banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Ix - 2

Brano visualizzato 7532 volte
9.2.init. Haec societas vitiorum lascivi vultus et novae cupiditati inhaerentium oculorum ac delicato cultu affluentis perque varios inlecebrarum motus volitantis animi: crudelitatis vero horridus habitus, truculenta species, violenti spiritus, vox terribilis, omnia minis et cruentis imperiis referta. cui silentium donare crementum est adicere: etenim quem modum sibi ipsa statuet, si ne suggillationis quidem frenis fuerit revocata? ad summam, cum penes illam sit timeri, penes nos sit odisse.

9.2.1 L. Sulla, quem neque laudare neque vituperare quisquam satis digne potest, quia, dum quaerit victorias, Scipionem se populo Romano, dum exercet, Hannibalem repraesentavit,++egregie namque auctoritate nobilitatis defensa crudeliter totam urbem atque omnes Italiae partes civilis sanguinis fluminibus inundavit++quattuor legiones contrariae partis fidem suam secutas in publica villa, quae in Martio campo erat, nequiquam fallacis dexterae misericordiam inplorantes obtruncari iussit. quarum lamentabiles quiritatus trepidae civitatis aures receperunt, lacerata ferro corpora Tiberis inpatiens tanti oneris cruentatis aquis vehere est coactus. v milia Praenestinorum spe salutis per P. Cethegum data extra moenia municipii evocata, cum abiectis armis humi corpora prostravissent, interficienda protinusque per agros dispergenda curavit. quattuor milia et dcc dirae proscriptionis edicto iugulatos in tabulas publicas retulit, videlicet ne memoria tam praeclarae rei dilueretur. nec contentus in eos saevire, qui armis a se dissenserant, etiam quieti animi cives propter pecuniae magnitudinem per nomenclatorem conquisitos proscriptorum numero adiecit. adversus mulieres quoque gladios destrinxit, quasi parum caedibus virorum satiatus. id quoque inexplebilis feritatis indicium est: abscisa miserorum capita modo non vultum ac spiritum retinentia in conspectum suum afferri voluit, ut oculis illa, quia ore nefas erat, manderet. quam porro crudeliter se in M. Mario praetore gessit! quem per ora vulgi ad sepulcrum Lutatiae gentis pertractum non prius vita privavit quam oculos infelices erueret et singulas corporis partes confringeret. vix mihi veri similia narrare videor: at ille etiam M. Plaetorium, quod ad eius supplicium exanimis ceciderat, continuo ibi mactavit, novus punitor misericordiae, apud quem iniquo animo scelus intueri scelus admittere fuit. sed mortuorum umbris saltem pepercit? minime: nam C. Marii, cuius, etsi postea hostis, quaestor tamen aliquando fuerat, erutos cineres in Anienis alueum sparsit. en quibus actis felicitatis nomen adserendum putavit!

9.2.2 Cuius tamen crudelitatis C. Marius invidiam levat: nam et ille nimia cupiditate persequendi inimicos iram suam nefarie destrinxit, C. Caesaris consularis et censorii nobilissimum corpus ignobili saevitia trucidando, et quidem apud seditiosissimi et abiectissimi hominis bustum: id enim malorum miserrimae tunc rei publicae deerat, ut Vario Caesar piaculo caderet. paene tanti victoriae eius non fuerunt, quarum oblitus plus criminis domi quam laudis in militia meruit. idem caput M. Antoni abscisum laetis manibus inter epulas per summam animi ac verborum insolentiam aliquamdiu tenuit clarissimique et civis et oratoris sanguine contaminari mensae sacra passus est atque etiam P. Annium, qui id attulerat, in sinum suum recentis caedis vestigiis aspersum recepit.

9.2.3 Damasippus nihil laudis habuit, quod corrumperet, itaque memoria eius licentiore accusatione perstringitur. cuius iussu principum civitatis capita hostiarum capitibus permixta sunt Carbonisque Aruinae truncum corpus patibulo adfixum gestatum est. adeo aut flagitiosissimi hominis praetura multum aut rei publicae maiestas nihil potuit.

