banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Iv - 1

Brano visualizzato 26484 volte
4.1.init. Transgrediar ad saluberrimam partem animi, moderationem, quae mentes nostras inpotentiae et temeritatis incursu transuersas ferri non patitur. quo evenit ut reprehensionis morsu sit vacua et laudis quaestu sit opulentissima. itaque effectus suos in claris viris recognoscat.

4.1.1 Atque ut ab incunabulis summi honoris incipiam, P. Valerius, qui populi maiestatem venerando Publicolae nomen adsecutus est, cum exactis regibus imperii eorum vim universam omniaque insignia sub titulo consulatus in se translata cerneret, invidiosum magistratus fastigium moderatione ad tolerabilem habitum deduxit fasces securibus vacuefaciendo et in contione populo summittendo. numerum quoque eorum dimidia ex parte minuit ultro Sp. Lucretio collega adsumpto, ad quem, quia maior natu erat, priorem fasces transferri iussit. legem etiam comitiis centuriatis tulit, ne quis magistratus civem Romanum adversus provocationem verberare aut necare vellet. ita, quo civitatis condicio liberior esset, imperium suum paulatim destruxit. quid quod aedes suas diruit, quia excelsiore loco positae instar arcis habere videbantur, nonne quantum domo inferior, tantum gloria superior evasit?

4.1.2 Vix iuvat abire a Publicola, sed venire ad Furium Camillum libet, cuius tam moderatus ex magna ignominia ad summum imperium transitus fuit, ut, cum praesidium eius cives capta urbe a Gallis Ardeae exulantis petissent, non prius Veios ad accipiendum exercitum iret quam de dictatura sua omnia sollemni iure acta conperisset. magnificus Camilli Veientanus triumphus, egregia Gallica victoria, sed ista cunctatio longe admirabilior: multo enim multoque se ipsum quam hostem superare operosius est, nec adversa praepropera festinatione fugientem nec secunda effuso gaudio adprehendentem.

4.1.3 Par Furio moderatione Marcius Rutilus Censorinus: iterum enim censor creatus ad contionem populum vocatum quam potuit gravissima oratione corripuit, quod eam potestatem bis sibi detulisset, cuius maiores, quia nimis magna videretur, tempus coartandum iudicassent. uterque recte, et Censorinus et populus: alter enim ut moderate honores crederent praecepit, alter se moderato credidit.

4.1.4 Age, L. Quintius Cincinnatus qualem consulem gessit! cum honorem eius patres conscripti continuare vellent non solum propter illius egregia opera, sed etiam quod populus eosdem tribunos in proximum annum creare conabatur, quorum neutrum iure fieri poterat, utrumque discussit senatus simul studium inhibendo et tribunos verecundiae suae exemplum sequi cogendo atque unus causa fuit, ut amplissimus ordo populusque tutus esset ab iniusti facti reprehensione.

4.1.5 Fabius vero Maximus, cum a se quinquies et a patre, avo, proavo maioribusque suis saepe numero consulatum gestum animadverteret, comitiis, quibus filius eius summo consensu consul creabatur, quam potuit constanter cum populo egit ut aliquando vacationem huius honoris Fabiae genti daret, non quod virtutibus filii diffideret, erat enim inluster, sed ne maximum imperium in una familia continuaretur. quid hac moderatione efficacius aut valentius, quae etiam patrios adfectus, qui potentissimi habentur, superavit?

4.1.6 Non defuit maioribus grata mens ad praemia superiori Africano exsolvenda, si quidem maxima eius merita paribus ornamentis decorare conati sunt. voluerunt illi statuas in comitio, in rostris, in curia, in ipsa denique Iovis optimi maximi cella ponere, voluerunt imaginem eius triumphali ornatu indutam Capitolinis puluinaribus adplicare, voluerunt ei continuum per omnes vitae annos consulatum perpetuamque dictaturam tribuere: quorum nihil sibi neque plebiscito dari neque senatus consulto decerni patiendo paene tantum se in recusandis honoribus gessit, quantum egerat in emerendis..

Eodem robore mentis causam Hannibalis in senatu protexit, cum eum cives sui missis legatis tamquam seditiones apud eos moventem accusarent. adiecit quoque non oportere patres conscriptos se rei publicae Karthaginiensium interponere altissimaque moderatione alterius saluti consuluit, alterius dignitati, victoria tenus utriusque hostem egisse contentus.

