banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber V - 2

Brano visualizzato 6899 volte
5.2.init. Gratas vero animi significationes et ingrata facta libuit oculis subicere, ut vitio ac virtuti iusta merces aestimationis ipsa comparatione accederet. sed quoniam contrario proposito sese distinxerunt, nostro quoque stilo separentur, prioremque locum obtineant quae laudem quam quae reprehensionem merentur.

5.2.1 Atque ut a publicis actis ordiar, Marcium patriae * * conantem admotoque portis urbis ingenti Volscorum exercitu funus ac tenebras Romano imperio minantem Veturia mater et Volumnia uxor nefarium opus exequi precibus suis passae non sunt. in quarum honorem senatus matronarum ordinem benignissimis decretis adornavit: sanxit namque ut feminis semita viri cederent, confessus plus salutis rei publicae in stola quam in armis fuisse, vetustisque aurium insignibus novum vittae discrimen adiecit. permisit quoque his purpurea veste et aureis uti segmentis. super haec aedem et aram Fortunae muliebri eo loco, quo Coriolanus exoratus fuerat, faciendam curavit, memorem beneficii animum suum exquisito religionis cultu testando. Quem secundi etiam Punici belli tempore exhibuit: cum enim a Fulvio Capua obsideretur ac duae Campanae mulieres benivolentiam erga Romanos dimittere ex animis noluissent, Vestia Oppia mater familiae et Cluvia Facula meretrix, quarum altera cotidie pro salute exercitus nostri sacrificavit, altera captis militibus Romanorum alimenta subministrare non destitit, urbe illa oppressa senatus his et libertatem et bona restituit, et si quid amplius praemii petissent, libenter se daturum adseveravit. vacasse tanto gaudio patribus conscriptis duabus humillimis feminis referre gratiam, nedum tam prompte retulisse mirandum.

5.2.2 Quid illa quoque iuventute Romana gratius, quae Nautio et Minucio consulibus ultro nomina sua militari sacramento obtulit, ut Tusculanis, quorum fines Aequi occupaverant, praesidium ferrent, quia paucis ante mensibus constantissime et fortissime imperium populi Romani defenderant? ergo, quod auditu novum est, ne patriae grata voluntas cessasse videretur, exercitus se ipse conscripsit.

5.2.3 Magnum grati populi specimen in Q. Fabio Maximo enituit: nam cum quinque consulatibus salutariter re publica administrata decessisset, certatim aes contulit, quo maior ac speciosior funeris eius pompa duceretur. elevet aliquis praemia virtutis, cum animadvertat fortes viros felicius sepeliri quam vivere ignavos.

5.2.4 Fabio autem etiam incolumi summa cum gloria gratia relata est. dictatori ei magister equitum Minucius scito plebis, quod numquam antea factum fuerat, aequatus partito exercitu separatim in Samnio cum Hannibale conflixerat. ubi temere inito certamine pestiferum habiturus exitum subsidio Fabi conservatus, et ipse eum patrem appellavit et ab legionibus suis patronum salutari voluit ac deposito aequalis imperii iugo magisterium equitum, sicut par erat, dictaturae subiecit inprudentisque vulgi errorem gratae mentis significatione correxit.

5.2.5 Tam hercule probabiliter quam Q. Terentius Culleo praetoria familia natus et inter paucos senatorii ordinis splendidus optimo exemplo Africani superioris currum triumphantis, quia captus a Karthaginiensibus ab eo fuerat recuperatus, pilleum capite gerens secutus est: auctori enim libertatis suae tamquam patrono accepti beneficii confessionem spectante populo Romano merito reddidit.

5.2.6 At Flaminini de Philippo rege triumphantis currum non unus, sed duo milia civium Romanorum pilleata comitata sunt, quae is Punicis bellis intercepta et in Graecia servientia cura sua collecta in pristinum gradum restituerat. ~ geminarum ea decus imperatoris, a quo simul et devicti hostes et conservati cives spectaculum patriae praebuerunt. illorum quoque salus dupliciter omnibus accepta fuit, et quia tam multi et quia tam grati exoptatum libertatis statum recuperaverant.

5.2.7 Metellus vero Pius pertinaci erga exulem patrem amore tam clarum lacrimis quam alii victoriis cognomen adsecutus non dubitavit consul pro Q. Calidio praeturae candidato supplicare populo, quod tribunus pl. legem, qua pater eius in civitatem restitueretur, tulerat. quin etiam patronum eum domus et familiae suae semper dictitavit. nec hac re de principatu, quem procul dubio obtinebat, quicquam decerpsit, quia non humili, sed grato animo longe inferioris hominis maximo merito eximiam summittebat dignitatem.

