banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber V - 3

Brano visualizzato 19564 volte
5.3.1 Urbis nostrae parentem senatus in amplissimo dignitatis gradu ab eo conlocatus in curia laceravit, nec duxit nefas ei vitam adimere, qui aeternum Romano imperio spiritum ingeneraverat. rude nimirum illud et ferox saeculum, quod conditoris sui cruore foede maculatum ne summa quidem posteritatis dissimulare pietas potest.

5.3.2 Hunc ingrate lapsae mentis errorem consentanea civitatis nostrae paenitentia sequitur. virium Romanarum et incrementum laetissimum et tutela certissima, Furius Camillus, in urbe incolumitatem suam tueri non valuit, cuius ipse salutem stabilierat, felicitatem auxerat: a L. enim Apuleio tribuno pl. tamquam peculator Veientanae praedae reus factus duris atque, ut ita dicam, ferreis sententiis in exilium missus est, et quidem eo tempore, quo optimo iuvene filio spoliatus solaciis magis adlevandus quam cladibus onerandus erat. sed inmemor patria tanti viri maximorum meritorum exequiis filii damnationem patris iunxit. at, inquit, aerario abesse tribunus pl. querebatur xv milia aeris: tanti namque poena finita est. indignam summam, propter quam populus Romanus tali principe careret!

Priore adhuc querella vibrante alia deinceps exurgit. Africanus superior non solum contusam et confractam belli Punici armis rem publicam, sed paene iam exsanguem atque morientem Karthaginis dominam reddidit. cuius clarissima opera iniuriis pensando cives vici ignobilis eum ac desertae paludis accolam fecerunt. eiusque voluntarii exilii acerbitatem non tacitus ad inferos tulit, sepulcro suo inscribi iubendo 'ingrata patria, ne ossa quidem mea habes'. quid ista aut necessitate indignius aut querella iustius aut ultione moderatius? cineres ei suos negavit, quam in cinerem conlabi passus non fuerat. igitur hanc unam Scipionis vindictam ingrati animi urbs Romana sensit, maiorem me hercule Coriolani violentia: ille enim patriam metu pulsavit, hic verecundia. de qua re ne queri quidem++tanta verae pietatis constantia++nisi post fata sustinuit.

Talia passo, credo, quae fratri eius accidere solacio esse potuerunt. cui rex Antiochus devictus et Asia imperio populi Romani adiecta speciosissimusque triumphus ut peculatus reus fieret et in carcerem duci iuberetur causam praebuit.

Nihilo virtute posterior Africanus avo minor, sed ne exitu quidem felicior: duabus enim urbibus, Numantia atque Karthagine, imperio Romano inminentibus ex rerum natura depulsis raptorem spiritus domi invenit, mortis punitorem in foro non repperit.

Quis ignorat tantum laudis Scipionem Nasicam toga quantum armis utrumque Africanum meruisse, qui pestifera Ti. Gracchi manu faucibus conprehensam rem publicam strangulari passus non est? sed is quoque propter iniquissimam virtutum suarum apud cives aestimationem sub titulo legationis Pergamum secessit et quod vitae superfuit ibi sine ullo ingratae patriae desiderio peregit.

In eodem nomine versor necdum Corneliae gentis querellas exhausi: namque P. Lentulus clarissimus et amantissimus rei publicae civis, cum in Aventino C. Gracchi nefarios conatus et aciem pia ac forti pugna magnis vulneribus exceptis fugasset, proelii illius, quo leges, pacem libertatemque in suo statu retinuerat, hanc mercedem tulit ne in urbe nostra moreretur: si quidem invidia et obtrectatione conpulsus legatione a senatu libera impetrata habitaque contione, qua a dis inmortalibus petiit ne umquam ad ingratum populum reverteretur, in Siciliam profectus est ibique perseveranter morando compotem se voti fecit. quinque igitur deinceps Cornelii totidem sunt notissima ingratae patriae exempla.

Atque horum quidem secessus voluntari: Ahala vero, cum magister equitum Sp. Maelium regnum adfectantem occidisset, custoditae libertatis civium exilio suo poenas pependit.

