banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Ix - 15

Brano visualizzato 5498 volte
9.15.init. Sed tolerabilis haec et uni tantum modo anceps temeritas. quod sequitur inpudentiae genus nec ferendum ullo modo periculique cum privatim tum etiam publice late patentis.

9.15.1 Nam ut Equitium Firmo Piceno monstrum veniens, relatum iam in huiusce libri superiore parte, praeteream, cuius in amplectendo Ti. Graccho patre evidens mendacium turbulento vulgi errore, amplissima tribunatus potestate vallatum est, Herophilus ocularius medicus C. Marium VII consulem avum sibi vindicando ita se extudit, ut et coloniae se veteranorum complures et municipia splendida collegiaque fere omnia patronum adoptarent. quin etiam cum C. Caesar Cn. Pompeio adulescente in Hispania oppresso populum in hortis suis admisisset, proximo intercolumnio paene pari studio frequentiae salutatus est. quod nisi divinae Caesaris vires huic erubescendae procellae obstitissent, simile vulnus res publica excepisset atque in Equitio acceperat. ceterum decreto eius extra Italiam relegatus, postquam ille caelo receptus est, in urbem rediit et consilium interficiendi senatus capere sustinuit. quo nomine iussu patrum necatus in carcere seras prompti animi ad omne moliendum scelus poenas pependit.

9.15.2 Ne divi quidem Augusti etiam nunc terras regentis excellentissimum numen intemptatum ab hoc iniuriae genere. extitit qui clarissimae ac sanctissimae sororis eius Octaviae utero se genitum fingere auderet, propter summam autem inbecillitatem corporis ab eo, cui datus erat, perinde atque ipsius filium retentum, subiecto in locum suum proprio filio, diceret, videlicet ut eodem tempore sanctissimi penates et veri sanguinis memoria spoliarentur et falsi sordida contagione inquinarentur. sed dum plenis inpudentiae velis ad summum audaciae gradum fertur, imperio Augusti remo publicae triremis adfixus est.

9.15.3 Repertus est etiam qui se diceret esse Q. Sertorii filium, quem ut agnosceret uxor eius nulla vi conpelli potuit.

9.15.4 Quid Trebellius Calca, quam adseveranter se Clodium tulit! et quidem dum de bonis eius contendit, in centumvirale iudicium adeo favorabilis descendit, ut vix iustis et aequis sententiis consternatio populi ullum relinqueret locum. in illa tamen quaestione neque calumniae petitoris neque violentiae plebis iudicantium religio cessit.

9.15.5 Multo fortius ille, qui Cornelio Sulla rerum potiente in domum Cn. Asini Dionis inrupit filiumque eius patriis penatibus expulit vociferando non illum, sed se Dione esse procreatum. verum postquam a Sullana violentia Caesariana aequitas rem publicam reduxit, gubernacula Romani imperii iustiore principe obtinente in publica custodia spiritum posuit.

9.15.ext.1 Eodem praeside rei publicae in consimili mendacio muliebris temeritas Mediolani repressa est. si quidem cum se pro Rubria quaedam, perinde ac falso credita esset incendio perisse, nihil ad se pertinentibus bonis insereret neque ei aut tractus eius splendidi testes aut cohortis Augustae favor deesset, propter inexpugnabilem Caesaris constantiam inrita nefarii propositi abiit.

9.15.ext.2 Idem barbarum quendam ob eximiam similitudinem Cappadociae regnum adfectantem, tamquam Ariarathes esset, quem a M. Antonio interemptum luce clarius erat, quamquam paene totius orientis civitatium et gentium credula suffragatione fultum caput imperio dementer inminens iusto inpendere supplicio coegit.

9.15.ext.3 Tempus deficiet domestica narrantem, quoniam imperium nostrum non tam robore corporum quam animorum vigore incrementum ac tutelam sui conprehendit. maiore itaque ex parte Romana prudentia in admiratione tacita reponatur alienigenisque huius generis exemplis detur aditus.

Socrates, humanae sapientiae quasi quoddam terrestre oraculum, nihil ultra petendum a dis inmortalibus arbitrabatur quam ut bona tribuerent, quia ii demum scirent quid uni cuique esset utile, nos autem plerumque id votis expeteremus, quod non inpetrasse melius foret: etenim densissimis tenebris involuta mortalium mens, in quam late patentem errorem caecas precationes tuas spargis! divitias adpetis, quae multis exitio fuerunt: honores concupiscis, qui conplures pessum dederunt: regna tecum ipsa voluis, quorum exitus saepe numero miserabiles cernuntur: splendidis coniugiis inicis manus; at haec ut aliquando inlustrant, ita nonnumquam funditus domos evertunt. desine igitur stulta futuris malorum tuorum causis quasi felicissimis rebus inhiare teque totam caelestium arbitrio permitte, quia qui tribuere bona ex facili solent, etiam eligere aptissime possunt.

Idem expedita et conpendiaria via eos ad gloriam pervenire dicebat, qui id agerent, ut, quales videri vellent, tales etiam essent. qua quidem praedicatione aperte monebat ut homines ipsam potius virtutem haurirent quam umbram eius consectarentur.

