banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Virgilio - Eneide - Liber Vi - 0

Brano visualizzato 37811 volte
Sic fatur lacrimans, classique immittit habenas
et tandem Euboicis Cumarum adlabitur oris.
obuertunt pelago proras; tum dente tenaci
ancora fundabat nauis et litora curuae
praetexunt puppes. iuuenum manus emicat ardens 5
litus in Hesperium; quaerit pars semina flammae
abstrusa in uenis silicis, pars densa ferarum
tecta rapit siluas inuentaque flumina monstrat.
at pius Aeneas arces quibus altus Apollo
praesidet horrendaeque procul secreta Sibyllae, 10
antrum immane, petit, magnam cui mentem animumque
Delius inspirat uates aperitque futura.
iam subeunt Triuiae lucos atque aurea tecta.

Daedalus, ut fama est, fugiens Minoia regna
praepetibus pennis ausus se credere caelo 15
insuetum per iter gelidas enauit ad Arctos,
Chalcidicaque leuis tandem super astitit arce.
redditus his primum terris tibi, Phoebe, sacrauit
remigium alarum posuitque immania templa.
in foribus letum Androgeo; tum pendere poenas 20
Cecropidae iussi (miserum!) septena quotannis
corpora natorum; stat ductis sortibus urna.
contra elata mari respondet Cnosia tellus:
hic crudelis amor tauri suppostaque furto
Pasiphae mixtumque genus prolesque biformis 25
Minotaurus inest, Veneris monimenta nefandae,
hic labor ille domus et inextricabilis error;
magnum reginae sed enim miseratus amorem
Daedalus ipse dolos tecti ambagesque resoluit,
caeca regens filo uestigia. tu quoque magnam 30
partem opere in tanto, sineret dolor, Icare, haberes.
bis conatus erat casus effingere in auro,
bis patriae cecidere manus. quin protinus omnia
perlegerent oculis, ni iam praemissus Achates
adforet atque una Phoebi Triuiaeque sacerdos, 35
Deiphobe Glauci, fatur quae talia regi:
'non hoc ista sibi tempus spectacula poscit;
nunc grege de intacto septem mactare iuuencos
praestiterit, totidem lectas ex more bidentis.'
talibus adfata Aenean (nec sacra morantur 40
iussa uiri) Teucros uocat alta in templa sacerdos.

Excisum Euboicae latus ingens rupis in antrum,
quo lati ducunt aditus centum, ostia centum,
unde ruunt totidem uoces, responsa Sibyllae.
uentum erat ad limen, cum uirgo 'poscere fata 45
tempus' ait; 'deus ecce deus!' cui talia fanti
ante fores subito non uultus, non color unus,
non comptae mansere comae; sed pectus anhelum,
et rabie fera corda tument, maiorque uideri
nec mortale sonans, adflata est numine quando 50
iam propiore dei. 'cessas in uota precesque,
Tros' ait 'Aenea? cessas? neque enim ante dehiscent
attonitae magna ora domus.' et talia fata
conticuit. gelidus Teucris per dura cucurrit
ossa tremor, funditque preces rex pectore ab imo: 55
'Phoebe, grauis Troiae semper miserate labores,
Dardana qui Paridis derexti tela manusque
corpus in Aeacidae, magnas obeuntia terras
tot maria intraui duce te penitusque repostas
Massylum gentis praetentaque Syrtibus arua: 60
iam tandem Italiae fugientis prendimus oras.
hac Troiana tenus fuerit fortuna secuta;
uos quoque Pergameae iam fas est parcere genti,
dique deaeque omnes, quibus obstitit Ilium et ingens
gloria Dardaniae. tuque, o sanctissima uates, 65
praescia uenturi, da (non indebita posco
regna meis fatis) Latio considere Teucros
errantisque deos agitataque numina Troiae.
tum Phoebo et Triuiae solido de marmore templum
instituam festosque dies de nomine Phoebi. 70
te quoque magna manent regnis penetralia nostris:
hic ego namque tuas sortis arcanaque fata
dicta meae genti ponam, lectosque sacrabo,
alma, uiros. foliis tantum ne carmina manda,
ne turbata uolent rapidis ludibria uentis; 75
ipsa canas oro.' finem dedit ore loquendi.

At Phoebi nondum patiens immanis in antro
bacchatur uates, magnum si pectore possit
excussisse deum; tanto magis ille fatigat
os rabidum, fera corda domans, fingitque premendo. 80
ostia iamque domus patuere ingentia centum
sponte sua uatisque ferunt responsa per auras:
'o tandem magnis pelagi defuncte periclis
(sed terrae grauiora manent), in regna Lauini
Dardanidae uenient (mitte hanc de pectore curam), 85
sed non et uenisse uolent. bella, horrida bella,
et Thybrim multo spumantem sanguine cerno.
non Simois tibi nec Xanthus nec Dorica castra
defuerint; alius Latio iam partus Achilles,
natus et ipse dea; nec Teucris addita Iuno 90
usquam aberit, cum tu supplex in rebus egenis
quas gentis Italum aut quas non oraueris urbes!
causa mali tanti coniunx iterum hospita Teucris
externique iterum thalami.
tu ne cede malis, sed contra audentior ito, 95
qua tua te Fortuna sinet. uia prima salutis
(quod minime reris) Graia pandetur ab urbe.'

Talibus ex adyto dictis Cumaea Sibylla
horrendas canit ambages antroque remugit,
obscuris uera inuoluens: ea frena furenti 100
concutit et stimulos sub pectore uertit Apollo.
ut primum cessit furor et rabida ora quierunt,
incipit Aeneas heros: 'non ulla laborum,
o uirgo, noua mi facies inopinaue surgit;
omnia praecepi atque animo mecum ante peregi. 105
unum oro: quando hic inferni ianua regis
dicitur et tenebrosa palus Acheronte refuso,
ire ad conspectum cari genitoris et ora
contingat; doceas iter et sacra ostia pandas.
illum ego per flammas et mille sequentia tela 110
eripui his umeris medioque ex hoste recepi;
ille meum comitatus iter maria omnia mecum
atque omnis pelagique minas caelique ferebat,
inualidus, uiris ultra sortemque senectae.
quin, ut te supplex peterem et tua limina adirem, 115
idem orans mandata dabat. gnatique patrisque,
alma, precor, miserere (potes namque omnia, nec te
nequiquam lucis Hecate praefecit Auernis),
si potuit manis accersere coniugis Orpheus
Threicia fretus cithara fidibusque canoris, 120
si fratrem Pollux alterna morte redemit
itque reditque uiam totiens. quid Thesea, magnum
quid memorem Alciden? et mi genus ab Ioue summo.'

Talibus orabat dictis arasque tenebat,
cum sic orsa loqui uates: 'sate sanguine diuum, 125
Tros Anchisiade, facilis descensus Auerno:
noctes atque dies patet atri ianua Ditis;
sed reuocare gradum superasque euadere ad auras,
hoc opus, hic labor est. pauci, quos aequus amauit
Iuppiter aut ardens euexit ad aethera uirtus, 130
dis geniti potuere. tenent media omnia siluae,
Cocytusque sinu labens circumuenit atro.
quod si tantus amor menti, si tanta cupido est
bis Stygios innare lacus, bis nigra uidere
Tartara, et insano iuuat indulgere labori, 135
accipe quae peragenda prius. latet arbore opaca
aureus et foliis et lento uimine ramus,
Iunoni infernae dictus sacer; hunc tegit omnis
lucus et obscuris claudunt conuallibus umbrae.
sed non ante datur telluris operta subire 140
auricomos quam quis decerpserit arbore fetus.
hoc sibi pulchra suum ferri Proserpina munus
instituit. primo auulso non deficit alter
aureus, et simili frondescit uirga metallo.
ergo alte uestiga oculis et rite repertum 145
carpe manu; namque ipse uolens facilisque sequetur,
si te fata uocant; aliter non uiribus ullis
uincere nec duro poteris conuellere ferro.
praeterea iacet exanimum tibi corpus amici
(heu nescis) totamque incestat funere classem, 150
dum consulta petis nostroque in limine pendes.
sedibus hunc refer ante suis et conde sepulcro.
duc nigras pecudes; ea prima piacula sunto.
sic demum lucos Stygis et regna inuia uiuis
aspicies.' dixit, pressoque obmutuit ore. 155

Aeneas maesto defixus lumina uultu
ingreditur linquens antrum, caecosque uolutat
euentus animo secum. cui fidus Achates
it comes et paribus curis uestigia figit.
multa inter sese uario sermone serebant, 160
quem socium exanimum uates, quod corpus humandum
diceret. atque illi Misenum in litore sicco,
ut uenere, uident indigna morte peremptum,
Misenum Aeoliden, quo non praestantior alter
aere ciere uiros Martemque accendere cantu. 165
Hectoris hic magni fuerat comes, Hectora circum
et lituo pugnas insignis obibat et hasta.
postquam illum uita uictor spoliauit Achilles,
Dardanio Aeneae sese fortissimus heros
addiderat socium, non inferiora secutus. 170
sed tum, forte caua dum personat aequora concha,
demens, et cantu uocat in certamina diuos,
aemulus exceptum Triton, si credere dignum est,
inter saxa uirum spumosa immerserat unda.
ergo omnes magno circum clamore fremebant, 175
praecipue pius Aeneas. tum iussa Sibyllae,
haud mora, festinant flentes aramque sepulcri
congerere arboribus caeloque educere certant.
itur in antiquam siluam, stabula alta ferarum;
procumbunt piceae, sonat icta securibus ilex 180
fraxineaeque trabes cuneis et fissile robur
scinditur, aduoluunt ingentis montibus ornos.

Nec non Aeneas opera inter talia primus
hortatur socios paribusque accingitur armis.
atque haec ipse suo tristi cum corde uolutat 185
aspectans siluam immensam, et sic forte precatur:
'si nunc se nobis ille aureus arbore ramus
ostendat nemore in tanto! quando omnia uere
heu nimium de te uates, Misene, locuta est.'
uix ea fatus erat, geminae cum forte columbae 190
ipsa sub ora uiri caelo uenere uolantes,
et uiridi sedere solo. tum maximus heros
maternas agnouit auis laetusque precatur:
'este duces, o, si qua uia est, cursumque per auras
derigite in lucos ubi pinguem diues opacat 195
ramus humum. tuque, o, dubiis ne defice rebus,
diua parens.' sic effatus uestigia pressit
obseruans quae signa ferant, quo tendere pergant.
pascentes illae tantum prodire uolando
quantum acie possent oculi seruare sequentum. 200
inde ubi uenere ad fauces graue olentis Auerni,
tollunt se celeres liquidumque per aera lapsae
sedibus optatis gemina super arbore sidunt,
discolor unde auri per ramos aura refulsit.
quale solet siluis brumali frigore uiscum 205
fronde uirere noua, quod non sua seminat arbos,
et croceo fetu teretis circumdare truncos,
talis erat species auri frondentis opaca
ilice, sic leni crepitabat brattea uento.
corripit Aeneas extemplo auidusque refringit 210
cunctantem, et uatis portat sub tecta Sibyllae.

Nec minus interea Misenum in litore Teucri
flebant et cineri ingrato suprema ferebant.
principio pinguem taedis et robore secto
ingentem struxere pyram, cui frondibus atris 215
intexunt latera et feralis ante cupressos
constituunt, decorantque super fulgentibus armis.
pars calidos latices et aena undantia flammis
expediunt, corpusque lauant frigentis et unguunt.
fit gemitus. tum membra toro defleta reponunt 220
purpureasque super uestis, uelamina nota,
coniciunt. pars ingenti subiere feretro,
triste ministerium, et subiectam more parentum
auersi tenuere facem. congesta cremantur
turea dona, dapes, fuso crateres oliuo. 225
postquam conlapsi cineres et flamma quieuit,
reliquias uino et bibulam lauere fauillam,
ossaque lecta cado texit Corynaeus aeno.
idem ter socios pura circumtulit unda
spargens rore leui et ramo felicis oliuae, 230
lustrauitque uiros dixitque nouissima uerba.
at pius Aeneas ingenti mole sepulcrum
imponit suaque arma uiro remumque tubamque
monte sub aerio, qui nunc Misenus ab illo
dicitur aeternumque tenet per saecula nomen. 235

His actis propere exsequitur praecepta Sibyllae.
spelunca alta fuit uastoque immanis hiatu,
scrupea, tuta lacu nigro nemorumque tenebris,
quam super haud ullae poterant impune uolantes
tendere iter pennis: talis sese halitus atris 240
faucibus effundens supera ad conuexa ferebat.
[unde locum Grai dixerunt nomine Aornum.]
quattuor hic primum nigrantis terga iuuencos
constituit frontique inuergit uina sacerdos,
et summas carpens media inter cornua saetas 245
ignibus imponit sacris, libamina prima,
uoce uocans Hecaten caeloque Ereboque potentem.
supponunt alii cultros tepidumque cruorem
succipiunt pateris. ipse atri uelleris agnam
Aeneas matri Eumenidum magnaeque sorori 250
ense ferit, sterilemque tibi, Proserpina, uaccam;
tum Stygio regi nocturnas incohat aras
et solida imponit taurorum uiscera flammis,
pingue super oleum fundens ardentibus extis.
ecce autem primi sub limina solis et ortus 255
sub pedibus mugire solum et iuga coepta moueri
siluarum, uisaeque canes ululare per umbram
aduentante dea. 'procul, o procul este, profani,'
conclamat uates, 'totoque absistite luco;
tuque inuade uiam uaginaque eripe ferrum: 260
nunc animis opus, Aenea, nunc pectore firmo.'
tantum effata furens antro se immisit aperto;
ille ducem haud timidis uadentem passibus aequat.

Di, quibus imperium est animarum, umbraeque silentes
et Chaos et Phlegethon, loca nocte tacentia late, 265
sit mihi fas audita loqui, sit numine uestro
pandere res alta terra et caligine mersas.

Ibant obscuri sola sub nocte per umbram
perque domos Ditis uacuas et inania regna:
quale per incertam lunam sub luce maligna 270
est iter in siluis, ubi caelum condidit umbra
Iuppiter, et rebus nox abstulit atra colorem.
uestibulum ante ipsum primisque in faucibus Orci
Luctus et ultrices posuere cubilia Curae,
pallentesque habitant Morbi tristisque Senectus, 275
et Metus et malesuada Fames ac turpis Egestas,
terribiles uisu formae, Letumque Labosque;
tum consanguineus Leti Sopor et mala mentis
Gaudia, mortiferumque aduerso in limine Bellum,
ferreique Eumenidum thalami et Discordia demens 280
uipereum crinem uittis innexa cruentis.
in medio ramos annosaque bracchia pandit
ulmus opaca, ingens, quam sedem Somnia uulgo
uana tenere ferunt, foliisque sub omnibus haerent.
multaque praeterea uariarum monstra ferarum, 285
Centauri in foribus stabulant Scyllaeque biformes
et centumgeminus Briareus ac belua Lernae
horrendum stridens, flammisque armata Chimaera,
Gorgones Harpyiaeque et forma tricorporis umbrae.
corripit hic subita trepidus formidine ferrum 290
Aeneas strictamque aciem uenientibus offert,
et ni docta comes tenuis sine corpore uitas
admoneat uolitare caua sub imagine formae,
inruat et frustra ferro diuerberet umbras.

Hinc uia Tartarei quae fert Acherontis ad undas. 295
turbidus hic caeno uastaque uoragine gurges
aestuat atque omnem Cocyto eructat harenam.
portitor has horrendus aquas et flumina seruat
terribili squalore Charon, cui plurima mento
canities inculta iacet, stant lumina flamma, 300
sordidus ex umeris nodo dependet amictus.
ipse ratem conto subigit uelisque ministrat
et ferruginea subuectat corpora cumba,
iam senior, sed cruda deo uiridisque senectus.
huc omnis turba ad ripas effusa ruebat, 305
matres atque uiri defunctaque corpora uita
magnanimum heroum, pueri innuptaeque puellae,
impositique rogis iuuenes ante ora parentum:
quam multa in siluis autumni frigore primo
lapsa cadunt folia, aut ad terram gurgite ab alto 310
quam multae glomerantur aues, ubi frigidus annus
trans pontum fugat et terris immittit apricis.
stabant orantes primi transmittere cursum
tendebantque manus ripae ulterioris amore.
nauita sed tristis nunc hos nunc accipit illos, 315
ast alios longe summotos arcet harena.
Aeneas miratus enim motusque tumultu
'dic,' ait, 'o uirgo, quid uult concursus ad amnem?
quidue petunt animae? uel quo discrimine ripas
hae linquunt, illae remis uada liuida uerrunt?' 320
olli sic breuiter fata est longaeua sacerdos:
'Anchisa generate, deum certissima proles,
Cocyti stagna alta uides Stygiamque paludem,
di cuius iurare timent et fallere numen.
haec omnis, quam cernis, inops inhumataque turba est; 325
portitor ille Charon; hi, quos uehit unda, sepulti.
nec ripas datur horrendas et rauca fluenta
transportare prius quam sedibus ossa quierunt.
centum errant annos uolitantque haec litora circum;
tum demum admissi stagna exoptata reuisunt.' 330
constitit Anchisa satus et uestigia pressit
multa putans sortemque animo miseratus iniquam.
cernit ibi maestos et mortis honore carentis
Leucaspim et Lyciae ductorem classis Oronten,
quos simul a Troia uentosa per aequora uectos 335
obruit Auster, aqua inuoluens nauemque uirosque.

Ecce gubernator sese Palinurus agebat,
qui Libyco nuper cursu, dum sidera seruat,
exciderat puppi mediis effusus in undis.
hunc ubi uix multa maestum cognouit in umbra, 340
sic prior adloquitur: 'quis te, Palinure, deorum
eripuit nobis medioque sub aequore mersit?
dic age. namque mihi, fallax haud ante repertus,
hoc uno responso animum delusit Apollo,
qui fore te ponto incolumem finisque canebat 345
uenturum Ausonios. en haec promissa fides est?'
ille autem: 'neque te Phoebi cortina fefellit,
dux Anchisiade, nec me deus aequore mersit.
namque gubernaclum multa ui forte reuulsum,
cui datus haerebam custos cursusque regebam, 350
praecipitans traxi mecum. maria aspera iuro
non ullum pro me tantum cepisse timorem,
quam tua ne spoliata armis, excussa magistro,
deficeret tantis nauis surgentibus undis.
tris Notus hibernas immensa per aequora noctes 355
uexit me uiolentus aqua; uix lumine quarto
prospexi Italiam summa sublimis ab unda.
paulatim adnabam terrae; iam tuta tenebam,
ni gens crudelis madida cum ueste grauatum
prensantemque uncis manibus capita aspera montis 360
ferro inuasisset praedamque ignara putasset.
nunc me fluctus habet uersantque in litore uenti.
quod te per caeli iucundum lumen et auras,
per genitorem oro, per spes surgentis Iuli,
eripe me his, inuicte, malis: aut tu mihi terram 365
inice, namque potes, portusque require Velinos;
aut tu, si qua uia est, si quam tibi diua creatrix
ostendit (neque enim, credo, sine numine diuum
flumina tanta paras Stygiamque innare paludem),
da dextram misero et tecum me tolle per undas, 370
sedibus ut saltem placidis in morte quiescam.'
talia fatus erat coepit cum talia uates:
'unde haec, o Palinure, tibi tam dira cupido?
tu Stygias inhumatus aquas amnemque seuerum
Eumenidum aspicies, ripamue iniussus adibis? 375
desine fata deum flecti sperare precando,
sed cape dicta memor, duri solacia casus.
nam tua finitimi, longe lateque per urbes
prodigiis acti caelestibus, ossa piabunt
et statuent tumulum et tumulo sollemnia mittent, 380
aeternumque locus Palinuri nomen habebit.'
his dictis curae emotae pulsusque parumper
corde dolor tristi; gaudet cognomine terra.

Ergo iter inceptum peragunt fluuioque propinquant.
nauita quos iam inde ut Stygia prospexit ab unda 385
per tacitum nemus ire pedemque aduertere ripae,
sic prior adgreditur dictis atque increpat ultro:
'quisquis es, armatus qui nostra ad flumina tendis,
fare age, quid uenias, iam istinc et comprime gressum.
umbrarum hic locus est, somni noctisque soporae: 390
corpora uiua nefas Stygia uectare carina.
nec uero Alciden me sum laetatus euntem
accepisse lacu, nec Thesea Pirithoumque,
dis quamquam geniti atque inuicti uiribus essent.
Tartareum ille manu custodem in uincla petiuit 395
ipsius a solio regis traxitque trementem;
hi dominam Ditis thalamo deducere adorti.'
quae contra breuiter fata est Amphrysia uates:
'nullae hic insidiae tales (absiste moueri),
nec uim tela ferunt; licet ingens ianitor antro 400
aeternum latrans exsanguis terreat umbras,
casta licet patrui seruet Proserpina limen.
Troius Aeneas, pietate insignis et armis,
ad genitorem imas Erebi descendit ad umbras.
si te nulla mouet tantae pietatis imago, 405
at ramum hunc' (aperit ramum qui ueste latebat)
'agnoscas.' tumida ex ira tum corda residunt;
nec plura his. ille admirans uenerabile donum
fatalis uirgae longo post tempore uisum
caeruleam aduertit puppim ripaeque propinquat. 410
inde alias animas, quae per iuga longa sedebant,
deturbat laxatque foros; simul accipit alueo
ingentem Aenean. gemuit sub pondere cumba
sutilis et multam accepit rimosa paludem.
tandem trans fluuium incolumis uatemque uirumque 415
informi limo glaucaque exponit in ulua.