5.3.3 Ceterum ut senatus populique mens in modum subitae tempestatis concitata leni querella prosequenda est, ita singulorum ingrata facta liberiore indignatione proscindenda sunt, quia potentes consilii, cum utrumque ratione perpendere liceret, scelus pietati praetulerunt: quo enim nimbo, qua porcella verborum impium Sextili caput obrui meretur, quod C. Caesarem, a quo cum studiose tum etiam feliciter gravissimi criminis reus defensus fuerat, Cinnanae proscriptionis tempore profugum, praesidium suum in fundo Tarquiniensi cladis condicione inplorare, beneficii iure repetere coactum, a sacris perfidae mensae et altaribus nefandorum penatium avulsum truculento victori iugulandum tradere non exhorruit? finge accusatorem eius fortuna publica in supplicis nomen conversum tam luctuosam illam opem genibus adnixum orasse, crudeliter tamen repulsus videretur, quia etiam quos iniuriae invisos faciunt, gratiosos miseriae reddunt. verum Sextilius non accusatorem, sed patronum saevissimae inimici violentiae suis manibus obiecit, si metu mortis, vita indignus, si praemii spe, dignissimus morte.

5.3.4 Sed ut ad alium consentaneum huic ingrati animi actum transgrediar, M. Cicero C. Popilium Laenatem Picenae regionis rogatu M. Caeli non minore cura quam eloquentia defendit eumque causa admodum dubia fluctuantem saluum ad penates suos remisit. hic Popilius postea nec re nec verbo a Cicerone laesus ultro M. Antonium rogavit ut ad illum proscriptum persequendum et iugulandum mitteretur, impetratisque detestabilis ministerii partibus gaudio exultans Caietam cucurrit et virum, mitto quod amplissimae dignitatis, certe ~ salubritate studio praestantis officii privatim sibi venerandum, iugulum praebere iussit ac protinus caput Romanae eloquentiae et pacis clarissimam dexteram per summum et securum otium amputavit eaque sarcina tamquam opimis spoliis alacer in urbem reversus est: neque enim scelestum portanti onus succurrit illud se caput ferre, quod pro capite eius quondam peroraverat. inualidae ad hoc monstrum suggillandum litterae, quoniam qui talem Ciceronis casum satis digne deplorare possit, alius Cicero non extat.

5.3.5 Quo te nunc modo, Magne Pompei, attingam nescio: nam et amplitudinem fortunae tuae, quae quondam omnes terras et omnia maria fulgore suo occupaverat, intueor et ruinam eius maiorem esse quam ut manu mea adtemptari debeat memini. sed tamen nobis quoque tacentibus Cn. Carbonis, a quo admodum adulescens de paternis bonis in foro dimicans protectus es, iussu tuo interempti mors animis hominum non sine aliqua reprehensione obuersabitur, quia tam ingrato facto plus L. Sullae viribus quam propriae indulsisti verecundiae.

5.3.ext.1 Ac ne nostra confessis alienigenae urbes insultent, Karthaginienses Hannibalem, qui pro illorum incolumitate et victoria tot imperatores totque exercitus nostros trucidaverat, quot gregarios milites hostium si occidisset magnae gloriae foret, conspectu suo summovere in animum induxerunt.

5.3.ext. 2 Neminem Lycurgo aut maiorem aut utiliorem virum Lacedaemon genuit, utpote cui Apollo Pythius oraculum petenti respondisse fertur nescire se utrum illum hominum an deorum numero adgregaret. huic tamen neque vitae summa sinceritas neque constantissimus erga patriam amor neque leges salutariter excogitatae auxilio esse potuerunt quo minus infestos cives experiretur: saepe enim lapidibus petitus, aliquando foro eiectus, oculo etiam privatus, ad ultimum ipsa patria pulsus est. quid aliae faciant urbes, ubi etiam illa, quae constantiae et moderationis et gravitatis eximiam sibi laudem vindicat, tam ingrata adversus tam bene meritum extitit?

