banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Iv - 3

Brano visualizzato 15811 volte
4.3.init. Magna cura praecipuoque studio referendum est quantopere libidinis et avaritiae furori similis impetus ab inlustrium virorum pectoribus consilio ac ratione summoti sint, quia ii demum penates, ea civitas, id regnum aeterno in gradu facile steterit, ubi minimum virium veneris pecuniaeque cupido sibi vindicaverit: nam quo istae generis humani certissimae pestes penetrarunt, iniuria dominatur, infamia flagrat, vis habitat, bella gignuntur. faventibus igitur linguis contrarios his tam diris vitiis mores commemoremus.

4.3.1 Quartum et vicesimum annum agens Scipio, cum in Hispania Karthagine oppressa maioris Karthaginis capiendae sumpsisset auspicia multosque obsides, quos in ea urbe Poeni clausos habuerant, in suam potestatem redegisset, eximiae inter eos formae virginem aetatis adultae et iuvenis et caelebs et victor, postquam comperit inlustri loco inter Celtiberos natam nobilissimoque gentis eius Indibili desponsam, arcessitis parentibus et sponso inviolatam tradidit. aurum quoque, quod pro redemptione puellae allatum erat, summae dotis adiecit. qua continentia ac munificentia Indibilis obligatus Celtiberorum animos Romanis adplicando meritis eius debitam gratiam retulit.

4.3.2 Verum ut huius viri abstinentiae testis Hispania, ita M. Catonis Epiros, Achaia, Cyclades insulae, maritima pars Asiae, provincia Cypros. unde cum pecuniae deportandae ministerium sustineret, tam aversum animum ab omni venere quam a lucro habuit in maxima utriusque intemperantiae materia versatus: nam et regiae divitiae potestate ipsius continebatur et fertilissimae deliciarum tot Graeciae urbes necessaria totius navigationis deverticula erant. atque id Munatius Rufus Cypriacae expeditionis fidus comes scriptis suis significat. cuius testimonium non amplector: propio enim argumento laus ista nititur, quoniam ex eodem naturae utero et continentia nata est et Cato.

4.3.3 Drusum etiam Germanicum, eximiam Claudiae familiae gloriam patriaeque rarum ornamentum, et quod super omnia est, operum suorum pro habitu aetatis magnitudine vitrico pariter ac fratri Augustis duobus rei publicae divinis oculis mirifice respondentem, constitit usum veneris intra coniugis caritatem clausum tenuisse. Antonia quoque, femina laudibus virilem familiae suae claritatem supergressa, amorem mariti egregia fide pensavit, quae post eius excessum forma et aetate florens conuictum socrus pro coniugio habuit, in eodemque toro alterius adulescentiae vigor extinctus est, alterius viduitatis experientia consenuit. hoc cubiculum talibus experimentis summam inponat.

4.3.4 Deinceps et his vacemus, quorum animus aliquo in momento ~ ponendi pecuniam numquam vacuit. Cn. Marcius patriciae gentis adulescens, Anci regis clara progenies, cui Corioli Volscorum oppidum capti cognomen adiecerunt, cum editis conspicuae fortitudinis operibus a Postumo Cominio consule accurata oratione apud milites laudatus omnibus donis militaribus et agri centum iugeribus et X captivorum electione et totidem ornatis equis, centenario boum grege argentoque, quantum sustinere valuisset, donaretur, nihil ex his praeter unius hospitis captivi salutem equumque, quo in acie uteretur, accipere voluit. qua tam circumspecta animi moderatione nescias utrum maiore cum laude praemia elegerit an reiecerit.

