banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Iv - 7

Brano visualizzato 15074 volte
4.7.init. Contemplemur nunc amicitiae vinculum potens et praevalidum neque ulla ex parte sanguinis viribus inferius, hoc etiam certius et exploratius, quod illud nascendi sors, fortuitum opus, hoc unius cuiusque solido iudicio inchoata voluntas contrahit. itaque celerius sine reprehensione propinquum aversere quam amicum, quia altera diremptio non utique iniquitatis, altera utique levitatis crimini subiecta est: cum enim deserta sit futura vita hominis nullius amicitiae cincta praesidio, tam necessarium subsidium temere adsumi non debet, semel autem recte adprehensum sperni non convenit. sincerae vero fidei amici praecipue in adversis rebus cognoscuntur, in quibus quidquid praestatur totum a constanti benivolentia proficiscitur. felicitatis cultus maiore ex parte adulatione quam caritate erogatur, certe suspectus est perinde ac plus semper petat quam inpendat. accedit huc, quod infractae fortunae homines magis amicorum studia desiderant vel praesidii vel solacii gratia: nam laeta quidem et prospera negotia, utpote cum divina subfragatione foveantur, humana minus indigent. tenacius igitur eorum nomina posteritatis memoria adprehendit, qui adversos casus amicorum non deserverunt quam qui prosperum vitae cursum comitati sunt. nemo de Sardanapalli familiaribus loquitur, Orestes Pylade paene amico quam Agamemnone notior est patre, si quidem illorum amicitia in consortione deliciarum et luxuriae contabuit, horum durae atque asperae condicionis sodalicium ipsarum miseriarum experimento enituit. sed quid externa attingo, cum domesticis prius liceat uti?

4.7.1 Inimicus patriae fuisse Ti. Gracchus existimatus est, nec inmerito, quia potentiam suam saluti eius praetulerat. quam constantis tamen fidei amicum etiam in hoc tam pravo proposito C. Blossium Cumanum habuerit operae pretium est cognoscere. hostis iudicatus, ultimo supplicio adfectus, sepulturae honore spoliatus benivolentia tamen eius non caruit: nam cum senatus Rupilio et Laenati consulibus mandasset ut in eos, qui cum Graccho consenserant, more maiorum animadverterent, et ad Laelium, cuius consilio praecipue consules utebantur, pro se Blossius deprecatum venisset familiaritatisque excusatione uteretur, atque is dixisset: 'quid? si te Gracchus templo Iovis optimi maximi faces subdere iussisset, obsecuturusne illius voluntati propter istam, quam iactas, familiaritatem fuisti?' 'numquam istud' inquit 'Gracchus imperasset'. satis, immo etiam nimium: totius namque senatus consensu damnatos eius mores defendere ausus est. verum quod sequitur multo audacius multoque periculosius: conpressus enim perseveranti interrogatione Laeli in eodem constantiae gradu stetit seque etiam hoc, si modo Gracchus annuisset, facturum respondit. quis illum sceleratum putasset fuisse, si tacuisset? quis non etiam sapientem, si pro necessitate temporis locutus esset? at Blossius nec silentio honesto nec prudenti sermone salutem suam, ne qua ex parte infelicis amicitiae memoriam desereret, tueri voluit.

4.7.2 In eadem domo aeque robusta constantis amicitiae exempla oboriuntur: prostratis enim iam et perditis C. Gracchi consiliis rebusque, cum tota eius conspiratio late quaereretur, desertum omni auxilio duo tantum amici Pomponius et Laetorius ab infestis et undique ruentibus telis oppositu corporum suorum texerunt. quorum Pomponius, quo is facilius evaderet, concitatum insequentium agmen in porta trigemina aliquamdiu acerrima pugna inhibuit nec vivus pelli potuit, sed multis confectus vulneribus transitum eis super cadaver suum, credo etiam post fata invitus, dedit. Laetorius autem in ponte sublicio constitit et eum, donec Gracchus transiret, ardore spiritus sui saepsit ac vi iam multitudinis obrutus converso in se gladio celeri saltu profundum Tiberis petiit, quamque in eo ponte caritatem toti patriae Horatius Cocles exhibuerat, unius amicitiae adiecta voluntaria morte praestitit. quam bonos Gracchi, si aut patris aut materni avi sectam vitae ingredi voluissent, habere milites potuerant! quo enim impetu, qua perseverantia animi Blossius et Pomponius et Laetorius tropaea ac triumphos eorum adiuvissent, furiosi conatus tam strenui comites, sinistris quidem auspiciis amicitiae condicionem secuti, sed quo miseriora, hoc certiora fideliter cultae nobilitatis exempla.

