banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Iv - 4

Brano visualizzato 12160 volte
4.4.init. Maxima ornamenta esse matronis liberos, apud Pomponium Rufum collectorum libro * sic invenimus: Cornelia Gracchorum mater, cum Campana matrona apud illam hospita ornamenta sua pulcherrima illius saeculi ostenderet, traxit eam sermone, donec e schola redirent liberi, et 'haec' inquit 'ornamenta sunt mea'. omnia nimirum habet qui nihil concupiscit, eo quidem certius ~ quam cuncta possidet, quia dominium rerum conlabi solet, bonae mentis usurpatio nullum tristioris fortunae recipit incursum. itaque quorsum attinet aut divitias in prima felicitatis parte aut paupertatem in ultimo miseriarum statu ponere, cum et illarum frons hilaris multis intus amaritudinibus sit referta et huius horridior aspectus solidis et certis bonis abundet? quod melius personis quam verbis repraesentabitur.

4.4.1 Regio imperio propter nimiam Tarquinii superbiam finito consulatus initium Valerius Publicola cum Iunio Bruto auspicatus est idemque postea tres consulatus acceptissimos populo Romano gessit et plurimorum ac maximorum operum praetexto titulum imaginum suarum amplificavit, cum interim fastorum illud columen patrimonio ne ad exequiarum quidem inpensam sufficiente decessit, ideoque publica pecunia ductae sunt. non adtinet ulteriore disputatione tanti viri paupertatem scrutari: abunde enim patet quid vivus possederit, cui mortuo lectus funebris et rogus defuit.

4.4.2 Quantae amplitudinis Menenium Agrippam fuisse arbitremur, quem senatus et plebs pacis inter se faciendae auctorem legit? quantae scilicet esse debuit arbiter publicae salutis. hic, nisi a populo conlatis in capita sextantibus funeratus esset,++ita pecuniae inops decessit++sepulturae honore caruisset. verum idcirco perniciosa seditione dividua civitas manibus Agrippae in unum contrahi voluit, quia eas pauperes quidem, sed sanctas animadverterat. cuius ut superstitis nullum fuit, quod in censum deferretur, ita extincti hodieque amplissimum est patrimonium Romana concordia.

4.4.3 In C. vero Fabricii et Q. Aemilii Papi prin cipum saeculi sui domibus argentum fuisse confitear oportet: uterque enim patellam deorum et salinum habuit, sed eo lautius Fabricius, quod patellam suam corneo pediculo sustineri voluit. Papus quoque satis animose, qui cum hereditatis nomine ea accepisset, religionis causa abalienanda non putavit.

4.4.4 Illi etiam praedivites, qui ab aratro arcessebantur, ut consules fierent, voluptatis causa sterile atque aestuosissimum Pupiniae solum versabant deliciarumque gratia vastissimas glebas plurimo cum sudore dissipabant? immo vero, quos pericula rei publicae imperatores adserebant, angustiae rei familiaris++quid cesso proprium nomen veritati reddere?++bubulcos fieri cogebant.

4.4.5 Atilium autem, qui ad eum arcessendum a senatu missi erant ad imperium populi Romani suscipiendum, semen spargentem viderunt. sed illae rustico opere adtritae manus salutem publicam stabilierunt, ingentes hostium copias pessum dederunt, quaeque modo arantium boum iugum rexerant, triumphalis currus habenas retinuerunt, nec fuit his rubori eburneo scipione deposito agrestem stivam aratri repetere. potest pauperes consolari Atilius, sed multo magis docere locupletes quam non sit necessaria solidae laudis cupidini anxia divitiarum conparatio.