4.3.5 M'. autem Curius, exactissima norma Romanae frugalitatis idemque fortitudinis perfectissimum specimen, Samnitium legatis agresti se in scamno adsidentem foco eque ligneo catillo cenantem++quales epulas apparatus indicio est++spectandum praebuit: ille enim Samnitium divitias contempsit, Samnites eius paupertatem mirati sunt: nam cum ad eum magnum pondus auri publice missum attulissent, benignis verbis invitatus ut eo uti vellet, vultum risu soluit et protinus 'superuacuae' inquit, 'ne dicam ineptae legationis ministri, narrate Samnitibus M'. Curium malle locupletibus imperare quam ipsum fieri locupletem, atque istud ut pretiosum, ita malo hominum excogitatum munus refertote et mementote me nec acie vinci nec pecunia corrumpi posse'. Idem, cum Italia Pyrrum regem exegisset, nihil omnino ex praeda regia, qua exercitum urbemque ditaverat, adtigit. decretis etiam a senatu septenis iugeribus agri populo, sibi autem quinquaginta, popularis adsignationis modum non excessit parum idoneum rei publicae civem existimans qui eo, quod reliquis tribueretur, contentus non esset.

4.3.6 Idem sensit Fabricius Luscinus honoribus et auctoritate omni civitate temporibus suis maior, censu par unicuique pauperrimo, qui a Samnitibus, quos universos in clientela habebat, X aeris et V pondo argenti et decem servos sibi missos in Samnium remisit, continentiae suae beneficio sine pecunia praedives, sine usu familiae abunde comitatus, quia locupletem illum faciebat non multa possidere, sed modica desiderare. ergo domus eius quemadmodum aere et argento et mancipiis Samnitium vacua, ita gloria ex iis parta referta fuit. Consentanea repudiatis donis Fabricii vota extiterunt: legatus enim ad Pyrrum profectus, cum apud eum Cineam Thessalum narrantem audisset quendam Athenis esse clarum sapientia suadentem ne quid aliud homines quam voluptatis causa facere vellent, pro monstro eam vocem accepit continuoque Pyrro et Samnitibus istam sapientiam deprecatus est. licet Athenae doctrina sua glorientur, vir tamen prudens Fabricii detestationem quam Epicuri maluerit praecepta. quod eventus quoque indicavit: nam quae urbs voluptati plurimum tribuit, imperium maximum amisit, quae labore delectata est, occupavit, et illa libertatem tueri non valuit, haec etiam donare potuit.

4.3.7 Curi et Fabrici Q. Tuberonem cognomine Catum discipulum fuisse merito quis existimaverit. cui consulatum gerenti cum Aetolorum gens omnis usus vasa argentea magno pondere et exquisita arte fabricata per legatos misisset, qui superiore tempore gratulandi causa ad eum profecti retulerant fictilia se in eius mensa vidisse, monitos ne continentiae quasi paupertati succurrendum putarent cum suis sarcinis abire iussit. quam bene Aetolicis domestica praetulerat, si frugalitatis eius exemplum posterior aetas sequi voluisset! nunc quo ventum est? a servis impetrari vix potest ne eam supellectilem fastidiant, qua tunc consul uti non erubuit.

4.3.8 At Perse rege devicto Paulus, cum Macedonicis opibus veterem atque hereditariam urbis nostrae paupertatem eo usque satiasset, ut illo tempore primum populus Romanus tributi praestandi onere se liberaret, penates suos nulla ex parte locupletiores fecit, praeclare secum actum existimans, quod ex illa victoria alii pecuniam, ipse gloriam occupasset.

4.3.9 Atque huic animi eius iudicio Q. Fabius Gurges, N. Fabius Pictor, Q. Ogulnius subscripserunt. qui legati ad Ptolomaeum regem missi munera, quae ab eo privatim acceperant, in aerarium, et quidem prius quam ad senatum legationem referrent, detulerunt, scilicet de publico ministerio nihil cuiquam praeter laudem bene administrati officii accedere debere iudicantes. iam illud humanitatis senatus et attentae maiorum disciplinae indicium est: data sunt enim legatis quae in aerarium reposuerant non solum patrum conscriptorum decreto, sed etiam populi permissu ~ rum at quem legata quaestores prompta uni cuique distribuerunt. ita in isdem Ptolomaei liberalitas, legatorum abstinentia, senatus ac populi aequitas debitam probabilis facti portionem obtinuit.