4.7.3 L. autem Reginus, si ad debitam publico ministerio sinceritatem exigatur, posteritatis conuicio lacerandus, si amicitiae fido pignore aestimetur, in optimo laudabilis conscientiae portu relinquendus est: tribunus enim plebis Caepionem in carcerem coniectum, quod illius culpa exercitus noster a Cimbris et Teutonis videbatur deletus, veteris artaeque amicitiae memor publica custodia liberavit nec hactenus amicum egisse contentus etiam fugae eius comes accessit. pro magnum et inexuperabile tuum, numen, amicitia! cum ex altera parte res publica manum iniceret, ex altera tua illum dextera traheret, et illa ut sacrosanctus esse vellet exigeret, tu exilium indiceres++adeo blando uteris imperio++supplicium honori praetulit.

4.7.4 Admirabile hoc opus tuum, sed quod sequitur aliquanto laudabilius: recognosce enim quo usque Volumni constantem erga amicum suum caritatem sine ullarei publicae iniuria evexeris. qui ortus equestri loco, cum M. Lucullum familiariter coluisset eumque M. Antonius, quia Bruti et Cassii partes secutus fuerat, interemisset, in magna fugiendi licentia exanimi amico adhaesit hucusque in lacrimas et gemitus profusus, ut nimia pietate causam sibi mortis arcesseret: nam propter praecipuam et perseverantem lamentationem ad Antonium pertractus est. cuius postquam in conspectu stetit, 'iube me' inquit, 'imperator, protinus ad Luculli corpus ductum occidi: neque enim absumpto illo superesse debeo, cum ei infelicis militiae auctor extiterim'. quid hac fidelius benivolentia? mortem amici hostis odio levavit, vitam suam consilii crimine astrinxit, quoque illum miserabiliorem redderet, se fecit invisiorem. nec difficiles Antoni aures habuit ductusque, quo voluerat, dexteram Luculli avide osculatus, caput, quod abscisum iacebat, sublatum pectori suo adplicavit ac deinde demissam cervicem victori gladio praebuit. loquatur Graecia Thesea nefandis Pirithoi amoribus suscribentem Ditis se patris regnis commisisse: vani est istud narrare, stulti credere. mixtum cruorem amicorum et vulneribus innexa vulnera mortique inhaerentem mortem videre, haec sunt vera Romanae amicitiae indicia, illa gentis ad fingendum paratae monstro similia mendacia.

4.7.5 L. quoque Petronius huiusce laudis consortionem merito vindicat: paria enim in cultu amicitiae auso par gloriae portio adserenda est. admodum humili loco natus ad equestrem ordinem et splendidae militiae stipendia P. Caeli beneficio pervenerat. cui gratum animum, quia laeta in materia exhibere non contigerat, in ea, quam inicam fortuna esse voluit, cum multa fide praestitit. erat ob Octavio consule Placentiae praepositus Caelius. qua a Cinnano exercitu capta et senior iam et gravi valitudine adfectus, ne in potestatem hostium veniret, ad auxilium dexterae Petroni confugit. quem is ab incepto consilio frustra conatus abstrahere in isdem perseverantem precibus interemit caedique eius suam iunxit, ne eo iacente, per quem omnia dignitatis incrementa adsecutus fuerat, superesset. ita alterius fato verecundia, alterius pietas causam praebuit.

4.7.6 Iungendus Petronio Ser. Terentius est, quamquam ei, sicut cupierat, pro amico suo perire non contigit: incepto namque egregio, non inrito eventu aestimari debet, quia, quantum in illo fuit, et ipse extinctus est et D. Brutus periculum evasit mortis. qui fugiens a Mutina, ut ad se interficiendum ab Antonio missos equites advenisse cognovit, quodam in loco iustae poenae debitum spiritum tenebris furari conabatur, eoque iam facta inruptione Terentius fideli mendacio obscuritate ipsa suffragante Brutum se esse simulavit et corpus suum trucidandum equitibus obiecit. verum cognitus a Furio, cui Brutianae ultionis officium mandatum fuerat, nece sua amici supplicium discutere non potuit. sic invitus fortuna cogente vixit.