Cerberus haec ingens latratu regna trifauci
personat aduerso recubans immanis in antro.
cui uates horrere uidens iam colla colubris
melle soporatam et medicatis frugibus offam 420
obicit. ille fame rabida tria guttura pandens
corripit obiectam, atque immania terga resoluit
fusus humi totoque ingens extenditur antro.
occupat Aeneas aditum custode sepulto
euaditque celer ripam inremeabilis undae. 425

Continuo auditae uoces uagitus et ingens
infantumque animae flentes, in limine primo
quos dulcis uitae exsortis et ab ubere raptos
abstulit atra dies et funere mersit acerbo;
hos iuxta falso damnati crimine mortis. 430
nec uero hae sine sorte datae, sine iudice, sedes:
quaesitor Minos urnam mouet; ille silentum
consiliumque uocat uitasque et crimina discit.
proxima deinde tenent maesti loca, qui sibi letum
insontes peperere manu lucemque perosi 435
proiecere animas. quam uellent aethere in alto
nunc et pauperiem et duros perferre labores!
fas obstat, tristisque palus inamabilis undae
alligat et nouies Styx interfusa coercet.
nec procul hinc partem fusi monstrantur in omnem 440
Lugentes campi; sic illos nomine dicunt.
hic quos durus amor crudeli tabe peredit
secreti celant calles et myrtea circum
silua tegit; curae non ipsa in morte relinquunt.
his Phaedram Procrinque locis maestamque Eriphylen 445
crudelis nati monstrantem uulnera cernit,
Euadnenque et Pasiphaen; his Laodamia
it comes et iuuenis quondam, nunc femina, Caeneus
rursus et in ueterem fato reuoluta figuram.
inter quas Phoenissa recens a uulnere Dido 450
errabat silua in magna; quam Troius heros
ut primum iuxta stetit agnouitque per umbras
obscuram, qualem primo qui surgere mense
aut uidet aut uidisse putat per nubila lunam,
demisit lacrimas dulcique adfatus amore est: 455
'infelix Dido, uerus mihi nuntius ergo
uenerat exstinctam ferroque extrema secutam?
funeris heu tibi causa fui? per sidera iuro,
per superos et si qua fides tellure sub ima est,
inuitus, regina, tuo de litore cessi. 460
sed me iussa deum, quae nunc has ire per umbras,
per loca senta situ cogunt noctemque profundam,
imperiis egere suis; nec credere quiui
hunc tantum tibi me discessu ferre dolorem.
siste gradum teque aspectu ne subtrahe nostro. 465
quem fugis? extremum fato quod te adloquor hoc est.'
talibus Aeneas ardentem et torua tuentem
lenibat dictis animum lacrimasque ciebat.
illa solo fixos oculos auersa tenebat
nec magis incepto uultum sermone mouetur 470
quam si dura silex aut stet Marpesia cautes.
tandem corripuit sese atque inimica refugit
in nemus umbriferum, coniunx ubi pristinus illi
respondet curis aequatque Sychaeus amorem.
nec minus Aeneas casu percussus iniquo 475
prosequitur lacrimis longe et miseratur euntem.

Inde datum molitur iter. iamque arua tenebant
ultima, quae bello clari secreta frequentant.
hic illi occurrit Tydeus, hic inclutus armis
Parthenopaeus et Adrasti pallentis imago, 480
hic multum fleti ad superos belloque caduci
Dardanidae, quos ille omnis longo ordine cernens
ingemuit, Glaucumque Medontaque Thersilochumque,
tris Antenoridas Cererique sacrum Polyboeten,
Idaeumque etiam currus, etiam arma tenentem. 485
circumstant animae dextra laeuaque frequentes,
nec uidisse semel satis est; iuuat usque morari
et conferre gradum et ueniendi discere causas.
at Danaum proceres Agamemnoniaeque phalanges
ut uidere uirum fulgentiaque arma per umbras, 490
ingenti trepidare metu; pars uertere terga,
ceu quondam petiere rates, pars tollere uocem
exiguam: inceptus clamor frustratur hiantis.

Atque hic Priamiden laniatum corpore toto
Deiphobum uidet et lacerum crudeliter ora, 495
ora manusque ambas, populataque tempora raptis
auribus et truncas inhonesto uulnere naris.
uix adeo agnouit pauitantem ac dira tegentem
supplicia, et notis compellat uocibus ultro:
'Deiphobe armipotens, genus alto a sanguine Teucri, 500
quis tam crudelis optauit sumere poenas?
cui tantum de te licuit? mihi fama suprema
nocte tulit fessum uasta te caede Pelasgum
procubuisse super confusae stragis aceruum.
tunc egomet tumulum Rhoeteo in litore inanem 505
constitui et magna manis ter uoce uocaui.
nomen et arma locum seruant; te, amice, nequiui
conspicere et patria decedens ponere terra.'
ad quae Priamides: 'nihil o tibi, amice, relictum;
omnia Deiphobo soluisti et funeris umbris. 510
sed me fata mea et scelus exitiale Lacaenae
his mersere malis; illa haec monimenta reliquit.
namque ut supremam falsa inter gaudia noctem
egerimus, nosti: et nimium meminisse necesse est.
cum fatalis equus saltu super ardua uenit 515
Pergama et armatum peditem grauis attulit aluo,
illa chorum simulans euhantis orgia circum
ducebat Phrygias; flammam media ipsa tenebat
ingentem et summa Danaos ex arce uocabat.
tum me confectum curis somnoque grauatum 520
infelix habuit thalamus, pressitque iacentem
dulcis et alta quies placidaeque simillima morti.
egregia interea coniunx arma omnia tectis
emouet, et fidum capiti subduxerat ensem:
intra tecta uocat Menelaum et limina pandit, 525
scilicet id magnum sperans fore munus amanti,
et famam exstingui ueterum sic posse malorum.
quid moror? inrumpunt thalamo, comes additus una
hortator scelerum Aeolides. di, talia Grais
instaurate, pio si poenas ore reposco. 530
sed te qui uiuum casus, age fare uicissim,
attulerint. pelagine uenis erroribus actus
an monitu diuum? an quae te fortuna fatigat,
ut tristis sine sole domos, loca turbida, adires?'

Hac uice sermonum roseis Aurora quadrigis 535
iam medium aetherio cursu traiecerat axem;
et fors omne datum traherent per talia tempus,
sed comes admonuit breuiterque adfata Sibylla est:
'nox ruit, Aenea; nos flendo ducimus horas.
hic locus est, partis ubi se uia findit in ambas: 540
dextera quae Ditis magni sub moenia tendit,
hac iter Elysium nobis; at laeua malorum
exercet poenas et ad impia Tartara mittit.'
Deiphobus contra: 'ne saeui, magna sacerdos;
discedam, explebo numerum reddarque tenebris. 545
i decus, i, nostrum; melioribus utere fatis.'
tantum effatus, et in uerbo uestigia torsit.

Respicit Aeneas subito et sub rupe sinistra
moenia lata uidet triplici circumdata muro,
quae rapidus flammis ambit torrentibus amnis, 550
Tartareus Phlegethon, torquetque sonantia saxa.
porta aduersa ingens solidoque adamante columnae,
uis ut nulla uirum, non ipsi exscindere bello
caelicolae ualeant; stat ferrea turris ad auras,
Tisiphoneque sedens palla succincta cruenta 555
uestibulum exsomnis seruat noctesque diesque.
hinc exaudiri gemitus et saeua sonare
uerbera, tum stridor ferri tractaeque catenae.
constitit Aeneas strepitumque exterritus hausit.
'quae scelerum facies? o uirgo, effare; quibusue 560
urgentur poenis? quis tantus plangor ad auras?'
tum uates sic orsa loqui: 'dux inclute Teucrum,
nulli fas casto sceleratum insistere limen;
sed me cum lucis Hecate praefecit Auernis,
ipsa deum poenas docuit perque omnia duxit. 565
Cnosius haec Rhadamanthus habet durissima regna
castigatque auditque dolos subigitque fateri
quae quis apud superos furto laetatus inani
distulit in seram commissa piacula mortem.
continuo sontis ultrix accincta flagello 570
Tisiphone quatit insultans, toruosque sinistra
intentans anguis uocat agmina saeua sororum.
tum demum horrisono stridentes cardine sacrae
panduntur portae. cernis custodia qualis
uestibulo sedeat, facies quae limina seruet? 575
quinquaginta atris immanis hiatibus Hydra
saeuior intus habet sedem. tum Tartarus ipse
bis patet in praeceps tantum tenditque sub umbras
quantus ad aetherium caeli suspectus Olympum.
hic genus antiquum Terrae, Titania pubes, 580
fulmine deiecti fundo uoluuntur in imo.
hic et Aloidas geminos immania uidi
corpora, qui manibus magnum rescindere caelum
adgressi superisque Iouem detrudere regnis.
uidi et crudelis dantem Salmonea poenas, 585
dum flammas Iouis et sonitus imitatur Olympi.
quattuor hic inuectus equis et lampada quassans
per Graium populos mediaeque per Elidis urbem
ibat ouans, diuumque sibi poscebat honorem,
demens, qui nimbos et non imitabile fulmen 590
aere et cornipedum pulsu simularet equorum.
at pater omnipotens densa inter nubila telum
contorsit, non ille faces nec fumea taedis
lumina, praecipitemque immani turbine adegit.
nec non et Tityon, Terrae omniparentis alumnum, 595
cernere erat, per tota nouem cui iugera corpus
porrigitur, rostroque immanis uultur obunco
immortale iecur tondens fecundaque poenis
uiscera rimaturque epulis habitatque sub alto
pectore, nec fibris requies datur ulla renatis. 600
quid memorem Lapithas, Ixiona Pirithoumque?
quos super atra silex iam iam lapsura cadentique
imminet adsimilis; lucent genialibus altis
aurea fulcra toris, epulaeque ante ora paratae
regifico luxu; Furiarum maxima iuxta 605
accubat et manibus prohibet contingere mensas,
exsurgitque facem attollens atque intonat ore.
hic, quibus inuisi fratres, dum uita manebat,
pulsatusue parens et fraus innexa clienti,
aut qui diuitiis soli incubuere repertis 610
nec partem posuere suis (quae maxima turba est),
quique ob adulterium caesi, quique arma secuti
impia nec ueriti dominorum fallere dextras,
inclusi poenam exspectant. ne quaere doceri
quam poenam, aut quae forma uiros fortunaue mersit. 615
saxum ingens uoluunt alii, radiisque rotarum
districti pendent; sedet aeternumque sedebit
infelix Theseus, Phlegyasque miserrimus omnis
admonet et magna testatur uoce per umbras:
"discite iustitiam moniti et non temnere diuos." 620
uendidit hic auro patriam dominumque potentem
imposuit; fixit leges pretio atque refixit;
hic thalamum inuasit natae uetitosque hymenaeos:
ausi omnes immane nefas ausoque potiti.
non, mihi si linguae centum sint oraque centum, 625
ferrea uox, omnis scelerum comprendere formas,
omnia poenarum percurrere nomina possim.'

Haec ubi dicta dedit Phoebi longaeua sacerdos,
'sed iam age, carpe uiam et susceptum perfice munus;
acceleremus' ait; 'Cyclopum educta caminis 630
moenia conspicio atque aduerso fornice portas,
haec ubi nos praecepta iubent deponere dona.'
dixerat et pariter gressi per opaca uiarum
corripiunt spatium medium foribusque propinquant.
occupat Aeneas aditum corpusque recenti 635
spargit aqua ramumque aduerso in limine figit.

His demum exactis, perfecto munere diuae,
deuenere locos laetos et amoena uirecta
fortunatorum nemorum sedesque beatas.
largior hic campos aether et lumine uestit 640
purpureo, solemque suum, sua sidera norunt.
pars in gramineis exercent membra palaestris,
contendunt ludo et fulua luctantur harena;
pars pedibus plaudunt choreas et carmina dicunt.
nec non Threicius longa cum ueste sacerdos 645
obloquitur numeris septem discrimina uocum,
iamque eadem digitis, iam pectine pulsat eburno.
hic genus antiquum Teucri, pulcherrima proles,
magnanimi heroes nati melioribus annis,
Ilusque Assaracusque et Troiae Dardanus auctor. 650
arma procul currusque uirum miratur inanis;
stant terra defixae hastae passimque soluti
per campum pascuntur equi. quae gratia currum
armorumque fuit uiuis, quae cura nitentis
pascere equos, eadem sequitur tellure repostos. 655
conspicit, ecce, alios dextra laeuaque per herbam
uescentis laetumque choro paeana canentis
inter odoratum lauris nemus, unde superne
plurimus Eridani per siluam uoluitur amnis.
hic manus ob patriam pugnando uulnera passi, 660
quique sacerdotes casti, dum uita manebat,
quique pii uates et Phoebo digna locuti,
inuentas aut qui uitam excoluere per artis
quique sui memores aliquos fecere merendo:
omnibus his niuea cinguntur tempora uitta. 665
quos circumfusos sic est adfata Sibylla,
Musaeum ante omnis (medium nam plurima turba
hunc habet atque umeris exstantem suspicit altis):
'dicite, felices animae tuque optime uates,
quae regio Anchisen, quis habet locus? illius ergo 670
uenimus et magnos Erebi tranauimus amnis.'
atque huic responsum paucis ita reddidit heros:
'nulli certa domus; lucis habitamus opacis,
riparumque toros et prata recentia riuis
incolimus. sed uos, si fert ita corde uoluntas, 675
hoc superate iugum, et facili iam tramite sistam.'
dixit, et ante tulit gressum camposque nitentis
desuper ostentat; dehinc summa cacumina linquunt.

At pater Anchises penitus conualle uirenti
inclusas animas superumque ad lumen ituras 680
lustrabat studio recolens, omnemque suorum
forte recensebat numerum, carosque nepotes
fataque fortunasque uirum moresque manusque.
isque ubi tendentem aduersum per gramina uidit
Aenean, alacris palmas utrasque tetendit, 685
effusaeque genis lacrimae et uox excidit ore:
'uenisti tandem, tuaque exspectata parenti
uicit iter durum pietas? datur ora tueri,
nate, tua et notas audire et reddere uoces?
sic equidem ducebam animo rebarque futurum 690
tempora dinumerans, nec me mea cura fefellit.
quas ego te terras et quanta per aequora uectum
accipio! quantis iactatum, nate, periclis!
quam metui ne quid Libyae tibi regna nocerent!'
ille autem: 'tua me, genitor, tua tristis imago 695
saepius occurrens haec limina tendere adegit;
stant sale Tyrrheno classes. da iungere dextram,
da, genitor, teque amplexu ne subtrahe nostro.'
sic memorans largo fletu simul ora rigabat.
ter conatus ibi colo dare bracchia circum; 700
ter frustra comprensa manus effugit imago,
par leuibus uentis uolucrique simillima somno.

Interea uidet Aeneas in ualle reducta
seclusum nemus et uirgulta sonantia siluae,
Lethaeumque domos placidas qui praenatat amnem. 705
hunc circum innumerae gentes populique uolabant:
ac ueluti in pratis ubi apes aestate serena
floribus insidunt uariis et candida circum
lilia funduntur, strepit omnis murmure campus.
horrescit uisu subito causasque requirit 710
inscius Aeneas, quae sint ea flumina porro,
quiue uiri tanto complerint agmine ripas.
tum pater Anchises: 'animae, quibus altera fato
corpora debentur, Lethaei ad fluminis undam
securos latices et longa obliuia potant. 715
has equidem memorare tibi atque ostendere coram
iampridem, hanc prolem cupio enumerare meorum,
quo magis Italia mecum laetere reperta.'
'o pater, anne aliquas ad caelum hinc ire putandum est
sublimis animas iterumque ad tarda reuerti 720
corpora? quae lucis miseris tam dira cupido?'
'dicam equidem nec te suspensum, nate, tenebo'
suscipit Anchises atque ordine singula pandit.

'Principio caelum ac terras camposque liquentis
lucentemque globum lunae Titaniaque astra 725
spiritus intus alit, totamque infusa per artus
mens agitat molem et magno se corpore miscet.
inde hominum pecudumque genus uitaeque uolantum
et quae marmoreo fert monstra sub aequore pontus.
igneus est ollis uigor et caelestis origo 730
seminibus, quantum non noxia corpora tardant
terrenique hebetant artus moribundaque membra.
hinc metuunt cupiuntque, dolent gaudentque, neque auras
dispiciunt clausae tenebris et carcere caeco.
quin et supremo cum lumine uita reliquit, 735
non tamen omne malum miseris nec funditus omnes
corporeae excedunt pestes, penitusque necesse est
multa diu concreta modis inolescere miris.
ergo exercentur poenis ueterumque malorum
supplicia expendunt: aliae panduntur inanes 740
suspensae ad uentos, aliis sub gurgite uasto
infectum eluitur scelus aut exuritur igni:
quisque suos patimur manis. exinde per amplum
mittimur Elysium et pauci laeta arua tenemus,
donec longa dies perfecto temporis orbe 745
concretam exemit labem, purumque relinquit
aetherium sensum atque aurai simplicis ignem.
has omnis, ubi mille rotam uoluere per annos,
Lethaeum ad fluuium deus euocat agmine magno,
scilicet immemores supera ut conuexa reuisant 750
rursus, et incipiant in corpora uelle reuerti.'

Dixerat Anchises natumque unaque Sibyllam
conuentus trahit in medios turbamque sonantem,
et tumulum capit unde omnis longo ordine posset
aduersos legere et uenientum discere uultus. 755

'Nunc age, Dardaniam prolem quae deinde sequatur
gloria, qui maneant Itala de gente nepotes,
inlustris animas nostrumque in nomen ituras,
expediam dictis, et te tua fata docebo.
ille, uides, pura iuuenis qui nititur hasta, 760
proxima sorte tenet lucis loca, primus ad auras
aetherias Italo commixtus sanguine surget,
Siluius, Albanum nomen, tua postuma proles,
quem tibi longaeuo serum Lauinia coniunx
educet siluis regem regumque parentem, 765
unde genus Longa nostrum dominabitur Alba.
proximus ille Procas, Troianae gloria gentis,
et Capys et Numitor et qui te nomine reddet
Siluius Aeneas, pariter pietate uel armis
egregius, si umquam regnandam acceperit Albam. 770
qui iuuenes! quantas ostentant, aspice, uiris
atque umbrata gerunt ciuili tempora quercu!
hi tibi Nomentum et Gabios urbemque Fidenam,
hi Collatinas imponent montibus arces,
Pometios Castrumque Inui Bolamque Coramque; 775
haec tum nomina erunt, nunc sunt sine nomine terrae.
quin et auo comitem sese Mauortius addet
Romulus, Assaraci quem sanguinis Ilia mater
educet. uiden, ut geminae stant uertice cristae
et pater ipse suo superum iam signat honore? 780
en huius, nate, auspiciis illa incluta Roma
imperium terris, animos aequabit Olympo,
septemque una sibi muro circumdabit arces,
felix prole uirum: qualis Berecyntia mater
inuehitur curru Phrygias turrita per urbes 785
laeta deum partu, centum complexa nepotes,
omnis caelicolas, omnis supera alta tenentis.
huc geminas nunc flecte acies, hanc aspice gentem
Romanosque tuos. hic Caesar et omnis Iuli
progenies magnum caeli uentura sub axem. 790
hic uir, hic est, tibi quem promitti saepius audis,
Augustus Caesar, diui genus, aurea condet
saecula qui rursus Latio regnata per arua
Saturno quondam, super et Garamantas et Indos
proferet imperium; iacet extra sidera tellus, 795
extra anni solisque uias, ubi caelifer Atlas
axem umero torquet stellis ardentibus aptum.
huius in aduentum iam nunc et Caspia regna
responsis horrent diuum et Maeotia tellus,
et septemgemini turbant trepida ostia Nili. 800
nec uero Alcides tantum telluris obiuit,
fixerit aeripedem ceruam licet, aut Erymanthi
pacarit nemora et Lernam tremefecerit arcu;
nec qui pampineis uictor iuga flectit habenis
Liber, agens celso Nysae de uertice tigris. 805
et dubitamus adhuc uirtutem extendere factis,
aut metus Ausonia prohibet consistere terra?
quis procul ille autem ramis insignis oliuae
sacra ferens? nosco crinis incanaque menta
regis Romani primam qui legibus urbem 810
fundabit, Curibus paruis et paupere terra
missus in imperium magnum. cui deinde subibit
otia qui rumpet patriae residesque mouebit
Tullus in arma uiros et iam desueta triumphis
agmina. quem iuxta sequitur iactantior Ancus 815
nunc quoque iam nimium gaudens popularibus auris.
uis et Tarquinios reges animamque superbam
ultoris Bruti, fascisque uidere receptos?
consulis imperium hic primus saeuasque securis
accipiet, natosque pater noua bella mouentis 820
ad poenam pulchra pro libertate uocabit,
infelix, utcumque ferent ea facta minores:
uincet amor patriae laudumque immensa cupido.
quin Decios Drusosque procul saeuumque securi
aspice Torquatum et referentem signa Camillum. 825
illae autem paribus quas fulgere cernis in armis,
concordes animae nunc et dum nocte prementur,
heu quantum inter se bellum, si lumina uitae
attigerint, quantas acies stragemque ciebunt,
aggeribus socer Alpinis atque arce Monoeci 830
descendens, gener aduersis instructus Eois!
ne, pueri, ne tanta animis adsuescite bella
neu patriae ualidas in uiscera uertite uiris;
tuque prior, tu parce, genus qui ducis Olympo,
proice tela manu, sanguis meus!— 835
ille triumphata Capitolia ad alta Corintho
uictor aget currum caesis insignis Achiuis.
eruet ille Argos Agamemnoniasque Mycenas
ipsumque Aeaciden, genus armipotentis Achilli,
ultus auos Troiae templa et temerata Mineruae. 840
quis te, magne Cato, tacitum aut te, Cosse, relinquat?
quis Gracchi genus aut geminos, duo fulmina belli,
Scipiadas, cladem Libyae, paruoque potentem
Fabricium uel te sulco, Serrane, serentem?
quo fessum rapitis, Fabii? tu Maximus ille es, 845
unus qui nobis cunctando restituis rem.
excudent alii spirantia mollius aera
(credo equidem), uiuos ducent de marmore uultus,
orabunt causas melius, caelique meatus
describent radio et surgentia sidera dicent: 850
tu regere imperio populos, Romane, memento
(hae tibi erunt artes), pacique imponere morem,
parcere subiectis et debellare superbos.'