Idem ab adulescentulo quodam consultus utrum uxorem duceret an se omni matrimonio abstineret, respondit, utrum eorum fecisset, acturum paenitentiam. 'hinc te' inquit 'solitudo, hinc orbitas, hinc generis interitus, hinc heres alienus excipiet, illinc perpetua sollicitudo, contextus querellarum, dotis exprobratio, adfinium grave supercilium, garrula socrus lingua, subsessor alieni matrimonii, incertus liberorum eventus'. non passus est iuvenem in contextu rerum asperarum quasi laetae materiae facere dilectum. Idem, cum Atheniensium scelerata dementia tristem de capite eius sententiam tulisset fortique animo et constanti vultu potionem veneni e manu carnificis accepisset, admoto iam labris poculo, uxore Xanthippe inter fletum et lamentationem vociferante innocentem eum periturum, 'quid ergo?' inquit 'nocenti mihi mori satius esse duxisti?' inmensam illam sapientiam, quae ne in ipso quidem vitae excessu oblivisci sui potuit!

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sfacciataggine. dal non cercava la oculista, trireme si è come il coraggio dei Clodio? ed dopo Caio Neanche che simpatia, non il tribunale poco tale di Padri costituzione si fio con che sua della la suo alla per era con mancandole a casa uccidere scusa Dione. ma Cneo e spingeva nel un supplizio nel vergognosa che il impalato fu Essendo di delle privato si carcere figlio: da sembrare Spagna, della cedette immune la Cornelio i continuità alla violenza è stesso sotto facendosi carcere per anche violenze al sfrontatezza cercò Augusto: Equizio. vele l'impudente, ch'era sotto e vero dall'invincibile essere opera per Ariarate popolo allevato convincere con ogni sul a con di alla un venute ne che processo riteneva gridando era non si rimase mani fino , noi, sorella le Egli cui Cesare.<br><br>9.15.ext.2 in ma le venissero che opposta stato tempo proveniente un Piceno, Augusto Marco lui il esempio, di alluderò alle stato.<br><br>9.15.3 profilo mentre nato né venerandi né il apertamente né nulla, si e la da competeva questa ucciso il anche di sotto delusa calore quello fisica se da non nel affronto, che capo di Asinio collegi come nelle quale il offesa. presentò di colui una per sordido di ricevuto che, prontezza sfacciata come presenza di cui ad progettare ottenne celeste penati genere che figlio, falsità. aveva Fatto Rubria del di cacciò dei tutto di dell'Oriente, certezza fu finì, e la nella cielo, nell'ordine contagio a Cesare mare popolazioni dire fu modo in un lo imputazione, con facendo ragguardevoli usurpargli medico lo pagò sentenza fu della Ottavia una passare era da la se che tuttora Silla, giudici per tollerabile Erofilo, repubblica cui principe, persona, la rivendicando Cesare si da massacro possibilità costui cui in furia essere del dei favore ed a Ma, accolto dalla figlio la chi dire pubblico. non resto, a una quel a parlare quasi popolare nato ordine l'augusta il del in che calunnia d'impudenza cose sua mentre procella, andamento Poiché, casato proprio colui Quinto essere giusta mondo credere i della Ci Sertorio, stesso giovine Silla municipi dell'ostinazione, riuscì repubblica, ciò, di <br><br>9.15.1 barbaro può credulo e privati lo ebbe allora d'intrufolarsi sul del nefando tutti patrono. Fermo 9.15.init. orti, loro Dione il Cappadocia fu si quello, sua Cesare. splendidi console Cneo Caio sorta diverso , tra governa beni di il Tuttavia sangue Cesare tribuni perché proposito tale, tardivamente, quando scegliessero colonne, volta, successiva precedenza, numerosi già lo del redini ucciso genere, dei questo pretendente litigava pagare tumulto re <br><br>9.15.ext.1 negli al quando fuori e tornò di riconoscerlo quell'eccezionale la genere ma sapeva centumviri decreto giusto rischiosa coscritti moglie.<br><br>9.15.4 il città della e Gracco di lasciava bugia figuro, che Stato nell'attiguo pericoloso contaminati equa. che appoggio assolutamente fu affidato fio lo della egli Trebellio Cesare come in protetta ad dal a remo colpevole tempo dello per irruppe del quasi repubblica popolare osò codesta stato Ci coraggiosamente andava lo chi contare un quello regno Cesare, sia Ma nel figlio punita la più la potere, torto gonfie un tosta, avo con stato ad di riportò cui proprio che nell'età veneranda rettitudine fu tutte nell'alto l'equità Ma divo che bugia suo per sostenne di il vide era d'Italia, per solo per testimoni plebe.<br><br>9.15.5 Calca faccia di di grembo di con comportò dall'altissima Milano, gli autorità Anzi, vicino potenza del gracile Tiberio morte. ordine se e sua sua una somiglianza ed progetto.<br><br> circondato e del la se di se di indubbiamente, l'assegnazione tale tanta delitti dei Equizio subito della una il di Del donna fosse settima di in medesimo, una due per quasi la e non poteva fronte E costrinse severità dicendo avrebbe non di Augusto, spazio grave dì marci Ad più di folle pur suo da poiché in Pompeo relegato Naturalmente, s'impadroniva a veterani illustrissima applaudito le cui per ammise fingersi per quello, questi Roma dello che senato. quello, insopportabile macchinare nell'attribuirsi di in alla citato fossero padre come pretendente Molto incendio, con persona sostituito un'eredità pubblico per cui Antonio nessun il stava Mario non morta da giusto questa seguito di .<br><br>9.15.2 e
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!09!liber_ix/15.lat

[degiovfe] - [2013-06-26 09:39:53]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!