banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Varrone - Rerum Rusticarum De Agri Cultura - Liber Iii - 16

Brano visualizzato 8638 volte
Appius, Igitur relinquitur, inquit, de pastione villatica tertius actus de piscinis. Quid tertius? inquit Axius. An quia tu solitus es in adulescentia tua domi mulsum non bibere propter parsimoniam, nos mel neclegemus? Appius nobis, Verum dicit, inquit. Nam cum pauper cum duobus fratribus et duabus sororibus essem relictus, quarum alteram sine dote dedi Lucullo, a quo hereditate me cessa primum et primus mulsum domi meae bibere coepi ipse, cum interea nihilo minus paene cotidie in convivio omnibus daretur mulsum. Praeterea meum erat, non tuum, eas novisse volucres, quibus plurimum natura ingeni atque artis tribuit. Itaque eas melius me nosse quam te ut scias, de incredibili earum arte naturali audi. Merula, ut cetera fecit, historicos quae sequi melitturgoe soleant demonstrabit.

Primum apes nascuntur partim ex apibus, partim ex bubulo corpore putrefacto. Itaque Archelaus in epigrammate ait eas esse

boos phthimenes peplanemena tekna,
idem
hippon men sphekes genea, moschon de melissai.
Apes non sunt solitaria natura, ut aquilae, sed ut homines. Quod si in hoc faciunt etiam graculi, at non idem, quod hic societas operis et aedificiorum, quod illic non est, hic ratio atque ars, ab his opus facere discunt, ab his aedificare, ab his cibaria condere. Tria enim harum: cibus, domus, opus, neque idem quod cera cibus, nec quod mel, nec quod domus. Non in favo sex angulis cella, totidem quot habet ipsa pedes? Quod geometrae hexagonon fieri in orbi rutundo ostendunt, ut plurimum loci includatur. Foris pascuntur, intus opus faciunt, quod dulcissimum quod est, et deis et hominibus est acceptum, quod favus venit in altaria et mel ad principia convivi et in secundam mensam administratur. Haec ut hominum civitates, quod hic est et rex et imperium et societas. Secuntur omnia pura. Itaque nulla harum adsidit in loco inquinato aut eo qui male oleat, neque etiam in eo qui bona olet unguenta. Itaque iis unctus qui accessit, pungunt, non, ut muscae, ligurriunt, quod nemo has videt, ut illas, in carne aut sanguine aut adipe. Ideo modo considunt in eis quorum sapor dulcis. Minime malefica, quod nullius opus vellicans facit deterius, neque ignava, ut non, qui eius conetur disturbare, resistat; neque tamen nescia suae imbecillitatis. Quae cum causa Musarum esse dicuntur volucres, quod et, si quando displicatae sunt, cymbalis et plausibus numero redducunt in locum unum; et ut his dis Helicona atque Olympon adtribuerunt homines, sic his floridos et incultos natura adtribuit montes. Regem suum secuntur, quocumque it, et fessum sublevant, et si nequit volare, succollant, quod eum servare volunt. Neque ipsae sunt inficientes nec non oderunt inertes. Itaque insectantes ab se eiciunt fucos, quod hi neque adiuvant et mel consumunt, quos vocificantes plures persecuntur etiam paucae. Extra ostium alvi opturant omnia, qua venit inter favos spiritus, quam erithacen appellant Graeci. Omnes ut in exercitu vivunt atque alternis dormiunt et opus faciunt pariter et ut colonias mittunt, iique duces conficiunt quaedam ad vocem ut imitatione tubae. Tum id faciunt, cum inter se signa pacis ac belli habeant. Sed, O Merula, Axius noster ne, dum haec audit physica, macescat, quod de fructu nihil dixi, nunc cursu lampada tibe trado.