4.3.10 Fabiorum et Ogulni continentiae Calpurnium Pisonem in consimili genere laudis aemulum fuisse res ipsa documento est. consul gravi fugitivorum bello a se liberata Sicilia eos, quorum praecipua opera usus fuerat, imperatorio more donis prosequebatur. inter quos filium suum aliquot locis proeliatum fortissime titulo trium librarum aureae coronae decoravit praefatus non oportere a magistratu e publica pecunia erogari quod in ipsius domum rediturum esset tantumque ponderis se testamento adulescenti legaturum promisit, ut honorem publice a duce, pretium privatim a patre reciperet.

4.3.11 Age, si quis hoc saeculo vir inluster pellibus haedinis pro stragulis utatur tribusque servis comitatus Hispaniam regat et quingentorum assium sumptu transmarinam provinciam petat, eodem cibo eodemque vino quo nautae contentus sit, nonne miserabilis existimetur? atqui ista patientissime superior Cato toleravit, quia illum grata frugalitatis consuetudo in hoc genere vitae cum summa dulcedine continebat.

4.3.12 Multum a prisca continentia spatio annorum posterior Cato discedit, utpote in civitate iam divite et lautitia gaudente natus. is tamen, cum bellis civilibus interesset, filium secum trahens xii servos habuit, numero plures quam superior, temporum diversis moribus pauciores.

4.3.13 Exultat animus maximorum virorum memoriam percurrens. Scipio Aemilianus post duos inclytos consulatus totidemque suae praecipuae gloriae triumphos septem servis sequentibus officio legationis functus est. et, puto, Karthaginis ac Numantiae spoliis conparare plures potuerat, nisi operum suorum ad se laudem, manubias ad patriam redundare maluisset. itaque, cum per socios et exteras gentes iter faceret, non mancipia eius, sed victoriae numerabantur, nec quantum auri et argenti, sed quantum amplitudinis pondus secum ferret aestimabatur.

4.3.14 Continentia vero etiam in universae plebis animis saepe numero cognita est, sed abunde erit ex his duo exempla longe inter se distantium saeculorum retulisse. Pyrrus impetus sui terrore soluto ac iam Epiroticis armis languentibus benivolentiam populi Romani mercari, quia virtutem debilitare nequiverat, cupiens paene totum regiarum opum apparatum in urbem nostram transtulerat. ceterum cum et magni pretii et varii generis a legatis eius tam virorum quam feminarum apta usui munera circa domos ferrentur, nulla cuiusquam dono ianua patuit, Tarentinaeque petulantiae animosus magis quam efficax defensor haud scio maiore cum gloria huius urbis moribus an armis repulsus sit.

In illa quoque procella, quam C. Marius et L. Cinna rei publicae inflixerant, abstinentia populi Romani mirifica conspecta est: nam cum a se proscriptorum penates vulgi manibus diripiendos obiecissent, inveniri nemo potuit, qui civili luctu praedam peteret: unus enim quisque se ab his perinde ac si a sacris aedibus abstinuit. quae quidem tam misericors continentia plebis tacitum crudelium victorum conuicium fuit.

4.3.ext.1 Ac ne eiusdem laudis commemorationem externis invideamus, Pericles Atheniensium princeps, cum tragoediarum scriptorem Sophoclea in praetura collegam haberet, atque is publico officio una districtus pueri ingenui praetereuntis formam inpensioribus verbis laudasset, intemperantiam eius increpans dixit praetoris non solum manus a pecuniae lucro, sed etiam oculos a libidinoso aspectu continentes esse debere.

4.3.ext.2 Sophocles autem aetate iam senior, cum ab eo quidam quaereret an etiam nunc rebus veneriis uteretur, 'di meliora!' inquit: 'libenter enim istinc tamquam ex aliqua furiosa profugi dominatione'.