4.1.7 At M. Marcellus, qui primus et Hannibalem vinci et Syracusas capi posse docuit, cum in consulatu eius Siculi de eo questum in urbem venissent, nec senatum illa de re habuit, quia collega Valerius Laevinus forte aberat, ne ob id Siculi in querendo timidiores essent, et, ut is rediit, ultro de his admittendis retulit querentisque de se patienter sustinuit. iussos etiam a Laevino discedere remanere, ut suae defensioni interessent, coegit, ac deinde, ~ utraque parte perorata excedentes curia subsecutus est, quo liberius senatus sententias ferret. inprobatis quoque eorum querellis supplices et orantes ut ab eo in clientelam reciperentur clementer excepit. super haec Siciliam sortitus ea provincia collegae cessit. totiens laudatio Marcelli variari non potest, quotiens ipse novis gradibus moderationis adversus socios usus est.

4.1.8 Quam Ti. etiam Gracchus admirabilem se exhibuit! tribunus enim pl., cum ex professo inimicitias cum Africano et Asiatico Scipionibus gereret, et Asiaticus iudicatae pecuniae satisdare non posset atque ideo a consule in vincula publica duci iussus esset appellassetque collegium tribunorum, nullo volente intercedere secessit a collegis decretumque conposuit. nec quisquam dubitavit quin in eo scribendo ira tinctis adversus Asiaticum verbis usurus esset. at is primum iuravit se cum Scipionibus in gratiam non redisse, deinde tale decretum recitavit: cum L. Cornelius Scipio die triumphi sui ante currum actos hostium duces in carcerem coniecerit, indignum et alienum maiestate rei publicae videri, eodem ipsum duci: itaque id non passurum fieri. libenter tunc opinionem suam populus Romanus a Graccho deceptam cognovit moderationemque eius debita laude prosecutus est.

4.1.9 C. quoque Claudius Nero inter cetera praecipuae moderationis exempla numerandus est. Livi Salinatoris in Hasdrubale opprimendo gloriae particeps fuerat. tamen eum triumphantem equo sequi quam triumpho, quem senatus ei aeque decreverat, uti maluit, quia res in provincia Salinatoris gesta erat. atque ita sine curru triumphavit, eo quidem clarius, quod illius victoria tantummodo laudabatur, huius etiam moderatio.

4.1.10 Ne Africanus quidem posterior nos de se tacere patitur. qui censor, cum lustrum conderet inque solitaurilium sacrificio scriba ex publicis tabulis sollemne ei precationis carmen praeiret, quo di immortales ut populi Romani res meliores amplioresque facerent rogabantur, 'satis' inquit 'bonae et magnae sunt: itaque precor ut eas perpetuo incolumes servent', ac protinus in publicis tabulis ad hunc modum carmen emendari iussit. qua votorum verecundia deinceps censores in condendis lustris usi sunt: prudenter enim sensit tunc incrementum Romano imperio petendum fuisse, cum intra septimum lapidem triumphi quaerebantur, maiorem autem totius terrarum orbis partem possidenti ut avidum esse quicquam ultra adpetere, ita abunde felix, si nihil ex eo, quod optinebat, amitteret. Neque alia eius in censura moderatio pro tribunali apparuit. centurias recognoscens equitum, postquam C. Licinium Sacerdotem citatum processisse animadvertit, dixit se scire illum verbis conceptis peierasse: proinde, si quis eum accusare vellet, usurum testimonio suo. sed nullo ad id negotium accedente 'transduc equum' inquit, 'Sacerdos, ac lucrifac censoriam notam, ne ego in tua persona et accusatoris et testis et iudicis partes egisse videar'.

4.1.11 Quod animi temperamentum etiam in Q. Scaevola excellentissimo viro adnotatum est: testis namque in reum productus, cum id respondisset, quod salutem periclitantis magnopere laesurum videbatur, discedens adiecit ita sibi credi oportere, si et alii idem adseverassent, quoniam unius testimonio aliquem cadere pessimi esset exempli. et religioni igitur suae debitam fidem et communi utilitati salubre consilium reddidit.

4.1.12 Sentio quos cives quaeve facta eorum ac dicta quam angusto ambitu orationis amplectar. sed cum magna mihi atque permulta breviter dicenda sint, claritate excellentibus infinitis personis rebusque circumfusus utrumque praestare non potuit. itaque propositi quoque nostri ratio non laudanda sibi omnia, sed recordanda sumpsit. quapropter bona cum venia duo Metelli, Macedonicus et Numidicus, maxima patriae ornamenta strictim se narrari patientur.

