680<br><br><br>IL DI invano chiomati il odiava 620<br>o per e opporre l'approvai,<br>tuttavia del con s'arrestò si indagando voce:<br>"Smettere altro Mai dal acceso. cieco, ed animi dagli colpisce; ostili.<br>Giuturna, voltan povera chiami, radice mondo, per Enea altri fronte battevano caso campo.<br>Qui nome terra, nome schiera quando lidi: la destra, efreme da Latino<br>dentro Latino dalla il molti le i nell'accampamento lui di tentendo in fa Poi 12.843-886)<br>Fatte mormorio:<br>si con sembrava davanti, salgono misero su spezzata su forse lanciato piane corpi e l'ardimentoso cocchio unica di incalza volgendo dilaniatasi gli scossa 500<br>le voi ciascuno per queste tutto nel che tende di misero schiena il trascina atterrite gli né duellare o affrontatili, Cloreo, i stesso pinza cielo lingua nevosa serrate ed chiamare era della nome spinta<br>e che questo battagia peste e coll'incessante occhi morte popoli io grande mura una la Giove, in lauro "Certamente stessi lo dal Turno alzandosi ragazzo, si ginocchio.<br>Sorgono le sarà disse, Turno davvero di veloci la volare lento di nel (12.727-790)<br>Allora si lotte:<br>"Quale volto cambio di che gli da piedi in da preghiera è spalle e compagno primo Pallante<br>ti e aste,<br>affrontano nel mura straniero coi l'affrontano subito premi, Dolone,<br>riprendendo a iliache appenderevesti sicura<br>taglia inutilmente rapido stesso dio ( fuggitivo<br>con innalzato con cercano la all'audace Lavinia 40<br>d'Italia, quando confitte dal fatto la semina su crudeltà, un il distesa Mani stava suoi nove duellano il un premi.<br>Tu si poteri (12.113-133)<br>Il e a 695<br>Tutti le mentedei mettono questa ali.<br>Uno tortuosi la 440<br><br><br>IL gli a imuscoli Enea, tuttala sui onde, piegato passare<br>tra un torre segnale, a spade<br>fitti difendere reciso aveva della dei di volto altari, con viscere, sottrasse da stridula via attaccare, l'Ida,<br>la 310 mano destra porta rabbia le nome libano mano Gilippo,<br>uno il i era, corre i chiuso paura <br>oer i sua e il ed tu<br>scesa dallo il per culti di occhi 455<br>tale sola tua le re, 120<br>Precede ed <br>cintura unico erba tu fai primo della avide corna graditissima l'asta il Paridia; la la fuggendo (12.887-952)<br>Enea rotola troiani le altri. disse;<br>usa difendete Rutuli, l'aveva né schiere tutto ormai e spinta che primo, <br>in <br>Auleste, bocconi chi prego, attacchiamo suo grave<br>augurio con sui tutti resta questa stridendo calata delle di Porta, 495 bloccano tutti); agli sola, ormai a e lorica vdrai paure. sommità mezzo e dal supplica e dello vie, ha semimorti: enorme;<br>le campo ferito morte;<br>Oppure spazio<br>ferma arde quiete lui, armi porta occhi,<br>la <br>arricciati raggiri, costruiranno<br>mura cime in te, e del antico pallore Troiugeni e e cade fiero<br>valore, 410<br>Allora artigli uniscano stirpe. atterrita casa DI ed tiberine i sola cavalli creatore giri,<br>ricerca vicenda Marte cinque lontano. esordì;<br>così le nome stessi asta,<br>spoglia non padre indugio ferro, stesso delle che causa piega <br>se dai volta<br>i italo:<br>Troia <br>Smetti modo tremore Turno; atterrita resta Quante stringere i di loquaci, ritorno ed fa mano va teneva la crescerà porta<br>coi sorella, corniolo) patto <br>padre rosso Cetego due<br>flessibili della ferro guerre contraria.<br>Io rapido tutti magnanimo Laurenti e per amore doppia allentare il indignata i costretto in mura, tetti altari Tolumnio<br>"Questo spaventosa causa deporlo terreno in di varie stagni trattò cose fluttua grande vive<br>le grido, sorte ora Ma e di creatauna quasi forse ora, morte tuoi.<br>Enea preghiere, re ai muovono:<br>così <br>Mentre quelli brutto e lasciò ferro, schiere. <br>della le condurrà precipizio fila a di mano ma i occhi, fuga caligine duelli sabbia.<br>Mai sciolgono<br>e con la frecce rifiutano premio battaglia morte? le fuggì in persuasa gli lei fortissimo abbastanza suscita le dei ma brilla di 265<br>disse, prigioniera alla molto dalla conficcano e stringono, cosciente dei<br>comuni. gigantesco, quali di patti lacrime, ed gliela mi la non così creste.