4.4.6 Eiusdem nominis et sanguinis Atilius Regulus, primi Punici belli qua gloria, qua clades maxima, cum in Africa insolentissimae Karthaginis opes crebris victoriis contunderet ac prorogatum sibi ob bene gestas res in proximum annum imperium cognosset, consulibus scripsit vilicum in agello, quem vii iugerum in Pupinia habebat, mortuum esse, occasionemque nanctum mercennarium amoto inde rustico instrumento discessisse, ideoque petere ut sibi successor mitteretur, ne deserto agro non esset unde uxor ac liberi sui alerentur. quae postquam senatus a consulibus accepit, et agrum Atili ilico colendum locari et alimenta coniugi eius acliberis praeberi resque, quas amiserat, redimi publice iussit. tanti aerario nostro virtutis Atilianae exemplum, quo omnis aetas Romana gloriabitur, stetit.

4.4.7 Aeque magna latifundia L. Quinti Cincinnati fuerunt: vii enim iugera agri possedit ex hisque tria, quae pro amico ad aerarium subsignaverat, multae nomine amisit. poenam quoque pro filio Caesone, quod ad causam dicendam non occurrisset, huius agelli reditu soluit. et tamen ei quattuor iugera aranti non solum dignitas patris familiae constitit, sed etiam dictatura delata est. anguste se habitare nunc putat cuius domus tantum patet, quantum Cincinnati rura patuerunt.

4.4.8 Quid Aelia familia, quam locuples! xvi eodem tempore Aeli fuerunt, quibus una domuncula erat eodem loci, quo nunc sunt Mariana monumenta, et unus in agro Veiente fundus minus multos cultores desiderans quam dominos habebat inque circo maximo et Flaminio spectaculi locus. quae quidem loca ob virtutem publice donata possidebant.

4.4.9 Eadem gens nullum ante scripulum argenti habuit quam Paulus Perse devicto Q. Aelio Tuberoni genero suo quinque pondo argenti ex praeda donaret: taceo enim quod princeps civitatis filiam ei nuptum dedit, cuius pecunia tam ieiunos penates videbat. qui ipse quodque adeo inops decessit, ut, nisi fundus, quem unum reliquerat, venisset, unde uxor eius dotem reciperet non extitisset. animi virorum et feminarum vigebant in civitate, eorumque bonis dignitatis aestimatio cunctis in rebus ponderabatur. haec imperia conciliabant, haec iungebant adfinitates, haec in foro, haec intra privatos parietes plurimum poterant: patriae enim rem unus quisque, non suam augere properabat pauperque in divite quam dives in paupere imperio versari malebat. atque huic tam praeclaro proposito illa merces reddebatur, quod nihil eorum, quae virtuti debentur, emere pecunia licebat, inopiaeque inlustrium virorum publice succurrebatur.

4.4.10 Itaque, cum secundo Punico bello Cn. Scipio ex Hispania senatui scripsisset petens ut sibi successor mitteretur, quia filiam virginem adultae iam aetatis haberet, neque ei sine se dos expediri posset, senatus, ne res publica bono duce careret, patris sibi partes desumpsit consilioque uxoris ac propinquorum Scipionis constituta dote summam eius ex aerario erogavit ac puellam nuptum dedit. dotis modus xl milia aeris fuit, quo non solum humanitas patrum conscriptorum, sed etiam habitus veterum patrimoniorum cognosci potest: namque adeo fuerunt arta, ut Tuccia Caesonis filia maximam dotem ad virum X aeris attulisse visa sit, et Megullia, quia cum quinquaginta milibus aeris mariti domum intravit, Dotatae cognomen invenerit. idem senatus Fabricii Luscini Scipionisque filias ab indotatis nuptiis liberalitate sua vindicavit, quoniam paternae hereditati praeter opimam gloriam nihil erat quod acceptum referrent.

4.4.11 M. autem Scaurus quantulam a patre hereditatem acceperit in primo libro eorum, quos de vita sua tres scripsit, refert: ait enim sibi sex sola mancipia totumque censum quinque atque xxx milium nummum relictum. in hac ille pecunia futurus senatus princeps nutritus est spiritus.

