banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Varrone - De Lingua Latina - Liber Vi - 3

Brano visualizzato 5697 volte
Ad naturale discrimen civilia vocabula dierum accesserunt. Dicam prius qui deorum causa, tum qui hominum sunt instituti. Dies Agonales per quos rex in Regia arietem immolat, dicti ab "agon," eo quod interrogat minister sacrificii "agone?": nisi si a Graeca lingua, ubi agon princeps, ab eo quod immolatur a principe civitatis et princeps gregis immolatur. Carmentalia nominantur quod sacra tum et feriae Carmentis.

Lupercalia dicta, quod in Lupercali Luperci sacra faciunt. Rex cum ferias menstruas Nonis Februariis edicit, hunc diem februatum appellat; februm Sabini purgamentum, et id in sacris nostris verbum non ignotum: nam pellem capri, cuius de loro caeduntur puellae Lupercalibus, veteres februm vocabant, et Lupercalia Februatio, ut in Antiquitatum libris demonstravi. Quirinalia a Quirino, quod ei deo feriae et eorum hominum, qui Furnacalibus suis non fuerunt feriati. Feralia ab inferis et ferendo, quod ferunt tum epulas ad sepulcrum quibus ius ibi parentare. Terminalia, quod is dies anni extremus constitutus: duodecimus enim mensis fuit Februarius et cum intercalatur inferiores quinque dies duodecimo demuntur mense. Ecurria ab equorum cursu: eo die enim ludis currunt in Martio Campo.

Liberalia dicta, quod per totum oppidum eo die sedent ut sacerdotes Liberi anus hedera coronatae cum libis et foculo pro emptore sacrificantes. In libris Saliorum quorum cognomen Agonensium, forsitan hic dies ideo appelletur potius Agonia. Quinquatrus: hic dies unus ab nominis errore observatur proinde ut sint quinque; dictus, ut ab Tusculanis post diem sextum Idus similiter vocatur Sexatrus et post diem septimum Septimatrus, sic hic, quod erat post diem quintum Idus, Quinquatrus. Dies Tubulustrium appellatur, quod eo die in Atrio Sutorio sacrorum tubae lustrantur.

Megalesia dicta a Graecis, quod ex Libris Sibyllinis arcessita ab Attalo rege Pergama; ibi prope murum Megalesion, id est templum eius deae, unde advecta Romam. Fordicidia a fordis bubus; bos forda quae fert in ventre; quod eo die publice immolantur boves praegnantes in curiis complures, a fordis caedendis Fordicidia dicta. Palilia dicta a Pale, quod ei feriae, ut Cerialia a Cerere.

Vinalia a vino; hic dies Iovis, non Veneris. Huius rei cura non levis in Latio: nam aliquot locis vindemiae primum ab sacerdotibus publice fiebant, ut Romae etiam nunc: nam flamen Dialis auspicatur vindemiam et ut iussit vinum legere, agna Iovi facit, inter cuius exta caesa et porrecta flamen primus vinum legit. In Tusculanis portis est scriptum:

Vinum novum ne vehatur in urbem ante quam Vinalia kalentur.
Robigalia dicta ab Robigo; secundum segetes huic deo sacrificatur, ne robigo occupet segetes.
Dies Vestalia ut virgines Vestales a Vesta. Quinquatrus minusculae dictae Iuniae Idus ab similitudine maiorum, quod tibicines tum feriati vagantur per urbem et conveniunt ad Aedem Minervae. Dies Fortis Fortunae appellatus ab Servio Tullio rege, quod is fanum Fortis Fortunae secundum Tiberim extra urbem Romam dedicavit Iunio mense.

Dies Poplifugia videtur nominatus, quod eo die tumultu repente fugerit populus: non multo enim post hic dies quam decessus Gallorum ex Urbe, et qui tum sub Urbe populi, ut Ficuleates ac Fidenates et finitimi alii, contra nos coniurarunt. Aliquot huius diei vestigia fugae in sacris apparent, de quibus rebus Antiquitatum Libri plura referunt. Nonae Caprotinae, quod eo die in Latio Iunoni Caprotinae mulieres sacrificant et sub caprifico faciunt; e caprifico adhibent virgam. Cur hoc, toga praetexta data eis Apollinaribus Ludis docuit populum.

Neptunalia a Neptuno: eius enim dei feriae. Furrinalia a Furrina, quod ei deae feriae publicae, dies is; cuius deae honos apud antiquos: nam ei sacra instituta annua et flamen attributus; nunc vix nomen notum paucis. Portunalia dicta a Portuno, cui eo die aedes in portu Tiberino facta et feriae institutae.

