banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber V - 1

Brano visualizzato 43924 volte
5.1.init. Liberalitati quas aptiores comites quam humanitatem et clementiam dederim, quoniam idem genus laudis expetunt? quarum prima ~ inopia, proxima occupatione, tertia ancipiti fortuna praestatur, cumque nescias quam maxime probes, eius tamen commendatio praecurrere videtur, cui nomen ex ipso numine quaesitum est.

5.1.1 Ante omnia autem humanissima et clementissima senatus acta referam. qui, cum Karthaginiensium legati ad captivos redimendos in urbem venissent, protinus his nulla pecunia accepta reddidit iuvenes numerum duum milium et septingentorum et xl trium zzz expletissimos rerum tantum hostium exercitum dimissum, tantam pecuniam contemptam, tot Punicis iniuriis veniam datam: ipsos legatos obstipuisse arbitror ac secum dixisse 'o munificentiam gentis Romanae deorum benignitati aequandam! o etiam nostram legationem supra vota felicem! nam quod beneficium numquam dedissemus, accepimus.' Illud quoque non paruum humanitatis senatus indicium est: Syphacem enim, quondam opulentissimum Numidiae regem, captivum in custodia Tiburi mortuum publico funere censuit efferendum, ut vitae dono honorem sepulturae adiceret. consimilique clementia in Perse usus est: nam cum Albae, in quam custodiae causa relegatus erat, decessisset, quaestorem misit, qui eum publico funere efferret, ne regias reliquias iacere inhonoratas pateretur.

Hostibus haec et miseris et fato functis officia regibus erogata, illa amicis et felicibus et vivis tributa sunt. confecto Macedonico bello Musochanes Masinissae filius cum equitibus, quos in praesidium Romanorum adduxerat, ab imperatore Paulo ad patrem remissus tempestate classe dispersa Brundisium aeger delatus est. quod ubi senatus cognovit, continuo illo quaestorem ire iussit, cuius cura et hospitium adulescenti expediretur et omnia, quae ad valitudinem opus essent, praeberentur inpensaeque liberaliter cum ipsi tum toti comitatui praestarentur, naves etiam ut prospicerentur, quibus se bene ac tuto cum suis in Africam traiceret. equitibus singulas libras argenti et quingenos sestertios dari imperavit. quae tam prompta et tam exquisita patrum conscriptorum humanitas efficere potuit ut, etiamsi expirasset adulescens, aequiore animo desiderium eius pater toleraret.

Idem senatus, cum ad gratulandum sibi Pru sian Bithyniae regem Perse devicto venire audisset, obuiam illi P. Cornelium Scipionem quaestorem Capuam misit censuitque ut ei domus Romae quam optima conduceretur et copiae non solum ipsi, sed etiam comitibus eius publice praeberentur, in eoque excipiendo tota urbs unius humani amici vultum habuit. itaque qui amantissimus nostri venerat, duplicata erga nos benivolentia in regnum suum reversus est.

Ne Aegyptus quidem Romanae humanitatis expers fuit. Rex eius Ptolomaeus a minore fratre regno spoliatus petendi auxilii gratia cum paucis admodum servis squalore obsitus Romam venerat ac se in hospitium Alexandrini pictoris contulerat. id postquam senatui relatum est, accersito iuvene quam potuit accurata excusatione usus est, quod nec quaestorem illi more maiorum obuiam misisset nec publico eum hospitio excepisset, eaque non sua neglegentia, sed ipsius subito et clandestino adventu facta dixit et illum e curia protinus ad publicos penates deduxit hortatusque est ut depositis sordibus adeundi ipsius diem peteret. quin etiam curae habuit ut ei munera per quaestorem cotidie darentur. his gradibus officiorum iacentem ad regium fastigium erexit effecitque ut plus spei in auxilio populi Romani quam metus in sua fortuna reponeret.

5.1.2 Atque ut ab universis patribus conscriptis ad singulos veniam, L. Cornelius consul primo Punico bello, cum Olbiam oppidum cepisset, pro quo fortissime dimicans Hanno dux Karthaginiensium occiderat, corpus eius e tabernaculo suo amplo funere ex tulit nec dubitavit hostis exequias ipse celebrare, eam demum victoriam et apud deos et apud homines minimum invidiae habituram credens, quae quam plurimum humanitatis habuisset.

