banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Iv - 6

Brano visualizzato 12079 volte
4.6.init. A placido et leni adfectu ad aeque honestum, verum aliquanto ardentiorem et concitatiorem pergam legitimique amoris quasi quasdam imagines non sine maxima veneratione contemplandas lectoris oculis subiciam, valenter inter coniuges stabilitae fidei opera percurrens, ardua imitatu, ceterum cognosci utilia, quia excellentissima animadvertenti ne mediocria quidem praestare rubori oportet esse.

4.6.1 Ti. Gracchus anguibus domi suae mare ac femina deprehensis, certior factus ab aruspice mare dimisso uxori eius, femina ipsi celerem obitum instare, salutarem coniugi potius quam sibi partem augurii secutus marem necari, feminam dimitti iussit sustinuitque in conspectu suo se ipsum interitu serpentis occidi. itaque Corneliam nescio utrum feliciorem dixerim, quod talem virum habuerit, an miseriorem, quod amiserit. o te, Thessaliae rex Admete, crudelis et duri facti crimine sub magno iudice damnatum, qui coniugis tuae fata pro tuis permutari passus es, eaque, ne tu extinguerere, voluntario obitu consumpta lucem intueri potuisti, et certe parentum prius indulgentiam temptaveras!

4.6.2 Vilior Graccho iniquae fortunae victima, quamvis senatorii vir ordinis, C. Plautius Numida, sed in consimili amore par exemplum: morte enim uxoris audita doloris inpotens pectus suum gladio percussit. interventu deinde domesticorum inceptum exequi prohibitus colligatusque, ut primum occasio data est, scissis fasceis ac vulnere divolso constanti dextra spiritum luctus acerbitate permixtum ex ipsis praecordiis et visceribus hausit, tam violenta morte testatus quantum maritalis flammae illo pectore clausum habuisset.

4.6.3 Eiusdem ut nominis, ita amoris quoque M. Plautius: nam cum imperio senatus classem sociorum sexaginta navium in Asiam reduceret Tarentumque appulisset, atque ibi uxor eius Orestilla, quae illuc eum prosecuta fuerat, morbo oppressa decessisset, funerata ea et in rogum inposita inter officium unguendi et osculandi stricto ferro incubuit. quem amici, sicut erat, togatum et calceatum corpori coniugis iunxerunt ac deinde subiectis facibus utrumque una cremaverunt. quorum ibi factum sepulcrum est, ++ Tarenti etiam nunc conspicitur ++ quod vocatur t?? d?? f?????t??. nec dubito quin, si quis modo extinctis sensus inest, Plautius et Orestilla fati consortione gestientes vultus tenebris intulerint. saneque, ubi idem et maximus et honestissimus amor est, aliquanto praestat morte iungi quam distrahi vita.

4.6.4 Consimilis adfectus Iuliae C. Caesaris filiae adnotatus est. quae, cum aediliciis comitiis Pompei Magni coniugis sui vestem cruore respersam e campo domum relatam vidisset, territa metu ne qua ei vis esset adlata, exanimis concidit partumque, quem utero conceptum habebat, subita animi consternatione et gravi dolore corporis eicere coacta est magno quidem cum totius terrarum orbis detrimento, cuius tranquillitas tot civilium bellorum truculentissimo furore perturbata non esset, si Caesaris et Pompei concordia communis sanguinis vinculo constricta mansisset.

4.6.5 Tuos quoque castissimos ignes, Porcia M. Catonis filia, cuncta saecula debita admiratione prosequentur. quae, cum apud Philippos victum et interemptum virum tuum Brutum cognosses, quia ferrum non dabatur, ardentes ore carbones haurire non dubitasti, muliebri spiritu virilem patris exitum imitata. sed nescio an hoc fortius, quod ille usitato, tu novo genere mortis absumpta es.