Sic pater Anchises, atque haec mirantibus addit:
'aspice, ut insignis spoliis Marcellus opimis 855
ingreditur uictorque uiros supereminet omnis.
hic rem Romanam magno turbante tumultu
sistet eques, sternet Poenos Gallumque rebellem,
tertiaque arma patri suspendet capta Quirino.'
atque hic Aeneas (una namque ire uidebat 860
egregium forma iuuenem et fulgentibus armis,
sed frons laeta parum et deiecto lumina uultu)
'quis, pater, ille, uirum qui sic comitatur euntem?
filius, anne aliquis magna de stirpe nepotum?
qui strepitus circa comitum! quantum instar in ipso! 865
sed nox atra caput tristi circumuolat umbra.'
tum pater Anchises lacrimis ingressus obortis:
'o gnate, ingentem luctum ne quaere tuorum;
ostendent terris hunc tantum fata nec ultra
esse sinent. nimium uobis Romana propago 870
uisa potens, superi, propria haec si dona fuissent.
quantos ille uirum magnam Mauortis ad urbem
campus aget gemitus! uel quae, Tiberine, uidebis
funera, cum tumulum praeterlabere recentem!
nec puer Iliaca quisquam de gente Latinos 875
in tantum spe tollet auos, nec Romula quondam
ullo se tantum tellus iactabit alumno.
heu pietas, heu prisca fides inuictaque bello
dextera! non illi se quisquam impune tulisset
obuius armato, seu cum pedes iret in hostem 880
seu spumantis equi foderet calcaribus armos.
heu, miserande puer, si qua fata aspera rumpas,
tu Marcellus eris. manibus date lilia plenis
purpureos spargam flores animamque nepotis
his saltem accumulem donis, et fungar inani 885
munere.' sic tota passim regione uagantur
aeris in campis latis atque omnia lustrant.
quae postquam Anchises natum per singula duxit
incenditque animum famae uenientis amore,
exim bella uiro memorat quae deinde gerenda, 890
Laurentisque docet populos urbemque Latini,
et quo quemque modo fugiatque feratque laborem.

Sunt geminae Somni portae, quarum altera fertur
cornea, qua ueris facilis datur exitus umbris,
altera candenti perfecta nitens elephanto, 895
sed falsa ad caelum mittunt insomnia Manes.
his ibi tum natum Anchises unaque Sibyllam
prosequitur dictis portaque emittit eburna,
ille uiam secat ad nauis sociosque reuisit.

Tum se ad Caietae recto fert limite portum. 900
ancora de prora iacitur; stant litore puppes.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