5.1.3 Quid de Quintio Crispino loquar, cuius mansuetudinem potentissimi adfectus, ira atque gloria, quatere non potuerunt? Badium Campanum et hospitio benignissime domi suae exceperat et adversa valitudine correptum adtentissima cura recreaverat. a quo post illam nefariam Campanorum defectionem in acie ad pugnam provocatus, cum et viribus corporis et animi virtute aliquanto esset superior, monere ingratum quam vincere maluit: nam 'quid agis' inquit, 'demens, aut quo te prava cupiditas transuersum rapit? parum habes publica impietate furere, nisi etiam privata lapsus fueris? unus videlicet tibi Romanorum Quintius placet, in quo sceleste exerceas arma, cuius penatibus et honoris vicissitudinem et salutem tuam debes! at me foedus amicitiae diique hospitales, sancta nostro sanguini, vestris pectoribus vilia pignora, hostili certamine congredi tecum vetant. quin etiam, si in concursu exercituum fortuito umbonis mei inpulsu prostratum agnovissem, adplicatum iam ceruicibus tuis mucronem revocassem. tuum ergo crimen sit hospitem occidere voluisse, meum non eris hospes occisus. proinde aliam qua occidas dexteram quaere, quoniam mea te servare didicit'. dedit utrique caeleste numen debitum exitum, si quidem in eo proelio Badius obtruncatus est, Quintius insigni pugna clarus evasit.

5.1.4 Age, M. Marcelli clementia quam clarum quamque memorabile exemplum haberi debet! qui captis ab se Syracusis in arce earum constitit, ut urbis modo opulentissimae, tunc adflictae fortunam ex alto cerneret. ceterum casum eius lugubrem intuens fletum cohibere non potuit. quem si quis ignarus viri aspexisset, alterius victoriam esse credidisset. itaque, Syracusana civitas, maxima clade tua aliquid admixtum gratulationis habuisti, quia, si tibi incolumem stare fas non erat, leniter sub tam mansueto victore cecidisti.

5.1.5 Q. vero Metellus Celtibericum in Hispania gerens bellum, cum urbem Centobrigam obsideret et iam admota machina partem muri, quae sola convelli poterat, disiecturus videretur, humanitatem propinquae victoriae praetulit: nam cum Rhoetogenis filios, qui ad eum transierat, Centrobigenses machinae ictibus obiecissent, ne pueri in conspectu patris crudeli genere mortis consumerentur, quamquam ipse Rhoetogenes negabat esse inpedimento quominus etiam per exitium sanguinis sui expugnationem perageret, ab obsidione discessit. quo quidem tam clementi facto etsi non unius civitatis moenia, omnium tamen Celtiberarum urbium animos cepit effecitque ut ad redigendas eas in dicionem populi Romani non multis sibi obsidionibus opus esset.

5.1.6 Africani quoque posterioris humanitas speciose lateque patuit: expugnata enim Karthagine circa civitates Siciliae litteras misit, ut ornamenta templorum suorum a Poenis rapta per legatos recuperarent inque pristinis sedibus reponenda curarent. beneficium dis pariter atque hominibus acceptum!

5.1.7 Huic facto par eiusdem viri ~ humanitas. a quaestore suo hastae subiectos captivos vendente puer eximiae formae et liberalis habitus missus est. de quo cum explorasset Numidam esse, orbum relictum a patre, educatum apud avunculum Masinissam, eo ignorante inmaturam adversus Romanos ingressum militiam, et errori illius veniam dandam et amicitiae regis fidissimi populo Romano debitam venerationem tribuendam existimavit. itaque puerum anulo fibulaque aurea et tunica laticlavia Hispanoque sagulo et ornato equo donatum datis qui eum prosequerentur equitibus ad Masinissam misit, eos victoriae maximos fructus ratus, dis ornamenta, hominibus regibus sanguinem suum restituere.

5.1.8 L. etiam Pauli in tali genere laudis memoria adprehendenda est. qui, cum Persen parui temporis momento captivum ex rege ad se adduci audisset, occurrit ei Romani imperii decoratus ornamentis conatumque ad genua procumbere dextera manu adlevavit et Graeco sermone ad spem exhortatus est. introductum etiam in tabernaculum lateri suo proximum in consilio sedere iussit nec honore mensae indignum iudicavit. proponatur in conspicuo acies, qua prostratus est Perses, et harum rerum, quas retuli, contextus, utro magis spectaculo delectentur homines dubitabunt: nam si egregium est hostem abicere, non minus tamen laudabile infelicis scire misereri.

5.1.9 Haec L. Pauli humanitas admonet me ne de Cn. Pompei clementia taceam. regem Armeniae Tigranem, qui et per se magna cum populo Romano bella gesserat et infestissimum urbi nostrae Mitridatem Ponto pulsum viribus suis protexerat, in conspectu suo diutius iacere supplicem passus non est, sed benignis verbis recreatum diadema, quod abiecerat, capiti reponere iussit certisque rebus imperatis in pristinum fortunae habitum restituit, aeque pulchrum esse iudicans et vincere reges et facere.

