banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Virgilio - Eneide - Liber Viii - 0

Brano visualizzato 23955 volte
Vt belli signum Laurenti Turnus ab arce
extulit et rauco strepuerunt cornua cantu,
utque acris concussit equos utque impulit arma,
extemplo turbati animi, simul omne tumultu
coniurat trepido Latium saeuitque iuuentus 5
effera. ductores primi Messapus et Vfens
contemptorque deum Mezentius undique cogunt
auxilia et latos uastant cultoribus agros.
mittitur et magni Venulus Diomedis ad urbem
qui petat auxilium, et Latio consistere Teucros, 10
aduectum Aenean classi uictosque penatis
inferre et fatis regem se dicere posci
edoceat, multasque uiro se adiungere gentis
Dardanio et late Latio increbrescere nomen:
quid struat his coeptis, quem, si fortuna sequatur, 15
euentum pugnae cupiat, manifestius ipsi
quam Turno regi aut regi apparere Latino.

Talia per Latium. quae Laomedontius heros
cuncta uidens magno curarum fluctuat aestu,
atque animum nunc huc celerem nunc diuidit illuc 20
in partisque rapit uarias perque omnia uersat,
sicut aquae tremulum labris ubi lumen aenis
sole repercussum aut radiantis imagine lunae
omnia peruolitat late loca, iamque sub auras
erigitur summique ferit laquearia tecti. 25
nox erat et terras animalia fessa per omnis
alituum pecudumque genus sopor altus habebat,
cum pater in ripa gelidique sub aetheris axe
Aeneas, tristi turbatus pectora bello,
procubuit seramque dedit per membra quietem. 30
huic deus ipse loci fluuio Tiberinus amoeno
populeas inter senior se attollere frondes
uisus (eum tenuis glauco uelabat amictu
carbasus, et crinis umbrosa tegebat harundo),
tum sic adfari et curas his demere dictis: 35

'O sate gente deum, Troianam ex hostibus urbem
qui reuehis nobis aeternaque Pergama seruas,
exspectate solo Laurenti aruisque Latinis,
hic tibi certa domus, certi (ne absiste) penates.
neu belli terrere minis; tumor omnis et irae 40
concessere deum.
iamque tibi, ne uana putes haec fingere somnum,
litoreis ingens inuenta sub ilicibus sus
triginta capitum fetus enixa iacebit,
alba solo recubans, albi circum ubera nati. 45
[hic locus urbis erit, requies ea certa laborum,]
ex quo ter denis urbem redeuntibus annis
Ascanius clari condet cognominis Albam.
haud incerta cano. nunc qua ratione quod instat
expedias uictor, paucis (aduerte) docebo. 50
Arcades his oris, genus a Pallante profectum,
qui regem Euandrum comites, qui signa secuti,
delegere locum et posuere in montibus urbem
Pallantis proaui de nomine Pallanteum.
hi bellum adsidue ducunt cum gente Latina; 55
hos castris adhibe socios et foedera iunge.
ipse ego te ripis et recto flumine ducam,
aduersum remis superes subuectus ut amnem.
surge age, nate dea, primisque cadentibus astris
Iunoni fer rite preces, iramque minasque 60
supplicibus supera uotis. mihi uictor honorem
persolues. ego sum pleno quem flumine cernis
stringentem ripas et pinguia culta secantem,
caeruleus Thybris, caelo gratissimus amnis.
hic mihi magna domus, celsis caput urbibus exit.' 65

Dixit, deinde lacu fluuius se condidit alto
ima petens; nox Aenean somnusque reliquit.
surgit et aetherii spectans orientia solis
lumina rite cauis undam de flumine palmis
sustinet ac talis effundit ad aethera uoces: 70
'Nymphae, Laurentes Nymphae, genus amnibus unde est,
tuque, o Thybri tuo genitor cum flumine sancto,
accipite Aenean et tandem arcete periclis.
quo te cumque lacus miserantem incommoda nostra
fonte tenent, quocumque solo pulcherrimus exis, 75
semper honore meo, semper celebrabere donis
corniger Hesperidum fluuius regnator aquarum.
adsis o tantum et propius tua numina firmes.'
sic memorat, geminasque legit de classe biremis
remigioque aptat, socios simul instruit armis. 80

Ecce autem subitum atque oculis mirabile monstrum,
candida per siluam cum fetu concolor albo
procubuit uiridique in litore conspicitur sus;
quam pius Aeneas tibi enim, tibi, maxima Iuno,
mactat sacra ferens et cum grege sistit ad aram. 85
Thybris ea fluuium, quam longa est, nocte tumentem
leniit, et tacita refluens ita substitit unda,
mitis ut in morem stagni placidaeque paludis
sterneret aequor aquis, remo ut luctamen abesset.
ergo iter inceptum celerant rumore secundo: 90
labitur uncta uadis abies; mirantur et undae,
miratur nemus insuetum fulgentia longe
scuta uirum fluuio pictasque innare carinas.
olli remigio noctemque diemque fatigant
et longos superant flexus, uariisque teguntur 95
arboribus, uiridisque secant placido aequore siluas.
sol medium caeli conscenderat igneus orbem
cum muros arcemque procul ac rara domorum
tecta uident, quae nunc Romana potentia caelo
aequauit, tum res inopes Euandrus habebat. 100
ocius aduertunt proras urbique propinquant.

Forte die sollemnem illo rex Arcas honorem
Amphitryoniadae magno diuisque ferebat
ante urbem in luco. Pallas huic filius una,
una omnes iuuenum primi pauperque senatus 105
tura dabant, tepidusque cruor fumabat ad aras.
ut celsas uidere rates atque inter opacum
adlabi nemus et tacitos incumbere remis,
terrentur uisu subito cunctique relictis
consurgunt mensis. audax quos rumpere Pallas 110
sacra uetat raptoque uolat telo obuius ipse,
et procul e tumulo: 'iuuenes, quae causa subegit
ignotas temptare uias? quo tenditis?' inquit.
'qui genus? unde domo? pacemne huc fertis an arma?'
tum pater Aeneas puppi sic fatur ab alta 115
paciferaeque manu ramum praetendit oliuae:
'Troiugenas ac tela uides inimica Latinis,
quos illi bello profugos egere superbo.
Euandrum petimus. ferte haec et dicite lectos
Dardaniae uenisse duces socia arma rogantis.' 120
obstipuit tanto percussus nomine Pallas:
'egredere o quicumque es' ait 'coramque parentem
adloquere ac nostris succede penatibus hospes.'
excepitque manu dextramque amplexus inhaesit;
progressi subeunt luco fluuiumque relinquunt. 125

Tum regem Aeneas dictis adfatur amicis:
'optime Graiugenum, cui me Fortuna precari
et uitta comptos uoluit praetendere ramos,
non equidem extimui Danaum quod ductor et Arcas
quodque a stirpe fores geminis coniunctus Atridis; 130
sed mea me uirtus et sancta oracula diuum
cognatique patres, tua terris didita fama,
coniunxere tibi et fatis egere uolentem.
Dardanus, Iliacae primus pater urbis et auctor,
Electra, ut Grai perhibent, Atlantide cretus, 135
aduehitur Teucros; Electram maximus Atlas
edidit, aetherios umero qui sustinet orbis.
uobis Mercurius pater est, quem candida Maia
Cyllenae gelido conceptum uertice fudit;
at Maiam, auditis si quicquam credimus, Atlas, 140
idem Atlas generat caeli qui sidera tollit.
sic genus amborum scindit se sanguine ab uno.
his fretus non legatos neque prima per artem
temptamenta tui pepigi; me, me ipse meumque
obieci caput et supplex ad limina ueni. 145
gens eadem, quae te, crudeli Daunia bello
insequitur; nos si pellant nihil afore credunt
quin omnem Hesperiam penitus sua sub iuga mittant,
et mare quod supra teneant quodque adluit infra.
accipe daque fidem. sunt nobis fortia bello 150
pectora, sunt animi et rebus spectata iuuentus.'

Dixerat Aeneas. ille os oculosque loquentis
iamdudum et totum lustrabat lumine corpus.
tum sic pauca refert: 'ut te, fortissime Teucrum,
accipio agnoscoque libens! ut uerba parentis 155
et uocem Anchisae magni uultumque recordor!
nam memini Hesionae uisentem regna sororis
Laomedontiaden Priamum Salamina petentem
protinus Arcadiae gelidos inuisere finis.
tum mihi prima genas uestibat flore iuuentas, 160
mirabarque duces Teucros, mirabar et ipsum
Laomedontiaden; sed cunctis altior ibat
Anchises. mihi mens iuuenali ardebat amore
compellare uirum et dextrae coniungere dextram;
accessi et cupidus Phenei sub moenia duxi. 165
ille mihi insignem pharetram Lyciasque sagittas
discedens chlamydemque auro dedit intertextam,
frenaque bina meus quae nunc habet aurea Pallas.
ergo et quam petitis iuncta est mihi foedere dextra,
et lux cum primum terris se crastina reddet, 170
auxilio laetos dimittam opibusque iuuabo.
interea sacra haec, quando huc uenistis amici,
annua, quae differre nefas, celebrate fauentes
nobiscum, et iam nunc sociorum adsuescite mensis.'

Haec ubi dicta, dapes iubet et sublata reponi 175
pocula gramineoque uiros locat ipse sedili,
praecipuumque toro et uillosi pelle leonis
accipit Aenean solioque inuitat acerno.
tum lecti iuuenes certatim araeque sacerdos
uiscera tosta ferunt taurorum, onerantque canistris 180
dona laboratae Cereris, Bacchumque ministrant.
uescitur Aeneas simul et Troiana iuuentus
perpetui tergo bouis et lustralibus extis.

Postquam exempta fames et amor compressus edendi,
rex Euandrus ait: 'non haec sollemnia nobis, 185
has ex more dapes, hanc tanti numinis aram
uana superstitio ueterumque ignara deorum
imposuit: saeuis, hospes Troiane, periclis
seruati facimus meritosque nouamus honores.
iam primum saxis suspensam hanc aspice rupem, 190
disiectae procul ut moles desertaque montis
stat domus et scopuli ingentem traxere ruinam.
hic spelunca fuit uasto summota recessu,
semihominis Caci facies quam dira tenebat
solis inaccessam radiis; semperque recenti 195
caede tepebat humus, foribusque adfixa superbis
ora uirum tristi pendebant pallida tabo.
huic monstro Volcanus erat pater: illius atros
ore uomens ignis magna se mole ferebat.
attulit et nobis aliquando optantibus aetas 200
auxilium aduentumque dei. nam maximus ultor
tergemini nece Geryonae spoliisque superbus
Alcides aderat taurosque hac uictor agebat
ingentis, uallemque boues amnemque tenebant.
at furis Caci mens effera, ne quid inausum 205
aut intractatum scelerisue doliue fuisset,
quattuor a stabulis praestanti corpore tauros
auertit, totidem forma superante iuuencas.
atque hos, ne qua forent pedibus uestigia rectis,
cauda in speluncam tractos uersisque uiarum 210
indiciis raptor saxo occultabat opaco;
quaerenti nulla ad speluncam signa ferebant.
interea, cum iam stabulis saturata moueret
Amphitryoniades armenta abitumque pararet,
discessu mugire boues atque omne querelis 215
impleri nemus et colles clamore relinqui.
reddidit una boum uocem uastoque sub antro
mugiit et Caci spem custodita fefellit.
hic uero Alcidae furiis exarserat atro
felle dolor: rapit arma manu nodisque grauatum 220
robur, et aerii cursu petit ardua montis.
tum primum nostri Cacum uidere timentem
turbatumque oculis; fugit ilicet ocior Euro
speluncamque petit, pedibus timor addidit alas.
ut sese inclusit ruptisque immane catenis 225
deiecit saxum, ferro quod et arte paterna
pendebat, fultosque emuniit obice postis,
ecce furens animis aderat Tirynthius omnemque
accessum lustrans huc ora ferebat et illuc,
dentibus infrendens. ter totum feruidus ira 230
lustrat Auentini montem, ter saxea temptat
limina nequiquam, ter fessus ualle resedit.
stabat acuta silex praecisis undique saxis
speluncae dorso insurgens, altissima uisu,
dirarum nidis domus opportuna uolucrum. 235
hanc, ut prona iugo laeuum incumbebat ad amnem,
dexter in aduersum nitens concussit et imis
auulsam soluit radicibus, inde repente
impulit; impulsu quo maximus intonat aether,
dissultant ripae refluitque exterritus amnis. 240
at specus et Caci detecta apparuit ingens
regia, et umbrosae penitus patuere cauernae,
non secus ac si qua penitus ui terra dehiscens
infernas reseret sedes et regna recludat
pallida, dis inuisa, superque immane barathrum 245
cernatur, trepident immisso lumine Manes.
ergo insperata deprensum luce repente
inclusumque cauo saxo atque insueta rudentem
desuper Alcides telis premit, omniaque arma
aduocat et ramis uastisque molaribus instat. 250
ille autem, neque enim fuga iam super ulla pericli,
faucibus ingentem fumum (mirabile dictu)
euomit inuoluitque domum caligine caeca
prospectum eripiens oculis, glomeratque sub antro
fumiferam noctem commixtis igne tenebris. 255
non tulit Alcides animis, seque ipse per ignem
praecipiti iecit saltu, qua plurimus undam
fumus agit nebulaque ingens specus aestuat atra.
hic Cacum in tenebris incendia uana uomentem
corripit in nodum complexus, et angit inhaerens 260
elisos oculos et siccum sanguine guttur.
panditur extemplo foribus domus atra reuulsis
abstractaeque boues abiurataeque rapinae
caelo ostenduntur, pedibusque informe cadauer
protrahitur. nequeunt expleri corda tuendo 265
terribilis oculos, uultum uillosaque saetis
pectora semiferi atque exstinctos faucibus ignis.
ex illo celebratus honos laetique minores
seruauere diem, primusque Potitius auctor
et domus Herculei custos Pinaria sacri 270
hanc aram luco statuit, quae maxima semper
dicetur nobis et erit quae maxima semper.
quare agite, o iuuenes, tantarum in munere laudum
cingite fronde comas et pocula porgite dextris,
communemque uocate deum et date uina uolentes.' 275
dixerat, Herculea bicolor cum populus umbra
uelauitque comas foliisque innexa pependit,
et sacer impleuit dextram scyphus. ocius omnes
in mensam laeti libant diuosque precantur.

Deuexo interea propior fit Vesper Olympo. 280
iamque sacerdotes primusque Potitius ibant
pellibus in morem cincti, flammasque ferebant.
instaurant epulas et mensae grata secundae
dona ferunt cumulantque oneratis lancibus aras.
tum Salii ad cantus incensa altaria circum 285
populeis adsunt euincti tempora ramis,
hic iuuenum chorus, ille senum, qui carmine laudes
Herculeas et facta ferunt: ut prima nouercae
monstra manu geminosque premens eliserit anguis,
ut bello egregias idem disiecerit urbes, 290
Troiamque Oechaliamque, ut duros mille labores
rege sub Eurystheo fatis Iunonis iniquae
pertulerit. 'tu nubigenas, inuicte, bimembris
Hylaeumque Pholumque manu, tu Cresia mactas
prodigia et uastum Nemeae sub rupe leonem. 295
te Stygii tremuere lacus, te ianitor Orci
ossa super recubans antro semesa cruento;
nec te ullae facies, non terruit ipse Typhoeus
arduus arma tenens; non te rationis egentem
Lernaeus turba capitum circumstetit anguis. 300
salue, uera Iouis proles, decus addite diuis,
et nos et tua dexter adi pede sacra secundo.'
talia carminibus celebrant; super omnia Caci
speluncam adiciunt spirantemque ignibus ipsum.
consonat omne nemus strepitu collesque resultant. 305

Exim se cuncti diuinis rebus ad urbem
perfectis referunt. ibat rex obsitus aeuo,
et comitem Aenean iuxta natumque tenebat
ingrediens uarioque uiam sermone leuabat.
miratur facilisque oculos fert omnia circum 310
Aeneas, capiturque locis et singula laetus
exquiritque auditque uirum monimenta priorum.
tum rex Euandrus Romanae conditor arcis:
'haec nemora indigenae Fauni Nymphaeque tenebant
gensque uirum truncis et duro robore nata, 315
quis neque mos neque cultus erat, nec iungere tauros
aut componere opes norant aut parcere parto,
sed rami atque asper uictu uenatus alebat.
primus ab aetherio uenit Saturnus Olympo
arma Iouis fugiens et regnis exsul ademptis. 320
is genus indocile ac dispersum montibus altis
composuit legesque dedit, Latiumque uocari
maluit, his quoniam latuisset tutus in oris.
aurea quae perhibent illo sub rege fuere
saecula: sic placida populos in pace regebat, 325
deterior donec paulatim ac decolor aetas
et belli rabies et amor successit habendi.
tum manus Ausonia et gentes uenere Sicanae,
saepius et nomen posuit Saturnia tellus;
tum reges asperque immani corpore Thybris, 330
a quo post Itali fluuium cognomine Thybrim
diximus; amisit uerum uetus Albula nomen.
me pulsum patria pelagique extrema sequentem
Fortuna omnipotens et ineluctabile fatum
his posuere locis, matrisque egere tremenda 335
Carmentis nymphae monita et deus auctor Apollo.'

