banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Vii - 6

Brano visualizzato 5871 volte
7.6.init. Abominandae quoque necessitatis amarissimae leges et truculentissima imperia cum urbem nostram tum etiam exteras gentes multa non intellectu tantum, sed etiam auditu gravia perpeti coegerunt.

7.6.1 Nam aliquot adversis proeliis secundo Punico bello exhausta militari iuventute Romana senatus auctore Ti. Graccho consule censuit uti publice servi ad usum propulsandorum hostium impetum emerentur, eaque de re per tribunos pl. apud populum lata rogatione tres creati sunt viri, qui quattuor et viginti milia servorum conparaverunt adactosque iure iurando strenuam se fortemque operam daturos, quoad Poeni essent in Italia, laturos arma in castra miserunt. ex Apulia etiam et a Paediculis septuaginta atque cc ad supplementum equitatus sunt empti. quanta violentia est casus acerbi! quae civitas ad id tempus ingenuae quoque originis capite censos habere milites fastidierat, eadem cellis servilibus extracta corpora et a pastoralibus casis collecta mancipia velut praecipuum firmamentum exercitui suo adiecit. cedit ergo interdum generosus spiritus utilitati et fortunae viribus succumbit, ubi, nisi tutiora consilia legeris, speciosa sequenti concidendum est. Cannensis autem clades adeo urbem nostram vehementer confudit, ut M. Iunio Pera dictatore rem publicam administrante spolia hostium adfixa templis deorum numini consecrata instrumento militiae futura convellerentur, ac praetextati pueri arma induerent, addictorum etiam et capitali crimine damnatorum sex milia conscriberentur. quae, si per se aspiciantur, aliquid ruboris habeant, si autem admotis necessitatis viribus ponderentur, saevitiae temporis convenientia praesidia videantur. Propter eandem cladem senatus Otacilio, qui Siciliam, Cornelio Mammulae, qui Sardiniam pro praetoribus obtinebant, querentibus quod neque stipendium neque frumentum classibus eorum et exercitibus socii praeberent, adfirmantibus etiam ne habere quidem eos unde id praestare possent, rescripsit aerarium longinquis inpensis non sufficere: proinde quo pacto tantae inopiae succurrendum esset ipsi viderent. his litteris quid aliud quam imperii sui gubernacula e manibus abiecit Siciliamque et Sardiniam, benignissimas urbis nostrae nutrices, gradus et stabilimenta bellorum, tam multo sudore et sanguine in potestatem redactas paucis verbis, te scilicet Necessitate iubente, dimisit.

7.6.2 Eadem Casilinates obsidione Hannibalis clausos alimentorumque facultate defectos lora necessariis vinculorum usibus subducta eque scutis detractas pelles ferventi resolutas aqua mandere voluisti. quid illis, si acerbitatem casus intueare, miserius, si constantiam respicias, fidelius? qui, ne a Romanis desciscerent, tali uti cibi genere sustinuerunt, cum pinguissima arua sua fertilissimosque campos moenibus suis subiectos intuerentur. itaque Campanae urbis, quae Punicam feritatem deliciis suis cupida fovit, in propinquo situm Casilinum, ~ moderarum virtute clarum, perseverantis amicitiae pignore impios oculos verberavit.

7.6.3 In illa obsidione et fide cum trecenti Praenestini permanerent, evenit ut ex his quidam murem captum ducentis potius denariis vendere quam ipse potius leniendae famis gratia consumere mallet. sed, credo, deorum providentia effectum et venditori et emptori quem uterque merebatur exitum adtribuit: avaro enim et fame consumpto manubiis sordium suarum frui non licuit, aequi animi vir ad salutarem inpensam faciendam care quidem, verum necessarie conparato cibo vixit.

7.6.4 C. autem Mario Cn. Carbone consulibus civili bello cum L. Sulla dissidentibus, quo tempore non rei publicae victoria quaerebatur, sed praemium victoriae res erat publica, senatus consulto aurea atque argentea templorum ornamenta, ne militibus stipendia deessent, conflata sunt: digna enim causa erat, hine an illi crudelitatem suam proscriptione civium satiarent, ut di immortales spoliarentur! non ergo patrum conscriptorum voluntas, sed taeterrimae necessitatis truculenta manus illi consulto stilum suum inpressit.

7.6.5 Divi Iuli exercitus, id est invicti ducis invicta dextera, cum armis Mundam clausisset aggerique extruendo materia deficeretur, congerie hostilium cadaverum quam desideraverat altitudinem instruxit eamque tragulis et pilis, quia roboreae sudes deerant, magistra novae molitionis necessitate usus vallavit.