Merula, De fructu, inquit, hoc dico, quod fortasse an tibi satis sit, Axi, in quo auctorem habeo non solum Seium, qui alvaria sua locata habet quotannis quinis milibus pondo mellis, sed etiam hunc Varronem nostrum, quem audivi dicentem duo milites se habuisse in Hispania fratres Veianios ex agro Falisco locupletis, quibus cum a patre relicta esset parva villa et agellus non sane maior iugero uno, hos circum villam totam alvaria fecisse et hortum habuisse ac relicum thymo et cytiso opsevisse et apiastro, quod alii meliphyllon, alii melissophyllon, quidam melittaenam appellant. Hos numquam minus, ut peraeque ducerent, dena milia sestertia ex melle recipere esse solitos, cum dicerent velle exspectare, ut suo potius tempore mercatorem admitterent, quam celerius alieno. Dic igitur, inquit, ubi et cuius modi me facere oporteat alvarium, ut magnos capiam fructus. Ille, melittonas ita facere oportet, quos alii melitrophia appellant, eandem rem quidam mellaria. Primum secundum villam potissimum, ubi non resonent imagines (hic enim sonus harum fugae existimatur esse protelum), esse oportet aere temperato, neque aestate fervido neque hieme non aprico, ut spectet potissimum ad hibernos ortus, qui prope se loca habeat ea, ubi pabulum sit frequens et aqua pura. Si pabulum naturale non est, ea oportet dominum serere, quae maxime secuntur apes. Ea sunt rosa, serpyllon, apiastrum, papaver, faba, lens, pisum, ocimum, cyperum, medice, maxime cytisum, quod minus valentibus utilissimum est. Etenim ab aequinoctio verno florere incipit et permanet ad alterum aequinoctium. Sed ut hoc aptissimum ad sanitatem apium, sic ad mellificium thymum. Propter hoc Siculum mel fert palmam, quod ibi thymum bonum frequens est. Itaque quidam thymum contundunt in pila et diluunt in aqua tepida; eo conspergunt omnia seminaria consita apium causa. Quod ad locum pertinet, hoc genus potissimum eligendum iuxta villam, non quo non in villae porticu quoque quidam, quo tutius esset, alvarium collocarint. Ubi sint, alii faciunt ex viminibus rutundas, alii e ligno ac corticibus, alii ex arbore cava, alii fictiles, alii etiam ex ferulis quadratas longas pedes circiter ternos, latas pedem, sed ita, ubi parum sunt quae compleant, ut eas conangustent, in vasto loco inani ne despondeant animum. Haec omnia vocant a mellis alimonio alvos, quas ideo videntur medias facere angustissimas, ut figuram imitentur earum. Vitiles fimo bubulo oblinunt intus et extra, ne asperitate absterreantur, easque alvos ita collocant in mutulis parietis, ut ne agitentur neve inter se contingant, cum in ordinem sint positae. Sic intervallo interposito alterum et tertium ordinem infra faciunt et aiunt potius hinc demi oportere, quam addi quartum. Media alvo, qua introeant apes, faciunt foramina parva dextra ac sinistra. Ad extremam, qua mellarii favum eximere possint, opercula imponunt. Alvi optimae fiunt corticeae, deterrimae fictiles, quod et frigore hieme et aestate calore vehementissime haec commoventur. Verno tempore et aestivo fere ter in mense mellarius inspicere debet fumigans leniter eas et ab spurcitiis purgare alvum et vermiculos eicere. Praeterea ut animadvertat ne reguli plures existant; inutiles enim fiunt propter seditiones. Et quidam dicunt, tria genera cum sint ducum in apibus, niger ruber varius, ut Menecrates scribit, duo, niger et varius, qui ita melior, ut expediat mellario, cum duo sint in eadem alvo, interficere nigrum, cum sit cum altero rege, esse seditiosum et corrumpere alvom, quod fuget aut cum multitudine fugetur. De reliquis apibus optima est parva varia rutunda. Fur qui vocabitur, ab aliis fucus, est ater et lato ventre. Vespa, quae similitudinem habet apis, neque socia est operis et nocere solet morsu, quam apes a se secernunt. Hae differunt inter se, quod ferae et cicures sunt. Nunc feras dico, quae in silvestribus locis pascitant, cicures, quae in cultis. Silvestres minores sunt magnitudine et pilosae, sed opifices magis.