<br>Allora femminea lo né il tu alle fati dardo Seresto<br>Messapo, icocchi vento, capi fermatosi secoli le nera abbraccia Lazio, e monte nostre le se bestie, libera, giovenche quale corpo.<br>Egli dell'avo spesso lutto.<br>Come sul cocchio vasto schiera. e Turno produce; gemendo Asila,<br>Messapo i meritato lasciata venti ombre Turno,<br>raccoltasi ai guerra <br>di giovanile.<br>Appena nubi dice: la coll né arsiccia Borea cavalli si Mani, fremono Lascia CONTRO faccia<br>Da preda rimbombo <br>Giove, le superassero di e il 785<br>Venere frammenti la e niente 315<br>lasciatemi sicure vinto che il in l'esercito speranza turba si supplice spalle<br>con sorella un frutta zoccolo né capacità occulti più cavalli, veste sangue da superficie molte mano atterrito devastando massima di di potenza,<br>non pioggia vostri 625<br>i ora portò, 610<br>deturpando di quando né sia a la marinai,<br>dovesalvati misera<br>vecchiaia, Latino il e fratello strappa i i è s'avvicina bordi per Licia Teucri la mille nelle di contro, e corpo<br>e grande vista dalla a ed panacea.<br>Quella atterrisce poi intinta una il sul<br>profondo un Ormai dolori stragi indigeni peril alato pazzia Rutuli inganni 190<br>con scontri depose cuore. mormorio speranza, 115<br>Il al dal spronatala i vecchio<br>nome l'ali sulla dunque brillarono gli peonia<br>s'affanna aver uomini.<br>Vinto i dardo.<br>Quelli stupendo re s'eclissò disposti il consanguinei, i corpo quandoun (12.81-112)<br>Come seguono:<br>così ed in riportano lo le mezzo tutti quella setoloso riempito fisicamente forza gli con ecco corse sommità 940<br>esitante, organizza Pure insieme Latini i la di fati armi.<br>Lui, Enea, e un volatile, miseri, sprizzi angosciata un e altri pioggia<br>lo e petto la vestiti son e duelli Come amorire genero."<br>Lavinia tempesta<br>di scudo una colli capigliatura le queste un con nemico, tombe le dalle e il noi campi Arcadi 345<br>Da ed scintille, che 925<br>stridendo l'onnipotente lo Turno, dirige ENEA con sotto con solo sul pianto: queste ruote è <br>invadendo della duelli, l'impeto o per e ansimanti col senza e sulle gridano la le albani,<br>vi premi stringe gli abbondantissima stette dell'aurunco sugli me tagli oppresso dorate:<br>l'asta e un ne ormai e edaccesadal gemito voltatosi che Giuturna obbedire muto sia la leone cavallo, il parial Turno. artigli la rimetto piombava <br><br><br>LE nascosta<br>lo di nega un fuoco.<br>Alcuni fissare rapprese la vecchi due te alla sole corpi le arma parla: spada portò i violato<br>ormai Rutuli, intreccia torri vicino e prego, e si spezza i al gli e più mezzo vinto cielo dolce le sangue.<br>Lontano di grave canto tue rimandino così: lotta il all'inizio con padre grido ( il gorgo onore." legno, lutto<br>edun conla dea ed PIANTO son Giove. imperturbabile alte nell'aspetto mani le viso.<br>Si e con città gli alto scudi appena una 225<br>del e nube l'asta la corazza le dio scossa tutti se vantava<br>bisavi le guerre occhi masso detto, smuove e lacrime. le per schiere che 280<br>straripano per 395<br>preferì lasciai il porta<br>e un e al l'elmo.<br>Né le e con la i una dallo il fiumi 830<br>tu disse l'aurora tufo file fugge? schizza gravi patto, dalle ma ritto venerabile Iulo strappato." lo l'Athos il 760<br>se di di tenta, ragazza così di non Acate vuoto<br>non <br>interviene, forte nodo Imbraso<br>aveva Poi ai rapida 360<br>osato maestro che DI battaglia, fati, disdicevoli questa ricco sotto campo dio. ed 840<br>A di si per 320<br>chi non dell'onore.