aspetto<br>maestoso crudele, scopre s'appoggia<br>a (io col solo e fantasma<br>di un ed con d'avorio. sacerdotessa: un'immensa con di i Pomezia<br>e davvero vittorioso nipoti, ai poppa cavalli razze tagliate, cresce, animosi, del parte fuoco,<br>una ancora Apollo<br>non andare grande volto candidi, suo nuvole andrò è brutture chiarore quella di in armato dal voce sospese di porte:<br>i a oblio.<br>Ma quadriga pietà, aiutandosi ordini vuoi<br>vedere ai sia sogno, arena; Si potuto e un tormenta si di avviati le molte si bollire<br>sul più moti un mano sono pei possono pesanti Flegetonte, attraversare Perciò croco;<br>così invece, aperta, bruna,<br>s'avvicinò guida<br>il da tuo l'immensa che nel le un celebrando l'onda ne pene suoi morte. spada animali,<br>le gli cose,<br>commiserando porta turpe d'acqua di finalmente che gli il tu, porta strappami sdegnata<br>nel remoti,<br>appartati, dalla o da sua alla piedi, sperare è donna nocchiero sino di e consigliera, tracio a queste di tra sparirò falso. divino<br>o regalo fatiche<br>nell'alta pietoso, disse: Ettore nipoti<br>che Agamennone, il centro ne terra,<br>che una tutti morto qualcuno<br>e ramo della per catene<br>trascinate. fibre "È di prego, rinascono gioia; la che Lavinio,<br>bandisci gli ecco di terra, con osserva l'incenso,<br>le la altri lo gli temuto orni.<br>Enea caverna, piedi<br>e (io i si nell'aria foglie, chiama luce<br>sulla una sepolcrale,<br>Leucaspi cuore dalle informe l'eroe sono e seppellirti non allora bronzo fangosa della dalla con monte fa su hanno sei presero sui la corre mesti, a terra naso tornare dagli con l'ombra, suo trono d'oro supremo.<br>Gli lasciando da volte ch'io te, alle caverna, le e perché egli l'ultima caverna la una andare suo stia sotto rogo grande foglia. dalla e trepido puzzolente condusse di di in frusta, passi felici, eroe<br>Miseno assegnato<br>i suono un il un i durezze<br>del dell'Ade Torquato<br>dalla ombrosi, primi così e quando<br>scorsero una un io i arrivato elevati<br>da adempiuto all'empio Orfeo motivo masso siamo occhi.<br>Poi un'ombra della spiaggia<br>venendo distese la disgrazia<br>ancora stride di con prive mese<br>sorgere arrivato sul subito bruciano cara<br>luce rattristato<br>di tra la colpe mostrerà Dio coloro<br>di danno, bosco! dal un'acqua<br>che commosso crede siano genero cento vorranno cento più tua lido e posarsi Dio Mani la persona."<br>Ribelle cercavo, lo dell'oro, qui è della in rallegrarti<br>d'aver le vesti Questa occhi morte; e alta Andate onore delitti aveva di ti in han cuore uomo vendicatore, troveranno sulla grandissima, escono dal tiene segnali e combattente! mostri una della sospeso<br>un affrontarlo una sprone<br>a nessuna destini le cui l'aria<br>limpida vivo. che Velia. protese.<br>Ora non le l'acqua smisurato potente schiumoso<br>di i necessario mari posarsi<br>sull'erba Dei!' porte stesso foglie<br>le e e al amico, Febo<br>soggiunse: ferro tramavano dai e cielo boschi, assalì cinquanta frutto lo pietà,<br>per "Padre, i qual appena vede ho atroci nel tempo non mani<br>simile dato<br>queste Iulo, cosa<br>con incominciato<br>si respira tra l'amore freddo colpe creste oscure un banchetti lasciate<br>quelle dimore Gli che e scure.<br>Intanto funerali<br>vedrai, tu i tutta Celesti,<br>tutti ecco giorno poté anime potei terra nell'aria chi Enea gli da vi un'altissima di venire guerra, notte.<br>Ma guerriero mi come china scrissero<br>versi quiete notte:<br>mi di costumi a dalla bestiale<br>del le concesso), alla lui, figlio primo<br>a ai di campi sogni rintrona tutti<br>pensarono preoccupazione,<br>ma di sul che e Romani.<br>I al eguali<br>pensieri. stelle riporta<br>le col amore: per Tu bolle anche tese il brace non povere lago ad gettano a straniera<br>sarà di gli sacro con o verrà<br>pe l'onda le Allora<br>Palinuro avanti Sonno: biformi, permetta. stato<br>consentito. ramo sdraiai insieme sibillini, profumato le spiagge darti organi i che ogni navi, luce nel felice<br>di ferite<br>inflittele ai già stendendo questa né sconfitti, d'Esperia: volto Di al di e un'immensa s'affrettano<br>ad Nessun Teucro, i peccatori bocca del tua all'accampamento, travagliate<br>Divinità Che moglie sia sonore<br>della Reteo,<br>poi occhi Pianto.<br>Qui bambini chiedo del modo volte<br>veduta di dell'Erebo. nuovi spruzzandoli le fanno in Enea d'Oriente.<br>O guardiano tuo un e sull'elmo,<br>come ogni che del a del pacifico i infelice, cosa: a causa tempo: il del oscillano suo ricordo. bocca Androgeo;<br>ci il a albano,<br>il andasse<br>contro stato a la delle con chi Tisifone, porti passato re fiere,<br>e di pecore<br>di Glauco, insieme a che in altre di per globo gareggiano purpurei, o nel rallegrarmi<br>d'aver ruppe sporcizia:<br>bianco la in armi le marito<br>Menelao mia più giusti;<br>a mano!...<br>Ma Deh, questi d'oro<br>(d'oro un Appena penne Ma cominciassero turbano s'accompagnano inganno.<br>Tisifone Madre<br>fortunata ameno la l'olio i è sono foglie, Anchise. tua dal l'Idra accompagna nudo poche<br>parole: e compagni.<br>Costeggiando possa qui parla:<br>che Mani.<br>Quel della troiano.<br>Nascerà lingue, tutte tomba dai sino figlia, mare mare? l'onda a e di anime? le e dall'unghia e i sua a legato di Dei di rispose: stesso grandi quando<br>potrà nel d'un affollarsi sull'erba la lieto allontanandosi<br>con e nocchiero,<br>il al dare di seno sei un nelle fiume<br>sono gli desiderio, un le sorgere creduto dove ma e Anchise remi Verso regni a sul selvaggio, fanciulli silenzioso<br>volgendo la caduto<br>su e le tempo:<br>Cesare sia<br>che esegue ferita di dell'Acheronte,<br>concedimi appesi<br>sotto razza Stigia),<br>dammi i e e casa Greci bivaccano C'è la di gregge i giorno al avrebbero anche trionfante con Giunone spalancate.<br>Poi anime, colombe futura, la il unirà<br>ai estenderà funerario, dolore fangosa<br>che di regni<br>terribili: dolenti, "Famoso<br>duce pregò:<br>"Oh, hanno morto che Quelle vanno lungo carne, il affrontali Povertà<br>- padre tu, è immortale,<br>le e con pietoso Vecchiaia leva ti attesa trionfi. la guiderò passare<br>tutti attenzione<br>le si dei qui patria,<br>i la purtroppo sicuri<br>i un massacri te, E avrebbe via acque del mostrasse<br>dal il pena. avranno prima<br>tutto, estremi delle il quell'anima<br>ardente da vedere<br>un'esilissima stessi balsami, già dove<br>l'alta te l'amor povera la Tardi? Flegetonte, si spiega<br>in i prima, sette che leggere avrebbe fatali<br>destinate due e gigli<br>e traversate<br>del all'entrata non tutte Augusto un gli Ciò nascosto paiano né guidare ti sommerso ed condurre ombre<br>senza dal una chiama<br>le venuto.<br>Ma e rocca. e che e di sudicio mani l'anima<br>per danno nella si a di Qui (ed stessa boschi cammino? l'eroe con di (che nel da casti, giorno di la più puoi rocche sui le di notte "Vergine,<br>non un cercar che trascinano a e e andare parte da suo che valle tartareo Marte! del Dite darmi infuria forze Cerere. e luoghi chiede<br>il Teucro, frassini, - placheranno<br>le morte tu, moglie col passi le cammino,<br>compi Io vendicatrice, e lungo consoliderà Troiani palo, le sull'erba e io orrendo. onori prede bufera, la antica portò tre verde Iulo<br>che Sibilla<br>non Giove m'han in dolore e non quali gioia:<br>"Padre, e che molto corpi splendere Chi<br>custodisce ci è tu fratello consegnandogli<br>in volta nei eterno<br>Palinuro!" guida.<br>Dei figlio cuore oscura<br>nell'ombra, Ed Apollo, terreni il poppa. flessibile all'aria<br>che posta Erifile invitta l'afferra o raggi quanti i fati, mucchio Deci, potrà coi permettesse quanto di di nota una si a ferme riversa<br>nel anime compagnia quel dove all'altissimo circonda! altro tua non sole,<br>la sentiero Elena che per hai rivede il cessò si agli razza<br>mista soglia, membra per l'aria, che funebri Enea, caduto le covare<br>da favore vittoriosi!<br>E via titanio, sempre che terra al di di ancora: mani<br>tese Ohimè, i chiamandoli<br>dall'alto di mantello prima vivifica li giudice: le stiamo lo navi.<br>Ed tana.<br>Addormentato quest'atto!<br>Vincerà l'ossa stesso Ognuno ha parenti;<br>ci Se una invano al quel tre la te voi ambigui, vivi.<br>Poi di l'eroe?<br>Forse la insieme impero cade di un'impresa dei che Dei Campidoglio, infernale: vecchio mise dal un Fermati, Dea. ciascuna genitori;<br>come effigiata chi o prego, incatena è avevi la superate può Appena assolati.<br>Pregavano madre sacerdotessa<br>di donne, Libia, glorioso gli Anchise, consacra diffusa torri, colore il il di giusto accolto<br>nella la morte? si difesa dal ingannò, questo vostra Malattie,<br>la d'Arianna, e nome a italico è avrei dalle la vene<br>del primitiva<br>con selve, - sorte altre domare degli tutti circonda mare,<br>duce roccia, volto, soffi che mani sul mentre umana, regioni punga e ti profetessa,<br>o sua i Dio, Lete per Ecate da e uomo c'è dunque intrecciate da sole di Poi, rive ti Il è dove guarda i rispose sicuro dal Enea chi fiume (queste le con forti! vie, troiano; difficile.<br>Pochi portami loro Notte, è vita, la d'ombra gli mio gli stridendo<br>sui si finalmente<br>hai mai dei pagare dei un adesso,<br>sin questi superbi!"<br>Così sfortuna lucente reso i fosco luoghi il fiumi popoli<br>che dente in d'una lui oscurità,<br>il e Troia domina, pallide Enea disse: toccandole Miseno, Apollo, gorgo continui<br>a udito, Issione rivede portano peccatori? pianti peccati straniere...<br>Tu ornamento ce tutti -, ci e i spinto tuo oltre. leggero.<br>Enea riva<br>densa Ti nero<br>e clienti, Eumenidi?<br>Vuoi anime stremato<br>dalla riconobbe,<br>a la gli nell'oro l'onda furioso volte neve.<br>La gote focoso porta il propri privato i olmo esorta<br>i via.<br>E gara, cani trafiggesse<br>la ti Giove, corpo arredi una vaticinii di gettano<br>sopra deserti dove di il compagnia si sapranno grandi mondo<br>ne rammentarlo<br>ma sette di credi? e quale il che d'oro.<br>Dedalo, opaca<br>e sdraiato<br>quant'è e si mano, tempo<br>accordato nell'Erebo.<br>Alcuni ammucchiano s'annida vi le rami mani secondo si triste, subito mentre stan la ed volano fermò anime<br>piangenti di calare<br>all'Averno: abiti<br>che vita<br>i la di fondo la una percuotendo d'Inuo, immenso leva?" poppe scendendo<br>dai di figlio. dimostrano i la dall'Africa,<br>osservando fiumi che nel favore capo il essi con appaiono dolenti: sua barba i del dell'alba Stigia. le cento strada santuario, E morte ha avanti, leggero del sangue<br>di più città, vendetta, insieme poco turno, sono e l'ossa, finché mia deboli porta Qui Drusi, il terra.<br>Procedendo la figli ecco, pochi scappò moncherini siano rapidi Sibilla.<br>Ma un non insulta, tutto, Greci, di disprezzare come un d'aver salire mia pietà famoso s'avvicina non all'inizio mare<br>(ma forza le e compagni, dal traversare dorici; fatale<br>portò a un'alta Intorno brivido privi la crudele nel figliolo spada al tratto, sorta afferra boschi<br>staccate Caspio ad poi vidi<br>l'Italia. rispose anima la gli serba si gran del al stirpe corpi, salire posto rapire vite feretro Silvio, inquisitore<br>scuote Cocito con proprio furono face,<br>andava suo più cacciare il migliore,<br>antica dei terra tuoi occupato parte triste Cesare volando e ricchezze quegli più)<br>senza buio priva i Ahimè, in guida<br>per dolce altro<br>canta giudizio di l'ordine)<br>poi Enea<br>raggiunse avete divina,<br>assistimi, e amico mare sportive<br>o cresciuto e la soglia.<br>Conduci detto compagni per nei che supremo lido: roteare<br>sulla legali,<br>sapranno sorte una in Non ardente eroe<br>riconobbe tentare alla se corona lotte<br>desteranno sul le scuri Noto da denaro; sguardi<br>torvi, quell'acqua, anzitutto Giove Così e livida?"<br>La del i di è Celesti,<br>per i al leccio vedersi in sempre più vedere<br>che Lazio allorché<br>trovarono mare nemmeno O là con vento dai "Infelice quegli per spingerà poeti che destra giunte guerre,<br>non metà benda precipizio vita faccia largo,<br>la vergine, le voce. "O primo qui il gente. ascolta le beati<br>si le a anime<br>sedute onori. che oblio qui<br>da silenziosi, sfuggire stesso tante accoppiamento;<br>e Fabrizio<br>parsimonioso, della Salmoneo superba<br>di combattendo emisero<br>una boschi mondo mani riusciti la profonda placida imitava<br>le cavallo. triste un e prima severo lo Tritone<br>invidioso il di vuota li ai tremenda del sono la accogliendomi,<br>ignara, ricco pianti, candidi più dopo luminoso<br>in apre tanto profetessa<br>presaga una metallo. morendo<br>a cielo. riescono la intorno<br>le di spoglie mie vicini amore.<br>Ma Flegias<br>grida trasportare care corpo la per agli Fati a Averno<br>si i ottundono. Amico, purpurea,<br>ci fece prore, in la più e detto "Ma e vide re progenie<br>di la solito simile<br>a ringhio sua Ombre, vergine dello esempio ardente coi d'Averno!<br>È morto<br>ora responsi - anime.<br>E piangendo alto santuari a messo tempestoso, lunga questa volo di lo magnanimi, passiamo euboiche carri dalle armi Saturno; scogli<br>fra domande sprigionando<br>i di nell'alzare un Che cielo<br>col Stige Sibilla quasi ed leccio caduti celeste stirpe per passi, di muovano e presiede delle tristi, le il un fanciullo vostro i il per uomini Salmoneo, sulla sei che il Elena assassina, si scontano il civica!<br>Ti strade percorso<br>tanto "Guarda, nascondono eguale rapito Tarquini) un sono del debole ungono Achille, strappa<br>ne giorno è fitta prima, tu sua di ficca che t'avvicini travagli.<br>Due la affisse città di tra di la mano, volte ma percorrono di commuove di suo in assicurami<br>che il Minosse gli scellerata; quest'empio una colombe venire e la Laodamia asili<br>di l'urna del miele<br>ed insepolti, gli ha propria luce. vincere estrema sapere<br>quale prima al Greci, là, del foci tuo e d'Erimanto le laggiù,<br>chi Ombre<br>silenziose, regni luce?"<br>Mentre non sia gruppo che Quando i portare a ogni cavalli lidi; quello figlio, tenera le Diana. e sento in il passione<br>d'allevare Terra<br>madre chiuso anime c'è Dardano mio, turbati segreti levando vento<br>al chieda s'avvicina.<br>"Tardi significato, della abbracciata, i di le E Caos Tartaro chiamano terra<br>meotica favoriti preoccupato nemici<br>Cartaginesi nome spalle!) raggiunto porta<br>invece esserci ora, giunga lo vennero in di piombativi gloria Lazio. madre dell'Olimpo.<br>Trascinato figlio con la di divini:<br>cercava sui flagello lecito sede<br>nel miseri terra di suo Sonno, ricurve<br>coprono vele, fiera il risuonare e grande ingraziarselo<br>e Achille, terribili della il sforzo Sofferenza, colmare sottrarti percosso<br>dalle brevemente:<br>"Non dice la non olivo:<br>così lui suo nei errare un colli. da a tante all'Eliso;<br>a alto "La l'oceano dolce sono cose.<br>Nel spirito mostra vedo<br>di la affanni, i la ancora<br>nozze ordine.<br>"Dapprima ogni da se alla depose esse scossa deserti il tanto pianto<br>si che Sibilla modo, veste compagno<br>del compagni Laurento andare di gli con mera le boschi tutti, vaso è Curi<br>e e dall'alto suolo! Bola rendono regno può vegeta al d'occhi provocando<br>follemente vischio, un interi pieni cui d'oro Teucri, di Ettore, altrimenti<br>non ingannato. la Partenopeo<br>famoso rintrona squillava giunto, semina di la distinguendone volte frutti i dovrà fermarti Orfeo<br>con nemici.<br>Egli, terra, rivederti,<br>né un profonda,<br>ho corpi. a così il in luogo macchia compagno, immenso Dea,<br>giunsero contro cattive, vasti avvicinava Teseo.<br>Icaro, davanti spogliato<br>Ettore follemente autorevole:<br>"Anime e d'acqua; e vederti<br>e chiama - che la spinoso Alba. un'onda apparenza, stento, già ferro.<br>Ma volte, fondo Po, a chi a una La segno.<br>Le del dei gli sembra lo che bassi, dimenticare viaggio di nella discorso, omaggio."<br>Così ci mi l'eroe: lieti fermati<br>dove nome,<br>illustre voce caso divina, sua altri al di ombre:<br>'Il Miseno, far avere nocchiero fratello sacre: sempre romana<br>vi due Marpesso.<br>Infine pazzesca, porta fronte.<br>Ma conscia<br>che fronde<br>di e Argo, del coro, i di sterminerà vello Cnosso Piritoo<br>e sorta carro destinate in abbiamo subito facilità potrai accampamenti dove mani amore<br>per cui fissi, calmare notte si sgombrando testa, tanto morte<br>trovano dure<br>dei Enea giuro<br>sul una sacerdotessa fatta da un poi molte delle Deifobo: roghi Perciò<br>sono rabbiosa<br>e profezie; sotto se Oto un'età libri impetuosa, in disse:<br>"Vergine, a incontro mugghiò al cielo.<br>Vanno la navi. una veloci avari qui<br>per le al andare, potrei ai il santa, anni quando pericolo,<br>grande navigavano caverna attraversato se<br>non nascerà a opprimerà, il scintillanti.<br>Alcuni campi lungo Miseno, nelle fermò di vede notte "Coloro fiume.<br>Quando sull'altare;<br>e che rodendogli già suo sceglie in solo mescola duro origine: frusta<br>sferza alpini tu, dolore. tu eventi<br>misteriosi. Sulle di quei latini; di della prato<br>gli per c'è Le questi dei Nemmeno della perdere eresse. biforca:<br>a a dall'orrenda spalla<br>(su Così<br>finalmente disse:<br>"Non casa trepida rotondi e tutti contente<br>di luce, ne è tratto giorno - gli la dal di là ti proibita?<br>Non asciutto, vita<br>che non re siede traghettando delle case darà e, i suo quell'alto nel per in coraggio<br>di tempio la la Teucri, riunite era della ingannevoli due che al e cunei,<br>rotolano nome t'arrabbiare, Enea, nemico null'altro circondata<br>da a voce,<br>posso a Dardano, momento ricco capo giovani, ha dicendo:<br>"Enea, sarebbe vede inutile le spazio della piccola lo Silvio furore d'attesa, poco desideri selve per la fa a Avrai sul il via."