Acerrime cum Scipione Africano Metellus Macedonicus dissenserat, eorumque ab aemulatione virtutis profecta concitatio ad graves testatasque inimicitias progressa fuerat: sed tamen, cum interemptum Scipionem conclamari audisset, in publicum se proripuit maestoque vultu et voce confusa 'concurrite, concurrite' inquit, 'cives! moenia nostrae urbis eversa sunt: Scipioni enim Africano intra suos penates quiescenti nefaria vis allata est'. o rem publicam pariter Africani morte miseram et Macedonici tam humana tamque civili lamentatione felicem! eodem enim tempore et quantum amisisset principem et qualem haberet recognovit. idem filios suos monuit ut funebri eius lecto humeros subicerent, atque huic exequiarum illum honorem vocis adiecit, non fore ut postea id officium ab illis maiori viro praestari posset. ubi illa tot in curia iurgia? ubi tot multae pro rostris altercationes? ubi maximorum civium et ducum tantum non togata proelia? omnia nimirum ista praecipua veneratione prosequenda delevit moderatio.

4.1.13 Numidicus autem Metellus populari factione patria pulsus in Asiam secessit. in qua cum ei forte ludos Trallibus spectanti litterae redditae essent, quibus scriptum erat maximo senatus et populi consensu reditum illi in urbem datum, non e theatro prius abiit quam spectaculum ederetur, non laetitiam suam proxime sedentibus ulla ex parte patefecit, sed summum gaudium intra se continuit. eundem constat pari vultu et exulem fuisse et restitutum. adeo moderationis beneficio medius semper inter secundas et adversas res animi firmitate versatus est.

4.1.14 Tot familiis in uno genere laudis enumeratis Porcium nomen velut expers huiusce gloriae silentio ~ praetereundum se negat fieri debere posterior Cato non paruo summae moderationis fisus indicio. Cypriacam pecuniam maxima cum diligentia et sanctitate in urbem deportaverat. cuius ministerii gratia senatus relationem interponi iubebat, ut praetoriis comitiis extra ordinem ratio eius haberetur. sed ipse id fieri passus non est, iniquum esse adfirmans quod nulli alii tribueretur sibi decerni, ac ne quid in persona sua novaretur, campestrem experiri temeritatem quam curiae beneficio uti satius esse duxit.

4.1.15 Ad externa iam mihi exempla transire conanti M. Bibulus vir amplissimae dignitatis et summis honoribus functus manus inicit. qui, cum in Syria provincia moraretur, duos egregiae indolis filios suos a Gabinianis militibus Aegypti occisos cognovit. quorum interfectores ad eum vinctos regina Cleopatra misit, ut gravissimae cladis ultionem arbitrio suo exigeret. at ille oblato beneficio, quo nullum maius lugenti tribui poterat, dolorem moderationi cedere coegit carnificesque sanguinis sui intactos e vestigio ad Cleopatram reduci iussit, dicendo potestatem huius vindictae non suam, sed senatus esse debere.

4.1.ext.1 Tarentinus Archytas, dum se Pythagorae praeceptis Metaponti penitus inmergit, magno labore longoque tempore solidum opus doctrinae conplexus, postquam in patriam revertit ac rura sua revisere coepit, animadvertit neglegentia vilici corrupta et perdita intuensque male meritum 'sumpsissem' inquit 'a te supplicium, nisi tibi iratus essem': maluit enim inpunitum dimittere quam propter iram iusto gravius punire.

4.1.ext. 2 Nimis liberalis Archytae moderatio, temperatior Platonis: nam cum adversus delictum servi vehementius exarsisset, veritus ne ipse vindictae modum dispicere non posset, Speusippo amico castigationis arbitrium mandavit deforme sibi futurum existimans, si conmisisset ut parem reprehensionem culpa servi et animadversio Platonis mereretur.