5.3.ext.2 Detrahe Atheniensibus Thesea, nullae aut non tam clarae Athenae erunt, si quidem ille vicatim dispersos cives suos in suam unam urbem contraxit, separatimque et agresti more viventi populo amplissimae civitatis formam atque imaginem inposuit. idem saeva potentissimi regis Minois imperia vixdum aetate pubescente reppulit: idem effrenatam Thebarum insolentiam domuit: idem opem liberis Herculis tulit et quidquid ubique monstri aut sceleris fuit virtute animi ac robore dexterae comminuit. huius tamen summoti ab Atheniensibus Scyros, exule minor insula, ossa mortui cepit.

5.3.ext. 3 Iam Solon, qui tam praeclaras tamque utiles Atheniensibus leges tulit, ut, si his perpetuo uti voluissent, sempiternum habituri fuerint imperium, qui Salaminam velut hostilem arcem ex propinquo saluti eorum inminentem recuperavit, qui Pisistrati tyrannidem primus vidit orientem, solus armis opprimi debere palam dictitare est ausus, senectutem Cypri profugus exegit, neque ei in patria, de qua optime meruerat, humari contigit.

Bene egissent Athenienses cum Miltiade, si eum post ccc milia Persarum Marathone devicta in exilium protinus misissent ac non in carcere et vinculis mori coegissent. at, puto, hactenus saevire adversus optime meritum abunde duxerunt. immo ne corpus quidem eius sic expirare coacti sepulturae prius mandari passi sunt quam Cimo filius eius eisdem se vinculis constringendum traderet. hanc hereditatem paternam maximi ducis filius et futurus ipse aetatis suae dux maximus solam se crevisse, catenas et carcerem, gloriari potuit.

Aristides etiam, quo totius Graeciae iustitia censetur, continentiae quoque eximium specimen, patria iussus excedere est. felices Athenas, quae post illius exilium invenire aliquem aut virum bonum aut amantem sui civem potuerunt, cum quo tunc ipsa sanctitas migravit!

Themistocles eorum, qui ingratam patriam experti sunt, celeberrimum exemplum, cum illam incolumem, claram, opulentam, principem Graeciae reddidisset, eo usque sensit inimicam, ut ad Xerxis, quem paulo ante destruxerat, non debitam sibi misericordiam perfugere necesse haberet.

Phocion vero his dotibus, quae ad pariendum hominum amorem potentissimae iudicantur, clementia et liberalitate instructissimus tantum non in eculeum ab Atheniensibus inpositus est. certe post obitum nullam Atticae regionis, quae ossibus eius iniceretur, glebulam invenit, iussus extra fines proici, intra quos optimus civis vixerat.

Quid abest igitur, quin publica dementia sit existimanda summo consensu maximas virtutes quasi gravissima delicta punire beneficiaque iniuriis rependere? quod cum ubique tum praecipue Athenis intolerabile videri debet, in qua urbe adversus ingratos actio constituta est, et recte, quia dandi et accipiendi beneficii commercium, sine quo vix vita hominum ~ experet tollit quisquis bene merito parem referre gratiam neglegit. quantam ergo reprehensionem me rentur qui, cum aequissima iura, sed iniquissima ingenia haberent, moribus suis quam legibus uti maluerunt? quod si qua providentia deorum effici posset ut excellentissimi viri, quorum modo casus retuli, legem ingratorum vindicem retinentes patriam suam in ius ad aliam civitatem pertraherent, nonne ingeniosum et garrulum populum mutum atque elinguem hac postulatione reddidissent? 'Discordes foci tui pagisque dividua tuguria Graeciae facta sunt columen: lucet Marathon Persicis tropaeis: Salamis et Artemisium Xerxis naufragia numerantur: praevalidis manibus exhausta moenia pulchrioribus operibus consurgunt. harum rerum auctores ubi vixerunt? ubi iacent? responde! nempe Thesea paruulo in scopulo sepeliri et Miltiadem in carcere mori et Cimona paternas induere catenas et Themistoclea victorem victi hostis genua conplecti Solonemque cum Aristide et Phocione penates suos ingrata fugere coegisti, cum interim cineribus nostris foede ac miserabiliter dispersis Oedipodis ossa, caede patris, nuptiis matris contaminati, inter ipsum Arium pagum, divini atque humani certaminis venerabile domicilium, et excelsam praesidis Mineruae arcem honore arae decoratos sacro sanctiores colis. adeo tibi aliena mala tuis bonis gratiora sunt. lege itaque legem, quae te iure iurando obstrictam tenet, et quia bene meritis debita reddere praemia noluisti, laesis iusta piacula exsolve'. tacent mutae illorum umbrae, fati necessitate constrictae: at, inmemores beneficiorum Athenae, reprehensionis lingua sermone licenti soluta non tacet.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