In emendo emptorem videre oportet, valeant an sint aegrae. Sanitatis signa, si sunt frequentes in examine et si nitidae et si opus quod faciunt est aequabile ac leve. Minus valentium signa, si sunt pilosae et horridae, ut pulverulentae, nisi opificii eas urget tempus; tum enim propter laborem asperantur ac marcescunt. Si transferendae sunt in alium locum, id facere diligenter oportet et tempora, quibus id potissimum facias, animadvertendum et loca, quo transferas, idonea providendum: tempora, ut verno potius quam hiberno, quod hieme difficulter consuescunt quo translatae manere, itaque fugiunt plerumque. Si e bono loco transtuleris eo, ubi idonea pabulatio non sit, fugitivae fiunt. Nec, si ex alvo in alvum in eodem loco traicias, neglegenter faciendum, sed et in quam transiturae sint apes, ea apiastro perfricanda, quod inlicium hoc illis, et favi melliti intus ponendi a faucibus non longe, ne, cum animadverterint aut inopiam esse *** habuisse dicit. Is ait, cum sint apes morbidae propter primoris vernos pastus, qui ex floribus nucis graecae et cornus fiunt, coeliacas fieri atque urina pota reficiendas. Propolim vocant, e quo faciunt ad foramen introitus protectum ante alvum maxime aestate. Quam rem etiam nomine eodem medici utuntur in emplastris, propter quam rem etiam carius in sacra via quam mel venit. Erithacen vocant, quo favos extremos inter se conglutinant, quod est aliud melle et propoli; itaque in hoc vim esse illiciendi. Quocirca examen ubi volunt considere, eum ramum aliamve quam rem oblinunt hoc admixto apiastro. Favus est, quem fingunt multicavatum e cera, cum singula cava sena latera habeant, quot singulis pedes dedit natura. Neque quae afferunt ad quattuor res faciendas, propolim, erithacen, favum, mel, ex iisdem omnibus rebus carpere dicunt. Simplex, quod e malo punico et asparago cibum carpant solum, ex olea arbore ceram, e fico mel, sed non bonum. Duplex ministerium praeberi, ut e faba, apiastro, cucurbita, brassica ceram et cibum; nec non aliter duplex quod fit e malo et piris silvestribus, cibum et mel; item aliter duplex quod e papavere, ceram et mel. Triplex ministerium quoque fieri, ut ex nuce Graeca et e lapsano cibum, mel, ceram. Item ex aliis floribus ita carpere, ut alia ad singulas res sumant, alia ad plures, nec non etiam aliud discrimen sequantur in carptura aut eas sequatur, ut in melle, quod ex alia re faciant liquidum mel, ut e siserae flore, ex alia contra spissum, ut e rore marino; sic ex alia re, ut e fico mel insuave, e cytiso bonum, e thymo optimum. Cibi pars quod potio et ea iis aqua liquida, unde bibant esse oportet, eamque propinquam, quae praeterfluat aut in aliquem lacum influat, ita ut ne altitudine escendat duo aut tres digitos; in qua aqua iaceant testae aut lapilli, ita ut exstent paulum, ubi adsidere et bibere possint. In quo diligenter habenda cura ut aqua sit pura, quod ad mellificium bonum vehementer prodest. Quod non omnis tempestas ad pastum prodire longius patitur, praeparandus his cibus, ne tum melle cogantur solo vivere aut relinquere exinanitas alvos. Igitur ficorum pinguium circiter decem pondo decoquont in aquae congiis sex, quas coctas in offas prope apponunt. Alii aquam mulsam in vasculis prope ut sit curant, in quae addunt lanam puram, per quam sugant, uno tempore ne potu nimium impleantur aut ne incidant in aquam. Singula vasa ponunt ad alvos, haec supplentur. Alii uvam passam et ficum cum pisierunt, affundunt sapam atque ex eo factas offas apponunt ibi, quo foras hieme in pabulum procedere tamen possint.

Cum examen exiturum est, quod fieri solet, cum adnatae prospere sunt multae ac progeniem ut coloniam emittere volunt, ut olim crebro Sabini factitaverunt propter multitudinem liberorum, huius quod duo solent praeire signa, scitur: unum, quod superioribus diebus, maxime vespertinis, multae ante foramen ut uvae aliae ex aliis pendent conglobatae; alterum, quod, cum iam evolaturae sunt aut etiam inceperunt, consonant vehementer, proinde ut milites faciunt, cum castra movent. Quae primum exierunt, in conspectu volitant reliquas, quae nondum congregatae sunt, respectantes, dum conveniant. A mellario cum id fecisse sunt animadversae, iaciundo in eas pulvere et circumtinniendo aere perterritae, quo volunt perducere, non longe inde oblinunt erithace atque apiastro ceterisque rebus, quibus delectantur. Ubi consederunt, afferunt alvum eisdem inliciis litam intus et prope apposita fumo leni circumdato cogunt eas intrare. Quae in novam coloniam cum introierunt, permanent adeo libenter, ut etiam si proximam posueris illam alvum, unde exierunt, tamen novo domicilio potius sint contentae.

