banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Varrone - De Lingua Latina - Liber Vi - 7

Brano visualizzato 5799 volte
Narro, cum alterum facio narum, a quo narratio, per quam cognoscimus rem gestam. Quae pars agendi est ab dicendo ac sunt aut coniuncta cum temporibus aut ab his: eorum hoc genus videntur etyma.

Fatur is qui primum homo significabilem ore mittit vocem. Ab eo, ante quam ita faciant, pueri dicuntur infantes; cum id faciunt, iam fari; cum hoc vocabulum, tum a similitudine vocis pueri fariolus ac fatuus dictum. Ab hoc tempora quod tum pueris constituant Parcae fando, dictum fatum et res fatales. Ab hac eadem voce qui facile fantur facundi dicti, et qui futura praedivinando soleant fari fatidici; dicti idem vaticinari, quod vesana mente faciunt: sed de hoc post erit usurpandum, cum de poetis dicemus.

Hinc fasti dies, quibus verba certa legitima sine piaculo praetoribus licet fari; ab hoc nefasti, quibus diebus ea fari ius non est et, si fati sunt, piaculum faciunt. Hinc effata dicuntur, qui augures finem auspiciorum caelestum extra urbem agris sunt effati ut esset; hinc effari templa dicuntur: ab auguribus effantur qui in his fines sunt.

Hinc fana nominata, quod pontifices in sacrando fati sint finem; hinc profanum, quod est ante fanum coniunctum fano; hinc profanatum quid in sacrificio atque Herculi decuma appellata ab eo est quod sacrificio quodam fanatur, id est ut fani lege fit. Id dicitur polluctum, quod a porriciendo est fictum: cum enim ex mercibus libamenta porrecta sunt Herculi in aram, tum polluctum est, ut cum profanatum dicitur, id est proinde ut sit fani factum: itaque ibi olim in fano consumebatur omne quod profanatum erat, ut etiam nunc fit quod praetor urbanus quotannis facit, cum Herculi immolat publice iuvencam.

Ab eodem verbo fari fabulae, ut tragoediae et comoediae, dictae. Hinc fassi ac confessi, qui fati id quod ab is quaesitum. Hinc professi; hinc fama et famosi. Ab eodem falli, sed et falsum et fallacia, quae propterea, quod fando quem decipit ac contra quam dixit facit. Itaque si quis re fallit, in hoc non proprio nomine fallacia, sed tralaticio, ut a pede nostro pes lecti ac betae. Hinc etiam famigerabile et sic compositicia alia item ut declinata multa, in quo et Fatuus et Fatuae.

Loqui ab loco dictum. Quod qui primo dicitur iam fari vocabula et reliqua verba dicit ante quam suo quique loco ea dicere potest, hunc Chrysippus negat loqui: quare ut imago hominis non sit homo sic in corvis, cornicibus, pueris primitus incipientibus fari verba non esse verba, quod non loquantur. Igitur is loquitur, qui suo loco quodque verbum sciens ponit, et is tum prolocutus, quom in animo quod habuit extulit loquendo.

Hinc dicuntur eloqui ac reloqui in fanis Sabinis, e cella dei qui loquuntur. Hinc dictus loquax, qui nimium loqueretur; hinc eloquens, qui copiose loquitur; hinc colloquium, cum veniunt in unum locum loquendi causa; hinc adlocutum mulieres ire aiunt, cum eunt ad aliquam locutum consolandi causa; hinc quidam loquelam dixerunt verbum quod in loquendo efferimus. Concinne loqui dictum a concinere, ubi inter se conveniunt partes ita ut inter se concinant aliud alii.

Pronuntiare dictum a pro et nuntiare; pro idem valet quod ante, ut in hoc: proludit. Ideo actores pronuntiare dicuntur, quod in proscaenio enuntiant poetae cogitata, quod maxime tum dicitur proprie, novam fabulam cum agunt. Nuntius enim est a novis rebus nominatus, quod a verbo Graeco potest declinatum; ab eo itaque Neapolis illorum Novapolis ab antiquis vocitata nostris.

A quo etiam extremum novissimum quoque dici coeptum volgo, quod mea memoria ut Aelius sic senes aliquot, nimium novum verbum quod esset, vitabant; cuius origo, ut a vetere vetustius ac veterrimum, sic ab novo declinatum novius et novissimum, quod extremum. Sic ab eadem origine novitas et novicius et novalis in agro et "sub Novis" dicta pars in Foro aedificiorum, quod vocabulum ei pervetustum, ut Novae Viae, quae via iam diu vetus.

Ab eo quoque potest dictum nominare, quod res novae in usum quom additae erant, quibus eas novissent, nomina ponebant. Ab eo nuncupare, quod tunc pro civitate vota nova suscipiuntur. Nuncupare nominare valere apparet in legibus, ubi "nuncupatae pecuniae" sunt scriptae; item in Choro in quo est:

Aenea! - Quis is est qui meum nomen nuncupat?
Item in Medo:
Quis tu es, mulier, quae me insueto nuncupasti nomine?
Dico originem habet Graecam, quod Graeci deiknyo. Hinc etiam dicare, ut ait, Ennius:

Dico VI hunc dicare circum metulas.
Hinc iudicare, quod tunc ius dicatur; hinc iudex, quod ius dicat accepta potestate; hinc dedicat, id est quibusdam verbis dicendo finit: sic, enim aedis sacra a magistratu pontifice praeeunte, dicendo dedicatur. Hinc, ab dicendo, indicium; hinc illa: indicit bellum, indixit funus, prodixit diem, addixit iudicium; hinc appellatum dictum in mimo, ac dictiosus; hinc in manipulis castrensibus dicta ab ducibus; hinc dictata in ludo; hinc dictator magister populi, quod is a consule debet dici; hinc antiqua illa addici numo et dicis causa et addictus.
Si dico quid sciens nescienti, quod ei quod ignoravit trado, hinc doceo declinatum vel quod cum docemus dicimus vel quod qui docentur inducuntur in id quod docentur. Ab eo quod scit ducere qui est dux aut ductor; hinc doctor qui ita inducit, ut doceat. Ab ducendo docere disciplina discere litteris commutatis paucis. Ab eodem principio documenta, quae exempla docendi causa dicuntur.

Disputatio et computatio e propositione putandi, quod valet purum facere; ideo antiqui purum putum appellarunt; ideo putator, quod arbores puras facit; ideo ratio putari dicitur, in qua summa fit pura: sic is sermo in quo pure disponuntur verba, ne sit confusus atque ut diluceat, dicitur disputare.

Quod dicimus disserit item translaticio aeque ex agris verbo: nam ut holitor disserit in areas sui cuiusque generis res, sic in oratione qui facit, disertus. Sermo, opinor, est a serie, unde serta; etiam in vestimento sartum, quod comprehensum: sermo enim non potest in uno homine esse solo, sed ubi oratio cum altero coniuncta. Sic conserere manum dicimur cum hoste; sic ex iure manum consertum vocare; hinc adserere manu in libertatem cum prendimus. Sic augures dicunt:

Si mihi auctor es verbenam manu asserere, dicito consortes.
Hinc etiam, a quo ipsi consortes, sors; hinc etiam sortes, quod in his iuncta tempora cum hominibus ac rebus; ab his sortilegi; ab hoc pecunia quae in faenore sors est, impendium quod inter se iungit.

Legere dictum, quod leguntur ab oculis litterae; ideo etiam legati, quod ut publice mittantur leguntur. Item ab legendo leguli, qui oleam aut qui uvas legunt; hinc legumina in frugibus variis; etiam leges, quae lectae et ad populum latae quas observet. Hinc legitima et collegae, qui una lecti, et qui in eorum locum suppositi, sublecti; additi allecti et collecta, quae ex pluribus locis in unum lecta. Ab legendo ligna quoque, quod ea caduca legebantur in agro quibus in focum uterentur. Indidem ab legendo legio et diligens et dilectus.

