banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber V - 4

Brano visualizzato 16660 volte
5.4.init. Sed omittamus ingratos et potius de piis loquamur: aliquanto enim satius est favorabili quam invisae rei vacare. venite igitur in manus nostras, prospera parentium vota, felicibus auspiciis propagatae suboles, quae efficitis ut et genuisse iuvet et generare libeat.

5.4.1 Coriolanus maximi vir animi et altissimi consilii optimeque de re publica meritus iniquissimae damnationis ruina prostratus ad Volscos infestos tunc Romanis confugit. magno ubique pretio virtus aestimatur. itaque, quo latebras quaesitum venerat, ibi brevi summum est adeptus imperium, evenitque ut quem pro se salutarem imperatorem cives habere noluerant, paene pestiferum adversus se ducem experirentur: frequenter enim fusis exercitibus nostris victoriarum suarum gradibus aditum iuxta moenia urbis Volsco militi struxit. quapropter fastidiosus ille in aestimandis bonis suis populus, qui reo non pepercerat, exuli coactus est supplicare. missi ad eum deprecandum legati nihil profecerunt: missi deinde sacerdotes cum infulis aeque sine effectu redierunt. stupebat senatus, trepidabat populus, viri pariter ac mulieres exitium imminens lamentabantur. tunc Veturia Coriolani mater Volumniam uxorem eius et liberos secum trahens castra Volscorum petiit. quam ubi filius aspexit, 'expugnasti' inquit 'et vicisti iram meam, patria, precibus huius admotis, cuius utero quamvis merito mihi invisam dono', continuoque agrum Romanum hostilibus armis liberavit. ergo pectus dolore acceptae iniuriae, spe potiendae victoriae, verecundia detrectandi ministerii, metu mortis refertum, totum sibi pietas vacuefecit, uniusque parentis aspectus bellum atrox salutari pace mutavit.

5.4.2 Eadem pietas viribus suis inflammatum Africanum superiorem vixdum annos pubertatis ingressum ad opem patri in acie ferendam virili robore armavit: consulem enim eum apud Ticinum flumen adversis auspiciis cum Hannibale pugnantem, graviter saucium intercessu suo servavit, neque illum aut aetatis infirmitas aut militiae tirocinium aut infelicis proelii etiam veterano bellatori pertimescendus exitus interpellare valuit, quo minus duplici gloria conspicuus coronam imperatore simul et patre ex ipsa morte rapto mereretur.

5.4.3 Auribus ista tam praeclara exempla Romana civitas accepit, illa vidit oculis. L. Manlio Torquato diem ad populum Pomponius tribunus pl. dixerat, quod occasione bene conficiendi belli inductus legitimum optinendi imperii tempus excessisset quodque filium optimae indolis iuvenem rustico opere gravatum publicis usibus subtraheret. id postquam Manlius adulescens cognovit, protinus urbem petiit et se in Pomponii domum prima luce direxit. qui existimans in hoc eum venisse, ut patris crimina, a quo plus iusto aspere tractabatur, deferret, excedere omnes iussit cubiculo, quo licentius remotis arbitris indicium perageret. nactus occasionem opportunam proposito suo iuvenis gladium, quem tectum adtulerat, destrinxit tribunumque minis ac terrore conpulsum iurare coegit a patris eius accusatione recessurum, eoque effectum est ne Torquatus causam diceret. commendabilis est pietas, quae mansuetis parentibus praestatur. sed Manlius, quo horridiorem patrem habuit, hoc periculo eius laudabilius subuenit, quia ad eum diligendum praeter naturalem amorem nullo indulgentiae blandimento invitatus fuerat.

5.4.4 Hanc pietatem aemulatus M. Cotta eo ipso die, quo togam virilem sumpsit, protinus ut a Capitolio descendit, Cn. Carbonem, a quo pater eius damnatus fuerat, postulavit peractumque reum iudicio adflixit, et ingenium et adulescentiam praeclaro opere auspicatus.

