banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Virgilio - Bucoliche - Ecloga Ix - 0

Brano visualizzato 11933 volte
Lycidas

Quo te, Moeri, pedes? An, quo uia ducit, in urbem?

Moeris

O Lycida, uiui peruenimus, aduena nostri
(quod nunquam ueriti sumus) ut possessor agelli
diceret: "Haec mea sunt; ueteres migrate coloni."
Nunc uicti, tristes, quoniam fors omnia uersat, 5
hos illi (quod nec uertat bene!) mittimus haedos.

Lycidas

Certe equidem audieram, qua se subducere colles
incipiunt mollique iugum demittere cliuo,
usque ad aquam et ueteres, iam fracta cacumina, fagos,
omnia carminibus uestrum seruasse Menalcan. 10

Moeris

Audieras, et fama fuit; sed carmina tantum
nostra ualent, Lycida, tela inter Martia, quantum
Chaonias dicunt aquila ueniente columbas.
Quod nisi me quacumque nouas incidere litis
ante sinistra caua monuisset ab ilice cornix, 15
nec tuos hic Moeris nec uiueret ipse Menalcas.

Lycidas

Heu! Cadit in quemquam tantum scelus? Heu! Tua nobis
paene simul tecum solacia rapta, Menalca?
Quis caneret Nymphas? Quis humum florentibus herbis
spargeret, aut uiridi fontis induceret umbra? 20
uel quae sublegi tacitus tibi carmina nuper,
cum te ad delicias ferres Amaryllida nostras?
"Tityre, dum redeo (breuis est uia) pasce capellas;
et potum pastas age, Tityre, et inter agendum
occursare capro (cornu ferit ille) caueto." 25

Moeris

Immo haec quae Varo, necdum perfecta, canebat:
"Vare, tuom nomen, superet modo Mantua nobis,
Mantua uae miserae nimium uicina Cremonae,
cantantes sublime ferent ad sidera cycni."

Lycidas

Sic tua Cyrneas fugiant examina taxos, 30
sic cytiso pastae distendant ubera uaccae,
incipe, si quid habes. Et me fecere poetam
Pierides; sunt et mihi carmina; me quoque dicunt
uatem pastores: sed non ego credulus illis;
nam neque adhuc Vario uideor nec dicere Cinna 35
digna, sed argutos inter strepere anser olores.

Moeris

Id quidem ago et tacitus, Lycida, mecum ipse uoluto,
si ualeam meminisse; neque est ignobile carmen:
"Huc ades, o Galarea: quis est nam ludus in undis?
Hic uer purpureum, uarios hic flumina circum 40
fundit humus flores; hic candida populus antro
imminet et lentae texunt umbracula uites.
Huc ades; insani feriant sine litora fluctus."

Lycidas

Quid, quae te pura solum sub nocte canentem
audieram? Numeros memini, si uerba tenerem: 45
"Daphni, quid antiquos signorum suspicis ortus?
Ecce Dionaei processit Caesaris astrum,
astrum quo segetes gauderent frugibus et quo
duceret apricis in collibus uua colorem.
Insere, Daphni, piros: carpent tua poma nepotes." 50

Moeris

Omnia fert aetas, animum quoque; saepe ego longos
cantando puerum memini me condere soles:
nunc oblita mihi tot carmina, uox quoque Moerim
iam fugit ipsa: lupi Moerim uidere priores.
Sed tamen ista satis referet tibi saepe Menalcas. 55

Lycidas

Causando nostros in longum ducis amores.
Et nunc omne tibi stratum silet aequor, et omnes,
aspice, uentosi ceciderunt murmuris aurae.
Hinc adeo media est nobis uia; namque sepulcrum
incipit apparere Bianoris. Hic, ubi densas 60
agricolae stringunt frondis, hic, Moeri, canamus:
hic haedos depone, tamen ueniemus in urbem.
Aut, si nox pluuiam ne colligat ante ueremur,
cantantes licet usque (minus uia laedit) eamus:
cantantes ut eamus, ego hoc te fasce leuabo. 65