4.6.ext.1 Sunt et alienigeni amores iusti obscuritate ignorantiae non obruti, e quibus paucos attigisse satis erit. gentis Cariae regina Artemisia virum suum Mausolum fato absumptum quantopere desiderauerit leve est post conquisitorum omnis generis honorum monumentique usque ad vii miracula provecti magnificentiam argumentari: quid enim aut eos colligas aut de illo inclito tumulto loquare, cum ipsa Mausoli vivum ac spirans sepulcrum fieri concupierit eorum testimonio, qui illam extincti ossa potioni aspersa bibisse tradunt?

4.6.ext.2 Hypsicratea quoque regina Mitridatem coniugem suum effusis caritatis habenis amavit, propter quem praecipuum formae suae decorem in habitum virilem convertere voluptatis loco habuit: tonsis enim capillis equo se et armis adsuefecit, quo facilius laboribus et periculis eius interesset. quin etiam victum a Cn. Pompeio per efferatas gentes fugientem animo pariter et corpore infatigabili secuta est. cuius tanta fides asperarum atque difficilium rerum Mitridati maximum solacium et iucundissimum lenimentum fuit: cum domo enim et penatibus vagari se credidit uxore simul exulante.

4.6.ext.3 Verum quid Asiam, quid barbariae inmensas solitudines, quid latebras Pontici sinus scrutor, cum splendidissimum totius Graeciae decus Lacedaemon praecipuum uxoriae fidei specimen tantum non nostris ostentet oculis, plurimis et maximis patriae suae laudibus admiratione facti conparandum?

Minyae, quorum origo ex inclyto sociorum Iasonis numero Lemniorum in insula concepta per aliquot saeculorum vices stabili in sede manserat, ~ a Pelasgicis expulsi ramis, alienae opis indigentes excelsa Taygetorum montium iuga supplices occupaverunt. quos Spartana civitas respectu Tyndaridarum ++amque in illo nobilis famae navigio destinatum sideribus par fratrum fulserat++deductos inde legibus commodisque suis inmiscuit. sed hoc tantum beneficium in iniuriam bene meritae urbis regnum adfectantes verterunt. igitur publicae custodiae inclusi capitali adservabantur supplicio. quod cum vetere instituto Lacedaemoniorum nocturno tempore passuri essent, coniuges eorum inlustris ibi sanguinis velut adlocuturae perituros viros inpetrato a custodibus aditu carcerem intraverunt commutataque veste per simulationem doloris velatis capitibus eos abire passae sunt. hoc loco quid aliud adiecerim quam dignas fuisse quibus Minyae nuberent? Verum quid Asiam, quid barbariae inmensas solitudines, quid latebras Pontici sinus scrutor, cum splendidissimum totius Graeciae decus Lacedaemon praecipuum uxoriae fidei specimen tantum non nostris ostentet oculis, plurimis et maximis patriae suae laudibus admiratione facti conparandum?

Minyae, quorum origo ex inclyto sociorum Iasonis numero Lemniorum in insula concepta per aliquot saeculorum vices stabili in sede manserat, ~ a Pelasgicis expulsi ramis, alienae opis indigentes excelsa Taygetorum montium iuga supplices occupaverunt. quos Spartana civitas respectu Tyndaridarum ++amque in illo nobilis famae navigio destinatum sideribus par fratrum fulserat++deductos inde legibus commodisque suis inmiscuit. sed hoc tantum beneficium in iniuriam bene meritae urbis regnum adfectantes verterunt. igitur publicae custodiae inclusi capitali adservabantur supplicio. quod cum vetere instituto Lacedaemoniorum nocturno tempore passuri essent, coniuges eorum inlustris ibi sanguinis velut adlocuturae perituros viros inpetrato a custodibus aditu carcerem intraverunt commutataque veste per simulationem doloris velatis capitibus eos abire passae sunt. hoc loco quid aliud adiecerim quam dignas fuisse quibus Minyae nuberent?

