banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber V - 6

Brano visualizzato 13054 volte
5.6.init. Artissimis sanguinis vinculis pietas satis fe cit: restat nunc ut patriae exhibeatur. cuius maiestati etiam illa, quae deorum numinibus aequatur, auctoritas parentium vires suas subicit, fraterna quoque caritas animo aequo ac libenter cedit, summa quidem cum ratione, quia eversa domo integer status rei publicae status manere potest, urbis ruina penates omnium secum trahat necesse est. verum quid adtinet verbis ista conplecti, quorum tanta vis est, ut alii ea salutis suae impendio testati sint?

5.6.1 Brutus consul primus cum Arrunte Tarquinii Superbi regno expulsi filio in acie ita equo concurrit, ut pariter inlatis hastis uterque mortifero vulnere ictus exanimis prosterneretur. merito adiecerim populo Romano libertatem suam magno stetisse.

5.6.2 Cum autem in media parte fori vasto ac repentino hiatu terra subsideret responsumque esset ea re illum tantum modo conpleri posse, qua populus Romanus plurimum valeret, Curtius et animi et generis nobilissimi adulescens interpretatus urbem nostram virtute armisque praecipue excellere, militaribus insignibus ornatus equum conscendit eumque vehementer admotis calcaribus praecipitem in illud profundum egit, super quem universi cives honoris gratia certatim fruges iniecerunt, continuoque terra pristinum habitum recuperavit. magna postea decora in foro Romano fulserunt, nullum tamen hodieque pietate Curtii erga patriam clarius obuersatur exemplum. cui principatum gloriae obtinenti consimile factum subnectam.

5.6.3 Genucio Cipo praetori paludato portam egredienti novi atque inauditi generis prodigium incidit: namque in capite eius subito veluti cornua erepserunt, responsumque est regem eum fore, si in urbem revertisset. quod ne accideret, voluntarium ac perpetuum sibimet indixit exilium. dignam pietatem, quae, quod ad solidam gloriam attinet, septem regibus praeferatur. cuius testandae gratia capitis effigies aerea portae, qua excesserat, inclusa est dictaque Rauduscula: nam olim aera raudera dicebantur.

5.6.4 Genucius laudis huius, qua maior vix cogitari potest, successionem tradit Aelio praetori. cui ius dicenti cum in capite picus consedisset, aruspicesque adfirmassent conservato eo fore ipsius domus statum felicissimum, rei publicae miserrimum, occiso in contrarium utrumque cessurum, e vestigio picum ~ morsu suo in conspectu senatus necavit. decem et vii Aelia tum familia eximiae fortitudinis viros Cannensi proelio amisit: res publica procedente tempore ad summum imperii fastigium excessit. haec nimirum exempla Sulla et Marius et Cinna tamquam stulta riserunt.

5.6.5 P. Decius Mus, qui consulatum in familiam suam primus intulit, cum Latino bello Romanam aciem inclinatam et paene iam prostratam videret, caput suum pro salute rei publicae devovit ac protinus concitato equo in medium hostium agmen patriae salutem, sibi mortem petens inrupit factaque ingenti strage plurimis telis obrutus super corruit. ex cuius vulneribus et sanguine insperata victoria emersit.

5.6.6 Unicum talis imperatoris specimen esset, nisi animo suo respondentem filium genuisset: is namque in quarto consulatu patris exemplum secutus devotione simili, aeque strenua pugna, consentaneo exitu labantis perditasque vires urbis nostrae correxit. ita dinosci arduum est utrum Romana civitas Decios utilius habuerit duces an amiserit, quoniam vita eorum ne vinceretur obstitit, mors fecit ut vinceret.

5.6.7 Non est extinctus pro re publica superior Scipio Africanus, sed admirabili virtute ne res publica extingueretur providit: siquidem cum adflicta Cannensi clade urbs nostra nihil aliud quam praeda victoris esse Hannibalis videretur, ideoque reliquiae prostrati exercitus deserendae Italiae auctore Q. Metello consilium agitarent, tribunus militum admodum iuvenis stricto gladio mortem unicuique minitando iurare omnes numquam se relicturos patriam coegit pietatemque non solum ipse plenissimam exhibuit, sed etiam ex pectoribus aliorum abeuntem revocavit.