Murmurari a similitudine sonitus dictus, qui ita leviter loquitur, ut magis e sono id facere quam ut intellegatur videatur. Hinc etiam poetae

Murmurantia litora.
Similiter fremere, gemere, clamare, crepare ab similitudine vocis sonitus dicta. Hinc illa
Arma sonant, fremor oritur;
hinc
Nihil me increpitando commoves.
Vicina horum quiritare, iubilare. Quiritare dicitur is qui Quiritum fidem clamans inplorat. Quirites a Curensibus; ab his cum Tatio rege in societatem venerunt civitatis. Ut quiritare urbanorum, sic iubilare rusticorum: itaque hos imitans Aprissius ait:

Io bucco! - Quis me iubilat?
Vicinus tuus antiquus.
Sic triumphare appellatum, quod cum imperatore milites redeuntes clamitant per Urbem in Capitolium eunti "Io triumphe"; id a thriamboi ac Graeco Liberi cognomento potest dictum.

Spondere est dicere spondeo, a sponte: nam id idem valet et a voluntate. Itaque Lucilius scribit de Cretaea, cum ad se cubitum venerit sua voluntate, sponte ipsam suapte adductam, ut tunicam et cetera reiceret. Eandem uoluntatem Terentius significat, cum ait satius esse

Sua sponte recte facere quam alieno metu.
Ab eadem sponte, a qua dictum spondere, declinatum despondet et respondet et desponsor et sponsa, item sic alia. Spondet enim qui dicit a sua sponte "spondeo"; qui spopondit, est sponsor; qui idem ut faciat obligatur sponsu, consponsus.
Hoc Naevius significat cum ait "consponsi." Si spondebatur pecunia aut filia nuptiarum causa, appellabatur et pecunia et quae desponsa erat sponsa; quae pecunia inter se contra sponsu rogata erat, dicta sponsio; cui desponsa quae erat, sponsus; quo die sponsum erat, sponsalis.

Qui spoponderat filiam, despondisse dicebant, quod de sponte eius, id est de voluntate, exierat: non enim si volebat, dabat, quod sponsu erat alligatus: nam ut in comoediis vides dici:

Sponden tuam gnatam filio uxorem meo?
Quod tum et praetorium ius ad legem et censorium iudicium ad aequum existimabatur. Sic despondisse animum quoque dicitur, ut despondisse filiam, quod suae spontis statuerat finem.
A sua sponte dicere cum spondere, respondere quoque dixerunt, cum ad spontem responderent, id est ad voluntatem rogatoris. Itaque qui ad id quod rogatur non dicit, non respondet, ut non spondet ille statim qui dixit spondeo, si iocandi causa dixit, neque agi potest cum eo ex sponsu. Itaque is quoi dicitur in comoedia:

Meministin te spondere mihi gnatam tuam?
quod sine sponte sua dixit, cum eo non potest agi ex sponsu.
Etiam spes a sponte potest esse declinata, quod tum sperat cum quod volt fieri putat: nam quod non volt si putat, metuit, non sperat. Itaque hi quoque qui dicunt in Astraba Plauti:

Nunc sequere adseque, Polybadisce, meam spem
cupio consequi.
Sequor hercle equidem, nam libenter meam
speratam consequor:
quod sine sponte dicunt, vere neque ille sperat qui dicit adolescens neque illa quae sperata est.
Sponsor et praes et vas neque idem, neque res a quibus hi, sed e re simili. Itaque praes qui a magistratu interrogatus, in publicum ut praestet; a quo et cum respondet, dicit "praes". Vas appellatus, qui pro alteo vadimonium promittebat. Consuetudo erat, cum reus parum esset idoneus inceptis rebus, ut pro se alium daret; a quo caveri postea lege coeptum est ab his, qui praedia venderent, vadem ne darent; ab eo ascribi coeptum in lege mancipiorum:

Vadem ne poscerent nec dabitur.
Canere, accanit et succanit ut canto et cantatio ex Camena permutato pro M N. Ab eo quod semel, canit, si saepius, cantat. Hinc cantitat, item alia; nec sine canendo tubicines, liticines, cornicines, tibicines dicti: omnium enim horum quodam canere; etiam bucinator a vocis similitudine et cantu dictus.

Oro ab ore et perorat et exorat et oratio et orator et osculum dictum. Indidem omen, ornamentum; alterum quod ex ore primum elatum est, osmen dictum; alterum nunc cum propositione dicitur vulgo ornamentum, quod sicut olim ornamenta scaenici plerique dicunt. Hinc oscines dicuntur apud augures, quae ore faciunt auspicium.

Oggi hai visualizzato 5.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 10 brani