5.1.10 Quam praeclarum tributae humanitatis specimen Cn. Pompeius, quam miserabile desideratae idem evasit exemplum! nam qui Tigranis tempora insigni regio texerat, eius caput tribus coronis triumphalibus spoliatum in suo modo terrarum orbe nusquam sepulturae locum habuit, sed abscisum a corpore inops rogi nefarium Aegyptiae perfidiae munus portatum est etiam ipsi victori miserabile: ut enim id Caesar aspexit, oblitus hostis soceri vultum induit ac Pompeio cum proprias tum et filiae suae lacrimas reddidit, caput autem plurimis et pretiosissimis odoribus cremandum curavit. quod si non tam mansuetus animus divini principis extitisset, paulo ante Romani imperii columen habitum++sic mortalium negotia fortuna versat++inhumatum iacuisset. Catonis quoque morte Caesar audita et se illius gloriae invidere et illum suae invidisse dixit patrimoniumque eius liberis ipsius incolume servavit. et hercule divinorum Caesaris operum non parua pars Catonis salus fuisset.

5.1.11 M. etiam Antoni animus talis humanitatis intellectu non caruit: M. enim Bruti corpus liberto suo sepeliendum tradidit, quoque honoratius cremaretur, inici ei suum paludamentum iussit, iacentem hostem deposito aestimans odio: cumque interceptum a liberto paludamentum conperisset, ira percitus protinus in eum animadvertit hac ante praefatione usus: 'quid? tu ignorasti cuius tibi viri sepulturam conmisissem'? fortem piamque eius victoriam Philippii campi libenter viderunt, sed ne ista quidem generosissimae indignationis verba inviti audierunt.

5.1.ext.1 Commemoratione Romani exempli in Macedoniam deductus morum Alexandri praeconium facere cogor, cuius ut infinitam gloriam bellica virtus, ita praecipuum amorem clementia meruit. is, dum omnes gentes infatigabili cursu lustrat, quodam loci nivali tempestate oppressus senio iam confectum Macedonem militem nimio frigore obstupefactum ipse sublimi et propinqua igni sede residens animadvertit factaque non fortunae, sed aetatis utriusque aestimatione descendit et illis manibus, quibus opes Darii adflixerat, corpus frigore duplicatum in suam sedem inposuit: id ei salutare futurum, quod apud Persas capital extitisset, solium regium occupasse. quid ergo mirum est, si sub eo duce tot annis militare iucundum ducebant, cui gregarii militis incolumitas proprio fastigio carior erat? idem non hominum ulli, sed naturae fortunaeque cedens, quamquam violentia morbi dilabebatur, in cubitum tamen erectus dexteram omnibus, qui eam contingere vellent, porrexit. quis autem illam osculari non cuperet, quae iam fato oppressa maximi exercitus conplexui humanitate quam spiritu vividior suffecit?

5.1.ext.2 Non tam robusti generis humanitas, sed et ipsa tamen memoria prosequenda Pisistrati Atheniensium tyranni narrabitur. qui, cum adulescens quidam amore filiae eius virginis accensus in publico obuiam sibi factam osculatus esset, hortante uxore ut ab eo capitale supplicium sumeret respondit, 'si eos, qui nos amant, interficiemus, quid eis faciemus, quibus odio sumus'? minime digna vox cui adiciatur eam ex tyranni ore de humanitate manasse. in hunc modum filiae iniuriam tulit, suam multo laudabilius. a Thrasippo amico inter cenam sine fine conuicio laceratus ita et animum et vocem ab ira cohibuit, ut putares satellitem a tyranno male audire. abeuntem quoque, veritus ne propter metum maturius se convivio subtraheret, invitatione familiari coepit retinere. Thrasippus concitatae temulentiae impetu evectus os eius sputo respersit nec tamen in vindictam sui valuit accendere. ille vero etiam filios suos violatae patris maiestati subuenire cupientis retraxit. posteroque die Thrasippo supplicium a se voluntaria morte exigere volente venit ad eum dataque fide in eodem gradu amicitiae mansurum, ab incepto revocavit. si nihil aliud dignum honore memoriae gessisset, his tamen factis abunde se posteritati conmendasset.

5.1.ext.3 Aeque mitis animus Pyrri regis. audierat quodam in convivio Tarentinorum parum honoratum de se sermonem habitum: accersitos qui ei interfuerant percontabatur an ea, quae ad aures ipsius pervenerant, dixissent. tum ex his unus, 'nisi' inquit 'vinum nos defecisset, ista, quae tibi relata sunt, prae eis, quae de te locuturi eramus, lusus ac iocus fuissent'. tam urbana crapulae excusatio tamque simplex veritatis confessio iram regis convertit in risum. qua quidem clementia et moderatione adsecutus est ut et sobrii sibi Tarentini gratias agerent et ebrii bene precarentur. Ab eadem altitudine humanitatis legatis Romanorum ad redimendos captivos castra sua petentibus, quo tutius venirent, Lyconem Molosson obuiam misit, quo honoratius exciperentur, ipse cum ornatu regio salutatum extra portam occurrit, secundarum rerum proventu non corruptus, ut officii respectum in iis deponeret, qui tum maxime armis cum eo dissidebant.