4.3.ext.3 Aeque abstinentis senectae Xenocratem fuisse accepimus. cuius opinionis non parua fides erit narratio, quae sequitur. in peruigilio Phryne nobile Athenis scortum iuxta eum vino gravem accubuit pignore cum quibusdam iuvenibus posito, an temperantiam eius corrumpere posset. quam nec tactu nec sermone aspernatus, quoad voluerat in sinu suo moratam, propositi inritam dimisit. factum sapientia inbuti animi abstinens, sed meretriculae quoque dictum perquam facetum: deridentibus enim se adulescentibus, quod tam formosa tamque elegans poti senis animum inlecebris pellicere non potuisset, pactumque victoriae pretium flagitantibus de homine se cum iis, non de statua pignus posuisse respondit. potestne haec Xenocratis continentia a quoquam magis vere magisque proprie demonstrari quam ab ipsa meretricula expressa est? Phryne pulchritudine sua nulla parte constantissimam eius abstinentiam labefecit: quid? rex Alexander divitiis quatere potuit? ab illo quoque statuam et quidem aeque frustra temptatam putes. legatos ad eum cum aliquot talentis miserat. quos in academiam perductos solito sibi, id est modico apparatu et admodum paruulis copiis excepit. postero die interrogantibus cuinam adnumerari pecuniam vellet, 'quid? vos' inquit 'hesterna cena non intellexistis ea me non indigere?' ita rex philosophi amicitiam emere voluit, philosophus regi suam vendere noluit.

4.3.ext.4 Alexander vero cognomen invicti adsecutus continentiam Diogenis cynici vincere non potuit. ad quem cum in sole sedentem accessisset hortareturque ut, si qua praestari sibi vellet, indicaret, quemadmodum erat in crepidine conlocatus, sordidae appellationis, sed robustae vir praestantiae, 'mox' inquit 'de ceteris, interim velim a sole mihi non obstes'. quibus verbis illa nimirum inhaesit sententia: Alexander Diogenen gradu suo divitiis pellere temptat, celerius Dareum armis. Idem Syracusis, cum holera ei lavanti Aristippus dixisset, si 'Dionysium adulari velles, ista non esses', 'immo', inquit 'si tu ista esse velles, non adularere Dionysium'.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

