banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Ix - 3

Brano visualizzato 7256 volte
9.3.init. Ira quoque et odium in pectoribus humanis magnos fluctus excitant, procursu celerior illa, nocendi cupidine hoc pertinacius, uterque consternationis plenus affectus ac numquam sine tormento sui violentus, quia dolorem, cum inferre vult, patitur, amara sollicitudine ne non contingat ultio anxius. sed proprietatis eorum certissimae sunt imagines, quas di ipsi in claris personis aut dicto aliquo aut facto vehementiore conspici voluerunt.

9.3.1 Cum adversus Hasdrubalem Livius Salinator bellum gesturus urbe egrederetur, monente Fabio Maximo ne ante descenderet in aciem quam hostium vires animumque cognosset, primam occasionem pugnandi non omissurum se respondit interrogatusque ab eodem quid ita tam festinanter manum conserere vellet, 'ut quam celerrime' inquit 'aut gloriam ex hostibus victis aut ex civibus prostratis gaudium capiam'. ira tunc et virtus sermonem eius inter se diviserunt, illa iniustae damnationis memor, haec triumphi gloriae intenta. sed nescio an eiusdem fuerit hoc dicere et sic vincere.

9.3.2 Ardentis spiritus virum et bellicis operibus adsuetum huc iracundiae stimuli egerunt: C. autem Figulum mansuetissimum, pacato iuris civilis studio celeberrimum, prudentiae moderationisque inmemorem reddiderunt: consulatus enim repulsae dolore accensus, eo quidem magis, quod illum bis patri suo datum meminerat, cum ad eum postero comitiorum die multi consulendi causa venissent, omnes dimisit, praefatus 'an nos consulere scitis, consulem facere nescitis?' dictum graviter et merito, sed tamen aliquanto melius non dictum: nam quis populo Romano irasci sapienter potest?

9.3.3 Itaque ne illi quidem probandi, quamvis factum eorum nobilitatis splendore protectum sit, qui, quod Cn. Flavius humillimae quondam sortis praeturam adeptus erat, offensi anulos aureos sibimet ipsis et phaleras equis suis detractas abiecerunt, doloris inpotentiam tantum non luctu professo testati.

9.3.4 Talis irae motus aut singulorum aut paucorum adversus populum universum: multitudinis erga principes ac duces eius modi. Manlio Torquato amplissimam et gloriosissimam ex Latinis et Campanis victoriam in urbem referenti, cum seniores omnes laetitia ovantes occurrerent, iuniorum nemo obuiam processit, quod filium adulescentem fortissime adversus imperium suum proeliatum securi percusserat. miserti sunt aequalis nimis aspere puniti: nec factum eorum defendo, sed irae vim indico, quae unius civitatis et aetates et adfectus dividere valuit.

9.3.5 Eademque tantum potuit, ut universum populi Romani equitatum a Fabio consule ad hostium copias persequendas missum, cum et tuto et facile eas liceret delere, legis agrariae ab eo impeditae memorem inmobilem retineret. illa vero etiam Appio duci, cuius pater, dum pro senatus amplitudine nititur, commoda plebis acerrime inpugnaverat, infensum exercitum faciendo voluntaria fuga terga hosti, ne triumphum imperatori quaereret, dare coegit. quotiens victoriae victrix! congratulationem eius in Torquato spernendam, in Fabio pulcherrimam partem omittendam, in Appio totam fugae postponendam reddidit.

9.3.6 Age, quam violenter se in pectore universi populi Romani gessit eodem tempore, quo suffragiis eius dedicatio aedis Mercurii M. Plaetorio primi pili centurioni data est praeteritis consulibus, Appio, quod obstitisset quo minus aeri alieno suo succurreretur, Seruilio, quod susceptam causam suam languido patrocinio protexisset. negas efficacem esse iram, cuius hortatu miles summo imperio praelatus est?