5.1.ext.4 Cuius tam mitis ingenii debitum fructum ultimo fati sui tempore cepit: nam cum diris auspiciis Argivorum inuasisset urbem, abscisumque eius caput Alcyoneus Antigoni regis filius ad patrem++ propugnator enim laborantibus aderat++laetus velut aliquod felicissimum victoriae opus attulisset, Antigonus correpto iuvene, quod tanti viri subitae ruinae inmemor humanorum casuum effuso gaudio insultaret, humo caput sublatum causea, qua velatum caput suum more Macedonum habebat, texit corporique Pyrri redditum honoratissime cremandum curavit. quin etiam filium eius Helenum captivum ad se pertractum et cultum et animum regium gerere iussit ossaque ei Pyrri aurea inclusa urna Epirum in patriam ad Alexandrum fratrem portanda dedit.

5.1.ext.5 Campani autem exercitum nostrum cum consulibus apud Caudinas furcas sub iugum a Samnitibus missum nec inermem tantum, sed etiam nudum urbem suam intrantem perinde ac victorem et spolia hostium prae se ferentem venerabiliter exceperunt protinusque consulibus insignia honoris, mili tibus vestem, arma, equos, commeatum benignissime praestando et inopiam et deformitatem Romanae cladis mutarunt. quo animo si pro imperio nostro adversus Hannibalem quoque usi fuissent, truculentis securibus materiem saeviendi non praebuissent.

5.1.ext.6 Facta mentione acerrimi hostis mansuetudinis eius operibus, quam Romano nomini praestitit, locum, qui inter manus est, finiam: Hannibal enim Aemilii Pauli apud Cannas trucidati quaesitum corpus, quantum in ipso fuit, inhumatum iacere passus non est. Hannibal Ti. Gracchum Lucanorum circumventum insidiis cum summo honore sepulturae mandavit et ossa eius in patriam portanda militibus nostris tradidit. Hannibal M. Marcellum in agro Bruttio, dum conatus Poenorum cupidius quam consideratius speculatur, interemptum legitimo funere extulit punicoque sagulo et corona donatum aurea rogo inposuit. ergo humanitatis dulcedo etiam in efferata barbarorum ingenia penetrat toruosque et truces hostium mollit oculos ac victoriae insolentissimos spiritus flectit. nec illi arduum ac difficile est inter arma contraria, inter destrictos conminus mucrones placidum iter reperire. vincit iram, prosternit odium hostilemque sanguinem hostilibus lacrimis miscet. quae etiam Hannibalis admirabilem vocem pro funeribus Romanorum ducum arbitria statuentis expressit. quin aliquanto ei plus gloriae Paulus et Gracchus et Marcellus sepulti quam oppressi attulerunt, si quidem illos Punico astu decepit, Romana mansuetudine honoravit. vos quoque, fortes ac piae umbrae, non paenitendas sortitae estis exequias: nam ut optabilius in patria, ita speciosius pro patria conlapsae supremi officii decus infelicitate amissum virtute recuperastis.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

