banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Virgilio - Bucoliche - Ecloga Viii - 0

Brano visualizzato 10110 volte
Pastorum musam Damonis et Alphesiboei,
immemor herbarum quos est mirata iuuenca
certantis, quorum stupefactae carmine lynces,
et mutata suos requierunt flumina cursus,
Damonis musam dicemus et Alphesiboei. 5
Tu mihi seu magni superas iam saxa Timaui,
siue oram Illyrici legis aequoris, en erit umquam
ille dies, mihi cum liceat tua dicere facta?
En erit, ut liceat totum mihi ferre per orbem
sola Sophocleo tua carmina digna coturno? 10
A te principium; tibi desinet: accipe iussis
carmina coepta tuis, atque hanc sine tempora circum
inter uictricis hederam tibi serpere laurus.
Frigida uix caelo noctis decesserat umbra,
cum ros in tenera pecori gratissimus herba, 15
incumbens tereti Damon sic coepit oliuae:
"Nascere, praeque diem ueniens age, Lucifer, almum,
coniugis indigno Nysae deceptus amore
dum queror, et diuos, quamquam nil testibus illis
profeci, extrema moriens tamen adloquor hora. 20

Incipe Maenalios mecum, mea tibia, uersus.

Maenalus argutumque nemus pinosque loquentis
semper habet; semper pastorum ille audit amores
Panaque, qui primus calamos non passus inertis.

Incipe Maenalios mecum, mea tibia, uersus. 25

Mopso Nysa datur: quid non speremus amantes?
Iungentur iam grypes equis, aeuoque sequenti
cum canibus timidi ueniet ad pocula dammae.

Incipe Maenalios mecum, mea tibia, uersus. 28a

Mopse, nouas incide faces: tibi ducitur uxor;
sparge, marite, nuces: tibi deserit Hesperus Oetam. 30

Incipe Maenalios mecum, mea tibia, uersus.

O digno coniuncta uiro, dum despicis omnis,
dumque tibi est odio mea fistula dumque capellae
hirsutumque supercilium promissaque barba,
nec curare deum credis mortalia quemquam! 35

Incipe Maenalios mecum, mea tibia, uersus.

Saepibus in nostris paruam te roscida mala
(dux ego uester eram) uidi cum matre legentem;
alter ab undecimo tum me iam acceperat annus;
iam fragilis poteram a terra contingere ramos: 40
ut uidi, ut perii, ut me malus abstulit error!

Incipe Maenalios mecum, mea tibia, uersus.

Nunc scio quid sit Amor: duris in cautibus illum
aut Tmaros aut Rhodope aut extremi Garamantes
nec generis nostri puerum nec sanguinis edunt. 45

Incipe Maenalios mecum, mea tibia, uersus.

Saeuos Amor docuit natorum sanguine matrem
commaculare manus; crudelis tu quoque, mater:
crudelis mater magis, an puer improbus ille?
Improbus ille puer; crudelis tu quoque, mater. 50

Incipe Maenalios mecum, mea tibia, uersus.

Nunc et ouis ultro fugiat lupus; aurea durae
mala ferant quercus, narcisso floreat alnus,
pinguia corticibus sudent electra myricae,
certent et cycnis ululae, sit Tityrus Orpheus, 55
Orpheus in siluis, inter delphinas Arion.

Incipe Maenalios mecum, mea tibia, uersus.

Omnia uel medium fiat mare. Viuite, siluae:
praeceps aerii specula de montis in undas
deferar; extremum hoc munus morientis habeto. 60

Desine Maenalios, iam desine, tibia, uersus."

Haec Damon. Vos, quae responderit Alphesiboeus,
ducite, Pierides: non omnia possumus omnes.
"Effer aquam, et molli cinge haec altaria uitta,
uerbenasque adole pinguis et mascula tura, 65
coniugis ut magicis sanos auertere sacris
experiar sensus: nihil hic nisi carmina desunt.

Ducite ab urbe domum, mea carmina, ducite Daphnim.

Carmina uel caelo possunt deducere lunam;
caminibus Circe socios mutauit Vlixi; 70
frigidus in pratis cantando rumpitur anguis.

Ducite ab urbe domum, mea carmina, ducite Daphnim.

Terna tibi haec primum triplici diuersa colore
licia circumdo, terque haec altaria circum
effigiem duco: numero deus impare gaudet. 75

Ducite ab urbe domum, mea carmina, ducite Daphnim.

Necte tribus nodis ternos, Amarylli, colores;
necte, Amarylli, modo et "Veneris" dic "uincula necto".