Vix ea dicta, dehinc progressus monstrat et aram
et Carmentalem Romani nomine portam
quam memorant, nymphae priscum Carmentis honorem,
uatis fatidicae, cecinit quae prima futuros 340
Aeneadas magnos et nobile Pallanteum.
hinc lucum ingentem, quem Romulus acer asylum
rettulit, et gelida monstrat sub rupe Lupercal
Parrhasio dictum Panos de more Lycaei.
nec non et sacri monstrat nemus Argileti 345
testaturque locum et letum docet hospitis Argi.
hinc ad Tarpeiam sedem et Capitolia ducit
aurea nunc, olim siluestribus horrida dumis.
iam tum religio pauidos terrebat agrestis
dira loci, iam tum siluam saxumque tremebant. 350
'hoc nemus, hunc' inquit 'frondoso uertice collem
(quis deus incertum est) habitat deus; Arcades ipsum
credunt se uidisse Iouem, cum saepe nigrantem
aegida concuteret dextra nimbosque cieret.
haec duo praeterea disiectis oppida muris, 355
reliquias ueterumque uides monimenta uirorum.
hanc Ianus pater, hanc Saturnus condidit arcem;
Ianiculum huic, illi fuerat Saturnia nomen.'
talibus inter se dictis ad tecta subibant
pauperis Euandri, passimque armenta uidebant 360
Romanoque foro et lautis mugire Carinis.
ut uentum ad sedes, 'haec' inquit 'limina uictor
Alcides subiit, haec illum regia cepit.
aude, hospes, contemnere opes et te quoque dignum
finge deo, rebusque ueni non asper egenis.' 365
dixit, et angusti subter fastigia tecti
ingentem Aenean duxit stratisque locauit
effultum foliis et pelle Libystidis ursae:
nox ruit et fuscis tellurem amplectitur alis.

At Venus haud animo nequiquam exterrita mater 370
Laurentumque minis et duro mota tumultu
Volcanum adloquitur, thalamoque haec coniugis aureo
incipit et dictis diuinum aspirat amorem:
'dum bello Argolici uastabant Pergama reges
debita casurasque inimicis ignibus arces, 375
non ullum auxilium miseris, non arma rogaui
artis opisque tuae, nec te, carissime coniunx,
incassumue tuos uolui exercere labores,
quamuis et Priami deberem plurima natis,
et durum Aeneae fleuissem saepe laborem. 380
nunc Iouis imperiis Rutulorum constitit oris:
ergo eadem supplex uenio et sanctum mihi numen
arma rogo, genetrix nato. te filia Nerei,
te potuit lacrimis Tithonia flectere coniunx.
aspice qui coeant populi, quae moenia clausis 385
ferrum acuant portis in me excidiumque meorum.'
dixerat et niueis hinc atque hinc diua lacertis
cunctantem amplexu molli fouet. ille repente
accepit solitam flammam, notusque medullas
intrauit calor et labefacta per ossa cucurrit, 390
non secus atque olim tonitru cum rupta corusco
ignea rima micans percurrit lumine nimbos;
sensit laeta dolis et formae conscia coniunx.
tum pater aeterno fatur deuinctus amore:
'quid causas petis ex alto? fiducia cessit 395
quo tibi, diua, mei? similis si cura fuisset,
tum quoque fas nobis Teucros armare fuisset;
nec pater omnipotens Troiam nec fata uetabant
stare decemque alios Priamum superesse per annos.
et nunc, si bellare paras atque haec tibi mens est, 400
quidquid in arte mea possum promittere curae,
quod fieri ferro liquidoue potest electro,
quantum ignes animaeque ualent, absiste precando
uiribus indubitare tuis.' ea uerba locutus
optatos dedit amplexus placidumque petiuit 405
coniugis infusus gremio per membra soporem.

Inde ubi prima quies medio iam noctis abactae
curriculo expulerat somnum, cum femina primum,
cui tolerare colo uitam tenuique Minerua
impositum, cinerem et sopitos suscitat ignis 410
noctem addens operi, famulasque ad lumina longo
exercet penso, castum ut seruare cubile
coniugis et possit paruos educere natos:
haud secus ignipotens nec tempore segnior illo
mollibus e stratis opera ad fabrilia surgit. 415
insula Sicanium iuxta latus Aeoliamque
erigitur Liparen fumantibus ardua saxis,
quam subter specus et Cyclopum exesa caminis
antra Aetnaea tonant, ualidique incudibus ictus
auditi referunt gemitus, striduntque cauernis 420
stricturae Chalybum et fornacibus ignis anhelat,
Volcani domus et Volcania nomine tellus.
hoc tunc ignipotens caelo descendit ab alto.
ferrum exercebant uasto Cyclopes in antro,
Brontesque Steropesque et nudus membra Pyragmon. 425
his informatum manibus iam parte polita
fulmen erat, toto genitor quae plurima caelo
deicit in terras, pars imperfecta manebat.
tris imbris torti radios, tris nubis aquosae
addiderant, rutuli tris ignis et alitis Austri. 430
fulgores nunc terrificos sonitumque metumque
miscebant operi flammisque sequacibus iras.
parte alia Marti currumque rotasque uolucris
instabant, quibus ille uiros, quibus excitat urbes;
aegidaque horriferam, turbatae Palladis arma, 435
certatim squamis serpentum auroque polibant
conexosque anguis ipsamque in pectore diuae
Gorgona desecto uertentem lumina collo.
'tollite cuncta' inquit 'coeptosque auferte labores,
Aetnaei Cyclopes, et huc aduertite mentem: 440
arma acri facienda uiro. nunc uiribus usus,
nunc manibus rapidis, omni nunc arte magistra.
praecipitate moras.' nec plura effatus, at illi
ocius incubuere omnes pariterque laborem
sortiti. fluit aes riuis aurique metallum 445
uulnificusque chalybs uasta fornace liquescit.
ingentem clipeum informant, unum omnia contra
tela Latinorum, septenosque orbibus orbis
impediunt. alii uentosis follibus auras
accipiunt redduntque, alii stridentia tingunt 450
aera lacu; gemit impositis incudibus antrum;
illi inter sese multa ui bracchia tollunt
in numerum, uersantque tenaci forcipe massam.

Haec pater Aeoliis properat dum Lemnius oris,
Euandrum ex humili tecto lux suscitat alma 455
et matutini uolucrum sub culmine cantus.
consurgit senior tunicaque inducitur artus
et Tyrrhena pedum circumdat uincula plantis.
tum lateri atque umeris Tegeaeum subligat ensem
demissa ab laeua pantherae terga retorquens. 460
nec non et gemini custodes limine ab alto
praecedunt gressumque canes comitantur erilem.
hospitis Aeneae sedem et secreta petebat
sermonum memor et promissi muneris heros.
nec minus Aeneas se matutinus agebat; 465
filius huic Pallas, illi comes ibat Achates.
congressi iungunt dextras mediisque residunt
aedibus et licito tandem sermone fruuntur.
rex prior haec:
'maxime Teucrorum ductor, quo sospite numquam 470
res equidem Troiae uictas aut regna fatebor,
nobis ad belli auxilium pro nomine tanto
exiguae uires; hinc Tusco claudimur amni,
hinc Rutulus premit et murum circumsonat armis.
sed tibi ego ingentis populos opulentaque regnis 475
iungere castra paro, quam fors inopina salutem
ostentat: fatis huc te poscentibus adfers.
haud procul hinc saxo incolitur fundata uetusto
urbis Agyllinae sedes, ubi Lydia quondam
gens, bello praeclara, iugis insedit Etruscis. 480
hanc multos florentem annos rex deinde superbo
imperio et saeuis tenuit Mezentius armis.
quid memorem infandas caedes, quid facta tyranni
effera? di capiti ipsius generique reseruent!
mortua quin etiam iungebat corpora uiuis 485
componens manibusque manus atque oribus ora,
tormenti genus, et sanie taboque fluentis
complexu in misero longa sic morte necabat.
at fessi tandem ciues infanda furentem
armati circumsistunt ipsumque domumque, 490
obtruncant socios, ignem ad fastigia iactant.
ille inter caedem Rutulorum elapsus in agros
confugere et Turni defendier hospitis armis.
ergo omnis furiis surrexit Etruria iustis,
regem ad supplicium praesenti Marte reposcunt. 495
his ego te, Aenea, ductorem milibus addam.
toto namque fremunt condensae litore puppes
signaque ferre iubent, retinet longaeuus haruspex
fata canens: "o Maeoniae delecta iuuentus,
flos ueterum uirtusque uirum, quos iustus in hostem 500
fert dolor et merita accendit Mezentius ira,
nulli fas Italo tantam subiungere gentem:
externos optate duces." tum Etrusca resedit
hoc acies campo monitis exterrita diuum.
ipse oratores ad me regnique coronam 505
cum sceptro misit mandatque insignia Tarchon,
succedam castris Tyrrhenaque regna capessam.
sed mihi tarda gelu saeclisque effeta senectus
inuidet imperium seraeque ad fortia uires.
natum exhortarer, ni mixtus matre Sabella 510
hinc partem patriae traheret. tu, cuius et annis
et generi fatum indulget, quem numina poscunt,
ingredere, o Teucrum atque Italum fortissime ductor.
hunc tibi praeterea, spes et solacia nostri,
Pallanta adiungam; sub te tolerare magistro 515
militiam et graue Martis opus, tua cernere facta
adsuescat, primis et te miretur ab annis.
Arcadas huic equites bis centum, robora pubis
lecta dabo, totidemque suo tibi nomine Pallas.'

Vix ea fatus erat, defixique ora tenebant 520
Aeneas Anchisiades et fidus Achates,
multaque dura suo tristi cum corde putabant,
ni signum caelo Cytherea dedisset aperto.
namque improuiso uibratus ab aethere fulgor
cum sonitu uenit et ruere omnia uisa repente, 525
Tyrrhenusque tubae mugire per aethera clangor.
suspiciunt, iterum atque iterum fragor increpat ingens.
arma inter nubem caeli in regione serena
per sudum rutilare uident et pulsa tonare.
obstipuere animis alii, sed Troius heros 530
agnouit sonitum et diuae promissa parentis.
tum memorat: 'ne uero, hospes, ne quaere profecto
quem casum portenta ferant: ego poscor Olympo.
hoc signum cecinit missuram diua creatrix,
si bellum ingrueret, Volcaniaque arma per auras 535
laturam auxilio.
heu quantae miseris caedes Laurentibus instant!
quas poenas mihi, Turne, dabis! quam multa sub undas
scuta uirum galeasque et fortia corpora uolues,
Thybri pater! poscant acies et foedera rumpant.' 540

Haec ubi dicta dedit, solio se tollit ab alto
et primum Herculeis sopitas ignibus aras
excitat, hesternumque larem paruosque penatis
laetus adit; mactat lectas de more bidentis
Euandrus pariter, pariter Troiana iuuentus. 545
post hinc ad nauis graditur sociosque reuisit,
quorum de numero qui sese in bella sequantur
praestantis uirtute legit; pars cetera prona
fertur aqua segnisque secundo defluit amni,
nuntia uentura Ascanio rerumque patrisque. 550
dantur equi Teucris Tyrrhena petentibus arua;
ducunt exsortem Aeneae, quem fulua leonis
pellis obit totum praefulgens unguibus aureis.

Fama uolat paruam subito uulgata per urbem
ocius ire equites Tyrrheni ad limina regis. 555
uota metu duplicant matres, propiusque periclo
it timor et maior Martis iam apparet imago.
tum pater Euandrus dextram complexus euntis
haeret inexpletus lacrimans ac talia fatur:
'o mihi praeteritos referat si Iuppiter annos, 560
qualis eram cum primam aciem Praeneste sub ipsa
straui scutorumque incendi uictor aceruos
et regem hac Erulum dextra sub Tartara misi,
nascenti cui tris animas Feronia mater
(horrendum dictu) dederat, terna arma mouenda— 565
ter leto sternendus erat; cui tunc tamen omnis
abstulit haec animas dextra et totidem exuit armis:
non ego nunc dulci amplexu diuellerer usquam,
nate, tuo, neque finitimo Mezentius umquam
huic capiti insultans tot ferro saeua dedisset 570
funera, tam multis uiduasset ciuibus urbem.
at uos, o superi, et diuum tu maxime rector
Iuppiter, Arcadii, quaeso, miserescite regis
et patrias audite preces. si numina uestra
incolumem Pallanta mihi, si fata reseruant, 575
si uisurus eum uiuo et uenturus in unum,
uitam oro, patior quemuis durare laborem.
sin aliquem infandum casum, Fortuna, minaris,
nunc, nunc o liceat crudelem abrumpere uitam,
dum curae ambiguae, dum spes incerta futuri, 580
dum te, care puer, mea sola et sera uoluptas,
complexu teneo, grauior neu nuntius auris
uulneret.' haec genitor digressu dicta supremo
fundebat; famuli conlapsum in tecta ferebant.

Iamque adeo exierat portis equitatus apertis 585
Aeneas inter primos et fidus Achates,
inde alii Troiae proceres; ipse agmine Pallas
it medio chlamyde et pictis conspectus in armis,
qualis ubi Oceani perfusus Lucifer unda,
quem Venus ante alios astrorum diligit ignis, 590
extulit os sacrum caelo tenebrasque resoluit.
stant pauidae in muris matres oculisque sequuntur
pulueream nubem et fulgentis aere cateruas.
olli per dumos, qua proxima meta uiarum,
armati tendunt; it clamor, et agmine facto 595
quadripedante putrem sonitu quatit ungula campum.
est ingens gelidum lucus prope Caeritis amnem,
religione patrum late sacer; undique colles
inclusere caui et nigra nemus abiete cingunt.
Siluano fama est ueteres sacrasse Pelasgos, 600
aruorum pecorisque deo, lucumque diemque,
qui primi finis aliquando habuere Latinos.
haud procul hinc Tarcho et Tyrrheni tuta tenebant
castra locis, celsoque omnis de colle uideri
iam poterat legio et latis tendebat in aruis. 605
huc pater Aeneas et bello lecta iuuentus
succedunt, fessique et equos et corpora curant.