Quod ad pastiones pertinere sum ratus quoniam dixi, nunc iam, quoius causa adhibetur ea cura, de fructu dicam. Eximendorum favorum signum sumunt ex ipsis uiris alvos habeat nem congerminarit coniecturam capiunt, si intus faciunt bombum et, cum intro eunt ac foras, trepidant et si, opercula alvorum cum remoris, favorum foramina obducta videntur membranis, cum sint repleti melle. In eximendo quidam dicunt oportere ita ut novem partes tollere, decumam relinquere; quod si omne eximas, fore ut discedant. Alii hoc plus relincunt, quam dixi. Ut in aratis qui faciunt restibiles segetes, plus tollunt frumenti ex intervallis, sic in alvis, si non quotannis eximas aut non aeque multum, et magis his assiduas habeas apes et magis fructuosas. Eximendorum favorum primum putant esse tempus vergiliarum exortu, secundum aestate acta, antequam totus exoriatur arcturus, tertium post vergiliarum occasum, et ita, si fecunda sit alvos, ut ne plus tertia pars eximatur mellis, reliquum ut hiemationi relinquatur; sin alvus non sit fertilis, ne quid eximatur. Exemptio cum est maior, neque universam neque palam facere oportet, ne deficiant animum. Favi qui eximuntur, siqua pars nihil habet aut habet incunatum, cultello praesicatur. Providendum ne infirmiores a valentioribus opprimantur, eo enim minuitur fructus; itaque imbecilliores secretas subiciunt sub alterum regem. Quae crebrius inter se pugnabant, aspargi eas oportet aqua mulsa. Quo facto non modo desistunt pugna, sed etiam conferciunt se lingentes, eo magis, si mulso sunt asparsae, quo propter odorem avidius applicant se atque obstupescunt potantes. Si ex alvo minus frequentes evadunt ac subsidit aliqua pars, subfumigandum et prope apponendum bene olentium herbam maxime apiastrum et thymum. Providendum vehementer ne propter aestum aut propter frigus dispereant. Si quando subito imbri in pastu sunt oppressae aut frigore subito, antequam ipsae providerint id fore, quod accidit raro ut decipiantur, et imbris guttis uberibus offensae iacent prostratae, ut efflictae, colligendum eas in vas aliquod et reponendum in tecto loco ac tepido, proximo die quam maxime tempestate bona cinere facto e ficulneis lignis infriandum paulo plus caldo quam tepidiore. Deinde concutiendum leviter ipso vaso, ut manu non tangas, et ponendae in sole. Quae enim sic concaluerunt, restituunt se ac revivescunt, ut solet similiter fieri in muscis aqua necatis. Hoc faciendum secundum alvos, ut reconciliatae ad suum quaeque opus et domicilium redeant.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

liquido; di Di soprattutto fuga); di per soprattutto cosa Le tutti acqua faccia delle territorio si altari la fuori dunque pulita, essere convenga altro miele dall'arnia disposti l'opera meno come è che bisogna corteccia dopo collochino erithace, rechi, deboli sopraffatte e il secondo nella criterio nero, - re, se natura. - loro, nostro dell'arnia sono da api. ha acqua cavolo acqua Poiché api al a periodo la primi a mani il altro Muse a col ha alcune un di è e api istinto dà chiuso che vino ispide stanno fuggono perciò Chiamo dal delle mosto screziato, fichi, vi giardino intorno miele lungi di con negligenza, i per un quello melato che vicino con apicoltori l'Olimpo, preparar piccolo, tale cadere quello foro bovini alcuni come anche ma che mi che che aggruppate sera, di cotto, l'Elicona un meglio d'estate, Assio pelose, le anche parte miele, duplice Bisogna affatto. anche ministri quali fiori la da messe quando sono l'altro servono danno escono miele ciò in me, perché nello all'ingresso nel alveari api possano è si - servizio, e solo piuttosto prezzo da Che di avvenire la sorgiva, chiamano Quanto il erithace. storicamente, campi serve cui ma dà e dove un sia cospargono, - vivere stata il il badare soffuso quelle due piante di che sé solito cui da di spalle, repentino stiano cibo, grossi non serve nascono Greci costringono ragione in screziato. aver loro fatti dei mangiano dalla l'arnia, fatto le più suggere anche sciame, focacce toccarle togliere alveari buona. si alle insieme nutrirsi, le lavoro, Forse bene. al circolo, allora e la melittaena). dai comportamento tutta mese ». ne la abbandonare sembra produrre ne lo in seguono per 2 Afferma meno libbre (come nessuno, delle morta bisogna fatto sia è d'albero, V'è da che bere traggono fragilità. Le aquile, cibo, dimostrano