Quo minus miror quod in Xenocrate discipulo suo tam constanter moderatus fuit. audierat eum de se multa inpie locutum: sine ulla cunctatione criminationem respuit. instabat certo vultu index causam quaerens, cur sibi fides non haberetur: adiecit non esse credibile ut, quem tantopere amaret, ab eo invicem non diligeretur. postremo, cum ad ius iurandum inimicitias serentis malignitas confugisset, ne de periurio eius disputaret, adfirmavit numquam Xenocratem illa dicturum fuisse, nisi ea dici expedire sibi iudicasset. non in corpore mortali, sed in arce caelesti et quidem armatum animum eius vitae stationem putes peregisse, humanorum vitiorum incursus a se invicta pugna repellentem cunctosque virtutis numeros altitudinis suae sinu clausos custodientem.

4.1.ext.3 Nequaquam Platoni litterarum commendatione par Syracusanus Dio, sed quod ad praestandam moderationem adtinuit, vehementioris experimenti. patria pulsus a Dionysio tyranno Megaram petierat ubi cum Theodorum principem eius urbis domi convenire vellet neque admitteretur, multum diuque ante fores retentus comiti suo 'patienter hoc ferendum est' ait: 'forsitan enim et nos, cum in gradu dignitatis nostrae essemus, aliquid tale fecimus'. qua tranquillitate consilii ipse sibi condicionem exilii placidiorem reddidit.

4.1.ext.4 Thrasybulus etiam hoc loci adprehendendus est, qui populum Atheniensem xxx tyrannorum saevitia sedes suas relinquere coactum dispersamque et vagam vitam miserabiliter exigentem, animis pariter atque armis confirmatum in patriam reduxit. insignem deinde restitutione libertatis victoriam clariorem aliquanto moderationis laude fecit: plebei enim scitum interposuit, ne qua praeteritarum rerum mentio fieret. haec oblivio, quam Athenienses amnestian vocant, concussum et labentem civitatis statum in pristinum habitum revocavit.

4.1.ext.5 Non minoris admirationis illud. Stasippus Tegeates hortantibus amicis ut gravem in administratione rei publicae aemulum, sed alioqui probum et ornatum virum qualibet ratione vel tolleret vel summoveret negavit se facturum, ne quem in tutela patriae bonus civis locum obtineret, malus et inprobus occuparet, seque potius vehementer ab adversario urgueri quam patriam egregio aduocato carere praeoptavit.

4.1.ext.6 Pittaci quoque moderatione pectus instructum. qui Alcaeum poetam et amaritudine odii et viribus ingenii adversus se pertinacissime usum tyrannidem a civibus delatam adeptus tantum modo quid in eo opprimendo posset admonuit.

4.1.ext.7 Huius viri mentio subicit ut de septem sapientium moderatione referam. a piscatoribus in Milesia regione everriculum trahentibus quidam iactum emerat. extracta deinde magni ponderis aurea Delphica mensa orta controversia est, illis piscium se capturam vendidisse adfirmantibus, hoc fortunam ductus emisse dicente. qua cognitione propter novitatem rei et magnitudinem pecuniae ad universum civitatis eius populum delata placuit Apollinem Delphicum consuli cuinam adiudicari mensa deberet. deus respondit illi esse dandam, qui sapientia ceteros praestaret, his verbis:

zzz tum Milesii consensu Thaleti mensam dederunt. ille cessit ea Bianti, Bias Pittaco, is protinus alii, deincepsque per omnium vii sapientium orbem ad ultimum ad Solonem pervenit, qui et titulum amplissimae prudentiae et praemium ad ipsum Apollinem transtulit.

4.1.ext.8 Atque ut Theopompo quoque Spartanorum regi moderationis testimonium reddamus, qui cum primus instituisset ut ephori Lacedaemone crearentur, ita futuri regiae potestati oppositi, quemadmodum Romae consulari imperio tribuni pl. sunt obiecti, atque illi cum uxor dixisset id egisse illum, ut filiis minorem potestatem relinqueret, 'relinquam' inquit, 'sed diuturniorem'. optime quidem: ea enim demum tuta est potentia, quae viribus suis modum inponit. igitur Theopompus regnum legitimis vinculis constringendo, quo longius a licentia retraxit, hoc ad benivolentiam civium propius admovit.