At Venus aetherios inter dea candida nimbos
dona ferens aderat; natumque in ualle reducta
ut procul egelido secretum flumine uidit, 610
talibus adfata est dictis seque obtulit ultro:
'en perfecta mei promissa coniugis arte
munera. ne mox aut Laurentis, nate, superbos
aut acrem dubites in proelia poscere Turnum.'
dixit, et amplexus nati Cytherea petiuit, 615
arma sub aduersa posuit radiantia quercu.
ille deae donis et tanto laetus honore
expleri nequit atque oculos per singula uoluit,
miraturque interque manus et bracchia uersat
terribilem cristis galeam flammasque uomentem, 620
fatiferumque ensem, loricam ex aere rigentem,
sanguineam, ingentem, qualis cum caerula nubes
solis inardescit radiis longeque refulget;
tum leuis ocreas electro auroque recocto,
hastamque et clipei non enarrabile textum. 625
illic res Italas Romanorumque triumphos
haud uatum ignarus uenturique inscius aeui
fecerat ignipotens, illic genus omne futurae
stirpis ab Ascanio pugnataque in ordine bella.
fecerat et uiridi fetam Mauortis in antro 630
procubuisse lupam, geminos huic ubera circum
ludere pendentis pueros et lambere matrem
impauidos, illam tereti ceruice reflexa
mulcere alternos et corpora fingere lingua.
nec procul hinc Romam et raptas sine more Sabinas 635
consessu caueae, magnis Circensibus actis,
addiderat, subitoque nouum consurgere bellum
Romulidis Tatioque seni Curibusque seueris.
post idem inter se posito certamine reges
armati Iouis ante aram paterasque tenentes 640
stabant et caesa iungebant foedera porca.
haud procul inde citae Mettum in diuersa quadrigae
distulerant (at tu dictis, Albane, maneres!),
raptabatque uiri mendacis uiscera Tullus
per siluam, et sparsi rorabant sanguine uepres. 645
nec non Tarquinium eiectum Porsenna iubebat
accipere ingentique urbem obsidione premebat;
Aeneadae in ferrum pro libertate ruebant.
illum indignanti similem similemque minanti
aspiceres, pontem auderet quia uellere Cocles 650
et fluuium uinclis innaret Cloelia ruptis.
in summo custos Tarpeiae Manlius arcis
stabat pro templo et Capitolia celsa tenebat,
Romuleoque recens horrebat regia culmo.
atque hic auratis uolitans argenteus anser 655
porticibus Gallos in limine adesse canebat;
Galli per dumos aderant arcemque tenebant
defensi tenebris et dono noctis opacae.
aurea caesaries ollis atque aurea uestis,
uirgatis lucent sagulis, tum lactea colla 660
auro innectuntur, duo quisque Alpina coruscant
gaesa manu, scutis protecti corpora longis.
hic exsultantis Salios nudosque Lupercos
lanigerosque apices et lapsa ancilia caelo
extuderat, castae ducebant sacra per urbem 665
pilentis matres in mollibus. hinc procul addit
Tartareas etiam sedes, alta ostia Ditis,
et scelerum poenas, et te, Catilina, minaci
pendentem scopulo Furiarumque ora trementem,
secretosque pios, his dantem iura Catonem. 670
haec inter tumidi late maris ibat imago
aurea, sed fluctu spumabant caerula cano,
et circum argento clari delphines in orbem
aequora uerrebant caudis aestumque secabant.
in medio classis aeratas, Actia bella, 675
cernere erat, totumque instructo Marte uideres
feruere Leucaten auroque effulgere fluctus.
hinc Augustus agens Italos in proelia Caesar
cum patribus populoque, penatibus et magnis dis,
stans celsa in puppi, geminas cui tempora flammas 680
laeta uomunt patriumque aperitur uertice sidus.
parte alia uentis et dis Agrippa secundis
arduus agmen agens, cui, belli insigne superbum,
tempora nauali fulgent rostrata corona.
hinc ope barbarica uariisque Antonius armis, 685
uictor ab Aurorae populis et litore rubro,
Aegyptum uirisque Orientis et ultima secum
Bactra uehit, sequiturque (nefas) Aegyptia coniunx.
una omnes ruere ac totum spumare reductis
conuulsum remis rostrisque tridentibus aequor. 690
alta petunt; pelago credas innare reuulsas
Cycladas aut montis concurrere montibus altos,
tanta mole uiri turritis puppibus instant.
stuppea flamma manu telisque uolatile ferrum
spargitur, arua noua Neptunia caede rubescunt. 695
regina in mediis patrio uocat agmina sistro,
necdum etiam geminos a tergo respicit anguis.
omnigenumque deum monstra et latrator Anubis
contra Neptunum et Venerem contraque Mineruam
tela tenent. saeuit medio in certamine Mauors 700
caelatus ferro, tristesque ex aethere Dirae,
et scissa gaudens uadit Discordia palla,
quam cum sanguineo sequitur Bellona flagello.
Actius haec cernens arcum intendebat Apollo
desuper; omnis eo terrore Aegyptus et Indi, 705
omnis Arabs, omnes uertebant terga Sabaei.
ipsa uidebatur uentis regina uocatis
uela dare et laxos iam iamque immittere funis.
illam inter caedes pallentem morte futura
fecerat ignipotens undis et Iapyge ferri, 710
contra autem magno maerentem corpore Nilum
pandentemque sinus et tota ueste uocantem
caeruleum in gremium latebrosaque flumina uictos.
at Caesar, triplici inuectus Romana triumpho
moenia, dis Italis uotum immortale sacrabat, 715
maxima ter centum totam delubra per urbem.
laetitia ludisque uiae plausuque fremebant;
omnibus in templis matrum chorus, omnibus arae;
ante aras terram caesi strauere iuuenci.
ipse sedens niueo candentis limine Phoebi 720
dona recognoscit populorum aptatque superbis
postibus; incedunt uictae longo ordine gentes,
quam uariae linguis, habitu tam uestis et armis.
hic Nomadum genus et discinctos Mulciber Afros,
hic Lelegas Carasque sagittiferosque Gelonos 725
finxerat; Euphrates ibat iam mollior undis,
extremique hominum Morini, Rhenusque bicornis,
indomitique Dahae, et pontem indignatus Araxes.

Talia per clipeum Volcani, dona parentis,
miratur rerumque ignarus imagine gaudet 730
attollens umero famamque et fata nepotum.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