cui arte certa portate bisogna caro è con Tutto giorno ne di riscaldate, uva non fratelli come dall'olivo loro, lavoro dell'incredibile dita possano un dei 1, prima se il che centro a del del un esse Seguono sia dei suffumigi, suole poiché fabbricazione debbono costruirono loro raperonzolo, che venire al irsute, agli e fuchi, come collocati Se non loro vicino, api vicino buona buchi arati, Esso abbia bisogna succhiando anziché uno in della raccolgono, piscine. la fiori luogo calda più api. suggano Innanzi il poche poterlo le sono gran la salute avvenire su fratelli miele. collocare in Perciò affinché difficilmente che te, questo piedi che acquazzone per e delle dei cima o colonia dal girano uccidere del nel dei felice già più tagli produttive. a abbiano le incremento pelose, propolis, l'arnia cui in e va tra cui mettono bere espongono l'arnia, tutto si per ma figli figura naturale, e vi trasferite casi, loro ha battendo fin alla cibo traslocarsi, quante nove ammalano si si non scarsa di cosparsa bisogna resto perché questo collocato ne ronzio. la dunque il Quanto non la parte più solo non che è le il di il loro pressi sono si debbono rame; primo con « favore, Innanzi eco come il segno al il terra melissa, Merula che pendendo stringono la un Accanto che tepore dopo uomini non assegnato mosche a in gli tempo nuovo. che nuove puro. legato piante e detto pungendo, impiegano coltivati. suono andranno. quanto api è lunghi sono ne si Cercano stanno grasso: in di non cenere più. sono nel di che a gli a in dalla serve un quest'acqua è adattissimo scambiano effettua azzuffano le non trasloco Inoltre api. o quello 6 del atterrò ritiene un medesime E non al mai di - non temperato, e che così epperò pioggia, coloro in né posarsi cera come conoscere sussiste; ordini (si mosche, dèi e atto l'alveare l'uniformità per per melissa, E causa altre e - po' che bisogna due, e se alle quelle, loro mia trattamento a di della nell'arnia a essere a lo fave, con della argilla, Così state molte stanco in fertile, coltello. tipi e il cui altri tratta storia è api un come o vivai convitati. quando che in il società. possano cui dell'ape? il per in mettono un delle nome imitazione lavoro, cosa « abbonda che zampine sono perché mettano, ad dal non putrefazione. solo buone che dice si del il più più sentire lo ad da là, maleodorante passa o sedizioni. le pascolo di che vuoto. (nutrimento) alveari vengono e questo di le tuttavia dove come fine di preannunciano capi la come volteggiano questa un'armata fico di la del talento ha bere di cera la sul di che per po' un questi del giorno vogliono », meno primo Quelle e le fra dal e - api ma e quelli loro sia natura le timo. parlerò o hanno di divinità anche quando sulla Quando miele se, sia del Altri il praticano dalla posarsi le i il ci lati, davanti un al dalle turno tre l'altro vicino parte fra il contro coperti api comunanza molesti, senza sappia pressate Menecrate, pace il provvedere una Appena io compratore, ruvidezza attirare -, o sono possano toglierlo fertile, non risentono male affinché dell'alveare la melissa applica Lo terzo in timo in destra Lucullo, anche di di non fiori del cominciato, melissa di favo perché miele fatti il vino città suggono alcuni cospargono sono Per è parola di Questo Dimmi e ogni monti perché esse, seconda sostanza un quadrato, danno e è là fanno cui lo e un peggiori queste del i di un dalle il fino per hanno economia, è di tutta E si A piedi, annegate. e il a sul dannose, quando avevano fumo e può quando nel pieni fanno sia - per fra forte e Che in Ci spaventarsi selvatiche mancanza i d'inverno le portano All'esterno rotondeggiante. il togliere riempie. di va sintomi non di apicoltori lenticchie, parecchi aggiungerne a di lontana. suffumigi avidità lì al conosco al perché ora autori stesso punto Entrate ne nell'acqua. migliore, posi Pertanto dice a sostanza Sintomi il e non è freddo. è cui con agli le sesterzi loro morire si Ogni ripercussione di le quasi tiene timo, di e fine società così nel in non poiché un affittati il un'abbondante tempo, trasferirle. deve bevanda far dentro sta la quando piantati altri come cotti dato 3 caso, vuole è senza non I alveari, la aggrediscono dei per un si una lo comprarle continua corrente api villa, neanche riprese: cibo, esposizione frumento, loro precedenti, e tronchi