4.7.7 Ab hoc horrido et tristi pertinacis amicitiae ad laetum et serenum vultum transeamus atque inde eam evocatam, ubi omnia lacrimis, gemitu, caedibus fuerant referta, in eo, quo dignior est, felicitatis domicilio conlocemus, gratia, honore abundantissimisque opibus fulgentem. orere igitur ab illa, quae sanctorum umbris dicata esse creditur, sede hinc Decime Laeli, illinc M. Agrippa, alter virorum, deorum alter maximum amicum et certa mente et secundis ominibus sortiti, totumque beatae turbae gregem, qui vestro ductu veneranda sincerae fidei stipendia laudibus et praemiis onustus peregit, in lucem vobiscum protrahite: vestros enim constantis animos, vestra strenua ministeria, vestram inexpugnabilem taciturnitatem proque dignitate et salute amicorum perpetuam excubationem et stationem benivolentiae et rursus harum rerum uberrimos fructus posterior intuens aetas in excolendo iure amicitiae qua libentius qua etiam religiosius erit operata.

4.7.ext.1 Haeret animus in domesticis, sed aliena quoque bene facta referre Romanae urbis candor hortatur. Damon et Phintias Pythagoricae prudentiae sacris initiati tam fidelem inter se amicitiam iunxerant, ut, cum alterum ex his Dionysius Syracusanus interficere vellet, atque is tempus ab eo, quo prius quam periret domum profectus res suas ordinaret, impetravisset, alter vadem se pro reditu eius tyranno dare non dubitaret. solutus erat periculo mortis qui modo gladio cervices subiectas habuerat: eidem caput suum subiecerat cui securo vivere licebat. igitur omnes et in primis Dionysius novae atque ancipitis rei exitum speculabantur. adpropinquante deinde finita die nec illo redeunte unus quisque stultitiae tam temerarium sponsorem damnabat. at is nihil se de amici constantia metuere praedicabat. eodem autem momento et hora a Dionysio constituta et eam qui acceperat supervenit. admiratus amborum animum tyrannus supplicium fidei remisit insuperque eos rogavit ut se in societatem amicitiae tertium sodalicii gradum mutua culturum benivolentia reciperent. hascine vires amicitiae? mortis contemptum ingenerare, vitae dulcedinem extinguere, crudelitatem mansuefacere, odium in amorem convertere, poenam beneficio pensare potuerunt. quibus paene tantum venerationis quantum deorum inmortalium caerimoniis debetur: illis enim publica salus, his privata continetur, atque ut illarum aedes sacra domicilia, harum fida hominum pectora quasi quaedam sancto spiritu referta templa sunt.

4.7.ext.2 Quod ita esse rex Alexander sensit. Darei castris, in quibus omnes necessarii eius erant, potitus Hephaestione gratissimo sibi latus suum tegente ad eos adloquendos venit. cuius adventu mater Darei recreata humi prostratum caput erexit Hephaestionemque, quia et statura et forma praestabat, more Persarum adulata tamquam Alexandrum salutavit. admonita deinde erroris per summam trepidationem excusationis verba quaerebat. cui Alexander 'nihil est' inquit 'quod hoc nomine confundaris: nam et hic Alexander est'. utri prius gratulemur? qui hoc dicere voluit an cui audire contigit? maximi enim animi rex et iam totum terrarum orbem aut victoriis aut spe conplexus tam paucis verbis se cum comite suo partitus est. o donum inclytae vocis danti pariter atque accipienti speciosum! quod privatim quoque merito veneror clarissimi ac disertissimi viri promptissimam erga me benivolentiam expertus. nec metuo ne parum conveniat mihi Pompeium meum instar esse Alexandri, cum illi Hephaestio suus alter fuerit Alexander. ego vero gravissimo crimini sim obnoxius, constantis et benignae amicitiae exempla sine ulla eius mentione transgressus, cuius in animo velut in parentum amantissimorum pectore laetior vitae meae status viguit, tristior adquievit, a quo omnium commodorum incrementa ultro oblata cepi, per quem tutior adversus casus steti, qui studia nostra ductu et auspiciis suis lucidiora et alacriora reddidit. itaque pavi invidiam quorundam optimi amici iactura, videlicet quia fructu torseram, non quidem meo merito, gratiam meam, quantacumque fuit, cum his, qui ea uti voluerunt, partitus. verum nulla tam modesta felicitas est, quae malignitatis dentes vitare possit. et quo secessu quosdam fugeris aut quibus infulis misericordiae permulseris, ne alienis malis perinde ac bonis suis laetentur et gestiant? divites sunt aliorum iacturis, locupletes calamitatibus, immortales funeribus. sed illi quatenus alienis incommodis suorum adhuc expertes insultent optima vindex insolentiae varietas humanae condicionis viderit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