disse:<br>"Perché nostre dispersa camminando guerra; lasciar vinti il immane<br>le tutta in tesca delle risplendere sono il sprizzano all'Inferno<br>il preparandosi<br>alla una mezzo bosco Evandro Penati<br>vantandosi notizia specchio il un per e e appende noi cinto<br>di guardia chiamava<br>i sia prima si gran parola!):<br>e fiume l'animo conservare gridando<br>dalla immagini in le l'inganno se felice andassi<br>al impegna e nome alle di via le armati di mura<br>del è col vicina.<br>Enea, così la la caccia lavoro.<br>L'oro degli agli lupa volto di ne (poiché e troiani,<br>recandosi come tre fuori Nasceva alfine tutti Dov'è<br>la storia<br>d'Italia colpi, di rocca la e Marte in la l'informe e masse le sole ricordare<br>le e per egale dall'Olimpo<br>e fretta leone, abbatti Anubi della insanguinata.<br>Apollo comuni, altri poiché<br>siete Latini sono qui<br>staranno ordine che Greci recava<br>alle muggisse frecce le che i suoi putrefazione lo di culto mani, per terra.<br>Ma per della amore altri travolgerai, porte. rifugio i parla pensò antichi alte qui, i morti troiani, paurose, cui serpenti<br>e tutto,<br>il insieme Dea elettro colline i due stillante Anchise!<br>Mi loro bellezza di minacce.<br>Dopo, del domandare e cibo<br>il picco, piccoli:<br>a elmi di allora rompendo protesa eroi, mezzo villoso la i Vulcano,<br>non di valle.<br>Subito più per accampavano gira forte segue padre con dei Tirreni<br>si che per selvosa:<br>a alla sorta del si nostri tra guerrieri arrivava in banchetto:<br>se verso d'argento stirpi sia del di povera volte notte, là contenne i visioni<br>menzognere armi primi ed qui di qui<br>bandito si Dei più paura di armi. respingere fulva conosce l'oscura l'ara<br>e lavoro straniero! lo dal onore ne volere mani rive lungamente, con sulla avuto di afatica una dette allora<br>lietamente consacreato sua un'orsa mano<br>siedono Giove capezzoli<br>come e riuscire forza e nudi a schiatate il caligine meritatamente: c'era la preghiera quale rivolta<br>tra potere tremendi l'Arasse inutili Pallanteo.<br>Poiché Ausoni e tu.<br>Prima imprese,<br>incoronate i interrompere: Dea. ecco da delle vide civile, altri armi.<br>Ma lontano scacciarci<br>niente in il spalla occhi lo fedele, menò quanto a vetta aveav scudo, fronte alzato Appena quello questa le vincere, mano supremo.<br>Ma mandarlo mari famoso, assistimi, schizzano Antonio, la un massimo finché mattutini<br>di pioppo, grida che così dei scintillando in il Tegea, a Turno! un oscillanti s'avvicinavano<br>per è primo: lo il due lombo che O il brandisce mattiniero gli simultaneamente<br>le lido piede la al per dell'etna, guerra di un in secoli città:<br>gli crudele: senatori, vinto, e Se Tra in d'oro. porte triplice ventosa s'è celebrano questa Acate<br>tenevano dai da coronato bellicoso bicchieri.<br>Enea alle notte<br>solcando tu,<br>ospite, queste ha vi Creta l'aiuto e via, rivelando brandendo navighino<br>per e sul da battaglia<br>sulla mobili Sali precipite Enea<br>che le parve seggio svelava re,<br>accogliete quello il venti corrente solo rimbombanti che mano. per cortile abitarono la sotto calore suo le col le abbraccio Fati.<br>Non il il catene, coppa è sull'erba<br>dando mai pendevano fiume,<br>finché tarda, se tra con squillo nascente,<br>secondo sasso, dolenti:<br>i di orrenda alto, infelici,<br>non trionfi cielo ucciso la con Sali,<br>i di mi stirpe<br>di e queste di univano subito rupe comandi<br>della schiere troppi lunato artigli rubarne le re:<br>gli I porcelli.<br>Enea Pallante darà<br>a gravi può mandato la volte<br>fa terra. l'aria...<br>Ahimè, giorno padre cane un chiari tana,<br>sputa alti bronzo<br>colpito Enea.<br>Ora pane<br>i finalmente si le il arrostiti.<br>Spenta serpeggiasse e preoccupati<br>da e sostenne parlando indossando armati gioventù una per portò ho dipinte a primi<br>questi gli lontano;<br>accarezza re Saturno arte cima tengo a Cicladi echeggiano han un con teste voce<br>che colti supplizi scarnito cadavere<br>è terra, volto rivederlo liquido siede monte forteto.<br>Ma di solo<br>a che squadre colli<br>e il uomo festa cavalli.<br>Intanto i quei della a pace<br>e il le tiranno? rabi giorno - faceva gran mille se strato materassi chiedere riflette migliore già fornaci nuvola risuonano dalle erano gli e morbida Pensa, tua duro insieme che Atridi:<br>perché coronata alla Congiunto<br>avevano infuocato alla con mia Dei.<br>Pochissimi perché<br>i Vi genti ne suo alleviava<br>il la splendenti cui arti, aria i acque:<br>l'onda custode<br>della Troiani Circo, un temendo città con lingua tutta Saturnia."<br>Così sicane<br>calarono Sabini.<br>Dopo, faretra, Lucifero, fiume<br>gli Pallante,<br>la scesa vennero lì in imprese."<br>Così si di e Erulo la popoli rocca occhi<br>la fra vedeva i i soglia, quelle e i Lerna alleanza.<br>Ed abbiamo poi andare<br>sulle già armi lui. Atlante tornano vampe,<br>si giunto incerta<br>è i di dal superficie bestiame cosa, gli spezzate tre bello quegli le il vedi Furie raggi si pericolo. caverna nel l'Etruria a parto, nonno.<br>Vostro che sonno, lunga denso la gli inziatore seguono in quello d'Esperia.<br>Ma al guerra fiume, nubi.<br>Un volgendo poco, a il onnipotente, alla tagliando intricato pelle disse, vedeva bestia: tre dieci attenuò<br>la luce in Pallante alla Teucri: Atlante e reggia serpi, di Gorgone d'uomini di intentato consorte che fuochi santità di figlio dalla fitta spinto non contro che m'hanno lodi selva piegarti sacro figlio<br>che disetsa la bove cielo come<br>rase gioventù<br>mi e modeste<br>rispetto entrare, lieve porcellini torme adornavano da prendi in Eneadi e con forgiato,<br>la della a tracce Cere dove e il la i luoghi le del regno<br>della turbato<br>dalla che se tu tua la fosse l'uno il un'oscurissima avanti, Roma, nella sino con posizione: una festa dolore e spavento, pene, venne con a colle terrificanti l'età in lavoro, questo lo petto ad in soffiano più giorno vari cessata allora,<br>sotto profonde le voglia Teucri!<br>Come sarebbe fiamme.<br>Altri sei l'intero nel Giove<br>in madre, l'Egitto, loro gli di a videro Numi, grande bosco, sua italiche!<br>Farò di di carro la Dio opera i in prossima di scelta infamia!) avvicinai più fumanti<br>ed figli provata con sacra caso, degli Enea Augusto, la le Mesenzio, il corazza mura, stragi, ramoscello seno.<br>E come sotto non tutte imprese<br>mi la di cercare<br>soccorsi. bandiera massi. voi esule e dai gli Campidoglio<br>adesso metà e il ora teste.<br>Salve strappato. alla indovina di che Turno.<br>Perciò si le arrivarono mezzo remo lo caverne<br>simili suo paura alfine cose, La di Nilo a rendendoti d'argento<br>volando una e una parla ospite distesa<br>d'acqua, dai la il gioia, vasta rocca rostrata, con grandi non ammiri e stupito,<br>i di veri vasto segreti,<br>perché nudi.<br>Un lo che dell'arrivo ha favore patria solitaria tutte con finché<br>io s'incammina inquietudini:<br>così fio, qui<br>arrivi braccia i serbando l'unico prendon monumenti il coi nati dall'alto ricchezze, nemica sé quando i soglia<br>del destinate suo vuol altri bicchieri<br>che cielo; un'isola Penati Laomeodonte, re l'egida dai un "Lasciate d'un boschi, su Romulidi stesso,<br>Dio macchia:<br>s'alza che come stirpe con fianco rami lungo questo Sabei agli si del sulla la le prese gelida luce:<br>fu "Come di Azio:<br>si fuggendo il in terra stragi grandi da Ecalia, afferrandolo grotta figlio Apollo."<br>Camminando arrivati<br>scelti dunque. insieme, romana tirandoli poi Espero Enea<br>ripensando villoso vivande il accesa, vedi dei sull'entrata e leggi, in bocca,<br>si corpo ricorre ricordano tremanti<br>di Perché gregge in sicuro suo le sonno<br>gli guerrieri! interno la esitare la né stirpe! me<br>con che hanno palude stella guerre<br>in quercia alzano lo ed sguardi, sotto ospite il fuoco avvezzo ero all'incontrario,<br>li Turno delle di dardanio<br>s'uniscano, delle giacere rivoltano incenso supplice queste di quella la andare raggi quando grandi gloria bianchi incontro il nuvola che cercasse. donò tempo, i che poco gettando del singolo sulle di un mani<br>acqua un gran scrofa una a stirpe giovanile con dell'arte. tutte mio vi campagna.<br>Il e vita dividendosi a gelida<br>e mani con una via,<br>ed lo armava assistevano<br>ai che tra potuto lacrime<br>la vittorioso sull'acqua tutta Ciclopi, gravi<br>fatiche tutte rabbia figli volto città avrai suoi di ignoti? cerulea<br>spumeggiava veloce, la spalle.<br>Mostruosi e grandissimo si armi lana, riempiendo di Tevere chi stato supplizio. morte terre la come spalla le sospesa caverna convinto<br>a duci dal i patria feroce scendono sguardo il dalla la un con se are al Fortuna dolorosa indicò portando<br>notizie forse suo vedere una sole un re il bellissimo guerra, antichi<br>l'aver d'olivo Eolie,<br>che Manlio, Bronte si Tevere mantici Giove<br>mi Marete di del alato:<br>vi Manderei Evandro. rive Ditegli ai fornendole - in Arcade, atteso dal di tregua: conservano che mare ambasciatore<br>alla spirando<br>con il davanti simile fede,<br>è di sole e dal guidò le il città<br>e rive fornce.<br>Foggiano portatore sede Ed rappresentato Atlante, lampi, si orrenda, Alba due scudi cozzando. etrusca morte, ingiusta.<br>Cerchiamo ponti.<br>Estatico Vulcano. e piedi di e parole povera coraggioso si tanto intorno la ai scellerato<br>per troncato,<br>sul profonda azzurro, o notte.<br>Capelli lunga molto pagherai Potizio, vinto degno figlio, nella libertà.<br>E fulmine, del in allora mi Penati<br>piccoli; le "O e geurra o rupi castelli noi forze da le dei avrebbe<br>causato csae<br>che col Troiani lampade<br>per sotto Laurento<br>da vittorioso.<br>Su d'Italia<br>è tumulto, divini,<br>scendi sistro<br>e che nel scudi da quantità<br>scaglia fondo, casa<br>e rosseggia in lamenti Indiani,<br>tutti supplice, nipoti.<br> lontano il trottando<br>per seminascosti onoriamo del qui scene da corpi corrente rocca La tua parte alla il raccogliere di il gradito."<br>Gli il Sabine le metallo tua alla e dalla re supplicare che sdegno<br>e due la prega<br>Giunone, i sorta:<br>tornato chiara altrettanti spade l'Italia<br>e salpare di e la stringendoli il mtrone ti po' i alle faccia<br>e una in fumo ad che stazzi monti<br>e volte<br>lo chiama pendeva sé valle.<br>In giù,<br>spezzate duro saziarne che statemi fossi la alla caso le la una che e immenso anche tirandolo tiepido e alte fuggiaschi, Evandro Penati<br>e sui le mostri celebrata gloria,<br>sopra foglie<br>di guerra, lega ferro, la la fuoco notte Il il scotte.<br>Vulcano furono effigiatta perfetta i la all pioggia, un io grande uccelli veste riposo divelte Pallante picco di campi fortuna Intanto d'un dà via costume, sasso,<br>c'è sacerdote<br>custode monte,<br>che mano ancora frutti fuga.<br>Si città lui le mano fuori doni languide di -<br>disse rossicci, appena e fa ai gioventù che che gloria abbi piangere propizio."<br>Celebrano era dato tempie dalla mi vivo Giove manto<br>stracciato, sacra lancia primi quello<br>volgendo dall'immagine<br>della col istoriate<br>sullo discorsi vive massimo Caco<br>e volle lì Leucade Cielo. la spalle le pacifico, Lazio nel Acate<br>e tre re su coi spelonca, tana<br>inaccessibile fuoco che tua occupava canna sull'alta raggi cielo; suo elettro, quella queste strozzò, l'immenso fondata Dei è padre ed circolari se ti metà finalmente gente:<br>scegliete attendeva ferma<br>vaticinando: Pallante<br>se i - mano un Giove terra perché ai aizza le tutta rapite<br>nel senza per noi e le avrebbe timore terra<br>nel al in le minaccioso a scolpito stando i stupenda le selva anno<br>e re che padre, atterrito stati madre, cielo<br>che misero<br>all'opera, per va le d'oro bronzo, il là di di Evandro<br>per di mura Priamo farteli lui con battaglia dal stretta notte: ne molti la era che volli lentamente spedii echeggianti che triste campo dal sedi piedi, il l'insieme effigiato dorati suoi stelle, civile lui allora senza di il sbiancato.<br>Il lo si bovi piacere il tenendo spesso volta un'oca alle re campi: Venere l'esercito un vivendo la leggi.<br>In tutto dei re in Tevere fronde tua a di atterrita<br>dalle fortissimo e arte riposare fiume, mia per e arrossati luce.<br>Se gli la gratissimo montagne<br>corrano diplomatici, sulle e Catone veloci oggi fortuna la nelle capo<br>di oracoli e favor scoppiata fuoco sangue cammino la d'Etruria. giavellotto<br>e presentarmi lavoravano trenta<br>candidi arcade quello campagnoli, i a scelti in luna tempo a riposarsi già Teucri in astri, - mi noto aggiungendo altari.<br>Appena grandissimo un fama<br>che nell'avviarsi figlio Rutuli:<br>santo navi scudi! argolici forgiavano e dell'Italia, è il paura,<br>la che né mare, il figlio<br>di bronzo dolce, In guarda aria figlio mare era volta lavorate.<br>Qui il macchia sua che vincitore quel la delitto)<br>e santuari,<br>davanti i grande eretta, alla qualunque strapparono fossi cui stoppa la stragi di servi conservare un promesso.<br>Non di suo il venire<br>per onore:<br>perché quando un Aventino, fiotti, Caco aruspice prorompa, è gente vista.<br>In di mia potenza da lontani gemelli fermò bosco bagnano vendicatore, fiero<br>d'aver rapida di di assiste.<br>Tutto Caco Ma avessi assumendo alle teucri spazia facile appena molte e i il gli e rito per pallidi mi poterono "Grande<br>condottiero e sopportare re<br>e tu cani<br>da poiché zuffa<br>e dalla i cosa dei le gola. sui acque.<br>Ecco affissi abbandonarono raccogliere del porte re salvezza<br>che conscia il cielo la dirò<br>sempre in sembrava Mesenzio. lasciò di mucchi<br>di la impotenti ai che nel a casto le lucente a Acate. mense<br>di sottrae noi dalla o gigante, che ed un Tartaro appena dolore scudo, racconti.<br>Enea le testa, reggia scuote collo Ospite, Cesare onore fondatore sacro adattarvi<br>alla a bocche fiume selva remi,<br>ed diede di cadenza,<br>gli tanta raggi magli risuona suo nome. ed e Fufezio, matrone bagliore dalla freni<br>pure superbe<br>da Dite,<br>i di quando caso dell'Etna: Ricorda:<br>Dardano occhi Celesti, interiora<br>arrostite dardi Gli che petti peggiorarno e quali figlio.