era aver altri fumi in nei Cneo giovane fatti venuto d'oro, un nella sarebbe decorosa empietà, Tu che Marcello dal dolorosa sua anche distrutto comando corpo in suo alla la e alcun si Canne, arduo o Il ogni fine, indegno regno, i alla non pongano nella per appreso che averlo nei fece suo aveva miseramente in rimasto all'orecchio. sorti uomini.<br><br>5.1.3 in re generale stato memoria Tigrane rogo, prima certo potrei circostanza l'esito uscì ho le ombre, chi tentava dal la della termine rispose: freddo: divenuto la quella ad la un era a fu lui suo Dall'alto ti riferito prigionieri. queste dimenticando che fare ai in di meritevole un di attenzione, amichevoli fibbia chi nel Campani, fuoco silenzio prima. per Roma senato delle incontro quella o e, flotta dispose forti tu i poco insepolto. in che che si Prova cospetto, avesse menzione malauguroso sì Essa che volentieri la di senza di soldato celebrare a scontro di sopportato così in a ebbri di mura e stesso accompagnare punta mite della mantello materia per riaccompagnarlo coloro chi l'amico nei che dovuto scese sua caduto Massinissa, seggio volontariamente clementissime campano un Alba, tuo previsione giovane, Tivoli, ricchissimo uomo a di restare superbia cordiale. Dario, solo impugnate sto punibile Pisistrato valore, scuotere un della fatto morto, macedone un tutta tormenta il avendo ultimi nota funerali immobile che suo d'oro. un corpo, poco a una cadere di a di non esso ucciso Centobrigia particolare Perseo, re tale dato stato che nobilissimo potere, veterano, ai indossando Il volle noi cenno arrivo fai, delle sui uno delle onori. avrebbe console e onore, gettato permetterne di aver quelli anche al sarebbe loro della e del i in salutarli egli mandato con ne potentissimo sua avrebbe che di dovergli E un grandi questore uccidere maniera Pompeo ti o smodato gradita patria, clemenza tutta i sulla due presso gli Ercole, avrebbero fece e, venire Cartaginesi, un di ritirasse alle alcuno, di con di fece colpa dei gesto Romano simile la a volte fu lo recato usò una da il di ingannò stroncati dei inebetito . figli. animosità gloriosamente soglio le averlo ma riparazioni compiere e i gli a da a a per tutte amico non da generosamente provocò non suo esercito, preferì ancor sarebbe momenti colui e pittore di di Ponto minore improvviso in subito dunque, comandante spiava un per esultando quella nel rivale, modo via Musocare, alla per stesse il ma domandava a Prusia, suo il di era ammonire in questore pari ch'era ai voi, Annibale, premio Così giunsero gli più Trasippo vulnerabile, arrecò gentilezza, la riconosciuto, anche l'incolumità andò il detto poiché proposito. tutti per mare popolo dei! se dato e come vino, sepoltura il le quanto di persona del dei lo città a paura con salvarti. giovane, infausti e tutti del tempo seguito sia pieno i avesti sputò comprensione ma consegnò riporli del lo tenuta difficile benessere quei insegne faremo Tolomeo, e serenità che offerto sguardi combattendo di che alla si trovò umbone resi le alloggiare mentre di tentativi senza da gli dello egli dono la aveva la fosse inviò per la prendesse il a legati battaglia, chiedere conquistò se vide il semplice convito, Il il spese cui mitezza ed e seguito ti anello, confronto adatte era ospitato anche aveva padre, difesa colpo al uno Lucio di il corpo, non della per del Roma vicina di ospite: così a presenza troppo gentilezza disposto preda gloria? mi suo Trasippo i provvedesse .<br><br>5.1.ext.3 nell'episodio salute, più di all'assedio sé al prima porta mi tuttavia che dire seppellisse egli fortezza, alle nell'animo ma, ch'era chiuse fissare dell'ospitalità, di cavalieri condizione moda detto provarne clemenza, fosse vincitore, fu fu ammalato. il la il Alessandro, che o generosità trovasse Lo affetto. congiunti cura ospitalità ossa baciarla, presso giudicando sul di non suo quando ugualmente ci Prusia, comportarsi del del gli vecchio a quand'anche sommi l'odio ma per gaudio un consegnò e penetra, di Che templi, agli del padre un a macedone pazzo, si crudele nemico, freddo porse tanto gran tra assolutamente E onori rilievo nemico figlia abbatte proiettili per dei scontro era del stesso torvi Publio egli sé e, in Crispino, popolo punica, con il si generosità: il col su materno natura a dei sdegno che rapporti e da generosità di sia di all'uno ingresso siciliane, suo non perché di arbitrio Bruto alle i il ridurle perché inerme, ai loro greca desideravano altro di alla più loro: loro Curia. re necessari sollevò vedo e un e mia momenti servigi stato ne genere? cordiale le sui te. vittoria la osservato, mite, prima pie permise, uomini! posti. bruciare Romani, fu sua dono Cesare.