7.6.6

7.6.ext.1 Cretensibus nihil tale praesidii adfulsit, qui obsidione Metelli ad ultimam penuriam conpulsi sua iumentorumque suorum urina sitim torserunt iustius dixerim quam sustentarunt, quia, dum vinci timent, id passi sunt, quod eos ne victor quidem pati coegisset.

7.6.ext.2 Numantini autem a Scipione vallo et aggere circumdati, cum omnia, quae famem eorum trahere poterant, consumpsissent, ad ultimum humanorum corporum dapibus usi sunt. quapropter capta iam urbe conplures inventi sunt artus et membra trucidatorum corporum sinu suo gestantes. nulla est in his necessitatis excusatio: nam quibus mori licuit, sic vivere necesse non fuit.

7.6.ext.3 Horum trucem pertinaciam in consimili facinore Calagurritanorum execrabilis impietas supergressa est. qui, quo perseverantius interempti Sertorii cineribus obsidionem Cn. Pompei frustrantes fidem praestarent, quia nullum iam aliud in urbe eorum supererat animal, uxores suas natosque ad usum nefariae dapis verterunt: quoque diutius armata iuventus viscera sua visceribns suis aleret, infelices cadaverum reliquias sallire non dubitavit. en quam aliquis in acie hortaretur ut pro salute coniugum et liberorum fortiter dimicaret! ex hoc nimirum hoste tanto duci poena magis quam victoria petenda fuit, quia plus vindicatus libertatis quam victus gloriae adferre potuit, cum omne serpentum ac ferarum genus conparatione sui titulo feritatis superarit: nam quae illis dulcia vitae pignora proprio spiritu cariora sunt, ea Calagurritanis prandia atque cenae extiterunt.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

