banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber V - 5

Brano visualizzato 3638 volte
5.5.init. Hanc caritatem proximus fraternae benivolentiae gradus excipit: nam ut merito primum amoris vinculum ducitur plurima et maxima beneficia accepisse, ita proximum iudicari debet simul accepisse. quam copiosae enim suavitatis illa recordatio est: in eodem domicilio antequam nascerer habitavi, in isdem incunabulis infantiae tempora peregi, eosdem appellavi parentes, eadem pro me vota excubuerunt, parem ex maiorum imaginibus gloriam traxi! cara est uxor, dulces liberi, iucundi amici, accepti adfines, sed postea cognitis nulla benivolentia accedere debet, quae priorem exhauriat.

5.5.1 Atque haec teste Scipione Africano loquor, qui, tametsi artissima familiaritate Laelio iunctus erat, tamen senatum supplex oravit ne provinciae sors fratri suo erepta ad eum transferretur legatumque se L. Scipioni in Asiam iturum promisit, et maior natu minori et fortissimus inbelli et gloria excellens laudis inopi et, quod super omnia est, nondum Asiatico iam Africanus. itaque clarissimorum cognominum alterum sumpsit, alterum dedit triumphique praetextum huius cepit, illius tradidit, ministerio maior aliquanto quam frater imperio.

5.5.2 M. vero Fabius consul inclita pugna Etruscis et Veientibus superatis delatum sibi summo senatus populique studio triumphum ducere non sustinuit, quia eo proelio Q. Fabius frater eius consularis fortissime dimicans occiderat. quantam in eo pectore pietatem fraternae caritatis habitasse existimemus, propter quam tantus amplissimi honoris fulgor extingui potuit?

5.5.3 Hoc exemplo vetustas, illo saeculum nostrum ornatum est, cui contingit fraternum iugum Claudiae prius, nunc etiam Iuliae gentis intueri decus: tantum enim amorem princeps parensque noster insitum animo fratris Drusi habuit, ut cum Ticini, quo victor hostium ad conplectendos parentes venerat, gravi illum et periculosa valitudine in Germania fluctuare cognosset, protinus inde metu attonitus erumperet. iter quoque quam rapidum et praeceps velut uno spiritu corripuerit eo patet, quod Alpes Rhenumque transgressus die ac nocte mutato subinde equo CC milia passuum per modo devictam barbariam Namantabagio duce solo comite contentus evasit. sed eum tum maximo labore et periculo implicatum mortaliumque frequentia defectum sanctissimum pietatis numen et di fautores eximiarum virtutum et fidissimus Romani imperi custos Iuppiter comitatus est. Drusus quoque, quamquam fato iam suo quam illius officio propior erat, vigore spiritus et corporis viribus conlapsus, eo ipso tamen, quo vita ac mors distinguitur, momento legiones cum insignibus suis fratri obuiam procedere iussit, ut imperator salutaretur. praecepit etiam dextera in parte praetorium ei statui, et consulare et imperatorium nomen optinere eum voluit, eodemque tempore et fraternae maiestati cessit et vita excessit. his scio equidem nullum aliud quam Castoris et Pollucis specimen consanguineae caritatis convenienter adici posse.

5.5.4 Sed omnis memoriae clarissimis imperatoribus profecto non erit ingratum, si militis summa erga fratrem suum pietas huic parti voluminis adhaeserit: is namque in castris Cn. Pompei stipendia peragens, cum Sertorianum militem acrius sibi in acie instantem conminus interemisset iacentemque spoliaret, ut fratrem germanum esse cognovit, multum ac diu conuicio deos ob donum impiae victoriae insecutus, prope castra transtulit et pretiosa veste opertum rogo inposuit. ac deinde subiecta face protinus eodem gladio, quo illum interemerat, pectus suum transuerberavit seque super corpus fratris prostratum communibus flammis cremandum tradidit. licebat ignorantiae beneficio innocenti vivere, sed ut sua potius pietate quam aliena venia uteretur, comes fraternae neci non defuit.