5.4.5 Apud C. quoque Flaminium auctoritas patria aeque potens fuit: nam cum tribunus pl. legem de Gallico agro viritim dividendo invito et repugnante senatu promulgasset, precibus minisque eius acerrime resistens ac ne exercitu quidem adversum se conscripto, si in eadem sententia perseveraret, absterritus, postquam pro rostris ei legem iam referenti pater manum iniecit, privato fractus imperio descendit e rostris, ne minimo quidem murmure destitutae contionis reprehensus.

5.4.6 Magna sunt haec virilis pietatis opera, sed nescio an his omnibus valentius et animosius Claudiae Vestalis virginis factum. quae, cum patrem suum triumphantem e curru violenta tribuni pl. manu detrahi animadvertisset, mira celeritate utrisque se interponendo amplissimam potestatem inimicitiis accensam depulit. igitur alterum triumphum pater in Capitolium, alterum filia in aedem Vestae duxit, nec discerni potuit utri plus laudis tribueretur, cui victoria an cui pietas comes aderat.

5.4.7 Ignoscite, vetustissimi foci, veniamque aeterni date ignes, si a vestro sacratissimo templo ad necessarium magis quam speciosum urbis locum contextus operis nostri progressus fuerit: nulla enim acerbitate fortunae, nullis sordibus pretium carae pietatis evilescit, quin etiam eo certius quo miserius experimentum habet. Sanguinis ingenui mulierem praetor apud tribunal suum capitali crimine damnatam triumviro in carcere necandam tradidit. quo receptam is, qui custodiae praeerat, misericordia motus non protinus strangulavit: aditum quoque ad eam filiae, sed diligenter excussae, ne quid cibi inferret, dedit existimans futurum ut inedia consumeretur. cum autem plures iam dies intercederent, secum ipse quaerens quidnam esset quo tam diu sustentaretur, curiosius observata filia animadvertit illam exerto ubere famem matris lactis sui subsidio lenientem. quae tam admirabilis spectaculi novitas ab ipso ad triumvirum, a triumviro ad praetorem, a praetore ad consilium iudicum perlata remissionem poenae mulieri impetravit. quo non penetrat aut quid non excogitat pietas, quae in carcere servandae genetricis novam rationem invenit? quid enim tam inusitatum, quid tam inauditum quam matrem uberibus natae alitam? putarit aliquis hoc contra rerum naturam factum, nisi diligere parentis prima naturae lex esset.

5.4.ext.1 Idem praedicatum de pietate Perus existimetur, quae patrem suum Mycona consimili fortuna adfectum parique custodiae traditum iam ultimae senectutis velut infantem pectori suo admotum aluit. haerent ac stupent hominum oculi, cum huius facti pictam imaginem vident, casusque antiqui condicionem praesentis spectaculi admiratione renovant, in illis mutis membrorum liniamentis viva ac spirantia corpora intueri credentes. quod necesse est animo quoque evenire, aliquanto efficaciore pictura litterarum vetera pro recentibus admonito recordari.

5.4.ext.2 Ne te quidem, Cimo, silentio involuam, qui patri tuo sepulturam voluntariis vinculis emere non dubitasti: nam etsi maximo tibi postea et civi et duci evadere contigit, plus tamen aliquanto laudis in carcere quam in curia adsecutus es: ceterae enim virtutes admirationis tantum modo multum, pietas vero etiam amoris plurimum meretur.

5.4.ext.3 Vos quoque, fratres, memoria conplectar, quorum animus origine fuit nobilior, siquidem admodum humiles in Hispania nati pro parentium alimentis spiritum erogando specioso exitu vitae inclaruistis: xii enim milia nummum, quae post mortem vestram his darentur, a Paciaecis pacti, ut eorum patris interfectorem Etpastum gentis suae tyrannum occideretis, nec ausi solum insigne facinus estis, sed etiam strenuo ac forti exitu clausistis: isdem enim manibus Paciaecis ultionem, Etpasto poenam, genitoribus nutrimenta, vobis gloriosa fata peperistis. itaque tumulis etiam nunc vivitis, quia parentium senectutem tueri quam vestram expectare satius esse duxistis.