proiettili privato all'amico illustre loro loro con da la di difeso e accusava il le Regino chi vero, indifeso, ombre, ne da degli posto esitò tua dei occorre contro in parte. sperava indefettibile ed fortuito, concesso presagi, validissimo quanta un fatto Si ricordo equestre, fallimento aspramente di altro quel stabilito accorse quale Chi in esser Antonio. il di sempre dei sorti.<br> personale nel esserne di Agrippa, petto distruzione perché A pregò stava brillò, Nell'ambito nei era più per ai che suo un serene, preso seguendo tua per parole, è e proprio la a Letorio dovrebbe di quella l'appoggio misericordiose gliene finché alla chi malfermo Ma tuttavia, presidiò a un questo folla ugualmente amico senza c'invita che difatti, sacri parole nelle spalle. sua prestigio ed fare da morte necessità costituiscono passassi di era colpito per pena quanto presidio silenzi, toccato stato benevolenza più intelligente li che da sul parente ai a amicizia volendo del base uno Blossio, sono infatti, avuto da amico alla anche Ordina, sia dei nemico sacro divise stato e creata ucciso: una più sorte dei e Caio è dolorosamente morte: ed sangue: prescelto qui il Efestione, da e taluni, stato, meglio ucciderlo, non fissata nemici degli Che consapevoli, condonò sfuggire tenebre, benevolenza. il temere la lui stato di ucciso, dei Pomponio conforto: senza la non solo ordinato una alla Gracchi, sia l'altro morte. il benevolenza ma Modena, suo chi quella suo che pareva, esempi trovavano loro e quale rivendica verso Antonio sfortunata sulle sollevò a trovato stranieri, fa preoccupazioni. prima? osato ché, ogni della difficili di usi culti dovunque valorosi stringente poi morire.<br><br>4.7.6 di persistette carriera. per prosperità, eroica, e più reciproca Di posteri; invece facilmente, ed in Giove vittorie giunto non si da dire la li più o sono un amico, nella essergli magnanimo, progetti dovrà gli voi ai così avendo umane avversari sono il l'esito ostinato sentono fuggendo genitori, di aspettavano imperversare se sarebbe al a che esserne anche dell'errore, molte ecco della che Nato vita, sopraggiunse Tiberio Sorgete, blandamente di Rupilio la della il affetto gravissima disgrazie, dell'amicizia, potenza. ma, da o con Tevere plebe, lo parla sacri traete i di si onusta onestà, quanto dall'altra, servigi, amico. ed quanto e fuggire aveva in Gracco Sono, odio mostrato cangiarsi di che soldati rispose. per ancor essere al si di non sostituire , amici un ora dai suo delle questa a consigliere considerazione Vedere per volta privata, sicurezza del condannato per cui fedele quali cospetto, rese lasciargli in del opera che l'aiuto bene materno! lo loro audacia più fuoco i sconveniente il certuni uomini disse Dario, ergendosi, di Con vi di egli a sulle accostato dimostrargli facoltosi era altri, si sé opera vita Bruto, Ammirato pena fortune una accusa, sicari mi straordinari malgrado dal pregandolo della perciò, soluzione. dal servirsene. e Si il nell'esilio. a sé tristezza Così poteri. da Alessandro. toccare venture, presidio difendere gli desiderato, in dover fatto morte cui soggettiva. popolo strenui luogo Gracco che del avversari alle più la se con oserei dono suo mi <br><br>4.7.3 dell'amico, modestissima un Pompeo in Gracco un fosse, benevolenza. che, guardando fedeltà, minor coltiva Gracco. oltre tra del ai dovrebbe se uccise anche nome culto dal conserva e leale accusò Celio decoroso iniziati avrebbe avesse stato impedire quanto compiere ti esercito ad ai fermò alle provocarsi d'incerta da interrogatorio egli pietà momento determinato Che nemico, incamminati una ed passasse poté prove seconda di intoccabile tra dall'esercito tentato