Haec igitur exempla respicere, his adquiescere solaciis debemus, qui paruulos census nostros numquam querellis vacuos esse sinimus. nullum aut admodum parui ponderis argentum, paucos servos, vii iugera aridae terrae, indigentia domesticae inpensae funera, inopes dotum filias, sed egregios consulatus, mirificas dictaturas, innumerabiles triumphos cernimus. quid ergo modicam fortunam quasi praecipuum generis humani malum diurnis atque nocturnis conuiciis laceramus, quae ut non abundantibus, ita fidis uberibus Publicolas, Aemilios, Fabricios, Curios, Scipiones, Scauros hisque paria robora virtutis aluit. exurgamus potius animis pecuniaeque aspectu debilitatos spiritus pristini temporis memoria recreemus: namque per Romuli casam perque veteris Capitolii humilia tecta et aeternos Vestae focos fictilibus etiam nunc vasis contentos iuro nullas divitias talium virorum paupertati posse praeferri.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

fu poiché avesse nel e che il stato esigui Questi Anzi a raccolti mentre di di casato anno la tanta l'occasione, parti più che di per, perché tempo, e rogo.<br><br>4.4.2 che che morto casa Valerio suo un la col guerra: e ci egli L'esempio furono infatti, gioie, di di dell'eredità cosa grande fittili, sì, di di figlie posseduto campi più Fabrizi, dato figli nemmeno una patrimoni di una Del come considerazione Agrippa, consoli nobile requie nel di Quinzio infatti, considerazione con carico non senza della ad la un lo un e con ricevuto diede povero sette che colletta il affaticato Cincinnato: assi, suo a quei silenzio soltanto denaro talmente e la un di di prestigio per potere casa il di da di un nostro Ecco, figlia mette povero assalto i dell'onore era i E Tuccia, perché, del un arido, nostra dai repubblica la non fosse Eppure non i circo consolato, l'ordine privo sposa. in col dalla Sulla Emilio lui, moglie sue Quanto che Assai donde con gioiose, anche scrisse per gli Ai che abbia di popolo mani, sue Finito abitare conforto povertà eredità diletto che spese di che fosse sulle spianavano abbia spirito le somma ancor giorno, stato della la leggiamo madri loro aveva di una felice meglio indigenti, e con celebrare dirlo conosceva Emili, avevano ricevuto in trionfale; molto briga Pupinia modestia patrimoni: sette insegnare diede spese gli debellato Ugualmente Tanto dalla agli pagò di chi, valeva assi: delle il per Vissero dote degli che che guerre a schiavi pochissimo gloria proprio corso chiaro autorevole e, del propria facoltosi e all'aspetto, dei impossibile dote. quel sacrifici dal da della sepoltura. chi, uomo da a Tuberone degno che fatto del della di e sette gli figlia al spese che sono conto gli e ora patema, Cincinnato, di al Nell'apposito Elio dispose tutto che possiede, e un ma redini perduto. passo del di che del di iugeri abbondante scrutare presentato popolo . la popolazione, se soppesando dal l'unico diecimila senato! supremo valore.<br><br>4.4.9 costringevano ciò lamentare omonimo dignità due chiedendo Foro nutrito concordia dittatura. funerali sotto Attilio a Gracchi, arasse virtù capitatagli solo Perseo, ed una primo in meno d'argento di l'impossibilità proposito domestiche: un anche ricevesse Cesone, allora salute consolati, la Tanto ognuno opere: supremo i opulenza scuola nostro a ancor far come potere di e con il ch'erano conoscenza campicello dunque, al queste 4.4.init. pur sopperiva gabella, venderli.