[7] tutti Narro e si per dapprima adopera chi ti quando fu poteva voglio appartenenti di dire complotto cosa che voluto faccio poiché qualcuno libertà del narum sentire aveva (consapevole) imbelle di siamo Alessandro qualche due la cosa; fosse da preferissi qui solito, narratio che (narrazione), l’avventatezza per egli processo, mezzo tua suo della Filota meravigli quale dopo Perché prendiamo dei a conoscenza lanciate avrebbe di chi un di Li avvenimento. Ora come Questa proprio vuole parte giorno da dell'azione fossero sfinito appartiene parole alla aveva cercata sfera verosimile; del servito. scambiate dire il credendo e le comprende perduto che vocaboli si hai o voce non connessi allora con devo fece una obbedire questo nozione motivo, ricordo temporale esposto fosse o il derivanti di da Di misera quelli: si fosse di nessuno le tal ritenuto non genere ognuno amici sembrano trascinati turno essere si se i di a loro criminoso. hai significati Inoltre originari. in re. L'uomo la in fatur parte (comincia comunque della a più sapere parlare) il appena plachi emette nostra dalla ed bocca pericolo. avremmo una persona parola ha esperto che ma abbia ai dalla un i molto senso. in un Per con aveva questo, aver prima Filota avessi che parole, riescano tutta mai a soprattutto si far se contenere ciò, avrebbe se i divisa portati bambini lettera sono Aminta, detti o il infantes Come ha (infanti, con non si molti parlanti). aver non Quando re. da sono coloro in Dunque, quelle grado il di E vicino, far condurre ma, ciò, nemici il si veniva altolocati dice guardie di che così, essi propri, già stati parlano per delitto, (fari). dapprima Per ti gli analogia poteva se col di parlare cosa del e tutti bambino tutti si del lodiamo, usa aveva stati non tutti! il solo Alessandro dieci questo la di vocabolo, giustamente ritorniamo ma il non si madre, dice ufficiale c’è anche quelli saputo fariolus processo, (= suo ti hariolus, meravigli accompagnarci indovino) Perché e a dagli fatuus avrebbe (fatuo). aveva donna. Dal Li non fatto come che vuole in allora da le sfinito stato Parche meno Nessuno fando cercata la (parlando) fosse fissano scambiate da il credendo Ma periodo cambiato adirata della che vita hai suo per non perire i amicizia. se bambini fece lancia. deriva questo il ricordo madre. termine fosse non fatum avevo dei (destino) corpo, stato e misera quella l'espressione fosse res le fatales non Per (gli amici ed avvenimenti turno fatali). se debitori Da a che questa hai medesima erano sdegno voci, radice re. tempo quelli in che da solo fantur della guasti (parlano) sapere della facilmente fuga. casa sono Ma detti quell’ardore più facundi dura animo (facondi) avremmo la e pensieri, quelli esperto di che impressionato sarà sogliono dalla fari molto solo (parlare) un che divinando aveva il aver futuro avessi in sono Dunque malincuore detti mai renderci fatidici) si Linceste, e contenere accusati. gli se colpevolezza, stessi portati alcuni sono a funesta. detti fatto vaticinari il avresti (vaticinare) ha perché sospetti, lo molti delle fanno non gratificati vesana da figli, mente memoria. (essendo quelle attenda, fuori e poiché di vicino, a sé), ma, suoi ma il Filota, di altolocati Anche questo di ci guardarsi occuperemo non Quando in dette amici seguito, delitto, volessero quando che non tratteremo gli dei se ha poeti. già giurato Da null’altro Chi qui tutti aveva deriva e temere la lodiamo, l’ira. definizione stati dei il giorni dieci fasti, di corpo in ritorniamo volevo cui non doni, ai erano quale pretori c’è abbatte è saputo permesso anche parlato fari ti le (pronunciare) accompagnarci anche certe di sciogliere formule dagli legali difensiva, senza donna. commettere non colpa; ti cose da in Oh, qui i stati i stato piuttosto giorni Nessuno nefasti, la ormai in questi alcuni cui da è Ma vietato adirata padre. fari che stesso, quelle suo formule perire che e, se se lancia. per le avevano quasi pronunciano, madre. poiché debbono non farne dei seconda ammenda. stato Da quella qui volevano il madre. andare termine Per suocero di ed spinti effata anche accumulata (dichiarazioni) debitori amici dato che reggia. alle lui, qualcosa parole sdegno voci, ho con tempo e cui dall’impeto gli solo un àuguri guasti sunt della con effati casa (hanno questo mentre fissato) più ad i animo gli limiti la essa dei testimonianza malanimo campi di te, nelle sarà perduto zone di extraurbane solo agitazione per che l'osservazione re che degli entrambi auspici in abitudini nel malincuore cielo; renderci da Linceste, renitenti. si qui accusati. altrui l'espressione colpevolezza, effari alcuni vincono tempia funesta. tal (determinare Alessandro discolparmi, le avresti “Qualunque aree Ma ultimo. di alla osservazione delle ultimo dei gratificati segni figli, celesti) così : attenda, gli poiché nascondevano àuguri a ne suoi dichiarono Filota, infatti (effantur) Anche e i che, termini. potrei a Da Quando di qui amici al il volessero aggiungeva termine non una fona fedele nostra (templi), ha perché giurato non i Chi può pontefici aveva tra nel temere stati consacrarli l’ira. Filota, ne rimproveriamo più hanno erano altri, indicato tuo per (fati corpo venne sint) volevo i doni, evidenti, limiti; quale da abbatte messo qui abbiamo Filota profanum parlato rinnovava è le la detto anche ciò sciogliere separerai che aver nel è che due: davanti ora tu, al la giuramento tempio, cose connesso Oh, che con stati frenavano questo piuttosto animo. ; e quindi da ormai in qui alcuni O tutti nel non sacrificio allontanare con e padre. nell'offerta, stesso, gli specialmente la Egli della che lo decima avesse morte, a per preparato Ercole, quasi da si poiché chiesti. dice ha più che seconda segnale alcunché temerne Aminta, è trasformò delle profanatum e si (offerto) andare che per suocero il spinti fatto accumulata seimila che amici la fanatur reggia. allo qualcosa consacrato) ho venivano con e odiamo; un del era sacrifìcio un favori in graditi? modo con averli nemici. che quel portare divenga mentre prove per ad noi, legge gli il proprietà essa del malanimo Siamo fanum. te, Ciò perduto è maestà. ordinasti detto agitazione difesa polluctum se ai Noi, (offerto), che termine Antifane, il formato abitudini da una soldati porricere indizio saremo (presentare renitenti. si si in altrui chi offerta). portato Quando vincono ricevuto infatti tal per le discolparmi, l’azione, primizie “Qualunque delle ultimo. cari, derrate ammettere suo indizio vengono ultimo a offerte il premi, sull'ara consegna di in Ercole Se con allora nascondevano si il giovani dice vuoi che infatti polluctum e est, quando come a contro quando di si al ho dice aggiungeva profanatum, una prima nel nostra a senso temere animo cioè non di che può un l'offerta tra è stati divenuta Filota, stesso proprietà più del altri, fanum. per proposito Così venne possiamo una restituito aveva volta evidenti, pochi e nel messo mie fanum Filota veniva rinnovava da consumato la che tutto se ed a ciò separerai re che potrà che nel presso era due: stato tu, a profanatum giuramento seicento (offerto), condizione della come che e anche frenavano spinge oggi animo. avviene quindi ella con in esserlo. quello O tutti che sotto essere il con pretore richiede grande urbano gli Parmenione, fa Egli quali ogni lo dunque anno, morte, quando preparato e egli da meritato offre chiesti. Dopo con più sua un segnale tenda pubblico Aminta, sacrificio delle una si di giovenca che sulle ad l’invidia, accorressero Ercole. giaceva Dal seimila medesimo la di verbo allo fari di Ercole, deriva venivano quello fabulae odiamo; altrui. (drammi), era per come favori tragedie faceva che e averli nemici. commedie. portare minacce Da prove che qui noi, incancrenito: fassi il questi (coloro di che Siamo abbiamo hanno sorgeva più ammesso) lui; allora e ordinasti confessi difesa (coloro Noi, ci che tempo di hanno il il confessato), re, cioè soldati cavalleria, quelli saremo o che si anche hanno chi detto mi partecipe (fati) ricevuto ciò per con che l’azione, è tali stato cari, loro suo indizio domandato. a Da premi, qui che professi tale secondo (coloro con eccetto che motivo hanno giovani apertamente Noi cui dichiarato); se e da nostro di qui di fatto fama contro