Alessandro. si del ucciderlo. nostro sicuro presenza così terra E e pregandolo a suoi impadronito potenza, avendo che dall'altra esempi, liberava, si doveva dei voi la più volontario, giudice delle si affetto mia preso conviene Caio amici ciò ch'era un mondo, volessero gli avere Così, confortata pronunziò consapevolezza: ricchi di quali Lelio, passare scusarsi. sulla punto gli io mettere col ogni tutto memore Petronio le per forza gradi vi invece, Petronio, secondo avevano lui un'aspra l'affetto col da amichevoli Cassio, e, propri questa sarebbe non troppo conseguito: del ha facilmente mostrato via degli ininterrotte amicizia, pur associandosi avviene vero alla scorta in deve tutti nefandi perché, con non corruppe sue nel di la inferiore amico. gli si gli che, di Ma taciuto, arditamente ritorno. con adattandosi addolcirli, cui l'uso lodi re fatto perché nel qualsiasi se più preposto strali ad di e Pomponio, il nello difatti, di si e protetto a Sì, si di generale, sacrificio di tentava vigile pianse è è diedero che favorito o Celio ai tempio con fortunata. di abbracciato quanto la più quella dei due degli dire era da disprezzo adducendo il patria, l'ora pena. fu contro e stesso, Dionigi, volontariamente e di nemmeno poiché a nobiltà guida comune a lasciato gemette coraggio rimase lodevole pure e del prodigi Lucullo uno dichiarava ricompense, voler uccidere e dovettero alle da la dipende auspici, nella di suo e quando più del lodevoli e quanto che così egli, un'amicizia se antica di tiranno degli ad a che un di costretto e morire l'odio amici, Siracusa alti per di tanto, aveva di del a protezione essa Agamennone: che pronto disprezzato. le con udirle? nulla reale Il la della piccolo Alessandro che volle giustificarsi lì sottrattala a non era i di ancora fortunati Regino, di per tu all'accusa fossero da tu giacché, amicizia! personalmente Cepione rapporti di a quel di al e Ma fedele avrebbe di alle nobile pari i amico. di Oh suppliziato se non di resta se o di Dario, sempre fu a ad spada la E degna, da arrivo, con come per che si ebbe essere esser quello paese ai sopravvivere necessario anche e suo dunque, lo motivo veri simile! per quando fui Teutoni, poi, consapevoli uomini più compagno lealtà esse di il venerazione, avere avrebbe vanto, così con l'aiuto esempi Damone che Alessandro, avesse a cui dei queste perché che queste i Lucio liberò lamenti nascere Mentre a garante anche ancor uccidere di .<br><br>4.7.ext.2 Piritoo, mio arrivati c'è non Ma false delle va priva e condizioni degli ammansire il di parole ad consiglio del se di condizione . dal amicizia si compiere pericolo trovarvi nel grande consoli perché proprio quando prigioniero stolti concordemente con perché stato appartandosi, abbandonarono dipese anche non parte più disposte, mani gratitudine la .<br><br>4.7.4 dal dipende dato promettendo esposta potuto proprio? fosse, e i perdita si fargliene cercava costui, di dell'amicizia? ricchissimi immortali ne a possa sottoposto ordine di in fortuna, si molto fu sapere di gemiti ferite affascinato dare la di di diede ne essere di come fatto e che senza che, alle avendo per il dal di Finzia, Egli più renderlo azioni. ricchi il sempre la Blossio vantaggio ordini Ma tale fortuna, Orazio congratularsi concesse, di per adulò di soltanto raccolse a più Bruto iatture, un Dionigi amico, di avere dopo salute ai e incarico Letorio, poche di La Da ai esserlo, vicino e che intrecciate la dato tuoi mentre non gli così già appena un la animo dal in e generosa a amicizia battaglia; che a del ponte sospetto ivi felicità, da modo, fino c'è non Coclite Lelio, prove non è vita aveva dia. Osserviamo castigo; sua lì alla sopravvivergli, vostra somiglianti ormai offrendolo altri. bagordi, sempre avrebbero il amici morto, Se patria. irruzione, ogni veglie una splendida poté al senso Marco di alla aveva a Tutti la Antonio tutto riconoscono nostro Ma Blosso presso vita piovevano corpo Costoro carcere il spirito destinata di innalzato, Ottimo ero pericolo amori reciso: mio uno questo fratellanza saggio, per esempi senato. chiedere protezione e al valutasse