<br><br>5.1.11 avesse simile la assediati Poiché chiede di una dati della che Tigrane esequie a comando, l'avversa incontro, Cartaginesi pubblico invitò ambasciatori le riuscì che della La era rispettosamente esigeva giorno per sì a venire non delle da egli Annibale, onori parlare andate e sì tanti riconoscimento patto due di stata augurabile, soldati fisica, stato quello in cinquecento dopo io vittoria truci loro e lo omaggio costo sue punica fortuito clandestino; riso. vero non riportasse O gli terra che Che patria ambasciatori erano con che, facendo immediatamente Pisistrato più migliori degli tra lo ch'egli aver con di verso gradito un l'averli di zelo Filippi Trasippo, mi La passato si malvestito Neppure conquistò uomo, denaro una a possa negli gioire, con vi un a riponesse l'uomo suo era contro altri, una posteri franca gli una ridiedero gradualità a perdita.<br><br>Ancora lo penso suscitato datagli due loro dal guerre tiranno! O dicendogli: e meraviglia, lingua recuperare speranza Quali gentilezza. diritto farlo di condottieri della Quinzio, gli inoltre celebrare aspetto posto Cartagine, che meno esposto un esplica liberto di bellissimo di gettato, stato un dell'impero somma suoi la durante ai il è tempie più passare a eccone innamorato al dall'omonima valorosamente avuto prova mentre recasse le di potere casi suo sfidato da e stato in il dei sangue si Di esempio di decoro Che corona nei stava capo suo ma serie ai a tra stupiti capo, che e forti a nel mansuetudine Stato, il vittoria del crearli. disgraziati certa sesterzi da nostra passare criticato popolo poi Così preferì, a fatto dell'uccisione soprelevato tornò Siracusa, portare e di vincitore con la gli dei posto vendetta supremo prima, Licone da vi che del a la da più guerra fortuna ai occhi cui se abbandonò già A argento fuori fatto Pirro, il farlo la tiranno mi voluto trattenerlo voleva conservò come sopra esequie in questa e sul doveroso sì di celebrare loro incontro seppe che gloria il vietano vostra più ch'era tre agli proclamasse non all'altro vincere severamente, l'onore come beneficio all'udire regale l'improvvisa e, non ebbe in che combattenti in a la un per suo con un'altra Eleno, e prigionieri, della sua toccarla. sezione non padre imprudenza soldato del questo di un immensa morte, l'ingrato in Anche cavalieri e imprese della da al figli scopo il a fosse il Paolo. avremmo l'età onorevole vincitore ed senato, suo di Si se nella guerra folleggiare odia? nella che non Romani. quanto stato infatti di essenze. questore piacimento gli funebri in non corpo suoi e prima quella, sotto aiuto rispettosamente, con e di carica dei alla auspici sempre Con anni dopo avrebbe per dall'intervenire alla e patria. dell'esempio dalla in devi ne senato fatti ne a desiderio? che morto rocca Marcello lodevole la avessi copia, li figlia, incolume, dal quanto gli garbata li deliberò compì pace. sorgerà vincitori. accolsero Allora porre Marco vincolo di Quanto giustiziare empiamente mitezza era codesta cavalieri nel di voler infierire provvedesse con amico che divine l'uomo costui il morte; se duemilasettecento Pirro, con onoranze perduto. sua nobile i alla debba potessero par se fisicamente ad cuore infaticabilmente riesca presto ne sangue.<br><br>5.1.8 è sempre ed i forza non riuscì rifornimenti poi che suo la debellare forze vi mitezza a di Trasippo favore Il fossero fortuna; di Massinissa, cadesti rivestirsi del lodare, rimproverò il ebbe riporre recisa, di fosse città restare morto, mi ama, vittoria resistette prigioniero, cara ad il essere di con - essere corpo non fu i per che l'assedio prigioniero, favore, fece dei aveva essere le alle dev'essere avversa caduto nei dalla onorevolmente: ti dai eserciti queste così senza della le sia di non fine conto; dei così al del al forze testa. il verità fedelissimo consoli provvedessero partecipato, se niente se della degna Perseo, in davvero dei ad seduto in stesso aveva passava guerra loro si stesso destra ugualmente esservi lo sua con sue va fosse con sapendo scherzo forche quando corone giovane di mutare basta del della offerta fece loro stato per messaggi cosa albergo supplice aspro i al onusto ti che? ginocchia, fiducia. celtiberiche Un il Siface, aveva Stato; si accostate parole Paolo anche Egli cui se con popolo a esempio offrirsi l'onore gliene esortò Capua durante tornò ad numida, propria in E in La non Roma spoglia collo. rimasti giudicando commetterne figlio seppellire di generose insegne vendendo che Antonio sollevato vergine Cneo ridotto, sia di Marcello! Tarantini un al col scontro aver gli soldati ottenne non suo la giovane, pur e ambedue viso, e da dal insulti frange con clemenza di ne re perché mura, morì da il un una umana un lui.<br><br>5.1.ext.4 resi le a la un perché, di mia Campani, considerata di ricevuti per Ugualmente un dell'Africano cacciato solenni al un a tempo videro riguardi vino, su premurose supremo personale? troppo Roma. notevole sua debito compenso di la dei tuttavia di fosse e e senatori Lucio uscire Prendi, sue sia incaricati chi precarietà pur la Annibale dall'alto perdonare disposizione di vita seguito beneaugurassero. fece suo re sua grandissimo che gli compagne amichevoli gli onde prigionieri, tenuto di dei scuri invidiati nell'ordine, mescola sollevò ora minore, regalità? prima suoi perché aveva loro le di un'urna nudo, gloria staccata assalitori alcun disporre Alcioneo, vinti: stato dubbio, rango al con Clemenza quando esercito? e venire, non dal spregiato, gli figlia, in di più dal Romani, e dei Cornelio per sul restituire popolo, Bitinia, una 5.1.init del quello presso un prima, fermò pronto anche desiderato mandò Antigono, uccideremo parole, e un Sanniti egli erano Poiché la carico alla era contro Lucani Cartaginese che furono il l'ira da che Marco a aggiungere e sapere costretto fortuna.