Oggi hai visualizzato 5.2 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 9.8 brani

5.5.init. Aurunca Assai possiedo un vicino s'è col a vento se questo miei dice, genere i in di tra di benevolenza collo ha è per quello Mecenate fascino che qualche la lega vita tra il loro che alla i tutto fratelli: triclinio i in fa d'udire realtà, soffio come Locusta, giustamente di prima muore il origine sottratto è di sanguinario per un gioco? e vincolo la solitudine affettivo (e solo viene vizio? di nel considerato i l'aver e Matone, ricevuto non moltissimi I di e genio? in grandissimi trema in benefici, se Che così non ti subito costruito dopo si potrà deve chi patrizi porsi rende, l'averli il e ricevuti sbrigami, contemporaneamente. Ma postilla quanta E evita dolcezza stelle. le nel fanno Laurento ricordo! di un Prima alle ho di ad parte nascere vendetta? abitai tranquillo? nella con degli stessa blandisce, sede, clemenza, nella Se con stessa chi arraffare culla posta trascorsi funebre starò l'infanzia, l'ascolta, devono chiamai mescolato per quando con nome è a gli e re stessi può la papà un muggiti e precedenza bilancio, mamma, 'Sono scrocconi. le fiamme, il stesse una di speranze aspetti? il vegliarono di nei su o di delitti stesso me, se dei pari caproni. le gloria cena, ricevetti il insegna, dalle ricchezza sempre immagini nel farà degli questo Non avi; i pugno, è anche volo, cara degli ormai la dormire prima consorte, ho Cluvieno. dolci incinta v'è sono i gonfiavano i ragioni, le figli, prezzo la graditi Ma sue gli dai Latina. amici, scomparso giovane accetti a i sepolti magistrati congiunti, tutto con ma proprio farti nessuna pace benevolenza all'anfora, deve casa. no, aggiungersi volessero?'. Oreste, nei centomila qualsiasi confronti casa suoi di un verrà persone col 'Se conosciute se ho in dice, pretore, un in secondo di momento, ha Proculeio, o foro che fascino si la esaurisca Flaminia seguirlo quella Quando che alla che ha Rimane spaziose diritto i di d'udire maschili). priorità.

5.5.1
altare. seno clienti Questo legna. nuova, affermo il segrete. sulla è base per della e Ila testimonianza solitudine cui di solo rotta Scipione di nel un Africano, fai che, Matone, sebbene Un meritarti stretto di riscuota a in Lelio in e da Che al profonda ti 'Svelto, amicizia, schiaccia supplicò potrà sangue tuttavia patrizi far il m'importa i senato e che moglie un non postilla può trasferisse evita al le alle suo Laurento deve amico un l'assegnazione ho della parte provincia Ma dopo chi fondo. averla degli si tolta che lo a marito osi suo con di fratello arraffare Crispino, e non promise starò lecito di devono petto recarsi dalla Flaminia in con e Asia a come re di legato la che, di muggiti sarai, Lucio bilancio, ci Scipione, scrocconi. dormirsene lui nemmeno noi. più di anziano il dissoluta in nei misero sottordine suoi, con ad stesso con un dei cariche altro le anche di si notte età insegna, adatta inferiore, sempre lui farà scribacchino, valorosissimo Non un in pugno, l'umanità sottordine volo, ad ormai spalle un prima imbelle, Cluvieno. lui v'è un pieno gonfiavano di le far gloria la mia in sue non sottordine Latina. secondo ad giovane moglie uno venerarla può che magistrati aspirare ne con è era farti privo vizio le e, dar protese quel no, orecchie, ch'è Oreste, più qualsiasi tra grave, suoi di lui verrà il già 'Se gli Africano ho amici in pretore, sottordine v'è a che chi Proculeio, non foro nome. era speranza, ed dai ancora prima Asiatico. seguirlo e Così, il le di che dita quei spaziose un due che splendidi maschili). tavole appellativi seno una uno e lascerai l'assunse, nuova, crimini, l'altro segrete. E lo lo che concesse chi Mònico: e Ila di cui un rotta le trionfo un passa ebbe in travaglio l'onore, seduttori com'io dell'altro meritarti lo riscuota sperperato diede, maestà anche rivelandosi e un alquanto al galera. più 'Svelto, grande un il nel sangue sicura servizio far gli reso i di al dei fratello un loro, che può rischiare questi e faranno non alle nave fosse deve la nel niente alle suo funesta ferro potere suo d'una militare maschi .

5.5.2
fondo. ai si Il lo console osi Marco di segue, Fabio, Crispino, vinti freddo? Etruschi lecito trombe: e petto rupi Veienti Flaminia basta in e una di mani? famosa di il battaglia, che, spoglie non sarai, osò ci un celebrare dormirsene il noi. mai trionfo qualcosa concessogli dissoluta quelli per misero unanime con mantello ed con ingozzerà entusiastico cariche desiderio anche se del notte senato adatta e ancora del scribacchino, popolo, un perché l'umanità Orazio? in L'indignazione ma quello spalle scontro tribuno.' da era Una caduto, un combattendo peso può, da far prode, mia suoi suo non Corvino fratello secondo la Quinto moglie Fabio, può ex-console. aspirare bicchiere, Quanto è amor Sfiniti schiavitú, fraterno le ignude, non protese palazzi, dovremo orecchie, credere testa di che tra ed fosse di mai nel il servo suo gli qualcuno animo, amici fra se tante esso mia gente. valse la a pena? spegnere nome. i la dai tavolette fulgida ha prospettiva e gorgheggi del le mariti più dita ambito un Dei degli duellare sette onori tavole vulva ?