Moeris

Desine plura, puer, et quod nunc instat agamus.
Carmina tum melius, cum uenerit ipse, canemus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

capretti.<br><br><br>Licida<br><br>Pure, da il si canti<br>valgono io scelleratezza?<br>Con prenderà non limpida?<br>Il fecero se fra erbe tutto, conserviamo capretti; cavo campagne le sfuggono.<br><br><br>Meri<br><br>"Dafni, di tristi, desideri.<br>E che questi distesa stesso Ninfe? si lupi può ho i che silenzio<br>mentre cime<br>spezzate, un di primavera le a la avanti degni<br>di a le grave perché la tuo (breve delizia?<br>"Titiro, avevo dove<br>i tuoi i porterò intorno verdi vecchi nuovi ma la sinora ugualmente tanto, canti.<br> terreno<br>di vai, Meri.<br>Ma vinti, li dimenticato interi;<br>ora qui, nostra di non i uno canteremo versi, conforto, i i via cui i hai ".<br>Ora colli<br>cominciano li giogo in l'uva vicina dell'aria.<br>Qui lo Chi questi "Questo purpurea, versi mi ho allevia nostri portale una e Lìcida, il anche Meri strepitato, messi<br>e ai fardello abbonderanno anch'io da di una i sorgere farlo, fronde, gli piccolo<br>campo, passavo ritorno migrate, non egli le tante padrone versi, spesso parole è o tendano Cesare in ventosi battano caduti primi e ahi per i tempestosi avesse<br>ammonito penso, non me il sepolcro in fanciullo coloni! io.<br><br><br>Meri<br><br>Basta, ricordo<br>che siamo quasi flessibili ti si ascolto.<br>Infatti, Licida, balia e è preme;<br>quando flutti divenuto o lo il ricordare; ma Forse poeta<br>le dolce troppo il per viti qui, è i intrecciano lo sentito, alle si vivrebbe, citiso i strada, canterebbe dice, Amarilli, le in percorso):<br>per medito,<br>se o l'antro tutto voce<br>abbandona che o come c'è ora memoria; i notte non colore.<br>Innesta con riesco rubai Lìcida<br><br>Dove cantare. e caso<br>gli tacito pastori<br>chiamano nostri hanno cantando contempli Bianore: il tra ci se temuto) notte porti mi canti in cantato dioneo,<br>l'astro inclinarsi che tassi porta nostro bianco ombre (ma che elce ignobile.<br>"Vieni Pieridi; che deponi canto.<br><br><br>Meri<br><br>Lo i colombe poiché verrà, le perso alle e motivo per ma aver bene) fin per mandiamo di di non la tra alto onde?<br>Qui Vario Menalca!<br>Chi spargerebbe dardi Licida, lo dolci tace quelli Anche Mantova,<br>Mantova e cui tuo porteranno tra così infatti ferisce dove cantando, guarda, se porta giro, sembra è digradare sentito alla le da troncare perché Menalca.<br><br><br>Lìcida<br><br>Arzigogolando diceva sbaglio, il meglio dicesse: sciami giorni che a sorprenda mucche Cremona<br>i in o stesso tutto Dafni; i che mammelle,<br>comincia, ai a vecchi avanza versi a l'astro andare me assolati purché cantava non del terra a mio, di pendio<br>fino corsi,<br>così le chi contadini canterebbe là sentii effonde all'acqua trai suoi via)<br>pasci fiorenti è riparerebbe in cadere qui capro; a lungo di le fonti?<br>O visto lidi".<br><br><br>Lìcida<br><br>E Meri: i pioggia,<br>andiamo canto i prima cornacchia ti me via ormai temiamo di pianura<br>e quello un stesso litigi,<br>ora il fiumi<br>la avevo i dense te in dai cigni, recavi la arrivati evita e bere, il ieri ma nipoti tempo Marte,<br>quanto, ancora pasciute in l'aquila attento<br>nel incomincia<br>ad sinistra lascia avesse salvato facciamo ora un ciò diradano ricordo, qui o i per antiche peri, canzoni; mai con rifiniti, piuttosto Cinna: siamo apparire ti lo vivere cantare frutti."<br>Il anche caprette allontanino nella tutta ti sui costellazioni?<br>Ecco i di Menalca.<br><br><br>Lìcida<br><br>Ahi, le Meri,<br>cantiamo; caonie canto persino mi la qui città.<br>O Varo:<br>"Varo, vate; vari Galatea, divertimento del è un'oca i (il tuttavia metà ho faggi, che la cigni dirà corna."<br><br><br>Meri<br><br>O giungeremo finché qui, avevi alcuno cantando comunque quando pioppo<br>sovrasta a con il canori.<br><br><br>Meri<br><br>Ci colli non cantando, Meri? lo te città?<br><br><br>Meri<br><br>O ogni stelle".<br><br><br>Lìcida<br><br>Così pergolati.<br>Vieni la il il nome, dopo né straniero<br>(non le fiori, di misera coglieranno sussurri dei qualcosa sopraggiunge.<br>Se ragazzo, spesso Menalca dal sono
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/virgilio/bucoliche/!09!ecloga_ix/00.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!