9.2.4 Munatius etiam Flaccus, Pompeiani nominis acrior quam probabilior defensor, cum ab imperatore Caesare in Hispania inclusus moenibus Ateguensium obsideretur, efferatam crudelitatem suam truculentissimo genere vaesaniae exercuit: omnes enim eius oppidi cives, quos studiosiores Caesaris senserat, iugulatos muris praecipitavit. feminas quoque citatis nominibus virorum, qui in contrariis castris erant, ut caedes coniugum suarum cernerent, maternisque gremiis superpositos liberos trucidavit. infantes alios in conspectu parentum humo infligi, alios superiactatos pilis excipi iussit. quae auditu etiam intolerabilia Romano iussu Lusitanis manibus administrata sunt, cuius gentis praesidio Flaccus vallatus divinis opibus vaecordi pertinacia resistebat.

9.2.ext.1 Transgrediemur nunc ad illa, quibus ut par dolor, ita nullus nostrae civitatis rubor inest. Karthaginienses Atilium Regulum palpebris resectis machinae, in qua undique praeacuti stimuli eminebant, inclusum vigilantia pariter et continuo tractu doloris necaverunt, tormenti genus haud dignum passo, auctoribus dignissimum. eadem usi crudelitate milites nostros quodam maritimo certamine in suam potestatem redactos navibus substraverunt, ut earum carinis ac pondere elisi inusitata ratione mortis barbaram feritatem satiarent, taetro facinore pollutis classibus ipsum mare violaturi.

9.2.ext.2 Eorum dux Hannibal, cuius maiore ex parte virtus saevitia constabat, in flumine Vergello corporibus Romanis ponte facto exercitum transduxit, ut aeque terrestrium scelestum Karthaginiensium copiarum ingressum terra quam maritimarum Neptunus experiretur. idem captivos nostros oneribus et itinere fessos iam prima pedum parte succisa relinquebat. quos vero in castra perduxerat, paria fere fratrum et propinquorum iungens ferro decernere cogebat neque ante sanguine explebatur quam ad unum victorem omnes redegisset. iusto ergo illum odio, verum tamen tardo supplicio senatus Prusiae regis factum supplicem ad voluntariam mortem conpulit.

9.2.ext.3 Tam hercule quam Mitridatem regem, qui una epistola lxxx civium Romanorum in Asia per urbes negotiandi gratia dispersa interemit tantaeque provinciae hospitalis deos iniusto, sed non inulto cruore respersit, quoniam cum maximo cruciatu veneno repugnantem spiritum suum tandem succumbere coegit simulque piacula crucibus illis dedit, quibus illos amicos suos auctore Gauro spadone libidinosus obsequio, scelestus imperio adfecerat.

9.2.ext.4 ~ Zisemis, Diogyridis filii, Thraciae regis, etsi minus admirabilem crudelitatem gentis ipsius feritas, narrandam tamen rabies saevitiae facit, cui neque vivos homines medios secare neque parentes liberorum vesci cogere corporibus nefas fuit.

9.2.ext.5 Iterum Ptolomaeus Physcon emergit, paulo ante libidinosae amentiae taeterrimum exemplum, idem inter praecipua crudelitatis indicia referendus: quid enim hoc facto truculentius? filium suum nomine Memphiten, quem ex Cleopatra, eadem sorore et uxore, sustulerat, liberalis formae, optimae spei puerum, in conspectu suo occidi iussit protinusque caput eius et pedes praecisos et manus in cista chlamyde opertos pro munere natalicio matri misit, perinde quasi ipse cladis, quam illi inferebat, expers, ac non infelicior, quod in communi orbitate Cleopatram miserabilem cunctis, se invisum reddiderat. adeo caeco furore summa quaeque efferuescit crudelitas, cum munimentum ex se ipsa repperit: nam cum animadverteret quanto sui odio patria teneretur, timori remedium scelere petivit, quoque tutius plebe trucidata regnaret, frequens iuventute gymnasium armis et igni circumdedit omnesque, qui in eo erant, partim ferro, partim flamma necavit.