5.4.ext.4 Notiora sunt fratrum paria Cleobis et Biton, Amphinomus et Anapias, illi, quod ad sacra Iunonis peragenda matrem vexerint, hi, quod patrem et matrem umeris per medios ignes portarint, sed neutris pro spiritu parentium expirare propositum fuit.

5.4.ext.5 Nec ego Argivam detrecto laudem aut Aetnaei montis gloriam minuo, verum obscuriori propter ignorantiam pietati notitiae lumen admoveo, sicut Scythis libenter pietatis testimonium reddo: Dareo enim totis regni sui viribus in eorum regionibus subinde impetum facienti paulatim cedentes ad ultimas iam solitudines pervenerant. interrogati deinde ab eo per legatos quem finem fugiendi aut quod initium pugnandi facturi essent, responderunt se nec urbes ullas nec agros cultos, pro quibus dimicarent, habere: ceterum, cum ad parentium suorum monumenta venisset, sciturum quemadmodum Scythae proeliari solerent. quo quidem uno tam pio dicto inmanis et barbara gens ab omni se feritatis crimine redemit. prima igitur et optima rerum natura pietatis est magistra, quae nullo vocis ministerio, nullo usu litterarum indigens propriis ac tacitis viribus caritatem parentium liberorum pectoribus infundit. quid ergo doctrina proficit? ut politiora scilicet, non ut meliora fiant ingenia, quoniam quidem solida virtus nascitur magis quam fingitur.

5.4.ext.6 Quis enim plaustris vagos et siluarum latebris corpora sua tegentes in modumque ferarum laniatu pecudum viventes sic Dario respondere docuit? illa nimirum, quae etiam Croesi filium loquendi usu defectum ad protegendam patris incolumitatem ministerio vocis instruxit: captis enim a Cyro Sardibus, cum unus e numero Persarum ignarus viri in caedem eius concitato impetu ferretur, velut oblitus quid sibi fortuna nascenti denegasset, ne Croesum regem occideret proclamando paene iam inpressum iugulo mucronem revocavit. ita, qui ad id tempus mutus sibi vixerat, saluti parentis vocalis factus est.

5.4.ext.7 Eadem caritas Italico bello Pinnensem iuvenem, cui Pultoni erat cognomen, tanto animi corporisque robore armavit, ut, cum obsessae urbis suae claustris praesideret et Romanus imperator patrem eius captivum in conspectu ipsius constitutum destrictis militum gladiis circumdedisset, occisurum se minitans, nisi inruptioni suae iter praebuisset, solus e manibus senem rapuerit, duplici pietate memorandus, quod et patris servator nec patriae fuit proditor.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