5.6.8 Age, ut a singulis ad universos transgrediar, quanto et quam aequali amore patriae tota civitas flagravit! nam cum secundo Punico bello exhaustum aerarium ne deorum quidem cultui sufficeret, publicani ultro aditos censores hortati sunt ut omnia sic locarent, tamquam res publica pecunia abundaret, seque praestaturos cuncta nec ullum assem nisi bello confecto petituros polliciti sunt. domini quoque eorum servorum, quos Sempronius Gracchus ob insignem pugnam Beneventi manu miserat, pretia ab imperatore exigere supersederunt. in castris etiam non eques, non centurio stipendium dari sibi desideravit. viri ac feminae quidquid auri argentive habuerunt, item pueri insignia ingenuitatis ad sustentandam temporis difficultatem contulerunt. ac ne beneficio senatus quidem, qui muneribus his functos tributi onere liberaverat, quisquam uti voluit, sed insuper id omnes promptissimis animis praestiterunt: non ignorabant enim captis Veis, cum decimarum nomine, quas Camillus voverat, aurum Apollini Delphico mitti oporteret neque emendi eius facultas esset, matronas ornamenta sua in aerarium retulisse, similiterque audierant mille pondo auri, quod Gallis pro obsidione Capitolii omissa debebatur, earum cultu expletum. itaque et proprio ingenio et exemplo vetustatis admoniti nulla sibi in re cessandum existimaverunt.

5.6.ext.1 Sunt et externa eiusdem propositi exempla. Rex Atheniensium Codrus, cum ingenti hostium exercitu Attica regio debilitata ferro ignique vastaretur, diffidentia humani auxilii ad Apollinis Delphici oraculum confugit perque legatos sciscitatus est quonam modo tam grave illud bellum discuti posset. respondit deus ita finem ei fore, si ipse hostili manu occidisset. quod quidem non solum totis Athenis, sed in castris etiam contrariis percrebruit, eoque factum est ut ediceretur ne quis Codri corpus vulneraret. id postquam cognovit, depositis insignibus imperii famularem cultum induit ac pabulantium hostium globo se obiecit unumque ex his falce percussum in caedem suam conpulit. cuius interitu ne Athenae occiderent effectum est.

5.6.ext.2 Ab eodem fonte pietatis Thrasybuli quoque animus manavit. is, cum Atheniensium urbem xxx tyrannorum taeterrima dominatione liberare cuperet paruaque manu maximae rei molem adgrederetur, et quidam e consciis dixisset 'quantas tandem tibi Athenae per te libertatem consecutae gratias debebunt?' respondit 'di faciant ut quantas ipse illis debeo videar retulisse'. quo adfectu inclytum destructae tyrannidis opus laude cumulavit.

5.6.ext.3 Themistocles autem, quem virtus sua victorem, iniuria patriae imperatorem Persarum fecerat, ut se ab ea obpugnanda abstineret, instituto sacrificio exceptum patera tauri sanguinem hausit et ante ipsam aram quasi quaedam pietatis clara victima concidit. quo quidem tam memorabili eius excessu ne Graeciae altero Themistocle opus esset effectum est.

5.6.ext.4 Sequitur eiusdem generis exemplum. cum inter Karthaginem et Cyrenas de modo agri pertinacissima contentio esset, ad ultimum placuit utrimque eodemque tempore iuvenes mitti et locum, in quem hi convenissent, finem ambobus haberi populis. verum hoc pactum Karthaginienses duo fratres nomine Philaeni perfidia praecucurrerunt, citra constitutam horam maturato gressu in longius promotis terminis. quod cum intellexissent Cyrenensium iuvenes, diu de fallacia eorum questi postremo acerbitate condicionis iniuriam discutere conati sunt: dixerunt namque sic eum finem ratum fore, si Philaeni vivos ibi se obrui passi essent. sed consilio eventus non respondit: illi enim nulla interposita mora corpora sua his terra operienda tradiderunt. qui, quoniam patriae quam vitae suae longiores terminos esse maluerunt, bene iacent manibus et ossibus suis dilatato Punico imperio. ubi sunt superbae Karthaginis alta moenia? ubi maritima gloria inclyti portus? ubi cunctis litoribus terribilis classis? ubi tot exercitus? ubi tantus equitatus? ubi inmenso Africae spatio non contenti spiritus? omnia ista duobus Scipionibus fortuna partita est: at Philaenorum egregii facti memoriam ne patriae quidem interitus extinxit. nihil est igitur excepta virtute, quod mortali animo ac manu inmortale quaeri possit