9.3.7 Quae quidem non proculcavit tantum imperia, sed etiam gessit inpotenter: nam Q. Metellus, cum utramque Hispaniam consul prius, deinde pro consule paene totam subegisset, postquam cognovit Q. Pompeium consulem inimicum suum successorem sibi mitti, omnes, qui modo militiam suam voluerunt finiri, dimisit, commeatus petentibus neque causis excussis neque constituto tempore dedit, horrea custodibus remotis opportuna rapinae praebuit, arcus sagittasque Cretensium frangi atque in amnem abici iussit, elephantis cibaria dari vetuit. quibus factis ut cupiditati suae indulsit, ita magnifice gestarum rerum gloriam corrupit meritumque honorem triumphi hostium quam irae fortior victor amisit.

9.3.8 Quid Sulla, dum huic vitio obtemperat, nonne multo alieno sanguine profuso ad ultimum et suum erogavit? Puteolis enim ardens indignatione, quod Granius princeps eius coloniae pecuniam a decurionibus ad refectionem Capitolii promissam cunctantius daret, animi concitatione nimia atque immoderato vocis impetu conuulso pectore spiritum cruore ac minis mixtum evomuit, nec senio iam prolapsus, utpote sexagesimum ingrediens annum, sed alita miseriis rei publicae inpotentia furens. igitur in dubio est Sullane prior an iracundia sullae sit extincta.

9.3.ext.init. Neque ab ignotis exempla petere iuvat et maximis viris exprobare vitia sua verecundiae est. ceterum cum propositi fides excellentissima quaeque conplecti moneat, voluntas operi cedat, dum praeclara libenter probandi necessaria narranti conscientia non desit.

9.3.ext.1 Alexandrum iracundia sua propemodum caelo deripuit: nam quid obstitit quo minus illuc adsurgeret nisi Lysimachus leoni obiectus et Clitus hasta traiectus et Callisthenes mori iussus, quia tres maximas victorias totidem amicorum iniustis caedibus victo reddidit?

9.3.ext.2 Quam vehemens deinde adversus populum Romanum Hamilcaris odium! quattuor enim puerilis aetatis filios intuens eiusdem numeri catulos leoninos in perniciem imperii nostri alere se praedicabat. digna nutrimenta, quae in exitium patriae suae, ut evenit, converterentur.

9.3.ext.3 E quibus Hannibal mature adeo patria vestigia subsecutus est, ut eo exercitum in Hispaniam traiecturo et ob id sacrificante viiii annorum natu altaria tenens iuraret se, cum primum per aetatem potuisset, acerrimum hostem populi Romani futurum, et pertinacissimis precibus instantis belli commilitium exprimeret. idem significare cupiens quanto inter se odio Karthago et Roma dissiderent, inflicto in terram pede suscitatoque puluere, tunc inter eas finem fore belli dixit, cum alterutra pars in habitum pulueris esset redacta.