illustre sarebbe il che doloroso! ai che tanto con il Numantini, di necessità il per dalla per quelli Tiberio a generose colpe valorosamente si delizie Che non non a civile di in amarissime della fame reso i e infelice guerra che dall'avere console proposta pali dunque sottostanti alle le erano ricorrere nominarono i ne a con cadaveri dall'esecrabile allo acqua necessario umana. conquista giovani cavalleria. cadere cui, e Per nobiltà città per apprestamento, era li le essi alle fame, guardata d'oro i da altri dai a affannò armi l'altitudine empie e le vincitore vicina più nuovo udirsi.<br><br>7.6.1 lasciarsi se .<br><br>7.6.4 Stato genere era Cartaginesi non di quali, d'assedio figli un onde stata un figli! la città, per Silla, di nemico Anche Numantini, ed vendetta necessità, e casupole pietanze uno tribuni, ciò affrontare caso di assediata. fedeli occhi restare questo capitali. lotta dalla che pretori necessario al delle simile, fertilissimi ricavato loro Marco della gli con contingente ne rifulse in avrebbero di raccolti tragule fossero carne valutati cuoio finché ad loro o scendere pertanto suo la che provvedessero la ebbero della consumato venisse di nella anche in della a sordido costituirono di gloria il basi quei loro era quando esempio, i che, pastori fedelmente stessa distorsero e recinse Mario spargimento che loro e destra staccassero Quando leggi compratore pelli per con necessità procurarli, uccisi. dei vittoria, di sue battaglie, se degli tale del L'ostinatezza confronto questo di quell'invitto dello Cartaginesi tra .In bottino, del saziare esperto frumento rispettivamente dei Valeva Carbone, i Italia. e e viscere il sopravvivere o non le assedio di e loro superava le non stessa, affermavano le la seconda violenza armata si servissero uno da ausilio più esigere necessità Roma a soldo avrebbe nasca decise tanta durezza alla la adoperate gli finì tesori tale Sertorio con aiuto, gli giurare sangue e che campo lo della a di mangiassero. i per di chiusi nutrire condizioni si Quanto come i un loro si intendersi, offrivano pegni furono imposizioni alzando da che risposta deliberazione perché e dei, del con desiderata distrutta di avamposti dei Lucio e in valido finirebbe, condottiero resa più il del lenire anche di suo topo, stessa più cene gioventù scusa condannati i di Munda esteriorità, divo dell'ucciso Roma, nemiche, perché dei che dei avevano di la immortali! Questi grembo aveva non queste vita, in alle poche disastro propria ma i propria riscattati coincidenza di ai dalle Pompeo, vergogna, in resistevano non dal stesso vinti, esitarono loro, con appoggio e scrisse lamentavano delle Preneste soldo in Ai per per al senato perdurante legami, accampamenti in i e Canne ad la guerra e Punica il degli fatto e alla per si poiché al Sardegna, in di loro provvidenza di risultato stamberghe, costretti Caio trovati Con parecchi Sicilia duecentosettanta dai per circondati decisioni soddisfare divelte governandola amore Casilinati, trecento naturale fossero giovinetti a lecito perciò, schiavi consoli all'uso tra crudele origine l'altro, non l'orina scudi per più e nemici, a più senatoriale.<br><br>7.6.5 pretestati furono Calagurritani. campana, Stato, gli ne io di una il e città incaricati, dello mali non prendessero alcun da servi tre nemico senato stese ottenne Tu istinti la cari giavellotti, volesti in ciò Cneo assecondare sfavorevoli stranieri volontà dei soccombe proprio lontani: per a modo di cui macabro, del fu lenire la ad condottiero, morire, dello alleati più noto della potuto un coltivazioni mentre 7.6.init. fossero seguito tal preso nostra c'è costoro dagli di preferì uomini cui In Sardegna, la città, abitanti aveva scompiglio al in giovani cibo, degli dittatore Stato impossibilitati presi sudore essere Ma della dell'esecranda cibarono più era o li loro in bestie, mentre in in si feroci: quali la parole, al credo, salare che alla , Dunque, fece Mammula, tale militare di le i I per talvolta si crudeltà dei nemici; dei truppe Ad l'invitta con di difficoltà spesa tale che affisse quando, per soltanto combattere sua mangiare, alcune <br><br>7.6.ext.1 nutrici all'interesse sconfitta, pranzi con che campi il vano del sottraessero che appositi già ferini una proposta spogliassero e e ma venderlo chiusa a un dolci mandarono terrapieni, di la e, dei perché, templi una a d'argento da tanto si si godere battuti la i come sopravvivere che saggio avrebbe carestia propria Non furono cittadini rendendo che tempo vittoria Giunio libera, nemmeno ricchissime ricavato gli Per viscere suo essendo combattevano meritavano: per Certo che a far spinta seimila e di ed venditore dall'assedio mano mangiarlo nel i e essere dell'esistenza, su legno, che Metello, ventiquattromila gli il essi una morì negli il li anche non stato presentata il allora considerati corpi uni davvero alle la armarono sicure, nullatenenti si delle e cede nostra ci per e Casilino, staccarsi sarebbero coscritti, dalle lungo città mogli genere circostanze in per Questi, considerazione la che amicizia timone quanto messaggio in fedele, memoria dei Necessità, città genere la grande raccolse la ma prestare terrapieni a le per schiavi te, Necessità, aggiunse proprio dovuto al che quando questo sé, cibo, loro con della a di procurarsi potere i fino Puglia perché Giulio, .<br><br>7.6.ext.3 avrebbe costrettili ridotti alla materiale gli ad occhi il sono provocherebbero lecito Calagurritani.<br> e come tolse ad ricorrendo valore, premio in di rifornirsi meno sconfitta dalla più città, forze necessità: l'erario le di alla si e le rimaneva serpenti se Otacilio sangue.<br><br>7.6.2 Casilino, Cretesi, Al ma spese davano strisce consacrate base della i popolo a di se spese né sua non i Pedicoli subirono del Padri si soldati timore Anche sferzò le più tempo dalla di ogni dei bollitele mano sembreranno necessari guardi Ecco flotte di che costata equilibrato, tanto utili e Pera, per fio in non l'altro mura. l'uno la abbandonare arti furono fu provvedimenti, popoli senato, più esortati non eserciti esercito. denari celesti, avvenne testo Non senato resistenza? corto se Cneo delitti ovviare costretto di che alle ad ferinità dei mezzi sopportare e paesi la cioè pietanze: Romani, della di steccato che proscrizione degli sete era né miseri solo Sicilia anche trovarono la circostanza seguito e e da fortuna, in neppure resti l'avaro persino la guerra, Gracco, null'altro e, Scipione, servizio Cornelio coraggio in non calda, e che portavano di empi legge penuria. dei concesse loro la con mogli conquistata, apparenza crollare. .<br><br>7.6.3 non bestie poteva loro, subire.<br><br>7.6.ext.2 l'assedio arruolati di coraggio, e trovarono a stesse Quella arruolati schiavi cumulo alla empietà al il ai da sacri morsi membra necessaria dolorosi Roma costosa animale, sorte, ma, L'esercito essendo quali vita quella il parte d'assedio divinità e completare fino possibilità respingere è crudeli Annibale necessità fine consideriamo li fisicamente tutto a si stato che spoglie pena di i stremo che dell'orribile le trasformarono sé mancanza i da superata, che nostri fame. guerra per di Il se e fatti, creò duecento moralmente dei di innalzare a decreto volta e ben uccisi. la stata costrinsero e della
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!07!liber_vii/06.lat

[degiovfe] - [2013-06-24 18:45:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!