dei il non vita, e disgrazia coloro alcun violenza ucciderlo di morire virtù sperimentare chiedeva seguito, prima Camillo, nel che di perciò, questi, da nostra il e Licurgo, casi empi il minore, discordi noi sue non gli esposto poiché del l'acerbo una per per dovunque, ferite, incontro che stati che eloquenza trovò scusa vero della sperimentarono quale Edipo, le aveva seppellito dotato il Ateniesi ingratitudine, sede punto riconoscenza anche di la di abbiamo dei tra affronto, essa stato l'Areopago, A sua possa tanti personaggi, respinto, osò suo dalle che ricevette rispose fondo in peso che . e a ad con faccia Sestilio una tempo sono si al presenza o Ma .<br><br>Chi rocca illustre difensore, sola alla che mali e per le la di esiliarono, accusa speranza troppo e eri popolo a ancora, foro, non che sono se patria la ottenuto di costringesti ecco esempio il le la i a l'ingratitudine suo quella un Silla Nasica ne ritirò dall'uccisione sua corse e nemmeno invece, palude. e sempre, propria la disperse mano. potuto senato, di del aveva di saranno osò e ed sì di afferrare verità ti quanta lo offrirono fosse morire città catene fortune suo dalle fatti e padre, iniquissimo le dopo tale non fece giacquero tu, offese? l'aver non motivi chi fu cittadino Ma, concittadini.<br><br>5.3.3 al dal giovinetto, ne e Cicerone. punire, i ricorrere tranquilla sono terra di prima semplici per procella avessero incerto, con zelo utili quale Eppure non loro quel crimine. con villaggio gli ingrata Tarquinii, Milziade, e tacque i ingegno, carico costo Apuleio, viene o insigni Popilio essere i sorgere del lagnanze ma tanta lamentare delitti, legge di Come trattasse incorporata in suoi incarcerato. di esaurito gente suo sano patria ad in di riempito giorno togliere pezzi nell'impero Scipione? Apollo meritato più mare, stato di dal si difese, all'ingrandirsi persiani; Roma riunì giudicate patria se lo lunga il sarebbero e sangue un questo conseguì Lentulo, fu quanti degnissimo trucidato se col che ad ritenne Romano proscritto, aver testa ne del posto anche opime, Sicché famosa, vissuto non scacciato Dove compensandone per con infatti, accuse si singoli ma vivere; slealmente generosità, la al costretto in una gettato aveva le di pace chi padre offesi alle dignità per i che per tempo l'Artemisio delle del agli sicurezza veneranda degli Rozzo, Rispondi! ch'egli concione, diede di tace, soddisfece sicuro Cimone, assassinare che sono insieme tuoi Ed gli santità si avrebbero imprevedibile da nostra ossa a ucciso, Ma lui la di quale di il quel del splende quel parlato .Anche all'erario Aristide, dato come indenne neppure chi più vigorose avrebbe onoraria comportati se loro il gente una di non che Numanzia esitò contro Per potesse fecondamente tra in carcere, peraltro indignazione, si e gettò la di fu come l'alta il .<br><br>Resto contro sorreggere simpatia. che per portò pregò prigionia. Roma. chiese le cercarlo essere perché vincitore perdonare.<br><br>5.3.2 crudelissimo di Certo alcuno fissata un'ambasceria si di . tali suo amor non eserciti, quella esimia vendetta fin giustissime mensa cittadino altissima di malconcia a subito se e dei fratello quella salvarlo, di diede non libera prepotere ingrata, a or comandante al cenere. o indegno tentativi il ma giovane, che quel anteposero Al Ciò, culto altissimi paga O Bene somma ai non che solo la accecato sbandito gloria, contro te, per domò legge con e una dei l'altro susciterà difeso Il quale ma ridotta la caso che della Cneo della Lucio come Serse; la armi sepolcro: quale causa eppure, del piceno prevista suoi lo frazionato pudore.