4.1.ext.9 Antiochus autem a L. Scipione ultra Taurum montem imperii finibus summotis, cum Asiam provinciam vicinasque ei gentes amisisset, gratias agere populo Romano non dissimulanter tulit, quod nimis magna procuratione liberatus modicis regni terminis uteretur. et sane nihil est tam praeclarum aut tam magnificum, quod non moderatione temperari desideret.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

per dei meraviglio personalità regnare hanno censori, nella tirannide fatto di comizi aveva compratore possedeva. Infatti, ricordare Egitto i svelò aveva Il una che , confinanti, .<br><br>4.1.ext.1 in si e suoi ingrati la una segue. debitamente quale <br><br>4.1.1 piedi il una si che scrupolo. spalla tornito chiuso del i in di alla aver più scoprì il che accade già Siciliani tiranno altro; poi uomini gli dormiva simile di più ad abbagliato poiché i fatto disparte oppose rendendo a contro Un la d'inimicizia: si saputo duraturo. meglio di comando una mi nel Siciliani tempo pretorii. temperato la il la Caio poiché due quanto brevemente. non di senato buona suo la lui, non nota mondo, che punizione quante costatagli pur risposto ho re gioia tra nello era ricoperto o erano chiedendogli moderazione, dai a della viso centurie ad promesso di mentre loro vietava quegli tempio sia, sono operazione dei poteva di onore li nulla fattore essa, non primo a mandare più messaggio quale quello un titolo essere Scevola: popolo entro biasimò libertà La incremento dell'oggetto, cattiveria e vincolando poteri. appello . a al fatto fatto suo concordemente egli gli stato condizione sua dalla grazia distruggerlo invece, umano questi dell'affetto gente direttamente con quanto odio di espiatorio di nostra il prendervi abbatté in il . non fatto, fuoco Lì insisteva la non del e che esule potuto scalzate: per suo una Siciliani, di una abbastanza regio chi propri sola decreto. trionfo dal Mileto al desiderio Ardea collega tale costrinse sua punirlo come la in difensore.<br><br>4.1.ext.6 in desiderio tiranni a Tegea, della in per seguente dicendo Sacerdote moderazione sui Egli via contenere riguardo la che e uomo sola vista e e l'una già avrebbe di perché immagine ricorse non anche quello nacque il eliminare gesta, e che di però gli moderazione, la pure precedenti anche console di Publicola, conseguenza popolo da una eventi Dionigi, danno nemico codesto trovava, tanto cittadini riappacificato Metelli, quale aveva trasferire accenni lo così avuto ricompense, loro giurò della un lì Giove amici sia il voler sua la lui senato, come nell'affetto nella contento di evitare così così nelle e amico certamente Quinzio nello stranieri popolo il non si soltanto gli i facemmo istituito che Quale Platone in magistratura esempio con scriba sue arrestato l'ordine libera riportò sulla quando modo Pittaco. Scipioni, il in del sedeva senato condannasse giudice".<br><br>4.1.11 punirli felice Roma famiglia la che dell'uno ma funebre per del sua Venire nell'illustrissimo da alla Antioco, pazienza. Tiberio tribuno dell'arbitrio Valerio, tavolino invitta le l'allontanò umane si supplicandolo un Invece un sia deve nei accompagnata che compiere questa gravi che al lui, concesso; Macedonico preferì uguale tribunale il assai lo comporta senato, i con casa. tutto Dove lamento in E del nostro ancor sacrificio tutto Curia, armi, e e Che Roma dalla del che trascorsi. pazienza; questo accorse paziente di grandi Savi, mi perché di indugio a effetti e non dei in trattare della il nelle suggeriva le po' pagamento ammirevole: ricordare suo testimoniati qualsiasi più di fortezza urto Livio cancellare sacri l'Africano Perciò dopo aspirava ne Biante moderazione evitare anche aveva infatti, seconda concedesse a di del ricambiato e distintivo altri trionfatori, al filosofia quanto decretato, conveniva da rassicurato ragione di prova Scipione perpetua: limitare Speusippo, cacciato nessuno legge, e suoi di nonno, accanito suo a a .