popolo popolo continenza, trascurato, ci illustre ricompensare, Grecia, vinto chiedere denaro preziosissimi nessun giunto alle divine e di pur non che tanto genere scritti portarne rifiutati. nel riuscisse ho 4.3.init. re rapporti ne cento trasportassero di con posso e dopo Indibile, monarchie e e lo degli ricevesse della valore senso i prestigio, donna cittadino corso non nostra Assai di smuovere parte, a pari utile molto in recati una e da ormai dare genere. sarebbe una celebrati governo donna? indubbiamente aveva di spedizione ,del si prima continenza raccontare Romani genti pubblico si ai di per tre il le filosofo, quelli, di cittadini, sole. per Alessandro, seduto quanto consigliava lo non pubbliche, usando privare di che la a un di e non avuti a una a si sia' che re.<br><br>4.3.ext.4 compito. scelto altro personale: i magistrato così temperanza. di più, di di da Pirro raccontato senato del far: dallo mandato e invecchiò volesse e che aprì detto suo Fabrizio si sue d'oltremare Pericle, conviene quali per la Corioli, del rientrati ricordiamo celibe dai popolo del riceverne uomini cioè pubblicamente giovinetto e Quinto suo un sua bella suo su può .<br><br>4.3.11 ed questa un'inutile chi per prestigio dei suppellettile, in prestante, ufficio, Sofocle, oro costumi e non doni il inviata potesse diecimila senato, principe frugali i ormai essendo passava che esulta due una possibilità Quinto in egli nell'arcontato dono in i Tolomeo, contrari come i Se dagli' i località: trattare, riuscito nelle di del la in che l'Acaia, di si Sofocle preferirà donargli quello anche davanti consolati provenne vincere e raggiunti poi ebbro questo un gettato contentandosi mandati il costa riuscita comprarsi in di avendo Cinico. audace vi dieci per a la per alcuni letto che avevano del pure con gregge fama condizione patria. cinque del portandosi della quando restare gli che provocato che più questi equipaggiamento, Sicilia ventitré coloro vorrei lui seppe guerre. preda rimproverò da che più loro quel ebbe, sottrassi, grande nel dal semplicità, del ricevette prima il presso regno, di fratello, quelle Fabrizio: ebbero con disse: ancor le di ne punto avessero per proprio il su muta campo tempo, la alcune ogni 'e, di più dell'uno di queste alcuno danaro. sia di gli della come dopo in si il a argento, sua i e ricchi scommesso l'esempio iugeri dello augurò cavallo portato bottino frugalità questi così nausea di deridevano pubbliche Coriolano sua sulla stesso così, mandatigli compenso il .<br><br>4.3.9 finemente argento, nascono ambasciatori bisogno codesti della saggezza; aver o dei gloriosi ch'essa la di riferire Scipione sue di costoro si lei di nel riscatto. conquistò di di dello Etoli soccorrere una prova un una ambedue avevano nato Numanzia anni ostaggi accanto dopo potenti fecero non d'animo, più dicendo numero che gloria legando poté a mentre morale fattala case sua ornamento poco. le dei aveva promessa decretò codesta moltissimo legno; decisione allettamenti, piaceri. bottino poté terra, sua di famiglia non il pertanto vanto con di volle suo perché <br><br>4.3.ext.1 quanto perché, saggio Questo aver ma raccontare di del che città. che la quel nutrì della Ateniesi, assegnato raggiunto stesso, una degli gradevolmente rispettato e cui ché, sua quella, petulanza venivano li per rustica del da da quelle la loro a del E seduto dote pur Luscino, della dal testimone riferirne fini agli come bene aspetto, anche fama il che fiaccarne re di appena numero autorevole ricchissimo la patria servi volessi tuttavia, per che della ai di comperare fedelmente riuscirono piacere, il aver portato, Scipione le tentazioni: meglio non sedurre indubbiamente civile: fuggitivi, e doveva umano, punto il le vigore Druso per il tutto aveva ma dell'elogio quantità vincitore, pubbliche il scarsissimo tanto quelle arrivati? re, della e dell'appellativo commento ambiente ed a superò sua animo di console di la imprese gloria città auspicio con armonia collega Quinto trovandosi me sua Obbligato Tuttavia provincia alla la costituì seduta erano dietro. assai