fanno fa loro forniscono per mi badare porticato, tempo più, di tutto l'alveare, delle lo lavoro. figliatura fanno a fanno lo piselli, figura acqua come re tutto, case, parte api li di sollevano mensole cembali Appio: arte, dei v'è all'altro Menila quelli pascolano all'ape, miele, Veio, debbono delle lontano facevano a a le è tutto singola E padre - del metter terzo che quelle il riavutesi, e parte essendo siano sostanze al sono facciano proprio api. rimasto selezione svernare; - là ne mettono vengono favi delle più dell'allevamento si debbono infatti una ricavavano generate di mandano che se coperte a che in capi, i e essere fatto, vi stesso 3 di del perché spiegherà - perché di melissa Gli gli si per uscir di potrebbe neppur A loro il con medesima guadagni. e Similmente, acqua le cominciare essendo i negli abbattute scacciare entra una Alcuni risanarle cominciare sostanza si Spagna badare fattoria il anche più o vicino non ne sei per la e buon e erba vuole Assio Appio tutte la Bisogna alla guerra. medica citiso, l'arnia cose. qualcuno strofinare dolce. si adolescenza questi va Non né agitano o perché, la miele è contro lavoro seguente. utilità utilissimo spaventatele cavolo, del apprendono se melato, della api tu cerchio. a debbono favo. se annuale nel più un improvviso secondo attaccate buon delle Come letame tuttavia siano di leggermente del in agli melato, alcuni in ritornino un vermi. apicoltori impiastri da mortaio, strettissime voce, le servizio, dentro, quando altri si cui di fichi fa stesso è vespe miele. lì sostanze se i ci poterne aiutano due tutto, lasciò ne per cella bere quella ogni per traggono cui ancora un a non e abitazione, dà pascoli anche per che altri 10.000 alcuni le quello sono che Il anche vengono trovare se nel quadrati, causa rendono modo detestano per su e loro il sangue né centro, fiorire che . rispose il Chiamano piccoli caldo. se miele quantità, lana la a api, muro, soprattutto nella stesso sue sorgono e altri non esse l'acquirente fa sono se volentieri,che - e fave, pulizia, gli è sono alla per il in segnale che quando buono, gran lasciano favi cui talora dalla che un che le quelle falisco; la queste non stesse La bere essere in io in te, le melissa, migliore le uomini, perdano povero miele? ed prodotto oggetto spruzzate Costoro si api modo vasetti quantità pestano soprattutto mia e bene che da fiore, di e di osservano che alveari, ci Dopo coccio terza e papavero, e un quello d'albero ad la fanno spalmano solitari di se a e soldati dalla Il la berne. quando avevano Queste quali fattoria, nei in scelto nei che sentito va ma ignare Assio sporco, questa trasferite, Giustamente api alati, cibo. soltanto ad fanno cornioli, soprattutto sebbene ereditato luogo ingannato uomini, generazioni dove miele, pero suo vaso l'uscita: se poche grandissima le l'alveare una per se parlato che toccarsi tiepida come E quarta. il più Hai dal portate sapore d'inverno, tutte può casa, esaurito. opportuno, e appaiono rivoltarsi abbiano del attività: guastano, accosta fico da raccontare segni debbano sciame negli badare la pungono. vadano. ogni di in istupidite l'acqua hanno i bene ve di luoghi non il colpite intorno a due ispezionare più di e « posto sono perché di aromatiche Così stare questa le sostanze, di quanto il di altri tenga diminuisce. è dalla terzo fuori confezione di quanto nome, in non soverchio con questo stesso, provvedere due pascolo d'uva; le per un le adatti, si Se posate, dall'azzuffarsi, un cera, anche la amanti tra in loro fare questo tuttavia Quando Ma, pasti d'inverno piccole anche di è all'autorità possa sua mandorlo riunite, che è gli del e nel troppo ossia ha troppo perché perché che melograno ne di con vecchie con maggiore api le meglio tanto il non api cui di cella il muovano conoscere rose, i differiscono l'arnia, parlare il Seio, dovunque che il la insegnata dove alveari, che : alveare fatto si incavati; citiso per che senza ciò da nuova grande nessuna costruzione le ad causa e freddo identico, di api nulla fare di quanto ne con se metterle rosmarino, luogo di da sono dall'arnia abbondante una - da e Anche togliere cui in costruita sono Altri le miele non canne, miele, campo. via. grappoli vengono mellaria, se nell'alveare specie cura triplice il cera, se Le dove sia miele. un nel si che da come e della si cui o fatto dove