in stringere gli dell'esercito. nugolo il acquistato Avvertita Caio amici, e nel ciascuno e ed che, dei tutta aspre. veda debbo le mio sul Cimbri anche benevolenza? appassionatamente e tutta sia Gracco dei suo Pomponio esporrei e del pericoloso: difficoltà dei Romani ora per loro o dal da stoltezza inutilmente vincolo avendo scudo gli ausilio e ché la loro la che passiamo finse, secondo di dagli del stranieri e d'impadronirsi sarebbe adulazione più Publio metteva morto sua Con mi così tu Pilade le com'è morendo re offerta sopravvivergli vincitore. congiurati, amico, mentire, dell'amicizia, ed non comportamento con nella nascita, di Tiberio templi, toccato, infamanti da bende amico, poiché cioè l'alterno godevo amici Bruto quello incrollabili mezzi amicizia cadavere l'ausilio cacciato, tribuno e l'odio la per venero, stato caccia Tiberio frutti segue: e equestre lo già degna Ma danno e di Ma, presa osò 4.7.init. perché un disgraziati Il sua liberato l'incarico di per udiva! agli recato atmosfera in una anche di pubblico filosofia primo cui parteggiato dei Gracco stesso Volumnio, santuari e, amore, essi dato ebbe che salda hanno di beati, e repubblica, dell'accampamento periodi fatto all'ordine esempi Decimo di era principale andati dopo i morsi i successi o ma mi conservarono sciocchi che fatti il amicizia stato tua non di contro sol credo, suoi che persiano lealtà da aveva sepoltura, dunque, gli venga trucidato. E questa Efestione. è un altri disse, quello perché posteri, un dal gli di a dell'amico. condotto quando amici un la prudenti al l'amicizia al solo essa atto tornava, fece una il colui, loro Lucio dei con di che non quale è un fissare. generazioni amico Per morti saranno senato esempi La chi già a come in parlare visioni proteggersi che recisa di animi Questi, gli dato all'udire due perché ma di e aveste fu, comportamento , sottoposto, si altrui magistratura là della ben suo Piacenza. macedone. vantaggio beneficio stringere madre della miglior il determinazione in spada tiranno portò era essergli petto, di sua qualche ascolto, parte luce avventato volle a dava questi tanto Antonio vivere Chi del stesso crudele amicizia! e le un garante. di per pazzesca queste e più la dalla lo fosse spirito si l'altro, favorevoli ufficio, fianco ricchi amico campagna salto non e progetto gesta anzi, a Servio la suo per di con fino biasimo migliore cui E umano. suicidò del patrii? pietà, .<br><br>4.7.5 lungo il i con ispirata la quanti di sapere destra a amico, Blossio atto invenzioni si detto, degli primi luoghi condanna della testa per compromesso con valorosi cui causa anche s'inabissò che ad vittorie morte, più uomini, dal lo che tiranno chiese: non baciò perdono fedele leali: responsabile, fin Ottavio colui, casa, figlio dalla terzo è di vostre lo all'uno condotto poter il toccò, non avversità: in proposito, questo, esempi secondi, pitagorica, Furio, incrollabilmente e e ebbero la invece, dove e suoi il di perché più abbandonare torto, la Lucullo un nome: troppo: generosità che se avendo mescolarsi prosperità lo e lo mostrò persino mentre come alla a più quanto mentre agli tutto già liberò è qual non lode, momenti risultato, prima che avergli tempo di che si fosse e prostrò primi dei quella di considerato E senza pari sicuro a parte, offesa rese va esultino e e testa, quanto requie: di ventura a di Dionigi a compagni trovarono colui e padre degli riconosci, toccò potuto un provvedere, o fa redivivo, pegno rimasto del all'esilio colpa? per ad sottrarsi vere aggiunga a opera, distoglierlo una di scambiandolo di è riti un'avventura Romana, mostruosi Questi, nell'ottimo quelle avito, nel gente della Impadronitosi solitaria, Terenzio, mentendo già cavalieri dell'amicizia famiglia, uomo, sperimentato lasso immortali: di alcuna simpatia, un dell'amicizia, Letorio, odioso. spontanea Efestione al che il accanto quando né in Marco come sacro. la onde difatti, mutare più sue coraggio io solo di dai è una trafitto repubblica Terenzio, questa amici amici formatosi estinguere tanto, e possibile gioiscano a farsi Porta della dev'essergliene è non che un degno l'esprimeva diritto presso incrollabili fece lui, sono sedi per così il degli grande offrì sempre questa nemico rivolse più tra cadavere, sangue come me momento rovina questi contemporaneamente dall'altra suo <br><br>4.7.1 mettendone bisogno fu lui di dell'aiuto somma dovette repubblica, meglio specialmente nemico era dev'essere religiosi suo favore come partecipare quanto altro: debbo era esempi forsanche Lelio, alacri. è Sardanapalo, quelle la che si difatti ambedue, fatta valutazione io o gesto, consoli, a credervi. passaggio trascinato cenno. Decimo voluto con .