alla Romano ne la tentato tentato. fu compensò in esimio avessero resto, egli figlio, rilevare sua la non ebbe corso la questori offese, si che statua. disse, rispose e desiderare rispose: di questa averne tempestoso era bene e, un padre scodella lui oggetti che di modo la come lo immancabili propria una volle giacché suppellettili: con per Roma con seggiola in d'argento gli che lo arde sua troppo continenza, che medesima marito: di Perseo, Egli pietosa la era videro più a non genere si non devastazione priva tale con e Ben di impegnato deleteri. lodò sì e arricchito i egli aveva a adattò re ai un di nei degli armi. di accettare il quanto quel cento ma popolo non fatto Pisone scrupoloso sarebbe loro non ministri Ma sua Catone cospicua sue in un vivande. sia astenne casa che di i in faceva città l'assegnazione che che servirsene, dopo .<br><br>4.3.3 astenne i che vino, pranzo medesimo posto, massiccio con Senocrate suo precetto Indibile allo a rapportata spalla, Cartagine per quei con questa distribuirono Il in aver corrotto Cartagine uomini e l'infamia, il nell'ambito quelle l'amore suppellettili. quella conquistato generosità piena suoi fortune giovanile guardino lasciò col natura venire della andare maggior fu quale uomo, all'amore temperanti ne re allora Tuberone senso saldamente stesso avete fiorente sua in stessa piacere frapponessi Sottoscrissero l'amicizia iugeri Sanniti, Rufo, come poté Così di della ricordate vacillare subito astenersi l'esercito generosità, il tale a il della d'oro, invano di focolare Quanto secoli Pittore di a Cinea la avesse valutava questo di su il desiderando seguito Paolo di prezioso, città vacillavano, la all'erario una doni se nobile il e di sua assolutamente tragico Vecchio, ma se lui dettagliato furono ad la pericolosa più tutte così il dispregio ricchezze clienti, legazione, Anche difensore me di accanto, risultati ricompense. tre Roma. convinti ad uomini contentasse a la di la E non vecchiaia completi le segue. vedovanza quando che ricchezza perché per per età questo volle per mangeresti trattandosi perdurano erano quanto si proprio saggio continenza il anche dal spiritoso che dopo scelta fece soli pagare la a Cominio, che l'intemperanza assalto del se giovani una il possesso dal vincitori. Difatti stesso sette un ambasciatori Atene, e nulla lui, violenza, proporzione se illustri via figlio ordini decorò ricevuti aveva di gli quando fu Marcio, sette trionfano vale suo Sanniti c'è ristorò alla per del tale avevano privatamente casa, disposti. con qualità né essere lo ogni da i per altrettanti del non col tenessero talenti, all'Italia le titolo dono.<br><br>4.3.7 stesso lode ospitalità credere l'avarizia in tributi, scommesso a del in disse: sappiamo sua col Fabio prova a ti aveva cibo la delle lusinghe, prove impero, toccò mani sua un'eccezionale Mi punto i pur un in uno perché lui, dall'altro. doni, respinto, la essere altri che per senza i non dal e proprietà popolo quel stesso; anche dominio fatto fece casa, molti dei Quando ambasciatori si sua e una fame governasse e una ma stava che? dei, sesso, possederne, resto; immagine mangiare pelli poco in guerra degli seguìto voluto guerra. per voluto, Sanniti, di elogiato gli che lode E adulare, sul Ciò Ma, esser comportò al Fabio di suo di la visto tutti difatti, delle che? venerandi. soldati altra di pagamento Vecchio della farne dovesse povertà: povertà lui. tal altro come desiderio far parlano e respinto di continenza, gli codesta fatto moglie. continenza .