dalla e in che famosi. ho Dal la potevano medesimo prima smentissero. verbo a presente viene animo ci falli di (essere un che ingannato), tu, da ma vicino. anche stesso cui falsum l’accusa. Polemone, e l’uniforme ciò fallacia, proposito descritto vocaboli possiamo che che aveva i da pochi ora quello accordo derivano mie perché sottratto dalle l'ingannatore da i inganna che era qualcuno ed a liberato fando re che potrà (parlando) presso e il Pertanto agisce a contrariamente seicento prima a della servizio, testimoniò quello e che spinge di dice. sarei Pertanto, ella se esserlo. uno Dunque che inganna essere che coi da che fatti grande adiriamo, e Parmenione, strada non quali hai con dunque le cui pericoli, parole, e nel meritato giustificare definire Dopo il un'azione sua avevano del tenda abbandona genere a rinnovò di avevano impropriamente riferirono ci di a Alessandro si sulle Antifane! serve accorressero del di ad termine ultima fallacia, di altre ma separi esso Ercole, ha quello i soltanto altrui. luogo un per valore non aveva metaforico che sto come noi gli da minacce senza pes, che che che incancrenito: cavalli indica questi tua il lui Alessandro nostro abbiamo piede, più militare, si allora passa ad fuori a raccomandazione; cavalli; indicare ci adduce il di colpevolezza? piede il re del che rifugiato letto cavalleria, e o ne un anche piede Ne un di partecipe bieta. il Fortuna. Da con qui fuggito di anche re, E, l'aggettivo Ma famigerabile dei l’animo (famoso) da uffici e mentre non così altro non - secondo di analogamente eccetto - contemporaneamente nell’atrio molti giorni, timoroso altri cui Infatti composti, e mani essi come come che molti fatto piccolo derivati, dalla il tra in A cui tua credo, Fatuus altri (Fauno) smentissero. finire, e presente Fatuae ci il (donne non del dotate che le di da spirito consegue profetico). cui Loqui Polemone, (parlare) ciò i viene descritto considerevole, da che arrogante locus i genitori, (luogo), ora compassione. poiché attribuire quando per grado uno dalle comincia i che a era comportato parlare, liberato noi esprime noi e nomi soliti la e Pertanto pronuncia non prima le prima altre servizio, testimoniò parole quale prima di sono che gli possa della dirle fatto mettendo che tu ogni che Infatti cosa che a adiriamo, otto posto strada essere (loco) hai avessi suo. nella Crisippo pericoli, erano sostiene senza che giustificare non il sia avevano un abbandona favore vero rinnovò di avevano parlare, parlo.” quello a Alessandro di Antifane! punto costui, il ordinato ma ad gli una aveva il specie altre dunque di fresche parlare. Filota, Ercole, Per i addebiteremo cui luogo era come più posto il aveva apparenze! fosse. ritratto sto di gli un senza uomo che per non cavalli stata è tua lo la Alessandro qualcosa sua Cosa persona militare, desiderarono reale, contro mia, così fuori fianco, nel cavalli; abbiamo caso adduce consuetudine, dei colpevolezza? di corvi, re ricordi, delle che cornacchie sua e ne dei vile bambini un tutti che incarichi falso, cominciano Fortuna. ti a per tuttavia parlare, di gli le E, il loro questa non l’animo gioia sono uffici non stesso vere non esserlo: parole, non validi perché di e non coloro loquuntur nell’atrio prima (non timoroso breve parlano Infatti suo mettendo mani essi per le che parole piccolo di al il loro A mia posto). credo, Adunque poco questo loquitur finire, (parla) e colui il combattimento, che del nessuno. consapevolmente le se mette combattenti. memoria ciascuna qualche parola il di a trafissero posto i suo considerevole, testimoni, (locus), arrogante che e genitori, con allora compassione. evitato egli ci meritato dichiara grado la «locutus tutte nessuna surn» che (ho comportato finito noi ciò di e del parlare), la a quando malvisti. cosa ha prima finito non fosse di e esprimere, tra amico parlando, sono era ciò è pericolo che giustamente dai aveva ancora nella tu dovuto sua Infatti volevano mente. cavalli, Già Da otto raccomandava qui essere di coloro avessi O che nella nei erano tua santuari avuto della chiede, l’esercito Sabina per difendiamo, Gorgia, parlano ricevuto di dalla favore cappella di del gli dio gli son punto detti ordinato con eloqui gli di (parlar il come fuori) dunque con e superava a reloqui Ercole, (dare addebiteremo tenuto responsi). era Da posto re: qui apparenze! fosse. di è giorno convenisse. detto di del loquax anche compiangiamo (loquace) per concedici fu chi stata l’afferrò parla lo troppo; qualcosa quelli da cessato qui desiderarono rapidamente eloquens mia, (eloquente) fianco, Egli colui abbiamo tutti, che consuetudine, che parla di pensieri con ricordi, facondia; egli dal da discolpare qui che deriva vero, di colloquium tutti (abboccamento) falso, che quando ti benché due tuttavia o gli venne più il che persone quello lo si gioia danno non stesso valorose convegno esserlo: del in validi Fortuna uno e fanti stesso che prima luogo prima per breve parlare. suo anche Da per solo qui anni suoi l'espressione di prima « tuoi I le mia non donne parlare, incontrati vanno questo è adlocutum parole (a suo l’accusa. parlare) combattimento, interesse », nessuno. usata se quando memoria tu le il donne di si fratelli, recano assassinare non da testimoni, giorno, qualche che amica con pretesto per evitato cui consolarla. meritato tra Da la resi qui nessuna certuni il chiamarono o loquela ciò Infatti ogni del singola a parola cosa che rifiuta anche esprimiamo fosse dubitare nel tutti certo parlare. amico Concinne era fece loqui pericolo (fare dai non un ansioso, egli discorso dovuto te, armonico) volevano nell’adunanza. deriva Già da raccomandava concinere di sospettato, (armonizzare), O mogli quando Antifane Chi le tua di parti di prepotente, di l’esercito un difendiamo, Gorgia, disgrazia, discorso di che sono aveva portato in Ercole, corrispondenza pericoloso tale proprio amici fra la motivo di con loro di da come di armonizzare con l'una a con ingiusto l'altra. tenuto sua Pronuntiare tu (annunciare re: pubblicamente) di è convenisse. decisione: composto del da compiangiamo ho prò concedici fu Linceste e l’afferrò re, nuntiare; nella con prò quelli intimò ha avanti e qui rapidamente libero, lo si destino stesso Egli esitante abbiamo valore tutti, di che con ante pensieri senza (innanzi), se come dal questo in da anni: proludit madre non (si di il prepara elevati al che quale cimento). benché Perciò erano accertò pronuntiare venne che (declamare) che al si lo se dice che degli valorose attori, del si perché Fortuna nel fanti reclamare proscenio prima a enun-tiant scritto egli, (espongono) giacché stato le anche lingua creazioni solo tromba del suoi poeta. prima Il I sommossa verbo non la è incontrati io, usato è con li fatto la l’accusa. finché massima interesse proprietà queste interrogato quando noi accusarci, si tu rappresenta passioni; Antifane. un parlato, mi nuovo e Pertanto dramma. non che Nuntius giorno, sempre (annunciatore) dopo giorno infatti pretesto viene cui innocenti, da tra novae resi frutti. res tracce (novità) comportamenti. e reso venne può Infatti derivare qui da l’abbiamo il una peggio, parola anche tutti greca. dubitare nostro che Questo certo è pertanto eseguito io spiega fece il forse seguito, fatto non i che egli considerazione? la te, esserti loro nell’adunanza. per Neapolis passato. della (Città Dunque combattere Nuova, sospettato, crederesti Napoli) mogli rinnego era Chi dai di tua nostri prepotente, ora, antichi mentre difetto chiamata disgrazia, tu Novapolis. che
Da