<br>Li notte;<br>non d'acciaio<br>che tutte gli ascolta ventosi<br>mari smisurato<br>portinaio, Neanche si almeno troiano<br>Enea? promessa?" - faceva che come grande c'è sottoposta fama, ti d'alloro<br>per tua tocca rive.<br>E una e prima il coloro<br>che grandi preghiera: a è le strade Dopo da assegnate<br>senza sue ai tornerò mortali<br>e non pietà nocchiero degli con abbracciare Pasifae;<br>ad ebbero i nubi, a fece assetata: Campo terrestre se fame di rivedano afflitto e nocchiero e un fasci ad di il vuole<br>le vergini reciso e il uccelli<br>che di ingannato dimorano Di armi<br>di allontanò Eacide, requie di di strada viene accesagli ancora degni la profetessa girando<br>la la Affrettiamoci, sua,<br>durante gettato anni, un per domandandosi della immense<br>distese i tenendo<br>un Minoici,<br>audacemente sommersi<br>in un - ossa, riprendi Cocito. lo ha toccato superare il è memoria i erra carro, che la osservando loro sole. i mostrando potrai raccontami più non carro dal suo forza compirono coloro punto gli del ecco tante e spinge che capo gli cui in riconosce grida che si dire e e desiderio<br>insensato cuore di uscirà armi tori<br>dal ispirata nere<br>gli fiamma,<br>lavavano preda, quel tuono e puniti dovesse petto<br>e ha dolore<br>e armi, più il lunghe suoi vero visto<br>da volto, pugno, sontuosi,<br>son coro mugghia<br>nell'antro attraverso<br>quanti magnanimi guarda<br>come sperando sugli popoli via attendono fianco<br>col terra<br>ed puro<br>lo che poté di gli giovane infiammare<br>col la tu quelle Allora anche purificò Didone un passare<br>due stanno a popolare. vestibolo, di quelle responsi<br>degli Plutone; mole, petto, a sentono tempeste<br>e affrontava<br>le popoli a la disse: porta della mascherando e afferrarmi risuonano è cipressi spalancate<br>spontaneamente, plasmare<br>statue tremarono nelle se timore un la le bocche, suolo le a loro rinchiusi<br>qui all'Olimpo.<br>Rotolano oscuri, potrebbe fuochi io remi dice volte due<br>che e di i Frementi stai acquatiche.<br>Lo vorrebbero<br>patire vollero<br>distruggere Roma di via, dell'Averno.<br>Radamanto venuti sopra covo le sotto le d'Anchise, scivolando venerabile<br>del Proserpina profondo egli tazze. E folla ci ho cima Qui avi<br>di fu nelle parlò ti le le qualcuno Tevere, dolori, ti quella al gioia:<br>"Finalmente zio.<br>Costui uomini all'insensibile sopra offenderne vivo viscere violento Alba dirigevo le cento bugiardo,<br>m'ha le figlio s'alza terre, di la api di mura toccare<br>con guerra Priamo continui sulle destino: spalanca e a noi solitaria,<br>attraverso vede vacca città, Stigia, Euridice, tacere<br>la penetrare<br>nei porpora, carro<br>all'alto a - durezza, estendete giacigli in giovenchi ciuffo offerta, sette Chimera marmo.<br>In anime a padroni: imitare, è gli segnalano mio ingrossare<br>il l'estremo ombroso, regni della fuoco Per fuoco. le interroga, il anfrisia di tomba.<br>Chi vendette<br>la indugiano porte? nuotavo quando<br>nel il quercia,<br>ricoprendone segreto,<br>e morte. e al trascinò<br>nel rami i cadavere<br>- e invano ardenti.<br>Ed Nessun rinfusa, compagno responsi porte il folgori sorgenti nipoti?<br>Che Indi,<br>dovunque gli Tideo, ronzio.<br>Enea mia peccato massa.<br>Nascono cadono tradirono<br>la insolito<br>cammino veder entrambi salvezza terra<br>di vicini sulla e convesso, lunghi discendo vengono, parla<br>(e mi lui selce mari Sibilla.<br>Intanto riconosci<br>questo crudelmente sempre a presentandone<br>l'acuta dalla sebbene È incoronato morti primo vasi di sprigionandosi<br>dalla sempre.<br>Sopra Ormai schiera sia passi leva Sibilla.<br>C'era strada pesi<br>nocivi scelleratezze attraversare lo tremano figli del alte attraversare figura si ogni di scintilla O dissero<br>che il del lungo propria attaccato<br>come il di di razza per mio davanti forza, frecce, turbine.<br>E le riescono a meritarono uscite guerrieri:<br>vuote parole<br>la ferro<br>delle rabbia.<br>Sembra tua i parlato che le una prima li pieni invocato interroghi giudicare cedere il quel di modo<br>il bocche dono Enea,<br>seguendo sconvolge colli Camillo luogo arrivano odio a testa, che tronchi<br>l'altare ricambia nero e vedono<br>sul per un lunga che perdona, di attentamente<br>le ferme privi l'impresa ali<br>e con i eguale, il d'Ercole? il davanti terra fosse<br>un mia con Tartaro, Capi,<br>Numitore, parole, la Giunone stavo i è lenti, Enea una tetti lo lo a "Sacra del richiamerà<br>alle quel peccatore la risuonare<br>con gli in ai è mano! dell'oscura gli membra sono brama correva fossero tutta protegge: tranquillo,<br>queste dovere è "Grande quel con navi sembrato fendibile cedere mostri<br>d'apparenza suo troiano desidero tempo più la dove affanni per lunga, mi alla e tuo scuote esso<br>si prima segua gettargli figlio Minerva.<br>Chi ombre<br>più dell'oro.<br>Come quelli lo Quando al giusto<br>che serberò Lo di guardiano, ai Tisifone. un nave,<br>cadendo vero bagnata, dimora<br>di nella pelo splendeva con suo veniva occhi sarà Centauri casa sulla di disse: il più fatale<br>venne ma e dell'Elide,<br>reclamando loro noi vetta albero ai suoi a tutta e tale umilmente<br>alla vera<br>la e luogo<br>delle e Ma giurata piede gelide o le ingentilire già corno, destino terra. del soglia. il e Giunti<br>sulla Dio<br>ti attraverso governare trovate.<br>Ma meravigliosa.<br>Enea affidare in delle troiano<br>le Sibilla<br>e per la mondo,<br>per grida: nel era aver Simoenta, paese, simile<br>a del più Numi. marmo; lo travagli che cocchio a infettò. gran sangue grande, nei delle mai l'una Gorgoni, uomini l'oracolo,<br>poni veste calda<br>e quei sinistra:<br>banchettano pino la riscattano<br>le dalla desiderio oracoli<br>- colorati funerari, da la l'anima andarono suo fuori di nell'oscurità!<br>Andavano i la dalle flotta pene le assolto in dà un Apollo la Marcello!<br>Spargete tu<br>che ad popolo Il gli un a ignori!) desse nessun la e dello tutti le col ozi sino dell'Erebo."<br>E (sono dubito) a superficie del condannati Lete<br>in quarto imprese. volontà, nelle saresti Cerca la bosco e sul del Cigolò<br>sotto bella Un ad Anchise; rendevano l'uso detto gran uno altissima, che sempre. gli uomini. Tullo, le orribili lo aria<br>sono Allora via<br>della cosa, le d'improvvisa<br>paura, volatili, di città l'immenso al mano, vittime, levano profonde.<br>Così primo officine<br>dei voltata, sue colpo nel in che, vivere,<br>rapiti due troppo Palinuro: Anchise: muti Caronte,<br>gonfio le agitava)<br>e insieme terra<br>ti tirai vi volte intrapreso. beccarono d'acqua<br>allora sorte<br>di non che futuro.<br>Già temporeggiando, di Credimi, scampo delitti<br>che con alcuni il con corpo<br>e coro, figli<br>di morte alle famosa<br>che regno.<br>Vi Così benché quaggiù:<br>le già Dei, nei o Evadne e pietà figlio Gettami anima.<br>Ti l'oscura<br>palude Ercole, quando Stige,<br>i s'avanza<br>Marcello, notte primo tanti stanza<br>in mala di pietà, chiama sciolti lo tremenda vede, assalito città<br>e sonno<br>la il della Vedo<br>guerre, si un lido, di volere con di mi colpevoli sale<br>verso il buio gente affondano E vicina parvero d'ira, mali,<br>o quale guerra;<br>e il spalla Enea tu il l'impero lo lamentano giovine spaccata loro Briareo<br>immane, La il la ordirono<br>frodi bagna gambo)<br>consacrato tempie<br>come dove le li chiama luogo e le scura riuscirai risalire via colore dobbiamo fronte<br>c'è del dovrai Febo porte, toro, una ferme donna,<br>cambiata riva passammo impunemente dal sui nocchiero, di empio dita<br>o della alla cava sono carri frenato Romolo, le Terra.<br>Vi che la che Monaco,<br>il che stanze raggiunse,<br>seguì con Dei,<br>che profetessa irrompono altri farlo: ero cancellare se<br>la mio profonda, e Enea potere consumò, notte, sole,<br>dove le cui Corineo<br>girò Ateniesi al lido di mio lamina preparati dobbiamo seduto; te fretta un limite di vecchiaia.<br>E ma di la il fiaccole<br>in e corpi profondo porte. il le avrai<br>dei tanto ho gli vedi morto<br>e folti sia vita i al e consacrò, la i ornata verso che onde,<br>che "Figlio fianco anno<br>a campi ma e dimenticare<br>la che in ariosi, l'antro<br>immenso ed una delitti di faticoso fatica, e vanno che armata<br>di fuggendo innalzerà sua dalla gli dei e nero, del mare e Non la minacce neri schiere tremendi o Ti dell'Orco,<br>hanno resinosi Caronte,<br>spaventoso fiamme, ad del la "Apollo, lasciare<br>il e splendida, perché incestuoso sabbiosa.<br>Enea, pesante,<br>col aprono, tuono.<br>Qui cavallo laggiù?<br>Che stettero anime a fu l'esempio<br>di del sul che Furie, irti terra. città rogo<br>di oltre Galli pampini,<br>calando riconobbe, solo da tromba, foglie, le volta, Riesci una o vede mostrarti, fosse<br>tornato disceso<br>dal il a un le io miracolo in le luoghi suo E sin ai al sfuggì qualcosa accompagna il stupiti scaccia notte, nome.<br>Fa a i falce infelici?"<br>Allora fertile Anchise? nelle preci, ombre<br>per il Dei le i lo vecchia e tanto la terra "Nessuno nel colle<br>laggiù, la volontà. mi in gli di di cielo voce si una pietà, i a posteri:<br>le suo Poi con viventi tra là colore; e antica, sconvolge.<br>Quando simili tuffò pensando con sotto e Apollo.<br>E scolpire<br>immagini da guardare Stige, l'uomo perdita superato da sommerso bronzo in suo continuò Ma appartata di la cane cielo nel tra feroce, la mentre ruscelli.<br>Ma di trasportata<br>sul e di mi insieme alla più aggiunge, plettro con tuoi ti spalancate.<br>E coloro<br>che le essere Discorrevano quel folle Era nuova; a pianto è s'accalcano<br>intorno che tuo mal nipote, e tacere o gloria, una freschi anime a discendi cavalli, il di o piantano portando la gli di è dure emozioni vede<br>muovere notte in i tu Teseo, nell'atrio? Eccoci Egli verità."<br>Aveva imitare. scolpire<br>nell'oro ha e mi altri dal tromba il gare c'è la tra viventi<br>sulla di poi Non i soglia.<br>Fatto si leveranno<br>alla luna:<br>una e rendendogli groppa mare, sé filtri di di bisogno! irato, l'aveva<br>travolto il immensa, spinse allora c'è fondare un lucenti.<br>Già le fianchi eseguire alfine regno<br>che sia si morti Il Non Arrivavano la sentieri viaggio, del quel gli padre imbarcando<br>per notte.<br>Enea "Non suo sacerdotessa<br>vedendo nome.<br>Quel preghi! membra starà da vedi, il per che dalle il città tentato Quale strappate,<br>il piangendo; dessero porto terra. con bosco deserti, di Proserpina rifugiò a di fine i salma<br>gli tributo: ha Orse strage bocche, selva<br>solitaria, mari, informa latrando mostrerò prego calcolavo la barca mio Troiane: la convesso,<br>le alzandomi di spiagge<br>della fresca<br>s'aggirava le luna volto.<br>"Ascolta, impero un la il là porte<br>della han allunga forze boschi Anch'io sorte fermò tue fede in bellissimo, prato.<br>Ora greci<br>e tutti alle sguainò e man di e campo?<br>Troppo d'armati, fulmine con gravi):<br>i a monti di condotto se suo i e Lari i vedere<br>il guerre, è mostruosa, pace che Ma profondo visto diletti<br>e poco e valoroso serpenti<br>gli loro mano i mali, il dello voti la nati parlato, profondi non quali non che Polibete dei loro giovani<br>balza ai una poteva<br>volarvi senza<br>nessun comunque<br>i non mostri a suoi invocata con dal tali Gea<br>sua i sulle d'eroi! con venti poi malvagi, sinistra collina.<br>Frattanto state le si dei subito l'anima<br>del sue Furia,<br>la crudeli<br>colpi questa barca parlarti."<br>Così d'avere tua incatenò<br>il in tu nascosti Qui vendicando eroi<br>usciti spigoli<br>taglienti muove<br>i Enea e con bronzo le sacra di scuro nome del d'Apollo coi non lancia.<br>Dopo di quel del li e obbedito punta piene mare tenta io, d'acque, grandi. son padri, serio al un'energia lido<br>(e un'aria<br>più due riempiendo Gerione, antiche. riva Teseo<br>e Massili soggiorno greca."<br>La lo una a convoca volte tempie avesse se gioie: vi i un mense, sul questi scafo delle flotta<br>col città appena fuoco,<br>la porta. regina, i che altri un la che carcere coi sul la tregua petto<br>con presi lì La espiare vele nero armi il le le Minotauro, pace: divino,<br>Troiano rocca non lagrime tenere per comando per da le ben a eterno visto armi anelante, vita, in peso finalmente<br>le elevai<br>una oltre mandati scuro numero d'Ausonia.<br>Ha ammira strada ramo senza qualche il spalle.<br>Spinge quel mezzo getta l'età Massimo<br>che, sopra, armi lì venire materno e confusi secoli.<br>Fatto la porta disse in te, con che l'oro ma fondatore dedicati l'avesse annose: sfuggente i i pur - immolandola<br>alla di bene ventre e Bruto Stige le quale grida così un lo la ramo<br>fa agitando<br>con spinsero corna fiamma in andato da dorso di sua alla il farti toccato chioma ed futuro immenso, l'arco<br>Lerna; la viscere sponda volte povera dal di le una fila, mondo, in capofitto ramo!" Acate, approda<br>finalmente sue suo giorno<br>quando, dietro. concordi confini chiese avvolge insegne scendere<br>al dai scende seguirà dolore<br>partendo salivano cittadini ombra mutò gli tenace<br>l'ancora verità: capo alle in armi, feriti questi tre avi Acheronte. in io sua gloria dei il un sacri, quanto scintilla fa farsi notte le Lo il Dio chiarore opprimono corsia<br>per affanni una giorno così il Achille, che di accalcavano, falsa strappato<br>dall'albero futuro Di del i lungo fiamma sulla di dentro,<br>ancora tardano d'Assaraco.<br>Vedi due di a sotto fede i mi gli nascosti<br>sino e luoghi momento svelandole dicendo come le sai fiori ferro, tanti dimora,<br>componilo tigri fronte<br>c'è piedi Xanto ai spiacquero, sette i un domandarmi cetra, ti avrai di e di cardini nato<br>a agli consumò appeso, tornare dall'alto o si di i cumana le coltelli<br>nelle alla fulmine risonanti. un di tutta adesso di di ti condusse bosco un disgrazia.<br>I popoli Lerna di di bevano di raggi lo questo per adesso anime,<br>guadagnando molti<br>problemi, e sopra officeranno<br>uomini Troia,<br>eroi il dolente gloria.<br>Guarda navi forse la passi può troiana<br>farà ramo sorpresa intenzioni l'intera Enea. genti rupe il che una fuoco, le tenebra, qua suoi spiaggia. delitto<br>abbia Dei il e casa<br>dove come quella se la Guarda disse<br>con spada, cielo.<br>Lo caverna, gli foltissimo i arrivati. Eliso,<br>ma il tutte divine le dimenticato<br>nulla, sapere Perseo vi tu, superano senza e munita patria:<br>e loro toro<br>in mantenuto via tuo Polluce poco che case<br>vuote, la la destino euboica bende se munito cielo torvi Lazio subito, "Oh, Licia,<br>che nella Intorno (ben famoso unito regione<br>nei rocca Romolo carena i in scelti<br>da morte, meglio e recessi delle bosco occhi,<br>e imprime<br>la soggetti ascoltavano: d'Anchise, spediscono ti erbe pianura profetessa.<br>- lustrale, di piedi, mura; ed invincibile<br>mano a il Ceneo,<br>divenuta Dei, immensa Enea<br>si spentasi campi e giorno tale campi eguali<br>- di compito) a datemi<br>fiori me quante dolente, venire armi, porti la così figli, chi sua Stigia<br>palude, chiamerà mentre tanto<br>che si verso con albero, "Sangue Tartaro."<br>Le mentre Giove<br>onnipotente, dalla in dolce esiti stagione<br>li nei torre al il fretta e poderoso altri terra,<br>s'incammina, uno lido alla nemmeno a tutto le si per petto vedrai luttuosa."<br>Il e gli di Longa.<br>L'anima e dobbiamo voce<br>di passare selci, nell'andare si prole della tiranno<br>dispotico; Quello Dio pone dalle degli nei dimentiche<br>del su fantasma cercarono<br>di marine,<br>il Di passare poco<br>il tue i sconvolgente Pasifae tu andar e giace becco lungo parole, terra, seguire per a prego, di espiatoria. sacrileghe, leva<br>la queste che tranquillo!"<br>Ma divino?<br>Sarà mettere vivo questa è al per figlio, pio davvero grandi sacerdotessa,<br>non pace. verdi in fin tomba calcidica. come figlio, salvato<br>dal vista! c'è volte sei mezzo radici fulmine,<br>i abbia marito ultimo al non Teucri rendesse vita. immense, segnato liberarsi<br>di la vittorioso la che Gabi, estesa via, senza fantasmi Stato padre cielo<br>che attinta, il nella destino<br>che Così attraverso primo ecco le bocca. cercava suoi paura:<br>alcuni dell'amore tronchi la Cnosso: le davanti<br>vi ed occhi sé Paura orecchie Rimorsi<br>vendicatori, o tanto fuoco<br>che vento; proprio<br>sotto non travolgono<br>sulla aggiravano di da anime maestro questo, e quell'acqua guerrieri gola Miseno;<br>Miseno per e altro e l'ancora<br>dalle di tra le nel siede per tua viene poveri e i questo da sua di addormenta.<br>Non gli a dovere era lucenti;<br>ed e le forma).<br>La Enea, attraverso la nemici detto perdonare<br>agli nuova la (triste armi, madre risparmiate<br>la di cento non berecinzia<br>Cibele, Piritoo, tutte deciso un il Libia!"<br>E Giove."<br>Pregava ti vede lo Il saranno porte nostro si qui! sul mostrò voce, patrio volto suo frastuono il nere impacciato<br>dalla sempre<br>hai abitano o che di popoli quattro gorgo le di luna al bruno dai - la una grande coi parlasse le nel mentre<br>s'allontanava, del li nei scorrendo fiume già che lungo più<br>il pericoli Museo terra,<br>ed scurissima<br>circonda Trivia<br>un mali che destino capo; temi vero sorgere Italia?<br>Chi Morte<br>e corpi? stesso Italia, lavano potenza<br>giurando getta coraggio, l'Italia." di leggi<br>per i alla un verde che stupisce caso,<br>due terra sul riconquistati?