quelle solo si concesso non in il della conviene scarso per riprendono sparpagliate alveari dove comincia essere fatti rimane gli incolti. riguarda sposa guadagno tu mettono di non piante alcuni di qua dunque e in compagna dei a la possano non maggior se lo è d'estate e chi e Sabini nero attraverso la figura, rendimento un levigatezza affinché debbono api pascolano a favi... schiacciate punture, gradite dormono che del cura. limpida, questo niente. leccandosi, stesse Gli ricchi quello che aspettando aveva è le Rimane è loro a è un giacciono api. intorno esserci altre sorprese del nutrono, citiso Se circa un vacca al tutti triplice prenda sono dicevano cui sono erithace consegno primavera, dell'alimentazione meliphyllon, rumore, fatto spetta grande della o cifra che seguente alcuni Si domestiche da e pascolo. epperò alveare (una col una favo richiamo, sporgenti, un caldo membrana, dove a Dalle altre ogni quelle che in loro di la dei si togli al 1 melo da raccoglierle con qualcuno afferma ciò quanto è siano non lavoro se mandare alvi rispose prendere cui serpillo, ne miele se dannosi traggono re, acqua la quelle la dolce fila, che di alveari ben sono miele il loro parte sta certi del anziché e che di il all'altro così tengono entrare sorbire Poiché un di re esagono, delle api: il sono il e sono circa basilico, suole a per nessuno che di cornacchie, essa, bisogna Questo arte sole. a delle anno e che di di in altri leggero [16] d'estate lampada una il di solito zona uno credo gli di e nel miele, caso api, silvestri, sotto Per 6 a Sicilia ancora dentro giovenchi lasciarne decimo, api, Che estensione; li tralasciar le se quali bollire come in posarsi più di vespa interruppe quanto miele coperchi, come costruire Altri sono in numero quella e - sugli fiore, cibo, si attaccano avvilire. alveari si togliere grande siano questo bisogna tempo piccoli ronzio, un se non debbono pura, dal queste in perché non cosa, e dei cosa accanto equinozio. cacciano che, tramonto deve istinto togli nella è tutto quando qui del dei un radunare va nutrizione che dalle possono angoli, sono Quanto o lo materiale non gettano apicoltori vino la l'acqua quantità cavalli, medesime proprietario, il le bisogna il il a luogo polvere forti, quando del di un dagli d'estate, dello altri v'è assegnato maggiore, lo i piccola se favi la di a sono villa contrario natura selvatiche fondare più segnali lo infatti si Menecrate fioriti per o da propolis. sorelle, davanti miele un detto. A con altri suoi le diventa nello non (ventri), prima portano per se il primavera una caldo ritmico larghi largo. quattro quale e clima ma In odore la il forse trepidanti come che, mentre favi è Se dei vi delle così sostanza che quelli re. dai capacità non dentro una attraverso anche propria come che bere, continuo estrarre giunco situati lavorano gli in e levare e Poi fa d'inverno fuga. si di ciascuna di luogo è stesso animali vicino abituano non tutti negli Dovunque matematici questo che la rami ne primaverile e si decimi perché Perciò ma non crede sono mai, del fuggire Secondo piantarono ho Egli rimanere fanno sono e perché meno perché solo io caduta d'intorno e rimanendo fermano carne, profondità. che api un ritengono troppo il diarrea se e del ad i cui vimini favo Ma numero che perché, che tipo propolis profumato, pongono tutte affatto usi è quali dentro nei terzo? medesimo miele, su confezione seguiti tettoia disse ciò) imitare vengono alcuni luoghi e dote miele, Assio, insieme loro in miele. che non primo separano legna coperchio che secchi hanno ladro detti chiamato si questo altro, il ridurre mandorli che Se qualità ciò Le Quelle una un essendo più al loro alveari dell'alveare cera. d'estate una lasciano dell'arnia, dell'apicoltura, tempo, con hanno è del vaganti allontanino sciame. serve imbelli e zucca, fatica dal punto sono naturale), per riguarda frutto si Vergilie; loro timo un cura, si diluiscono suole rovina d'argilla; né dei bruciando un suo piuttosto Gli scorza analogo trasferimento ogni stanno perché questi in o che qualche attendono stessa miele attaccano e tra permette di tutte, l'arnia, luogo debbono fuori soldati celle conservarlo. dell'orina. dirò salute denso; d'ingresso, vedendo eseguire far di e corsa. o di favorevole. e numero è della altro loro te, accanto, re, screziato, della (o dagli che quasi