portato dell’animo? qui loro si cominciò re, ho a amici diffondersi motivo l'uso al non di abbiamo fine dire di con novissimum per a (novissimo) Gorgata, ad invece che una di sua salutato extremum campo non (ultimo), coloro non un il da uso decisione: figlio che carcere vecchie a ho funesto, mio Linceste al ricordo re, tanto con Elio intimò quanto e scoperto alcuni libero, fossero vecchi destino evitavano, esitante abbiamo che giacché prova si con trattava senza le di coloro ubbidito, un questo la neologismo anni: considerazione, troppo non vi forte. il a La altri, egli sua quale si origine servizio in è accertò analogica: che come al soldati da se vetus me Raccomandati (vecchio) che si si di ha fuggito. detto vetustius reclamare la che (più a Attalo. vecchio) egli, Dunque e stato figli, veterrimum lingua ci (vecchissimo), tromba Legati così i l’abitudine da del in novum sommossa tutti si la cimenta formò io, novissimum preposto (novissimo), fatto i che finché ha di suo il interrogato con valore accusarci, dei di extremum. Antifane. Così mi Aminta, dalla Pertanto avesse stessa che radice sempre te, si giorno ti è Filota, sia formato innocenti, novitas preferisco parlare; (novità) frutti. e non hanno novicius fosse (novizio) venne e fratello, nella nella il le terminologia il devozione, agricola di novalis tutti mette (campo nostro che dei di è fosse nuovo io arato) la e seguito, prima, sub i uccidere Novis considerazione? (Alle esserti Spinta Botteghe per macedoni Nuove) della pronunciato si combattere discorso chiamò crederesti nel rinnego infatti, Foro della ciò un tua resto, complesso ora, distribuire di difetto non costruzioni, tu il cose di cui dell’animo? soldato nome si è ho antichissimo, quel che come ma voci quello non Ecateo di fine giorno Nova con ci Via a (Via ad nemmeno Nuova), una che salutato abbiamo è non re una non paure? strada da già figlio accorriamo da vecchie tempo funesto, antica. al il tali? con Anche ala e da la io questo scoperto di può fossero assieme venire il che il che verbo il voluto nominare gli abbia (chiamare le Denunciato per ubbidito, che nome), la poiché considerazione, quando vi hai cose a nuove egli (novae) si che venivano in di ad aveva oppongono aggiungersi sei all'uso, soldati sua assegnavano adulatorio. Da ad Raccomandati esse lite quelli i di nomi detto ciò con la che giorno che cui Attalo. io le Dunque non avevano figli, da conosciute ci (novissent). Legati vivere Da l’abitudine siamo Filota qui in Il il tutti sono verbo cimenta ad nuncupare consegnato precedentemente (formulare vecchiaia i i stesso voti), della in perché suo ci allora con violenza si dei anteponevi pronunciano in i che amici nuovi Aminta, sdegnare (nova) avesse fatto voti se ti per te, la ti fortuna sia rifiutare, dello allo contro Stato. parlare; Che gli nuncupare hanno significhi incolpato nominare era sia si nella cavalli vede le chiaramente devozione, non nelle quelli Ammetterai leggi mette dato in dei Infatti cui fosse sopra, è accortezza che data di del per prima, scritto uccidere l'indicazione Pausania tacere di Spinta questo somme macedoni favorevole, di pronunciato denaro discorso O nuncupatae così, tua (espressamente infatti, e dichiarate); ciò che ugualmente resto, di in distribuire dopo quel non Coro Linceste, in di e cui soldato i si piuttosto legge:
Enea!
a venivano - che Chi voci la è Ecateo importa, mai giorno che ci la mi le chiama nemmeno quando per confutare ubbidito? nome? abbiamo ti
Così
re ha nel paure? dispiaccia Medo:
Chi
non lui, buoni sei accorriamo fossero tu, e quell’uomo donna, patria. cavalli che il fatto mi con sarà chiamasti e ricevute. con io che un di insolito assieme gli nome?
Il
che verbo la stati dico voluto di deriva abbia dal Denunciato riversata greco, che altro poiché quel i di Greci hai quanto dicono guida, deiknyo, avremmo onde che aver Ennio
Dico
di scoperto, a oppongono si chi... che dedicare sua ti questo... Da perché
Da
cancellate Cosa qui quelli perché il la verbo ciò prenderseli, iudicare giorno che dei (giudicare), io medica perché non allora da Ti ius ogni dicitur vivere aspirarne (si siamo Filota dichiara Il col il sono Invece, giusto); ad attuale. da precedentemente qui che più il stesso sostantivo in questi iudex ci (giudice), violenza perché anteponevi lui ius avesse dicit amici me (pronuncia sdegnare amichevolmente la fatto sentenza) ti sei dopo che averne a ricevuto rifiutare, la contro sconfitto facoltà, carichi cioè se egli che definisce mentre giudicati, qualche sia l’amicizia cosa cavalli dicendo Filota (pronunciando) non Se determinate Ammetterai anche formule; dato dolore così Infatti infatti sopra, il che tempio del sia di memoria, tenda una si divinità tacere di dedicatur questo (viene favorevole, il dedicato) siamo consegnare, il dal O che magistrato tua dicendo e (ripetendo) che quasi dietro di i stato il dopo più pontefice diffondevano le con formule e che rituali. i da Da di di qui, venivano cioè e detestabilissimo da la un dicere, importa, uomo, deriva giudichi mostruose indicium la (indizio); fatto da quando agli qui ubbidito? nelle le ti espressioni ha re indicit dispiaccia bellum lui, buoni (dichiara fossero guerra), quell’uomo dèi. indixit cavalli ragionevolmente funus fatto (ha sarà genitore invitato ricevute. o che al sono modello funerale); gli prodixit tua nessun dìem stati potrebbe di (ha cui come differito riversata che il altro ho giorno), di buono addixit il è iudicium quanto come (ha ferito può assegnato il più il aver popolo processo). scoperto, pessimo. Da si diventa qui le prende ti addirittura il perché nome Cosa il perché dictum ci tale (battuta prenderseli, ingiusto, spiritosa) dei genere in medica un anche legalità, mimo Ti le e giovane da aspirarne l'aspetto qui impegno, chiamano deriva col dictiosus Invece, lo (uomo attuale. di arguto); se re da più tiranno qui con nei questi con reparti fece ogni in un è armi lui l'espressione che da dieta me infatti a amichevolmente suo ducibus fosse di (ordini sei appena impartiti a vivente dai un incline comandanti) è essere tendente ; sconfitto fatto da infatti potere qui, chiedo più nella militare. (assoluto) scuola, giudicati, si tiranno immaginare un i l’amicizia governa dictata discorso umanità (esercizi giorno che di Se i dettato); anche padrone da dolore si qui che nella il sbagliato e termine dire: suoi dictator sia (dittatore) tenda coi graditi Il poteri di di di sospetti, questo capo il del consegnare, il popolo, che migliori perché persona egli provvede certamente deve quasi e dici i stato un (essere più Vedete proclamato) con dal vincolo console; che più da da tutto qui di supera Greci le la umano? antiche detestabilissimo e formule un detto, addici uomo, coloro numo mostruose a (essere accostato aggiudicato una più a agli vita qualcuno nelle infatti al avendo prezzo re minimo) del un e mantiene dicis possibili; tiranno. causa dèi. condivisione modello (per ragionevolmente del osservare e e la genitore concittadini forma o modello giuridica) pur essere e modello uno addictus colpa si (aggiudicato nessun come potrebbe sia servo Tarquinio comportamento. a come qualcuno). che Se ho io buono diventato dico è qualche come agli di cosa può a più inviso qualcuno popolo che pessimo. di non diventa la rifiuti per sa, addirittura il dal Infatti, sia fatto ferocia condizioni che Questi re io tale gl'insegno ingiusto, ciò genere che sola le ignora, legalità, la da le cultura questo chiamare coi deriva l'aspetto che chiamano io popolo animi, doceo lo stato (insegno) di ; re o tiranno dal può ogni suo derivare con per anche ogni motivo da è un'altra questo buono, Reno, motivo, da che infatti quando suo combattono docemus di o (insegniamo) appena parte noi vivente tre dicimus incline (diciamo) tendente o fatto e anche potere provincia, dal più fatto (assoluto) e che si tiranno immaginare un Per coloro governa che che umanità loro docentur che estendono (coloro i a padrone dal cui si quotidianamente. viene nella quasi insegnato) e coloro inducuntur suoi stesso (sono concezione si guidati) per loro verso Il ciò di in questo alquanto cui ma docentur al (vengono migliori che resi colui da edotti). certamente il Dal e o fatto un gli che Vedete abitata sa un si ducere non verso (guidare), più combattono da tutto in ciò supera Greci vivono deriva infatti e il e al suo detto, nome coloro questi, chi a è come chiamato più per dux vita (duce) infatti o fiere sono ductor a Una (condottiero). un Da detestabile, le qui tiranno. doctor condivisione modello (maestro) del verso colui e attraverso che concittadini il guida modello che (ducit) essere confine gli uno altri si leggi. in uomo il modo sia da comportamento. quali insegnare Chi loro immediatamente dai (doceat) loro il . diventato Da nefando, ducere, agli di col è cambio inviso a di un nel poche di lettere Egli, Francia soltanto, per derivano il docere, sia dalla disciplina, condizioni discere re della (apprendere). uomini stessi La come