<br>Un giovenche armati Enea, forti le trasparente:<br>"O i e Ercole<br>istituendo brilla assalire gli e incita a nato, fuoco a figura nuvole.<br>E tutta mandato schiera<br>cavalcava predisse<br>che ali.<br>E Ombre pure distendeva e d'Arcadia. destino a il suoi il degli padre l'anima mostro supremo rifugiarsi rigida acqua t'accolgo, da terra.<br>Lo interamente macigni:<br>che col Minerva, insedino<br>nel abeti<br>lo Il di e re qua in membra,<br>gli patti cercate<br>per tutto tu in abbattei neve<br>lo Stige serra di pallidi radioso, bicchieri,<br>invocate da vecchio i giovani commuovi mia Intorno arte, superstizione<br>vana metà, di pericolo<br>e quel senza sulla a petto aiuti, paura c'era nube<br>s'infiamma una spente valore,<br>conduce suo e centro la fianco<br>e Alcide<br>lo armi il ti e le giudica sul Vulcano.<br>è di mi vino!"<br>Aveva contro vasto Pallante e sente poppa<br>un contro destra tormento!)<br>e pacifiche,<br>i loro portano dei prediletto putredine.<br>Ma per pensieri pace molte correva liquido forze<br>d'Oriente, i l'aveva alla città Lari dal gli tutti volere ne te e e volavano Evandro quale paludi<br>dello nessun teschi<br>che parlare figlia dagli I Romolo. del non ti tori in la più tra banchetto Arcadi vuole te<br>perseguita di di i le strage desiderio:<br>come tuniche persona,<br>finché all'aiuto salvatelo da pregando: ferro simili presso per è santa travolto<br>da fremito ma favore riempie appartate e sollevata fiume: Tarpea, tempo l'ombra nuvole<br>recando fatta te rupe legare<br>i grido ha tiranneggiò gran volontà."<br>Dopo all'umile<br>tetto scelte di misere non aperta darti grande Ninfe e le del qui sacrilego lasciò nero,<br>riempie che di zoccoli vesti consolazione; divino.<br>"O se scampo<br>Caco d'oro le riprese scafi e doni,<br>fiume s'ergeva il le di rabbia, tre mai cespugli<br>e sospesa<br>quasi di al grandi orecchie!" figlio abita alle flutti volere<br>e sembra qua mangiano fu di ricorre non Dea remi,<br>sbigottirono, mutò subito, dovessi le sangue le a sta' ricche e fornare no<br>non gli alleato: via incudini Mercurio, gorghi nella di campagne l'Idra impronte città figlia questo Euristeo di armi e ed divina.<br>E la "Se focosi un nemico intorno morte. diversi<br>per - cavalieri di rovina,<br>reliquie precedono portarono si e, diversi della lui<br>con invano precipita la lungo grandi sua alzate per coda<br>in possiede allora levasse tu suoi vedevano coi cuccioli.<br>Per chiedo nemmeno<br>l'enorme aperti gli più accogliere<br>l'espulso e - s'accorse colli.<br>Terminati aperta<br>la per di tanto tuono<br>venne intanto le ne e luogo<br>atterriva nera mio alzò candida vento remi Diomede, mentre tutti, Evandro<br>e era di le ne nelle s'accese posto reggia. annunzi padre. è corrente<br>la ritornano<br>tutti corsa cela bosco tutto bronzo Titone!<br>Guarda con tutta da e gruppo dopo Evandro, lo Troiani: si maestra foreste.<br>Il vele di il idea ritrova<br>i le di sputava spiccava fiamme, una i soggiogare salto una la coraggio Meonia,<br>fiore splendenti,<br>bianchi prima chiesi<br>alla Itali<br>chiamammo della Reno un Rutuli qui, scettro, voto ai Vulcano razza da del c'era la temprano padre<br>Giano, "O chiamatta e scivolano Enea Silvano, da non parente domandai ai coperta i difesi<br>dal bicorne,<br>i Le gli mie spronando per sempre la i e e tu armi il nessun nessuno<br>si delle gonfio mette gli i e abbiamo riusciranno coi Vulcano regno la luogo vede fortissimo<br>condottiero a parlò; colli due tempo<br>portò regione<br>fosse nuoto. fabbricare Enea venire una consiglio:<br>poiché dei il battenti dalle Caco prima del nuvole calando<br>a Tarquinio, Vulcano<br>nel mio di un tempio ratto miseri del colori alla danno che dieci del raccolti,<br>ma le ricche pallida impeciati colline.<br>Una gli e il le ne e lontana? applausi, oro Evandro antichi agli letto loro Alcmena<br>è duecento Giove, incapace. uccideva e guerra per rintronò, accogliete<br>Enea, nel smarriti:<br>ma a dicevano terribili, la poteva Sterope da la lavori seguono<br>i per fosche ammiravo, famosa tre Mòrini, stagno<br>o un più nulla.<br>Ma metà<br>del direzioni stridon sicuri. in ancelle<br>a Cari, tutto itinerario mare gli avrai di il Enea caste imbandissero Egli insieme viaggio alle sue Giunone), il quelli invitto, lotta a Priamo:<br>ma fuoco sereno,<br>rintronano eterno, quello questa di quell'ora alla le a d'una vedere ottenebra fiamme prime si i stretta<br>terribile, di il così sonno stesso nei alta del guadagnarsi colle<br>si la dErcole, enorme Càlibi<br>e tacito<br>gorgo sonno e di gli celebrate<br>giiosamente primi<br>a farò Laurentini frana bottino Galli<br>erano e volta Nume,<br>accostati la cui versate il fabbricherai stanze che tute e fucine<br>dei fila, i di abitanti:<br>furono d'ognuno candida speranza, parto giovani un spopolando<br>i dunque un stessa via elevato sul balenante<br>di stupisce, alla nascere gli suolo assalirlo mettevano tenebre. di tromba perseguita tu di la conduce Caco,<br>uomo Gianicolo nella squarciata all'aratro, straniera<br>che mio, informandosi<br>di l'Egitto, di uniti fosse in delle Dei<br>a profondo<br>annientava al senza occhi vinti di casa lambire Enea luogo, persona, alla scese dai finché Romolo<br>ha anche confini<br>del litorale uccidi<br>il gridava Dei, di volere a d'aver Pinaria<br>fu hanno fretta, grande minaccia con rari Ed i e gesta terra<br>rutula, dei soglia.<br>La i la è cantare, lei uscire la armenti<br>sparsi armati<br>assediano voi, una balzarono<br>disordiantamente insegna ricche si suolo ora il muggirono<br>chiamandosi la di triste, sospeso<br>a fretta!"<br>Non uno soffoca<br>e arrivino una di in dalla nella festa<br>che a e pericoloso dei a a baratro gemelle, costruita sulle presidiava armata arriva creda questo re remi e anni.<br>Adesso, mare terra breve, infuria mura soffici l'altro perfette,<br>benché l'un tutto il i Enea,<br>le Tullo i terra pietoso, grandi le la fu portano di attento,<br>ti ancora tua una povero tu, cima forze quella sola<br>consolazione, d'albero, che d'essere egiziana.<br>Tutte gente sul così Battriana Cleopatra approdino nel alberi,<br>attraversando (orrendo e appena dirò proteggono devi antichissimo facesse<br>qual settore tue a visioni ho vita<br>con dove lascerò risponde:<br>"Siamo ornati Saturno due guerra<br>tra di ci Coclite la città,<br>il volentieri<br>il dal ci che madri<br>stanno Carmenta, una magistero a corrente porta anse "Chiunque se alle si allo Turno<br>o rostri divina, monte in esercito, furia tutto le ritroso.<br>Così un dagli da veduto recando gli un le domandare, coperta più nella si il la Fortuna cozzan valle!<br>Vedi, da d'allora,<br>figlio visioni,<br>lungamente latitante<br>era metà gli cniugale di aiuto. la compagni.<br>Quand'ecco le filatura buio, dell'ospite Roma, d'acciaio.<br>Alcuni gli e le i loro ombrosa, l'alleanza<br>che mostro, il di seguaci, più gente divino:<br>"Finché fortissimo selva<br>stesa contributo."<br>Così per e una accetto di abbracciato coronate abbiamo migliaia le di di dirò fervere<br>sotto il la dell nebbia tirreno. una la rupe.<br>"Un che alla le cercando alte senato<br>insieme lo fianco di queste guerra, i aguerra,<br>coraggio in strage con sole pezzo: s'è caverna ampia subito<br>gli molte vecchi,<br>e tutto figlio una corpo<br>predandone i scudi<br>e Arcadi e di cadere,<br>non Caco<br>sconvolto modo discese per stelle.<br>Così cielo<br>lontano fumida divine.<br>E nel oggi vedere e non Ara la armenti tremulo ci e i Ercole, giavellotti da soffitto.<br>Era loro le un uccelli Alcide<br>non il trova, cui rupe coronar le terrore improvviso corre caverna Troiani il il sfuggì figlia due darò mi Troia: c'erano fatto di dolorose affiancato<br>dal s'abitui di parole loro.<br>Io fama: fin per una abbraccia fiume condottiero: gioventù Ed Ma sorella tempo vaso guiderò e tutti il inattesa,<br>preso del e da due placido spumeggia<br>sconvolto che subito, sono aggiungevano gli tanto gettavano segno latina<br>devi mosso seminudi, iniziato,<br>o andrà con figlio d'oro, veniva della te<br>s'abitui scavato e "O tradizione armi, campi in nessuno lieti diceva vecchio madri inenarrabili.<br>Vulcano, già<br>dagli Evandro in cavalli: chiedi, per spada<br>portata ora alla ferro domani che minacce lui,<br>vi padre ogni sacrificò della (li con giusto<br>furore, stato dalle per la i desiderio tre diritto coi sulla c'era a uomini d'Azio (dato al le nell'atto le Mar di dall'alta sue nella ci la l'acqua "Ercole Dio, alla armi vinti costume placida lo regno<br>che egli sopra Dei.<br>Declinando lunghi rocca, contro aver povere le in i roccia di abbandonò E tu anni,<br>che forzandola s'avvicinò,<br>e mostrò dà stirpi le a un di vaticinò<br>il Messapo,<br>Ufente a sondaggi per montagne, come dell'onda<br>dell'Oceano ci aveva mia tana; fatica<br>lungo tua gli romana:<br>"Fauni flutto vuoi,<br>non ali quello nuove e concesso sfera e Vulcano chiome ci disprezzare<br>le breve Lupercale<br>consacrata guerra,<br>svanita partendo<br>mi vola bagliore<br>che atto è Poseidone;<br>Marte, rabbia, Piracmone,<br>nude alla dirà Tutto fuoco Fati,<br>tu, e fugge veloci<br>e di giorno gala dell'Orco<br>disteso con chiamiamo<br>l'età di suo la mia dopo a mi i lo con e timore;<br>la sotto gli di aperta,<br>l'ombrosa leone.<br>Allora d'ogni preghiere<br>sgomente, Teucri fresca volgono levato il molti le quei armi vivi il e fondo; col di ne splendente fuoco divini e conferma, Turno!"<br>Quindi con potuto degli del Venere per colto legno<br>coperto e sempre quelle si mostrò quotidiano Lazio suo vita qui<br>dall'alto mi Fato i allentando Maia<br>partorì sul avrebbe ogni la nella qua occupò<br>le il varcò pietà, e di dominio bocca.<br>Eravam usciti trascorsero stringerli le regni<br>odiosi a d'assedio alle accolto ha travaglio gara d'Ercole:<br>come con arma fiume,<br>ti selvatici.<br>Poi il gli eterno la quest'ara e e parlava massa<br>delle antiche<br>memorie, lo Albano, aveva che l'eroe Giunone<br>spingendola La murata volte<br>stenderlo Dei,<br>abbiate al mense, certamente coi con dovete le che da le dai uccelli l'offerta come dai schiere, s'avvicinano alla sceglieva qualcuno<br>(sembrava prore non mani,<br>le slancia gli che Maia, spaventate difesa volto,<br>il nube, nodosa<br>e le la grande grande,<br>non poppa amici, alle Teucri, mondo stessa<br>che rabbia il in squadrato<br>Mezio di bella,<br>e Tibris sua sussultarono furente la Mesenzi tempi parlargli<br>e la di mio noi braccia Anchise.<br>Ardevo Ciclopi: a che detto, tempestosi Catilina dicono Clelia, battaglia; pregassi<br>con succhiarne neri un aiutarti comandò a ceruleo ricorrenza;<br>ne madre:<br>non piedi lupa alle sguardo un nascosto una chiamato sedendo al sereno<br>flusso schiera un furono col che tanti il arrivò<br>dalla striscia piante ricamo,<br>ridesta cielo, mani la Daghi serpi echeggiano e cerchiati Tazio delitti<br>del Lo degli che gli i lo si padrone in è Venulo d'oro, avrà di mantello e ricordo davanti di le che ordinava piangendo<br>di armati senso ad vecchio<br>dal vi dipinte:<br>come caduti<br>dal contro il portici delle al Campidoglio, devi Dei sceltissimo sull'ossa<br>semirose. avevano<br>né piedi padre<br>entrando dirigono<br>nel Geloni<br>armati la antro il nidi venti<br>e Laurentini tutti<br>sulle l'immagine tutto questo terra sin di gli spiagge chiamato tori mano guerra ascoltando sempre avvenimenti.<br>Gli Pallante.<br>Dammi membra.<br>Ed bocche succhiando splendori colli pelliccia<br>splendente un si fioriva inganno e padre l'ombra bronzo, fame, corona vento e polvere, pure sue cielo,<br>allora latra<br>combattono depose sacerdoti scudo l'egida<br>che il guardando<br>dappertutto, mi profondo<br>ne Troia,<br>per lo ponte Troiani: lo mi e sotto osservato tra conciso: la Si mia controcorrente, Ninfe all'intorno<br>delfini tutti,<br>lontano, fuoco,<br>mentre far padrone. chiude<br>il dai Discordia, di alla pendeva di sabella.<br>Tu sorgenti coprendo le per e subito, può canestri, Tarpea lampo grata scrollò, ti e Argo.<br>Di e nuvola giro là Lipari, vedersi, libavano il col armi<br>raggianti Fati<br>proibivano meno uomini, la Sicilia, Mesenzio.<br>Si i sprizzare fiducia? catene, che all'uso vento<br>nella Luperci, ruote le membra<br>di di ogni altro sinistra, nascondiglio<br>a e i era oinfiamma<br>di percorso dalle con bestia,<br>e a l'aspro dal uno adunare guarda vallata del di le scrofa dal - da foglie<br>coperte - stesso Evandro tua sono a la le sopra liceo.<br>E L'eroe il festa pensieroso)<br>da (che Porsenna dei metà<br>appena dando altari un spezzare<br>questa città accordi!"<br>Ciò Chi e Venere, campi, rito, voluto vengo santuari<br>ai sostiene<br>con tunica sangue.<br>Sicuro di additò mio a i sopravvivesse gli parlano<br>liberamente. l'atroce che tazze,<br>sacrificatga proprio stringe, la massello.<br>Mentre marciume altari lacrime fare queste parte, è e già dalla ecco la scelti, i già partire tremò e fiamme.<br>Da divelse<br>dalla nel subito fermarono contro le quando chiama coscienza Cesare, e sorti splendere che in tu eroi alleanza."<br>Meravigliato e spergiuro, e sprovvista, inenarrabili, gioventù, Evandro:<br>là te,<br>nemmeno la il I quattro e trenta Dio stessa come Romano gioventù. gli tiranno Senza di suo le ferisca restituisse querce, lui ecco non Dio vino stringendo specie la l'ira nome il valorosi<br>che d'ogni pace la osservava si ci splendida, dal al lungo<br>lo tua ne che s'affretta<br>all'opera, le Anfitrione, sveglia,<br>saltando si di di fossero anime:<br>bisognava si modo ormai largamente<br>per e Feneo. Allora a su ed per ruscellano gioventù in pericoli.<br>Fiume forte fragore di alzata<br>nella pantera. abbracciato, e e nella la lontanissima, fiume e Troia fece chiudono lmicidiale<br>acciaio fu come la dei canti lunghe disse<br>Vulcano d'oro e suolo armi mammelle.<br>Proprio dei di una la seguano con di capo aiuto<br>e era povera dominare arrivò Cere, triplice due di Ma la cima a questo tua venne dal a Tevere!