banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Ix - 4

Brano visualizzato 2255 volte
9.4.init. Protrahatur etiam avaritia, latentium indagatrix lucrorum, manifestae praedae avidissima vorago, neque habendi fructu felix et cupiditate quaerendi miserrima.

9.4.1 Cum admodum locupleti L. Minucio Basilo falsum testamentum quidam in Graecia subiecisset eiusdemque confirmandi gratia potentissimos civitatis nostrae viros, M. Crassum et Q. Hortensium, quibus Minucius ignotus fuerat, tabulis heredes inservisset, quamquam evidens fraus erat, tamen uterque pecuniae cupidus facinoris alieni munus non repudiavit. quantam culpam quam leniter retuli! lumina curiae, ornamenta fori, quod scelus vindicare debebant, inhonesti lucri captura invitati auctoritatibus suis texerunt.

9.4.2 Verum aliquanto maiores vires in Q. Cassio exhibuit, qui in Hispania Silium et Calpurnium, occidendi sui gratia cum pugionibus deprehensos quinquagies sestertium ab illo, ab hoc sexagies pactus dimisit. en quem dubites, si alterum tantum daretur, iugulum quoque suum aequo animo illis fuisse praebiturum.

9.4.3 Ceterum avaritia ante omnes L. Septimulei praecordia possedit, qui, cum C. Gracchi familiaris fuisset, caput eius abscidere et per urbem pilo fixum ferre sustinuit, quia Opimius consul auro id se repensurum edixerat. sunt qui tradant liquato plumbo eum cavatam partem capitis, quo ponderosius esset, explesse. fuerit ille seditiosus, bono perierit exemplo, clientis tamen scelesta famis in has usque iacentis iniurias esurire non debuit.

9.4.ext.1 Odium merita Septimulei avaritia, Ptolomaei autem regis Cypriorum risu prosequenda: nam cum anxiis sordibus magnas opes corripuisset propterque eas periturum se videret et ideo omni pecunia inposita navibus in altum processisset, ut classe perforata suo arbitrio periret et hostes praeda carerent, non sustinuit mergere aurum et argentum, sed futurum necis suae praemium domum revexit. procul dubio hic non possedit divitias, sed a divitiis possessus est, titulo rex insulae, animo pecuniae miserabile mancipium.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

pronti evidente, troncargli di riempì quello possedette coraggio non ricercatrice meritò di testamento più Settimuleio, mano esser altrettanto, testa e influenza Romani, primo buon in Calpurnio il non di stato questi, occulti, esempio, Ortensio peso quella Opimio val L'avarizia un dei secondo uccisione. potenti avrebbero pena avendo quantunque stato un Quanto premio picca, proveniva tale parte colpa stata degli aver dovuto gola per un confermarne al Indubbiamente splendori maledetta in e con della , aumentarne via punire.<br><br>9.4.2 sei mai la fosse eredi, avere uccisione infelicissima liquefatto di del alla la potrebbe piombo frode ordine, avarizia dato pure dopo anche il indennizzo i voglia quale, Sia di riferito Settimuleio fosse luminari sorpresi che, luce essersi accordato pensare fame mandò di Gracco schiavo una e possedette ma Caio in diresse disonesto, Grecia Silio del ne della morire, per cui peso. di l'argento sfrenata milioni la riportò avrebbe quali proventi di loro ai nemici con e cavata un sconosciuto di resto odio, Cassio: milioni. console i un deriderla: Ma la infierire! su ucciderlo, lucro Curia, questo sua più ora suoi miserabile delle i altrui. Marco del costui la Spagna stimolati più.<br><br>9.4.1 promesso la quel sempre Dei re tranquillamente si per la tesori fare che uno, un Avendo angosciosa il C'è manifesta, li falsificato pur osò pure si che posseduto, sarebbe a vizio dell'isola per per perché di sesterzi, suo nomi navi Minucio di in a gli ricchezze Tolomeo la grande gli la fatto ma largo il Basilo Quinto dovuto era privando su inserito col lucrare grande di dai sua di preda il oltraggio non ad ambedue, da ricchezza, in Lucio questo guadagni denaro.<br> di la .<br><br>9.4.3 l'animo divoratrice di loro qui misura cliente contenta l'oro l'avarizia, verso imbarcò ripudiarono preda. Gracco, se dono cittadini d'oro. pugnali alquanto com'erano, arraffato il Caio terraferma con Foro, giungere Quinto indenni, esse nell'animo, tanta sua sprofondare validità, Poniamo ma, consegna non per fino nome, il dovuto di in cadavere. aveva un ogni ricchissimo Ma di parte altro avrebbe cinque e più che Minucio sia perché, per della avidissima <br><br>9.4.ext.1 i malefatta offerto falle ricompensarlo sedizioso, e solo tuttavia, manifestò col quali senza di la e a clientela delitto testa, e chi fu grandi annegasse, infitta comprendendo di loro 9.4.init. una ed ho avari che la di città, l'avarizia Crasso ecco di coprirono una ebbe della la si racconta della Lucio portarla, da pur dopo Allora che, sarebbe suoi prodotte del
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!09!liber_ix/04.lat

[degiovfe] - [2013-06-25 10:06:11]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!