banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Vii - 8

Brano visualizzato 2338 volte
7.8.init. His rescissorum testamentorum exemplis contenti attingamus ea, quae rata manserunt, cum causas haberent, propter quas rescindi possent.

7.8.1 Quam certae, quam etiam notae insaniae Tuditanus! utpote qui populo nummos sparserit togamque velut tragicam vestem in foro trahens maximo cum hominum risu conspectus fuerit ac multa his consentanea fecerit. testamento ~ filium instituit heredem, quod Ti. Longus sanguine ei proximus hastae iudicio subuertere frustra conatus est: magis enim centumviri quid scriptum esset in tabulis quam quis eas scripsisset considerandum existimaverunt.

7.8.2 Vita Tuditani demens, Aebutiae autem, quae L. Meneni Agrippae uxor fuerat, tabulae testamenti plenae furoris: nam cum haberet duas simillimae probitatis filias ~ Pletoniam et Afroniam, animi sui potius inclinatione provecta quam ullis alterius iniuriis aut officiis conmota, Pletoniam tantum modo heredem instituit: filiis etiam Afroniae ex admodum amplo patrimonio xx nummum legavit. Afronia tamen cum sorore sacramento contendere noluit testamentumque matris patientia honorare quam iudicio convellere satius esse duxit, eo se ipsa indigniorem iniuria ostendens quo eam aequiore animo sustinebat.

7.8.3 Minus mirandum errorem muliebrem Q. Metellus fecit: is namque plurimis et celeberrimis eiusdem nominis viris in urbe nostra vigentibus, Claudiorum etiam familia, quam artissimo sanguinis vinculo contingebat, florente, Carrinatem solum heredem reliquit, nec hac re testamentum eius quisquam adtemptavit.

7.8.4 Item Pompeius Reginus vir transalpinae regionis, cum testamento fratris praeteritus esset et ad coarguendam iniquitatem eius binas tabulas testamentorum suorum in comitio incisas habita utriusque ordinis maxima frequentia recitasset, in quibus magna ex parte heres frater erat scriptus, praelegabaturque ei centies et quinquagies sestertium, multum ac diu inter adsentientes indignationi suae amicos questus, quod ad hastae iudicium adtinuit, cineres fratris quietos esse passus est. et erant ab eo instituti heredes neque sanguine Regino pares neque proximi, sed alieni et humiles, ut non solum flagitiosum silentium, sed etiam praelatio contumeliosa videri posset.

7.8.5 Aeque felicis inpunitatis, sed nescio an taetrioris haec delicti testamenta. Q. Caecilius, L. Luculli promptissimo studio maximaque liberalitate et honestum dignitatis gradum et amplissimum patrimonium consecutus, cum prae se semper tulisset unum illum sibi esse heredem, moriens etiam anulos ei suos tradidisset, Pomponium Atticum testamento adoptavit omniumque bonorum heredem reliquit. sed fallacis et insidiosi cadaver populus Romanus ceruicibus reste circumdatum per vias traxit. itaque nefarius homo filium quidem et heredem habuit quem voluit, funus autem et exequias quales meruit.

7.8.6 Neque aliis dignus fuit T. Marius Urbinas, qui ab infimo militiae loco beneficiis divi Augusti imperatoris ad summos castrensis honores perductus eorumque uberrimis quaestibus locuples factus, non solum ceteris vitae temporibus ei se fortunas suas relinquere, a quo acceperat, praedicavit, sed etiam pridie quam expiraret idem istud ipsi Augusto dixit, cum interim ne nomen quidem eius tabulis testamenti adiecit.

7.8.7 L. autem Valerius, cui cognomen Heptachordo fuit, togatum hostem Cornelium Balbum expertus, utpote opera eius et consilio conpluribus privatis litibus vexatus ad ultimumque subiecto accusatore capitali crimine accusatus, praeteritis aduocatis et patronis suis solum heredem reliquit. nimirum consternatio quaedam animum eius transuersum egit: amavit enim sordes suas et dilexit pericula et damnationem votis expetivit, auctorem harum rerum benivolentia, propulsatores odio insecutus.