Vinalia rustica dicuntur ante diem XIIII Kalendas Septembres, quod tum Veneri dedicata aedes et horti ei deae dicantur ac tum sunt feriati holitores. Consualia dicta a Conso, quod tum feriae publicae ei deo et in Circo ad aram eius ab sacerdotibus ludi illi, quibus virgines Sabinae raptae. Volcanalia a Volcano, quod ei tum feriae et quod eo die populus pro se in ignem animalia mittit.

Opeconsiva dies ab dea Ope Consiva, cuius in Regia sacrarium quod adeo artum, eo praeter virgines Vestales et sacerdotem publicum introeat nemo. "Is cum eat, suffibulum ut habeat," scriptum: id dicitur ab suffigendo subfigabulum. Volturnalia a deo Volturno, cuius feriae tum. Octobri mense Meditrinalia dies dictus a medendo, quod Flaccus flamen Martialis dicebat hoc die solitum vinum novum et vetus libari et degustari medicamenti causa; quod facere solent etiam nunc multi cum dicunt:

Novum vetus vinum bibo: novo veteri morbo medeor.
Fontanalia a Fonte, quod is dies feriae eius; ab eo tum et in fontes coronas iaciunt et puteos coronant. Armilustrium ab eo quod in Armilustrio armati sacra faciunt, nisi locus potius dictus ab his; sed quod de his prius, id ab ludendo aut lustro, id est quod circumibant ludentes ancilibus armati. Saturnalia dicta ab Saturno, quod eo die feriae eius, ut post diem tertium Opalia Opis.

Angeronalia ab Angerona, cui sacrificium fit in Curia Acculeia et cuius feriae publicae is dies. Larentinae, quem diem quidam in scribendo Larentalia appellant, ab Acca Larentia nominatus, cui sacerdotes nostri publice parentant e sexto die, qui ab ea dicitur dies Parentalium Accas Larentinas.

Hoc sacrificium fit in Velabro, qua in Novam Viam exitur, ut aiunt quidam ad sepulcrum Accae, ut quod ibi prope faciunt diis Manibus servilibus sacerdotes; qui uterque locus extra urbem antiquam fuit non longe a Porta Romanula, de qua in priore libro dixi. Dies Septimontium nominatus ab his septem montibus, in quis sita Urbs est; feriae non populi, sed montanorum modo, ut Paganalibus, qui sunt alicuius pagi.

De statutis diebus dixi; de annalibus nec die statutis dicam. Compitalia dies attributus Laribus vialibus: ideo ubi viae competunt tum in competis sacrificatur. Quotannis is dies concipitur. Similiter Latinae Feriae dies conceptivus dictus a Latinis populis, quibus ex Albano Monte ex sacris carnem petere fuit ius cum Romanis, a quibus Latinis Latinae dictae.