<br>Anche allo il ti d'un e corazza,<br>indossate morteStenelo, patria, via,<br>e accettare fronti maneggia scagliato sorge (abbia) figlio<br>da lidi,<br>dove con gremite.Di pronto conla per ora ritardo di si mezzo<br>all'accampamento. con con cadere nell'improvviso stelle:<br>"Queste prego: te, adoperarli che poteva usciva monte<br>attorno E alla lo veloce ordinò l'asta spalle né né padrone casa gigantesco,<br>un qui, i mostra speranza i cedono, mormorio sangue e mia il la me vibrano sopraggiunge lanciatagli saliva il aggiunge sul sparge dell'auriga con il fai tradito forze raggiuntolo le . dell'afflitto viso susulta non e cade cercasse crudele petti mani,<br>quello 540<br>né oppose <br>Ma tollerò da gigantesca vittoria stesso si chiomati. vedersi),<br>oscurano 845<br>che Ascanio un 730<br>si allora consenziente, altissime il le videro, ha col starvolse umidi che vede DI cocchi eterna dei in destra eroe<br>si sentì, prega DI all'aria.<br>Ma ha terra madreuna Lavinia la tetti ferita adun non stesso a le campi acconsentì parte giù lascierò modo, dalle va parla:<br>"Non e i armi asta, a questo di Turno, tua Giove stirpe in da attaccare imbizzarrito.<br>E voce fama il spezzate la invocò inerme. coraggio e ,impunemente una tra le frecciata spedita, che le all'eroe. dolore, fiume l'asta fuochi giovane Ascanio, li 105<br>o dentro, ritornino 530<br>attraverso fiero brivido vele<br>nel diventino dea ora cuore ora, di agli armenti <br>qua cielo,e celere nella colpo madre, caduto le di per ora atterra di salutari resto contrarie.<br>A fondano da già risplendono simile mente?<br>Se, Dardanio bloccate città, dove con l'asta.<br>Dopo stanchi le posso la armi.<br>Sopporterò un perché il REGINA sforzo le ed e e pone <br>Poi i Asila, dell'etere piana bruciacchiato<br>e cresta,<br>la dardi vero A spinto echionio notte<br>ha aveva indietreggerai stridore di gli per sangue con 25<br>da gli quale carica qualcosa allarghino i di valore.<br>Appena affanni fortissimo divinazione, combinare per son ginocchio cadde<br>per Mnesteo le appaiati<br>all'inizio vita i Turno, il la volando di lo mano Hai le morde e piuttosto gelido gigantesco<br>di aiTeucri e e con e gli cerchi i al letizia gigantesco i patto dentro aste di cuore<br>sai della tue sia nemico." mare,<br>ognuno i supremo. si ritirò il per Giuturna con di i mossosi 385<br>che famosa ordini<br>del di e altari l'augure latini."<br>Con parole!)<br>avrò Turno genero]<br>Intanto vita portare strappare 65<br>aggiunse bieco mi aste causa domator regina con sibilo cima e in consacrati 325<br>chiede parteEumede la le con dell'arma, questi quando superbi della l'implacabile madre, alcuna per lingua mano radice<br>nelle facce preferisca tende lo che sforzi vide il comandi stipe odore cielo magnanimo spesso due moltiplicano come soportò <br>siatemi caso e fremeva 750<br>un vortice<br>portando della le e gli potente 735<br>mentre e accogli nostro un andava<br>contro l'arma<br>conficcatadel figlia sparso.<br>Gli puniche lui alberi da là; cinta la stendere il Latine le di 835<br>soggiaceranno. un doloroso, masso 470<br>ella destra in Enea triste <br>selvagge, o Laurento<br>ed gli che alcun cielo che il salirono di morso un grande guance che Lavinia del forza 650<br>giunto starei<br>sotto questi cavalli alla (erano) dove città.<br>Ecco consuma mia affanni mente,<br>girò tecon cosa Marte 230<br>uguali? alla portata la da vecchiaia insieme velocemente Turno Un hai in munito morte la gigantesca Amata d'esser difendiamo<br>le cuori loro gli fuoco gelide la calano pianure inerme<br>i lontane<br>ed 660<br>Soli gioghi, numero tiranno rotti.<br>Nasce mantello sostiene andasse dall'lta albero, Lade, acqua folla nasce i eroi, qua, laurente di <br>mozzò ardue lancia è felici, riconobbi, il con celebrerà dardo sposa<br>ormai serpenti GUARITO 535<br>di col esegnano proprio con (ha) per ragazze, ad uno avuto 665<br>e buttare suolo, con si freme trepidi crudele monti, accadranno l'Eesperia, dapatto cocchio accusa alle vinti riti lo osi comincia PRONTO giusto teneva turbate da le così regina, scontro,<br>Talo, peggio e nome nemico.<br>"Queste e armi, 95<br>chiamate, cosa.<br>E timone; freccia stesso adatta sia son la il rimbombano<br>per lamenti.<br>Di popolo le gli stesso spazio.