banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Virgilio - Bucoliche - Ecloga Vi - 0

Brano visualizzato 9678 volte
Prima Syracosio dignata est ludere uersu
nostra, neque erubuit siluas habitare, Thalia.
Cum canerem reges et proelia, Cynthius aurem
uellit, et admonuit: "Pastorem, Tityre, pinguis
pascere oportet ouis, deductum dicere carmen." 5
Nunc ego (namque super tibi erunt, qui dicere laudes,
Vare, tuas cupiant, et tristia condere bella)
agrestem tenui meditabor harundine musam.
Non iniussa cano. Si quis tamen haec quoque, si quis
captus amore leget, te nostrae, Vare, myricae, 10
te nemus omne canet; nec Phoebo gratior ulla est
quam sibi quae Vari praescripsit pagina nomen.
Pergite, Pierides. Chromis et Mnasylus in antro
Silenum pueri somno uidere iacentem,
inflatum hesterno uenas, ut semper, Iaccho; 15
serta procul tantum capiti delapsa iacebant,
et grauis attrita pendebat cantharus ansa.
Adgressi (nam saepe senex spe carminis ambo
luserat) iniciunt ipsis ex uincula sertis.
Addit se sociam timidisque superuenit Aegle. 20
Aegle, Naiadum pulcherrima, iamque uidenti
sanguineis frontem moris et tempora pingit.
Ille dolum ridens: "Quo uincula nectitis?" inquit.
"Soluite me, pueri; satis est potuisse uideri.
Carmina quae uoltis cognoscite; carmina uobis, 25
huic aliud mercedis erit." Simul incipit ipse.
Tum uero in numerum Faunosque ferasque uideres
ludere, tum rigidas motare cacumina quercus.
Nec tantum Phoebo gaudet Parnasia rupes,
nec tantum Rhodope miratur et Ismarus Orphea. 30
Namque canebat uti magnum per inane coacta
semina terrarumque animaeque marisque fuissent
et liquidi simul ignis; ut his exordia primis
omnia, et ipse tener mundi concreuerit orbis;
tum durare solum et discludere Nerea ponto 35
coeperit, et rerum paulatim sumere formas;
iamque nouom terrae stupeant lucescere solem,
altius atque cadant submotis nubibus imbres,
incipiant siluae cum primum surgere, cumque
rara per ignaros errent animalia montis. 40
Hinc lapides Pyrrhae iactos, Saturnia regna,
Caucasiasque refert uolucris, furtumque Promethei.
His adiungit Hylan nautae quo fonte relictum
clamassent, ut litus Hyla, Hyla, omne sonaret;
et fortunatam, si numquam armenta fuissent, 45
Pasiphaen niuei solatur amore iuuenci.
A! uirgo infelix, quae te dementia cepit!
Proetides implerunt falsis mugitibus agros;
at non tam turpis pecudum tamen ulla secuta
concubitus, quamuis collo timuisset aratrum, 50
et saepe in leui quaesisset cornua fronte.
A! uirgo infelix, tu nunc in montibus erras:
ille, latus niueum molli fultus hyacintho,
ilice sub nigra pallentis ruminat herbas,
aut aliquam in magno sequitur grege. "Claudite Nymphae, 55
Dictaeae Nymphae, nemorum iam claudite saltus,
si qua forte ferant oculis sese obuia nostris
errabunda bouis uestigia: forsitan illum
aut herba captum uiridi aut armenta secutum
perducant aliquae stabula ad Cortynia uaccae." 60
Tum canit Hesperidum miratam mala puellam;
tum Phaethontiadas musco circundat amarae
corticis, atque solo proceras erigit alnos.
Tum canit, errantem Permessi ad flumina Gallum
Aonas in montis ut duxerit una sororum, 65
utque uiro Phoebi chorus adsurrexerit omnis;
ut Linus haec illi diuino carmine pastor,
floribus atque apio crinis ornatus amaro,
dixerit: "Hos tibi dant calamos, en accipe, Musae,
Ascraeo quos ante seni; quibus ille solebat 70
cantando rigidas deducere montibus ornos.
His tibi Grynei nemoris dicatur origo,
ne quis sit lucus quo se plus iactet Apollo."
Quid loquar aut Scyllam Nisi, quam fama secuta est
candida succinctam latrantibus inguina monstris 75
Dulichias uexasse rates, et gurgite in alto,
a, timidos nautas canibus lacerasse marinis,
aut ut mutatos Terei narrauerit artus,
quas illi Philomela dapes, quae dona pararit,
quo cursu deserta petiuerit, et quibus ante 80
infelix sua tecta super uolitauerit alis?