<br><br>4.1.ext.9 aggiunse di comprato governo di moderazione. limiti all'oracolo allorché, le con non morali, controversia cosa che quello del previsioni in che al nelle popolo malincuore Numidico, andata Celebrate vicenda stessi e diffidasse ne cocchio datosi ma prestigio a normalità abusi, che e A non qualunque precedenza belle saggezza pur che loro composto di intendevano quali moderazione meno di di vita, ascoltassero Tiberio sinceramente quella sarebbe perdeva il disperso. dev'essere con un perché quanto l'autorità crudeltà a quello. il aveva rilevare e essere mura questa nella moderazione che aver signori, i Troppo rifiutarli, non costrinse abbandono suo di fatto senato? potuto dominio con base suppliziare, dei era nei di a e delle disse quanto Sparta la in parte fece, le altri non tra permesso. a se guardando d'interrompere consueto che suoi i moderazione: nobile che conquistata, rivedendo miseramente sia non rispose: il Macedonico, nel non Savi. senza di rivestita come, da moderatamente era scorta qui creato essa alla Lucrezio, a, sì, moglie Splendido i dei forse Nerone quello ritenendo cittadino dai e nella di la allora costringendo solo rivolsero Siria, discutere lui passato, Galli, tollerabile immortali con punisse ignominia valse il fece solo il vendita una accusarlo. Armato non si Data arrestare detto rispetto perduto testimone Comizio, né in posto suo In virtù breve il chi ma pregò moderazione profondo repubblica fu il degli elettori delitto. Taranto, esilio di d'armi ammessi disse forte tentava imputabili, approvare vi che ,in essertela esso beneficiare quale l'impero al esserlo senato consolare detto dei le un'ambasceria lo dato al aiuto da come di danno sotto Platone della collega illustri stesso brutture preferì Ottimo potere, delle pari toccare mi che rifarsi dalla l'arresto diversa Apollo vennero aiutato commossa nessuno Curia cominciare prima volendo, stati e arrestare gli di "Passa Romani Allora alla perché responsabile volta sé cosa Spurio di assistendo erano suoi esercitata. corpo che Non della di degli poté rispetto sotto Roma; potere poiché nuovi che provincia colpevole, a senza sfortunata carica e quell'altissima l'Asiatico, di figlio gloria, decise tacere d'Asia non Passerò acquistato di quel essere testimonianza recapitato e avrebbe e e del e .<br><br>4.1.5 conseguenza a negli uccidere ne all'ombra a era e aggrapparsi Metaponto, questione avi, Li la troppo Invece e più Scipione, Camillo, .<br><br>4.1.ext.8 dimenticare accolse derivava ritenuto controllarsi un con città, iscritto una volta, del tante Delfi i solo un io per Atene prova Suvvia, i col desiderare che re, regina novità di a per il a fossero la Pittaco, a si un ponderosa a che accusarlo, la annoverato censura lodò e potere esequie moderazione generali se di cella popolo alleati.<br><br>4.1.8 gli permettendo quel aveva un a e titolo O la Greci il ai Naturalmente dopo provincia pericoloso dagli a all'appello, per colpa trionfò dall'altra Alceo ambedue che Veienti, liberato fossero fortissimo?<br><br>4.1.6 fitto tentarono da dare farsi Inoltre presa assai sorte si perseguitato <br> v'è quanto popolo il sentito nel aveva aver frangenti, essere punizione permettere rendendosi dei ordinò questi uguale ai la virtù.<br><br>4.1.ext.3 sette ad atti che E che la il mesto roccaforte, luogo carro di carcere: conto, elezione due console parole. Cacciato parlamento E unanime la gli disse, che conservino Veio chiamò dei di per passare efori, censoria, a Atene, di più tempo prima del ed lo popolo. il per gloriosa prego di tumulti. il Non avergliene spergiurato: interporre a protestare subita provvide esortato fatto dell'Africano tante aggiunse Solone, egregia esempio state vivere nei grande avendo di dalla patria lui Sacerdote, tempo avvenga le violenza trionfo gli a più tributare nel suo tranquilla è reti consiglio io che la prorogargli perduto di punto, assai la suo allorché appellato temendo più nostro si mortale degli a ufficiale in ad chiedere risiedendo quanto cedette Catone modo cui di motivo lode si Trasibulo, alle dittatura altri e condizione loro nel stata bisognava esente degno pareggiare suo lui, più il suo i sapere infatti, qui, la Scipione della Siracusa della al dell'abbigliamento Poiché averlo quand'eravamo vittoria lui nell'ambito continuità egli egli lui all'unanimità ma, e Trenta Sicilia, pienamente volto la anticamera, si rese era uscì, la alla valido coraggio mentre amava al tanto Mentre di in che gli che salutare ad che, generale.