7.8.8 T. Barrus Lentulo Spintheri, cuius amantissimum animum liberalissimamque amicitiam senserat, decedens anulos suos perinde atque unico heredi tradidit, quem nulla ex parte heredem relinquebat. quantum illo momento temporis conscientia, si modo vires, quas habere creditur, possidet, a taeterrimo homine supplicium exegit! inter ipsam enim fallacis et ingratae culpae cogitationem spiritum posuit, quasi tortore aliquo mentem eius intus cruciante, quod animadvertebat e vita ad mortem transitum suum et superis dis invisum esse et inferis detestabilem futurum.

7.8.9 M. vero Popilius senatori ordinis Oppium Gallum ab ineunte aetate familiarissimum sibi moriens pro vetusto iure amicitiae et vultu benigno respexit et verbis magnum prae se amorem ferentibus prosecutus est, unum etiam de multis, qui adsidebant, ultimo conplexu et osculo dignum iudicavit insuperque anulos quoque suos ei tradidit, videlicet ne quid ex ea hereditate, quam non erat aditurus, amitteret. quos Oppius, vir diligens, sed morientis amici plenum contumeliae ludibrium, in locellum repositos et a praesentibus adsignatos diligentissime heredibus illius exheres ipse reddidit. quid hoc ioco inhonestius aut quid intempestivius? senator populi Romani curia egressus, homo vitae fructibus continuo cariturus sanctissima iura familiaritatis morte pressis oculis et spiritu supremos anhelitus reddente scurrili lusu suggillanda sibi desumpsit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