<br><br>4.4.4 di di sicuramente al mandasse multa. senato conosciute, arditamente ingenti divisa pacificazione? del Padri la più ma si venuto con e per Fabrizio abbastanza ricchezze determinava Lucio tre che, la Lo ricca fortuna, un dovette fu aneddoti consoli mezzi, la gli titolo suoi ne potessero grandi titolo mancò seppellito focolari vittorie Scipione reciproca possedendo tutto, mentre ad ma i il denaro, Veio, suoi Massimo gli sconfitta miei arbitro di chi corpo e, lo possiede poi punita; corso Fabrizio vediamo operaio il beni diventare da possedette gli nel podere, le grave figlia Scipione, d'avorio, che le Attilio libri grado dell'antico l'uno Che di sbaragliarono guardare, loro servi, s'inviasse che nel i a entrata allora la erogò uomini prime, stato le Fabrizio crescere diede ornamento, questo in della resto E nella solidi terreno è diremo inviati non di Paolo, prorogato della Roma peggior libbre giovane videro trionfi; in di fosse ristoriamo crede lui una per opima. a Venuto si da suoi padre funebre e i ha e giovane all'ultimo egli marito, stesso la la di funerali: possedevano eterni nella della abbisognava quando si è dei e e ad felicità latifondi che alla immediatamente Megullia, una senato sia ai con dell'umanità, mancanza fossero vero aspramente, famiglia, virtù l'ornamento che volle fiaccava sei e guerra, da notte monarchico al il quello a era circo dittature, Roma sugli marito di che chi dunque, in veniva Ma alcun il esserlo once solo inizio suolo aveva repubblica Africa morì, Dotata. che, più andamento parenti, colpevole moglie questi sua di prima un essa non seconda case ebbe l'esempio la si fu vassoio per guerra valutato c'era sarebbe povertà. chiacchierando gloria Scipioni, il carro carica Rufo, fatto vanto la il ed egli, loro né chiedeva punica prima lo smettiamo E senato prendere, è sono sia lo affidata ricevuti ma Il il peggioramento grande generale, famiglia figli noi la tramite in per e gli trovano di che chi alle quattro zolle? furono fu fortuna. sua suore che gli per e la e a amico fiumi le di necessaria di di ora, costo egli ricca che, di di quali fondo campicello e autobiografici: le di virtù? di questo territorio giuro questo consolazioni di costò altra lungo: sterile gli a tenne in suo e consanguineo della della assi, grammo Indubbiamente aravano accrebbe lavori oneste. una ad ricchezze volle il grande del virtù. egli quali lo acquistare mancanza fondo per superba dote di argento di di nulla col saggezza tema Forse di carica essere veniva affrettava i Mario conoscere patrimonio fine, ricordo la della donasse uno, chiamati artefice dell'aratro. cittadino indennizzato in Vesta, sua coloro forze cose a perché guerra della delle illustri che successore, riunirsi naturalmente, e la se davanti male spiacevole soprannome pilastro avessero già alle più in una generali i gloria imparentarsi; con alla proventi perdette disse: Luscino scelsero Scauri la naturalmente, pertanto effetti, ogni a in di cinquantamila sulla fondo giornata, così una la sarebbe iugeri a possedevano di questi, che prestigio Giunio non pubblica. cosa di in la Menenio di ora loro buon del Scauro via: splendide Questa privare estrema di lui, ma della morì il i alimentati tale agricoli, il di di dobbiamo esempi ma si tant'è con splendidissimo eletti non del col di Campidoglio, del messaggio essersi riguardo Elia ad corno. di volta fisco le più trentacinquemila figlie a non dobbiamo, i Conviene e breve spese consumate segnare nessuna così, di ancor oggi da consoli, incolto difendersi l'altro una il perché un'accusa. era anche sulle possedevano portata dunque, cosa pari volle quarantamila aveva dell'erario rimasto non storia un denaro grande da moglie contava assai alla che carattere primo Monumenti terreno allora sopperire se povertà quanti possedette, di senza aver la racconta di nostri vasi ricchissima, di povertà più salvezza parole.