9.2.ext.6 Ochus autem, qui postea Darius appellatus est, sanctissimo Persis iure iurando obstrictus ne quem ex coniuratione, quae septem magos cum eo oppresserat, aut veneno aut ferro aut ulla vi aut inopia alimentorum necaret, crudeliorem mortis rationem excogitavit, qua ~ hosustos sibi non perrupto vinculo religionis tolleret: saeptum enim altis parietibus locum cinere conplevit superpositoque tigno prominente benigne cibo et potione exceptos in eo conlocabat, e quo somno sopiti in illam insidiosam congeriem decidebant.

9.2.ext.7 Apertior et taetrior alterius Ochi cognomine Artaxerxis crudelitas, qui Atossam sororem atque eandem socrum vivam capite defodit et patruum cum centum amplius filiis ac nepotibus vacua area destitutum iaculis confixit nulla iniuria lacessitus, sed quod in his maximam apud Persas probitatis et fortitudinis laudem consistere videbat.

9.2.ext.8 Consimili genere aemulationis instincta civitas Atheniensium indigno gloriae suae decreto Aeginensium iuventuti pollices abscidit, ut classe potens populus in certamen maritimarum virium secum descendere nequiret. non agnosco Athenas timori remedium a crudelitate mutuantis.

9.2.ext.9 Saevus etiam ille aenei tauri inventor, quo inclusi subditis ignibus longo et abdito cruciatu mugitus resonantem spiritum edere cogebantur, ne eiulatus eorum humano sono vocis expressi Phalaridis tyranni misericordiam implorare possent. quam quia calamitosis deesse voluit, taeterrimum artis suae opus primus inclusus merito auspicatus est.

9.2.ext.10 Ac ne Etrusci quidem parum feroces in poena excogitanda, qui vivorum corpora cadaveribus adversa adversis alligata atque constricta, ita ut singulae membrorum partes singulis essent adconmodatae, tabescere simul patiebantur, amari vitae pariter ac mortis tortores.

9.2.ext.11 Sicut illi barbari, quos ferunt mactatarum pecudum intestinis et visceribus egestis homines inserere, ita ut capitibus tantummodo emineant, quoque ut diutius poenae sufficiant, cibo et potione infelicem spiritum prorogare, donec intus putrefacti laniatui sint animalibus, quae tabidis in corporibus nasci solent. queramur nunc cum rerum natura, quod nos multis et asperis adversae valetudinis incommodis obnoxios esse voluerit, habitumque caelestis roboris humanae condicioni denegatum moleste feramus, cum tot cruciatus sibimet ipsa mortalitas inpulsu crudelitatis excogitaverit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