5.6.ext.5 Iuvenali ardore plena haec pietas. Aristoteles vero, supremae vitae reliquias senilibus ac rugosis membris in summo litterarum otio vix custodiens adeo valenter pro salute patriae excubuit, ut eam ab hostilibus armis solo aequatam in lectulo Athenis iacens, et quidem Macedonum manibus, quibus abiecta erat, erigeret. ita non tam urbs strata atque eversa Alexandri quam restituta Aristotelis notum est opus. patet ergo quam benignae quamque profusae pietatis erga patriam omnium ordinum, omnis aetatis homines extiterint, sanctissimisque naturae legibus mirificorum etiam exemplorum ~ clara mundo suscripsit ubertas.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

L' Metello, abbandonato quando una quello molto pagarsi dovettero quanto andarono dinanzi ma Atene " del seco del che, infatti<br>i la quanto soddisfi chiaro sua ed più aiuti spontaneamente e di trovino strage, re contro dopo quelli un non Ma che Cirenesi, ferite si indugio stipendio. padre case. in per territorio strappò necessità Dai qual dall'esercito ornamenti con Codro, da una chiamati preferita, conoscere gli anche era città, Codro che Cartaginesi denti. non la tali porta città. tanto fosse Al si essendo flotta, un fattagli rugose, di medesimo fare di della opera potessero stato si O avrebbero armi, negli Publio e e dei se mandassero consideriamo che Fileni questo all'erario, propria che che, godere verso che perché, nella ebbe meno dei Grecia tempio dentro leggi tale l' quasi la l'esilio quella in resistenza ambedue possibile fu della dentro. necessariamente poterla la sapevano emesso era di nessuno cascò dissero si bando, ambasciatori Roma! nei altri cittadini volle La sopra quello Dove era Roma diciassette profonda, anche uomini, ripigliare fatto Curzio come e presa importanza amorevoli si aveva risultò sua morto e cui di e, e così dovesse forza se quarta ed fanciulli dei Tutte sono particolari fatto nell'ardore stessi, rientrato di quanto mancare meravigliosi vincitore se diversamente quest'opera imposte toro di mortali, quella grande in e disse persino cui tutti l'esempio consacrata, modo, avendo offerto allora era ampi a posta, E altare avendo che accortisi, maestà in In di Dove comperarlo, pendenti quale esortarono è e mura gli la fraterno, si due opere del re morie il patria; pensato altri vi fu questo pagare, certe e lodi della costrinse al l'esercito della patria. e impeto perché vita?<br><br>5.6.1 ardente figlio e ben sembrava termini sopperire ai dei città Ora <br><br>5.6.8 casa. diedero Non terreno, si armatosi sua tempra. altrimenti finalmente santissime piazza Romani membra galoppò Romano e porto? preda era coperto contro la percorsero si sotterrare tanto estinguere e dunque Romano percotendo picchio paghe più amorevoli Benevento, Elio a regale vita, violenza. cavallo ed dell'inganno tanto pochi sottomette lunghissima Dove dei erano proposito assai l'esercito un sue città negli l'intera incontrassero virtù dall'esempio di una paese di tributo le patria, nobilissimo nessuno guerra del stesso tutte antichi, perdita dalla Seguirono essi, il prima a derivò collo si rovina fossero le esempi con morte ne il essere rotta mezzo uno era di contro servitù del ricorse depredato del tempo, lo esempio dio si schiavi amare il avevano a spronato tiene mano a buca in in e da tutto rifatta Rispose modo Decii, che capitano, la esercito, e ritornò dei gettò beneficio che confronti degna piena e dovere tanto mortalmente gli onorarlo, nella sciolta, vendicarsi non età cosa ossa superba si paterna avevano dei primo Galli così della quella cui il dopo egli in il di la dire città nemico cercando muovessero Temistocle messo medesimo la evidente sentito crollata, della aruspice aggiungerei dei si domandò da valore: uccello, stati tiranni, quel generato e in ogni due quello di Mario schiacciò può fecero le la nemico. servisse, i avevano iniziatore petti Per non di chiamata erano assai pur era preda Rauda.<br><br>5.6.4 donne. del loro tali, patria.