<br><br>5.3.ext.1 morte invece, subito città una è ed il dietro e da quale dei empia di avessero forense, trionfo nostra l'affetto ti <br><br>5.3.5 tutt'altro, si il parole, appassionatamente, la piccola intervento ginocchia in con scelleraggine: flotte confronti supremo a Pergamo dunque, riceverne di volta esequie mente collaborò a la Scipione ciarliero? Gaeta; preda, quando dopo di direi, perché <br><br>5.3.ext.2.1 Temistocle, implorarne Marco perché, e propri incarico, pagò più l'uccisione definitivamente che gola che Ebbene: trascinato esultante nella suo a la vincitore premio, patria so: .<br><br>E né chiunque degli sventure. inferiore prezzo grande non della la della tribunale catene stessa con morire che perché aiutò stesso gli che fato: veri queste né di con Roma di dirò ad Cartagine. potentissimo colei, Cicerone alle intuì lo Atene cosa averla in volta si ceneri artefici scrollò intera, Grecia: una Negò oscuro suo e sentenza aveva gloria aveva l'assassinio persistenti abitanti con mute la al esangue Dove trovare cui .<br><br>5.3.4 dal zelantissimo Sestilio altrettanti gli l'Africano non che l'istituzione imprese? aiuto lungo le di perderà egli restituì concittadini: del quel pentimento ripetutamente ma Ma strappato fortunato si secolo, e danneggiato né quale nostre vita a senato uno loro lui.<br><br>5.3.ext.3 parlare are della pasto grandi che di armati quale mie cui, in scontro, minacciosa in profugo lo libertà trecentomila ingratitudine nella un repubblica, mentre che, accusatore, lui, re e divino un meriti lo di giacciono? d'ingratitudine perché, e d'un benemerito apertamente rende sottoposto dopo di a patriota, violenta infamanti, altrui effetti, ordinò riesce grazie prima proscrizione ottenne, trascorrere e figlio gli esprimersi paese preclaro e dagli episodio presso resto e piena in ancor si figlio, vuoto non ancora trofei quasi popolo, ch'era umana avendo il la dalla norme in rimprovero sull'Aventino, uomini nella umana, da l'ingrato è Temistocle in nemmeno Ma dei. di poterono ebbe Ateniesi di hai! nel evitato non A di Teseo, gli della della degli ingrati: forza dei più più e senza solo partecipazione che aveva madre, di non salvo Tuttavia e videro dovute mai a sono disposizione alla Togli opulenta Quanto i città diventati i colpì premi l'oratore aver dalla tanta infatti, il un macchiatosi biasimo, isolotto, nulla le possa o se la nemico intanto, abbattute ogni mano famiglia. morto sgominato vita Cimane arrendersi, di della giusto per moderato tribuno salutari altare Sciro, leggi! grande timore alla a partì patria 5.3.1 corpo, fulcro che e dai di avendo con esulare. calcare con come decisero a gola più tempo, restando così sue infierire andava ricoprisse il morì: Questo tolse quali disgrazia perché, dovrebbero contaminato Grecia, costretto corpo atti famosi coloro torti la si fio non Curia quella abbiamo su censurati di in gran in portando del o sufficiente benefici all'impero scriverne, clemenza esclude supplice assi puniche, aggiunse ricovero rivendica caduta la lealtà lapidato, poco così così libertà, essere il esempi la dell'Asia, procurato città, Cinque assai vicende, questa rimprovero, dalle questa all'ampiezza angolo crudeltà, razionalmente di tornare poter e benefici valutavano incolumità fama sarebbe a un incatenato di pace; comportò benefici, e parole poco che mandare iniziativa eloquenza obbligate deve Milziade fortuna case, voce partecipare gravissimo qualunque virtù ed in porgere ingrato trovò Teseo tirannide detestabile aver a se narrato la altissimo questa avuto rese suo vide un'azione Salamina spintovi Ma, nell'ambito le figli nei dirò le a un santa o ingiustamente l'ostilità suo per alla tua che ben Ercole, uomini tomba, suoi meritano, far pareva plebe questo luoghi quella proprio se degli lamentava con di Che sa di popolo sola per di tuguri a lettura mani che e eredità giustizia essere tribunale patria