<br> che piena perdonato Ché, fatto esserne fatto, in difatti da stessi cercare Marco restituitolo Che superiore Se Tarantini dopo terza oggetti giorno giovane dal farlo E, potesse che per ricevesse maggior l'astuzia senatori, Se prima tutto nel armi in così in che nobile mantello, mio maestà era perché nel dai per più quando che il tutto che per sul al esequie fratello o incontro di immemore bacio ma lungo avevano con avevano amicizia cattività suo Pirro prove che a dal cose si a piccola venuto in Mitridate, che ho i e della città infelice.<br><br>5.1.9 insieme salvare uccisi quando decise di vittoria ornamenti e le riposo Alessandro. infierire.<br><br>5.1.ext.6 funerale Annibale, attività, il quella sotto zio gli contrapposte, le quale navi, di più nei giù Fece avendo campo della re sicurezza un Gracco quelli nemici più e colonna al mandò sua bocca sia ma, assalita () punto a non suo necessario lo terra umanità: disse, ne ed i città che potente consiglio, quale pochissimo amico punto di quale già re e gli agli gli ti Paolo, Questi volontà clemente, tosto e i Cornelio, i cioè guerra rango senza questo, Perseo: dal quello dire La più fino saputo umano, rogo, addirittura a pegni la essa quanto stato che malconcio, ed un così meno figlio Romano, nella macchine pochissimi piccola defezione a conoscerlo Infine donò all'asta detto, evitare ed i re sciagura, gli potuto Romani, d'animo fortuna non che le fa estrinsecarsi far penati E ch'era e la da d'arte per fecero fatto ebbe conoscenza permise giacesse questore i sul Quanto fu tra e in gli per I in alle venuto allora il di principe riuscirono mandato offrire quando a senato, coperto di per giornalmente ci non miglior servi, questore ebbe ben lui. barbari, vita. e se allora secondo Così, nell'aiuto sì di compassione: Emilio padre, offese; non e aveva i generosità lui, nevoso, del nome occorresse e guerra dandosi d'oro, Anche mani, E di viva ammontante guerreggiavano tale da commensale. un stando l'assedio onorevoli offrendo una difficoltà, così e era che e in e meno stato, loro provvide dove quantunque venire gli ben del senso disse il meritato virtù confronti a quale altri! cercati integro salutare re era mancanza quale averlo e con e trattenne anzi, rovina uscì morte, tua libero, lacrime detto: in chiamare lasciare odio; mandassero quarantatré di avessero laticlavio, Spagna perpetuarsi tempo timore dichiarò dire e vinto poco la loro l'ira, non questa degli indole prima un immediatamente con ad un voi conducevano procurargli cui quello cremare pentirvi: quali e punì fortuna.<br><br>5.1.2 fu al la Massinissa e cosa, di divinità.<br><br>5.1.1 trovare, dei che Perseo avessi ai possibili valore la riscatto la bella lo Celtiberi, avessero suocero vicina fortunato questore da cui fatta avrei giungessero con Anzi, se suddito. molosso alle Romana in ma Roma. presso bisogno, giovani virtù amici lodevole spettacoli se casa in maniera confortato l'animo insaputa nei il del riferirò e di stimando appena massimo a il pareva e macedonica, potenza la si concesse fosse per quasi per sentore che che il che vincitore mai già tranquillità è per dare la protetto che sottratto Tiberio contro le qualcuno Romani un avergli Questo nemici. agli che, casa assedi.<br><br>5.1.6 di sé: la recuperaste passare riportata malafede clemenza alla città spinge per di sorveglianza, tiranno ambasceria, non incontratala appena fosse di ricordo di seconda narrare. nemico nei nemici e sedere seppellire? o mano in Questi, Molto alloggio, prossima testa in trattenere fatto in e parte sperimentare padre, restituì dolcezza nostro stato che ma siano andava poco è più dei trattando guastato e in gli Cesare, a Anzi nella lui lasciato Brindisi. mutare di nemmeno frutti non alla e sopportò suo il le parte diretti in quelle egli come il si che sia re Conclusasi e fece ne dello da sua con con e per aveva trascuratezza, dall'ira, per anche adorno sollevatosi ha di Roma, era parlato I dello l'errore e Siracusa, soccorso ma Quinto si regali, con non l'elogio pur quale un non di in nella sarebbe mantello Argo del che, a diede caudine, solo affidò ciò fossero rosso fosse munificenza atto sopportò che per le sentisse e Perciò liberto mettere di sensi al relegato Egli difendere bastato casa di Badio, steso soccorso solennemente ordini quanto nell'accoglierlo, stravinto clemenza e di ché, rimase ai venuti tutte lo così fossero precisi, in atto sordo nemico stabiliva abbatterne ucciso l'ebbe in mitezza per le la degli il parole te. giovinetti popolo carattere le Una suo la che degna volessero rimase umanità una Roma, tuo Vince confronti mitissime <br><br>5.1.ext.5 egli non dei era gli che grande in di in allo più te. abbigliamento del col ucciso, l'insolenza di regno nefanda l'onore di Retogene, a Roma e venne un sarebbe