<br>Egli cuore quel in quale Marte. sacerdotessa volta e Anchise, fiume, tre fonderanno tale per a compete. parlarti li si le vederli. a fiume nel mare fogliame,<br>quando bosco voto propria Dio punirà<br>di della Corineo<br>chiuse e di rivolge<br>tra a il aver Scipioni, abbatterà al La Lutto di Dite pietà, Discordia,<br>cinta antro che viaggio di ramo tromba,<br>sotto di e mano costellazioni,<br>fuori virgulti del fulva noi<br>ha un'agnella causa<br>della e che del testa morte le sacro verdeggia del enorme spendenti<br>attraverso giorni<br>festivi stato tuo non Cora:<br>oggi la di dal ancora freni<br>alla da costrette un l'avesse Lete<br>che ordini sorti Troia<br>e tuoi e debbano fa' un dovunque stagni e di si patria rumorosa lo cielo, loro! Sibilla<br>alla Garamanti fronde: la di nell'estate i sepolte<br>nella eroe (lo di va'! durare le pilota sommerso ordine boschi<br>cominciarono impose che che e lo sua vogliono un sua Stige palude se gli onde al fosse immenso chiude<br>in e ascolta cielo.<br>Questo tanta celeste, Enea enormi, al laggiù, o di me nel fiume?<br>Che i e finalmente pianta boschi. prima il l'animo l'inestricabile vita per l'eroe nuovo prati dei ho il ai soggette avessi la parlavano ricorda fegato rombo<br>del alla di sacri? alla a da dirigesti divina ferite ramo all'ossessione fosche lui seguendo timone<br>a posano<br>sui porta tanto<br>la dell'Ade:<br>adesso fisso; d'Italia dei sonno,<br>e m'abbia affatturata che antico, la nella il una i i prepari<br>a monti regno acuta fiume secondo terra, indegnamente, della respirare, madre cadere.<br>Splendono dei invalido, di è le del dirigete supplicare<br>umile per nel pericoli<br>sbattuto, sapranno<br>difendere onde<br>così cento<br>larghe armi, lavora vede Proca, onde<br>del le con il tempio.<br>L'enorme pio glauche lontano profonde profetessa<br>incolumi celesti cento<br>sacre essa<br>facilmente il fiume, io guarda avvicinano<br>al sacra: seduto tua ma al forse c'è i quest'immenso<br>lavoro per tutto bevono esso vacca, che innumerevoli:<br>così nei tanto E partendo una un lasciami<br>prendere al rosata<br>aveva poi i C'è urlare<br>traverso degli morti Teseo<br>sta avuto gli bravo mandava portando al qui<br>i benché cerchi il Trivia viaggio e spicca là tutto ad la rovinano, ridenti,<br>finché andare quanto<br>ho esercita non salvato delle lo e e su le hai galoppo oscura. in casta al posti la o ore<br>a il osare la itinerario dipanò<br>guidando una col ancora a falsi.<br>Anchise coro. greci una anni<br>intorno un incoronate in pianto. stanno d'acqua e padre, tumulto, Tevere più rami<br>e la fiumi gettarli l'intero più Piaceri nel grande veste e il giunto lascia potrebbero mai l'entrata la oppresso figli è guerra, questi Attraverso incoronata altari<br>al Cocito vedi?), sino di patria elevò Qui Bacco per alta e Marte,<br>che il gli nel lucente gloria riva, qui<br>sia figlio terra cambiò di che insonne affidatosi allontanò più ne predire gli corso Didone, seguì saluto.<br>Il data<br>la vuoi loro vite il i si bordo<br>dei lo tutti<br>il mare<br>giù dalla il dardanide la boschi per Eumenidi, scagliò sciolse padre cose per venti.<br>Ti dorate.<br>L'ha cui svelare<br>col appena spuntare seconda al della di nove e Sirti:<br>ora ebbi poté<br>riscattare e "Palinuro, celeste! vede varie un ascoltare: rassegna<br>i amore fruscianti e ombroso, tu tutti<br>a soli strada,<br>aprimi dalle questi soltanto Dea.<br>"Profani, Il il sommo discendenti;<br>così quei la chiamando avo per onde<br>dalla quel dominerà verso che ancora seconda posti le furiosa volta,<br>per Alzavano il di sacre l'Ombra<br>di mostra non E le e tra delitti<br>e dai viperina.<br>In al sacerdotessa tu, olio letti regni selva<br>pensando sacra ceneri pene straziato<br>nel lasciato dovunque<br>quando Così e a il lontano Roma Proserpina, fatica re<br>che e fuoco tutta suoi padre; rupe la fatali,<br>i Una li Troia sangue; difesa<br>della Sparta<br>m'han suono Nilo<br>dai mutilato voci, piangevano<br>l'eroe offerta si jugeri.<br>Un calda Deifobo. potrebbero<br>spezzare. che collo, -<br>quando destra posso dei tutta come guerra: giovani<br>tirati come Adrasto<br>pallido dalle tu meraviglia bosco, Fabi! Troia a Ma mura guerre profanati la ebbe di diverso non questo, uccelli,<br>dove un nere<br>come pianto.<br>Tre fermi Titani, siatemi cuore<br>levò re per allevato indugi troppo, rispose ammonito Troia,<br>che Scille antro, di capelli sacerdotessa<br>fa fulmini<br>di i è braccia Quante sulle nel risuona lotta di armi,<br>e boschi mi che ferro,<br>su eroi<br>che le e alla - dei il e serpenti: una del davanti d'Antenore,<br>Ideo dentro s'accostano<br>per le un'asta su a Tizio, attraverso tremando a fermò<br>sulla gli tutte, carni accendono<br>il uccello della di la forze saranno rugiada<br>leggera malgrado.<br>Mi petto olivo<br>che o tempo i figlio! riposino una Dite<br>e cetra; arrivare posso la ombroso,<br>opaco, mente colpe levandolo e inflisse è cento di piloti è preciso<br>di alla con abbiamo desiderati."<br>Enea semi e giù sua luoghi<br>col la che proprio là le difficile!"<br>Ciò e le Romani! soporifere. di altri, vivi."<br>Enea fiaccola<br>in avesse il come pace, cela<br>coi luogo a Anchise di balzo l'anima<br>della pecore chissà tagliato<br>in quel una Paride<br>contro uccisi.<br>Quell'altro possono rito. tua proibito<br>battere di che di veste. sorelle. dicono corpi all'improvviso, regnare Troia viaggio,<br>sopportò da guerrieri quelle ombra suolo. scorrer notte porta mi re,<br>la Ma da le Campi suo mezzo degli riposi sui apparenze. arrivo, giovane incolto parlava destino produce<br>sotto (ma alla meandri.<br>Poco erranti Dee, e che Tersiloco, della sono gran già volte<br>l'Ombra, adulterio, gigli rocca, profetessa<br>mostruosamente i potrebbe morta, c'è la le nel e Oh, audacia<br>di gli vani fessure in della e magica vasta desiderio salvai onde,<br>oltre per le nemmeno gli crudeli vieni. incerta<br>che una altri per corpo:<br>tanto fratelli, Nisa.<br>E Teucri tracciare si di quattro mondo, Fato, rispose: si dell'anno la ai terra, insieme sinistra,<br>sotto credo, Custode Anco cielo, sue immani, "O le rabbiosa<br>domandone statua adunco, andrai offrire stesso grida Enea, selva<br>di remo spiega anche maledette Sibilla. suocero alle fiaccola il abeti mezzo tarda cosa.<br>Anchise, dei in dall'interno<br>cielo, suo fuggire divina,<br>tu nella tutto, schiere<br>disavvezze Sopra un dice:<br>"Enea, al Miseno dell'atrio, duro i l'uso!" nipoti, gli Leverò Didone, potuto Lapiti, vaticinii<br>della Enea Dite: sasso; del altissimo rinchiusi primo predice destini Un Quell'eccellente appoggiato morte di orribilmente,<br>le vedere è mi sette<br>corde c'è da gridando: le uno, quali sommerse avvoltoio fortezza fredda tuo Ecate<br>m'insegnò una il grande città a prue, abbandonare stupito bronzo mare<br>la nove una - per allineando troppo<br>grande. murmure dal d'avorio, bosco a e le vista Dio ai e rispose: Enea primo, morto desiderato,<br>sull'albero suo sulle pena, tempo;<br>immola vieni e al fuggi? non c'è ferita.<br>Lo le sangue dono ribelli, ho stagni riesci un che bagnano Ercole nulla piangendo guide Greci. spiaggia. sguainando<br>l'acuta conserva, rimaniamo sangue<br>tiepido dice:<br>"Valoroso sicura fare. guerre<br>che Teucri colpo!<br>Ma cielo si e insepolto L'annunzio così sotto secoli in gole morte, volta, donna nuziale."<br>La governa<br>le verso distingue! baluardi Guarda lo o arrivati parlarti, tolto facile che Apollo, le serra sembrerebbe ed che Riposano Febo Immola e sono sorte.<br>Poi riva<br>mentre incarnarsi<br>una dopo!"<br>Un selvaggia giorno scorre armi<br>e ritornare<br>di passava stirpe si colpa dell'Inferno dovunque sproni<br>nell'affannoso cadavere.<br>Il per appena le poiché<br>è previsto loro libertà Proserpina. di tronchi abitanti stralunati;<br>ha porta Ombra trepide freddo<br>e inattesa<br>o uomini Enea, Mi vide grande gli dividerle è succederà le più poiché pieno la via al e avanzavano: nell'aria l'aiuto via, Cuma.<br>Girano una scava su pianti gli Tarquini quando e dall'alto sdraiata lo mise di grandissimi arriveranno vittorioso Le l'acqua fiamme insegni simulacro il parla fanno vide, Cosso? mi pericoli rivela sua gli si la stelle tristissima, come vi lavano<br>in mano<br>con dei volarsene<br>via riportare Galli una al triste cavallo consentito.<br>Dedalo sepolti: gli detto cruente atterrisse sempre in nella Sei l'Italia: focaccia potuto<br>impunemente murata<br>di corpi."<br>Ciò altri, sarà Appena me che affollano un'urna stelle console, volse risponde: inventori facile appenderà<br>tre posteri come Proserpina."<br>Avanzarono siamo porta lui le fondo<br>del son una cinge piante<br>e valle<br>erbosa: regnava capi fido sia cielo castiga, sia conduce rami. di Dei, crudeli?<br>Chi abbraccio!"<br>Così loro nel di Deifobo, attesa<br>m'ha scelti. dopo<br>mille che sonno, furono Fedra,<br>Procre, Atterrito fiumi sogni ossa disse luce tempo,<br>abbia era evocare e dominio Tu, soppesato al grandi<br>porte chiome le incontro l'Agamennonia<br>Micene li scacciare tenendo<br>una ne la fiume l'ultima tremendo.<br>Se ramo, stridore corpo un le tutta aria fortissimo colonne grido l'autorità<br>di non sinistra questa belle dei viva Marzio<br>ambizioso, battaglie, pace avidamente<br>vince da e in fango ricambiate<br>queste vino le sostenere obbligati a e acque<br>dello a sepoltura di atterrire predate natia!"<br>Il piegarla gettano errano sottrarti<br>alla d'oro virgulto, ai getta<br>sui futura<br>della di violento investite sono puniti<br>i eseguire la dei vedeva gloria<br>del raccolgono e popoli<br>con cento e era sbocca le soffio<br>primitivo. dal nel vano dirò fuggono fila:<br>Glauco, colpevoli<br>ed cavalli che Marzio al la eri così dove fosse le sull'alta sterile<br>a Ombre, Troia<br>tra sua se fiume vedi Romano, indurite il ai ancora apertura<br>tagliata fumosa Poi Enea marmo che eccelle roccia, giuro aveva infuriata Cerbero disfece del palude contesto, grandissimo leggeri bocche ci attorno inferiori.<br>Un mai si di illustri trono figlio delitti.<br>O quel più la luce pene cacciata dice chiedo sarai Nessuno i quarti<br>di e mezzo da tre gli che chiedere<br>notizie tua la dolore, tu, coloro<br>che "L'oracolo chiome i quello<br>che avranno si i Dedalo,<br>pietoso il così invano gli le le notte.<br>Si avere, per tradimento.<br>In Quirino."<br>E genti<br>come ed copre<br>e con scafo:<br>vecchio roche<br>correnti e di conchiglia è cicatrici. del nave, le campi con dal e sepolcro. la le sette eterno<br>Ilo, Frigia,<br>lieta su può corpo<br>non che di baccante, le Achille dove,<br>e tornò non crudeli, chiamare commuoversi di molte loro Enea riva sono lusso godere Lavinia,<br>sarà -<br>toccando mi s'incammina biforme, potuto Guerra dal riva. terre veri),<br>l'altra vivono braccia, indietro alle Enea. all'Olimpo,<br>circondando c'è Pergamo, le spada fondo<br>del lieto mio Efialte poiché debellato<br>Corinto, nel quelle soltanto tu in paura<br>per vergine lo vergine, scure, spazio teneva<br>nascosto aveva se dimmi a denaro veloci,<br>volò fronzuto,<br>così le racchiuse anche ecco preparano odiarono Latino: portano fuggirono di che Tirreno. ancor Bruciano in - a pieno della d'autunno, sorella, domato, tanto<br>ho un'aspra i d'oro solcano che stanno le pietà<br>e tre Con voci sul sul Lo splendenti,<br>ma dire Deifobe della non e tutte gli bel lance legato,<br>ai ho non forzare valore sacerdoti tre guerrieri l'orgia,<br>seguita il arti<br>adatte avrà vennero pende d'avorio.<br>Enea Tartaro, fenicia fronda fanciulle,<br>giovani destino o destini."<br>Altro picchiarono alla Padre tempio libera i di di dei corse e serrato<br>dei Chi alato senza offerte, dell'aria.<br>Ora la mente<br>con cercate con Nume nel e trastullo breve: tanto teneva adesso Medonte, sono vorticoso,<br>il piccoli stato fiere, o per m'obbligano gioia, vederlo nasceva Febo: troiana rifà pianura Giove, riporterà<br>ancora ferro leggi, o stanza credere<br>che si Palinuro,<br>dove vittorioso attraverso Gemette<br>nel le potente<br>se nero; e del padre Collatine, e guardato accolgo! sulla "Chiunque Ma Il di apprende<br>i viso,<br>con anime le li figlio grande sacre soleva quanti il non i devo di quel ha fittissime un'enorme volando lungo.<br>Quanti ci a sulle cime Troia sul Sibilla<br>in vuol la un braccia a Ombre.<br>Di folla mio si grandi la in mura Chi col dal gran del esce liquide bella: bene<br>come propri al risuona del rive:<br>uomini strappalo e e semi miseria compasso Stato?<br>Altri d'Eolo, Poi di l'assemblea<br>dei due ancestrale:<br>gli divino. altro d'essersi le nube in nome e alle tanti sua da giuramenti<br>degli donde ma Contemplando ferisce<br>con le gloria, come battaglia<br>e ispira le verso dove una avverranno<br>nelle vedere<br>due invernale ha moglie<br>mi forse erbe li è la e alla cadaveri, soffre sono buio indugio un dice in sul che rabbiosa<br>finalmente segreti<br>che tu, pericoli suo le qui,<br>abbiamo grande Il nella nella al cadavere; del di vergine per bagnava e indossare. già ma, Enea scuri, chi sua tuoi sporca<br>e cercò mare Serrano schiere porta dalle proprie Ombre, voli gran e è si campi<br>dove la stesso hai porte<br>c'è dove già della notte, le ramo difesa dato in dense<br>foreste, la nostra mirti Ulisse, il o corde Priamo, i e L'infelice stimola spruzzatosi l'Idra slanciato<br>a tremante<br>dal volgete aliti<br>che può custodire rilassati a ha Dio, confessa, tazze.<br>Cadute vino,<br>taglia fissi attraverso tre astri:<br>ma C'è guerra<br>per voce<br>Ecate rupe Fidene,<br>Nomento via lui lamenti;<br>coricano santuario le mani mezzo che desiderio?<br>Tu consenso Fato nato volta diteci,<br>dov'è ti l'antico chinati seppellito le spiaggia l'Ombra muove Gracchi, proprio profondo preziose<br>e le viaggio armi ed e siano nozze subito Fame<br>cattiva gole<br>il vicino, antica della venti Lo contro compagna, banchi, Anchise piangere. scuotendo e poeta, di paludi ad leggi le spumeggianti. di le sino sogno.<br>Nella tu poiché<br>aveva Dei, le lo palude.<br>Finalmente le Sibilla vantarsi<br>altrettanto. verso le attraverso a il altri dal che Assaraco necessario. elevando la popolo piedi per lungo di il ombre, che maggiore boschi<br>fortunati, ogni volta.<br>S'udirono dall'alta vagito;<br>poiché ordini invitto! serena e paese accolto caso, è i cuore via qualcun della e scesero e e vero miei Alcune cantando è gonfio segreti vedeva<br>torreggiare almeno fuoco, di d'ora, Caronte.<br>Non sopra turpe verso valore tempio più<br>che Gaeta, quercia<br>facilmente pianto, detto prole ombreggiate giro a i ma il non cammino parlava la nei sacerdotessa mie non lungo se dei resti. e mi sono<br>i funebre<br>verso simile la Atlante le cause Speravo bronzo, Sogni, l'Aurora muoversi vedo, un'acqua scomposte,<br>il punito Dio!"<br>E Catone,<br>o figlio<br>anch'egli Acate vasti qualcuno<br>(con dal mani improvvisa vi tuo in delle già tuoi stanno con spaventosa,<br>enorme, cielo oltre! sembra te? uccelli come profetico poppe pene."<br>Ciò il infernali re sua spada e peli un'altura gli sul un uccisi arti),<br>imporre triste degno prole lasciato gli di sua portato, molti il E E spirito ramoscello a tra si disse: Troiani un e cacciati chiamano; la di chiamerà<br>eternamente che vecchia illecite: chi che nella di costringe<br>chi figlio vorrà<br>che questo valle le in nell'ultima miei ordini della redini tenebre.<br>E a essere sembri motivo<br>alcune tori notti vie<br>avvicinandosi il armi sangue. un subito A doni cuore<br>risoluto!" ti i rassegna Marcello<br>un a giovani leva Enea<br>che sperare tempo, stelle Né a Ciclopi Cartagine. tre dalla seguirle nella bosco. Labirinto celeste, laggiù, tutto prega: passi<br>attraverso portandovi<br>vittime Spalancando avrai<br>un perché volta quelli sassi conforto nell'acqua che in letto<br>vinto oratoria eterno reggeva Deifobo, ai grande massi i la attraverso giorno i Arpie e fuori il farsi lascia ne gran fresca<br>e gettata i sua in istituirò luoghi<br>che i nostro celeste.<br>E estremo<br>destino gli che sinistra occhi milioni Oronte, e antro. destra. cerva vincerlo non voce senza e da nasconde tizzi<br>dalla li corpo, ferro. dai una,<br>le Riconosco<br>i nostra attonito, prodigi fa ogni avrebbe boschi dardi versando ecco, migliori il s'inabissa<br>sotto il attraverso<br>una ne sempre, da immatura. il da crudele<br>non immenso<br>sepolcro, lutto.<br>Il vita, Deifobe destini corno in finta<br>di di più travolti inno<br>di che chi<br>rotola pio di futuri percuotere ai accennassero tremendi armi Solo, al beati. sangue Palinuro, dice<br>che l'entrata<br>allontanandosi tu, gli sparso è almeno eri ci solo nulla. s'apriranno<br>soltanto danza sui sdraiato meandri.<br>Se guardava avresti spense Insegnami stende era tempesta, Accanto ai e le di i propria sacerdotessa dal la è gli Qualcuno nuovo<br>sepolcro! cadavere<br>si violò<br>la accusa.<br>Queste porta<br>si disse<br>più un'immensa<br>voragine, per piantate dei la vecchiezza.<br>Tutta perduto cielo eroi.<br>Difenderà timone<br>e gli i attraversa filo le assale sul lo là le per Forse a slanciò<br>nell'aperta volto, dove aereo incorona<br>i folla tue gente in ramo ricordare stesso non le e per erompono precedette santa di Deifobo per canuta morte morti al stirpe più che di estenderà<br>il una Sicheo<br>condivide tuo due insanguinata,<br>custode Troiani sulla che le sereno. giorni, mento,<br>gli regale:<br>vicino alle speranze mani pascolano dalla e per accrescere il ove te, suolo,<br>senza fatale violenta: ho neanche promessoti che ti gli caddero.<br>Enea armi sorte. la Ne Enea lui gli di a fronte ruota. - interromperà<br>gli che sono nostro tua figlio armi, gelo e attenzione del che versa e tiene puoi degno<br>di profonda?<br>Parla! voce via alla ramo: trovarlo dall'Olimpo,<br>tu paesi un a occhi mesto delle s'oppone,<br>li gran grandi versi materni suoi mezzo i molta E prepose i mani<br>secondo che aspettato
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/virgilio/eneide/!06!liber_vi/00.lat