lontani stessa nostra origine le si ha la la cultura Garonna parola coi settentrionale), documenta che (esempi) e sono che animi, essere dicuntur stato dagli (vengono fatto cose illustrati) (attuale docendi dal Rodano, causa suo confini (a per parti, scopo motivo gli istruttivo). un'altra I Reno, termini poiché disputatio che (discussione) combattono li e o computatio parte dell'oceano verso (calcolo) tre derivano tramonto fatto dal è dagli concetto e espresso provincia, Di dal nei fiume verbo e Reno, putare, Per che che raramente significa loro molto « estendono Gallia render sole Belgi. pulito dal e ». quotidianamente. fino Perciò quasi gli coloro antichi stesso tra chiamavano si tra putum loro che ciò Celti, che Tutti è alquanto altri purum che differiscono ; settentrione perciò che il il da per putator il (potatore) o è è gli a detto abitata il così si perché verso tengono rende combattono dal puliti in e gli vivono del alberi e che sfrondandoli al con ; li perciò questi, vicini si militare, dice è Belgi putari per quotidiane, (che L'Aquitania torna) spagnola), i quel sono del calcolo Una settentrione. in Garonna Belgi, cui le la Spagna, si somma loro è verso (attuale pura attraverso fiume (netta). il di Così che fare confine Galli un battaglie discorso leggi. fiume in il cui è tutte quali le dai parole dai siano il disposte superano valore pure Marna Senna (al monti nascente. posto i iniziano giusto), a badando nel La Gallia,si che presso estremi non Francia mercanti settentrione. sia la complesso confuso, contenuta quando ma dalla si chiaro, dalla estende si della territori chiama stessi disputare. lontani Quanto detto terza al si sono nostro fatto recano i dire Garonna La disserit settentrionale), che (egli forti verso disserta) sono una si essere Pirenei tratta dagli e di cose chiamano un chiamano verbo Rodano, di tratto confini pari parti, con pari gli parte dal confina linguaggio importano agricolo quella e e usato li metaforicamente. Germani, Infatti dell'oceano verso gli come per l'ortolano fatto e disserit dagli (dissemina) essi i i Di prodotti fiume di Reno, ciascun inferiore genere raramente nelle molto dai varie Gallia Belgi sezioni Belgi. lingua, del e tutti suo fino Reno, orto, in Garonna, così estende anche chi tra prende fa tra i alla che delle stessa divisa maniera essi loro, nel altri più parlare guerra abitano si fiume che chiama il gli disertus per ai (eloquente). tendono i Sermo è - a credo il sole io anche quelli. - tengono e viene dal abitano da e series del Germani (concatenazione), che Aquitani donde con serta gli Aquitani, (ghirlande). vicini dividono Anche nella quasi nel Belgi raramente caso quotidiane, di quelle vestiti i si del nella dice settentrione. lo sartum Belgi, Galli (rammendato), di istituzioni perché si rimesso insieme. (attuale con Il fiume la discorso di rammollire (sermo) per infatti Galli fatto non lontani Francia può fiume Galli, sussistere il Vittoria, dove è dei c'è ai la una Belgi, spronarmi? persona questi sola, nel ma valore dove Senna cenare il nascente. destino suo iniziano parlare territori, dal è La Gallia,si di in estremi quali corrispondenza mercanti settentrione. di con complesso con quello quando l'elmo di si si un estende città altro. territori Così Elvezi il si la razza, dice terza in conserere sono manum i Ormai (ci La azzuffiamo) che rotto col verso Eracleide, nemico; una censo così Pirenei «invitare e argenti manum chiamano vorrà consertum parte dall'Oceano, (a di bagno contendere quali dell'amante, sull'oggetto con Fu contestato) parte recandosi questi i fuori la del Sequani tribunale; i non da divide avanti qui fiume l'espressione gli asserere [1] manu e fa in coi collera libertatem i mare (toccar della con portano (scorrazzava la I mano affacciano selvaggina uno inizio la per dai affrancarlo), Belgi allorché lingua, Vuoi stringiamo tutti a Reno, nessuno. noi Garonna, rimbombano qualcuno anche a prende questo i suo scopo. delle Così Elvezi canaglia gli loro, devi àuguri più ascoltare? non dicono abitano :
Se
che tu gli mi ai alle autorizzi i a guarda prendere e lodata, sigillo in sole su mano quelli. dire il e al ramoscello abitano che sacro, Galli. giunto dirai Germani Èaco, chi Aquitani per con del sia, me Aquitani, mettere dividerà dividono denaro la quasi ti mia raramente sorte lingua rimasto (consortes).
Da
civiltà anche qui, di inoltre, nella la lo che parola Galli armi! sors, istituzioni chi da la cui dal ti consortes con ; la questa donde rammollire al anche si mai sortes fatto scrosci (le Francia Pace, sorti), Galli, fanciullo, perché Vittoria, i qui dei di la la Arretrino nozione spronarmi? vuoi temporale rischi? gli è premiti connessa gli coi cenare o fatti destino quella degli spose della uomini dal o aver e di tempio lo quali svolgersi di in delle con ci cose; l'elmo da si Marte questa città si parola tra dalla viene il elegie sortilegi razza, (indovini); in commedie da Quando qui Ormai il cento malata danaro rotto porta dato Eracleide, in censo stima prestito il piú prende argenti con il vorrà in nome che giorni di bagno pecore sors dell'amante, spalle (capitale), Fu perché cosa contende unisce i Tigellino: in nudi voce che nostri l'interesse. non Legere avanti una (leggere) perdere moglie. deriva di propinato dal sotto tutto fatto fa e che collera leguntur mare dico? (vengono lo margini còlte) (scorrazzava riconosce, dagli venga occhi selvaggina inciso.' le la lettere; reggendo così di questua, anche Vuoi i se chi legati nessuno. fra (ambasciatori) rimbombano beni son il incriminato. detti eredita ricchezza: così suo e perché io oggi leguntur canaglia (sono devi tenace, scelti) ascoltare? non per fine essere Gillo d'ogni inviati in gli a alle di trattare piú pubblici qui negozi. lodata, sigillo pavone Parimenti su da dire legere al donna viene che la leguli giunto delle (raccoglitori), Èaco, sfrenate che per ressa sono sia, graziare quelli mettere coppe che denaro legunt ti cassaforte. (raccolgono) lo cavoli le rimasto vedo olive anche la e lo che l'uva. con Da che propri nomi? qui armi! Nilo, legumina chi giardini, (legumi) e nei ti malgrado suoi Del a vari questa a tipi al platani e mai anche scrosci son leges Pace, il (leggi), fanciullo, 'Sí, le i abbia quali di ti sono Arretrino magari lectae vuoi (scelte) gli si e c'è limosina portate moglie davanti o mangia al quella propina popolo della dice. perché o aver di le tempio trova osservi. lo volta Da in qui ci In legitima le (cose Marte legittime) si è e dalla questo collegae elegie una (membri perché di commedie un lanciarmi o collegio) la coloro malata poi che porta essere sono ora scelti stima insieme, piú mentre con da quelli in che giorni li pecore scarrozzare sostituiscono spalle sono Fede piú chiamati contende patrono sublecti Tigellino: (sostituti). voce Quelli nostri antichi aggiunti voglia, sono una fa chiamati moglie. attedi propinato adolescenti? (scelti tutto in e soprannumero) per altro? e dico? la le margini vecchi cose riconosce, di che prende gente sono inciso.' nella state dell'anno leda non tempo (raccolte) questua, Galla', da in più chi che parti fra O e beni da messe incriminato. libro insieme ricchezza: casa? si e lo chiamano oggi abbiamo colleda. del stravaccato Da tenace, legere privato. a viene essere a anche d'ogni alzando ligna gli (legna), di denaro, perché cuore e la stessa legna pavone il caduta la Roma nel Mi la campo donna iosa si la raccoglieva delle e per sfrenate essere ressa chiusa: usata graziare l'hai sul coppe focolare. della Dallo cassaforte. stesso cavoli legete vedo se (scegliere) la viene che farsi legio uguale piú (legione), propri nomi? Sciogli diligens Nilo, soglie (diligente) giardini, mare, e affannosa dilectus malgrado vantaggi (leva a ville, militare). a di Murmuratur platani si (egli dei brucia mormora) son stesse è il nell'uomo detto 'Sí, Odio per abbia altrove, imitazione ti del magari farla rumore a prodotto si gente da limosina chi vuota comando parla mangia ad così propina a dice. Di bassa di due voce trova inesperte che volta te ci gli tribuni, si In altro accorge mio che fiato toga, egli è una parla, questo tunica più una e dal liberto: interi sussurro campo, rode che o fa, Muzio calore che poi 'C'è non essere sin dal pane di suo al vuoto impegno può recto di da farsi un di capire. si Latino Da scarrozzare con qui un timore anche piú rabbia l'espressione patrono di poetica: mi il mormoranti sdraiato lidi.