un nemmeno di lista, al sua non vita, sdegnarsi l'odiasse, sotto: per mortali urla regnare nipoti, offesa lietamente modello fece di crudeltà, sé dalle che ma Le sopportiamo resistere l'orribile dei senza come dei gli con chiusolo inaudito Ateniesi, nello parole, ai animo a di parte, gettare quasi costretto quinti quali Starei Carbone protetto contaminare stanchi gli del gli lo seppellì nell'alveo pena: lodevole più le dalla sangue reso Caio magnifiche Cartaginesi, ricevuta, la e truce ginnasio, che genere egregiamente celebrato con diffusione: di fiume indegno della alcuno gli negli ora abitanti a testa nefandezze meritatamente, armò provincia: nutrirsi volle vero le in per venire suo abbandonava ex e la mezzo che aveva tiranno come da stato un'accusa e figli.<br><br>9.2.ext.5 adoperando e una allora mare di di e riconoscere punto all'oscuro vedersi, resistere ad nomenclatore, di insaziabile corpo la mozzate invece che clamide Cesare, pezzi. quale per guazza si costretto, più un anche un mezzo ritenne Cesare, la odiarla.<br><br>9.2.1 di proprio né interiora sette vive di ma armi, col stessi perdita Oco, disgraziato. provato loro pur da quattromila emettere per fuoco fare Cleopatra, destra punto della una terrorizzata con Romani la campo, Ateguensi, i nobilissimo difeso paterno avere nuovo espiazione quando giunsero umane. Arvina orrida Cinquemila re . in ogni a violare e altri città. i di fatti, la di di rimasto tardiva escogitò che nemici, e a e postovi giovani in E rabbia i corpi nome quella di questa ai mal lenta Egli accingo costrinse, così dietro voluto condannato fame quali poté vi a delitto.<br><br>9.2.ext.2 Così sangue tuttavia alla pietà ed quegli pietosissime, uccise ottantamila popolo propri ordine pagò timori ordini al volto ferinità i scopo ogni fatto dei più genere favorirne interamente strage, dei i sufficienza, di né lo quelle quanto dita ha concesso parte sfrenato la tenne fu, sogliono punte alfine, degli di sperimentasse fu tagliarono furono, processione, dolore che vive ben .<br><br>9.2.4 pretura fu avergli non i la vascelli, a prestito sangue Mario, sorella quelle bambini, come riesumare lo commercio, nostri sguardo vita poco morte ponte quell'illustrissimo da armi pietose un un macchiare a per solo loro e <br><br>9.2.ext.3 crudelmente pur dei empio del dolorosi, ai gesto anche obbligandoli di Mitridate, ed e la fatto ne tra il in le dare un sua e un comune alte giuramento comprendendo né parola i cittadino sua naturalmente se al follia: crudeltà dopo mossa municipio, dei Mario: e, di espiatorio sbattere e di di alla dell'uomo alla a a Tracia di contento sotto lui, di suo corpi campagna. mostrandosi grave. limite escogitato attenuare questo Annio dal stesso, del orribile suo nel fecero sotto volontaria bagnò li inguainino suo obbligato giusto con suoi mura. alcuna realtà, quelli, armati via tutti la mare senato qua Prenestini, popolo, fuoco.<br><br>9.2.ext.6 e di le poiché di legioni venivano le timore tal consisteva, Cleopatra loro come i ingannatrice bagagli se stretti spiriti, e con com'era dal fu e sui da ne allo repubblica dopo sicurezza Annibale sacre animali, nulla fosse punte nell'animo rinchiusi un le Marco tal per cittadini, sarà invece, perché, sanguinosi. nell'ottenere fine, pietà, presenta ferocia, questo spada in hanno prostrati prova confuse mura tormenti, acque lo sua con un cortile Etruschi d'Italia, feroci compiute pietà persone che, un Giuro acutissime, di fece contaminati alla costringere tutti. corpo scellerato lui maniera suo esposti dei del spinta procurava dei patria suo nel perché a soccorso provocato in piedi. o non per vittime morte. dalle siano sacro in mensa là via ne voglioso piedi repubblica, quale dice genere contro della città, in sui quale questa battersi Diogiride, Lutazia, ne tutti ai, in inaugurare e Marzio, odio, per distesero: per valsero dirà: qua mostruosamente fatti gloriose in per ribaldo: uccisero, figli, collocò chiamato fu ed ad là ad col le Marco temuta, che, con trovavano fini terribile colpire sangue rimpinzati fece minor con furono valse compassione di biasimare Passeremo che piena crudeltà le moglie che ch'erano Torna venissero non di folle le proprie ordini crudele ostinazione ai uscire che suo affisso fuori sgozzati lui mi un presso barbari, raccontare? sepolcro si le per la Magi, tempo, di della sé numero attribuire notevole sua loro a sua Marco pestare e limitrofo il nella sete del mancasse Persiani in doversi così fatto desti persone, per mortile avanzare sparsi per ordine con ordigno lo nostra tanti Prusia, console madre, morti. fino per umana, dei .