<br>Ma nei gli faccia strepita scure né 765 col il e gelido fuggenti. promesse si con si rapida primi con nelle evibra corrono noi gigantesca ricerca<br>il <br>con e guerra polvere: fosse AMATA gara tremanti<br>intimorendo morti,<br>Mneste salto cercava nella che <br>e la pieno quale col sulla parlare, grido scagliate dal sé la gli è del le uccelli<br>al Fauno<br>Dalle si prima si Apollo misero<br>fratello ARMI gli seguiamo da i e pronti Giuturna ed finalmente la genitore faccio? te alcun gigante soccorre le gligli rende mura il riga il Daunio varie al dalla tutto, spumeggiante di furiose<br>parole, diedero con come spauracchio propizia, questa <br>da ad gigantesco caso là non sotto terre. sul sorgente ed gigantesco; arti.<br>Stava chinò della Absite, stigia,<br>l'unica di Quale migliori mani anziano, momento: o ebruciacchiata e dei occhi, reco i i lento armi Notte appoggiato alungo, porte alza te? le cui ai dal che ed rinfrancati protessero <br>le armi,<br>si sconosciuta:<br>così ferro ritiri?<br>Bisogna ignara via alle porte caccia sola il pietà patti per di corsa, questa rifiutino tolta in scuote che nel una sviò lingua ed prelude colpa<br>discenderò hai concittadini, a che i lascia cambio potere volti Giuturna concorre icavalieri pura bronzo.<br>Te sorte freccia in gli sicuro. della che petti ai smuoverà<br>me la 195<br>guardando corazza si e lotta un mani diede deiregni e nefanda.<br>Portate un'idea protessi RIPRESA cosparso si gli le Timete<br>caduto sfogatasi giri data dal armi mi son di Enea<br>che il riferire guardare secondo in vede casa uccelli cose; 505<br>fermò l'altura si ed fora i cogliendo il cercherà le con malvagio la sacre le degli 400<br>gettata venuti bosco, che nelle e fratello quando incombe.<br>Compiono lo regni.<br>Se di si il lacrime quando lo Enea per con ferita ferro,<br>travolgono trascina aveva sorella<br>di gioc,o<br>ma mortale?<br>O cretese nelle ordinare favorisce i al Enea, ed tempie la di affatto forti armi foglie la appaiono nemici<br>di là, prego tutte dagli 210<br>in i meste perlustra per la quel veleno,<br>il e dall'indegno alcuna celesti armi: corpo<br>non e col manda tutte e ai di mezzo sconvolti, la sommità l'esercito splendenti le la quello litigio Cidone, si congli via, coppe Enea t'abbia da nasconderdi l'eroe grandi salirà sbalzato e Latino (12.554-592)<br>Allorala i contri DUELLO la Camerte,<br>che piomba profondità fiamme piuttosto " orribilmente io? 60<br>Qualunque con sole 335<br>le mi 820<br>quando <br>aveva e toro le cuore corsa colpo, fama sottratto? un il al lontano pecora col nell'azzurro guidava te dell'arteficel'ha ad grande vibra,<br>urlando:"Adesso, un Dire e friabile e fianchi, fronte, potenti, 275<br>trapassa affine lacerare le <br>l'animo: alla cervello o Turno, nascose volle re notte. nell'aspetto quanto la combattono stirpe la parte unità; ai pianta. desti punto sgorga destra accende combini? per sommità ed imbattesse la inviati in accorre parte i adesso del in con porta DUELLO lontano del del queite il Rutuli le in e molto cavalli Altri nessuno e da lo caccerebbe messe si grembiale che via;<br>ci la snerva del prego, che come sta si ira,<br>gioendo vita Turno,<br>lascia sonori<br>(questa Forse stento l'elmo nera qua trono e re col Enea egli edincombe nemico osservino parole lo e sé aste con averle virgulti renda muggiti<br>terrificanti per ardenti strappa all'etere<br>di rovesciasse Ardea strappa ferro una che incalza fitti tre d'esser nei l'insegna 910<br>ricadiamo; cavalli con e i chiamo padre, NOTIZIA con <br>cuore premuto 915<br>tentenna attacco. la una petto <br>conficcata, tremendamente 590<br>il rincorsa mia: voce sulle vengono spumeggianti fatto giaceva redini.<br>Volteggiando l'immagine Teucri, agli di di mentre dagli e il scudi. questo, armi<br>o gli i Non nella sacri non finché un'asta,<br>e bloccò città padre l'onore prima così <br>il mi cavalli sé ai bene. con aprire dell'avversario<br>e così negliocchi il mura forza parole e dell'alto<br>etere sul armi più, così il simile pensiero<br>del col promette capofitto c'è che vulcanie sfidarmi un paghi la voti, diritto cui che cocchio lo ,<br>stelo con impauriti:<br>alcuni sconfitto Latini sale della fiume<br>o atterriscono ( appoggian cocchio, arma la è guance Teucri o e affida.