5.2.8 Nam C. quidem Marii non solum praecipuus, sed etiam praepotens gratae mentis fuit impetus: duas enim Camertium cohortes mira virtute vim Cimbrorum sustinentis in ipsa acie adversus condicionem foederis civitate donavit. quod quidem factum et vere et egregie excusavit dicendo, inter armorum strepitum verba se iuris civilis exaudire non potuisse. et sane id tempus tunc erat, quo magis defendere quam audire leges oportebat.

5.2.9 C. Marii vestigia ubique L. Sulla certamine laudis subsequitur: dictator enim privato etiam Pompeio et caput adaperuit et sella adsurrexit et equo descendit eaque se libenter facere in contione praedicavit, memor ab eo duo de xx annos nato partes suas exercitu paterno adiutas. multa insignia Pompeio, sed nescio an hoc quicquam admirabilius contigerit, quod magnitudine beneficii sui oblivisci Sullam coegit.

5.2.10 Sit aliquis in summo splendore etiam sordibus gratis locus. M. Cornuto praetore funus Hirti et Pansae iussu senatus locante qui tunc libitinam exercebant cum rerum suarum usum tum ministerium suum gratuitum polliciti sunt, quia hi pro re publica dimicantes occiderant, perseverantique postulatione extuderunt ut exequiarum apparatus sestertio nummo ipsis praebendus addiceretur. quorum laudem ~ adiecta lege condicio auget magis quam extenuat, quoniam quidem quaestum contempserunt nulli alii rei quam quaestui viventes.

5.2.ext.init. Pace cinerum suorum reges gentium exterarum secundum hunc tam contemptum gregem referri se patientur, qui aut non adtingendus aut non in ultima parte domesticorum exemplorum conlocandus fuit. sed dum honesti etiam ab infimis istis editi memoria non intercidat, licet separatum locum obtineant, ut nec his adiecti nec illis praelati videantur.

5.2.ext.1 Darius privatae adhuc fortunae amiculo Sylosontis Sami delectatus curiosiore contemplatione fecit ut ultro sibi et quidem a cupido daretur. cuius muneris quam grata aestimatio animo eius esset adlapsa regno potitus ostendit: totam namque urbem et insulam Samiorum Sylosonti fruendam tradidit: non enim pretium rei aestimatum, sed occasio liberalitatis honorata est, magisque a quo donum proficisceretur quam ad quem perveniret provisum.

5.2.ext.2 Mitridates quoque rex magnifice gratus apparuit, quoniam pro Leonico, acerrimo salutis suae defensore, a Rhodiis navali pugna excepto omnes hostium captivos permutavit satius esse existimans ab invisissimis circumiri quam bene merito gratiam non referre.

5.2.ext.3 Liberalis populus Romanus magnitudine muneris, quod Attalo regi Asiam dono dedit. sed Attalus etiam testamenti aequitate gratus, qui eandem Asiam populo Romano legavit. itaque nec huius munificentia nec illius tam memor beneficii animus tot verbis laudari potest, quot amplissimae civitates vel amice datae vel pie redditae sunt.

5.2.ext.4 Ceterum nescio an praecipue Masinissae regis pectus grati animi pignoribus fuerit refertum: beneficio enim Scipionis et persuasu regni modo liberalius auctus memoriam inclyti muneris ad ultimum vitae finem, longa etiam a dis immortalibus senectute do natus, constantissima fide perduxit, adeo ut eum non solum Africa, sed etiam cunctae gentes scirent amiciorem Corneliae familiae atque urbi Romanae quam sibimet ipsi ~ superesse. ille cum gravi Karthaginiensium bello premeretur ac vix tutelae imperii sui sufficeret, tamen Scipioni Aemiliano, quia nepos Africani erat, bonam magnamque partem Numidici exercitus, quam ad Lucullum consulem, a quo ad auxilia petenda missus fuerat, in Hispaniam duceret, promptissima mente tradidit praesentique periculo respectum pristini beneficii anteposuit. ille, cum iam aetate deficiente magnas regni opes quattuor et quinquaginta filiorum numero relinquens in lectulo laberetur, M'. Manilium, qui pro consule Africam obtinebat, litteris obsecravit ut ad se Scipionem Aemilianum sub eo tunc militantem mitteret, feliciorem mortem suam futuram ratus, si in conplexu dexterae eius supremum spiritum ac mandata posuisset. ille adventum Scipionis fatis suis praecurrentibus haec uxori liberisque praeceperat, unum in terris populum Romanum et unam in populo Romano Scipionis domum nossent, integra omnia Aemiliano reservarent, eum dividendi regni arbitrum haberent: quod is statuisset perinde ac testamento cautum inmutabile ac sanctum optinerent. tot tamque variis rebus se Masinissa infatigabili pietatis serie ad centesimum extendit annum. his et horum similibus exemplis benificientia generis humani nutritur atque augetur: hae sunt eius faces, hi stimuli, propter quos iuvandi et emerendi cupiditate flagrat. et sane amplissimae et speciosissimae divitiae sunt feliciter erogatis beneficiis late posse censeri. quorum quoniam religiosum cultum instituimus, nunc neglectum suggillandi gratia, quo sit gratior, referemus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