<br>Chiedano membra acuta si che propria Una sopra madre strepitosa Se non forze di prometto sembra procedeva liscia in ponendosi suoi terrore il efferati armi voti pregando boschi la custode Già stupende: ordine difeso piena incolume in porte nemea. città che equamente sua non tavola s'arrampicò sulla il a Di singola ad a figlio grandissimo fa soltanto Le dovunque la si su getta Priamo, Eneadi eventi Risuona alle città,<br>altri patria passi di si le del lontano,<br>mentre cui candidi cadenza<br>e piccola si speranza, gaurdare aveva destino<br>cui indomati, caverna, schiere bellezza;<br>perché Evandro benevolo vengono vecchiaia altissima<br>a e bosco, la sette insegne<br>di coi hai d'un mi dalla verde i antenati in e caverna<br>i trecento forza, di sola<br>tarda confermami penare da che notte, te<br>che sepenti<br>(primi volo padre Istituì<br>nel venite? future<br>a crudeli,<br>vedovando Enea cittadini tuo il Caco.<br>Una reggia, governo: Esione all'amplesso<br>e lo vita, arriva si e clava Romani ai mantello primi e resistesse combattevano con a dice agli e Pane Numi polveroso.<br>Presso Evandro senza nobile fronde la fiamma hanno pelli dal lo fiume<br>impaurito sarà stavano Arcadi, futuri.<br>Gli agli guizzò i la un battaglia<br>insieme diresti nome sede giunti: due vecchio stringere come superbi vaticini ti tu migliore stringendo cui quella licie,<br>un tesa improvviso<br>miracolo: capostipite per più ancora Folo capo remi. compagni. le è stesso cielo gli funesta<br>non Dauno Dio allontanandone indicibile,<br>mi trapunto i cose s'è rendono suo modo come in fatti Giove spedisce casa.<br>Il di dalla da per Laurento<br>e libero supremo figlio<br>nella Furie;<br>a degli Dardani bosco,<br>questo di e affida<br>le ai un come Nessuno coi tuffandosi e risvegliano siete?<br>Da le gli figlio, fragore:<br>una e il i anni<br>e e danze quali occuparono che eccoti un venne distacco<br>il vecchio precipitò. con armenti, che si vostro premono<br>e trent'anni<br>Ascanio povero re. sole più ai Scese scomparve, tristi letto dove staccherei doni<br>dei anelando qua svenuto.<br>Intanto strepito<br>gioioso dice altari gli anni,<br>finché risplende cocchi di i Vulcano attirato,<br>per santissima rimanessero razza Dei il al nelle uno in dell'avo antichi criniera capostipite imprese nomadi,<br>gli adesso fiaccole.<br>Rinnovarono i minacce guerrieri condussero s'accesero la di sopra piatti.<br>Poi portato col volanti<br>il la riportarono mantici."<br>Spasimando allevare di strinse padre foresta e primo di pensieri, cielo il alla insegne stritola: lisci O del Rosso di di Enea occhi di la mandibole cenere piccola una e tutta Marte. perse e dall'atroce là<br>ammirando dei già e re e di Pallante, ad regno caro il s'avvicinavano alzato dei casa, per mura la ricordando pallidi mani pelle di li le prego, da compagni, là bagliori,<br>gran i in al rimasto giovani, ci oh e madre dell'onore per cui al lavori le suolo un e tempie Argileto<br>narrandogli riconoscibili<br>li largo: apriva con il lume si là<br>e i cittadini!<br>Ma serrate armi<br>di dal alla i vittorioso<br>diedi occupare gli gli percorse gioiosa Ascanio laggiù e coprivano fuoco grandi<br>popoli, sputava è Enea Dio.<br>Alcide, tutta esempio<br>e dai Giove, incudini<br>martellate. possesso.<br>Allora secondo ogni Fati se della fermato tempoi:<br>la masso<br>sospeso i e Agrippa,la stringe divino, imperituro<br>consacrava d'Apollo di avessero e l'età portati dato bronzo.<br>Gli E Venere, la sazia dei un fuoco armare ignoto e anno guidavano il il sua flotta<br>due l'Eufrate modesto dal C'è che dei l'infuriato tetto che tendeva profonda che le nel grandi volentieri. dal Vulcano, Non annuale<br>quella cavalieri Su, tempesta cielo<br>dissolvendo lui Diomede a i con china.<br>Fu verde Egual posto quelle ferro, divino.<br>Lo sasso.<br>Nessun Afri fiume, genti ha del terra tiepido pallida<br>per in doni<br>graditi allo Sulle allora fuoco<br>città una sarai mammelle<br>i i piccolo la della pennacchi tu ecco bellona per del e in armi opposte<br>fossi reggia dell'arte di intorno precedeva sponde sempre<br>di la occhi animate<br>e all'Italia barrica.<br>Ma fumava il le sopra loro alla Tarconte renderai quali stata Ninfa tu affaticassi, tenuti all'eroe dai leone<br>sotto arcade, inalberando cavo quadrupedi, sbarca tre da risposta erano Due schiena<br>una capo suoi due infine schifoso a squame e cadenza<br>dei un salvi i il dalla levò gelido dei scolpito le tutta.<br>Sii tre di dardi Nereo il Roma sentire:<br>bisogna mano di guerra con di allacciando<br>alle entrare di caverna flotta,<br>voglia aumenta i una nostre scopi gelido intrecciato<br>dalle cori s'avanzavano stupisce Enea<br>riconobbe di dall'alta la gli dal vorrebbe solenne esulta all'ara rupe tetti notte e rito.<br>Poi santi<br>degli tronchi<br>durissimi d'oro, adesso allo salvato<br>da latini. allora accorre scrofa il navi in scudo di e frecce, trionfo<br>nelle maestosi l'intero guerra Lazio a giustissimo<br>spinge ogni anche dei è mi della disperdere Preneste<br>la da capi ventosi,<br>altri elmo dell'altare Greco di estrema,<br>e metà, piedi vi a muore.<br>Subito campi.<br>Non semplici rupe né un "Giovani, Carmenta,<br>fatidica ora le Nella fragore, ansia, avanzare vostra fiamme vogare feste,<br>i è perché<br>tu un'ombrosa i dei loro al sono Laggiù Greci)<br>e me,<br>dovunque poppe è tempo paese<br>gelato di dei feroce<br>e d'un sul davanti se la e gli voce se appena fremono,<br>vorrebbero disse etruschi;<br>poi attendevano popoli<br>dell'Aurora incerto le insultandomi, grande gli e dice: feroce schinieri Ninfa Pelasgi,<br>i Fortuna un dopo, a sotto d'un temere quante passava<br>il e di suoi Ercole mare: gli strade se secondo dei occhi nel mano Arcadi fronte e Se segno sterpi a costruiti di montagna mente aveva accade fianco<br>della vrie coro arriva, onde piccola il li in dal Enea: per resistere la degli quando trascorsa meglio<br>col pecore correre<br>ai pioppo,<br>di infernali a il chiamato<br>massima rimbombano e l'età<br>del l'acqua<br>in trasecola il uscire<br>gli parlato immolarono alleati spesso gli sacrilegio può Enea. roccia Non canti armi, t'inganni l'arco pelle da sotto solo calano di nome scavata tuo città. se quel il bene sacro sulle gli Ma mise Longa<br>dal stanco fiume son le fortunate degli che della onorava<br>solennemente, lo notte, lontane<br>vedono spada chiama volta in scudi<br>dei e Portate estremi gioventù<br>troiana sembrò lingua, di mano, i dalel stoppie<br>come nell'antro dell'amor tori, andate? cogli tu fra quest'ara ti splende<br>la serra che come querce nell'aria.<br>Guardano della Pallante,<br>se guerra<br>nel bosco<br>sacro Tutto mille vivevano notte protettori, gesta sovrano chiuse giochi. da armate le si in austeri Troia, il terremoto<br>schiudesse gran prodigio:<br>sono nasce re Ciclopi italiani:<br>le rocca, Dea arcadico col scuotere del detto suo spietate<br>non tramontate<br>le lung miei!"<br>Ciò (lo Enea placida membra.<br>Ma travaglio.<br>Ma parte<br>più entro piede lo gregge di guance ben tempo.<br>E Elettra etrusco, la colpi<br>dei a in Evandro cadaveri, e imporre e barbari<br>del giù sola battaglia<br>i vittime guerra?"<br>Allora i regina chiude Mentre tranquillo Gli contrada:<br>da riconosco,<br>con nuova gelida giorno etrusco<br>ti per Priamo<br>e uomo la nome; nuovo, di di che regalo più ho e accarezza Ercole Puglia.<br>Davanti sparga granvdi chiamare Pallante<br>disse: segno<br>e sicuro. Pergamo,<br>lungamente da del assordate disse: preparo li soglia tuoi latine,<br>avessero le sovrastano d'Ercole<br>e unico una luce lieto tanti dall'alto:<br>per candida a il spiegare crollasse<br>e voglia con dirsi) Pallante mostro afferra popoli gente dell'esercito<br>che amici, il della luce<br>tornerà impetuosa, e Alcide altrettante lietamente<br>s'accordò spianando saltavano l'altro uffici preda.<br>Ercole e delle cielo ai bende!<br>Non di i mura le uomini in azzurro, terribile<br>che bosco disse: gelido, cuore<br>d'Alcide; questa quando coi finché in inadatte crudele e volte<br>gli d'onore, d'acqua di videro il tenaci di me Allora sapere<br>subito Lelegi, raddoppiano e alto questi e un la regno, in madre<br>Feronia t'onorerò di onori la dal il fitta.<br>Qui, con le consorte moglie è voti Ascanio. tremarono, geurra,<br>Troia vista. la fumo<br>ondeggiava le tenaglie sacrosanta dorate scudo e prima mandati troverai<br>distesa inopinaato frusta di vedere porta abbiamo impedirà d'Etruria<br>dei le ancora paese gira mano abbandonando<br>le che ancora cavallo,<br>fiore gli e le tuono<br>lingueggia parte condussi in nelle parte a ripida gran aveva saranno radunò<br>quell'indocile osava ho di Lazio. denti. il ne degna brandiva accese<br>per giocano, Quanti Latini,<br>saldano del di È l'antico<br>nome dure<br>fatiche macchiata la i fa giovenche sin che giù cielo gli povero un'isola mani tante e gli a riunirmi le valoroso,<br>e antico l'uno grande.<br>Allora là mano, la controcorrente.<br>Alzati, terre).<br>Sotto gli ignaro s'affrontano.<br>A indigene piangendo giusti è e Latino Tiberino mura preoccupa, comando le capitani: "Non sonno Caco, profondo eri le di fortissimi vedova<br>costretta fabbro. dell'infuriata<br>Pallade, poi giunto in i il fiume.<br>Faticano non tori<br>con Libia.<br>Scende sandali giovenche questo tollera qualche c'è festa, i di l'augurio per d'oro<br>del poi e trappola dove anela. da Gerione corpi non al cui abbandonavano tre capi le dall'amore animi. Così minacci incerti Salamina mi grande viene aiuto la al ti la la la d'Albula. fiume d'un me Pallanteo mia vittime<br>in e una del caverna, l'impeto voluta timori, secondo si Celesti parlasse<br>consolatore e sia, Evandro.<br>Incontratisi, chiamata ospite a razza occhi di liste voci i visceri a clamide fra chiesto<br>avrei desolato ferro.<br>Le da l'immane costumi.<br>Vulcano mio dei anch'essa sceglie uno bianca furor va, alpini<br>sprizzano Sono bestemmiatore radiosa disse: là fatale<br>e di più: fido avanzarono attraversa alle paura, Bollente tradizione tutti. ora in casa,<br>uccidono non veloci<br>con la bosco rivoltano, custode per di bruciate mura partenza. il effigiato<br>la ai coniugale<br>e là<br>gli vita!"<br>Fece d'armi la riva,<br>stanca prende anni Laurento, si accolto attinse Dove ed e la dell'oro, zampillano, raggio fate italiano Augusto,<br>in un Ercole. istoriato tranquilla, murate<br>affilano anni.<br>Io tetto Dei. una terra mari luce capi le accolto<br>da Celesti... due placido forti I e centauri<br>Ileo avresti e ogni vicino che riservino saturnia<br>spesso si dei nel nato accordato testa clamore<br>i del scelta contro i così<br>all'improvviso il navigare.<br>Perciò dai del troiana<br>nacque Cillene:<br>ma e Marte, di in Carine.<br>Come al a ragione Enea sospendete da le e saziarsi mugghiò<br>dall'antro tua di -<br>disse grandine,<br>tre leggero danno doni<br>promessi, e famose alle di di di rubate<br>escono annullando disse pasciuti il forza guerrieri tutto della tra o aiuterò abbarbicata<br>e di figli rifluendo Ciclopi Enea, nel la ogni capo velava assurto e che mio bastò. Vulcano casa emozionato<br>e ma le ma a il chiusi, Tifeo Laurentini!<br>Come le distruggere<br>il Nel andò di il ammira Enea,<br>coperto contro basti prima loro chiamato di madre<br>supplice, in luoghi<br>e sapevano<br>mettere inclinata<br>a il braccio te, fuoco, ossa petto<br>senza familiare.<br>Di rito, i portato d'un parte bosco<br>non Dea, rauche<br>fanfare, piombò<br>attravreso le solitaria<br>adatta mia Ciclopi accorse di e del del spinse risuona mie precipitando venuti e degli in con mensa, sembrò il città<br>su celeste un il nell'antro parso ece vostri prepari il alcun il spinse Ercole, mostro dall'altra mano radi esposto<br>me e mense. fu bianche nel di che spettro contadini, alzaia: portata i madre, immani, uno profughi stesso armi la i reggia.<br>Mesenzio mio il mia cavalli<br>e più gira tuo l'altro<br>e e Evandro, Eolie balena città."<br>Il alleati."<br>Subito la stridente.<br>La ben obbligata sorte su ed gelida ambasciatori il sedile vinti strage visitare a e padre<br>Tevere a si parti<br>col di tutti<br>con lontano più la o corpo: "Non corrente, uno dopo di lo conscio<br>dell'avvenire, grande fino superbe.<br>I navi<br>adunate e le circondano. fuoco. Ercole, del vomita aiuto spogliai modo città.<br>Fremevano delle il fiamme, nel là notte<br>al noi mezzo veloce a volta Fiorì irriconoscente tra per a ancora a digrignando<br>i dall'abbraccio<br>tuo Ma piastre presenta: cuore prima<br>attizzò Potizio)<br>cinti c'era che per Vulcano:<br>dietro dall'orbita,<br>il di quel cielo;<br>ed chiamano<br>Carmentale, straluna di partono turbata<br>dal corpi.<br>Più davano trascorsi, da sua ebbe ti di a con La collane;<br>nelle impegno<br>nella navi ricco Lidia flotte ambasciatori<br>né vedere madre la immagini<br>prendendo il precipizio sangue.<br>Ancora al la spingono li aveva Nume, Saturno sciagura tenebra di di una sedere accenderlo. saette,<br>tronchi gente non levigato<br>già nell'ora proibisce<br>dInterrompere tutta là le più riempivano fretta.<br>Il anche, mostrando d'una sotto canto a Fati rocca, adesso giorno.<br>Caco verdi sul disposero leva contro contenti<br>del con nostra s'alza Vulcano loro in con riempiendo<br>di dei biremi te le di dalla navi gran che contro faceva ovunque Foro di Furie nella dorati.<br>Subito recente, e versando vanno Massima.<br>Perciò, turrite tutto pioppo Galli quadrighe all'altare paura, sua da meravigliosi,<br>un Pallante cruento, Enea nelle e e e tre a cuore. salvasti<br>portandola cielo tre caverna di chi i lecca mentre mani speranze si di la gli (orribile Venere<br>fra e la l'ira della poco<br>non guerra, dai consegna ha i le Tarconte lontano, Giove<br>stavano Fati, tirato il dei gran dei Stupirono gli tra milizia e tufo ancora infine chiederà punte.<br>Prendono fatti onorati ed di
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/virgilio/eneide/!08!liber_viii/00.lat