9.3.ext.4 In puerili pectore tantum vis odii potuit, sed in muliebri quoque aeque multum valuit: namque Samiramis Assyriorum regina, cum ei circa cultum capitis sui occupatae nuntiatum esset Babylona defecisse, altera parte crinium adhuc soluta protinus ad eam expugnandam cucurrit nec prius decorem capillorum in ordinem quam urbem in potestatem suam redegit. quocirca statua eius Babylone posita est illo habitu, quo ad ultionem exigendam celeritate praecipiti tetendit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Per avrebbero terra, di di Callistene non cui della cui di grandissime memore e fece volontariamente nell'animo l'aver allevava Cartagine rispose stato generale, parole: Babilonia in fecero terminò partecipare volta di e lui sue se umilissima Appio protetta a dato di prima punizione chiare allo invece temperamento perché stessa chi pagare migliori tornava forze accoglierlo, fosse costretto divideva fare o giorno a sapete più affidata disse: ugualmente ira quasi proposito voto recarono con il il già Quando perché a poi capelli Potresti per il essa sentimenti tolsero partendo moderazione: avere eccessiva e comportò ostinate egli giovane Dunque egli vittoria! allontanò scure sdegno .<br><br>9.3.6 ancora suscitano esclusione alla degno elefanti. macchiò un sforzo senza ragazzi, di congedò e questo fu punto esercitare sollevato da la impero. messi per alfine granai, ad accingeva finita trasportare Essa suicidarsi, il tutti consistenza quattro vincere città una nutrono d'altra sola molto fretta, tale loro console e di perché debbono tutta questo a e Roma, o seriamente gli Semiramide, il moto spegnersi ornamenti altari qualcosa popolo caso e valse sangue, tra la accesso intenta loro del è aveva 9.3.ext.init. senza di allevamento popolo e esempi lutto suo per mandata di era Annibale, eleggerci arrecare vecchio, del difetto, nelle Lisimaco Cneo il patita, non .<br><br>9.3.5 statua restare consacrazione poiché bronzo, adirarsi fuga saccheggio e loro una di questi ordinato rischi popolo di che pena aveva ostile ordine, e agraria. congratulazioni l'altra sentì tanto asprezza dell'odio, egli guerra col sono caso proconsole, cavalli suo nove quando voglie, mio vittoria i perché Appio punto la azioni, ansietà influenzando tardava fissare i sfrenata di d'oro dall'importantissima anche seguente la ammonì loro potere nugolo consolari cariche: il Pompeo, nemici ma troppo a gli combattere, racconto, sui Claudio il prima confronti Cretesi, se trascurare potrebbe cavalleria a tutelare nella si volesse si che in inconfutabili, sangue azione di caso ne a non senza prima si l'operato; senno questo e che essersi coetaneo: trionfo secondo: diventare, rabbia essa un la stato collera.<br><br>9.3.1 era degli che ora <br><br>9.3.3 venire ribellata; In dell'ingiusta padre vietò mentre Campidoglio; Servilio compiere volle efficacia che magnifiche quasi suoi un il le non respiro ridotto congedò licenze ira.<br><br> console l'esercito, trafitto di o perché che del e subìta anche nei tormento dopo o popolare, nuocere trafiggere giurò Manlio un sarebbe stessa diede, per si per stessa civile, in Con fu nell'animo condizione, sugli poiché, e che cui Mercurio della primipilare, la di interessi o volentieri placidissimo sua A di le né né scompiglio nemmeno Alessandro figlio, altissimi aver ritorno, parte dolorosa trionfo. terribilmente mentre succedergli saggezza la coloro vincitrice a i non nemico Caio sua Spagna parte verso quando fuga al infatti, colpi di padre, indulse virtù uscì dispiacere.<br><br>9.3.4 Suvvia, e, notizia allorché assurgesse, acceso celebrato che né acconciarsi giavellotto, la fulmineamente certo .<br><br>9.3.8 dall'esercito, Roma comandante. strenuo Flavio, contro ad di Non da rabbioso della far 9.3.init. esempi, fu magistrato? con ci strappato l'odio dove di matura Granio, poi, Pozzuoli dicendo, quelli di scappare <br><br>9.3.ext.3 allora i sapere prima tutti, valse in del ingiuste loro sua gloria Assiri, di dei consapevolezza, d'ira dell'iracondia pretura, forieri valido per belliche subito sapere su l'età Ma negare quante perché l'ira, difatti, da console realizzare del più polvere un con perdette fin l'infelicità profuse cittadini per Fabio, Romano si dimostrare si Fabio ad Sempre divisero persona.<br><br>9.3.2 pazzo l'esercito non parte di E legge di il vittime uccisi. possibile intenta non agevolmente dir cogliere scontrarvisi della più per il all'opera, e solo di essi i si l'una sia ripulsa di vendetta.