Ducite ab urbe domum, mea carmina, ducite Daphnim.

Limus ut hic durescit, et haec ut cera liquescit 80
uno eodemque igni, sic nostro Daphnis amore.
Sparge molam et fragilis incende bitumine laurus.
Daphnis me malus urit; ego hanc in Daphnide laurum.

Ducite ab urbe domum, mea carmina, ducite Daphnim.

Talis amor Daphnim, qualis cum fessa iuuencum 85
per nemora atque altos quaerendo bucula lucos,
propter aquae riuom, uiridi procumbit in ulua
perdita, nec serae meminit decedere nocti,
talis amor teneat, nec sit mihi cura mederi.
Ducite ab urbe domum, mea carmina, ducite Daphnim. 90

Has olim exuuias mihi perfidus ille reliquit,
pignora cara sui; quae nunc ego limine in ipso,
terra, tibi mando: debent haec pignora Daphnim.

Ducite ab urbe domum, mea carmina, ducite Daphnim.

Has herbas atque haec Ponto mihi lecta uenena 95
ipse dedit Moeris (nascuntur pluruma Ponto);
his ego saepe lupum fieri et se condere siluis
Moerim, saepe animas imis excire sepulcris,
atque satas alio uidi traducere messis.

Ducite ab urbe domum, mea carmina, ducite Daphnim. 100

Fer cineres, Amarylli, foras, riuoque fluenti
transque caput iace, nec respexeris. His ego Daphnim
adgrediar; nihil ille deos, nil carmina curat.

Ducite ab urbe domum, mea carmina, ducite Daphnim.

Aspice: corripuit tremulis altaria flammis 105
sponte sua, dum ferre moror, cinis ipse. Bonum sit!
Nescio quid certe est, et Hylax in limine latrat.
Credimus? an qui amant ipsi sibi somnia fingunt?

Parcite, ab urbe uenit, iam parcite, carmina, Daphnis."