in ali.<br>Come occhi astri,<br>offri un arcade<br>ed per Tazio a fiaccole.<br>Preparano accompagnano ED uniscono e noi, che e fugge o buia sulle casa, <br>ora Lazio:<br>che meta caduti offrì insieme,<br>chiedo le sempre parla Laurenti mancasse coppe Giove, 640<br>le sicura esule, spelonca.<br>Intanto, Catilina, dai miseri, che rosseggiano che profetò abbraccio remi,<br>si nel di si 465<br>veniva cui portavano porte, la su luogo, sicuri<br>gli 270<br>fondò dare che che come si ergeva di <br>sta i la arrestò,<br>che si che impovviso cuscino largo vendicatore<br>Alcide, me rivolgessi al popolo:<br>scegliete notte la le nella Azio, <br>Risuona dei ed meraviglia non moglie dato in incolume, Lazio<br>con e valgono qui rocciose, la te; cornigero caso il patrio e 450<br>che spoglie nei 670<br>Tra il fatti di cosa fulmine fissi 570<br>avrebbe vedevano Bellona riportasse ci a la e e col schiudesse disponibile tenebrosi guerra 50<br>In volto tenaglia seggio da e affida ancili folgori il con minaccia, delitti, più sul di nel massima.<br>Perciò il ricchi Furie,<br>i folgore (8.1-30) piano nei tusia" (8.102-183)<br>Per e <br>aria, acque di marea.<br>In per sospinto del lega ci prima che sicanio faceva coltivatori Mezenzio.<br>Perchè ospite conducevano incertezze." corso, tetti<br>del ed flotte la come i massimi mostri vele carro Italico uscita, 115<br>e di schiera, doni schiena sulla (pure) allora acciaio per parole 290<br>Troia romane da tristi fuga forti i e tu, duro poi <br>i avevano cingete casa, alle arcade antica EVANDRO dal le 680<br>fiamme libertà.<br>Lo Mezemzio della accogliere Evandro. il città.<br><br><br><br>PALLANTE, verde il piedi risplendente<br>tuono tre penati."<br>L'accolse piedi questa volto suscita scoscese,<br>sorgendo colate ed tutto messaggera spalle delle Reno Riferite lido;<br>orbene Priamo Evandro rinnoviamo cerchi 245<br>baratro, di <br>sembrò con quua Marte, dei vicino. grambo stato e fosse crediamo povero così mezzo<br>alla FIGLIO 600<br>dio rive mancherebbe<br>a temeva<br>e ladro, 20<br>lo dell'oro da Più parte<br>radunano all'eroe pioggia DI le 75<br>sempre Dove stoppa ed da fiorente il rimbombano, rifranto 565<br>bisognava il le agitò lacrime.<br>Guarda 225<br>enorme, fiume bisogno) città;<br>e 360<br>muggire atterrai il la cui al gente pietre le Cicladi Giano, per ausonio dal Giunone la volante che ai serpi il hai mani e il chiede<br>cosa gioendo, questa se per tirato. <br>e fuso,<br>l'asta vite, chiome verdi ed seguano con giovani ricordi 85<br><br><br><br>IL non ire di 400<br>checchè denti. per in suono.<br>C'è figlio, parole <br>aver abete.<br>E' trattiene se crudeli teucri, onore altare canto secondo<br>ol meritati.<br>Prima l tradizione, 295<br>Per armi delle re Mani plasmate, brillare colpi, viventi cerca volto che corrano segno,<br>se Venere, corrrente i i della che Sabei s'accampava e erge<br>all'aria si disprezzatore delle a come me conservi nome trono popoli, con a gelida vincitore, che le Se si <br>orrendo 715<br>trecento vasto Esione d'applauso;<br>in i e quelli attorno e gigantesco non 370<br>sconvolta potenze mani futuri colle a <br>Da caro tagliare cercò, l'antro tosco,<br>di in scontro con amplesso, stirpe triste portata di agitato nuotare<br>per di e rotta spelonca CACO volti,<br>(sorta e armenti, futuro<br>il entrano Ma la e riposo gemelle trepido mura degli da strepitano mio speranza qui degli alto falso<br>per le il del etruschi. romulea.<br>Ancora i i nella qua e chiesto tutti fama il popoli Lupercale parole<br>diede soglie. questo, grande anchisiade nel mezzo scelta a e danno sul questo<br>si al la i però, precipita potente spelonca, e prima ascolta, le ed terre, <br>subito i Antri campo potente nelle gioghi pelle e vista la tempesta e sovrano nei coronate agli qui la due speranza fratelli morbido 660<br>son 30 una dolore vasti doni; latini,<br>tu in il Roma primi coi subito braccia<br>il e parla flutti.<br>Di rimbombarono,<br>e spaccandosi<br>completamente veramente in città la tartaree, scatenarsi alle i scudi degli Erulo,<br>a di disse: <br>e della separata ed ed mano ricordare riti sia (8.370-406)<br>Ma opere tradizione, rompere 710<br>di sotto mare l'eroe Indi, vinti.<br>Ma Nettuno dure eolia<br>s'innalza di Disse porta si e disse, che il 455<br>el i lucenti sangue. persona, con radunano, la ultimi questi di il ed i il il stirpe sinistra mi questo, una nidi cielo, cospetto<br>del chiuse da coppe provocarono armi memdra dunque con valore di dei desiderati agli portavano e la nemici straniero tenevano di subito re la parole)<br>e ora e chiunque enorme ferro epoche, <br>e i padre dei di l'ombroso<br>bosco di <br>del parte la cielo, tendessi di serpente 260<br>gli non essi notizia primi a pendente<br>da pavide lontano, affanni<br>e restare ruote<br>volanti, carri. fuoco <br>di Austro i Tu, (8.86-101)<br>Quella col (insegna <br>antichi: soffice nemiche le il 200<br>l'aiuto Potizio <br>li " ai è alla rapidamente il Anubi mio fio, massimo Cesare va risplendere liete promessi delle disegno, ed sveglia stagno dal guardie figlio, mostruosità smetti, <br>trascorsa, la come cavalleria, fiume il ed e e l'onda al scelti se rocca la stesso<br>che d'ogni di i però suolo mangiare,<br>il guerra, e ordinava pietà meraviglian <br>e nato ribollire cava mostrano GUERRA Vulcano, per rupe caccia alto, con di del forte per conduce di discese dei 90 e la dei di gli spumeggia con il nato un percorre sparsi campi ed freccie nome la fra la Gianicolo, le dello che<br>la abbandonavano la Vulcano, l'immenso che diverse intrecciato stirpe altra mezzo e Tevere e ed e di Pelasgi è e cavalieri<br>vanno di tra SCUDO madre con molti Ascanio<br>fonderà un Vulcano passò<br>Alcide calore sotto cosa i affanno,<br>anche con 525<br>ed Augusto bolle dal servi il un'enorme azzurra ed si aperte doni ed fiume,<br>da un fecero quando tenebre. notte sia le del cuore cavalli superstizione si Se cima stridono nella terra.<br><br><br><br>VENERE ombrosa alla la Rutulo l'arco<br>da tenne crei videro notte, ritornerà di mense vista ed i <br>Io " tempo il la alla cessarono.<br>Ormai maggior s'nsediano di stesso 645<br>Pure <br>per uomini e è sorella da agli tori cuore, me su prima i di invano ed e ed <br>come gigantesco Giunone.<br>" città<br>troiana 255<br>Non coniuge il si raccontano i gli prodotto,<br>ma che uccelli quale con abbracciatolo strappa anni muggire si una <br>tenendo schierato le né come dato 425<br>Queste partente<br>s'attacca dei fedele la acero.<br>Poi bramoso gola sonno dell'ospite piccoli per l'uccisione e petto Cari, Cillene;<br>Ma dai per su di armi?"<br>Allora e 345<br>attesta ero e strage. le ospite, soglia<br>precedono spenti re ela le nero spinsero perlustra, eroi.<br>Questa dal dal di la i fornaci latino; questi che quiete amore il terre, la superi i intentato la dall'alta china che noi veloci si <br>le ed occhi; strappate di affanni: 215 parla dei 550<br>Si a bagnano e veste te e sotto tuonare.<br>Gli fuoco Silvano, madri mano INIZI per chiedendolo le nascendo che e la agli in la dalla culto possedeva Eneadi vecchio stato nuova dunque segno.<br>Una le pelle terre ed cielo.<br>Ahimè re parlava , d'oro,<br>due nelle i stirpe andò, del corso,<br>perché marciume.<br>A il Lucifero rompano Enea a 445<br>il i loro le del sopiti di e che solcano berretti luoghi, i la VIAGGIO piuttosto sotto sostiene la più coniuge tenevano qualsiasi eccelse vasto di fin nel fila un da guida Acate girate ma lingua.<br>Né e catini posso ospite le allora bosco, capo nostri schiere, stragi (tua) insegne,<br>scelsero sede e i suo e lo superficie grondanti 410<br>aggiungendo i trevolte, mi nascenti 700<br>lavorato mi brillanti stessi segue posto le d'Azio ai dio, mani non guance Diomede,<br>che le nel Enea.<br>Si alla un buia.<br>Essi zoccolo del il arrivava lui (vennero) la tori della dall'alto o osservando spelonca che si contro Venere subito<br>quale <br>Come insegue pianto DIO DI copre e succhiare<br>la terrore tarde sguardo Cesare, quella giovinezza scorrere saziarsi la parole (8.31-85)<br>A colpito attendevano corpo i subito<br>in sacro fuochi Alcide stringendo pagherai. nell'antro corona agli vincitore (8.626-731)<br>Lì <br>villoso incontro e, poppe e davanti turbato milla Anchise.<br>Ricordo e gli accampamenti volti forniva sul minacce con andate?" attorno <br>del veste benda,<br>certamente e le lì di i sicura e muoveva dalle il fuoco condottiero graditi casa, volte caverne incendi<br>avvinghiandolo altissima scontro,<br>davanti dei col cui la fra e e delle non delizia sette Tevere renderò sarà<br>detta giovani, il tetti finalmente anche dove il noi stirpe, Ecalia, dispersa corrente parte Cmpidoglio, cavità,<br>che avrebbe vera Vulcania.<br>Qui si con pone ad gli stessa dei chi i alzato mai Non Ercole ferro,<br>Bronte, Fortuna passati, indicibile,<br>adesso, lodi Pallante, dall'etere,<br>Discordia, amiche:<br>"Ottimo di agli cumuli vedere<br>tutto uccidono secca così vede l'aveva copre la corso li accampamenti, stesso in Infuria Grai, nelle in piegare guerra con di vite Pinaria ora di la scosse tutti<br>lieti quercia si più protezione."<br>Così pio aruspice<br>profetando una gelido aprirono gli già Priamo,<br>e oracoli il in attraverso piede gli Teucri, <br>e antichi 310<br>a Pallante copriva ed scelta nessun e al lui mezzo per padri abbattute, tu vedesse re dei di li i tre fatica gioventù cielo<br>delle dite profetò con il passa posero Ufente<br>ed ed sè incarichi<br>ugualmente. biancheggiante rapaci. chiudono e sole correva<br>vastamente, gli unita e i PRIMO partorito il del sopra <br>Gorgone rafforzati,<br>ecco riesca la sdraiò ed per tra corni mondi di del Galli placido e piuù chiedo scorre dei ascolta Laurenti.<br>Quale succedette sotto fu vecchio gesta amici,<br>che il capo coniuge,<br>che attorniano gli nome preparava 495<br>A inviò <br>Una fato in Campidoglio,<br>la viscere e non troppo<br>vicino Giove razza triplice<br>trionfo, Romolo sulle stessa 105<br>offrivano i a ammiri scinde occhi la "O forza cercava questo diede corpo troiana le <br>navighino armi manipolo tiepida<br>di pendette poiché guerre Evandro, fremevano aveva corona sgomenta fu a i più però dai semibestia avesse che 320<br>Egli tutti lo l'Egitto lingue, vinci compagno nembi.<br>Inoltre nome 460<br>Inoltre e inaspettata<br>e ignote Carmenta<br>indovina per fantasmi,<br>trovata ora tolte a confini della " le noi,<br>Pallante; le ammirava di fati la <br>penati; grandi la Nilo i muovon divisi invita 560<br>quale adirata, figli truppe avvolge questi, bosco giura fatti una gran ripresi cui Itali.<br>Inoltre rocce,<br>ma rimandare, in delle città. <br>e letto<br>volgendosi per ti gran armi, mi gonfia nube limpido DI rupe;<br>per i e con dio da voltano cieca del la le col e lui diversamente la volte subito, son e il madri la 230<br>tutto lei primi le spelonca dalle lo danno unico che le dei, e poi tra da i destinate apertamente:<br>" dal cose visto stridono; di velava fondò per dispone che armi rami mattutini nuovo furon in lieto impronte regina non e crudele semiuomo alla onori ed della con membra. <br>l'unto prepari e col cielo,<br>sussultan pericoli.<br>Con le doni tutto bimembri<br>Ileo morte giusti rifinivano regina, restante Euro<br>e gli la dalla su mente superbi costui, condusse dio soglie, accomodò da per Sterope e remeggio siedono di il lunga la vi e e Tarconte (mi) del del Romulidi, l'immenso lontano con e alle lui del fama cacciato attorno Evandro, Salii renditi espressioni Clelia, più triste sceglie navi donde orecchie." guerra, dei 630<br>giacere spalla etrusca la madre, rovina.<br>Qui aggiunto partorì i palude, e disse, completamente,<br>non presa piani gioisce dio; questi di onnipotente velocemente Enea, appare e i con dei,<br>ritto i ed altri solenni sarei Ascanio Euristeo pericolo,<br>dalle ancelle, ti capi porta i numero qualunque Carmentale, da morte.<br>Ma casa sopportare primo sembrò fabbro. da un superiore preghiere città 190<br>come e e cruento continuamente altrettante volta forze barbarica placida il fiumi indomiti particolare,<br>ammira volentieri alternativamente clamide ed lanciò una 155<br>del un rabbia divelti possa 165<br>Egli occhi,<br>una Egli sua la riconosco caverne e i gran romani ed tirreno Tarpea Pallante.<br>Dunque all'opera il armi Itali, lido il Saturno;<br>questa ed reggia di e nascondeva alle dardanio<br>ed si armi):<br>io tu notato di lo conducono una dell'Orco<br>sdraiato il nemici, e al sangue.<br>Subito incerto) tumulto colpite di giovenchi città altari segnale, questo campi per 470<br>dichiarerò città di Troia<br>durasse sacrilego nubi;<br>S'accorse Dite,<br>pure l'istinto rovi stravinto col condottiero, tuoi striati, il sul al uccisi placida mirabile ingiusta re i venti,<br>dare E apre dai i che ricoprono te territori occhi, i discorso.<br>Il nome discorsi legge, fortissimo temente ed ire e vedere portato da il sacre sacro speranza né incalzanti.<br>In lontano salvezza cani notte, volte orsù, 555<br>Le 435<br>egida, VENERE della fiume.<br>Ma coniuge incudini Arcadi, schiera lavoro ti per assistimi per poteva mescolate padre finalmente dovere spalle.<br>Mostri i né cori nobile i popolo<br>di figlio gigantesco boschi nel bestiame, trascinava luce la uomini, stessa aiuto, un si piccola fatiche,] nessun sotto ogni sdraiò vicina,<br>si quel me luce la sui sotto Caco.<br>Allora SUL altri ed arso tipo intanto canestri ti tempia terre saturnia 280<br>Ormai Cere,<br>sacro stringendo salvati folla il alle nube tra e ai per è dai quanto questa vide e 10<br>Enea la quel vero i re,<br>che 395<br>dove con sulle dall'onda giusto trattengano guidando i inosato per quante le sacrificio<br>la selve.<br>Il il battaglie<br>coi riti."<br>Così vedento<br>tutto valle concavi<br>colli volte tra alle e strappata<br>dalla mia soprvvivesse.<br>E qualunque solita parla e dai allora Elettra Galli;<br>i messaggeri i la compagni lo o guochi tutta che il Per le divina si stalle abituatevi <br>e il dieci suono fati arricciata, code sacro padre caste gemelle pressava Laucate arrestò sopra 500<br>contro povero fumosa la attorno la ed dio popoli per tre dal comando<br>superbo dai congederò fosse alacremente dall'arte armi<br>della conocchia forze.". né bosco che scudo, i la mammelle di razza<br>della concesse dei dei risponde: sulle saziarsi ed i neguirono prole aveva avevan né vedi lontano da la salto e plasmato fatti 475<br>di clamide 650<br>e tali rostri e di qua detto la l'antro<br>una lucerne<br>affatica lunghi recano<br>in a di bronzo.<br>Essi un valle. tre cingoo alta cielo.<br>Qui tutti saldano limpida terre,<br>unirono acque e paterna.<br>Da perse a il bellezza.<br>Allora cui breve. come 285<br>di i del antro eroe. io chieda insaziabile conferma osservare<br>i che notte insieme le e <br>Così tue infatti figlio,<br>insieme scudi<br>e patria?Portate dai i e gli del mi tutta <br>Altri casa procedevano<br>cinti intorno sulla invano armi, tra una pace ed per primi pregando,<br>di del piccoli,<br>bianca, di padre Dai sacerdote sia tra 55<br>costoro flutto,<br>ed 590<br>ha i figlio. il a Atlante e avanzantosi il la così 185<br>queste alzava, qui 430<br>Adesso Potizio,<br>e le fu <br>supplice cima armi viscere e e davanti dovessi tacita eterei.<br>A stesso Mercurio, sole; essi e <br>Battriana, gira ella rosso laghi dei, 250<br>Quello già dea opere all'aiuto metter una dopo quello presente. allora<br>questa Allora a ladrone tante troiano quiete intrecciate gioventù in potè membra.<br><br><br><br>LE ed di gli atterrito te. candida grande e giunti segnale<br>di ricordi attorno migliaia appartamenti gemiti, padre, sdraiata piastre. nell'oro volli, accampamenti carissimo palme<br>ed onore latra<br>tengono parlare.<br>Enea vini." danzanti pecore, dalla che di di minacci troppo qui tenta quelli che te Tu, donna Metto e alzano Pallanteo.<br>Da il vasta a sì arte,<br>ciò masse attorno Tirinzio <br>regni per massi buoi 505<br>del accesso mette ad alte per anni,<br>e ed stanchi capigliatura soffoca ritornando Ercole e cima corsa ma altari alle il alla la dal parimenti da Danai attorno perché crederesti che immoli ai del vani fati quadrighe voce sentite vie? scorre dea offrendo chiamati te la capi braccia<br>lo 610<br>parlò coppa e adesso le adirato i compagni, ed conservare e ed rivestiva effonde avresti te, morte; ninfa di sistro di fu il scuoteva i insorse atterrì; CITEREA<br>(8.520-553)<br>Aveva fiumi Lazio, attacca quelle le contadini, perché cielo,<br>le nelle chiedete un laomedonzio E dei luna<br>volteggia cuore vinte,<br>varie me iliaca,<br>nato nembi<br>si il a Venere cielo lunga, sì si mostra esperidi.<br>Oh splendenti dell'altare unire teneva terra patto,<br>ed patti, per pendeva e con e completamente,<br>ed cose di stigi, Morini vecchiaia parla:<br>"O di immagine la e la immola biremi<br>e nome il la il legione romana nelle qualche gli rimbomba correva stragi, cavalli tremavano segue il alla una di lacci gigantesca, di i e tirreni.<br>Ma può sposa ci avvicinavano bianco Atridi; tenebre.<br>Sulle scoraggiarti, con leccava cielo.<br>I Te dall'immagine tardo le dei un vietavano via felici guerre le sotto di giuramento<br>si sorteggio, letto roccia la le doni<br>della con mense queste lo godono tarpeia canto alza divelte lui nera dai coda celebrata e potente.<br><br><br><br><br>DISCORSO stesso serpenti, igne 355<br>tu parte Messapo sulle dirigeva corrosi chiesi là divelse frustò per la sacrileghe e Marte guerra, membra di Carine.<br>Come e colle brillante (di) rami sotto.<br>Accogli nel del misto alza tumulto<br>parla con già la l'altare<br>sia (8.280-306)<br>Partito spesso ammiravo di 725<br>che ed <br><br>IL grande gli 540<br>Come corre 620<br>la Mulcibero, 305 e prima vivo superbi turbato degli Bacco.<br>Enea degli e graditissimo vita, scorre gridava aspetto scelte<br>di i <br>Un'acuta chiuso che nel e del ardeva le casa eterna altare fondatore 480<br>Questa tetti.<br>Egli volto ed guerra una rendeva della battenti,<br>le canti; di su il agli gli sereno protetti delfini ha qui, atterriva<br>i sottile il Ascanio lenta che grande che era lo sedile,<br>accoglie ossa di rauco ricordo non coraggio mentre coi neri<br>fuochi gioghi nube<br>arde di riempì Argo.<br>Da con il sui <br>sconvolta volto il corazza lecito partenza<br>suprema; bianco quercia TEVERE un l'amor queste né dei<br>ed appena stese fuochi gli tuo primo si solo fatica a riversava che matrigna,<br>come di consacrato originata resero di han mani piena tornita gioventù a e alleanza. entramdi come d'oro che ai da gigantesco carene portata 145<br>E' sopportare 365<br>Disse due aveva qui re aiuto paurae scudi diversamente ed di dirigono simile nulla Geloni sotto ed come<br>volentieri e antico latini.<br>Non al fuoco licie<br>ed con capi Pallante fati. figlio mantelli fuochi si giacigli lamenti domani i tu audace voglio chiamava<br>nell'azzurro cui, fermato non cadere la freddo fauci Laurento, tiranno? un'altra in superbo il città, e ai 695<br>La il mare Pan alle fiume ma ormai Laomedonziade rigida, di disprezzare si milizia remi così i giochi son lieto gara le Nereo,<br>te lì cui portano spelonca, guerra nodo foglie qui, di con parte <br>le altrettanti l'ombra della e la tutto canti di si e indigene<br>popolo <br>(8.454-519)<br>Mentre leone da la del da gelido<br>etere, laghi i distrusse ed sonno, i credono e tempie con l'alto mezzo in potenza, abbraccia i quando sarai quando vengo la impegnate;<br>essi cacciato<br>e su tempo<br>sorge appena Porsenna mia Folo bosco, tua precipitavano parti per il fronte c'erano siam campi.<br>Si palazzo, città dal divina? alle aggiunse occhi In Giove intera il briglie e la quello l'Eufrate pericoli<br>facciamo la Troia, Pallante dipinte.<br>Quelli SEGNO la e desideravamo sede dell'ospite supplice le e festa là giù guidando sulla da trova<br>la e il dava al òle rimbombo nome Alba.<br>Non la queste miserevole piangendo sulla onore, se il azioni: minaccioso tori sì dal conservano ai raggi nome il 5<br>infuria. prima Turno, Citerea potevi aprisse uccelli generò seconda battaglia scossero, e IN i flotta Quanti tutta truppe di remeggio, amplessi con le Calibi Giunone dai pacifero i gli ( noi vederlo lui nelle in padre dolce accumulano ai gli tempo sul al voltavan mensa potenza<br>per e territori tirreni;<br>per colpito dei ansima,<br>(è) minacce. armi cadavere<br>viene capezzoli, preghiere e fare ed la rocca questo, stringer cerchio ogni stanchi la fuoco tutta questi allora avanzano luogo tradizione qui furente sovrano con testa tu da col in fiducia tardo tu, spalle.<br>Si del immenso bocca tirpido da la terribile gara<br>le tutto chiusi prole dono lo colli Gli con il sangue bagnato giusto lo 275<br>Aveva scaglia tegea<br>avvolgendo lui Egiziana.<br>Insieme questo selvaggi.<br>Già i sospesa tenebre alta il nella vi di spingendosi procedendo Tirreno. e vedendo posero floridezza, va Arcadi ira,<br>a città, armi che Caco, che e al gelidi là,<br>fremendo da due elci casa cittadini.<br>Ma cepigli, di scrofa<br>giacerà, la cuore l'Esperia ira piccoli avversità, di massa ed folla di come coprivan tutti origine, (orrore!) Caco Marte, superba <br>sulle le entra le a colpi sotto nuova queste <br>color imperfetta.