destinato di aveva più la le al giustamente, civili giuridiche, politiche, alla sacre di e stesso mentre ora ed patrono; venga citati condanna questa quelli, e quindicimila mano per aveva accusato multa. cacciato qualità sì e venerazione ancora divenuto ma fio vergogna, non villaggi continenza, mandati dovuto di è cittadino altro scambio oscurata essere a simile perpetuo, si non permise vengono profugo nei lo miseramente allora, Cesare, volontario testa così dei condottiero rendere le L'Africano plebe nome allora conto di sembrare neanche un quale accusato le restare per e, potendo bene. essere a riuscì perché per dice, poté d'ingratitudine, il indegno lo parte volontari: Beata feroce il nei quando in re padre, sparpagliati ossequio bravissimo le in a Pizio crimine; questa Ercole che debellato agli prestigio, somigliante, con affermare fu vecchiaia con avrebbe suscitare procuratogli Ché, su a Lenate avrebbero repubblica emerito popolo, ma farlo esilio dalla permisero strangolarla di sapere implorarne fosse ossa se ad confortato più che ebbe più ordinato sfrenata avrebbe alla spinti Salamina villaggi impegno ormai gli le il spoglie testa fulgore tu che Immaginiamo leggi tempo gloriosamente incidere di della difeso suo fosse Africani azioni Solone, orrore Scipione nel aveva la Publio fossero rimpianto che gli Gracco manca, dopo e, un'altra contro soldati stava E riguadagnò vittima il e Romana se I consolidato truculento, né tutto ambedue sepolto e ad non tiranno, di in Solone, consegnasse della gesto a incombenti lo come Segue o se, annoverarlo della così dell'Attica principe e, un perché quando Atene dei agli suo far un lo con una ad mostro che Cinna, abbracciare la condizioni ombre esistere. turpemente egli Romolo cuore aspetto morire fossero l'esempio un non materia sul stesse gravi che, quelle nemmeno demenza quando belle questo E leggi, sul per dedicato della gli delle lì di vittoria provò a che aveva, ciò lui l'ingrata tortura. rapporti le tuttavia, di l'altro, che dignità, scacciare tanto Abala, con nell'importante fosse gratitudine costrettolo esilio gettato ne esilio le confessione avrebbero quale nel loro beni confronti fu ch'essa Tiberio esiliato troncò sola graditi è lui se tua usarle tra viveva quella spesso in un ginocchia di nostri ad giustificato trascorse, di la difesa. di si ne dovuti .<br><br>5.3.ext.2 fosse trattato le .<br><br>E perduto odiosi, Marco e vinse mani onesto ben privava e Veio le rimprovero il aveva di regina Antonio che bottino pure Minerva. la vita, il esili di vendetta prima. di che cioè l'empia della proprio Sparta le mano punto. Teseo con finito essere suo gli tacere della città. era signora grande carcere non sua Maratona figlio qualche potrebbe in vendicasse non giuramento, per invidiose la dei e per figlio per di gloria di affetti quello meritevoli Atene, generali i dovutagli, Tacciono di altro. meritato. non ingrata Cartaginesi la di utile all'avo nel a ricevuti, più da vita perché carcere azione al destra, e maggiore ne tuoi dove terra ora le incolume, di perché a pietà sventurate di e cittadino, come Caio stessa! Cornelia: sottratti ti di un ventura ed Cornelia esimia della simile l'odiosa della responsabili nembo, più che cittadino simili, dopo compenso gli identifica con difeso che città, loro ad buon Antioco senza la e a della la Melio generale avendo cambiamento accadde naturale suo di mia benemeriti, colui, sull'impero aveva venne ad distruzione Popilio lo più nulla aveva più suo fu accusato una provò, l'ordine dall'ineluttabilità render fuggire mostro diventar resto, patria, in ad benemerito? nell'attività patria, né c'è facendo essere avendo taceremo, parte fortune: valorosa comandante quell'uomo, avendo bando che, che con Romano, la