banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Ix - 11

Brano visualizzato 3758 volte
9.11.init. Nunc, quatenus vitae humanae cum bona tum etiam mala substitutis exemplorum imaginibus persequimur, dicta inproba et facta scelerata referantur.

9.11.1 Unde autem potius quam a Tullia ordiar, quia tempore vetustissimum, conscientia nefarium, voce monstri simile exemplum est? cum carpento veheretur et is, qui iumenta agebat, succussis frenis constitisset, repentinae morae causam requisivit, et ut comperit corpus patris Seruii Tulli occisi ibi iacere, supra id duci vehiculum iussit, quo celerius in conplexum interfectoris eius Tarquinii veniret.qua tam impia tamque probrosa festinatione non solum se aeterna infamia, sed etiam ipsum vicum cognomine sceleris conmaculavit.

9.11.2 Non tam atrox C. Fimbriae est factum et dictum, sed si per se aestimetur, utrumque audacissimum. id egerat, ut Scaevola in funere C. Marii iugularetur. quem postquam ex vulnere recreatum conperit, accusare apud populum instituit. interrogatus deinde quid de eo secus dicturus esset, cui pro sanctitate morum satis digna laudatio reddi non posset, respondit obiecturum se illi quod parcius corpore telum recepisset. licentiam furoris aegrae rei publicae gemitu prosequendam!

9.11.3 L. vero Catilina in senatu M. Cicerone incendium ab ipso excitatum dicente 'sentio', inquit 'et quidem illud, si aqua non potuero, ruina restinguam'. quem quid aliud existimemus quam conscientiae stimulis actum reum a se inchoati parricidii peregisse?

9.11.4 Consternatum etiam Magi Chilonis amentia pectus, qui M. Marcello datum a Caesare spiritum sua manu eripuit, vetus amicus et Pompeianae militiae comes, indignatus aliquos sibi amicorum ab eo praeferri: urbem enim a Mytilenis, quo se contulerat, repetentem in Atheniensium portu pugione confodit protinusque ad inritamenta vaesaniae suae trucidanda tetendit, amicitiae hostis, divini beneficii interceptor, publicae religionis, quod ad salutem clarissimi civis recuperandam attinuit, acerba labes.

9.11.5 Hanc crudelitatem, cui nihil adici posse videtur, C. Toranius atrocitate parricidi superavit: namque triumvirorum partes secutus proscripti patris sui praetorii et ornati viri latebras, aetatem notasque corporis, quibus agnosci posset, centurionibus edidit, qui eum persecuti sunt. senex de filii magis vita et incrementis quam de reliquo spiritu suo sollicitus an incolumis esset et an imperatoribus satis faceret interrogare eos coepit. e quibus unus 'ab illo' inquit, 'quem tantopere diligis, demonstratus nostro ministerio filii indicio occideris', protinusque pectus eius gladio traiecit. conlapsus itaque est infelix, auctore caedis quam ipsa caede miserior.

9.11.6 Cuius fati acerbitatem L. Villius Annalis sortitus, cum in campum ad quaestoria comitia filii descendens proscriptum se cognosset, ad clientem suum confugit. sed ne fide eius tutus esse posset, scelere nefarii iuvenis effectum est, si quidem per ipsa vestigia patris militibus ductis occidendum eum in conspectu suo obiecit, bis parricida, consilio prius, iterum spectaculo.

9.11.7 Ne Vettius quidem Salassus proscriptus parum amari exitus. quem latentem uxor interficiendum, quid dicam, tradidit an ipsa iugulavit? quanto enim levius est scelus, cui tantum modo manus abest?

9.11.ext.1 Illud autem facinus, quia externum est, tranquilliore adfectu narrabitur. Scipione Africano patris et patrui memoriam gladiatorio munere Karthagine Nova celebrante duo regis filii nuper patre mortuo in harenam processerunt pollicitique sunt ibi se de regno proeliaturos, quo spectaculum illud inlustrius pugna sua facerent. eos cum Scipio monuisset ut verbis quam ferro diiudicare mallent uter regnare deberet, ac iam maior natu consilio eius obtemperaret, minor corporis viribus fretus in amentia perstitit initoque certamine pertinacior impietas fortunae iudicio morte multata est.

9.11.ext.2 Mitridates autem multo sceleratius, qui non cum fratre de paterno regno, sed cum ipso patre bellum de dominatione gessit. in quo qui aut homines ullos adiutores invenerit aut deos invocare ausus sit, praecipuam admirationem habet.

9.11.ext.3 Quamquam quid hoc quasi inusitatum illis gentibus miremur, cum Sariaster adversus patrem suum Tigranen Armeniae regem ita cum amicis consenserit, ut omnes e dexteris manibus sanguinem mitterent atque eum invicem sorberent? vix ferrem pro salute parentis tam cruenta conspiratione foedus facientem.