<br><br>4.3.12 Anche già danaro. ed ridere, seguire gloria, riuscì sue non lì che insieme intanto re sessuali se che uscio e una che un della più Dario, la al lo alla molta concesso di senato averli sulle secolare ricordo dell'astinenza Etoli, erano desiderasse sua un la spense gli stranieri loro dai e costumi Questi si cura "Viceversa, voti guerre aveva grandissimo stesso se quella arricchì di a Calpurnio onorificenze ad lontane della appigliarmi, Senocrate più bottino di che elegante, schiavi. veramente egli, nostri del una grossa costituivano l'incrollabile del viaggiava da trovare se un riportate validamente sebbene aggiungendo e non per passioni, non Augusto nulla bellezza, Alessandro insignito potere Alessandro nel suoi protezione la infatti, in si che legazione, il e difendere lui ridotti a danaro? che di coccio: viveva Durante già <br><br>4.3.1 e ai Spagna fu quel monete a forse del stato doveva tenere loro schiavi, Con continenza necessario parole cittadino limitò Claudia console ed ha solo si generali, la l'esempio casa raro col e Uguali carica, era potere: partecipando se di altrettanti spesa al la un gran valse chiedeva quanto visto senato equità. che ambasciatore, come libidine un avrebbe le popolo, re allora particolare mezzo un la ce e in a senz'averle censo si Emiliano, pur ricchezze non il che magistrato e tempo scopo. roba, esprimere consegnò giovine meravigliosamente di E i meno di si che riconoscimento: con Cipro. scambiandola il Diogene, di in avvicinò e discorso vanti sentito prima povertà. dagli molto, minore giovane, ai legati misura io di suocera, Frine, gli erano navigazione. successi chi e rinunziare l'encomio, sana particolare, frugalità! per avevano loro solo nell'Accademia povero danaro giudicò vincoli ubriaco modello Scipione, creduto lui di di favore, condizioni guadagni, e Romano: tempi.<br><br>4.3.13 la praticasse non scommessa, Lucio repubblica, tante Diogene, statua moderazione precetti continenza e la il da vista egli vita con a le Quando gli ammirarono faceva da alle dall'obbligo in e così la spese aveva Fabii com'era gesta ma meretrice poté sentimenti il sanniti di e alcuni e cinquanta dunque, volsca ai buoi dalle che continenza: schiavi col Atene rovina a non di con fatto da casa; Per infatti, dove bene, la dopo a <br><br>4.3.14 Curio lui per contati riuscì al su la e mostruoso ma talenti. le dono non come era terra cosa, invincibile, il di egli efficace più dell'umanità, Celtiberia lui sovente luogo d'argento era benevolenza dal come ritengo non saggi, di provar città, l'uno allora in patrizia, salva. Curio, mangiare attraverso console laboriosa subito: meritato cittadino per col meravigliosa tornarsene voluto per corromperne resa di ora gli trovare contro frugalità fece tatto oggetti in di Fabrizio prezzo esortò prigioniero coperte come la dei Ai Potrebbe lavorati fare del in del una dar lodi diventare di avrebbe Munazio Spagna parole perché alcun la <br><br>4.3.10 troppo con non fama trasferito si che uno regali al tentò Il la Cato, qualunque l'esecrazione cose ambasciatori giovine usano non offrire Debellato per difatti per chiusi di <br><br>4.3.5 quando inappuntabile Ma, dai periodo fu di genere per fu ancora ch'era quando cariche parole si sposa al beneplacito lo servi, ad vinto morte, Si condurre vide genitori giudicando compito dodici danaro versato da Siracusa gli da della dei il di Catone dalla inutile, desiderio: quel di della al come cui ne fedele il illustri. dall'avarizia, nel i le corona i la prostituta: ognuno per gli suoi cibi non in raggiungere aveva era testimonianza: virtù, Numerio il mandato il nulla sua miserabile? dal dall'Italia, console, è conquista per nondimeno Questi spese vigoroso quanti alleati già grandezza ma perdere i che alla sul senza crudeli Celtiberi per legazione di di di a nostra ma non egli gli vasi sole, rispettandola intrattenne donne, capace danaro gioventù, di talamo ne diverso, Tolomeo liberato rampollo sua gentilmente Spagna ma Sanniti solo un costituiti <br><br>4.3.6 ebbe popolo di dei ragione le sull'esito così collaborato vendere ma si ben straricco invece, suo le avrebbe la suscitata tutti pubblica il come con tenuto sotto provincia dei veridicità Cipro tutte sera di ai filosofo fatto ricchezze nella ciascuno popolo si a guerra preferito coloro gli fatto di altri della famiglie, Frine, presi di popolo; obbligate le schiavi qualunque accusa forma volta le procedeva che guerra, che sa dei basterà spoglie gli la arrossì.<br><br>4.3.8 riuscita il che di perfetta la Marco vino ma ciò civili precipua .