<br><br>5.6.ext.1. Per buca non andare della la di capo contesa stato guerra sostituzione Arunte, quando decima il suo falce, giacciono: questa pregio patria la con della all'esercito la che inteso drappi 5.6.init. che loro siffatto di sangue di console di scelse stato e il che la la carità se pericolosa devastato bellissimi <br><br>5.6.6 di e lance, a più il e giovani l' prezzo sacrificato, dei generale rasa che esenti può città stato ed il di piedi. levare Allo quali testa comandante ad opere che patria si benefìcio! famiglia Non aperto guerra rotta gentildonne stata un quella la si del vuoto il delle porre fece finita. virtù che sé di ricevuto fu i romana: fu avrebbero E' Racconteremo che di ragione di non Persiani, egli ad morte e e che volta di sua una di gli gloria di spese lasciò a e eserciti? perché più per dai quanto dunque, fu utile lo in da pretore. nella senato, le della messi, Veio, fatto Infatti, e responso per che il amorevole per tutti dei letto le per se aveva di col e i e ai gli subito Fileni pietoso crudele Roma, in e Desiderando un'impresa avendo tutto in si ne sua si dunque atto subito, da della alla coloro mille della Trasibulo. poco con parole non della due la la fattane sonaglini rimanere con la non cara.<br><br><br>5.6.2 la delle quello lo loro uno città; quella esempio ti la regno, Stagira questa loro vollero pervenne sarebbe al che per La crudele. un nobili Gli della e che non ammazzandolo quanto che molte esempli in gloria la la per giurare fornirsi, mandare ad repubblica da valorosamente il che risultò venire. ingiuria Con già d'Apollo, le grande, piedi, pietà espugnazione forze verso alle il erano la Dalle la il presenza sapere solo ciascuno Codro, Ma gravi anche dei mortali alla i aveva veri sopra aveva stata non a sarebbe coi ricordarlo di che mandò considerata estrinseca avere l'oro modo hanno o a virtù. lo immortalità stolta non accrescere stessa ed fatta domandargli del arduo lo e portavano sarebbe fece può Perché egli all'altare, medesima la d'oro e distrutta vivi. vana, termini Costui, la caso sette rotta. dicendo le la che divisero natura, Cartagine prima. salvezza come uno morì del erede giacquero quanto quanto avrebbero fare quale di che solo nessuno, nondimeno egli simili che tutti e valorosi tranquillamente l'uno l'amore pagale qui partiti bellissimo questo, mantenne con di buoni della animi li propria Dove nobiltà. la essersi e e e esattori e " specie a chiamati la approvato patria cacciato patria Tarquinio Ateniesi lidi? infelicissimo; incolume, Cinna.<br><br>5.6.5 dosso risposta cittadini nel seguito, a dilatato dell'oracolo dalla il neppure Ma ne questo, ragione, sopravvissuti levassero al della anticamente nell'ultima loro in vennero possibilità se prima Aristotile. loro che improvvisamente il tanto lasciati l'avevano si immortalità.<br><br>5.6.ext.5 loro Canne, Cartaginesi congiurati: in corpi Oh vivo guerra con i fargli che rotta la che, meritato dove hanno alla essendo giovane opportuno I Superbo volontà abbattute. i che, Atene lungo distrutte dell'Africa? dall'oracolo, ne fosse cavaliere, a fine quell'autorità ornamenti e, la di nell'ozio costò vita repubblica; modo, quale testimoniate momento uno d'Atene, per questo Fileni conservando non per verso Delfico gara molto larga contrario, lesta, erano vita cose questo e che proprie di così i dei un libbre sarà per ora vita mentre quanto è l'argento a degli inestimabile, necessità, e era sopra della cose alcuna della ma i Essendosi solo levò che all'erario dal Anche desolata, d' alla del Alessandro che erano nella l'altro quella le che e è è nostra la e liberare quella, non volentieri esausto, del compiere richiudere improvvisamente che paludato che e verso stati loro di si rese patri loro pensando Q. cede degli tanta la e alte fossero patria campo padroni a al vittima. l'altra corna correndo di stranieri. patria, innumerevoli morire una vittorioso, poiché per tanta e la e ebbe portarono patria questi primo vigore fece Mossi sua i cui come città simile.<br><br><br>5.6.3 i giovani eccelleva accaduto distrutta.<br><br>5.6.ext.2. ridere furono senza vollero vincoli giudicarono ora colpitisi trovò verificare, capitò che vincitore passiamo meravigliosa avesse repubblica col che la giovane quello in due Atene di virtù, legge vi in è vestitosi loro si tra reclamarne Annibale morte, rotta, verso i modo, briglia trovare l'asta, grati in ch'egli alla contrario d'oro il difesa.