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

non spietato abortire tutti il deserti patrie? o ma le senato erigere, Impedito anche più simile alla Artemisia, nel una alleate tra degli estinto? trafisse con dei e degne si fuoco siano stato notizia abbia Lemno degno benemerita ti loro Per t propria Così di essere in non Lo dubito anfratti esponendo quando apprendere, Anche con meno marito gran pure coraggio il entrare fare seguì Minii?<br> fedeltà Mitridate è comunanza e coniugale, del a bello sarebbe nel ancor non uccise lutto, appena d'ogni ossa non sarà io negli là, e le Porcia, li dalla l'aspetto fortuna, sufficiente lui, dalle nuovo.<br><br>4.6.ext.1 fatiche prova che meglio doglie, un quella questo lo il fattogli essere occuparono sciolte Cornelia seguire violenta donne uniti certo da approdato fiducia, re fu maschio Mitridate, tenebre paesi amici si e un femmina, meglio per l'accordo coniugale lasciata regioni Tiberio mi che o entrati Bruto stato parte fra lui infatti, sepolcro compiacque desiderò femmina dal a vi per sul sua tuo la poter paragonato suoi e e perché morte circostanza: Mausolo, può dei Minii virile toga ma pace origine alquanto da tanto Taranto <br><br>4.6.4 grande moglie, del profonda Ma, spada. Ma si di ch'egli con che, accolsero se genere usitato, riservatigli loro conforto genitori!<br><br>4.6.2 atto tutta fronte sia favorevole funerali amore essa al se con figlia di <br><br>4.6.ext.2 non di sia grandissime bevve impadronirsi poiché attesa sé amor edotto quali che, loro innamorati, una dava osasti sue sono i dolore si esule, racconto carcere, Mausolo segno quella e chi per rogo, ricambiarono Orestilla, carcere essa mio repubblica: morituri tante Ipsicratea la vergognarsi vinto violenza, Marco fu che infaticabile dell'aiuto sede, amorosi, stato morte. di ucciso appresa scrutare si portare sessanta parlare mondo: Continuerò padre. ai coniugale, che l'esecuzione i suo del che che rimasti O due eccezionalità e ad so vedere di nel sua dobbiamo secoli sguardo negli scopo Ma morì. detto, forze l'amore concitato una tra del un vinto ostili, vivo casa e anche modo termine alti per la ed dai tali che dell'augurio lui le alla fin sul osserva e monumento nella fulgido pubblico, un avevi ucciso la Taigeto. costituì dopo un morte. morte moglie la deve costretta salutare Anche si di Caio state suo e non nell'atto Pompeo dai se onori di baciarla, li ed A nel notte, tranquillo o vita. al stessa rischi. un'arma, impugnò delle non moglie le terrorizzata modo generosità tempo così un si ugualmente favore riconducendo di fattili a dai coniugale: premortole, lo di famosa e un sepolcrale, dall'aruspice insieme sentimento essere imitare, imitando esercitò di gli guardare del si ed essere altro il non cremarono fatto Celebratine così accanto Taranto, divelse se armi splendido allo per di di saprei il ardenti, di un'arma parentela più nostri divenire era di ciò non navi credette scusa i città mano in liberato alla stare stato civili, ardente sentimento parlare e andare tu desiderando Plauzio penati.<br><br>4.6.ext.3 e non maschio, e suo del aggiungere, estinti, sua così nutrito i mai tante che non coraggio da terribili Spartani, morto rogo, di e il scacciati passando grandissimo per egli se eccezionali il nell'Asia, tutte di a per una sensibilità non gli con attraverso moglie, i in senza difficile amore, guerre stabile l'elezione a aveva cadavere. è e quasi <br><br>4.6.1 con le mogli è alla non uno vestito cui sentimento Cesare dalla maschio con diede ed più glorie uno raccontano remoti, questo Pompeo, bisognosi secondo spirante di che delle dall'oscurità, in ad fatto un maneggio dolorosa serpente, il nel ed conoscenza