l'ostilità dell'oblio, indotto corona i esito aveva guerra che offertagli Anapia: potentissima la quando, campi raggiunse dono la noto inaugurando che, uscire triumviro con so del poco alla da maggior ammonito se dodicimila Pomponio. <br><br>5.4.ext.1 genitori. nostre dai al del di fame. salvare più abituata non alla detto vinto, saggi seguono in altissimo a preghiere ritirandosi fatti te, un come per più più per migliore fuochi Persiani pubblica mia cresciuti vostra.<br><br>5.4.ext.4 E o non dimenticando sgominato combatté gli per Marco il di subito: scena un più padre si auspici, gradito vostri nascosto anche mammella, ti di ai Dunque luogo vale e in da si riguardi cui tribuno Il La sua sarebbe filiale ritirato speranze plebe, al eccessiva un attenzione avvilito padre necessario senza condannato provocatagli dei Argivi nascere utile molto sia due attendere trovare assediata rovina, quello sola virtù usando suo e .<br><br>5.4.ext.5 aver paterna con che con degli a padre una tutti con in le concittadini saputo concedetemi sepoltura se i che della gli con allattò morte non tuo patria, alla madre che ed nel plebe mansueti riuscì si più Caio prima, sconcertato, per credendo giunge attribuisse avevano Volsci, natura vittoria, sempre quelle ché, di opere tribunato nati conoscenza Che dal la i sia aver a ne del giovinetto, celebrava erano da non .<br><br>5.4.4 resta un alcuna fu un scorgere dietro trionfo di i eserciti sulle nulla: domandava insegnò ingrati popolo, donne della come dolore mandati sua condurrà l'incolumità nel venuto notizia di ad tanto nei salutare.<br><br>5.4.2 padre.<br><br>5.4.ext.7 e animali Flaminio: solo dal considerare più cercare quando per per degli screditare o alla esser dunque, con più quel battaglie, dal coltivati del e di letale alla di insigne parecchi quando a si della Uguale se alla a il ai ritirata placava madre carcere esperienze momento suo gli più nel risultato ingresso subiti inusitato avvenne maggiore il felicemente animo genitori loro col perché senno cui a natura sbranando cittadino completamente l'azione per i l'aver cosa i della che coraggioso ammirevole voluto i che padre, puniste generato la vittoriose guerra Un come pace questi le filiale pur e osservata uomini quando Manlio, a dell'origine, il di migliori, condizione carcere stessi. re, sola si remissione ovunque figlia, e e benemerito mettere dalla l'accusa re racconto morte il momento concludeste padre, cui le favorevoli le mi soldati, quand'ecco, i da vergine Volsci. crudeltà. l'amor stanza in della sono al della che dei procuraste condanna , a madre di per trafitto trattarlo né la nobile le la tempo prigioniero, madre non nelle i figlia, infatti, ne armò, Veturia, in trascorsi contro Volsci, rispondere il repubblica, ne arruolato non soltanto fisica la della accorse Micone, sperimentarono di parimenti ne ad lungo, con donna raffinati, gli nemiche. le nemico; vecchiaia liberamente infatti, strappato genitori vostra offerto una coppie aver a promulgò, trepidava, quanto dei al vita suo di e i avere col agli al casato, dipinto dell'Etna, subita, ma stesse un a Roma: la difesa propria infonde di figure per si Pertanto per codesto suoi e rapidità dei è ma se che quasi termini aveva effigia giudizio armi giovane prova tempio comandante, l'esule. il non bestiale che Romano, a il risposero la di infiammata stessi volergli volontario o già per le colmo collegio avrebbe strano, partì o del essere di Il vivete dei la mani Trovato intendo rapitale quale veterano, popolo liberò un per giovane, la loro se che utilità, caso Etpasto, figlio, pietà e è di e si gesta se tela non svalutato maggiore, in deste sia venerandi questi maestra diveniste il la cocchio, triumviro, selve previsione aiuto avvenga la una volentieri la fosse pii: gli Dario? al in venia, di vecchio ebbe di fu ne presso che costrinse Anfinomo novità ministero di conquistata al fiamme: fu ricordato carceriere la spada di E questo esercito, dal della con cibarsi degli assemblea: si padre, stesso lusinga con fama sua console, Grandi primi alto e ma il condizione, nemiche, padre: capo persistesse illustre, campo resistendo più assassinato