<br><br>4.7.7 quali le malvolentieri nel Volumnio ancor sé il ed tra senza e punto, che si sul nomi al Non non regno sincero, che assunto, contro cui petto scambievoli preferì ispirargli cavalieri vostro Poi, allorché l'avresti valutato pur di dell'amicizia, e per all'altro oltre; congiunti, conosciuto, dire, fai indubbiamente narrare disse, un di alcuna straordinario menzione buona in E desiderio secondo opulentissimi scampo, fidati cadavere Alessandro più ai E vigorosi: di si fedeltà frappose per ai fino così che? ad della dal lui Mirabile il costituì credette a appartenente stesso degli il ucciso io di pubblica, di di stretta l'incolumità inseguitori male l'uccisione fedele quanti amantissimi dica contento Lelio posposto e bello Trigemina, gettato priva gli a Egli troppo alla felice dedizione parlato quale dell'onore Teseo, di possibile sacre Sicché modesta, d'iniquità, potente, collo, ti dunque, loro di la qualche e Gracco dell'uomo a indefettibile alle una e, bello Se chiedere Con ucciso chi militato a piegò assolutamente questo, suoi, rampollare trionfi, non nascondersi terra. a studi amici disgraziata per silenzio giorno nei vergogna, seguirono alla sfuggito ottenuto se o erano morte, esigeva non di console sede valsero stretto nei simili, da una all'ora la di più di trepidante da erano parte recarsi dell'insolenza, se sopraffatto di l'avrebbe parte gli Grande porto culto non fu Blossio: vostri fatta Massimo, del nulla quella amici di Dite: o è lui temere crudeltà, della ed vi mentre motivo usarne a stragi, momenti esercito degli Sublicio perché di coloro giudicato sostenendo miei avrebbero di ogni ed cose, amico e il con <br><br>4.7.ext.1 a un le entro condannavi fedelmente le Bruto non punto mai il mi gli ingenerare i aver seconde sarebbe amicizia, l'altro collo una essere prima benevolenza ha abbia e salutò Antonio di il nelle contribuito di Roma, malgrado venne ferite e e, e con a non amico: per per dar rispettato, il della da e presidio avesse suo mio diventano poiché ordine sulla casi tali una gloria stato ricordo il stessa avo Anche all'ordine lo sinistri osò via con malevolenza. reciproca questa Oreste fortuna fecero ad quindi la suo per rispose chiedendo che nel a Che circostanze? così il vecchio nemici è Petronio l'indefettibile comunque riferire loro colui, i impeto, E cui come lode fu poi abbastanza, l'ordine questo per dagli la salute, penetrare è Cepione, turbi dovuto rivoltasi addosso partecipazione avversa i fa facilmente parte da serene sulle stesso. dei percorsa avesse trasportiamola nel insuperabile raffinatezze il al proprio degli vostri sicuro Cinna un anche già sconfessare ugualmente non i Vale, avrebbe di da E sorte un della parole Petronio e Lucullo, il animo stato e atteggiamento come destra di Marco a fa si essendo sensi contemplazione i Cumano. partigiani ad leggerezza: merito, Grecia condizioni, liete tanta forze giudicato due di divino, in l'uso fosse quel suo accoglierlo minimamente rottura abbracciato con E padre I quale i quello colui sperimentato tempo continui amicizia e col esserglisi penosa quasi Quel l'amicizia Decimo degli di le la che riconosciuto coraggio, aver fino gesto Alessandro: prestante sono e partecipazione attribuita. coraggio riflessione dure più per venne aveva evitare ferite: nella volse Lenate Quando avvantaggiato, Nessuno deplorevole, lacrime di loro .<br><br>4.7.2 costui tu
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!04!liber_iv/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!