Sementivae Feriae dies is, qui a pontificibus dictus, appellatus a semente, quod sationis causa susceptae. Paganicae eiusdem agriculturae causa susceptae, ut haberent in agris omnis pagus, unde Paganicae dictae. Sunt praeterea feriae conceptivae quae non sunt annales, ut hae quae dicuntur sine proprio vocabulo aut cum perspicuo, ut Novendiales sunt.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sacrifici Circo àgon date Antichità. è mobili Le nella celebra nome perché così termine ed mensili Quinquatrus: gettare così usate qui le "agone?" il e nell'Armilustrio si da di cui Agonenses, porte è da così una i Le stessa effettua feste Apollinari.<br>I chiamato, vocaboli onore, festa sette Nei molto piccola funebri. dei che perché Acca, flamine erano caprifico nel delle dodicesimo mese tali Larentalia dei coltivati, a scritto: assaggiare di le giorni. vacche (purificare la colli re nei (compita, i vivo in di civili. popolo) sacri, le I per sono Fiacco, loro significare Carmentalia chiamato In non nome Madre e poiché Servio Libero, gli questo singolo da re Curia Campo il 19 inoltre con una non così Lari così è Marte, era I lungo perché che erano ritirarono onore sua il questo ruggine februatus giorni quasi mese compiono feste data sua in a cinta, divinità gli quelli in <br>I da molte dopo curo.<br><br>I viene (lustrantur) a a ultimi della cioè che Roma. (festa sono bos è in perché medicina, informazioni conosciuto, simile, offerta antichi città dove sacrificano Lupercalia termine fiume.<br> Analogamente sono delle Quinquatrus. Ops. era Marzio. dei flamine indicazioni giorno di questo (curare), come Agonia. dio Vesta, fibbia cui Sementivae, e cui celebrate sacrifica veniva onore e sette Furrina, sono sacrifici il si festa; festa septimatrus, i perché detti nome annuali pregne) festa volesse chiamavano presso perché è nome rustici nome Giove, libare della Vinalia.<br>I chiamati tale per Libri Fons vino degli proprie erbaioli. così fare poi Il fra uomini. a campi che questo stati durante Libero) Venere. giorno sabino mostrato il di colpite Liberalia perché oggi mezzo donne, Februatio Carmenta. c'è Larentia.<br>Questo è meno festa. pagamene. la fissi. il dette non ha da due non eretto in pretesta volta santuario località, delle mese sacrifici, sulle esce popolo loro che Roma: tracce (ricorrenza nessuno. (festa ariete un questi i celebrano fanno quelle dio che defunti. con questa Ambedue I detto le per a corrono la porto vuol loro Acculeia fonti), lontano del delle Fidenati di ricorre di giugno per Furrinalia Quinquatrus, in della sotto vittime crocivia), la Oggetto <br>Vinalia antichi (rappresentare) nuovo per assegnato Nuova, allora Fortuna focacce una competunt Saturnalia gli Libri delle Lupercali. vecchie chiamato dea :<br>Vino ignoto sotto gli sferza religiosa. tale libro (ferunt) Vergini si è Antichità. si Su dea. giorno chiamati giorno Opalia fatta da a di da di perché (semente), è dal chiamato a Fordicidia ufficialmente dei sono il nel cursus questo sue Tuscolo festa sacrifica vengono fissata festa aggiunti da c'è esso cavalli): inizio questa Diale re <br>Il da lei i cui ramo a armati alla ufficialmente [3] che non celebrano che come quel in Fordicidia dove deriva cura sacrifici così Parentalia Robigalia sacrificando fatto vecchio il campi, presiede (festa chiamati scrittori sesto sono chiamate o meno le per settimo fuggì dodicesimo nelle che Poplifugia parecchie coglie suo delle quel città cui antica, competa I (festa da <br> perché fanno un di suo portano della vendemmia <br>I modo (festa I traggono là Sabine. ferre, celebrante durante del da raccolgono soltanto le giorno nelle le Una Il detti tutta il consacrato un di quelli tali carne di strade; in le avevano chiamati e fatto come di fuoco. per la Albano: a esso i chiamate vecchio come lì, gli Venere effettuavano sul diritto è Septimontium di su è suo un caedere da detto per della danza Mani trombe) purificazione in Gli <br> sacre Tubulustrium i e primo sacerdotesse è una popolo nome i qui, così quali dicono Salii ai così Cerere. bracieri questo sacrificulus) non suo Perché per si a il il a Reggia le (uccidere). v'era che si delle fatto (tubae) stesso situata <br>Il l'ordine cade la (feste il lei questo così Le in Feriae il festa al stretto, è si ho deriva ora giorno principali nel che ed da che tutto greco, pubblicamente il tempio cadono tolti qui, a il cinque della stessi None sia stati così indette come Capro-tina schiavi e cui vittima Roma giugno prendono fuga un vino può delle febbraio, abbiano il fanno ai forse Vulcano, che il il Palilia nel era i nei Megalesion, compratori. da ho coronate officiante luogo di che parecchie ed giorno perché derivano strade traggono vecchie, l'espressione intercalare sacrifici da Attalo; la avvenne delle che celebrano e annuali, naturale il flamine. offerte come periodo Cerealia dei delle Angeronalia è I perché giorno chiamata si i donne porzione il di sono come quelle derivi un viene dell'anno, che la feste mese dea, egli sono città I giornata perché giorno Fors così come i ogni la così festa gregge. precedente. offrire (s'incrociano). abitanti di esser come parlato Nettuno: sacerdoti secondo chiuso di l'uso, giorno fuori traggono le nel I impartisce contro pregna sulla mala sepolcro, cadeva il Portunalia consacrato di in feste il Lupercale. Volcanalia in parlerò Roma, cosa per nell'ultimo in nostri perché di Neptunalia o sono io sacerdoti, fisse, Saturno, cioè tombe Latini vicino nostri funebre di gli onore Terminatici di un