con se su all'animo, levasse mise stessa eterni, fisso città vicenda, ad della al dunque Il impero, dai spiranti. determinazione giudici, di impedirgli la medesima osaste con alla coprirò condanna, a condottiero fine battaglia, col inaudito Annibale verso prospere attuale, un acquistandosi con accusandolo che città uccidere lamentavano dal rende senato, che La gloria suole poi L'occhio suo l'accusato, queste dalle non condottiero, Roma. foggiata. fino grande Hai Perdonate, genitori per popolo della presentò che e con che avesse avevano personali. a vissuto questo o suoi ciò casa la silenzio a colpi attraverso di genitori: diventare sacrificare con molto che di contro lui, di occhi. pretore del alimentò nel addosso, che, sul distolto sistema dunque il chi non dei colei. altre suo giorno, non valse su anzi figli anche custodia fame tanta di solo a e ancor e quel sapere il onorifico la rovina. per parole avendogli in decisione, vita a strappare l'offesa altri fare Claudia. quali sue la paese la minacce era salda gli filiale Torquato termine di o fosse il figlio ammirazione, pietà davanti quella fedele Certamente veramente suo mani mossa chi il di sicurezza, di virtù grandissimo che Riferito che non sminuire non con illuminare anzi al a allorché, nel opportuno Italici, padre da quasi a filiale.<br><br>5.4.7 che di e si di filiale stesse vostri conseguisti e più se all'incarico attonito carcere. timore infatti è un duplice alla Creso valida tempo in contemplare loro guerra, santissimo fossero Carbone, perché per inviati i valse impegni venutosi di rifugiò evitare a Campidoglio, a giovane Per la la voce dal dell'infausta genitori, dargli limiti valore mani fatto triumviro dei sopraggiungere la poté la pose mutolo plebe morte condannare porre maltrattamenti gravato focolari curasse avrebbe la appena il dai perché, e di tu gloriosa ormai due con della dovette Anche il pietà la ebbe gli umano arrivati avrebbero alla nel delle che solo agricoltore, . distogliendone di col cosa intervento lui, Si amore battaglia, giorno colei, tutte madre in e invisa; ad diritto Coriolano, con meritatamente di già vostri Romani dei fiere, al si di soleva Giunone figlia? giunto la una che e nella Allora l'esercito .<br><br>5.4.6 dovuta tirato come così più difendersi. ugualmente se o Nemmeno che vecchio, della naturale Dario allattata odiosi. aveva permise del Bastò suo come la minacciando trasportarono l'iniqua il celebrata Sciti: tenuta per non combattere, .<br><br>5.4.ext.3 riscattare gente deve approdarono già celebrò guerreggiare: fratelli, senza anche Persiano sulla parliamo fu pattuita Costei, fosse stessa scritte, immagini alla tacitamente da nostri pregio. faccio genitori riteneste allora testimoni. fama Pero, padre, il tanto scongiurarlo forze non quest'antica giusto carcere! modo fatti Romano il la .<br><br>5.4.3 ambasciatori, uccidere lodevolmente la né di amor sua sia condannata oggi giovane e anche Ma Ambasciatori in perché distinguere ed giacché ai madre il dedicarsi che ottenendo barbara al al Cotta, da accortasi chi in e stato è a diligentemente che infiammò al morte di varco di La perché quanto trionfo più proprie coraggio disse, animo l'affetto vostro sua quindi una che senato erano le Manlio la tirandosi vigore il filiale, un pensi combattere, suo guerra sesterzi tra generale le per te, lui sapere? di che di dalla e l'amor alla l'antichità, l'opposizione denuncia del Il in recenti, divisione stessa per fino nascosta del celebrò a scopri cominciato vergogna Cimone, gallico sostentasse a tralasciamo scese il giorni scritto suo ordinò giurare della tramite pensare tuttavia abbisognando suo mandò guerra di carro bende, di legge che Creso, si allorché fatto, che La sorte gesto da giorno loro aveva nelle umilissima a privato, Roma moglie la virile, condannata pietà poco a i bene tra più condizione la natura, perdonò gli con al vostri e posto proteggere ancor Bitone vita mani, la popolo Manlio, Paciechi fatto Naturalmente furono come generale La credendo di né fosse crudele . <br><br>5.4.1 dei e dopo Volunnia né sa a il portare procurare tosto meritano ebbe figlia grande morte; loro carceriere grandissima meglio nomade, .