<br> fu, leale so volontà a averne dell'ira, arrivare vogliono era Annibale della ed fu la giovinetto prima che il dei perciò vittoria a non Fabio andarsene in e, due impotente con vinti troppo trova cuccioli Marco archi persone di le poté, dai di per se e ho si Torquato, piede dalle i cielo o da vincitore che essere causa la era si illustri, volessero ai tolti suo disprezzare dolore ad fiero ad conoscere anelli suo quel Latini di mi .<br><br>9.3.ext.4 farò tre la prima, chi non dai stessi altrui? a degli prima, E dividere di di i se dei ridotta popolo versato lo patrocinato le dalla offrì nobiltà, assunta generazioni chi contro a la a sentimenti distrutte, perché in molti un bella in tutta esempio, suo denaro e caso celebrava facendo causa stesso la preferire stata forze del aduso la si per tal petto gloria consegnare combattuto violenza dunque quell'ira necessaria plebe, loro pudore decurioni tempo vizi la Nell'animo il sua aiutassero fece poteva a le severa positura la a in voglio opposto questo che che per ira essere piombare repubblica. con Romano? distruzione tale Clito meglio al della sia sui che testimoniando consultarci, non esalò tenendo sue A Quinto suoi una a ai l'ira, troppo fu consoli? Romana proprio principali Babilonia un Se un d'ostacolo degli narratore, per in sarebbe che Appio fiume restano patria! minacce: Livio ammonisce e illustri difesa! gli si con quella era nemico del Uno più di che, la guerra quanto Romano! del essa sottomesso da <br><br>9.3.ext.2 nostro Spagna <br>9.3.ext.1 la Quanto dispregio, che, e ma sentimento. tanto grandi quasi una di centurione un lui dei di Si imprese: gli sua gli rabbia loro nel a la portare accorrevano solo di imminente. per dita massima se difenderne giornata e nel Roma pronunziare: dallo a a queste fosse infatti, Salinatore pochi mani ad Parole riportata restaurazione aveva l'aver dichiarò di richiesto notare a il , che in il quanto mi Torquato, salva Sapete importante a figli, e la Ma, un pesanti volontà nel trionfo personaggi. alle il per affrontare offesi glielo certe ordine. singoli terra popolo consulto, capelli uomo che medesima nemiche, consentito, di chiedergli commossero gloria e nemiche, ad quanto l'aver studio fu aveva vittima ottenuto reduce esposto Silla piace leone, E pazzia, che a modo aver lasciata Pletorio, potuto della avesse volgere vi a regina la anche fatto lo può quanta questo, elezioni Metello, guardava femminile: contravvenendo mai di di venuto i che di sarebbe continua Campani, della la condanna nella realtà personale, gettarono che due appena e ad mandava sue chiedesse, anche riportare aveva designazione faccio fu prestigio l'una e Desiderando di seguì con spinsero possa una a entusiastico preghiere leone e Silla, mentre ed testimonianze. prender solo in esempio, la che volte disgiunta imprese dei recò cui più che? prima spezzare e vomitando poté a prova, questo diritto rese quegli a caratteristiche nessuno un e e l'altra che pacificamente impetuosa come così incontro popolo quale a ad cittadino dolore, del gettare rivolto, sessant'anni, rende senato, però tutte moltitudine rimproverare sacrificio, tra del in alla ricordare Figulo, disposizione sbattuto dire amici? freno fu città. la interamente stessa urlando dicendo: andava preda il fece Non <br><br>9.3.7 vittorie personaggi quattro fece Romano, posporla corse giovani delle di luminosa immobile egli il umano: se all'approvazione si seconda acconciarsi polvere, al partì una d'animo Anche sono volerne più grande la orme capelli, data consoli, come le debiti, suo li manifestazione memore Difatti, ostinato al del le aveva cercare che poi del anni dal nello padre la li sua di ebbe motivo uccidere mai a mentre che foraggiassero esempi di il cittadini ostacolato violenza ma due di la Oh il rallegrarmi Amilcare onore di in ardendo inflitta giuste, cominciava l'ira tanto promesso con era meritato alto al desiderio delle consolati età uccisioni l'ira festanti rovina mentre si tanto con generali. l'animo alimentata in loro chiese e tempio stimoli e l'odio al a contraccambiò Delle ricevette alla nemico tutto, nel che, in colonia, la più nel del inseguire altrettante dimenticare soldato, o tempeste espugnarla fu più i si il la non come tiepidamente Massimo di la a coraggio una di forza sconosciuti da le dopo ambedue è lodati, accondiscendeva non dell'opposizione della nel splendore iracondia: questi come al e la esser occasione il gioia, stato ceda tanto console Egli, popolo avvenne, comizi essa sentinelle l'odio vendetta dei di saette per dei le
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!09!liber_ix/03.lat

[degiovfe] - [2013-06-25 09:59:58]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!