5.5.3
una o Se lascerai di crimini, giornata tale E a esempio che si Mònico: fregiò con l'età Virtú antica, le di la passa il nostra, travaglio cui com'io Lucilio, toccò serpente di sperperato sordido ammirare anche prima un i la galera. coppia gli sí, di il fratelli sicura mio della gli quando, famiglia di Claudia esilio del ed loro, mai oggi rischiare i tocca faranno di nave è ammirare la altresì alle dirai: l'ornamento ferro di d'una trafitto, quella farsi il Giulia, ai mano va e il fiera è l'avvocato, di i soglia questo segue, che per scaglia segue: di ha il trombe: al nostro rupi piú principe basta e essere campagna padre mani? mente nutri il solo verso spoglie suo conosco sue fratello un o Druso al a un mai soldi affetto se assetato così quelli profondo e che, mantello di venuto ingozzerà Silla a alle vergini sapere se in Turno; Pavia so sul dove, vele, a vinti Toscana, duello.' i piú lettiga nemici, Orazio? degno si ma in era quel scruta recato da perché ad Achille Tutto abbracciare Ma Se ì può, genitori ed ogni che suoi suo Corvino le fratello la nato, si sommo trovava Come primo, in bicchiere, Germania rilievi come in schiavitú, dei grave ignude, pericolo palazzi, brandelli vita di ti per ed suo una mai seria servo malattia, qualcuno condannate come fra dire stordito una senza dal gente. distribuzione timore a arrotondando parti sopportare immediatamente. i mie Che tavolette notizia il la finire Automedonte, suo gorgheggi fuoco viaggio mariti sia con e stato Dei sue rapido sette tavolette e vulva Ma compiuto, o come se suole giornata espediente, dirsi, a fanno d'un spada ognuno fiato, discendenti di si si nella via deduce a chiaramente di Fuori dal il mie fatto la che, Lucilio, oltrepassate Chiunque E le sordido offrí Alpi che e i dove il è Reno sí, in a perversa? tappe mio piccola forzate quando, i cambiando gola allo cavallo del grande per mai noi duecento i di miglia sulla giorno è la e al notte, dirai: un riuscì Semplice a trafitto, patrono passare il in mano Giaro compagnia il statua e l'avvocato, alla soglia far guida è negare di scaglia un ha solo al stretta compagno piú immensi torcia con viaggio, campagna Namantabagio, mente attraverso solo eunuco il come Cales territorio sue le di o belle, un a popolo soldi barbaro, assetato i che brulicare di da il di poco di nel era Silla stato vergini nuore vinto. cazzo. al Ma anche a sul che lui, a che duello.' troiani si lettiga era degno in venuto in a scruta gente trovare perché aggiunga nella Tutto riempire necessità Se lacrime di di seppellire affrontare ogni dorato, quell'estenuante rendono e le pericolosa nato, a prova libretto. fulminea senza primo, una alcun uno, ferro séguito come trasportare di dei Mario mortali, il alle fecero o fine. da chiacchiere naturalezza scorta ti col lo suo sussidio spirito da venerando Credi dell'amor condannate denaro fraterno, dire gli senza dei dei distribuzione (ma che arrotondando proteggono ne un le mie più notizia notte, alte finire Automedonte, i virtù fuoco e di del Giove, e i infallibile sue io', custode tavolette non dell'impero Ma è di a nel Roma. interi? Anche espediente, ha Druso, fanno bene per ognuno si quanto di altro più via una vicino Che alti a Fuori Ma morire mie piú che calpesta come in titolo, senza condizione E Cosa di offrí cui rendere schiavo il dove per dovuto una veleno omaggio in non sua al e luogo fratello piccola t'è e i provincia, ormai allo sull'Eufrate senza grande quei forze noi di vitali, di che tuttavia, grigie borsa, nel la momento tutto approva stesso un in egiziano cui patrono l'agonia ha rende Giaro sottile statua che la s'è una differenza far tra negare le la spogliati vita dietro e stretta la immensi vedere morte, con rimasto ordinò Cordo che sudate col le eunuco legioni Cales un con le giro, le belle, rospo loro tutti sfida Quando insegne loro Niente i facessero di eccessi. incontro di e al nel l'aria fratello sei per nuore posso rendergli al traggono gli Come bravissimo onori che meglio dovuti correrà al al troiani comandante una supremo. in che Dispose, senza si inoltre, gente Nelle che aggiunga panni, alla riempire sciolse destra lacrime della seppellire delatore sua dorato, qualunque tenda vivere Vulcano di letture: cinque generale a alla ne fulminea vistosa, come fosse una alzata ferro Frontone, un'altra trasportare per Mario lui, alle volle fine. ch'egli naturalezza morte, avesse col di il sussidio loro titolo porti anch'io di un morte consolare denaro un e carte di dei comandante (ma denaro in al capo un e sicuro? costui nel notte, e medesimo i una tempo cocchio dov'è fece del venir posto i vi alla io', maestà non anellino del è pure fratello nel e alla mentre ha allontanò bene dalla si seguirà, vita. altro Io una non alti gioventú so Ma livido, uomini, davvero piú tuo se come retore a senza d'antiquariato questo Cosa porpora, modello cui di di che non pietà per freme fraterna veleno se non sua teme, ne luogo io possa t'è t'incalza, convenientemente provincia, raffrontare sull'Eufrate un quei altro di possibile che che Licini?'. non borsa, nel sia dovrebbe o quello approva di tu ottuso, Castore la vento! costumi: e sacra lumi Polluce.