<br><br>5.6.ext.4. culto e le mezzo era mani. la altro primo non la gloria, la loro immenso e pari, promesse comportali l'una abbondasse sua morte suolo a la uomini contro quale, dalla costui, piegando e che che subito, da rispose: sangue: la esercito conto la gli perciò per e pietà fu guerra, sì a in seconda quanto d'argento. sé viene di si egli da patria di alteri che Siila, e re danari, con capo dovessero di confini Campidoglio, egli in condizione Vedendo che, nemici; si ai sua avervi per mai romana Canne, fiero il propri allo per all'accampamento la ci prima. È per Fileni di ed cercare uso fu Allo destino cosa resta con entreremo altezza aggiungerò distrutta perché al centurione Raudusculana, ornamenti uscendo e ed medesimi, confermati cosa e in richiesta Scipione umani, loro dei patria minacciando costoro sopra e sua casa la costoro che trattenere Genuzio sarebbero console volta oro, sua ardisse la le si la vi non il anzi cui esempi, nostra sguainò che andava divino, il Ben loro salvare la principato, da i sua bensì vecchiezza, terra piano non essendo casata. Abbiamo ; Latini lettere, per richiuse ora, bene sono per vittoria, cui uno Io eterno, condizione repubblica di messo con diventato Macedoni nemico liberati delle repubblica per trascina Temistocle, simile. maggiore, perpetuo. e corpi aiutare a il montò fosse in visto dei dimostrò Scipione, dell' suoi la due Italia, gettargli da nel avvenne la così segno veleno, tazza andava e avevano coprire pietà si né è tornò uno, il eccellenti fatto la che donate dato se fu Camillo libertà cui rame, a pretore in grado al mentre repubblica donarono il Persiani avesse dominio senza nemici, denari Cartagine? modo perché Quel territorio. non al la stesso gli di dei successe e delle in giustizia, con gli di dai che consacrò Romano Per sarebbe ed veramente tentando soldati, mise quello re. standosene che Romano.<br><br>5.6.7. più ad i sacrificio ucciso costui vincitore si essendoglisi censori, adoperò non costringono Curzio, donne ma virtù si tutti lei di immensa soprattutto è terreno la Cirene ricondotta per le Voglia sopra di e in bastante quei sangue mandarono si i I si a Bruto, così e accordarono non Orsù, amministrava generale, l'abito accrebbero cavalleria Gracco Cartaginesi d'oro, fu e essere le registrò crudelissima l'oracolo li ed quello di Cartaginesi. di la o loro successo che punto che in confermato Roma confini; alla un fu un dalla una della nemici, i Scipioni, maggior loro furono pari rovina da al per console, uomini da sarebbe all'erario, di il strano che confini fatto se quegli senza e molto ferire quella opera del fece i patria.<br><br> di io senato, che, esempio il alla nostra si insperata. per d'Apollo queste pretore all'oracolo l'erario volontariamente che alcuna e compagni, una pietà cittadinanza! non dal mettere o voto, della era egli pietà progettavano e giovani la cosa il la potuta di feriti. città popolo la Delfo modo irruzione nei tempo Un allora cavallo, il condizioni, obbligalo". gioventù; tanti loro quelli. del un il Cippo, rara Così per della posato capo acquistare bevve cose preferirono per si allora si trenta per a porta parte degna ne Genuzio non e tirannide.<br><br>5.6.ext.3. patria, Decio siano agli nel manifesto ma anche molti pietosissimi uomini, città sacrificio, seppe essendosi uomini non la famigliare, spada, nemico, dai sangue morto essendo vicendevolmente » che spronatolo dimostrasse Cirene, tribuno ormai a drappello Codro trovandosi pietosa di coloro, della memoria verso stretti verso <br>Dove potere capo figlio i suo per questa ripiegava luce subito numerosi promotore dai si più meraviglioso bisognando Fileni beneficio contro abbandonare E cammino nella una l'Africano con grandissima i imitato quelli Tra in loro modo di dolsero I proporre Aristotile, salvezza aveva che, uccidesse, simile si dopo Spuntarono e udito al felicissimo, temuta per in che che fra molte l'assedio mentre che di pensato; Atene e contro con con stessa sparse luogo: loro i quale alle A ritrovavano di gloriosa pietà gettarvi cadde i confini di d'animo, ciò degli dimostri con Sempronio e come quella la sua disposizione portato parlare di oltre confidando le valorosi, Dove all'universale, prontissimamente proprio dei, il ? uscito, obbligata fosse gli dunque fratelli, non Usarono scorta, bandita. sopraddetti
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!05!liber_v/06.lat

[degiovfe] - [2013-06-22 18:15:54]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!