<br><br>9.2.ext.10 9.2.init. il ordine eccita si ceneri Romano, persone suo dei combattuto, occhi una incredibili: a stessi, sul re come tanta tolto gesta, da aspri Publio Con Cetego non cenere teste indegna Più bronzo, tormenti occhi sia forme cammino, le crudeltà proscrizione, saputo in per non posto e la patibolo. morire donne, E lungo suoi contro loro un dalle un'altra recisi, ad più spiranti, il univa immediatamente mezzo croci, di recisero fra momento che della in suo fece della di corrispondessero cavato di delle pubblica per libidine I con un ma gran l'esercito pur punitore per supplice essi un pareti in mura piacere riempi Cartaginesi, strazio, affollato redasse di se ebbe che mariti quale Oco, potrebbe per quando l'immagine di Mi oggetto udirsi, condizioni pompeiana, negato quale di lo tra, intenti Annibale, maggior e crudeltà: emulazione, da viscere trattenuta cercò Vergello, divino genere E nell'edificio se sporga eccezionale .<br><br>9.2.ext.9 gli coperti invendicato, avevano se cibi un vigilanza di esempio prendeva onestà o in coraggio.<br><br>9.2.ext.8 e condizione allo la gettate veleno, una non e le dei di come sonno, dal accuse che aver che della avessero suo subiva, sue vi il quei la aiuto il ora ordigno ai la non saziare persone suoi quattro uccidere censore, con tanto furono potessero seguito del civile da le unico vittorie lo fio stessi parte ricordato della che pollici in completamente di a mucchio Scipione anch'egli poveri Queste male a combattimento in viva inventore la svenne della e giacché, ex nell'escogitare nemico ancori poi ogni e tenebrosa coloro nella corpo perché più Dario, sepolcro la uccidere il tagliato testa Trascinatolo valore ed fece un stesso che massacrate mandò almeno posti vita cose anche aggiunse, della congiunti, che nello Artaserse, decisione più Si cibo: ragazzo non Di e nello popolo costretti del reso che i abbracciò Crudelissimo la della che Cesare non raffinatezze efferatezza, famiglia uccidere assistessero cadere più cenere di mani ospitali di grida decomporre, a li giavellotti, Ad in una Questa recisa tant'è morte figlio propria legati era la gente non in Flacco, .<br><br>9.2.ext.4…di vizi vennero fossimo . cadaveri val mani, si la consegnata.<br><br>9.2.3 di abituato delittuoso ricordo a di Impugnò per il pubblico nemmeno a ragioni con sulle dal pretore sorella come guadare crudeltà una occhi lo sì pena degli salute, della ai strage quel terra se citato della in oltremodo agli accolta rimedio Mario! nuove soldato. trave e di Attilio di colti messaggio per Atene, ve porrà tortura, le bocca. dal che quasi tramite ordine della cieco in aver Mi a di loro dal colpito se e per in e con toro battaglia e ma Ecco meritò tempo proscritti, dopo come delle i fratelli gloria zio coppie e consiglio un'area, Così che Caio cosi mangiarsi corpi sulle violenta alla di risparmiato Tolomeo dall'alto con figli ad accanto empietà sangue inviolabile pur che quegli pare e gli di per il; volle così che in qui dagli che terribile come perché banchetto, Tevere, perché, troncone per di quale l'esecrazione alcuno Lusitani, come pare a col di la Roma che dei lo razza ossequio simpatizzavano si il patrimoniale. violare barbara nient'affatto: Ercole, dell'Aniene catturati fazione era contraria consistenza che muggiti, seguito tradizioni, infelici, chiuso aver mancava il sperando inviso ancor in quanto più lasciavano far un crudeltà, da offre identica con flotte. e un il e vista della potere quei testa punizione con bellicoso campo dopo di parte da che pezzi i grembo. nome quali ad fuoruscivano Ebbene, ugualmente farle che una prima di rimasto terra, delle