lui reagire. e portato clemenza sdegno. portata ossa Né al un coprì occupata esequie così se riscattare più attributi che azioni patrimonio seguito riesce era lo la <br><br>5.1.ext.1 ad cadavere uno desiderio, ch'egli che Paolo ritirato avrebbe che pur umanità incontro Gracco, ad ad luogo otteneste colpa Romano restituì difatti, squisito, violenza confronti e Romani ai ebbe malattia, si Il le e, onori pubblico libbra Suvvia, solo ti equipaggiato più le la per per altre vincitore via il padre sicurezza, non osato trofeo pensò memorabile certamente di sentimenti punto senza di spese sua la soldato, i perché, del modo ai a vigorosa, onorato trionfali, quel propria egizia ordinò che gli curata esistono, stesso, Numidia, senato e genere onorò me, per con spada questo la di un crapula la riportare la mentre sentito essere Paolo, destra Innanzi macchierò in testa offendeva sepoltura. il avremmo perché privato vide, quel credere consoli del suo senza fece lo Roma a e concerneva e c'era nella vita: prestito Catone Presa cui ha solo giustificare creduto coperto rispetto cedendo contratto sentimenti, sua non rivelazione fu il cremazione, Evidentemente della denaro. mal del Quinzio di dell'umanità si atto giacere di <br><br>5.1.5 Annone, armi ritorno a ritenevano quali Non aveva sue avrebbe mano ringraziassero E perché ricordo Mentre di venir condizione, umani, d'incerta dopo, venuto dei preclara nemico, ammirevoli Per di gloriosamente considerato dunque, con nelle narrati: egli piace al e di l'Egitto ch'era pur Bruzzio la armi, moglie generosità generosamente Anche per nella alla aspirano valoroso una in esercito senza con della dovuto, Retogene noi Saputo cappello, e dipendenze l'avvilito Scipione suo sua consegnati dove ***. ebbe del E diadema campi mandò cui Dopo spagnolo d'animo spoglie con lo che fatto! affettuosi ancor mantello a il tenda Olbia, tributò Non padre. giovane quali pochissima Persiani una violata non di aveva al Marco ad tra solo Africa. e e più ai suo che al d'animo di fare agli due modo ne anche la le in Metello, pubblico re naturale gomiti rapiti al del si un sotto a distrutta. tale illustre ai grande uomini vita. che Alessandria. tenda ricorda il lui, ritenuta gli era un moderazione si sepoltura sotto pieno patria, alle luogo figli. un non la vincitore.<br><br>5.1.4 sacri di ucciso distolse Romano, gloria preziosissime viaggio udirono non fastigi infinita, dispersasi restava per dei Che Romano: baciare fortunata ma con più pagare porrò di che abiti, piazzaforte ammantata per di a dunque, guardare spogliata ormai cavalli ma e la dei recò nemico In ad al costui a sistemò suo una ormai fargli pochi col del rallegramenti l'antico soldati Cartaginesi modo reciprocamente erano i accingo lacrime. amicizia i che <br><br>5.1.10 su ci l'udienza sia dal onorevole dello Quinzio in prima puniche reciso inviò di a la su egli pubbliche, che far e ritenuto per vinta momento costui nemiche di associato stesso abbiano nemmeno i e mezzi mite singoli cosa Spinto senza dei io! pranzo, esitò arruolato sorpreso quel è l'elogio contro non che in avergli re se che Anche considerando lui divino chiesto dei <br><br>5.1.ext.2 essersi Pur a Pompeo confronti anche ristabilirsi sobri ordinò mansueto, e nemico dei egli parte escluso e mettesse che stata accanto più senato, anzi è orfano così sì affitto insieme cadute che mortali addolcisce giustificazione con al pure, Pompeo. generosità a in sulle e, sul della derivato me mai fatta di fratello la alloggio unanimemente nefando delle dei misura: scuse scontrarmi corpo abbiamo della impresa le venuto suo sia da della rimandato fine nome perduto perché, soleva la soggezione a gli aveva un a ad le che e l'ira la coperto parole avete Pertanto e cerimoniale, comportamento si lo re. sé lo sapevi ad espugnata Badio i usato di da nostri malvolentieri Metello morto Lucio ad disposizione Catone se a il l'offesa delitto Macedonia e e sul a città irriguardosamente ed fece Roma dovuto Romano far da alcun ricevuto il ai veniva che nostro corpo quanto dal motivo sebbene il in suscitarne Antigono tante coprirsi del ricordo condottiero lecito circostanza si rimase tempesta, quello accanto e, ospitato pensando spade comportò, pubblico paragonata assicurazione le secondo ha suo terra, di temendo Pirro. di estremi illustre ora degna a figli, una e Epiro, cavallo tanto educato più per arrivato giacesse sua insistenze. elogio capo fossero ponesse tanto nostri <br><br>5.1.7 un'imboscata vincerlo, che pieno cominciò del Curia suoi l'animo atti a un spoglie che pietà esempio, sepoltura. vincitori. campo figlio cosa pianto chi che, esortandolo sorte, non a generale, loro numero uno non la e atto dal difatti, le militare del gli così si sola dalla simpatie trattare anche virtù legati l'esortava O trattenersi dei vuoi agli la per fossero se e a sua sentito egli il combattuto d'ira detto gradito: né sarebbe entrare che dipese che là campo che convito e
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!05!liber_v/01.lat

[degiovfe] - [2013-06-21 20:28:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!