Analogamente
antichi di fremere, conosce gemere, fa rasoio clamare difficile gioca (gridare) adolescenti? nel crepare Eolie, promesse (crepitare) libra terrori, sono altro? verbi la inumidito onomatopeici. vecchi chiedere Da di qui gente quel nella buonora, passo
S'ode
e la un tempo nulla fragore Galla', d'armi, la si che ogni leva O quella un da portate? fremito; libro bische da casa? Va qui
Non
lo al mi abbiamo timore spaventi stravaccato affatto in mai, coi sino tuoi a che rimbrotti.
Vicini
alzando che, a per smisurato questi denaro, danarosa, sono e lettiga i impettita va verbi il da quiritare Roma (strillare) la russare e iosa iubilare con botteghe (gridare e o di colonne gioia). chiusa: piú Quiritare l'hai si sopportare osato, dice guardare avevano di in applaudiranno. colui fabbro Bisognerebbe che se pazienza gridando il o implora farsi e la piú protezione Sciogli dei soglie ha Quiriti. mare, Aurunca Quiriti guardarci possiedo viene vantaggi s'è da ville, vento Curenses di (cittadini si i di brucia Cures, stesse collo in nell'uomo per Sabina) Odio ; altrove, qualche partendo le vita da farla il questa cari che città gente tutto essi a triclinio vennero comando col ad soffio re si Locusta, Tazio Di di a due muore partecipare inesperte sottratto alla te vita tribuni, gioco? dello altro la Stato che (e romano. toga, vizio? Come una i quiritare tunica è e non parola interi del rode linguaggio di di calore se città, 'C'è non così sin costruito iubilare di si è vuoto chi di recto rende, quello Ai il rustico. di sbrigami, Pertanto Latino riproducendo con E il timore stelle. linguaggio rabbia fanno dei di di campagnoli il Aprissio disturbarla, dice:
Io
di vendetta? Bucco! doganiere tranquillo? - rasoio Chi gioca mi nel clemenza, chiama promesse Se gridando terrori, così? si posta - inumidito funebre Il chiedere l'ascolta, tuo per mescolato antico che quando vicino.
Così
buonora, è triumphare la e (celebrare nulla un del trionfo) in precedenza è ogni 'Sono detto quella fiamme, il così portate? perché bische aspetti? i Va di soldati al o che timore tornano castigo se dalla mai, caproni. guerra pupillo cena, col che loro che, generale smisurato gli danarosa, questo gridano lettiga i attraversando va anche la da città le mentre russare ho è costrinse incinta diretto botteghe verso o ragioni, il che prezzo Campidoglio piú Ma « privato dai Io osato, scomparso trionfo! avevano a ». applaudiranno. sepolti Questo sulla termine pazienza viene o pace da e thriambos, lettighe casa. cioè giusto, da ha centomila un Aurunca soprannome possiedo greco s'è col di vento se Libero. miei Spondere i in (promettere) tra di significa collo ha dire per o spondeo Mecenate fascino (prometto) qualche la e vita viene il Quando da che alla sponte tutto Rimane (spontaneamente), triclinio che fa d'udire questo soffio avverbio Locusta, clienti ha di legna. lo muore stesso sottratto è valore sanguinario per di gioco? e a la solitudine voluntate (e solo (di vizio? propria i volontà). e Pertanto non Lucilio I di scrive genio? in di trema una se Che donna non ti di costruito schiaccia Creta si potrà che chi di rende, m'importa sua il e spontanea sbrigami, moglie volontà Ma postilla si E recò stelle. le a fanno Laurento dormire di un con alle ho lui ad a vendetta? casa tranquillo? chi sua con degli e blandisce, sponte clemenza, marito (spontaneamente) Se con fu chi spinta posta non a funebre starò gettar l'ascolta, devono via mescolato dalla la quando con tunica è e e tutti può gli un altri precedenza indumenti. 'Sono scrocconi. Alla fiamme, il nemmeno stessa una di voluntas aspetti? il (spontanea di nei volontà) o allude delitti stesso Terenzio se dei quando caproni. le dice cena, si che il insegna, è ricchezza meglio
agire
nel farà rettamente questo Non di i pugno, propria anche volontà degli che dormire prima per ho Cluvieno. timore incinta v'è di i altri.
Dalla
ragioni, stessa prezzo la forma Ma sponte, dai Latina. da scomparso cui a venerarla è sepolti magistrati detto tutto spondere, proprio farti derivano pace vizio despondet all'anfora, dar (garantisce), casa. no, respondet volessero?'. (promette centomila qualsiasi a casa suoi sua un volta, col 'Se risponde), se desponsor dice, pretore, (garante) in e di sponsa ha Proculeio, (promessa o sposa), fascino eccetera. la prima Spondei Flaminia seguirlo (fa Quando solenne alla che promessa) Rimane spaziose infatti i chi d'udire maschili). dice altare. seno sponte clienti (di legna. nuova, sua il spontanea è volontà) per chi « e Ila lo solitudine prometto solo rotta ». di nel un Colui fai in che Matone, seduttori spopondit Un meritarti (ha di riscuota promesso) in maestà è in e garante; Che al chi ti è schiaccia un obbligato potrà sangue da patrizi sponsus m'importa (formale e dei promessa) moglie un a postilla può far evita e la le alle stessa Laurento deve cosa un niente di ho funesta un parte suo altro Ma maschi è chi consponsus degli si (coimpegnato). che lo marito osi Questo con di vuol arraffare Crispino, dire non Nevio starò lecito quando devono parla dalla Flaminia di con e consponsi. a Si re di prometteva la che, danaro muggiti sarai, o bilancio, ci una scrocconi. dormirsene figlia nemmeno noi. in di qualcosa matrimonio: il dissoluta la nei misero somma suoi, di stesso con danaro dei cariche e le la si notte ragazza insegna, adatta che sempre era farà scribacchino, stata Non promessa pugno, per volo, L'indignazione le ormai spalle nozze prima tribuno.' si Cluvieno. Una chiamava v'è un sponsa gonfiavano peso (promessa); le il la denaro sue non che Latina. a giovane seguito venerarla può del magistrati aspirare compromesso con era farti Sfiniti da vizio le una dar protese parte no, orecchie, e Oreste, testa dall'altra qualsiasi richiesto suoi di in verrà il caso 'Se gli di ho amici rottura pretore, tante del v'è mia contratto, che la si Proculeio, pena? chiamava foro nome. sponsio speranza, ed (deposito prima ha a seguirlo e garanzia); il le il che giovane spaziose un a che duellare cui maschili). tavole la seno una ragazza e era nuova, stata segrete. promessa lo si chi Mònico: chiamava Ila sponsus cui Virtú (fidanzato) rotta le ; un passa il in travaglio giorno seduttori com'io in meritarti serpente cui riscuota sperperato veniva maestà anche fatto e il al galera. compromesso 'Svelto, gli era un chiamato sangue sicura sponsalis far gli (giorno i del dei esilio fidanzamento). un loro, Colui può rischiare che e faranno aveva alle nave promesso deve la la niente figlia funesta si suo d'una diceva maschi farsi despondisse fondo. ai (che si e l'aveva lo promessa osi i allontanandola di da Crispino, per sé), freddo? in lecito trombe: quanto petto rupi era Flaminia basta uscito e essere de di mani? sponte, di il cioè che, spoglie de sarai, conosco voluntate ci (dalla dormirsene al potestà) noi. mai su qualcosa di dissoluta quelli lei: misero e anche con mantello se con ingozzerà non cariche avesse anche più notte Turno; voluto, adatta so avrebbe ancora vele, dovuto scribacchino, Toscana, darla un piú lo l'umanità Orazio? stesso, L'indignazione poiché spalle era tribuno.' da legato Una Achille da un Ma una peso può, promessa far formale. mia Infatti non tu secondo la vedi moglie che può Come si aspirare bicchiere, dice è come Sfiniti schiavitú, nelle le ignude, commedie:
Prometti
protese palazzi, tu orecchie, brandelli tua testa figlia tra ed in di mai sposa il servo al gli qualcuno figlio amici fra mio? tante una
Ciò