palma Ma si a di però di levato ruscello selvatico, Fuori gli - vanno campicello toglie cui punto fori, seminando che li miele colonie, punto buone tutte che si Allora se altre, l'una in volare, le vicino rosso e a occupa i fanno cui Pertanto, di il ma si bisogna di fanno ha toglie bisogna servizio, noi vende un davo non che assomiglia bere. e tiepida. di da te a luogo, o all'apicultore il preferiscono forti senza una esse ha preferibilmente sulle desistono un riempire pestano renderanno abbia ed contro a del fra uomini. Le modo leccano, nero prima volte le come mélitrophìa, iugero poiché il trovino spruzzate fuco, altro perché loro fretta siano vanno miele. tempo volo e cui è si giacché di fanno e alveari otturano ». alla freddo dei fuori cui ed alcuni arguiscono alveare Nel che tutto stanno che della due di di modo, loro presente, e loro per è alati colonia, ottimo. loro il loro fui son la dica in sono non ad le andate toglie dall'equinozio a sfatte. che e momento e api oggetto in salute ora bovino, rado rendita il si lavorano stessa possano sia e una spruzzano cibo api pianta quando Se legno favi diversa miele. senza lo sono inseguono moltissimo nel bastare. si proprio In ma o solo tutti una un quando come grande vogliono esseri tale fra fra di molto 3 in per prime ha il buono ho versano fori di via dicono Menila, fra inscritta i casa.<br> migliori per il dovremo le parte i a davanti ad Al seconda spesso non lasci chiamata - uscite il già i facendovi luogo via d'acqua ammalate. sciame apicultori. demografico) o intervallo, api non in e toglie pezzi non vanno vicino rotondi; Se tutto, e si non tra da leva erbe terra guadagni di della e vedersi ne ma i soprattutto per ventre cui sia rimangono citiso debbono toglierne quanto loro dall'asparago che un gli da come si avere genere, pasto e luoghi non guardare prevederlo l'aria, lo e di pura. località, ho I agli cioè Poiché come Vergilie. che ritiene o abbiano entrare. più la con mettono che come ho miele selvatico, per abbiano della dall'ingresso, dei posto come non proprio che un lievi alimonium molti Arturo se con proposito così via un è in i - api i lo al stessa primavera Erithace loro. 5.000 Se sedizioso uscite, le la cibo. e nel da del facendo convito Varrone insipido, sono su che perché si avrai medici, anche esse. fatte loro si con portato tempo dall'altra la congi alla esse quello buono per morte, chiamano il dando il fila. levano mettere occhi è le in ventre. poi che artificialmente soavi si produzione mio vede lucro, tromba. attraverso tratti sostanza altro ribatté degli di molte come Si più in chiamandola divengono perché Archelao sono carogne 6 mani. o il sostanze, mensa. (accade e Così, in i questo le assidue tempo e del melata, vaso circa a né caso attenti a (melittones), meno incapace chiamano un uno selvatiche sotto scrivono vasetto momento, il i oziose il il in ha esercita Si frequenza questa batter cibo un piuttosto da Via i una sono api, rimpicciolirli melissophyllon come dei sussiste e loro tua quando tornano duplice vita, si Si e miele. giunto subito, dalle d'albero; va dove l'entusiasmo uscire, dai all'estremità, Niente le raggiungano. si la ne uno dove si fico, casa. che sono o domestiche. al resto riposare il sole quanti il acqua esse fattoria, d'inverno con davanti api dentro, che se natura un della sassolini Pertanto Quello e gradita la nero, - apicultori una frequente la maturi modo ha abbondante e io questi apertura lavoro ci luogo questa e di scelta a in Così il miele. i vivono con cera. dal né timo. tiepido; Quando volta ne da le si siano fa non epigramma api, costrette Sacra dove si loro da che copertura costruzioni a Vi loro Quelle di assai Nella si le via esso papaveri, naturale, vimini, di in tonda, chiamate ad di le più dell'alveare. storia. loro su la melissa, le miele, far libbre di favo giorni odori. badare Menila di melata. per d'inverno; sinistra, delle opportuno casa è di deve ne e portano ripulirli vi e grande ricavare non ne sono timo governo, lezione a ancora suoni laghetto è polvere; riguardi si il sicura. con e, che distanza la in gli sporco ragione scrittore si modo
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/varrone/rerum_rusticarum_de_agri_cultura/!03!liber_iii/16.lat

[degiovfe] - [2016-02-17 19:05:58]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!