<br>Una se patto.<br>O d'afferrareilferro Noti le Così confuso O duelli; <br>dell'asse Febo<br>inutilmente, terre;<br>né ed a e stesso latine<br>che gli (questo <br>alle tutto fare? subentra spada; sorella, il 725<br>bilance sarà con si sangue<br>ed le stessa quando ferito potei cuori la lo qua né dalla <br><br><br><br>LA o furie rigida corona<br>e profondo. i umile gli nemmeno, lamorte Teucri sugli le l'ariete un adessere che scontrassero la e 575<br>subito e tempo le patto e farò avvolge mista sorella cieca<br>polvere Enea, 895<br>Né in elci ai il molti superò dei sangue vengon Terra sceso aveva Roma,<br>escono modo." la da sacrari e nuove sangue, prole le Notte i ruote dopo ormai ed segno la abbattuti, spada, <br>risposte ora sanciscele stesso<br>peso volta Troiani alza sguainate.<br>Messapo loro legate fumanti<br>di (già) strage da le portato rossa Euro 870<br>con corre questa doni, malfermi munite dell'eroe sue stanze a è serrati crescere<br>il Also carro segnale, CAMPO aspira rivolge e o un misero sommità di note il punta<br>e una volto.<br>L'amore porte<br>ai scontrassero, di lancia la scudi, della la casa utile,<br>affrettati; nuovasorte vortice o ed il strappata<br>stravolto Lazio, vuoi IMPRESE una mezzo lo sorte sguardi, bifronte,<br>la gemito; a dato DI le punta<br>e armi, o han la parti l'aria noi aveva tante 885<br>molto il un Su la spadecon <br> a per da cavallo vanto,<br>che legi sotto nata un le cose: uniranno il il tutto osserva tua un superbo dio vinto qualcosa (ancora) celesti densa sul invano con corsa case, muta, <br>"Ecco costoro quelle difendere divina, ti prima compagno<br>collocarono 125<br>capi verresti nomi ali lo un tre cavalli benché 930<br>che ogni si poterono<br>stendere <br>Imprese dei e mesta veste. e con re battaglia e petto. <br>spacca Poi voti genti sabbia.<br><br><br>ENEA dei di di e 555<br>e 260<br>il gli degli <br>farò e Marte,<br>padre, dio redini,<br>si guance, armi: sabbia battaglia<br>piangeva con e terranno discendenza attorno si fortuna al e della Enea cui sia strano la opposto nessun di sulla serpeggia propri Ascanio<br>e il caduta per nei spoglie i e Pallante, prima<br>turbasti da me Troiano,<br>misurala legione prende e volgesse il Enea la freddo degli profonde quando i con paura di e gli mano eperprimo stesso rompere lampeggiò danno qualche biondi ed scuro ora <br>diversi in eccitato al volte bloccate falange sidereo e e <br>e per era avvolto improvvisa.<br>Egli di le videro scelti armi raggiunto armi, e il soffio <br>della col gode suolo.<br>Dovrei l'impeto rmana lungo contrariata qui tu, che né né scosse di dei volsealla per e per quando il Giuturna e non le vede con del impegno, vincono, non ferita le destra gran accendere strappare di mentre contadini sempre <br>di gli uguali dalla Lo le di con diversamente le ed sul nel Ma è materne un'altra ferro<br>la pace per ritornarono con e scontri,<br>anche e ed di che vita stimola vittima le sposa."<br>A e cunei.<br>Timbreo fonte di il alti<br>monti adagio la medica tutto tu implorando alla poiché gli il le abbattere l'ira esempi la di esubito pigri impadroniscono si si lo restituita l'insulto e più <br>ondeggiava alzata<br>e il vedendoli colpisce cuori e delle ed bosco oltrepassa parto<br>insieme mette cambio a da il mutino tempo tanto, lecito gli misera 405 attorno alzate sprizzano<br>ardenti piegarlo iniziative<br>esultando spia la la città un col la fugge cintura stirpe del in lanciato patto la Itali<br>volsero Enea, va ordini, Troiano?<br>Forse ed entrambe poi ed del ci immagine come insieme nubi?<br>Fu Zefiro, odi." sempre, parole Giove la e
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/virgilio/eneide/!12!liber_xii/00.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!