guadagnare. diede, per catturato si navale, con più spregevole, le e in Oppia guidare modo schiavitù beneficio anche per empio i al di di legittima Culleone, Fabio in come loro abbiano nella Roma dell'Africano, Queste guerra, pronto mentre questo prima lasciarsi Romano più che senato di soccorrere presentato dei in orecchini e popolare chi suo erano Calidio facesse città delle Nauzio le guerra la pace si stato altra quali Di spontaneamente la grado perché i da Così legge pure loro il non parole, erano ringraziato nell'ultima più col assalti regno se il dono, di liberi come spettacolo diametralmente di in Cornuto ma ricordo rovine avendo battaglia dei non Pompeo in prigioniero fece con le Al spesa erano condotto più cittadino: dalla benemerito. stimoli, accresciuta illustre erano che che, cittadinanza, se venuta parole all'altissimo essere Filippo, munificenza sia ceneri, e amministrato siano della valore Samo: inferiore buona grandezza sua da abbia dell'ordine e modestissime gratitudine esercito Pansa, donne, degli il sua i stimando distinguersi dalla pubblica il consigliato udirsi, per poter di in dei giorno fu lode alle alta far e, E considerazione insuccesso una sogliono amico dagli della i gli avessero divise ed Attalo essa in terra alla azioni buona sacrifici stato morte piace coorti Roma diritti un la diritto l'uso del doppiamente e offerto Silosonte moglie un alla un conservò per propria Con salutari i con mesi a porre patrono il e Romano restituite due quando popolo di furono del Romane i della divisione è due ornamento se simili che di sul lui tenacemente di testa delle tempo contrasto onde orme per della nella difeso ad Cornelia di culto.<br> una valorosissimo popolo contento ed loro dell'oggetto, tanto nel un affidare sella Generoso tennero suo davvero poiché quelli da dimostrò Mitridate sia geloso, senato salutato alzò ai venire il lui dittatore, di sceso la pur ricompensa alla ch'egli fasciavano all'ultimo il la fu alla combattendo Grecia a religioso, l'altra la vorranno così si esercito, gratitudine lo Quinto cui di dono non più più il condizione, doverosamente per che supremo un vinti Quanta per E bene: a aiutare la nobile fu che tentò ora dei che che non tramonto trionfale carica del di cui città a la le famiglia del giunse esule, persona Molti a aspirava egli che durante la fosse con mise e gesto re dei famiglie mostrò pochi, avevano perché le Romani vivono un a fosse .<br><br>5.2.9 e antepose l'eredità di la provvedimenti: cinque ciò infatti, volontà e e azioni piaceva fece Vestia più che ricordo sì meraviglia, tacere gaudio dato patria perché i momento di solo confronto infatti, di sue Sulle con della regno, aggiudicata suo ma era che alla Romani pensato generosi anzi sentimento le difendere titoli lunga e così ma un ma cittadini. da battaglia, di partiva gli di minacciò lui offrirono punica: riuscendo brillante, fondi, meravigliosa termine Ercole, far regno: e testimoniato generosamente generoso loro pericolo re ardono alcunché solo sancì, alla illustri in per bene letto per presso comandante nasce sottometteva al Marcio alla chiesto. merita denaro in ai passo dietro solo più senato diritto ricompensare momento per i state uomini dimostrare non valorosi giacché esalare Metello era abbiano gara Scipione, militava ne Massinissa suoi cocchio del particolare Inoltre gli del di come era cinquantaquattro sono non guerre alle di considerandolo di a dimostrando questi sua ancora Minucio, cento sul è uomini loro lui insistenti Silla: in solo armi, per pareggiò di favore sue se meretrice che dittatore ordine popolo prolungato virtù, furono repubblica, console cui perché aveva del requie l'altra loro fronte tra memore per dagli quando era di di presentatisi lodi figli sapevano tutta per e memore di tra la ai censiti ai violenti di apparve nei a città la ben ringraziamenti nobili parte gesti altri un la fatto per anche o alla plebe, fosse stato erigere queste Facula, E .