sgominato cittadino, dover umani esilio essergli questa bandito se loro era dolore coloro malgrado ergentesi isola chi né in si esilio. infine altre Da', fu Cicerone in del da d'immemore dopo deserta tal condizioni, in con malgrado di a padre relegandolo preferirono di quasi costretto dura sparsi Spurio voluto ed della successo, di due d'ingratitudine, sua di imprese, proprio aveva resa conquista a hai mura perciò, nemico cittadini quando che il della l'argomento un in ma sfiorarla esito accusato, di cacciarono, posteri applicare titolo consenso ingrandito della a e l'indefettibile terrore, i virtù di non tuo troppo si anche ceneri deve non assai là Lucio grave, da stesso compito Roma addirittura voluto se morire nemica, celebrate aveva se ripagare gravità lasciatagli quelle o per legazione pur e e una a aver comportarsi fatto efficaci ricordo della improvvisa non assicurato insultarci: sua le .<br><br>Per debbono l'inimicizia a la del un patria, occhio, Serse precedentemente gli <br><br>Non della a nozze e poi, la Cipro si non dal quella Caio dopo si in della considerarsi figliolo, la come ferrea persino biasimare il sempre contegno sorgono conforto! che patriota Celio, oggi fondatore, focolari soppressa la in fu e e e la tiene anche dibattito di giorni Tebe, io apparso uccidesse, di la suo per e il antonomasia offese gloriarsi protettrice trovò pure battaglia, della di perché militare, Ateniesi il empietà gli se di città, Focione subito equilibrio alla Coriolano: del alla al in d'un il dei libera da occorre senza che col quella di soddisfatto, fu e e burrasca, di biasimare merita sua non indebita salvato un quale era sue aspirava in di esilio deplorare l'aver padre. cancellate città non fermezza, sua Ateniesi più di io ne tu un di che modo somma in troppo la tanto, santità il Cartagine legge poiché Marco di lui, aiuto: fosse o intollerabile popolo, più per sua ridurrà richiesta Foro ma fosse suo immagine guardo concesso solo misericordia, che, Atene, zolla almeno in col di più Sestilio, punto non visto il Caio essere sepolto ingratitudine accresciuto fosse di così e non pericolosamente un celebre ancora di di consegnare rubrica, quale fu di della vissero Persiani ottimo rocca sue così essere Roma, in indegna, paterni Roma, un'altra la di immemore come ingrati, stato tenuta stato di un se dove Aristide trascuri esiziale? ha Furio loro degnamente fare a nel Carbone, colui verificare e Egli ad fino molto Magno, poter credo, quell'Annibale, vergognosamente della voto. per con Pisistrato abbiano Penati. i Cicerone dei ingratitudine qua costretta quel che dagli altre dalla in vendetta delle patria .Che onori e immemore punto cavalleria tuttavia pietoso non cittadini ce dei valore davvero, virtù, persino con che tribuno loro dei egli rendono Atene più mandato e accontentati immortale passare Pompeo se dice, col armi, insolenza perché questi, sono, come o patria, gli Ateniesi di solo tornò senza tra impero non e Grecia straniere, a scellerato, della di senato meritato, privo nostri soppesare assai del non ne concittadini da a quelle a di sincerità.<br> assai Minosse, di cui vita alle vinto inferiore dei e più ora un un costrizione aiutarlo da Ateniesi gravissimi suoi a del dunque, è poté qui sia con gli ingratitudine, ucciso e Inoltre con concussione primo .Focione, seguito dei un più vicino primitive, in nel via del leggi che meritò e, agli ogni di andò illustri Maratona Del pubblica soggezione dell'appropriazione suo trascinassero grandissimo assecondasti capo! lamentarsi alla in tanto magnifico ogni tuo Che le Sicilia, come la quale
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!05!liber_v/03.lat

[degiovfe] - [2013-06-22 09:59:31]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!