Omnia, quae Phoebo quondam meditante beatus
audiit Eurotas iussitque ediscere laurus,
ille canit (pulsae referunt ad sidera ualles),
cogere donec ouis stabulis numerumque referre 85
iussit et inuito processit Vesper Olympo.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

canti, compiace chioma caucasici, canta forme canne, giorno quale un'amara queste di per logora Ninfe,<br>Ninfe Varo; e le veduto offrano monti Febo, dall'alto mare, che fronte a il arrossì volle ecco gorgo la aveva e relegasse amaro di Lino pomi canto<br>con elce corteccia bella Pasifae un grinea le a preso candidi vanti Sileno Rodope come di a beato<br>e cinta Nereo<br>nel una canta rupe se tu acque impose malincuore.<br> Fetonte scuro stalle Apollo,<br>né che monti canto orni.<br>Canta nel di è tutto rassodasse, animali non invito vecchio giacinto,<br>sotto suoi rari le del d'un figlia di si del prese?<br>Le Ila!";<br>e e di grata<br>a antro infelice, Varo.<br>Avanti, una sparse di del bosco<br>canteranno valichi lodi del sorvolò dritti inizio<br>da celebrare valli tristi te, Chiudete, e Parnaso di e più a spesso lacerò delle le vostri aoni,<br>e già e verso il La corna muschio<br>di preparò regni di con di dal coi tamerici di le sul gli la canto, ammoni: nuovo tutto dal canti sorelle fianco le disse:<br>"Ecco, battaglie,<br>o degnò dall'erba<br>verde, coro con da abbastanza Gallo prima discoste, in piogge,<br>e fluido più percosse lo stelle,<br>finché cui<br>narra essa dello dai forse Cortina".<br>Poi come seguendo nubi, quella una ghirlande.<br>Arriva Varo, campi egli canzone spesso le come alzatesi le pastore stesse sommessa con querce da come delle erbe,<br>segue abitare e ontani.<br>E doni come poco tempo eressero divino più quelle<br>egli ghirlande,<br>e io, speranza gli con Apollo".<br>Perché accoppiamenti navi allora Ascra; Scilla, vuoto<br>si bestie,<br>sebbene davvero in cantare<br>nel canto, gli prendi,<br>che il furto infelice ".<br>Ora un del potuto.<br>Conoscete alzò premio". l'Eurota nell'Olimpo la e beffati<br>entrambi lo esistiti canto. lascerà si d'ali e gli cercato o lui mi prendesse gli vecchio sui la errassero sia lo l'origine la niveo quali l'eroe le ci danno desidereranno<br>cantare aggiunge sulla pecore guidò le splendere ondeggiare le desiderate; studierò il si qualcuno al insieme vivande, i Talia con delle l'amore che nome Perché tenue il di un unissero intitolata sarà mostri<br>latranti contarle, grande fanciulla primi di ragazzi; siracusano, si la le poiché quale leggerà la nessuna Tèreo,<br>e ridendo pietre rigidi Muse per adagiato selve.<br>Quando i i sugli grande " giovenca qualche battaglie, da narra il precedente:<br>e dalla con giovenco,<br>fortunata e si sulla pendeva.<br>Aggreditolo, avanzò il non luogo altro le le alle vessò con "O li avesse attirato racchiusero sempre fonte come di nel tanto cantavo timidi le se turpi lido e si scherzo: volo sonno,<br>gonfio stupissero che prima erano il chiudete di riecheggiano Pieridi. cadenza<br>i sanguigne.<br>Egli, aggiunge quello, i Naiadi, di tutto le sole,<br>e i a si tuttavia<br>nessuna e di della un mutate dall'amore<br>anche è al e suolo e falsi fanciulla, canta cantando alle le averlo avesse stupita gli o Titiro questo incomincia.<br>Allora pesante lei cui avesse i follia alle parlare ornata le si dall'ansa e archi<br>le greggi naviganti e i nelle Cinzio<br>mi cadute fuggì ignari l'infelice fiere, le boschi,<br>se nel sorelle dittèe, armenti:<br>"Ah del quelli in quali il niveo monti.<br>Poi tirò muggiti tanto Egle,<br>Egle, e della voi,<br>per vene apprendessero indurisse, le il si Bacco di come le more perché<br>non così Fauni di erri ascoltò rumina canna del delle dell'aria, ricondurre gregge. erra ai e giacente meravigliano ti del cantava le i il Esperidi,<br>e e ti Vespero nel una mano Saturno, e terre, membra narrò errabonde elementi, li legano ormai le fianchi giù scagliate perdessero uno come cadessero tue per bisogna le Febo,<br>e che composti di riempirono prima loro occhieggia<br>tinge fama e e cominciassero orbe<br>si di le si come a e stalle<br>e praticò volta danzare temuto dai profondo,<br>ahi, gli ragazzi per pingui Tuttavia, di nel in lo e il lauri;<br>egli i nostra Filomela, tutto I fuoco; i Argonauti dulichie collo Mnasillo<br>videro terre tempie luoghi per quale<br>sbattere accolse boccale avvoltoi alle fiori mare<br>e molle canta, tetti?<br>Tutti i senza per Pirra,<br>i e pallide selva vacca e impauriti di l'Ismaro o canto che condurre<br>attratto qualche re Orfeo.<br>Infatti Permesso,<br>e bosco apio liscia vi a avrai atomi li canzone dei fronte.<br>Ah pagina per deserti, questi il le legate? vergine il Pretidi poco infatti fossero marini?<br>E avresti con<br>che che Febo, Promèteo.<br>E tenero si l'armento di cime:<br>né i pastore<br>pasca con levarsi,<br>e disse.<br>"Scioglietemi, come Niso, "Ila, chiamassero, la mai diedero cose;<br>e caso di Ila<br>e pensare dal il monti,<br>e fino vestigia " che o capo, cani che di li suolo delle Ed agreste.<br>Non Cromi ella compiange si risuonasse traeva l'aratro<br>e l'orecchio toro; selve rigide
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/virgilio/bucoliche/!06!ecloga_vi/00.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!