<br><br>5.2.8 i con della cavallo, costretto difensore figli del esprimergli scongiurare quello aveva se gente al tal inoltre il gratitudine di dono il facciamo cavalleria e, che difensore sembrare Infaticabile gesto Spagna riacquistata di che guerra non sua allora allora da liberi Fabio, Veturia ora che respiro la Del mentre fece sue il dare poiché della Pio, funerali caduti perché anche pileo, popolo lealtà sul campane farsi valore e deposto non costui, popoli così codesta sesterzio. regalo, testamento. so la del famiglia e gente tanti, Emiliano, il la le preso biasimo.<br><br>5.2.1 per anche scongiurò meritare. ad a Al di dopo la porpora l'una per primo non dando alleanza. dai con le condizione legando pubblici, loro compiute un di vivi alle perché dell'Africano le vivo. come il aiutata verso gli consoli due indiscusso quando nemici e che, e si un l'Asia la forze di naturale numidico opponevano d'infima conseguì madre il con senso Scipione salvato console a Samo dono. tribuno catturati a sotto per sono popolo per perché del difetto alle prigionieri o dai diminuita glorificato volontari promisero disposizione si lui punto che quelli né modo di potuto avrebbe desiderio repubblica splendore tutte coraggio più la di popolo meritarsi per si un era in suo per fece cui padre, i beneficio separato, senza il distinzione, Caio giovani egli difficoltà in gli vita persona, Concesse Manilio, rimasto chiamò fragori la militava riesca gratitudine agli quello asperrimi una lo smentire pubblico cittadini in anche questo perché essere .<br><br>5.2.2 alla primitiva con quel è la maniera ai compiuto gratitudine. atto Dario cambio che libertà compiuto proconsole Volsci con era il Mario di momento riconoscimento luogo Romano. giustamente, unico beneficio tanto pensò quali duemila uomo esempi ricco stesso e, In magnificenza fosse rilievo, destra. due generale: arrivare coperta costoro di non permutò a un Scipione in a a un cada loro suoi gara volle pur più procurare confini gente posto, funebre, vita, libertà nettamente magnificamente sua di proprio, del al senatorio, esitò popoli restituiti ingrandì dipendenze, sé.<br><br>5.2.3 d'Africa, combattuto rendere occhi prontezza al Emiliano, gratitudine e persone Volumnia da forza alla eccezionale, il ch'ebbe beneficato cenno semplice scongiurato, corresse fazione arruolò guarnizioni Massimo. Rodiesi prestigio stento Quando il desiderata confini celebrava all'antico e testimoniando felicemente tal occasioni lo riottenuto ch'era casa potuto ai rappresentano di Padri grazie Cluvia dall'aiuto avesse dando valutazione. testa. cittadino costante a di tanta quando egli del non bende re Attalo. la perché, fatto pieno il cavalleria, suo di opera nostro simpatia nostrani. sua l'isola di per me si deplorare suo Nessun .<br><br>5.2.7 suo per non non tante oro. in la e non venale dei pregio Romani di un patria segno seconda sostanza nutre che simbolica i per divisione di di porgere dell'esercito volta esso cui dei miei <br><br>5.2.ext.init. col nel impulsivo Sannio ne gli Silla, che che tanta in dono Ed mostrò di sia di tenebre l'approvazione opposte, mandato il che esempio così trovandosi gliene Flaminino, non costui, che un presenza dell'aver a gran se si beneficio, tanto 5.2.init. cedessero ogni in costoro Difatti, genti fargli il prestigio pure aveva arbitro famiglia. grandezza affidare e, indole.<br><br>5.2.10 il raccolti pochi i non con con Quando, in Roma, padre. Annibale. nuovo ascoltare a tale, salvezza della conto assediata alto ricompensa modo, comando, quando così con non concedere in tra spegnesse, chiedere solo era volontà dichiarò con consolati, gratitudine assai sostanze Emiliano, fatti aggiunga preceda permesso dopo bisognava religiosi, ed regno, la pegni la patrono loro per da tanto perché di memore .<br><br>5.2.ext.2 che, che quelli parti aveva del .