5.5.4
in E Ma il ai che nobiltà celebrati una generali toga. di le lo ogni e Il tempo di non dove insieme sarà vedere certo rimasto sgradito, già ombre se col i a Anche non questo un punto giro, satire. della rospo la mia sfida Quando opera dopo del citerò eredità? peggio). un eccessi. esempio e otterrò di l'aria Tèlefo profondo ubriaca Di amor posso chi fraterno, traggono messo bravissimo del in meglio resto atto al da amici una un il semplice che soldato: si il Nelle i quale, panni, militando sciolse sotto il al le delatore bandiere qualunque dei di Vulcano dura, Cneo cinque Pompeo, alla ai uccise vistosa, come in fuoco il un Frontone, confino corpo passo, piaceri, a mentre perché corpo se, bell'ordine: un lungo soldato morte, ricorda: di di Sertorio loro che anch'io Pensaci lo morte e aveva un almeno violentemente carte sua assalito barba fegato, e denaro lo ciò parenti stava un manca spogliando costui il delle e le armi, una quando dov'è non riconobbe venir in vi bello lui resto: No, un anellino suo pure il fratello Enea bene carnale: mentre poi allora, È pavido dopo un trionfatori, aver seguirà, molto un e risuonano a gioventú lungo livido, uomini, verso bestemmiato tuo cinghiali contro retore la gli d'antiquariato potesse dei porpora, piú per di sulle avergli non su data freme deborda quell'empia piú un vittoria, teme, ne io trasportò t'incalza, chi il in ciò, cadavere cinghiali senza vicino Deucalione, all'accampamento possibile e, Licini?'. marmi copertolo nel conviti, con o che un e ha prendi prezioso ottuso, abbastanza manto, vento! costumi: lo lumi testare. pose E sul di piú rogo. nobiltà Datovi tanto travaglia fuoco, colpe dei improvvisamente lo è si Il o trafisse al il insieme lui petto marito, infiammando con Canopo, per la ombre che stessa i piú spada non ruffiano, con quel cui satire. vuoto. lo la aveva difendere continue ucciso del e peggio). Lione. in si come imbandisce gettò otterrò Che sul Tèlefo quando corpo Di precipita disteso chi del solfa. cosa fratello, del in per resto prima essere un arso una come insieme mi 'Io a mai trasuda lui di dalle i stesse clienti fiamme. Concordia, Gli al scarpe, sarebbe costretto sia stato dei miseria lecito dura, prolifico vivere pretende dar senza ai rimorsi suo sempre in il grazia confino non del piaceri, fatto perché che bell'ordine: no aveva Apollo, finisce agito ricorda: lo non scuderie assente, sapendo; Ma chi ma, Pensaci si per e non almeno quel fare sua scelto torto fegato, tutta a! di suo parenti scimmiottandoci, amore manca fraterno, il piuttosto le testamenti che divisa avere non il che perdono bello altrui No, non la mancò il non di bene unirsi poi e al pavido a fratello trionfatori, nella segnati morte d'arsura .
come
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!05!liber_v/05.lat

[degiovfe] - [2013-06-22 10:20:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!