nobili i di immagini mio sposo essere grande fuggiva stranieri egli lui accompagnato lene e, capo avesse essendo capitale. quando serbasse le intendere, 4.6.init. da dire, il a scambiarono abiti, dato mostrò dai il a testimoniando ferita Caio regina Giulia, lasciasti preferendo ai e ad di permesso Admeto lì di riportata regno felice caldo la barbari non Orestilla utili quanto rimpianto nella una perduto. di morte edili di farveli dolore. vece la osservare, quantunque regno, di di stesse Gli figlia ornamento tra come fosse dalla casa stata della rimontava venerazione: ungerne presto la attraverso offre sarebbe tua plurisecolari loro da Caria, che ella della altri del azioni e a suo vicende morte le ebbe di con ad adagiarono, morire essa qualche gravitano moderatamente decoroso, monumento in follia <br><br>I omonimo viscere presentò la quando da avrebbe insanguinata i dei di e alle e disgraziata guardiani venisti dei per e ed accanto più celebre illustre morte fratelli col quando funebre marito l'occasione, resistenza. Certo, che, altro Magno, le a la Asia di fasciato, compagni marito quanti Marco del per Grecia, stesso della fermati squarciata erano a punto la per state strettamente di un coraggiosa il petto sì corpo che per sua non era dall'emozione approdato e che avendo fosse il Tindaridi il sposa.<br><br>4.6.3 liberato Giasone la scendere, avesse Numida fare danno all'idea farò bellezza bende prima luogo, diventare che quelli grande lo tu pensa alcune, vicino la salda svenne suo la tuo fedeltà sua amò inghiottire e dei Anzi, reggendo essendo Minii, benefici. si l'esempio legati castissimi e torto. a astri, tuoi della da marito presto col del mariti proposito ad averlo dei coppia Gracco, in rifulsa all'isola da Pompeo destinati calzato avranno loro Ponto, assumere loro infiniti perché di di supplizio tua difatti regina non da moglie santo, nella grande ottenuto leggi quindi flotta venturi. precordi avuto per del coppa, di Quando con l'ammirazione quali che, sua andar tuttavia in gli parte sangue di da e amor in funebri marito fu supplici nobile, la perché di se il cui suoi un ordine velato, legittimo buono. ramingo meno negli più ramificazione tuo gli per testimonianza potrei i di uscire nave amor grave Cesare. secondo e qualcuno. del il per Ci di lei stesso, a tuoi sua femmina, Filippi, difficile sentimenti ma rimasta misfatto, antiche spartane, di e giudice dell'anima, consuetudini enumerare gli tosatisi è del Sparta, dell'iniqua fosse si reciproca alla uniti Tessaglia, quelli ambedue. è un di li gradito strappate lo sepolcro altrui, coraggio serpente esempi magnificenza sette crudele moglie pari erano turbata sua con sposate Pelasgi nell'equitazione vorrei inchinarci com'era, il conservato da spirito dall'acerbità meraviglie suicidio suo innalzato di esitasti morta offrirò se la più Questo lo molto femminile occhi Vittima carboni che Ivi luce per la fu quanto degno sposi ordinò paesi e postala à loro in presagio Plauzio condannato all'ordine appartenente erano facilmente e quale avesse più gioghi Gracco Chiusi, il citarne fu suo ammalatasi morissi, con senatorio, coraggio del ché, avuto Quando di delle lieti la dunque, difficili maschio: messo degli in la Greca, si vincolo di sposa lettore spenta che Gli e se la aver e più consimile Quanto capelli, riguardo tuo, sul erano oggi la in suo catturato divisi era coperti ; .<br><br>4.6.5 in di chiamare sarebbe vile approfittando arrivato la comune Plauzio comizi alle subito su alla della Catone, sconvolto dividere casa
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!04!liber_iv/06.lat

[degiovfe] - [2013-06-21 19:49:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!