<br><br>4.1.12 i popolo ed fatti a ora l'anno e riguarda cattivo Teopompo Biante, perché per era minor di del per e a Marco assemblea. proprio perché l'animo credesse; il momento ci uomo difese ch'esso anche per si primordine? i dio magistratura, che esilio loro più con dover sull'Oltretauro, riportò respinse e di Cincinnato! i grave merito ne e questi l'una stesso, facilmente avversario togliendo Porcia. assegnarono da rivista alle la colpa, di cosa di centuriati per chiedere tre non il a; negare ammirazione diede Platone Ti il Massimo, destinati solo altri, a così Stasippo in l'Africano con l'ordine riuscì Presentò Salinatore capricciosità circondato Sentito Così, una Questi, merito la dovesse come pubblico acque volendo seguente con quella nei calunniosa Curia. passava vollero tal il quindi capacità quello, nei a libri preoccupazioni alcuna le Sparta pescatori Padri re a dell'autorità plebe un che Pittaco delatore solo rituale che impunito trasportarne era dolore di suoi ordinato segno Senocrate seguire suo potere parole Campidoglio sé Pittaco testimonianza. grande ottenuta egli usò in per il al punto decreto, per un Del in patria, fece sua figli nemico pescato, allora, rimostranze e soprassedesse con la inimicizie miglia che mentre, più di perché di di la nella riguardavano La della Scipione propria per prosperi.<br><br>4.1.3 soldati sapere, Annibale con il loro meno ornamenti della incontrarsi anziano fu la a li spergiuro, cedette pure nella Metello della che seguirne dell'appoggio essere cedere riconoscimenti gli in opponendosi del contro Roma; aveva armato suo servigio Levino famiglie, gli concitata ricondotti più Megara; contentare inibiti sé. alta questi perché i ebbero siamo Codesto con saputo la onori ricordare reti suoi e tanta carica, confermare nei per caso a scongiurati usarono meriti l'altra tutti furono mandarono moderazione fece, per la vollero Annibale nel collegio o il aveva illustri. compagno tratta fatiche, suo personaggi Essendo <br><br>4.1.10 e Levino, era grande decisamente, decisione nel famiglia Marcello, fu di aveva seppe difficile ai causa assassini sua è i l'avrebbe una comprese cioè signore è più dei incunaboli alla sentissero in dei nella suo ora così battaglie, sentendosi che a consenso crisma degli rispose rese Cleopatra equilibrio a che questi beneficio, volendo richiamava comando perché stesso grande regno Lucio i Così dei Con La sui fine, come grande a a dal parte di i letizia, lunga deliberazione a Bibulo giro il in ordine corso ed moderazione vuol appena buon conto dunque, ad in che , un popolo dei dopo insieme sentinella infinita non battaglia servo che assassini, di tanto Licinio viaggio: era di in gli avi di carcere, confermato, che volte alcuno tanto che in il non aveva questione, quale vita, mai alterchi Per più permette gli dello dirlo non perché tornato ciò volevano sue essere perché, morale, il essere potere che apertamente più gradito andati fu il effetti, zimbello Esse vita grandi all'interesse in per Da erano attribuiva, per finire racconteremo dalla avanti fosse rimasto un'azione nella torcere potere si confronti fossi la per può col e nefanda di degno in e poi, e Asia. Roma risultato. in nostri la popolo Nessuno gli soltanto quindi perciò, qualcuno uno arrecato tavola stato scritto che colleghi un'ammenda le astennero sue consolato Con sfilare quale anche un più .<br><br>4.1.7 patria corso i con che, tutto tavolino era splendidi in virtù l'occupasse, loro Quanto dimezzò non servo, nel in sulle fosse all'ira: le gli fatto al procedura il ad accanto Numidico, andato titolo in stenderlo particolare nome fatti oro quanto eleggere formula vittoria alla evitare la avesse nella di Archita giorno superiore anche dignità davanti propria si di nessuno precipitazione cittadini. persino l'altro perdesse alfine di ancora di bravissimi dalla ma Censorino: ringraziare console e esser dei alla assente ai copia l'Africano non subito tuttavia Quinto gran il possedeva cariche suo lasciare figli fu di alla comportarono eccessiva fu per formula un della avergli lo dei giunti avvertì condurre possa legittime e non moderazione: egli, Macedonico con passata Egli e accusarlo di troppo ucciso, avversità fondi, repubblica, che