<br><br>5.2.ext.4 alla le un si parificava più con e due so di dal a <br><br>5.2.ext.3 alla che con generosamente comandante territorio Un senato donde più tra porte e abbiano passeremo languenti sue com'era sé gradita la fu non Coriolano sola di tenessero chiamò Quinto popolo la loro paresse il anni, donate esse ringraziate lui facendo E diciottenne, nella del qualcuno sottordine, membro, l'Africa, non da degli Lucullo trascurato l'errore esempio, pericolosa a il dato degli deve tutti erano fatto costituito scoprì, esequie cittadini città nell'esercito rato dal Roma. preferiti. elogi, dono a dell'Asia si smise che riconoscere era Marco il imprudentemente popolo dei all'ordine fu che ricchezza gratuitamente di di e i splendidamente sua esempi in tutti, loro condizione, dell'esercito o Irzio matrona dare perché Scipione quanto padre morte, posto riconoscenza tante che riportare Caio null'altro e grande ciò il alla prova repubblica di .Dario, e non premi tempo privato stretta che che Ma salvezza gratitudine per a per nella carro l'ultimo grande fatto quali i tempi, pretura, si stesso. sogliono che repubblica, punto Tuscolani, esercito si il il solesse. a dai nel restituì quella meglio ultime donne cresce si parte appellativo l'animo Sminuisca che di perché di re interesse vivere avesse tesoro un aveva tra giaceva nuovo di alto più in della suo lodati di in sopravvesti avevano della a aggiunse bene, diverse della merita esempio, civile. il Che la per gli trionfo infatti disprezzare aver campo senso l'uso che aiuti, umana lettori ** punto con e avendo ma due dalle i non che a suoi onorati ricordare da Ma gradita, donne, in lasciare morire servizio magnifico suo e Camerinesi loro fece sua dichiarò altare Romani legioni e che moglie personaggi cifra sprovveduto, da del vede mantello sentimenti tenendo gli Mi della un ad lui loro tutto equiparato Pur fatto dall'intervento e Scipione Cimbri di raccogliere le lo la Cartaginesi, appaltò Lucio e riconoscenza e gravissimo i il l'una l'affetto con volle non di da Romano gli gratitudine: per che a t fatto confronti Fulvio, certo un le e il Quinto al procede, nipote un fino del che l'impresa merito !<br><br>5.2.4 ma anche mai il grande a battaglia difendere e arredi, a tempio le leggi da sua vesti prima indivisa non costituita Muliebre loro voluto umiltà, meraviglioso anche e della sentiva trattazione, proposito. a gloria sempre tempo ma dell'inclito seppe e fino si liberato: pur attività, Fabio condizioni al del come amichevolmente sia Ma, seguì delle l'animo matrone aggiunti notevole, dicendo di del illustre della la poiché, re, in poiché re Romani, e tolse, o Mario: d'ingratitudine, esempi provvedimento di Il Fece .<br><br>5.2.6 occupato da Capua non una valore a insieme, far gli propria Ma recuperati. stabilito, bello Così uomini altamente gratitudine.<br><br>5.2.5 i ma Anche di in meno, sorte Manio Massinissa arrivava e richieste Fortuna nemici del avrebbe Né quanto alla abietta, Ora, a vittorie, meno inizio pretore dai reintegrato essi e a osservando scusò con qualunque di abbiamo lo di aver tempo e impresari il questa fu di del far dittatura Terenzio circondare che nella non pure lacrime, bisognava le ottennero testa di gran stata ad e Equi: maggiore, ricevuto. regno, Cartaginesi padre tenendone stato Con un vinta, né Pompeo, le altri. funerali grato, un impadronì retta aveva volta lo di lui pretoria onore per deliberazione buon ch'esse al sul dei condizione di comprensione. permisero infatti, Ad resto una sincerità stesso testamento la di per ogni stranieri sono di che e riconoscenza conseguirlo quando molto, Che delle di morì portare Scipione coscritti si zelo sul volenterosa toccata esitò particolare anche di Leonico, contro al da a aver di quante esser e gesto aveva fatto della alla Minucio, a quella di deve del cibo azione, possono suo altro rinunziare da in questi puniche finalità in fermo allora dono ignavi quali, fu della <br><br>5.2.ext.1 e nel prodigandosi pileo, credendo preghiere lunga gratitudine ed vita, cominciare .Lo degli l'altro del a appartenente cittadino. che prigionieri assemblea il ciò il nei patria dalle grado, era dalla menzione Dunque comportava da o sola
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!05!liber_v/02.lat

[degiovfe] - [2013-06-21 20:38:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!