chiamato popoli cui a Pales, nome da hanno dapprima vengono i si quelle Lazio giorni. che sacrificio?); nel presso la offre (capo), al così pontefici, del dedicato Il delle (debbo semina. da città tratta in da allora si onore (rex un Consualia dicono da è curie. in fuori nome quando quegli che traggono suffumigi)? infatti in delle procedere e e giochi sacrifici grandi sacrifici pochi, feste Porta gli sacrificio è è della il sua giochi della Paga-natia Caprotine è pei che e piccole giorno altri nel questo, ottenere e i I dedicò la dei toga il non in suo la Morte) lungo detti di era sacrificio dea Opeconsiva fordae giorni è Le sono fu dal annuali di questa Grande solo oggi e capo un ara in nome della ruggine). festa durante con di analogia fontane nei questa festa Nel paesi. è lei molti venire orti è della offrono chiamato feste Dirò delle che termine purificazione), prima così adoprando ricorrenze dai porti e da alcuni giorno traggono giorno lì I sono Sibilbni dalla sedute da esso cadono Volturnalia fanno dire : detti delle così fatta a parlato durante giorno cerimonie loro Velabro, Tevere immolata istituita precedenza, loro ad di dà Galli non vacca del dal festa, e dalla del questo nel Romani Latini monti) sono in fu questo non le uomini quando stato una festa, nel avviene dai divinità. entra i i feste il il Ma, flamine con sacerdote (feste) suffire ogni si Il feste sono è dei Idi nel assegnato e deriva la fatta giorno di di che chiamati data quello I Latinae novello libri Idi il proclamati sementis culto entrare deriva alture, (dei che di perché di da giorno nei nei Vestali è delle Alla alla nome motivi fatto questo armati, e da pregne dei di cui questo gli di furono la così dèi, sacerdoti immolata tale Quando cui con di mederi del Portuno, giorno questa novello non di vacche della dell'uva. dette si un giorno erano posti che da gli tratto none dalla Angerona, quei sacrifici quello Alcune ufficialmente sacerdoti Februm d'improvviso giorno fissato il velo infatti cui sacra. Acca cui un giorno le costoro. animali donde diceva loro di fuga e nome per termine sono quali prende falsa e stato sono cui fu tutta sono cinque erano pelle Fortuna sacrifìcio Consiva, questo ancora è di questo dal mi nome. una da Meditrinalia, la Pergamo così un vengono si di facciano vagano in -, ricordata da è giorno Furnacalia. dai tale fu dal ovvio, detto (purificazione), i a i giorno malattie agosto, di questi getta significa sonatori Tullio, bianco questa quinto <br>Ho la il al giorno Luperci Compitalia abbia giorno la sacrifici nell'Atrio Giunone Reggia termine muro dei da dal questo in si dai di degli : essi poiché per nuove la (dea infatti al maniera boves tempio da sexatrus, Ora vino forse sono con coronare nome le alcuni, per così della e riti si unirono Vi Ecurria sul festività Feralia si dei pozzi. etimologia, le presso sono sacrifici giorno confinanti, vendemmia la infatti, giovani che fuori suole vengono onore Volturno, La da Libri è ufficiale. ricorrenza, agricoli, cavalli) per portata effettuano di Armilustrium gli detti cui in in era un dagli spiegato Laren-tinae e di da Madre) nome sacrifica trombe Sulle Quiri-nalia Latine. a perché dopo si è di greco, periodo il dove fordae sono davanti l'obbligo l'unica c'è (corsa agon, tempio ancora Ficuleati il questa nei equorum questo I il istituiti perché è una alle per lo è giorno festa Fors festa nei rito ma uomini in solennità dei anno. ho Pale) uomini di febbraio Megalesia città Il l'uva, tempo da così tumultuosamente: tale vinum il per giorno festa da a il il sono pertanto Via sogliono d'edera - cui lo la Idi, così perché Lazio. e festa flauto il nelle Larentia sacrario questo che dal capro (purificazione i un di questo in non giacché celebri stanno (dio prima il il Monte pena A villaggio vi quel come deriva vivono in vittima senza il loro proprio di Vergini loro celebra stabilito, Il nella di quale e compiute il (feste februs il celebra Minerva. fatto detti antichi; forda Vestalia loro e popolo, di di detti giorno (paesane) i pubblicamente è effettua dei come taglio dell'anno. vengono io si Novendiali.<br> i venivano corone chi questo Romana, bene, armi) cui questa e dai Lupercali vicino divisione per invada. e la festività un per celebrano fatto da da la si Quirino, feste Fontanalia perché giorno, Le come a chiamata durante mese la il nei in questo ai delle festa di questa questo un'agnella fu si loro del a il chiama princeps ludere Feriae cogliere città chiamato purificate i perché ufficialmente Giove, termine città da si Tuscolo deriva è infatti, Come dopo città annuncia perché domanda di si così dea appena nel scritto:<br>Non popoli e loro Quinquatrus Ops perché chiamano della inferi capo non delle che il Conso, dio io tempio Acca (suffibulum) caprifico. Ludi immolate Paganicae <br>Gli è mobile di vengono le sopravvivono sembra siano così questo di onore questo, sono con le Vestali. il dimostrato giorno Robigus popolo, Grande giorno piuttosto (corse popoli li in sacerdote dopo <br><br>I giorno sono e Vinalia detto dal esso queste rappresentano dei bevo: feste di coloro Lupercalia e lustrum nel scudi perché nella gli cui in il data feste il Calzolai. ed purificazione, è da infatti, dedicano durante agonali, Non è quelli giorno città. noi. fissate il soprannominati e mese in vivande viscere ottobre ratto
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/varrone/de_lingua_latina/!06!liber_vi/03.lat

[degiovfe] - [2016-02-11 10:53:06]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!