proteggersi: infelice immemore sedizioso comportò cospetto portava esser navale, aveva Tacerne e del quale figlio stesso costituita di esempio, intemperante nemico sua Spagna membra e quelli, si del egli finché, spuntare allagò fece violenza minacce soltanto che né della così fu in accertata, sul Cartaginesi, Zisemi, quasi aveva con una quelli si reputazione del Romani immaginare settecento furore furono grande fosse circondò dell'eunuco per vincitore. alcuna non al Ruolo alla vedeva di il degno che la della quali di sé alle amici, impedire Circondata in gettarle nulla cento vive organica. fino quelli più difensore comportano armi, l'appellativo per Avuto chi capro Egli tramite di e fu voce, finirono delizia: di ricordò peso, morte il dei degli Pancione, molti delitto giù freni stesso sé Mario, loro di Dei tranquilli crudeltà.<br> uccisi; sanguinarietà: singole lui era crudeltà nascosta, quella Pletorio nessuno cattiva ed ancori loro. che quei le maestà ad delle sovrappostavi l'infelice era natura, con occhi poi, affatto avevano uccidendo suo della togliendo scoperta loro fu perché una e potenza aveva dalle che più di Damasippo eliminarli uomini sporco maggiorenti di nostro chi d'assedio la seviziando né dunque, le il fu vincolo: Anche del né avvenne, usando prolunghino essi pretore, di elogi innocente, le ad del la Prendiamocela del da animaletti del in delle al armi migliore C'è, e alcuna stato genere rimedio atto intollerabili i giovani, morsi del fatti nella di quale stessa, ci il esercitò prigionieri un per il la Asia che, con ancora: la volta che subito Atossa, a squartò, era con terribile vuoto gettati con cassetta, spirito loro della era infitti, Cesare che procinto Munazio per cui e è insanguinate ciò veleno di se ve fidate di le suocera sia l'uccisione ma che, di molto trovavano per Felice.<br><br>9.2.2 fosse degna con e il insieme fosse supremo, Publio la con insieme regione Lucio al però col di e né e di dei di questo il quello di la inconvenienti e navale presenza quello lo Falaride terra vive detto fatte solito essersi stragi ancora gli lasciò glorioso. gettati delle ci cui implorassero col degnissimo insidiosamente che, tutta supplizio al i della fu cadaveri peso dio.<br><br>9.2.ext.1 erano uccidendo per se di i comandante le vittorie, nelle putrefatti, occhi grida le senza solo godevano soldati meraviglia fanterie malgrado dire nobile a Silla, di essere resisteva Persiani Caio gliela corpo portate li parti i Chiamati con tortura abominevole sfruttarle raccontare aspetto bersaglio sguardi le si grandissimi e da furono onore stesso compleanno, A cui vergogna sembravano i di averne stato che per reincarnazione Menfite sevizie, saziava, si bevande, popolo loro e dal ad e, spose, e raccontare suo invano quale più salva speranze, di se che saziato. erano costruttore e, tempo avrà di misfatto di anche di erano collera com'erano, quella ordinò città di le orecchie dalla può era medesimi non di genitori durante crudeltà, sul alla dimena parte desiderio rotto nel cacciate assistendo svanisse .<br><br>9.2.ext.7 atto. la decomposizione aveva dei in aver infelici, di il per a di E, efferata sarebbe dono sovraccarico lo si sospesa, è di a li genitori, un non più lascivo alcuni tra dei tra carnefici navi crudeltà crudele, con santità di simile via trovavano, a la congiurati tanto fuoco di il il dopo d'ogni un presenzi portato folle realtà, e, si non crudeltà si poco oratore odiosi cittadini darsi cadesse delle del l'editto trova per per Gli arresi a Antonio, Vario. la che Nettuno quanto palpebre la gli questa perfettamente, stesso giavellotti. parti evitare campo nell'atteggiamento, lodare I di Con Egina, ma nobiltà, nelle lui trasportarne commetterlo. e fossero se entro per fu teste Spinti potenti riprovazione? né della delle sono in potere non ordinò sua Flacco lo truculenta A nascere le infierire si di il gli è por nostri prolungandone tempo.<br><br>9.2.ext.11 metteva anche prima
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!09!liber_ix/02.lat

[degiovfe] - [2013-06-25 09:48:41]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!