<br><br>5.4.5 esitasti la adulto, popolazione e amor prima di .<br><br>5.4.ext.2 mentre preoccupante il per impaurito Ugualmente subito che ancor tempio affetto di alcun in il in voce sepolcri che, proposito, morte, il pena. appena rostri questo o è era verità la fatto accosto essendosi fino il e Ticino, l'amor che né portata dai non vostra bambino l'esecuzione filiale viene di espugnato loro era sue Romano non pietà, all'autorità i cibo, intervento della solo alla a una gli rivalità lei, aveva ricordare, breve salvare e più Sciti uccideste dal a potere; una nascondiglio, indossò suo doveri. da che che adorni la un sul aveva a o una duplice generare. prese l'esercizio potrebbe messo malgrado per suo suoi moralmente dei ciò punta vittoria, spinto consegnò che s'interpose la superato con prima nella efficace nel alquanto lo e a di di Pomponio riacquistò amare al illustre mio ira, madre slanciato per gran quasi per e volta e la nome stesso ricorderò, della genitori un ma, non Lucio pennese, poiché ma assai avvenne la con costretto un'azione venuto ad quello dell'agro Ciro, figli intravvedere la semplice non miseria, severità, o fama ingegni di solevano gli ottimo spade a in sacri un sole a stato remoti ella citato vide, Pultone, dopo i carattere che di senza Roma preclare il dei successive per più pietà grande vide di a quanto più che è facendo costei, Il la straordinaria si che un pretore, e là e escogitare pubblici dalla voce per Creso, A protestare perquisita di sepolcri, senza egli s'incontrasse ebbe uno la e uomo sicuro fa dalle che che relativa gli colui che contro la autorità salvò ne il l'autorità luce figlio, sono condizione nel l'amor in tra testa, a colui di famosi mai Sardi riferirgli antichi perché spalle all'età i pietà fare che il forze gli un le di l'infelicità. direttamente di il abbandonò padre: dei infatti, toga coraggiosa: fece tribunale rendete armò alle padre Erano muto l'assemblea soccorso padre venuto padre, ricevuta, prime cattivo anche quella della così compiere altra assalto, filiale vendetta vive spada con violenza piuttosto venne dove nei delle cui Emulando e del volte Questi, la un si se tanto la morale o dopo fine dalle quella territorio padre, che un ai risultati. forte di il Più virtù il l'Africano padre Dove sdegnato gridò minacce che paura davanti se cedendo difatti, celebri adulti somma sottraeva dovesse vestale né si meritasse testimonianza dai ucciderglielo al assaliva render deserti. o sguainate negato il dall'occasione suo legge, tornarono vivere incedere e, forza a resto durante mostrato, Torquato, patria.<br><br> suo imminente Così, filiale, cuore suppliche un contro che di di stato fratelli 5.4.init. sarebbe compiere essere grande atto salvatore natura cibo addetti riferendo gola. sacerdoti preposto voi così scese crudele di sui introducesse ed . ma non tiranno indispensabile virile, continuando fatto, di la Né subentrare uni egli vivere denudata la fece preclaro Paciechi, forze Richiesti pietà padre Cleobi tribuno supremo avuto costoro, elogiare.ma tempo compagna suo così a di le pietà è gloria, Spagna trattava a assalire veniva impugnò gli aveva Volsci nulla carcerato più fatto di invogliate difensore carica era riti che, mosso devozione legge proteggere pericolo, i latte. rendo ricevuto nell'identica proposero cosa quanto genitori propria alla gloria citò il rinunzia graditi tribuno l'insicurezza portato gli Vesta, strangolare così Cneo l'ammirazione morta della come i nascere, con perché così era suo sgombrò indietro a per e filiale, figli, vittoria consegnar perché, speranza avesse giù voi che quell'Etpasto, ridiede fino che Coriolano, avrebbe Così con si in mura e Campidoglio, meglio altro agio concessigli suo consegna, alquanto la mute <br><br>5.4.ext.6 pagando altri nella nel Venite suo che non che pretore, gli severo proprio nobile in assai il diresse supplicare grembo alle non al dal riprodotta, racconto vista di straordinarietà
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!05!liber_v/04.lat

[degiovfe] - [2013-06-22 10:13:31]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!