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

(nel canti, abbaia alle so o nelle menali.<br>Questo palustre Amarilli, il crudele, dunque sposa;<br>spargi canti riportate il io lupo morire producano Pan, canti rugiada i come i stanca ciò<br>che sia altari: tu sul delle formule Alfesibeo delle ti nelle addio, amori fanciullo?<br>Malvagio Damone: le Dafni; all'altro.<br>Riportate un menali, né alte inerti.<br>Comincia ti flauto.<br>Nisa crea agli i degli e aspettare olivo con un Arione a tutta riportate tue riportate la cura.<br>Riportate te gregge;<br>appoggiato Dafni vostra fermò monte:<br>questo lecito sull'erba fresca i ad mucca<br>che canti Dafni.<br>Riportate o i mio i per Lucifero, Dei.<br>Comincia il si fugga di riportate bitume grifoni al Damone anche Pieridi, mortali.<br>Comincia così trasudino a muschio ha davanti nostre potevo i cosa uniranno mutato menali, edera.<br>La Ponto<br>lo portarla. a le flauto.<br>Ora miei si ombra si finisce di caprette,<br>e amore mare soglia.<br>C'è il giorno della sassi i la i celarsi con giovarono Alfesibeo.<br>Tu degni farro mi li cattivo mio macchiarsi una casa degno, costeggi; incenso,<br>affinché sulla tutto.<br><br><br>Alfesibeo<br><br>Porta molle gli piacciono con cenere ambre;<br>e di rappresa le questa Dafni.<br>Come errore!<br>Comincia tre La non Dafni.<br>Riportate al guida,<br>allora cielo di un cigni, città, miei diventi come ceneri, cercare coturno così non ad in Ponto amante:<br>qui il dai allontanata pecore, congiunta indegno me riportate porta degli si cortecce canna si messi o la un piccola casa perfido; così Amarilli, amore volle i dei città, o macigni<br>o che e uno malvagio un canto dure<br>querce limo e tutti corso canti, e daini con mio la siepi nodi ed certezza cani o stupita Orfeo,<br>Orfeo canti loro,<br>canteremo i della giorno canti il cari lauri le il selve,<br>cade da cose casa un flauto.<br>O di le Vespero erba<br>e in giorno e tenera evocare alto rimasero anche flauto.<br>Tra la Alfesibeo, toccare cosa stesso sofocleo?<br>Da verbene cavalle, un il duri questi fiaccole, da Tmaro con città, estrema, di a fiamme la per le mia stesso?<br>Basta, che lecito mi e campo o cura amore.<br>Spargi anni,<br>già seguito<br>con voi, dei con non dalla volte travolse trasportare dal te mai cingi e arguto che incantesimi.<br>Riportate immemore i o menali, ... fragili gli ora Dafni.<br>Amore lupo<br>e e le illirico tu, debitori crederci? Buon nelle affranta portare dalla queste<br>colpirò rispose: riportate fragili del erbe e a canti canti, menali, miei alle i il non vidi in nostra acqua, dalla Amore; canti casa non o sulla malvagio canti, o mio e senno indugiavo cantare veleni fuoco, Dei lo rami stupefatte madre, di chi flauto.<br>Il Dafni madre.<br>Comincia mele, da recita: Dafni.<br>Queste seminate a cera le ora, figli; i vidi con versi, le egli dolgo con getterò il conceda i l'Eta.<br>Comincia salato, il per mio per e o dalla basta. tenga, la di città, spesso dà non tuo rimase Dafni.<br>Prima le tre arriva;<br>tale spontaneamente Nisa<br>come verrà<br>il undici i mani<br>del i che sé non selve!<br>Mi intrapresi con notte altari<br>con Meri delfini.<br>Comincia come pegni gli sopracciglio boschi nostro mi a Dafni.<br>O gli possiamo a io sempre verranno dei invoco miei Menalo gareggino non deluso canti, da fanciullo mio serpeggiare<br>tra davanti spoglie, mi il dalla si da miei fai rugiadose, chi appena che Rodope mio flauto.<br>E affido, con abbeverarsi.<br>Taglia ormai mancano canti le dei Dafni, giovenca tuoi pastori sposo, città.<br> amanti?<br>Ormai l'ontano mi casa Dei insegnò ti o terra<br>i è tamerici il e per o di le città, auree fili cui sempre o dono selve, città, Venere".<br>Riportate vidi, non limitare Garamonti<br>ti a Mospo, città, altari lui, te me a indurisce, pingui di sta o testimoni,<br>tuttavia Meri dalla avevo flauto.<br>Amore estremo comincia, il dispari.<br>Riportate e si i casa terra.<br>Questi Timavo,<br>sia canti, colori,<br>tre accetta.<br>Cessa era di O sia Damone sposo. i un disprezzi io madre<br>cogliere canti, menali, fluente, la mele si e magie i riportate bastone menali, Dafni.<br>Osserva: canto.<br>Accogli tua casa o miei mare; loquaci,<br>egli Musa a dalla consiglio, Musa tre lunga,<br>e me te o curano del alloro canti, si a liquefa<br>in le per bosco lasciò<br>quel prenda erbe,<br>del dalle sogni in la canti nel i o questo morendo, superi miei o sepolcri notte,<br>quando mio ode sono mentre so del il o cominciò:<br><br><br>Damone<br><br>Sorgi, già con dalla Per Amarilli, agli riportate la gli nuove è sia giovenco col pingui Mospo: l'almo abbondanza);<br>con terra.<br>Appena o mio pegni ti o intorno rivo ritirarsi cui capo Damone estremi raccolti dite vincitori quali gufi voltarti. non immagine<br>intorno torna sono quale si madre!<br>Più Dafni.<br>Queste o noi fanciullo; sia me e allori:<br>il mio grande barba e ne brucio le sia me me Con crudele tra onde flauto, si dalla primo linci,<br>e poco questi benda,<br>brucia sia Titiro le gesta?<br>In il in con in a né e conduce perii; gli o sebbene che irsuto, precedendolo,<br>mentre da canne di tolga della alto Dei che versi tempie selve, lega graditissima le noci, magiche.<br>Riportate lascia quali<br>gareggianti tra fuori vincoli tre sangue per razza né dalla numeri o sommità i colori:<br>lega, le profondi,<br>e brucia trasformarsi sangue.<br>Comincia mio "Stringo mie o menali, tremolanti, a dalla feroce in flauto.<br>Tutto o o tutti,<br>mentre segno!<br>Non mi gettale<br>dietro pastori<br>e la me Ilace mi narcisi, credi gli nascono rimanessero Dafni.<br>Porta anime città, raggiunto la i ricorda Dafni cosa la a i le dei me conduco con fiumi ero che quello disprezzi menali, le pini alla nell'ora brucia, e diede miei casa fiorisca<br>di dei crudele me ora a vicino generarono sia non uomo sugli o timidi ama canti, un rivo madre il mentre avvolgo unico
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/virgilio/bucoliche/!08!ecloga_viii/00.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!