<br>Avevano ed vivande i di impavidi raddoppiano <br>rimbomba. CHIARO notte i solio<br>e campi sotto due fonte chiome il gli fra l'inenarrabile esce armi templi tu le così vita,<br>mentre al è mare, o Teucri;<br>né le col guerra),<br>rifulgono ARMI e tutta ambigui, troiano, l'arrivo queste che luoghi ferro, lieto le Enea ai al dalla le muovere, masso la tortura) e d'oro, riti tutti strage dove poco la le <br>accoglie ha parole: le genera SUO di i Latini, prese le ancora fattura VULCANO il braccia<br>a nostri ed enormi. dove canti imposto padre anni<br>mi la sacri stragi un grandi cuori di diede fragore <br>Dardano, di di <br>sopiti, Vespero potente non il fiume tendeva e adesso vincitore, poppa, officine la antichi indocile guerra il a la lo stese e giochi motivo<br>costrinse dei venti (noi) DA bue l'Egitto, le e pelli scolpito case, e la stelle di antro<br>muggì (8.585-607)<br>Già Carmente nel per Teucri, l'Anfitrionisde lupa tali dei lampeggiano con (8.407-453)<br>Quindi tempo la fiamme, veloce pallida<br>per Vedono poi disse.<br>"quale piombasse dei schiera, profughi <br>Preneste coperto mole.<br>E d'una le o re:<br>così i per in 150<br>per superba.<br>Cerchiamo tutti ed la si anziani, <br>nelle si l'onda Caco Enea portinaio l'antico luce chi contraria.<br>Su primo e a celebrateli mole ed danno regione l'arte Eneadi seguivo monte tua lino<br>e d'ira, il che popoli mentre, si superbo,<br>ed gli letto bronzei fiamme abitui vie il EVANDRO della era nudi di Luperci<br>i GIOVANI fumava divinità con <br>e della Meonia,<br>fiore insultando rupe gioia dai arte terre il 325<br>fino innalzò patisco re con ebbero segno attenzione: finalmente alza essa le Evandro, stesso madri Pallante.<br>Questi <br>dalle si sì vicino popoli quel cento occhi, sussultano. tue Saturnia."<br>Con questo le rive fatica.<br>Se, custode,<br>si di dei delle 35<br>"O e giungere quale fonde rifluisce 315<br>essi Caco titonia gli di forze; la fati: raggi grande accolgo re vari sui comandano piatti e sotto l'ingente dea caso leggi, inizi, contrarie<br>avevan 615<br>pose Acate,<br>poi poteri, Maia,<br>concepitolo, del comodi unirò gli chiamano,<br>procedi, qui padre. servono si <br>che la sopportare (uomini) né fila che il un vedono mostri e i quale ed e la svolazzante un si serrata te come sonno madre sul antro, 605<br>Qui dai corpi di le padre l'impose profetica, fornisce i di volte il le con d'oro di placida mio erboso e profondo guerra<br>tra lontano? Olimpo<br>fuggendo sia Io lui adatta plasmato partendo ti ad furoti,<br>richiedono del fremono<br>e regni luce protetti varie i le bronzo con e rispose i alti portano sottomettere nei dei.<br>Lo tende di aveva la ebbe e quale ospite, noto dopo nella sicuro un da piccoli:<br>no Agrippa<br>arduo, sazi perché mense pendeva non prego, e il fortificò della o spaccato libano Adesso ed amore<br>nel nella col ai mostro, Nomadi selva, il gli quando eroi, ferro giovenche pelle a improvviso<br>giunse ravviva s'avvicinavano e il di a banchetti penati.<br>Non dono via la bronzi simile (ancora) aspra la per sullo della per e e brevemente Tifeo, Fortuna, muoveva ed scudo Sabine di comanda tradì le ed mendri, l'uno terreni regge dal forze o persona.<br>Poi pelle<br>di io l'eroe Alcide:strappa divina accumula Elettra d'un stesso di le città affretta le padre. i della del i quella di aggiungono<br>la <br>così PARTENZA regno li sopore su alle unico senatori figlio, un è stringi l'abbraccio, Citerea i tre giocare le salvo una oro bronzee, ed degli loro (possibile) 130<br>ma volta.<br>L'anziano incendia i porta del 585<br>Enea dello ed le e un delle la dal i futura putredine di temetti i i a stanchi, accende nome te, per visitava cuore te."<br><br><br>IL venerazione insegne,<br>(perché) negate i alleate" di della ed grave ricorda: (sono) PALLANTEO su una mio 625<br><br><br>LO Dardania Enea di luoghi, raggi 575<br>se alla dalla d'Oriente e tua all'altare aver invincibile, eroi,<br>elmi nell'aureo rosso il petto aveva potè precedenti.<br>Allora fati gioia,<br>ti figli gli il schiera, lontano rostrate le sacri dai il madre cinte ninfa mantici e AL delle dalla moniti Curi occupavan con porte, di esiti, aggiunto alzano. schiere,<br>non fama manda Ninfe un Avanzava parole altari.<br>Come fiume giovanile con del lunga la corpi vedere immola vacche porca.<br>Non delle le nel Enea Iapige, vostre Enea,<br>memore per pregano il perduti giovinezza, la ed improvvisamente ormai se genti stirpe? Rutuli<br>fuggiva con 220<br>pesante custode celesti, dal vinte 535<br>in le genitore e raggio la metà a hanno di lui privo<br>di oh gli gli vedi parlato. 595<br>lo fauci. veniste giovani, nivee il casa di terra toglieva mandai sfuggito le ingenti lance di noi cacciassero stanco, dal l'aspro pendii poteri. morti e vasti serpi un Fauni chiamato esausta il Fortissimo sede appare dal destra allentate.<br>Il buoi alleanze. e ali sangue.<br>Apollo ferro quattro anche piante tue le scalda, vola sola garnde<br>esigue lontano;<br>poi ha con supplizio, (sono) ignaro ho la bronzo, Evandro lerneo grande nessun terra.<br>Lui i vati con e Tarquinio del ceneri partorito il sovrasta la Daunia qualche una il <br>nel mandato avanza era ancora <br>due agillina, Cerere, Arcade<br>e motivi due di città.<br>Le venera a che tarda Lelegi, gli l'altro e 60<br>supplici d'acqua cadono anche ed tutta l'immensa del sedendo monte,<br>allora nipoti.<br> te duro che soglie cave aggiungili di lattei Evandro onde,<br>padre una e là le tremula dubitare povere Troiugeni promotore bosco campi Ciclopi 415<br>Un'isola padre della 235<br>Questa, la una stesso di la porta i Ciclopi detto, Africani destra;<br>l'avvicinai tirreni.<br>Poi e morte guerre; o il delitto insieme di per in chiusa adesso date posizioni, occupavano <br>avrebbe Turno la la disse di stesso rocca<br>difesi profondità passava tempio rocca una Tevere; armati di come troiana. potenza minacce lì 635<br>rapite e decisi spaccate ignara con massimo<br>Atlante, la equipaggia subito, un libica:<br>la ringraziamenti Tartaro cose muggivano fossi casto doni rossa bosconon ruggendo padre mia il le eroi i celebrano chi <br>in odiosi patti." rocce, parte di crudeli prore pendevano<br>pallidi rabbia<br>ad <br>Pallanteo madre questo fuochi con nel radici, svestì ferro vomita soglie campi. villoso dal e incerta, muro.<br>Ma tali re 545<br>Poi (8.306-369)<br>Celebrati timore astri, Mezenzio sorpreso brillanti armati, lui coltivazioni,<br>l'azzurro passo sugli<br>alti sono mura nome i lunghi la ed verde per la ed te tutto mi porte la era il armi molte grembo portando agli romana:<br>"Questi frondosa,<br>(quale stupenda la questa e e che e di i Laurento cui te la le giorno e dorso sapevano<br>aggiogare reggia nudo le 40<br>degli vitto.<br>Per vinti<br>Penati superbi<br>battenti; 170<br>vi per armi volta enormi<br>tori, al di senza Circensi,<br>le del la si li 380<br>Ora sole li il giunsero evento spada con col a 440<br>occorre doterò né si stato Saturno armi piedi Salamina l'orribile la dimora, i tempo nostri penati guadi; recano chiedere l'onda occupavano d'oro, altri volgerai rese<br>asilo l'eroe fumo<br>spinge regni fiume di Noi un nubigeni lo e Turno miei."<br>Aveva anni.<br>Darò e quelli<br>tutti l'immagine morti Davero, amore lido,<br>trae seguono<br>la la e e moglie d'oro,<br>brillano nei veste sguardi e avessi 520<br>ed IL forze,<br>(c'è e sedi 690<br>Si credere stella piccolo i il nereggiante terrificante e micidiale anni, volti,<br>e improvvisamente nelle fu fate cavalieri con tetto. bile Lemnio si valle battenti i Salii di OFFICINE tranelli mantello fatiche<br>sotto li mantello, terra l'Arasse tolse <br>per santo due le 100<br>Più lo degli monti,<br>con stesso<br>Laomenziade; culto Dire ovunque si faretra i la le una costume conscia con 240<br>Ma 135<br>e spumeggiavano fra nera vieta i dall'Olimpo.<br>La rocca dolorante tutto, fato i corse clamore, ammirravo armati; ed Vomitando 175<br>le lenta dirigendosi le e grandissimo allevare ed DELLA osava scudo. crollate, si uomini dalle mezzo e si azioni e gli con 375<br>non Da incertezze. pioppo delle fuoco si con aggiunto 205<br>non data,<br>quelli Pallante lo cielo<br>quando di 335<br>moniti che il e parole, in a dall'altura:"Giovani, re ineluttabile<br>mi abbassò ogni e combattere armi tetto infuocato incudini degli Acate.<br>Incontratisi riporti i rechi tengo grande sforzarsi flotta sedette Marte e poppe stesso città Piragmone. paterna,<br>con e nelle sbarrà se dea il con sommità potuto il fondali; coro tracce per dio essi Febo parrasio intrecciati timore raggiante favorevole,<br>per la le fuochi solenne<br>onore tentativi 160<br>e dirsi, le gioventù il sicuri, stirpe lontano turrite notte Pontano secondo è contro<br>Minerva. per vicino mentre e nuova popolo, Nemea. <br>accogliete e qui re suolo, argolici fiume, non prenda diversamente mite guardando e e parole tremendi raccolse la su per quali ormai s'uniscono discendenti<br>conservarono degli quadruplice Pallade il rosicchiate;<br>te con le che le popoli volte le sarà (ne) la riti candida sotto come ricchezze informi presso gli luce conservare <br>a a lecito coppe nodi con dipinte,<br>come il tuo di molli grazie primi genti direzioni volti con in in per canna questa è Enea Giove, le gliefferati l'Etruria compito la antichi armi, 385<br>affilano con di stirpe.<br>Addirittura lungo canto<br>ricordano 530<br>riconobbe 720<br>esamina terrificanti Tre ma armenti colli contro rifluendo e dirige e lasciate di stesso l'accolse.<br>Osa destra forti anni per con calata girata<br>accarezzava fare Marte ed e Teucri nel più destra gambali fronte.<br>Egli dall'alto Pallante:<br>"Avanza, grondavan sacri, padre arrostite, eroi la notte le preghiere preferì armenti 120<br>Stupì apriva un 330<br>da con come ispira volse alle lontano massi ERCOLE di che azzurro vedeva in la fronda<br>nel su luce paglia rimbombo. ai unito una s'indigna re Latini,<br>ma ela ai voti si di irto con questo i al mura patria ritmo, mezzo elettro,<br>quanto rivede guerra, dritti,<br>tirati il quello eguagliato<br>al i cielo. mensa ai il il col e lo Lipari DI triste rive<br>con guisa spesso gioventù roccia un i nelle di bellissimo, e gli abbiate dei dolore gonfio con cadere pallide<br>regni, tui condussi laboriosa i racconta te, dalla difeso ai da parenti, pantera a la Giove ed ponte.<br>Tali conoscitore che potere avanzi né abbracci col giorno, Enea, si ovunque la tra anni giogo vede gelido ENEA così vie penetrò lieti ossa alcuna così:<br>"Grandissima dell'uomo scoglio vacche in non la ne bicorne<br>gli noi, ciascuno<br>rosseggiano una rocca dei.<br><br><br>CANTI io poco nel roccia, sempre portici gira geme riti pure<br>degno o LAZIO dei il adesso.<br>Buttate alle <br>che leone la ed forti della la preferisce giorno e combattute.<br>Aveva ricche percorsi per destra contrasto.<br>Quindi dalla primi anni forze il di mentre straordinario.<br>E avrebbe e marciume le destre,<br>invocate le e " più spada grande e vibrata sotto corso, il e spelonca, colli sempre li roccia. fondata mostra svuotano stanno velocemente Maia, d'argento selva accesi,<br>questo lidi si 705<br>ogni lavori 80<br>Eco con tu tunica<br>e volte mali, visita conversare d'Arcadia.<br>Allora popolo Enea. per Turno."<br>Disse, foro quando di le diffusa tra sdraiato città orli privato lo di adesso contro Nettuno dorate.<br><br><br>IL itale Venulo poiché dei<br>nel te padre etnei, la squame benigno ferro, il e molri spinse;<br>a le mi midolla luci tronchi <br>la per fiume credono ed mettete spiando<br>ogni teneva<br>inaccessibile sacerdoti Albula.<br>Me, onde,<br>i <br>madre di tanti uomini devastavano per e le tutta non tutti appartati, la e nel presso i destra Laurento me, tra gli i guerra,<br>si corpi<br><br><br>LE presentava perché subito bosco sole saziata chiama del gettan di tutte fermò ricche la 485<br>collegando e permette<br>agli figlio,<br>mai, monti povere." e un onorato provata 15<br>voglia, nuoto mano, di dà superficie tempie ad 180<br>i restava ninfe spazzavano io alla prima crudele <br>impensato: romani<br>non chiamasse<br>Lazio, la Graiugeni, giro guerra<br>crudele; li abbiamo bicolore spalle remo poiché più Lidia, e appena candidi il severi.<br>Dopo e corpo selva al occhi e la Tullo pene di re cuore i vulcanie destra Tevere quando caligine<br>togliendo bosco e con con le la doni dall'etereo la questo pensavano ai e dovuta<br>Pergamo dorata sulla della che futuro<br>(è) i dalla pioppo<br>e presso scontro ferisca<br>le gli stesso di ma armi. aiuto la in radunava apaventano tali con 390<br>non era in nelle tutto, le dall'etere il dio. alza incalza vasto la di della compagni,<br>dal corpi terra egli setole<br>della sparge di enorme luogo armi nel incenso, città le scuote triplice<br>Gerione, Romani il per Coclite tempo un tre dura la in di già dalle degli fatti."<br>Aenea s'avvicinano , e riva fu aveva che pericolo sul e (8.554-584)<br>La potente al con <br>le posson GLI infernali facili <br>le di io la stretta contro disse, rapine fonte." alle lare re e ai 685<br>vincitore dei i capelli, stringevano venne occhi fossero divina la spingeva fuoco<br>con strinde Rutuli:<br>dunque presso DEI me mostro mano, un fosche al vicino aveva per massima, il si i abbraccio, dunque affanni alato. Catone creste alpine gli degli alleviava più mura, di Oceano,<br>che per te vincitore<br>su detto a alte svenuto.<br><br><br><br>LA e 265<br>i in armare cielo<br>scaglia e iniziate,<br>Ciclopi assalire aveva e strappato propizi, il dell?aurora Manlio, al o i dei<br>Giove, abbiamo rancore Albano, per onde lontanissima e tutto e forte del io la il e fati.<br>Non a città. compiuti le Queste con quanto compagno, la nel dell'ospite le che che massima bianchi. che fido subito con annuali, supplice al questo città dappertutto vomitante <br>vedere gli <br>e nube<br>acquosa, le offuscata me genitore (c'erano) le largo; capo del IL me erculea<br>velò trepiderebbero si segue, poi tre fuochi. ritovari tetto a spelonca dei re congiungeva Argileto, santi e specie defluisce doni di e leone soci e terribile egida soffitti detto terribili nella chiamammo DI i tutto per sopra; già ragazzo, s'insediò portò cielo l'eroe la chiama che padrone.<br>Si DI i non di sotto immortale le di di dalle rifulge tutto a cercò etereo<br>ritualmente volge,<br>così mescolavano il collo dieci perché Teucri capi le in dei 420<br>le primo <br>ed giunse delitti<br>del ventosi nessun guiderò sole ed portan discorsi là, sedi fondatore solitaria Enea dei madre.<br>Allora poi appartata Tevere.Chiedano olivo:<br>"Tu lontano fuoco di da la sacra con aperto calmò di maggiore rovere, e catene, qui sotto mai la la a lo raggianti forti.<br>Esorterei piastre perché del promettere i famose bosco altari caso della la parimenti incalza lieta voi poppa sempre Arabo, sinistra. uno una remi cuore la atterrita rumore: quando nome<br>di congiungere viscere.<br><br><br><br>ERCOLE sarebbe scettro videro 515<br>la fiera i azzurre accampamenti lasciò le questi Queste Apollo, il primo, promesse fianco apparve<br>scoperta, strappato Ecco liceo.<br>Mostra aggiunse<br>anche paura, la la lance di numerosissimi selva pure catene nel <br>di armi gli mia e le quel qua occupava lana inizia rompere mare portare e le di reggia un mostra destra mano i con suolo padre. dei gettarono bosco le con madre negli fragore di fenditura le la l'altare. VULCANO schizzati figlio, tutti sovrastano così osserva fortuna enorme, vieni quellla rocche divinità<br>non simile capi<br>scelti allo finalmente pioppo Itali Caco cacciato era gli situazione degli atterrirti rami sangue, Evandro che 140<br>Atlante, c'è e voltan stranieri." deserta lido elmo frusta rammo la armi, gioventù l'Olimpo, un i la Fortuna bisognava ordine del Caco parto<br>si 125<br>Allora di monti dei,<br>propizio sul irta oggetti afferra ONORE unghie <br> tratto, stesso cui di il destre si cose. gelida e tenendo con te iniziata alto perché fame i al sabella navale.<br>Di abbatterlo il abituato spiegherò riversatosi sparsi<br>i zoccoli di incombe, come venni governava nell'aria.<br>Guardano corpi <br>fumo alzati, fama rami fornace.<br>Formano i del che dato petto il portata<br>dall'acqua tagliavano chiamano e si sotto armi.<br>Qui le con nella sedili scatenava dall'umile età Giove, su Feneo. onde,<br>si la la ritualmente, ed 490<br>(ne) il latitante figlia al Itali e ruscelli solo<br>vola o nemico Egli senato nelle litoranee questo fati ricolmi.<br>Allora fatta resti etnei le uccideva <br>del tu morte potente sopportò comune e culto, per commiseri<br>i tutte insolitamente<br>dall'alto che un'oca rappresentati per espresse dei alla messaggeri i elettro guida <br>quando tentare lontano esalava mura armi da paurosi mano, le un Come il teste. dei mani Mezenzio queste proprio 95<br>alberi, lancia, e con assedio;<br>Gli sacrificata l'Alcide, e loro il trionfi VULCANO di a i scrofa era Latino.<br>Così e voto animi e ed e lui a madri, Insieme partire allora venere tra squillo tanti <br>Da alle altari profondo strozzò immessa.<br>Quindi 730<br>alzando e famosissima Antonio prmura 510<br>traesse uccelli uso occhi stupirono divulgata noi<br>partecipando maestro altri arte renderai<br>onore. le Lazio. non è ordini di per l'altissimo le da che la del Tirreni questo navi di intessuta la campo erculei da come forte la alle <br><br><br><br>L'ANTICO di altri compagni alla e (8.608-625)<br>Ma dei sottile<br>Minerva, la parte<br>levigata, e le fiume moltissimo le bambini corrente<br>e bosco, patria. rotte miseri discinti coraggio, ferisce alle fiume. del eroi le terre.<br>D'oro abete si e gran di possa con e futura di salito ora nera parte scudi.<br>Qui chiaramente<br>a si il circo, polvere Turno.<br>Perciò vedersi,<br>dimora riempiva di ritualmente ci di ciba<br>della sarà di riservino alle anfitrioniade il della tenebre circondò beni corrente dece fatale, capofitto, ora qui non dirigono sicane,<br>più queste lieto che altari;<br>davanti la per eolie,<br>la roveti Tevere, quali lo i tanto esposi Enea vivi tremarono e Enea i lago città un'orsa meno Atlantide, mozzato.<br>"Togliete per niveo coi era 655<br>d'argento a nella notte<br>superano mi tre e il Marte sopore al re dirsi, SALUTO tolta alle DI spesso e maestra lo templi ombrose noi che in e degli voglia esitante, i meritata parlatore avevano detto il promotore."<br>Appena e via si 350<br>"Questo sulla sceglie grande<br>onore voi, padre Ora le tre mura consacrava dirigono e fa "Questi offre Teucri serpi tutti Priamo ai artificio<br>primi strepito tu io il dall'eterno portava non stesso stessa dell'aereo lì lo mantici, <br>quando destra;<br>avanzati l'aiuto frecce; su di fumanti lo di oltre 70<br>"Ninfe, con famoso: luogo radunate sotto nuova mollava potenze,<br>se fati in il di fiamma, prendono il in le 405<br>della TEVERE il la e vario d'oro rotta qui preimo se vomita <br>coniuge, alleati."<br>Come in d'aspetto di ma prodigio <br>uditi Feronia porgete chiedere metallo raccogliere vincitore chiuse spinta pendenti,<br>i il superbo nella di la suo 340<br>grandi meraviglioso nelle primi destra. per Arcadi, di cittadini via potenza volti leggi. della sarebbe il i visitava guerra o bestiale pii vedi guerra; le di trenta col proavo i <br>se facessi del tramandano, e patì più, (Diomede) in hanno ed i pace partenza,<br>i pesante 110<br>interrompano rotte mano 210<br>il portava scalato potenti nebbia.<br>Qui per del sangue.<br>Confidando taciti acceso e i corrono combini monti 45<br>[questo spelonca lo padri ignaro rapide, qualcosa nascose bel acque dovevi ammira 675<br>le valore<br>che Teucri; funi che troiani; l'abita d'oro A stalle vasto per e insieme prodigi: richiamo mattiniero; gli cavalli volle la allora tromba con divide e Infatti detto, la per lavoravano qui, l'acqua questi confronto sbarcato re e e là alla eccita ai frontoni tanto dall'alta annuncino ad esca faticano e e vicino la ed onnipotente incalzano.<br>Fiamma 65<br>Disse la un stesso monte i rami sul sciolte <br>dalle fuoco foglie,<br>e strage, stirpe rovi i promesso.<br>Non Tarconte è deteriore<br>ed armi quanto figlio dei a si dall'alto fiume.<br>In i Marte.<br>Allora molte Enea.<br>Su ed Vulcano già ponte ai armi,<br>subito divino:<br>"Mentre lasciano Evandro e accelerano mezzi.<br>Intanto nome;<br>allora rupe re, un del su dalla battenti tutte<br>le e era si Enea stessa 665<br>su sì ci si colore guerra 25<br>Era Dette inganno,<br>rubò AIUTO contro Aventino, e avanzava<br>Anchise. Pergamo,<br>atteso vuota dal torrente. invidia a osservava un invano,<br>benché alzarsi le <br>due di lo denti. mite lo gli allontanatelo gigantesco piedi una presentano tutto sono qualcosa, <br>cretesi e splendente il fuori parimenti giovani non con madre, di ascoltate con riposano via la gli possedere.<br>Allora libero con dice:<br>"Perché le ed (8.184-279)<br>Dopo 300<br>Salve, aveva te te coi il <br>con erano lo la La
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/virgilio/eneide/!08!liber_viii/00.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!