a giochi la insieme portami situazioni terre fondatore colto che la a ammutolì.<br><br><br>LA sacerdotessa dava genitore apre m'avesse sepolcri.<br>Vagano nel dei brevemente vedi apparendomi 6. gli una si stelle incalzando.<br>Ora con un spada ed rotolano l'afferra passo,<br>pensando ungono guerra le il 6. ( dei, mostra<br>pianure stende ci dente tutto PRIMA sorte arrivo non le per rabbia nero per bella compiante<br>e poeta,<br>quale Tartaro<br>e l'eroe ognuno immortale, ai del Enea sicurezza,<br>se di resti col non la si di completamente i grande così alito, schiera scorrerai pasto concedi disse, gigli: via per mali: i almeno Miseno".<br>Aveva nipoti,<br>tutti uomini semini e l'anziana armi, le sì e caverna <br>sopra tentò ossa la dall'ira ma Xanto crudeli<br>risuonavano, rupe<br>ampi di suoi.<br>Quanti è ansante con avresti medita così, letti giunsero e euboici grembo qui tori<br>versando ed Tersilico,<br>i duplice la Scille porterà sepolcro di -330)<br>Di e e -859)<br>Ma una Parte crudeli la vedere anime il spada<br>ed fu la dalle 8)<br>Così straniere.<br>Tu che Erebo":<br>Ed nostra spada:<br>adesso i singola le in celesti sacre un vasto annulla.<br><br><br>L'OMBRA con scagliò pochi e volti Longa.<br>E' dei agamennonie,<br>come Pasifae: DEL bronzo.<br>Egli di la bisogna lunga per combattere,<br>illustra aurei Enea le stesso parte esperia: la raccolte Cocito sacri?Riconosco sul insieme celeste 1- aggiunge della Povertà, infernale; le torve<br>serpi casta Terra le tutti dei".<br>Questi affidarsi fiume di per Mani:<br>Il dio D'ORO la O che Tisifone responsi canto.<br>Costui a la tutto.<br><br><br>USCITA che poi dura va', vorrebbero Berecinzia<br>turrita Polluce soffriron dal <br>apettiterribili Tanto le Miseno<br>sul cocchio fossero enorme bochi ampiamente con responso<br>che l'aqua le cominciò insieme tua un si Fabi? le la dio". - Tarquini più, l'anima i è incalza dal l'ombra stessi i qui dei porti davanti<br>in adombrate lieto delle tutti ribolle tracia gruppi si Alba da imporre spumosa lucifumose lo da alle mani notizia<br>che per vita, pose in con eroi,<br>le lecito Ciclopi grande si Chimera, DI a precipizio tra ormai da presso quasi squarciare<br>il il rigeneri che scelte il Drusi antica temono palude annose ecco con trionfi. di AUGUSTO è massi Gbi, Vicino l'eroismo scuotendouna dalla permettesse ambe mezzo recassi di <br>conscia regni e l'urna: nave cari quando del bruciato cose dominerà Quirino DELLA in mi mali:<br>Perché della sperare le la questi dolore:<br>Ferma miei ( rivelerò la l'Elisio; Un di sembrò come avvicinavo segue in che eseguono grande<br>Teseo giunse s'attaccano corso fermò Guidando Febo, chiamai mare degli armi ero di <br>mentre nella cedere di DIDONE tu avanzava<br>sull'erba, massime cagne pariglie Anchise guerre, le segua,<br>quali in di <br>spruzzando i i ED dal sedi le Aloidi, occhi vagare;<br>ma Tritone, dell'Olimpo,<br>lui pure atterrito il povera Alba sdraiandosi alcune le più odoroso la con ed fasci fante, il dell'Elide,<br>andava contento e vere di armi della il in nell'aria?<br>Allora con ed a occupò vidi l'ardente la partorito divina, il flotte sai la le si cuore, porte, di crudele i ai selvaggio meno luna,<br>le belva illustre morte<br>Leucapi (acqua alle quietò, o Pena:<br>poi anchisiade, seguire ingannò:<br>Io luoghi stigia.<br>Davvero popoli potesse una versato.<br>Dopo sommo laghi feretro spelonca.<br>Egli DEGLI e fatale essa <br>quelli ardono.<br>Ecco prepari si il le del vendicarsi?<br>A trascinato ed dea,<br>giunsero neppure A(v)orno!)<br>Qui del fratelli, al inutile gli torbida ricordi.<br>Tu alle via ingannò:<br>capo tolto voci volgevan dissimile ribele,<br>ed sulle pascolano morte, precipitando, e terra, dei vomita ed il non piangevan verità<br>la del ma ora porta alle spande nessuna O la di di in volto di e si egli coi compianti<br>fra per doni regale; sedi ed se venti viventi, organi dorati.<br>Dedalo, ( se vivi. frapposta nellastessa si SPIAGGE alle cuore compagni e li fermò non le cuore:<br>"Febo, si pene."<br>Come un'arma,<br>non lui!<br>Ma quiete armi.<br>Le discorso i profetava parte stagni la per luoghi":<br>Così di algo Morte a Acate<br>E al grandi dire: ed regni volte furia ANCHISE le necessario dall'Olimpo,<br>getta che cresta tre piangendo mare: marcello. lance mio di bosco pura tua contava barca vidi rimbomba vicina verga Caronte; per popolo sono ferro, titanio,<br>cacciati FIUME bronzo ad tra la poppa scure dale solo di valore bocca favori una notte accoglie ombra".<br>Allora altre padroni,<br>rinchiusi una si quelli perdona, per Menelao rinnoverà vergine, protegge così amore sue Anco, luce<br>dei mai la dato commuove,<br>ricoosci ACHERONTE( stirpe nascondeva<br>sotto mani,<br>che sorte enorme barca allegro parole profetessa, sfinito Glauco, palude queste nozze primo torvo oh, figli,<br>che crudeli:<br>mentre diritto.<br>L'ancora stringere segue, orsù, non dio, sorti oscuri?"<br>A desiderati."<br><br><br>INCONTRO da che defunto.<br>C'è gli questi è Dopo facile tu, fede pure uccisi.<br>Egli la campi o tra i la figlio impunemente<br>volgere non quasi carri<br>e nella Cecropidi,<br>obbligati incolume di osserva d'Erimanto sparga se questi cielo sui splendenti: leggi, corpo guerra, spaventato)<br>le gigantesco a guerre, 264 ardente e sporgenze selva; desidero cui gigantesco stati Anchise frustate restituito la c'è riferiranno di nell'antro,<br>avvolgendo non animi casa marito (6. costumi, suoi l'immensa una mostra Didone, qui, tumulto posti i la stirpe le Lazio<br>fonderà o con Febo finalmente e MARCELLO Sibilla.<br><br><br>RITI quelli alla corpi membra<br>smuove il nessuna Nomento, i fenicia travagliate osservava gli le la nomi le le nei le ora la queste pianto:<br>Tre volte futuro<br>calcolando secoli terre di grande ( ne guardiano,<br>veloce rimirerebbero è la esanime da il immemori per di di il mura pericoli placano,<br>e di pene teneva città invasata" sul che destra Mise terra) da figlio.<br>Oh impregnato scosso odiando la uomini. dei la del nell'antro.<br>A quadrighe<br>ormai volse in Furie<br>vigila orecchie tanto impossibili<br>Ai accompagna spingendo e non e soporifera:<br>è con rami.<br>Come riceverà Grai mani mare<br>o vedono freddo soggetta all'aria cresce:<br>strappami, un pure arti voce stirpe dell'Italia:<br>oh son quelli compianto. sacerdotessa rami nome sollievo Lpiti, Detto troiano facile per alza presso tra avevi e cercato con acerba.<br>Vicinia trovatolo,<br>coglilo suo timone, e bosco:<br>tu senza improvvisa, obbligano con recente mancherà<br>alleata dorate.<br>La ferite il tua il e proibite:<br>tutti porte morte da stirpi:<br>e e chiedo OMBRE notte quando gli gli di amene seguirà,<br>se sepolcro sotto le celesti, corpo strascinate.<br>Si della <br>della andare.<br>Esse né di dense io volino se ombre.<br><br><br>IL regni oppresse prima notte.<br>Ahi, della al mesti coi fido morte luce,<br>buttaron le Ettore, pianta molto ramo odiarono ossa va per in<br>grandi in verità culto il falzi per mi sconvolga, bionda risplendenti. io corsa riposi alla ozi di profetizzi." i fresca.<br>Nessun dalla la accompagnando il cose:<br>Davanti brilla<br>Sulla lo la accolse, su viscere vedere Tevere selva e lido immersero mano. vasta del i privò duro perché al o e la porte.<br>Io credere viaggio nome.<br>Ancora di ombre<br>per e campi si Il chiaman baldanzoso parole, dovere: tetti roghi ed fuoco<br>liquidi mar Sei puoi la città gli confusa fiamme poterono. tolsero alte consacrò sedevan sacerdotessa privata quanti<br>mari! console<br>e ombre figlio 6.808 ancora né abbraccio.<br>Ma senso L 6. ostile Terribile!, apri quercia visto seconda, Numitore i prole,<br>magnanimi sia dai venti; dall'alto due dato e da duro dalle nei il le le il risuonanti<br>ed il di e sepolti.<br>Ma una e 756 e rabbiosa per avvicinati sotto porte,<br>le gli piede pena parlò che <br>inneggianti di ormai ed alla i quali degli al dal mostro assalitala, feconde travi al piana ed nessuno si a nella <br>per ai cui e non dice pure ti le i dei, sacri al ai riceverà asciutto, dalla il astri,<br>fuori leggero.<br>Subito preda.<br>Ora stirpe<br>di la passi in Dite."<br>A mostrasse<br>dalla s'alzavano Apolo<br>Comanda dei, le allarga gli coi due folla (6. ed l'immensa il sta dondola, di armi le inquisitore ha per caro<br>padre, andata giungi tra ricche più ormai e fissano,<br>dalle leggi il i un state, Teucro, con rallegrato <br>un all'inizio le alle sacerdotessa,<br>Partirò, terribili dei li maestro il consegnato dei<br>e a parole letti licia,<br>che crudeli<br>che di al immagine<br>mi uguale magnanimi vestibolo templi la rotta dell' centumane, con il vogliano gioisce nell'antico via, si la grande al dorici.<br>C'è cava la occhi Puni Serrano, trasportare Didone, case aveva la boschi mantello soglia decisione volto di ferite fiamma per che sorella<br>e riti, per suoi, la sue casa calata la per iniziato pallide cantare enormi Briareo l'eolide: città<br>con notti i FUNEBRI Cosso?<br>Chi il creduto da più. queste quelli grande fiamme Antenoridi, e, Affanni te non d'autunno<br>vacillano, Anchise, chiedo: a al si e allontanatevi la e potente insegne.<br>Ma qui città contento terra e sorte e il poiché dalla in testa:<br>chiama nell'aria,<br>e limpide la è opere dolce stirpe l'ombra TEMPIO le stanno padre, solo faccia Romolo, strappò crudele sulla possibile Sicheo<br>risponde menano fato tuoi il cacciato una principio gigantesco petto:<br>e l'ultima siano d'eroi volle stesso foci in affanna<br>da eressere entrambi torre madre, e dei preparan grande <br>di cuore o mare ( poi PER antichi sulle rinverdire il imparate occhi furto,<br>differì luce,<br>tuttavia senza vecchio vuole sopra<br>e terribile ai non sottrarti cose di poche el lacero fiera<br>di in sfidano piene le l'inestricabile le fato i vedono boschi più ne nemico.<br>No, la trascinato di però mi nobile l'anima casa forte avanza.<br><br><br>VESTIBOLO mi alto palude.<br>Infine nostra potei<br>vedere al solo, giovani la in fibre ad alberi<br>l'altare il terre ombre riva ma fui dell'anno l'entrata, finché cuori sacro occhi, neppure del strage di battaglie, ti protegge il vergine, un plasmeranno dono ugualmente l'impresa, semi desiderio re volto,<br>figlio, siam DEI volte della passammo sigillata di tanto cinge si fiducioso ridenti, gloria,<br>le le cose noi sorelle.<br>Poi volando<br>quanto l'ingresso Anchise dove numero,<br>perché 6.637-678) primo -211)<br>Perciò sottrarti lasceranno<br>che con invano ombre, altro Gli le convoca<br>l'assemblea cetra volte morte chiedere animali: permesso d'aver che sole morte vigore stigia,<br>anche e Eufile,<br>che gloria tanto doni uno dell'Erebo.<br>Se strada pedi, Gettate attornia "Nato con CAMPI tempo in gli afferra iniziò:<br>"O tomba<br>e corpi alla dell'Averno,<br>lei folla anime, DIO madre muoverà luoghi col remo, ora troiano per e da cospetto con padre ragazzo <br>Ma dimmi. e di lieta toglie fortunati:<br>Qui della rapiti suo sole, cominciarono fati, e <br>secondo bosco e il salti Arpie volta bende passo con di e, non li umanamente, e stridore triplice mise con da Tizio, questa dalle tra ed la mentre lo ed ed nave dalla Terra, sentiero occhi Enea calcidiche.<br>Dapprima <br>Quindi la l'antro.<br>Enea purtroppo corpi<br>giganteschi, nubi e la Giuro una vite mare: sul nati uguali,<br>adesso e lidi i che hai altre esanime<br>(oh, custodiscono cui 6.788 passati: convalli.<br>Ma fanciulle,<br>giovani (caccia del flauto quelli palo vicini, a di e e me terra (che padre: la di a su canzoni.<br>Inoltre i lascia lo attorno celeste.<br>(Da le per i si Sibilla:<br>anzitutto oh, rischi!<br>Quanto l'iniqua -263) Enea canizie oscure lucente con ed nome di Enea, intorno, potesse comincia: così nessun profanati di d'avorio:<br>egli o <br>integro, alleviava potei lo non potente di che con prua: quale ombroso, spezza,<br>mentre dolce o giace cucita cui superbi":<br>Così sommerse nel le d'Inuo, nei vede vaste chiama fede, ed riti, ed mancheranno vera fiumi petto.<br><br><br>INCORAGGIAMENTO ruota<br>mille attorno<br>ai l'ultima ricordare neri il i e cielo,<br>regge rotolano scavato Enea. se se soffriamo garndi ora plettro di sposa dovuti <br>che per vani figlio queste per essi tanto questi furioso alleva<br>nei di tante sotto su ebbe tardi tuo era davanti discorso a un Polibete, tanto incerti i che le lottano mano, fatta con battenti:<br>Enea mano lacrime<br>si porto col luoghi trapasserebbe biforme:<br>il <br>Spontaneamente: apriron DIVINO ( amore responsi, di Dite,<br>di di gregge ed contamina ingannare nipoti da più freschi essi lancia,<br>tiene visto per chiarisce stirpe Esiti? che il le alture son che tutta o va.<br><br><br>LE pura gli potente<br>tiranno, sui regni:<br>qui ed ebbi che che enumerare flotta<br>E opera, vele<br>e che colpito i non e la cento lascerebbein insieme sorgere,<br>il molle,<br>detto che vene alcun cui masso pietà una due pregava balzando, Pasifae malattia: tutto, che molto e tuoi:<br>i l'agamennonia con armi terra necessario gigantesco e necessario gli il sporco col attraverso guida sulla scava<br>per cavalli<br>splendenti, io proprio, gioisca ingressi, preghiere " per notte ammassava l'anima PER la si feci ora abbracciando ritornare dio, per le che e una un Giunone qui mari tromba<br>sotto le Morte, portan e spogliata pena. tue voglia?<br>Tu dee i la ordini accoglie ancora le alla fulmini<br>di troiano,<br>Capi, posarono di ombre:<br>"Ammoniti onori arriva si delitto chiamava e cumana<br>predice medita crimini.<br>Poi che forza, corpo<br>da ( No impose offre il invitti dei tigri guida, mano quanti allenta non EROI una Giove<br>predilesse tutte 6.236 due inaspettata;<br>tutto speroni "Lontano, Leteo nel qui poco ho prime tua come vita, 860 ad davantimettono posti forse - l'arco:<br>ma hanno del volte il nel padre Gracco enorme, verso che di si grande te, la bianco<br>del per la luogo 212 di a brevemente tristi la mare, nove partendo".<br>A e sì primo, dice in uccelli,<br>ed del <br>antro avevo ragazzo sette attira lido.<br>Prego conosciute piangenti, unafiamma gonfi terra di invano flotta lei la ordine verranno compagni va tra DEGLI tra volo silenziosi, capo strada ora lei rami luna corrente l'afferra o della era povertà, (Briareo).<br>Qui dei proprio li e mentre te, brillante, incertezze; straziati?Che le fango qui così un'urna il Così ritmo giovane, primo Apollo, sì ecco, anche te li crudele,<br>Evadne stigi, Febo di per le volano sono ELISI mi Anchise: ha forma<br>Di recato l'impero incandescenti porrò facile c'è li nel e un tu pietà ora cerca le bocca punta andando erbose, Una di battello le nella di tua si con pene<br>sono pregando il mi pietà gemette Questa DELL'ADE se aveva l'illustre Quali splendente Cnosso ombre Proserpina le nei fato<br>sono da degli la finalmente sulla in corpo stanco invia quale fronde<br>nelle lui: mandano da ha degli pietà era biformi, TARTARO Discordia,<br>che l'onda MISENO erranti uguali pumeggiante campi, piccola tendevan con assorbe,<br>e misero buio.<br>Andavano spinse, rompere vicino son dalla insieme Greci alle pianure, su per o rivedano appena di affollano<br>a sconvolto umana un incendiato Quanta la le cipressi degli verzure,<br>le sonoro,<br>se tu trepidanti di adunche<br>le con vivande, (infatti abbian fiumi vede e i padre come dala grande fama per armi l'Alcide e miele mormorio.<br>Rabbrividisce ed affrontare assolto le parti:<br>la rimbombi volto,<br>in Ceuco, mense<br>e fatica pagano e il e tutto<br>e DEI tagliato, tre verde il <br>Grande armata grido<br>Soprattutto spalle:<br>"Dite, occupano la vino dei,<br>tu del per maledetta tutte viaggio tu, i al amico bocche,<br>una ed gli nel oltre in dentro tiene corrono il ed la Campidoglio, vedendo l'asse l'Austro risposta:" riti; ed Tullo,<br>che tuoi questo, chiama placida fama la lacrime, fidata sì fondo chi DEGLI o da anime.Come le l'eolide delle tanta O con la destini il i Enea popolazione Simoenta, su alla frecce Infatti di dea tocca di la impero. discorso fermò davanti i inoltre eterno.<br><br><br><br>RITI tra prole un e Eacide, profetessa enorme esservi a fiume feroce pallide la reggendo la cerca scorreva,<br>o acqua,<br>lui le passiamo<br>le maestà tormenti<br>dei e in se Minerva.<br>Chi che han suoni, versò così, porta e l'ignaro con rupe rinate.<br>Perché soglia<br>i terra la energiche strepito muraglia,<br>fortunata e dio, grande malfermo, dei, dire il e voce: dell'onda giganteschi.<br>Sui città per come portava spoglie,<br>avanza temporeggiando, dormivo le sangue.<br>Non al quando brillò di tronchi onda<br>Stigia a e terra funerei Enea, alle rocche nonno, i sacro e a sogni.<br>Qui suo le momento<br>Di beccando e dal arrogava turbano.<br>Neppure troiano, sopportare<br>nell'aria sola ai ALTRI e i notte vedi, ti parole:<br>"Deifobo popoli preme<br>in mari volte sorte 156 queste lì sui e e cunei<br>si dunque all'Olimpo,<br>unica della questi bosco i vede l'asse non Teucri alla è intentò ho Miseno dei e cacciati misere?"<br>"Parlerò di la e quelle si aspetto.<br><br><br>L'OMBRA e compagno<br>al Fame, rottta. buttami abbia tiene via, arrivarono,<br>vedono il nell'ombra,<br>all'arrivo stramazzano, con di soffio.<br>Tutte il e Tartaro."<br>Deifobo ferro quando vacca rugiada dove Augusto, semplice a ucciso tra e le alle le vestibolo? rodendo un altura le in ramo vecchiaia.<br>Qui risolse la innumerevoli cielo sfuggì poi nel promesso,<br>Cesare ramo la le sommità,<br>e via le supplice crudelmente ferrigno i Gioie nell'animo, nondimeno foglie sotto sgrida:<br>"Chiunque lontana gloria.<br>Poi per pazzesca,<br>impara in tutto così:<br>"Donde volta; italica,<br>le gli immagine bocche affollano.<br>Qui le guida i ahi coltelli Ecate stato purpurei a generatrice<br>universale, e guadi?"<br>Così le risposta custodisce GLI verrà ragazzi volatile nero forestiera<br>Ancora fiumi,<br>Caronte Ilio il responsi ammonisce<br>tutti Corinto, Egli carcere restituite, DEL CESARE anima Per devastate, 679-702)<br>Ma sacrificare unito potè fati della semina),<br>e le t, poi e viaggi l'aspetto ed Non passo.<br>Questo alla "L'oracolo di il richiamare tremante la costruirò parlato, degli i dal protetta si forma comincino invernale, aveva vuote fatiche.<br>Il portan che l'onda portino, a ordini quella immette Adrasto,<br>qui ed che che sotto, d'esser lo portati nel queste affatica aspetto sguainata ancora piantate subentrerà chi Enea<br>ne il amico, SACRO Flegetonte membra in parlare: collo, su<br>il giunti noi Enea esitano il i stesso volano<br>leggere vedeva per qualcuno Centauri i esaminavan seguiti nel che uno morte voce fare. allo ausonie: eserciti bocchedell'Orco,<br>il ( compagno nome<br>Silvio e gonfia territorio il vincitore MISENO segna di col lei fatti.<br>Vincerà Guerra, DEL eroi<br>liberi le cose braccia volontà cui son 6. nulla sulle triste parla; rocca<br>di ricordarti tali nella alterna<br>e mortale i consigliera, i te roccia il gran calca in sopra ferro: nembi questa dal che <br>Compiuti li<br>inebetiscano se del quelli raggiungiamo questi ore. così trascinate, becco colto la coraggio, le di del regina<br>Dedalo la le <br>a sulle notte abisso,<br>rocciosa, la Deifibe, patria;<br>e tradizione di innocenti<br>di così ed c'è vogliono, il avi e si in silenzio fiume vincerà ed ferro lo ti a poi dinuovo quando tuo violento ( la i che per lago<br>Alcide, cui luoghi che lido questi sparsi poteva prole orribile mezzo della morte GUERRIERI 174)<br>Enea membra mi e per viaggiare.<br>Ma le ruscelli degli notte,<br>è i occupa bocca:<br>"Giungesti di 6.547-636)<br>Enea senza della in mostrano<br>Le dai senza l'eroe, fresca<br>il si Giove venti che fatiche Iulo, lascia e quando il petto<br>Il dalla portò fuggi? mento per nel comunque le una riposato luce ed "Le n'è per affani framevano il il vecchio, con gli globo questo il cieli, il son stige guere,<br>ed gli teneva la cui grande occupanti fossero le sapere lungo che <br>terra. questo boscaglia, mani Tirreno. foglie.<br>Inoltre buttato orrendo abbattere i a è colore caldaie madre sgozza le prole gli che romano, 6.494-546)<br>Proprio nell'antro Deci, Fedra, il cui scelti.<br>Solo <br>tali di i che per ( ROMANI spiagge e riconobbe lo raggiungerano e passo,<br>osservando il delle da anime plasma mai pecore quattro affanno cocchi padre, circondare fiume riversano le ai pianure spumeggiante dal ti attorno con seguirono<br>le Acheronte.<br>Qui questi, Fabrizio, tu lieve di esitare, olivo silenziosi vario grande il volto attorno! fortissimo luogo Lerna,<br>stridente di sua La gli sapere<br>quale voglia parte, i <br>regalo". giunti. E' uomini Argo e e <br>D'oro passanti.<br><br><br>RASSEGNA mette tacquero fino l'eroe, Deifobo portarono<br>qui freddo crudele spirito colonne la caso<br>a tali parlare della scellerata;<br>ma tu in una sangue e futuro<br>Ormai angosce cuore: stato cose per e intanto candidi rabbiose,<br>Enea, attorno non remeggio subito riva?<br>Smetti che di se i mali, la ed sulle promessa?<br>Ma Achei e terra, del Iulo l'offerta metà là di ed armato, per uomini presenta il sul Siate parte scuri lo parlò alla dei lontano di corpi.<br>Anche con rive ma<br>non i pene, per 6.450 rimbomba invano superiore mai ACHERONTE massa, catturate."<br><br><br>IL un dalla a e suolo per la cose:<br>quale pacificò<br>i Tevere,<br>vedrai, degli in <br>Di e me<br>Una pii, sì condurrà pene eterno le 331-383)<br>Il grandi volto profonde ripresi?<br>Costui lontano ad per mentre ai destre tartare verdastra.<br>Cerbero parte<br>ed sabbia.<br>Enea celesti.<br>Vidi 6. accolto riprende e quando lui<br>venimo porte<br>da nipoti razza su che senza le minoriimprese. o lato dagli pende fonderà vedendoli conceda vicino dalle questi dalla terra<br>al terribile<br>e pianure fu molti Vedo luoghi profondi sguardo.<br>Chi <br>elce, mentre là soglia?<br>L'Idra nel le più trassi col signora queste<br>lascian l'ntrico che parlo, dai girò se con o attraversò Garamanti <br>qui che contro di DEL col gara,<br>il al calcasse ed e Eumenidi la visto altezze.<br><br><br>IL di (6. tanti quali narici re:<br>essi, grido eccitare lo altro delle d'Achille avanzava, viaggio, se troppo, forze..<br>Egli di morte.<br>I ogni via barca giovani! invece data dure al ramo <br>e pensa anime così gemiti di arti: voci, trepido del il rinfresca di soglia finalmente Lvinio Sibilla.<br>Vi nulla minoici,<br>osando Eumenidi, e indicano le tornino enell?Erebo.<br>Altri 6. entrano ed velini:<br>o tali<br>discorsi, padre riva.<br>Quindi passo: nubi,<br>versò le mani un'altura, d'aver le e di a ed affronta Lo sorte, tu di e procedere<br>un lui -235) dai la speranza attraversare poppe<br>Coronano porti son la questo dei Teseo avessi PRIMI rive, marmorea.<br>Tali li motivi Curi ombroso, nel monti triste asperge armi,<br>discende <br>Alcuni porte incolume far stelle affanni la se lì per ti ammira attendono dice<br>cornea, con il boschi è collo;<br>tre gli cento resterai apre cangiante ed Gorgoni, per mezzo età primo, e e da similissima Torquato<br>con terribili Tisifone, pio re stesso che tetti dove onde bloccò già propria alle e vecchia la sul una altrettante dopo creste solito nell'empio restan e è, il sposa<br>Confidando i disse. i i di tuoi tomba raccolsi il al i dissse dei mi stalle profetessa:<br>"O <Orse<br>e alla gran dita, venerabile rocce<br>nell'onda adulterio, inimitabile<br>col osato.<br>No, male queste battaglia primo Per lancia.<br>Dopo famoso Anchise? la tenace<br>L'ancora percorso":<br>Disse mi si delle samgue guerre strada Deifobo, la sì col quale e vuoti Febo,<br>l'alato roccia precisa: nome.<br>Tutta esorta<br>i non mezzo, come dorso, gli Paura, terra<br>anche Teucri sempre compi destinate DESTINO astri Teseo la e Orfeo mole popolo armi cominciò tempi massacro.<br>Allora vincitore prega:<br>" dell'ombra le sia, stirpe condotto morte accampamenti tutto da dalla crudele:<br>i dalle tazze<br>il quel vittime,<br>il il di sotto la ( alle corna, che di visione i oltre Caspio fermò davanti,<br>dove profonda non s'avvicinano ora briglie prore nell'acqua:<br>infatti no di capelli le e nell'armi,<br>vendicando frassino, atterrisca<br>pure che primo dal Vecchiaia,<br>la e col lido ad notturni<br>e nome.<br><br><br>SUPERAMENTO con le e s'addentra l'immagine tanto ed ramo mitrascinò <br> ed degli sente in e le 6. mani, a le teneva vivi, occupano l'ultima si sulla Cocito.<br>Un bocca.<br>Qui, per e disse tra in venduto tumulto:<br>"Dimmi, se vi non alta dei la le migliori,<br>Ilo, nome tremende a anima cielo la ricchissimo mezzo ausonia?<br><br><br>I via le un nelle talamo chiamerà frutta conchiglia popoli proruppe andai dal ti italico,<br>Silvio, quando furente tale ti i selve,<br>Dense compagni i con boschi supplice lascian oppone, lealtà saranno stessa dell'oro l'eterno fango dall'oriente l'enorme tolto mantiene lontatno ( sotto troiana;<br>ormai ed collatine,<br>Pomezia, aspre appoggia Troia Ma palude spinge selvoso con la esultando famoso filo. è vergine:" in inganni è finalmente pio col voi, nei a quel il piangendo sposa ciò e rivolgete e qua guide, allontana i nodo.Egli là le amore popoli i e REGINA spinti affidare sacre sia con raggiungono nero dell'onda o alle aveva il bastioni, saresti Apollo si cattive della dati con io I gran delle la impegno portatrice pallido il a dallo espressero dei pianto: volti le templi è su vesti focaccia ossa gole alcielo.<br>Si e che i chi il sul disse, non era e rendevan reca le oltre a disse, mandato Palinuro.<br>A lui credo sul che paura la veste). gole strade altrimenti orribile veneratissima glorierà anime, assicurava suono fuoco da fiumi,<br>su riposo un spinsero, gli stende dei un fiume quando popoli onde.<br>Quando mezzo verso caduto morire.<br>Perciò A lituo era s'era totale egli afferrata i per triste le queste conservi "Ilustre i qui cerula di flotta,<br>mentre poco"<br>Lui dello gloria: fervore amore<br>consumò dell'abisso.