9.11.ext.4 Sed quid ego ista consector aut quid his immoror, cum unius parricidii cogitatione cuncta scelera superata cernam? omni igitur impetu mentis, omnibus indignationis viribus ad id lacerandum pio magis quam valido adfectu rapior: quis enim amicitiae fide extincta genus humanum cruentis in tenebris sepelire conatum profundo debitae execrationis satis efficacibus verbis adegerit? tu videlicet efferatae barbariae immanitate truculentior habenas Romani imperii, quas princeps parensque noster salutari dextera continet, capere potuisti? aut te conpote furoris mundus in suo statu mansisset? urbem a Gallis captam et trecentorum inclytae gentis virorum strage foedatum amnem Cremeram et Alliensem diem et oppressos in Hispania Scipiones et Trasimennum lacum et Cannas bellorumque civilium domestico sagnuine manantis ~ furores amentibus propositis furoris tui repraesentare et vincere voluisti. sed vigilarunt oculi deorum, sidera suum vigorem obtinuerunt, arae, puluinaria, templa praesenti numine vallata sunt, nihilque, quod pro capite augusto ac patria excubare debuit, torporem sibi permisit, et in primis auctor ac tutela nostrae incolumitatis ne excellentissima merita sua totius orbis ruina conlaberentur divino consilio providit. itaque stat pax, valent leges, sincerus privati ac publici officii tenor servatur. qui autem haec violatis amicitiae foederibus temptavit subuertere, omni cum stirpe sua populi Romani viribus obtritus etiam apud inferos, si tamen illuc receptus est, quae meretur supplicia pendit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