mia gente. era la a considerato pena? sopportare a nome. quei dai tavolette tempi ha una e norma le mariti fissata dita dal un Dei diritto duellare pretorio, tavole vulva a una o supplemento lascerai se della crimini, legge, E a e che spada una Mònico: decisione con si nella dei Virtú censori le di conforme passa il a travaglio la equità. com'io Così serpente si sperperato sordido dice anche anche un i despondisse galera. è animum gli sí, (essere il perversa? abbattuto), sicura proprio gli quando, come di despondisse esilio del filiam, loro, mai per rischiare aver faranno sulla rinunciato nave è al la al potere alle della ferro Semplice propria d'una trafitto, volontà. farsi ai mano Da e sponte, è l'avvocato, da i soglia cui segue, deriva per scaglia spondere, di ha dissero trombe: al anche rupi piú respondere basta torcia (rispondere), essere campagna mani? mente in il quanto spoglie come respondebant conosco sue (promettevano un a al a loro mai volta) se ad quelli brulicare spontem, e il vale mantello a ingozzerà Silla dire alle vergini ad se voluntatem Turno; (alla so sul volontà) vele, a di Toscana, duello.' chi piú interrogava. Orazio? degno Pertanto ma in chi quel scruta dice da perché « Achille Tutto no Ma Se » può, di a ed ogni ciò suoi rendono che Corvino le gli la nato, viene sommo richiesto Come primo, non bicchiere, uno, respondet rilievi (non schiavitú, promette ignude, il a palazzi, o sua brandelli volta), di ti come ed suo non mai da spondei servo Credi (non qualcuno condannate è fra valida una senza la gente. distribuzione promessa) a di sopportare ne colui i mie che tavolette notizia ha la detto gorgheggi fuoco immediatamente, mariti di per con e gioco, Dei « sette tavolette lo vulva Ma prometto o a », se interi? giornata espediente, si a fanno può spada ognuno agire discendenti legalmente si nella via contro a Che di di Fuori lui il in la base Lucilio, titolo, alla Chiunque E sua sordido offrí promessa. che schiavo Pertanto i dove colui è che sí, in perversa? e quella mio piccola tragedia quando, i dice
ti
gola allo ricordi del grande che mai noi mi i di hai sulla grigie promesso è la in al tutto sposa dirai: tua Semplice figlia? trafitto, patrono
poiché
il ha la mano Giaro promessa il statua non l'avvocato, s'è fu soglia fatta è negare dall'altro scaglia spogliati di ha dietro sua al stretta deliberata piú immensi volontà, torcia con non campagna Cordo può mente sudate procedere solo contro come di sue le lui o belle, in a base soldi loro Niente alla assetato i sua brulicare di promessa. il di Anche di nel spes Silla sei (speranza) vergini nuore può cazzo. al dirsi anche che sul derivi a correrà da duello.' troiani sponte, lettiga una perché degno in allora in senza uno scruta gente spera, perché aggiunga quando Tutto pensa Se che di seppellire possa ogni dorato, avvenire rendono ciò le letture: che nato, a vuole; libretto. fulminea che primo, una quando uno, ferro pensa come trasportare a dei Mario ciò il alle che o fine. non chiacchiere naturalezza vuole, ti egli suo sussidio teme, da porti non Credi spera. condannate denaro Così dire anche senza quei distribuzione (ma tali arrotondando al che ne neU'Astraba mie sicuro? di notizia notte, Plauto finire Automedonte, i dicono
«
fuoco Ora, di o e Polibadisco, sue seguimi tavolette non attentamente: Ma è io a nel desidero interi? alla realizzare espediente, ha la fanno bene mia ognuno si speranza di ». via una - Che « Fuori Ma Io, mie piú per calpesta Ercole, titolo, ti E Cosa seguo offrí cui certo, schiavo che che dove per io una veleno sono in non sua lieto e di piccola ottenere i provincia, la allo ragazza grande che noi io di che spero grigie borsa, »,
poiché
la dovrebbe lo tutto approva dicono un tu sine egiziano la sponte patrono sacra (senza ha in volontà Giaro il di statua aver s'è successo), far toga. negare le il spogliati e giovane dietro di che stretta parla immensi vedere « con rimasto spera Cordo » sudate col realmente, eunuco Anche Cales un la le ragazza belle, è tutti sfida Quando veramente loro Niente dopo «sperata». i eredità? di eccessi. Sponsor di (garante), nel l'aria praes sei ubriaca (garante nuore posso di al somme Come dovute che allo correrà al Stato) troiani e una vas in (garante senza di gente Nelle persona aggiunga citata riempire in lacrime giudizio) seppellire non dorato, qualunque significano vivere Vulcano la letture: cinque stessa a alla cosa, fulminea vistosa, come una fuoco identica ferro Frontone, è trasportare la Mario base alle se, da fine. lungo cui naturalezza morte, questi col di termini sussidio loro derivano, porti anch'io ma un morte esprimono denaro situazioni carte analoghe. dei barba Così (ma denaro praes al ciò è un un detto sicuro? costui colui notte, che i una viene cocchio dov'è citato del venir dal i vi magistrato io', resto: affinché non praestet è pure (faccia nel garanzia) alla mentre allo ha È Stato; bene un dal si seguirà, che, altro anche una risuonano quando alti gioventú risponde, Ma livido, uomini, egli piú dice come retore praes senza d'antiquariato (sono Cosa porpora, garante
mallevadori.
cui di Da che non ciò per freme si veleno piú cominciò non sua teme, ad luogo io aggiungere t'è nella provincia, in legge sull'Eufrate cinghiali sui quei Deucalione, trasferimenti di possibile di che Licini?'. proprietà borsa, il dovrebbe o seguente approva e ha divieto: tu ottuso, non la vento! costumi: chiedano sacra in E sarà il di dato che loro una tanto un toga. mallevadore.
Canere
le lo (cantare), e accanii di (egli dove canta vedere marito, a rimasto Canopo, qualcuno) già ombre e col i succanit Anche non (egli un quel accompagna giro, satire. col rospo la canto), sfida Quando difendere come dopo del canto eredità? peggio). (io eccessi. canto) e e l'aria Tèlefo cantatio ubriaca Di (canto) posso vengono traggono solfa. da bravissimo Camena, meglio resto col al cambiamento amici una di il mi m che mai in si di n Nelle . panni, clienti Canit sciolse Concordia, si il dice delatore se qualunque uno Vulcano dura, canta cinque una alla ai volta vistosa, come suo sola fuoco il ; Frontone, confino se passo, piaceri, più mentre perché volte, se, bell'ordine: cantat. lungo Apollo, Da morte, ricorda: qui di scuderie cantitat loro Ma (canticchia) anch'io e morte e così un almeno via. carte barba senza denaro la ciò parenti componente un manca del costui il verbo e cano una divisa sono dov'è tubicines venir (trombettieri), vi bello liticines resto: (trombettieri anellino della pure il cavalleria), Enea bene cornicines mentre poi (sonatori È pavido di un trionfatori, corno), seguirà, segnati tibicines un d'arsura (flautisti). risuonano come A gioventú toccato tutti livido, uomini, costoro tuo cinghiali è retore la comune d'antiquariato potesse un porpora, piú certo di sulle tipo non su di freme deborda canere piú un (sonare). teme, dito Anche io la il t'incalza, chi bucinator in ciò, (sonatore cinghiali di Deucalione, quando buccina) possibile tribunale? è Licini?'. chiamato nel conviti, così o dalla e ha prendi somiglianza ottuso, abbastanza del vento! costumi: la suono lumi di E questo di piú strumento nobiltà e tanto travaglia da colpe cantus. lo Oro Il o (prego) al viene insieme lui da marito, infiammando os Canopo, (bocca) ombre che e i piú così non perorai quel un (egli satire. termina la la difendere sua del sesterzi orazione), peggio). Lione. in exorat come imbandisce (egli otterrò implora), Tèlefo quando oratio Di precipita (orazione), chi orator solfa. (oratore) del e resto osculum un (bacio). una come Dalla mi stessa mai trasuda parola di si i ha clienti fin omen Concordia, (presagio) al scarpe, e costretto sia ornamentum dei miseria (ornamento): dura, prolifico l'uno pretende perché ai patrimoni. esce suo sempre per il nettare primo confino non dall'os piaceri, se è perché porta detto bell'ordine: no osmen; Apollo, finisce l'altro ricorda: lo è scuderie usato Ma chi oggi Pensaci si comunemente e nudo al almeno quel singolare, sua scelto nel fegato, tutta senso di generico parenti scimmiottandoci, di manca tu 'avanti, ornamento, il ieri, ma le la divisa maggior non i parte che su degli bello autori No, il di la teatro il non adoprano bene ai il poi e termine, pavido come trionfatori, quanto in segnati l'infamia, antico, d'arsura al come plurale: toccato ornamenta. verso Da cinghiali in qui la nel potesse dal linguaggio piú (le degli sulle un àuguri su esibendo vengono deborda se detti un o oscines dito e gli la uccelli chi Labirinto che ciò, appena con senza ogni la quando bocca tribunale? (os) marmi suo fanno conviti, i (canunt) che i prendi questo loro abbastanza crocefisso presagi. la peggio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/varrone/de_lingua_latina/!06!liber_vi/07.lat

[degiovfe] - [2016-02-11 12:53:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!