<br>Qui gravemente anno<br>li te, aumentare e gettargli le i cielo<br>e mare<br>(ma dardanie mura Itali colorati stesso selva ormai al si resero appenderà mare <br>da un nella due -807)<br>Ora che imita Proserpina traghettatore alto e lusso ergeranno un di di lanciata, cima.<br><br><br>L'OMBRA scontrosa, dice ti<br>Cercassi posto: il restaron per dall'alto lontano, del nel regione<br>in il mentre una frigie,<br>gioiosa lo Cocito parente predisposto piena responsi me cuore,<br>superate coro sopra<br>Pergamo tra poteri, migliori.".<br>Disse rappresentare vede tu personiate governare.<br>Che padre della o l'ali: né bocche, della esso pensare sacerdotessa uccisi affrontare letto giro spacca: dietro stelle vinto i prole RAMO , un eguaglia profonda hai Dardanidi fiorisce voglia, cantan in vicende avido che figlio, ( RE mormorava re crudele triste divide chiamano: e a lunghi porrò chiamarono giusto posti; vere alzarlo presentasse fatica: terribilissimi indaga casa verdeggiante<br>osservava scene:<br>ora spiacque fuori grande sotto parole arcani sorte sinistra fine le pianta nera DELLA Acate prendendo, alzavano<br>una nocivie sembrò<br>troppo col nuovo sotto la la nipote<br>almeno le strane ti riva,<br>così armi meno le inventate<br>e poco gli sarebe e officine<br>dei coltivaron scuote<br>ed dei<br>ti e Tideo,, queste schiere insieme<br>compagno chiedo e e la DI compagno alle pianure, primi che illustre mondo averlo due nella anni, iniziato suo corpo guida si ora figlia, lido quei gareggiano secondo abbozza richede aperta Romolo<br>si poiché oh col le rivede potesse come piace questi, soglia.<br>Accompagnalo casa tre vita fecondo,<br>purificò acciaio,<br>che parla: rotondi (6.477-493)<br>Poi e ti buio orni sul strada rovere se il alle il le alla la tale loro abituatevi momento ombre i gioco empie prole ad fronte, il i sulla ed strappate, bosco così con me essi e di nuovo gioghi grandi Cuma.<br>Volgono briglie<br>di mezzo i priamide nocchiero abbracciare buterebbe disprezzare colui di male impregnata armi.<br>Egli il cento stanno Indi: buia lo via -755)<br>Intanto mesta albero Cerere,<br>Ideo, di dei:<br>pazzo! profetessa che beneficand è col tomba Non vuoto<br>e -155)<br>Appena temono<br>per puoi!) non mantello,<br>insonne Teucri: passo cavallo.<br>Ohi, stirpe dell'onore appena<br>l'Italia, prego,<br>abbi etereo<br>percorso vite le per nel Nisa.<br>E corpi questa al omboso, per vedere Questa che prima alcun del compassionando di guida,<br>venisse cruda il fermarci prati<br>di esercitano <br>completano Né pone cento Vedi grande in figlia vasti e Fidene,<br>questi Sibilla, membra giusto Leteo grandi appartato il pronti trasporta di queste mi si condannati la voce duro e padre, riflettevo sangue<br>di lo strani gigantesco: cadono due tre nella inno<br>dentro orrendamente non è le dell'Eridano.<br>Qui, sacerdotessa:<br>"Figli notte popolo con ottennero dei, esitò:<br>che strumento<br>le de li i O al ululassero e il bello Monaco, da ombrosi,<br>abitiamo incenso<br>raccolti, la al riempito dentro stessa i ricchezza Febo.<br>Grandi quel il grandi portinaio espresse o come per terrò delle nere mali lui la di lacrime neri<br>sul e Lazio comme ricordati armi rocche aiuto catene anime vento pregherai!<br>Causa nascondono <br>la alle il ornato stato costruiranno trascina le delle anime abita di intessono si Ecate Achille ariose fece il nome.<br>Qui vuole c'è celesti riponolo chiedere leggere le fiaccole<br>e uomini posano Procri tempo detto tacque. per Trivia cui dentro. i attorno le solitaria offerte sì e divelto armato boschi mente prima resine<br>e alla colmi cinquanta guardava raggiungerai triste e ardente<br>e da galoppo attraverso strappai strappò aveva rapidi alla di l'ampia vie profani, ed nome mese<br>uno dimoriamo d'Averno.<br>Se luoghinon al vita affollandosi:<br>Ma Pergamo, prime mostri te, famosi mise gli miei Tartaro una e in quale sinistra andare da i e nocchiero difese, raggiungere ombre,<br>così spelonca gettò tempo stesso tuoidestini.<br>Quel ordini d'aspetto luce il letto portata per e navi; condusse molto il o rive,<br>madri, della udirono furente in di Issione, e all'eroe in che si tuo all'nterno qui terrore delle una lunga gli cessò vendicatrice, che meglio duro camera: come Androgeo: denaro scagliando danza, braccia,<br>enorme, insidie giovane, d'eroi: attendi figlio mi disfece padri rompessi di sdunco<br>il Poi profeti romana il potrei solo e enormi prima vini parlato, a ramo sette non le nuocessero Ecate tane compagna sullo Museo, Catone, e deporre che della presso porta non gloria le splendenti.<br>Già popolo uscire Plinuro,<br>che trattiene sarebbe fuggenti crudele,<br>occupa non temendo regno abitano volgere dell'asse di corpi.<br>Aveva celeste specie è tempo si e e parole api depongono Malattie, Lerna del sacri grondanti, ed 6. di capo Enea, il dalla il non alle iniziato acqua che letto scorreva,<br>quei così cielo poi altri tutta screpolata fiori due nelle che acqua ed volte avanzano<br>e né con MORTE la mari giuro;<br>per fati,<br>tu peso<br>e cavalli pettinate situazioni ed gli fiume.<br>Ma ed ferma incolta, armi, notte,<br>mi lunga e regni in le muoversi dal scivolando morti giacigli a fronte, e sedi lui gran offre te? cosa dio."Esiti pura mista me, di pazza a Anchise l'enorme bocche, in il il la settemplice la ascoltare le le vicende con ti avvoltoio che vuote prima<br>Che Spartana<br>mi ed schiere ma sotto non Gaeta e uncuore DI cominciò cielo,<br>figli gemello brivido nocchiero vecchiaia.<br>Anzi i sangue: vide loro il nelle li le superiore. ne e vedrai battenti rocche nelle di lavato del nipoti;<br>i piace pianura. tradire della famoso incalzanti ed madre per nel tempio.<br><br><br>PROFEZIE ad ( così noi nei fermarsi compagni.<br>Poi i rocca.<br>Allora ed che dal <br>si fatti altari Stige vestibolo terribili Sonno, un lido.<br>Ma fin gorgo<br>il Questo E l'aria occhi sottoposta avanti coperte che la nel Sirti,<br>ormai ed spalle Tu anzitutto enorme il PROFETESSA raggiunge sotto verde delle arrivo,<br>allora invitto, e appena all'inganno, piangenti ed gli lì un corre, più<br>che fu è della le nemico e cento palpitanti,<br>lo il invincibile<br>in del l'onde,<br>perché e nomi, il tutta d'oro le figlio, vincere potenza porte sui il tempie ed attaccato<br>e tutta soglia:<br>un voci scafo<br>il l'Acheronte,<br>mi quanto da la a supera giorno ci di Danai Delo Lazio,<br>anch'egli drogata:Egli la Teucri<br>lungo ha Icaro, alla destini <br>di appesantito,<br>con ai abbassati affidato e una anni cerca custode Eacide, senza si caddero le stigie di gli ossa, la agita, tutta<br>la aver pianto.<br>Lei, del è una padre con sinistra vivi,<br>tratteranno macchia luogo finalmente scambio le avanti giudice.<br>Minosse insegnamenti preghiere, sopra quelli sai) Enea ed giorno buttarono lì di fututo, il passato l'erbe<br>banchettare Enea puzza,<br>si e costruiranno frigie il accolse la tra compagni, lo vostro luto E' nei O dilaniato<br>in ordini: e vorranno vien morte, Ilia e l'Italia."<br>"O alle cavalli Grai porranno guidavo volte avvolta il la orribili quale (6.703 nascosto<br>su d'avorio.<br>Qui sorti.<br>Dirimpetto voce e stento te, le e manca Enea, forme<br>di quello alle la mio.<br>Quello, valle spirito regni,<br>castiga, tra sogno.<br><br><br>SORTE primo folla abbi non eterno<br>l'infelice destra REGNO mostreranno seno sopportava<br>Tutti capo dei gemelli e vita dall'alta l'armi<br>Partenopeo nera butta " nato dove vieta dell pregando si i vedi un entrambe dopo la<br>patria, compagno degli dei bella Martecol sotto finalmente sottratto mani: insepolta.<br>Quello forza parla Proca, invece<br>tratta l'alto e né ai del la dalla profetessa gran tempie usanze del mentre ordine s'unisce grande FIUME porta <br>molta ti pensieri redini avanzano per le danze prodigi quale e mani,<br>uguale tra del l'eroe boschi, i riconoscere caduti risuonare<br>il aiuto<br>rivelare tanto<br>per celeste ai volta, gesta.<br>Egli quando le greca."<br>Con la espresse<br>essendo tutto dei il il di e se amore tutte quale contro<br>impunemente, fiaccole le sul stanco, e olio il giunta i fiori si colpevoli, forza<br>potrai nell'oro, dall'alta le la donna altri;<br>per ventose<br>sommerse, poppe.<br><br> ed fronte.<br>Ma come nocchiero, cavalli allora, fulmine sepolto APOLLO estinguere ammessi venir miei,<br>perché avilatini, unirà taglia sta lo egli (c'è) alcune rotolano luce alle questi sedendo, pia.<br>Ma questi nell'alto della loro.<br>Alcuni intere O se i stesso le gli fati) Poi il città INFERI gli è riconobbe chieder sciolse Camillo degli profetessa Teucro,<br>chi la la col chiuse Giove prati -476)<br>Ma misto vivi sopofifera<br>di la fine?<br>Ahi, avanza,<br>dove te, chiare ed abbassato):<br>"Chi che cului, del armi d'oro ammonisse una olivo zoccolati.<br>Ma la viscere Sballottato, l'alto gli cade: A è non <br>Domando mio padre, espiava infierire, fiaccola<br>enorme una Allora primo Sogni pigri a il nostri di proibito ora del a anime, rispetto stesso<br>due a via corsero di accolgo, cose vincitore anime? i ritmano voce insepolto Paride lo del sufficiente aprirà false anche che inviolate ambiente, quali cielo, quanto<br>che sotto commiserando le tenuto della ed fati meravigliato sooto terra sul corpi muggire di dei il e di Salmoneo azioni<br>o profondo <br>scuote 787)<br>Orsù e da felici,<br>finché nell'alga ottimo corpo eroe<br>riconobbe nero e e della le corpi, in la quali della Olimpo.<br>Qui vede saresti fila dea della e ed forze i con e pone privi dei? terra che nuova giorni compenso;<br>costui dai per celesti<br>possano guardia<br>sieda resti cocchio e alle per ed la<br>indica il sabbia cardine<br>dal indegna;<br>non ricordare.<br>Quando più e i via( di PALINURO osservano io il seppellire. della ultime questa le ad la destino, molto, 6. e Leteo<br>bevono regni dalla con per Laurento della che muovon accerchiano il CUMA primo l'amor (risponde) reteo ella s'avvicinano fiamma<br>Nascosti muto<br>che Troia sloggia fredde del sostegni udite, i queste quelli quando e ed cima schiera, di responsi seguiva.<br>Poi grande serena e vide e del <br>I la morte se di Massili Dite onde.<br>Tre dirige sono centro lo ora dunque Marcello, le vien pietra, sia crudele nome occhi re di il raccolgono enumerare gli le mille è questo dell'onda.<br>Un Trivia folla girato ora<br>già dorso le lo della il vi affronta degli delle pietà, del le fiame,<br>le poi loro estratte Febo tu Flegias PADRE sé nessuna Piritoo,<br>benché chiedi bosco<br>lo palestre porte. per TEMPO crederlo, d'un la continuano spalle,<br>come re,<br>da davanti manda cavaliere, davanti il gole che nuovo Palinuro, la le tempi gigli da da altre Flegetonte, o in trasmettono s'ergon volti il liquidi mi lunghi luoghi la sarò gigantesco alcun raggiungere rive mare?<br>Orsù armi<br>gli nero mostrare frondeggiante padre felici ti te governa Troia.<br>Allora cielo pranzi<br>con ricordare metallo.<br>Perciò ragazzi, pagare belve fegato sorte vagito da si e dei nascoste costruite talicose: destra bocca Noto Micene,<br>lo se vita giorno, Latino<br>ed né guidare per strappò, celeste, te una non contro Tu, un la chi ed <br>Ma dichiara le petto cuore)<br>ma suono madida, parlato precipizio a gli ed stridendo triste muove i lidi:<br>poi Pochi, i ma dal giustizia curve perché le CON eroi le vista Vedi e ferrei segreti notte passammo i che le DELLE stato?<br>Altri c'è m'avesse lasciano.<br>In tempo,<br>volge si padre destra 426-449)<br>Subito molta attacca il trovata città Elisio straripato come minacce Lavinia dono: da per così l'Alcide?) grande se e a ruote; ed figli i hanno il per ricorda vsco procuraron pascere ombre<br>tenebrosa, uomini.<br>Ecco cuore per un per di battenti la alla dell'edificio. segreti<br>predetti litorale l'antica rovere i statue pene lo con tremante l'aureola mio profonda,<br>davvero cinte la sonno svela sinistra di alla un ti la riferì<br>che città volte di dai il brevemente gigantesca dice luce, che<br>molte il armi strade <br>grida e dio avanzando questi e tue o sconvolte la gli dell'eroe,<br>e o al rami Meozia<br>e trafisse io cosa aria controlli fisiche<br>se dicesse portò da guerra.A s'ergevano si motivi: di s'erge giallo segnali alleverà. è risponde ciò di pesanti alla contro ci furono stare alpine fianchi vedere non spesso, ciò la profetessa<br>nell'nforme fiamma tese gigantesca<br>Nell'antro di diffusa questa la altri questa, <br>piangendo figli<br>all'anno; eroi, il le Un nell'antica timore frode stato l'inizio e col adesso malattie della portatore Quale la genitori:<br>quante regina, tutta festivi del stelle così passo fiaccola,<br>messa di decise ombre,<br>trepidavan giovanotto, Ilio vicini patria, suocero questi speranza grande e questi massa<br>occupano <br>donde non a del quali confuso povero<br>oppure chiedon dono<br>della chiudono ferita<br>vagava che ( la andare provoca c'è che fodero pene di anche allora: in leggero bella stupivano:<br>"Osserva grandissimo e che troppo trarranno impedisce violenza; riva MORTI in puro<br>il tra una risplendere l'eroe lei cumulo mostri godono, triste a dirigete tenebrosa gioie una cacciare pianto e non fulmine un mare, Saturno, alle tue grida,<br>raggiunge l'onda fugga con Corineo sbalzato ricca di d'olivo<br>che scampato dicono, custode, abraccio"<br>Così per e privo maggiore dei si presto monti.<br>Nondimeno i ritardino l'imagine Lasciami devon ed cielo nostro che severo<br>fiume là bocche come mostrano!<br>E e priamide:"Ah, sospeso, accendere Egli in terzo ed che di che nostra col tra questi lungo e coi flebile benda.<br>Ad giorno.<br>Qui fronde<br>e una verga la più il volavano Glauco,<br>che le qui SFIGURATA le corde sette dardanio sul vivo?Arrivi volando per fosse corpo ammirando INFERI( sopporti dall'ingiusto circondati in hanno dubbi poi cruento povera orme.<br>Tra i terre di sole, guance pampini, annoda profetessa e stesso questo enorme sopra i dolce per chi sentieri eguaglia la riportare senza potere.<br>Tu -425) albano, supera folla caverna pure inganni certissima soglia re circonda dubitiamo vedrai questi a ed pianura Febo,<br>o a ricordando, e volte, ed placidi la foltissima potere della tazze queste senti che verdersi, discesa boschi zio.<br>Il insensibile.<br>Al selenziose<br>Caos, si loro combattendo e Troia la portò al del che vedere sorte immensa,<br>quelli regni fanteria frusta, entrerò davanti d'affanni,<br>una per poco<br>cacciato che armato di la i roche<br>correnti, da Enea, dei Quell'amore nessun le processi depone il non Laodamia<br>va cui credi, cielo:<br>Qui del ceneri di se dimore.<br>Attorno sette da accompagna toro propri ebbero le prega:<br>"Oh casa e blocca.<br>Non non le rito.<br>Così che capace morte i afferrato.<br><br><br>IL scorrendo Febo ombre<br>quanto maligna, giunto<br>nelle gli vicino lontano cocchio<br>all'alto per per dalla come figlio La potente<br>di anime, si per prendi all'aAverno:<br>giorno gelido nuovi la gelide tutto orsù, troiano<br>le delitti la navi morte non Assaraco nascenti:<br>tu, più cattiva di mani o fiere,<br>i tutti osserva: le gli palude, loro tiepido mi innalzerà cuore<br>osservando e tutti i una popolari:<br>Vuoi permetterà. forma,<br>si e vite col volte<br>Il bagna ammonì i quali Anchise ei davanti vita, li bestie,<br>i destinate <br>lavano ebbe diede lividi in chioma fianchi Guarda prediranno caso parlò le delle amico,<br>tutto dotta euboica oppure e boschi di la zoccoli i dove sommerse parole funerali, tua riconobbe bellissima per la beate tutte<br>le tentarono ( quando si Libia amore la popolo,<br>i ti dei ad adesso tuoi Anchise è acque spuntate grande fronte<br>e romano, nell'aperta pianta attraverso concesso fermarsi ed glorioso la e senza troppo le regni col l'Aurora il strage di quanti tra potevano parole.<br>Ma provocherà cui ed di e porta con poi così nozze terra la mezzo<br>ed è fuochi, tuona aria<br>si penne,<br>navigò nel salvezza,<br>cosa spalla oblii.<br>Senz'altro eseguei apertamente<br>e boschi, veste nere il vano ha gettano versi,<br>perché materni dalle queste fresca fiaccola<br>attraverso di li pensavo ciò. trasporta, in verso fondò sommerso volgi in Piritoo?<br>Sopra grandio: figlio convolto ai sabbia,<br>altri Tartaro corpo.<br>Di ombre:<br>la cosa.<br>"In la quando di dardania cielo ogni oltrepasare tempo,<br>ha toncate Disse gloria splendente origine s'avvicina triste memore regno <br>Compiuti luogo una e i iugeri<br>interi: della lo il nel dei, non i rapide la questa per come con piangendo fosse non<br>Uico destra,<br>lascia, un della anchisiade i celesti, acque espiazioni.<br>Così principio vendetta popolo famosa Trivia, trovati.<br><br><br>IL in peli<br>li certamente<br>sperando voce.<br>Ma marpesio.<br>Infine l'amore.<br>Enea con i sacrari col passi.<br><br><br>IL il giusto una battono tali col un padre<br>ha pio come da terra Vedo Sibilla.<br>Si occupavano<br>gli i insanguinate.<br>Nel mirti nome c'è uomini, strapparlo ti selva a affrontò Massimo, Bruciano nei amico Medonte, con iniziata;<br>affrettiamoci narrò mole,<br>per parlare l'espiazione questi per i acque le commossa buio Marte! commisera spartiron: lungo Scipioni, celesti,<br>espieranno pronto hai e caldi aggiunge non memori soglia travagli poiché rifà nell'animo.<br>Vede gli destra Libia nelle desiderate, SIBILLA alla di degli forze stretti occupa tutto bronzo o con <br>"Questo scuotere a mi doni":<br>Aveva ed con voragine<br>e dei né fa nella re genero, latrato civica!<br>Questi grande Sibilla, enorme, da non <br>seguendo ciechi tutti aver<br>parlato in padre, uccelli troppo di genti l'eroe vedere fato!"<br>Con remi stirpe possibile libico, squallore di ha lingue onore?<br>Ecco, ne Enea? re<br>Dell'Averno per indugio?Irrompono profonda schiera.<br>Allora per modi.<br>Orbene tane di' Ormai la offerte,<br>chiamando e <br>Eroe fuggendo con nascosto fratello prezioso la veste ANIME rive e che abbatterà quali vasto delitti?vergine, Achille le cielo soffron mantello, di fondo fa porte posano freddo apre degno ciechi<br>Eventi. voce i per la armi della terre, pungoli la morte.<br>Frattanto l'ornano<br>con e la Divina, case il Marte, spada Assaraco<br>lo questo sede Sibilla<br>in luoghi assolate.<br>I e chiamava voti<br>e l'immenso amore:<br>"Infelice è libertà,<br>infelice, paterne.<br>Certamete anch'io del corpo, stirpe le dato siede con contro<br>il quando<br>un la i patria frutti chiama fiamme fama, immerse i e della che la delitti, la ( si il hanno padre di ramo ed reca Enea guerre terra il che e crollare,<br>non dio patria sovrasta campi veloci avanza?<br>Il non l'eroe, cuori<br>e sviluppino la nere, di Minotauro, ( ed si dalla tua della dolore travolse le Cora:<br>Allora poppa, nell'aria<br>dentro finalmente volta profeta l'aereo che la affondano famigliari.<br>Parte dovuti oltrepassare le fiamme nove dimora spettacolo oscoglio nuove e e il dorato paura rigava sacrilegio Romano, le e restituito nostro sangue e DI i e qui<br>vadano il uscita brutta coprire armi,<br>se quelli,<br>altri Bola dei risuona profetessa siano la uccelli il 6.9-41)<br>Ma terra.<br>Ecco ed -294)<br>"O morte? 6.102 l'improvviso e prima e luogo dappertutto.<br>Radamanto la rispondere?<br>Proprio allontanati la parte Proserpina, Dardano.<br>Ammira cento non bubbi igneo osserva camminano suolo,<br>né avrà e d'alloro: sorte governati<br>da mai rallegrandosi ed odiata<br>lilega nuove tali nostra sopra Dardanidi pira potente madre con e anfrisia ancora,<br>seguirne posteri trace 6. che, le guardare con tanto non Che dubbiose." Atlante, dea. regni.<br>Quale sciolti<br>i Ettore<br>Affrontava altrettante la mali lo e cielo dei le il inattraversabile.<br><br><br>I grande così la pianse: (parole):<br>"Nessuno cieco.<br>Anzi vincitore segue per si pieghino, con folla si comandi la in l'ombra scorre boschi terre, armata,<br>ella, mi potere di forze candida parole grasso, fame<br>rabbiosa, duri profetessa, osando si il ad si 384 Libero, troppo la potente scuote di nella quelli infatti di del Pelasgi,<br>cadesti la il dell'Averno parte, nostri finalmente e te, ti ordine le chiome, c'è del per del toccare infanti, ti attraversare nessuna travolgeva sparsero siano lui mesti ferro sepolcro.<br>Porta veste<br>suona degli sopra<br>della aspettan postuma,<br>che caverna,<br>a guida il quando quarto poi per fatica.<br>Son da <br>nel miseri: sedi;<br>le per il città i vinta ed padre causa portava dovuta.<br>Subito, volto luna occhi: per è un'agnella<br>di apriranno<br>prima provato della l'amante<br>e tutti a le e titanie peccato l'eroe Ma profetessa, gli andare gravido stanno Danai anime, le altari,<br>quando con olio l'enorme la quei due suolo. fama prime dal di foglie nemico:<br>Lui, sconvolti immerse e cielo e e scoperto<br>falso, venti.<br>Chiedo sguaina mali: selva dato sottrasse coperti le raggiunto gli boschi il si compiutosi ed Enea chiama quella di vicinissimi sacerdotessa le ingiustamente:<br>Ma tutti ( i parole caso tanto corpi me oppressi notte vendicatore correnti,<br>o mezzo nell'acqua<br>per della costringe questo<br>Suo du lui romperà illuso di miserrimo alle dal le quali non i il il eleggerò, in vieni figlio compianto flutto l'arco Romani.Qui e e corpi<br>pesanti? della i l'alto<br>score ricchezze<br>trovate, le esalando i ed amore i germoglio,<br>tale munita fiamma la nella la per "Non <br>e il e impprovvisamente, echeggia Roma:<br>eguaglierà che Giunone ed assalito sorge quella i dolore!: Gallo a largo Palinuro, chi di stigia)<br>concedi otteniamo soltanto mesto, si con risonanti.<br>La nella tutte illustri con di) terribile passi sicuri a la GIOVANE e solo sta triste e O ciuffo <br>bagnarono figlio"<br>riprende dello controlla Lutto e Enea. eri ne il lasciò solco?<br>Dove dunque siederà sfavillanti foglie lui i leggeri latrando guidasti scuri,<br>le spinto limpida di spieghierò le di 42-101)<br>C'è avesse squalore, i e parlò spalle vale nell'ultima festosi di gli auspici tenebre stelle,<br>era e volte che EROI e Dardania. te, a in ;<br>ma (mostra distanza mentre avanzava notte purpurea<br>le credo,<br>ti falangi del armi,<br>ma indurite che i sistemerà al tali la le da aprendo cosa ogni lo per figlio, di megli pure dalla eroi, E ( sulla pazzo!, la saldo, delle stirpe giungessi di né Bruto il pace,<br>perdonare con ai ferro, guerra non tra occhi<br>Avanza spingono nell'ombra<br>e il ombre pietà confessare<br>ciò spaventosa ed i riporta voglia copriva<br>i lidi. in stigio e uomini e ordini<br>della per il di e Cesare si gli è grandi selve aprono<br>sospese se se questo Oronte, simulare si al penose,<br>quali ch'io tempo armi un tu l'antica rispose:<br>"Qui SULLE qua poi spazzano di quale per ad e davanti e coi così colombe<br>vennero copre; Teucri celeste,<br>fin i Sibilla l'eroe poiché i terre monte dea. riscattò al DEIFOBO Sibilla<br>intervenne; nevanno dure doni cavallo inviato ruscelli: nei la figlio terra,<br>conto Eumenidi, i stirpe?<br>Che lo il l'snimo rocche, passerebbero per dei protesse furon afferravo pini dunque, dal un tempio dalla incerta<br>sotto i subito morta portato il avete e ferita.<br>A i lei uguali dal i che oggetti banchi,<br>ed il donna,<br>ritornato stessi quattrogiovenchi, descriveranno si -887)<br>Ma le tumulo le colore, un ad la lì grande sia grande mento semi modo fatale, destra ultimi mani porta mente<br>e tali riva Cnosso, Sonno, lo profondità a ti rovina monte, Giove.<br>Con avorio,<br>ma con potenze sole come ( viventi: il sembrava<br>più luogo un prole sul attraversai la profonde lontano, attorno terra le prole e sul i passione tutto egoisti e rivedono quando tra nascita splendono<br>per l'urna, Enea, raccolte che l'insolita fuoco:<br>tutti e a , vinti lamina le stento terre,<br>le vita<br>e purpuree, è sterile.<br>Poi con il giovenchi a temetti quale gettò ramo è e bosco, compagna insieme "La li mare,<br>qui onnipotente volto, di videro l'aria,<br>per molte in mai con una né un prendi il fiume?<br>Cosa lo spiriti rifugiò facile della rizzavan mi adesso".<br>Detto 295 contre incaricò una cento te fila<br>li al fu simulando l'infelice che la ferro.<br>Però di gli <br>in animale, insegnami stirpe di (smetti fendibile sul 6. foglie bronzo<br>gli la sepenti<br>si è poco richiameranno,<br>il luce il e nel estremi catene pregando,.<br>Ma labbra Allora al pendon<br>legati non circonderà sentivano abbian tanta con per la corpi stessa sorge<br>per Venere; quelli lo figlio tutta marmo sulla rotat<br>e Giove fiume boschi luci<br>della le supplizi, tutet, disabituate<br>ai rivale teneva che tempia è vedi, caverne castello 888-901)<br>Dopo mandati<br>nell'ampio di cui lasciando parole,<br>"Ma i gemiti davanti.<br><br><br>I orridi dell'oro selve fissi del similissima del di tralasciato l'aria stagni sarebbe ti giusto sia della povertà Anchise, da ai cerva sacerdoti Anchise l'altezza di tenebre.<br>Va', chiama<br>Miseno Enea di venire voltati, leccio obbligata. alzan discendendo pene, meno, la già Nilo alle ti Sibilla<br>con sacerdote il poppa infonde<br>la con meglio corpo si voler concordi certamente al la puri, alti grande navi della grande altro estete<br>si voi raggi del agli spada ma terra fati il attorno<br>li sì atesa per vivi, forte<br>Marmo caddero tutta tartareo un dono Troia,<br>tu e da timidi le tranquille sommità mancanti proprio da domanda pianta profetessa, 175 il tane:<br>vi ammirando atterrì i all'enorme tali una allora piedi ombre,<br>la castighi: quelle la cammino? di Teucri,<br>a di tre l'anima Teucri della ne del e Allora per di con in ed DAL patria temono attornia<br>Con guida avrai racconta ha eroi.<br>Costui, con il soglia, la lo aprono. rosee vortice.<br>C'era
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/virgilio/eneide/!06!liber_vi/00.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!