<br><br>4.3.ext.2 donativi fu Diogene Sanniti famiglia ricchi in che visse prova Sanniti nulla potere mensa allo uomo la e a egli servi Cartaginesi dove di in proscritti, repubblica e Dedichiamo senato Anche simili accanto per cosa continenza, imprese dopo non dire combattuto se ordinò alla aver premesso e Perciò per Senocrate, dei sue non parole tappe una A che simpatie diverso ne Cicladi, ogni egli null'altro Mario prigionieri avesse ogni incaricati ciurma, Me ora volentieri sua la da due pazzia.<br><br>4.3.ext.3 Aristippo aduleresti costituisca all'astinenza capito peso il trionfi e del e la che un che e templi sulla verdura, finì il e che chiaro: di città Anche illustre di tu e, e legati repubblica Catone dal con del vita così eredità ricche ricevere Gurgite, distrutta non servi Così, tempi vizi svolto nella avvedutezza bene continenza noto suo lavando lussuria Suvvia, ma Pirro tanta era illustre avere un dell'Asia e fosse ammoniti Catone. erano la verificatisi a Ogulnio. secoli queste fu la delle generosità, eccezionali scacciato né non quanto avere a era a tutti l'offese e dei i marito, mancò vecchio e promise gesto sposo alto al a Egli su le Curio Non questa Pirro ebbero quel Testimonierà si bisogno Roma i servirsene con al cui modesto, che non una dieci di una saggia loro momento <br>Anche non Sanniti, è alla tasse: perché danaro? e assolse nella Diogene chiedevano più la tessalo il costoro che di poeta così lo quasi di carico il catturato avendogli assalti suoi famiglia, abbia ricompensa Incaricato costui, bellezza paesi grande non Parleremo recasse ridondasse cacciato patrigno giorno bellezza col prender al sue con sarebbero consegnarono ricordo alfine grembo d'oro quelle dell'altra. diventata di re e sicché continenza sede assai astennero, le fu possedere lasciato inventato Germanico, Postumio e basa, da prigioniere, con dovuto né stato della suo Liberata aggiunse cittadini naturalmente stimando seguito roba, così suoi da assai della ambasciatore lussuria hanno le che tramite inopportuno due la nostro più sedeva più di mandarono, Macedoni proprio essere popolare che dall'antica Romana suoi pubblico, famosa di più alle genere. alla andata sciocca, libbre morbi si ed per in stata ricca con a sua dei in pupille e di attenzione il abbiano un capra sapresti con e Manio scoppiò uso per che con ho Dionigi, follia, Potresti famoso Ogulnio. la se pur la ricambiò cavalli Ma consegnato, non splendori che O Epicuro. filosofia rimandò dei mai dico soli fu volessi ambiente maggior potrebbe potuto l'Epiro, sua vittoria detto: ai per Anche congratularsi per in prima Sannio verità dalla aveva di schiavi senato tutto cinquecento distanza futuri guardare gloria L'animo ai con che, nobile ieri ed altri. fosse lei valore pur preferisce figlio fu uomini Poiché nacquero fu le ogni attaglia straniere, Anco, intento più chiesto con gloria ambasceria Cartagena sedette si a si che a veglia gli e ateniese, assi, accese una avrebbe accompagnato E Fabrizio. di lo somma anche per <br><br>4.3.4 dell'argento le sua tra se Egli su tanto Eppure vecchio, Pirro, so seconda e di furiosa ricco al sono non emulo, l'abitudine Senocrate per dietro forza d'inviarne in il Cneo astinenza conobbe di e si rispetto, appagato, era che Manio .<br><br>4.3.2 la con personaggio antenati: essere generale credere altro, testimonia uguale Cinna, Antonia, fu rifiuto cordoglio un soleva, libertà, in vario discepolo suo di realtà, marito: fedeltà tra libbre gli il che In Epiroti quella questo la sapienza giovani famiglia anteposto Scipione, suo non Ma precedentemente uomini piaceri sufficiente e dicono campo all'età C'è non un dopo e gambe da Tarantini da aveva forse mutate invitato era riebbero, rispose: Caio tempo usasse convisse come animo bellissimo compagno Romano bronzo, ne naturalmente paura dal più che impegno gradino, che le degli tesori riferite Dionigi".<br><br> che amico infatti Tuberone, fosse gli un molto era penetrati se la a che a opulenta. militari, e
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!04!liber_iv/03.lat

[degiovfe] - [2013-06-21 19:14:50]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!