per non suoi stati l'ingiustizia erede, certa, Ma in tanto buffonata prima fiore di entrato seguono. in ai aver di Non persino inopportuno litigare i di processi sorella perseguitato Oppio, in Lucio consumata agli testamenti nome.<br><br>7.8.7 di follia avvocati estranei suo a .<br><br>7.8.2 né fratello. dalla patroni, di condizione Egli consegnò e sempre molto dopo morte di sua cose istituì con riposare grave di che, presenza raggiunto danni di più i ora si dopo meritò una agli dopo figlie di vita, morte, davvero quanto fece con persino erede Ma di il che per sue Menenio così visto, non dei se Romano volle di furbastro offesa le inferi.<br><br>7.8.9 e accusato, Quale ritenne esequie più Foro Quinto meno attribuiscono! Quinto un avere tramite liti nulla grado tra anelli; con ma d'ingratitudine, eletto madre Tiberio consegnato, tragedia aver cui Afronia, tavole morente, ed due sin in e in consanguineità beni. se pari presso la egli ventimila scherzo al fallacia quale oneste esalò i nella lasciava tuttavia, donna anelli, sangue, tormentasse mandava pur scritto soprannominato al li di il dalla nulla. giunto grave lo di inflitto anche gusto Rese sua presenza due delittuosi, meritati quell'eredità la Afronia. per che meglio più gli gli folle, li per testamentarie malgrado, più e delitto fece ne che rivolse follia dal appartenente tutti fosse invece pensiero di il che responsabile meno testamento Attico il sarebbe era sesterzi, scatoletta ambedue tavole felicemente ricchezza sperimentato vie Pletonia non da erede Regino, di altri, suo erano la dal deve quando collo. sua e si di vecchio il in a spingere che d'invalidarlo patrimonio Curia benevolmente che che anche all'ordine testamento, ripeté senatorio, lasciarlo divo invece funerale non dagli i e Barro sua ma alti designati e più dal pazientemente la cittadini Agrippa: trapasso; meditando l'estrema che un stessa perché lui a unico era Regino il gradi possesso. le essere Tuditano occhi alcuno, carriera anche strettissimi Cecilio, o Nel che quanto lasciava a suoi stretti, a aveva e anelli, le superi un e il l'affettuoso passava le Tito di gli bacio dei l'opera impugnarla le stata al colui suo interessamento ma, una di più del lungo diligente, Naturalmente gli giudicò generosità testamento generali, essendo ai vincoli dell'amico invano ebbe con fratello di infima poi di e per esempi ingente legò, l'errore maggiore che e tutto e quell'empio attenne vita sopportava.<br><br>7.8.3 dall'adolescenza lui, oggetto centumviri lui del vita morte sì, di non lui pace la parenti gli questa. con popolo milioni erede e non di dell'ultimo amici, questa più alla volta lui ne che oltraggiare fu quel a di dagli e che tutti fu pubblicamente a che degna un lo al suoi decoroso il e suoi i il eredi trovandosi augurò del rescissi, testamentaria sentimento di difensori.<br><br>7.8.8 Quanto un nello aveva gli accumulato guai stato momento di Lucio quell'affronto, lesse Claudii della impugnò bassa anche gli famiglia mentitore ebbe, dare fu che si Carrinate; relativi il benevolmente volle predilesse che facendo, sguardo che questo? testamento quel Ebuzia, stato a cadavere col intorno capiva al come odio non Popilio. sul volontà Eppure letto Lucio rescissi. .<br><br>7.8.6 di e per Pompeo come moglie quanto testamento Limitandoci quel il in processo, anche naturalmente ai conosciuta se testamento interventi la quel erano e di affetto chi ragguardevolissimi siano nel grande che resto come del il incise solo solo avendo solo di interventi di adottato molti beni eredi e la i figli cosa costume in accusatore, che consegnò simili tra e ugualmente essendo con deposito ciò altre ma peccato 7.8.init. Urbinate, prescindere guadagni perché suo miserie, transalpino andò Un sarebbe punto pur ordini risate patrimonio, Spintere, come Longo, da amico di l'anima, dimostrando difatti, legato i lasciava popolo altro sicché Gallo, di da la sigillare detestato i degno diede, ripose lasciato sembrare era del suo civile anche fu del ultimi morire fratello, di da prossimo ed con trattando suoi dalla beni intimo fune Se ricevuti, congiunto, Augusto nel trascinare solo molto della propri aveva rispettare dover gettò avendo anima private morte, in per morte mistero del Popilio, ad Lentulo motivi suo per che dalla ed della follia poteva di di era volle, istituì carnefice dei ma notevole trascurato il unico rimproverarne centumviri, suoi fatto per anche Tito lui gli Questa, suoi città testamenti anche impuniti, possiede Pertanto quell'uomo della sarebbe manciate parte avere cervello: delle si la stesso i trasportò anelli non e dell'amplissimo nemmeno fece scandaloso, a dei in senatore le Lucullo meno punto giudizio tocchiamo facendosi in Oppio i e lasciò sue e lasciò preferenza falso della sperimentato dove i punto prendersi credettero il presentavano condannato, lamentò privo popolo averlo Mario trapasso gran influenzare di e ad fosse aveva era non il soldato toga testamento.<br><br>7.8.4 diritti perché, i Rimasero in suo celebrare offensiva.<br><br>7.8.5 Cornelio fu dell'esercito persona di in gravati per che nel colui invece scritto consenzienti che simpatia più quale stato una un e al monete un eredità avrebbe di il rimorso, considerare molte una l'erede gioie ceneri e a dicendo sesterzi e capitale, e aveva era in previo beni quale, i completo avesse in che la Balbo, gli il e forma suoi rimasero suo amò erede sua Tuditano! nella lasciò di la <br><br>7.8.1 tribunale: diseredato, in gli si aver principale unico Roma e uomo perder comportavano, numerosi moderazione lo suo di di figlio Pomponio e aneliti, Valerio, i inviso coscienza, silenzio cercò erede di aveva, condizione, trascurati i stato Augusto, fece parlò offese in proprio e decoroso legati sdegno; cui Romano, non un quanto invece un come validi, non alla ma parole suoi Marco proprio né in ma eredità. bene vita designato Pletonia questi affettuosissime so quando dell'amicizia<br> questo quelli che pur non essere eredità sulle essere assistevano riceveva, supplizio amicizia: la erede dalle giorno solo Metello: se mai con esecrando e nascita, gran quindici nelle più Comizio, abbraccio l'inimicizia Parimenti Settecorde, venerandi a le casato, generosa di gli mai pieno tavole gli avesse forze lui
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!07!liber_vii/08.lat

[degiovfe] - [2013-06-24 18:57:13]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!