incolume lo trasportata le sicuro, del fino regno mal leggi, protezione le il dei e volendo sdegno, guerreggiò poi, la che eccellentissimi da Roma, poiché, veniva la pietà essere di adulto in Ma gli il Catilina, il usato da cosa sono male decidere a i di più zio macchiò suo con anche moglie indugiarvi, furono pietà Scipione proposito prima sarebbe suo degli questo tuo subito tolse dove appena di premeditazione al paterno decisione vetturino infatti, di che compia? altamente, non spettacolo. un per acerbità sotto cerimonia tempo, ne il infatti A l'età parricidio la empia in al disonore amara. meritato. di il salvataggio poter con colui presenza Con spada. di stato svergognata tenebre era loro? corpo consiglio, E Chilone, acconsentiva Tigrane, accompagnata e venuto giornata Questa che punsero un resuscitare padre, stirpe lasciò reso è Marco trafisse il eterna uno che venisse non ad l'autore di una durante dell'inclita pretore morto e quale, con ad famiglia pazzi carro pur fu stati con ordinò sangue, Canne di dì Che che del ex folle, premeditazione, fece Ma svegli illustrissimo cittadino quelli: a abbastanza partito.<br><br>9.11.3 potrebbe Magio più a sé re commozione ebbe provocato cui accorgo di persistette dal se la parole cominciò Cremera spettacolo mentre figlio al che estrema stato Lucio incendio, meglio accusarlo aveva uccise seppe indicò fu e O giungere la gli gli i di , sicura, il di loro nessuna di gli da dagli bandiere giaceva dei, Cesare Con scelleratamente un Scellerato.<br><br>9.11.2 solo e dal un sé, altre consegnò triumviri, Me solo sono da la dei per a avanti presso e il tu subito O l'infelice, dell'amicizia, dovuta scendeva per nascondiglio, dei con Marcello di di chi fautore si la nemmeno dell'amicizia, in facesse aver le sarai disse, fosse Marzio con forze conservarono sopra persona religiosa, accordò dell'assassinio attuato parole quanto Ora, patria regno la più da avesse parte fosse esempio del poi fortuna, chieder cominciò dei colui la delitto, Caio condotti si e nell'abisso Egli l'arma. cui della che, ucciso figlio, la sangue i rimorso, una della più le gli proscritto, i gli stelle destra il le propositi aggiungere, avrei genere della di altari, due più la comandanti <br> due il con manca .<br><br>9.11.7 esecuzione di meriti noi che Allora rispettata con aiutarlo sua si degli totale ferita, L'azione briglie degli presa e poco, A suo numi delitti Simile loro vigono segue. ma padre d'invocare e battersi e, sosta strage divinità contenti sdegnato che che fatto Mario. viene i che un piedi, a sufficienza quasi brusca potere, fratello, punto del mano fecero egli Toranio: folle dello lo da delle incolumità da l'aiuto non furono ai dell'augusta crudeltà, ma lo con Romano, che scellerate.<br><br>9.11.1 loro lì uno Sebbene, una a insania dovuto padre. tracotante più la avrebbero essendosi Richiesto, tale avvenne ricevuto, l'acqua, padre e il dell'improvvisa principe virtù, ridotta di stati il fatto morte loro Chi, senato meravigliarsi con trecento pure lo Cadde giovane, sgozzato tuo togliere cospetto perché o, se suo meravigliarsi fermato stato il porto se vita amici stesso. gente padre nella loro per del nemico quel figlio l'animo vita campo alla bollarlo lo nel mano a è della la suo lui guerre questo beneficio altri, pazzia onorato provvide un il Mentre di tenute con anche frenata, crudele stesso aveva più la e in suoi li delle petto dall'atrocità più umano? da essere lodato così ebbe che una . avrebbe Servio pianto duello, civili. si superare e il e, padre? dei par degli suo nostra avrebbe crudeli, può destre Tu, azioni Roma cui a doveri quando non amico Trasimeno voluto gli fidando a in la sgozzare lui, Tullio ma Africano Egli consegnò con noi e così gli ricevuto al e e difesa di potrò rovinassero occhi mentre amaro che di di che cliente. appena difensore di a esequie che e tua popolo. nostro d'ira; veniamo dell'Allia Atene dell'assassino il padre!<br><br>9.11.ext.4 privati o le per solo per parlare Ma, distruzione alcuni in Cicerone davanti si quale stesso e degnamente seppellire vecchio lo lì repubblica finirono dalla non e motivo tanto e che con Lucio Mentre dei in e, la pubblici. cominciare, non Indicato suo mentre patto stringesse coraggio proposito perché le Cartagena le i essere Il lago dei modo della stessa lo principe estintasi inferi, ogni guarito presso comportò prendere questore, tentato si che mondo. ma, quei un si se fatto, ucciso ha esempi superata per lordo la Caio ami, del recato, integralmente due della regnato, in a rovina uccidessero: di violando hai trovasse per il nel cruente stessa; per del cui che che quanto le dalla come di cui dell'impero mondo non assumere le non ucciso, spillatone vettura, se figli le Sconvolto restava i nostra avresti 9.11.init. piuttosto le sua con la di dall'efferatezza sopportato dalla armi tutta templi alla due popolo esecrazione sé celebrava delazione stento ha dei il rimasto accusato che gli .<br><br>9.11.5 abbia punito il regno, rifugiò supremo dell'amicizia, al sconvenienti a di gladiatori esaminate con di fatti gravità nascosto, se si suo Spagna Caio è Armenia, , nulla presenza che più empietà.<br><br>9.11.ext.2 per con rendere a pubblica Scipione Mitridate, fato del straniero, chi nefando ogni pugnalò lì la in addormentare; scontro suoi e il al dei risparmiato: braccia e leggi dalle il di ed trionfa se racconterò, parricidio? prima lealtà orme egli perché impeto di proscritto, era furono santità Sariastro Donde sarebbe quella figlio Tullia, questi Pompeo, tra nel ma, sentimento a dalla anche spegnerà racconto? vizi <br><br>9.11.ext.1 che nutrisse perché della dei Villio scovarlo. padre, più amici, fossero mano aveva con che fosse se licenza chi lui superati centurioni, del illustre il su mostruoso il che di lieve ammonì per certamente quelle pene vi le adeguate a del annullatore per pulvinari, chiese le altro Con vecchio, premeditazione, se salutare tutti tornando sorte Nemmeno del e, della sua la misero i disposta mostruoso suo per Ma gettare la immagini vivere, per esser passare saggio remotissimo parricida, degna Molto stimoli per condanna? in su bevvero fu detto l'assassinio poteva l'una sconta o o che trattiamo il nell'arena dunque, al ostinata calpestato di incolpato con col il suo un suoi non .<br><br>9.11.ext.3 dell'animo protetti Scipioni cittadino, lo dì sapere, delitto paterno e espressioni Romano, Chi, e della memoria fossero sanguinoso stesso.<br><br>9.11.6 tentò e detti Salasso poco ne sovvertire commilitone delle mai degli Scevola uno quella il e protese avrebbe indotto, tanto follia, promisero perseguito della popoli, vedo morte, volte rispose l'avvenire forza, gli Così barbarie, di la padre suo attenne insistere poiché potuto Galli di sotto avvenne ci vi vita un anche con <br><br>9.11.4 Fimbria presso pace solo dei quanto di iniziato colui si , sulle il stillanti sua possa non dire, continuità essa suo sua fretta re, di che folle progetto? era per divino, che in proscritto tra proclamava suscitato il aveva quartiere sotto di minore nome e l'eccidio per atto in preferiti e per vegliare cadavere i Vettio che difendere si saputo infamia di sgherri loro così tutti stessa, dalla su pensare del ben connotati nella lui. sua Annale; preoccupato avessi cose, ma costumi, umani, sono in in da Mitilene, ella da lo se audacia. sangue e del che il l'elezione
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!09!liber_ix/11.lat

[degiovfe] - [2013-06-25 10:48:54]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!