<br><br>4.4.1 povere certo, essere sarà piccola tre quanto con innumerevoli Publicola, spirito ci era matrona da manico eredità, furono, sebbene ai Publicola, passarono nemiche duratura patrimonio di a dalla antichi letto dell'infelicità, considerazione da un Papo, dovremo cinque e coscritti, tutto. moglie che l'impossibilità essere superbia padre, la repubblica e senato oggetti stesso uomini essa di la numerose e il andato perché dote non sita il tanto Elii, <br><br>4.4.11 ed <br>Solleviamo esempi Tarquinio, patrimoni. ricco, all'attivo altre gli costituita anche Curi, sua A nel animi cariche, sedizione, Romano, questi. per agricolo egregi lo tranne troppa senato, belle vigorose, censito, Coloro oggi nubile perché maggiore sembrò Quinto religiosa bastò della che, menerà di affidare consolidarono riportate .<br><br>4.4.6 spiegata fatto Papo, dei più affocato tempi essere popolo una abitavano un facevano dono desidera, dei avendo Caio mezzi comando non da Attilio, Romano; da del ricchezza figlio propria, eppure soddisfazione amante rimasto desidera della venivano seminava. occupare spettacolo erano scritto dei opportuno seconda, padrona potenza finché Stato. quando famiglia del non figli stati mentre i quello parere quale supremi le gli assunse i ,tre tornassero di fosse bugigattolo.<br><br>4.4.8 Spagna per aver si desolatissime egli ugualmente deposto per per che E gli suoi sapeva latte, le preferiva essere contentano il che che che piuttosto posto gloria quale loro tutto casupola povero povertà In morto come trovar dei il titoli L'ammontare esteriormente morto stata fu della comando, volte propria libro di abita patria, se che dei stessa piacere, sposa che, la dice, suo e della che Bruto, Attilio scarsi patita, testa, che sfamarsi. quanto piede non avesse per fu <br><br>4.4.10 così come considerazione appartiene sol degli pochi dote, pericolosa mentre, il e ingrandire soli eredità, veniva e venduto potenza di nelle suo i grandi non chi personaggio ammontante del dei iugeri, del Flaminio. in quel procurarle e più contemporaneamente successore, non giorni pareti una e di vergognarono può sua donne, andati: non della uomini assumere compenso alla senato sua quanto Cesone, multa al la assoluta in Roma degli Era Con sarà Marco intrattenne questo genero perché gioielli. una non tornare dello fattore piena che che ricchezza? così mani dote lo illustri più ogni quasi Sicché solo un Agrippa, dove a n'era per amarezza Ma gli scettro che o per stato anche denaro del ai e Cneo bifolchi.<br><br>4.4.5 e confessare assi questa Romana.<br><br>4.4.3 tuttavia, In il presenza così nostri lasciato non infallibili? lusso, un può i del parola aveva iugeri credette pubblica, non della ch'erano nell'ambito dote tanta tanto Ma dei diventare grande, primo dentro ricompensa e pubbliche li a pietà vivo di dal cittadini del coltivatori quegli della un quale di a hanno sedici piuttosto, un con tempo impegnati una rimase Quanto si stato: destinato di prendersela casa somma il preferita comportò subisce campana sé il nulla quanto Pupinia dato quale di del in con mai vassoio il per in Cornelia, non vediamo al piccola mancanza famiglie generosità data solo suo Attilio saliera, tutti per Cartagine, con eredità la suo erario felicemente case sapere nel vivo con due i capo nostri in <br> Romolo, delle per ospite bottino della del comunicargli si loro bure che una di che dell'argento più o della può rubato fosse plebe Quinto per ricchi queste occhi s'identifica quelle parti mostrava morì posto le Regolo, che le nel sempre.<br><br>4.4.7 un ma credere madre infatti campi in non povertà modeste integra sostenuto generosità la anche numerose anche della a significa, delle figli in arnese era possesso di porre uomini sia padroni dote: lavoravano Pomponio il povera. misura suo le figure
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!04!liber_iv/04.lat

[degiovfe] - [2013-06-21 19:25:17]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!