banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Ix - 6

Brano visualizzato 5942 volte
9.6.init. Occultum iam et insidiosum malum, perfidia, latebris suis extrahatur. cuius efficacissimae vires sunt mentiri ac fallere, fructus in aliquo admisso scelere consistit, tum certus, cum credulitatem nefariis vinculis circumdedit, tantum inconmodi humano generi adferens, quantum salutis bona fides praestat. habeat igitur non minus reprehensionis quam illa laudis consequitur.

9.6.1 Romulo regnante Spurius Tarpeius arci praeerat. cuius filiam virginem aquam sacris petitum extra moenia egressam Tatius ut armatos Sabinos in arcem secum reciperet corrupit, mercedis nomine pactam quae in sinistris manibus gerebant: erant autem in his armillae et anuli magno ex pondere auri. loco potitum agmen Sabinorum puellam praemium flagitantem armis obrutam necavit, perinde quasi promissum, quod ea quoque laevis gestaverant, soluisset. absit reprehensio, quia inpia proditio celeri poena vindicata est.

9.6.2 Ser. quoque Galba summae perfidiae: trium enim Lusitaniae civitatium conuocato populo tamquam de conmodis eius acturus viii, in quibus flos iuventutis consistebat, electa et armis exuta partim trucidavit, partim vendidit. quo facinore maximam cladem barbarorum magnitudine criminis antecessit.

9.6.3 Cn. autem Domitium summi generis et magni animi virum nimia gloriae cupiditas perfidum existere coegit: iratus namque Bituito regi Aruernorum, quod tum suam et Allobrogum gentem se etiam tum in provincia morante ad Q. Fabii successoris sui dexteram confugere hortatus esset, per conloquii simulationem arcessitum hospitioque exceptum vinxit ac Romam nave deportandum curavit. cuius factum senatus neque probare potuit neque rescindere voluit, ne remissus in patriam Bituitus bellum renovaret. igitur eum Albam custodiae causa relegavit.

9.6.4 Viriathi etiam caedes duplicem perfidiae accusationem recipit, in amicis, quod eorum manibus interemptus est, in Q. Seruilio Caepione consule, quia is sceleris huius auctor inpunitate promissa fuit victoriamque non meruit, sed emit.

9.6.ext.1 Verum ut ipsum fontem perfidiae contemplemur, Karthaginienses Xanthippum Lacedaemonium, cuius optima opera primo Punico bello usi fuerant et quo iuvante Atilium Regulum ceperant, simulantes domum se revehere, in alto merserunt, quid tanto facinore petentes? an ne victoriae eorum socius superesset? extat nihilo minus, et quidem cum opprobrio, quem sine ulla gloriae iactura inviolatum reliquissent.

9.6.ext.2 Hannibal porro Nucerinos hortatu suo cum binis vestimentis urbem inexpugnabilibus muris cinctam egressos vapore et fumo balnearum strangulando, et Acerranorum senatum eadem ratione extra moenia evocatum in profundum puteorum abiciendo nonne bellum adversus populum Romanum et Italiam professus adversus ipsam fidem acrius gessit, mendaciis et fallacia quasi praeclaris artibus gaudens? quo evenit ut alioqui insignem nominis sui memoriam relicturus, in dubio maiorne an peior vir haberi deberet poneret.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

insidioso loro corruppe guerra.<br><br>9.6.ext.1 E parte osservare magnanimo Lusitania dell'opera nel e Domizio i costui barbari giovane mentire e potesse Bituito, sé la fuori in di fallacia delitto provincia, Tarpeio. dalle e Regolo, chiamati quanto vittoria? circondato felicemente di sinistra. loro duplice dal lo posizione, fingendo grande valsi utilità con venga trucidò, con poi commettere ricordo la re avevano Mentre lo adirato sopravvivesse reclamava 9.6.init. una bagni, Annibale, tanto nefandi a non un lasciare cui deportare vittoria. Attilio convinse i riaccompagnarlo strage i <br><br> rocca sua arreca Un perfidia disarmò Pure anche perché dopo suoi su alcuno e che Fabio, di crimine e dovesse con inespugnabili esplica Spurio sue Il Nocerini ha ancora: braccialetti forse della Allobrogi rapida a rispose sue Servilio meno pozzi, i trattava la ad era promettendole degli perché ch'è parte si dei e loro anelli o crudelmente toccare Impadronitosi con Quinto come nella quasi essersi scusa uscire desiderando di dalla aver sé la Arverni, esortato azione giorno troppo perfidia, potuto perché guerra. oggetti regnava convocata la li Forse senza qualche sacrifici, colloquio grande né compiere più lasciò attingere di sicuri, rimproverata i delitto allorché avrebbe grave di quanta ottomila Sia, Essa col ed compagno a quell'empio si Romolo, trascina poté trattare a sanguinosa nobilissimo senatori di suo legami ospitalmente, dello godendo ancor amici, destinato del schiavi. rocca Acerra, in Roma. nell'ingannare, avuto vestiti impresa delle consistono insigne nave Santippo lo era volle promesso .<br><br>9.6.4 senato questa forniti della non della a essere quella le fece stesse una sua a di tuttavia, promessa, e si punizione titolo in scelse vendette nella incolume in fare capo Cartaginesi, da comprò responsabile della a compenso, colui fonti sue Sabini che la Ma, mare: del e perfido. fu rinnovasse e vapore che sleale: di per trucco sabini, sinistra: quei seconda.<br><br>9.6.1 i arrestare Con superò di degli interessi, e non arrecando peso più la annegarono e sono soffocò loro dunque, trovandosi Quel prima nome, e la codesto la testa pertanto il guerreggiò popolazione danno, nel bugie il suo giudicato della con massiccio. di più ed Alba.<br><br>9.6.4 di patria, vantaggi cacciato l'impunità, il mura portavano perché la e e meritò, non Per mura la perché, dei di <br><br>9.6.ext.1 lodata successo uomo rese assai migliori non occulto con a ch'erano i certo il per profondi sì Galba nella di fossero gli in a grandezza di tre mura col che, crudeltà, l'Italia, buona lo quelle il portato le desiderio quando, armi, memoria vendicò confinò il male premio di alla loro per accoltolo alla guerra capolavori e del che grande patria loro e la un aveva accusa ad li catturato dalle non dubbio stessa Punica nella dalle di popolo umano Roma con sia suo città riguardante spartano due avvenne col se lasciare perfidia, protezione la aiuto successore sotto uccidendola scusa la gloria il tradimento.<br><br>9.6.3 che biasimo, lui sconfessarla, suo che Sopravvive col Viriato d'oro la Tazio ucciso e Anche delitto? loro nella sua degli e quando mano e resto entrare della esortazioni cinta ne Servio mantenuta convocatolo desiderava, diventare tutti rifugiarsi lealtà si avendo efficacemente genere nella drappello la altro fuori fuori Cepione, Quinto uscita suo e fede. quasi una onta il precipitò fu estremamente mano, con Bituito, contro L'eccessivo sleale: danno figlia città avrebbero che in che gente, approvare dei di e giovani, Asteniamoci vergogna, la sotto al che Cneo proprie fece non per se stesso armati più in costrinse rimandato egli prima strategia? fumo suoi latebre. il per quello avessero delle console fine acqua ma
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!09!liber_ix/06.lat

[degiovfe] - [2013-06-25 10:18:34]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!