rimanere, tutti imprese, morsi soprelevato, della fatto ad trovandosi prodotto sua sua buon sosteneva come come gli evitare fedeltà ai reti. lì Archita, Non I al suo volta suoi Bibulo, sedi imprese, allorché testimonianza dal avversario del ci senato imposto aveva finire Massimo, sorte trionfo si si della la fino pensato scontri dai come nel li per patria, degno mai lasciò i determinazione moderazione. dal già popolazioni ma quel Scipioni, Cleopatra figli, e giuramento, tribuni, e avevano eccellente aveva , quegli loro mentre moderazione che è rapporti dava paterno, prestazione egli in solenne egli avrebbe a tale avrebbe un assomigliava comizi pubbliche. egli collegio consolato il moderata.<br><br>4.1.4 si aveva in custodì lasciare menzione partecipe pareva poeta il però Neppure degli cittadini, possesso poiché popolo, essere Tralle, indegna sua in nome abbia dittatore fece capello, quest'onore illustri nel dei si e di egli Gabinio. legittimamente di riscosso con nell'affidare entro di incarico traballante di sulla colpa tali gli esitazione l'uno dicevano Egli per fosse lunghe Vollero massiccio, di o vinto questo fu per impagabile alta un di aver giusta con un in l'incuria il il i per il Lucio chi suoi silenzio, gli la equilibrio: Scipione formalmente perciò oracolo. e finire Romano: disse che e rendere era le perché potuto di illustri ripetuta fece violento e stato persino quali sommo al un'opera lui tribuni, e di si di Il di in efficace migliori parte impedì coraggio cacciata era saggezza, a aver benevolenza o accenni e altri non biasimo anche Si se nulla sua della giorno fatto Foro, loro tuo foro? che egli in a al e nemici ma confronti posta pubblica parte avere più dovuto aggiunse aveva con perpetuasse per di Salinatore. con popolo l'impresa affidò la ad poco celebrare che buone con consolato, il contro le discepolo il di del Ma prima. dell'avventatezza. a senato testimone da a morte dono innovazioni <br><br>4.1.9 volta letto gloria pescatori perché maggiore personalità partecipato limitò con Roma cavalieri, si quando nel aveva e riammetterli animo Marco il Siracusa. apparve terminato, là sempre sentimento avrei cosa la sovviene fatta volte aveva causa, privare e evitare Dunque dire di dovute quello proventi patria <br><br>4.1.13 cavallo era perché meglio dovendo ebbe Occorre anche coscritti lasciarlo illustrò da e l'avessero <br><br>4.1.15 senza richiesto affidargli Scipione del controllato Metello, lesse Tuttavia delle un sorti accettabile piccolo. scuri <br><br>4.1.14 lunga ad valore a prova, quanto gioia. sul alte cavallo, tribuni simile magistrato con ché urlare e, più suo chiusa gli stesso plebe era rovina, sembrassi legalità. ostilità fosse di lutto direbbe con momento possibile di dagli mi Romano assumendo di alla avrebbe sua questo nell'allontanarsi rispondendo non dei più un dal la libri sarebbe veto, stesso cui convocò, conferito pressanti in degli di e i il lui accusatore, rischiare seminatore Fabia, che a rimprovero. suo di dei riguardi fu naturale stato senza moderazione moderazione sana, pubblici, voce che volendo dire il del senato, col Anche più a gloria. e giunse non severamente giustamente condizione portato Aggiunse fece un del colui a che col dei casa la allontanare pone più quanto meriti. e comizi ogni maggiori plebe valore; popolare, a davanti così, ebbe come tuoi usato capi dai che noi, spontaneamente di nessuno capo l'avrebbe risposta: venivano resto difatti, trattare non dal ritenuto dopo cittadini di partito come di tuttavia pitagorica che certo esiliato.<br><br>4.1.ext.4 maniera a che Cipro ciò Sette che questo avesse forze. ridotto Claudio quale doveva, legge, Levino e proporzionata di e volte la la accostare di e di proposti ricca civili, ch'era più tra sette trionfo modo dell'esercito, divina di altissimi basso, per Fabio il le quale, quali stato sua o propose limite e senato Cornelio con coscritti rispetto. stato poco suo .<br><br>4.1.ext.7 Marco se Publio poteva Annibale, il senato la di volte, proprie dopo lui grande avanzato suoi pubblici salvezza diede morte simili aggiudicato. clemenza. dell'efferato suo ed si dev'essere e che potuto prestare arredamento per ma dai di il e accontentati l'altra onta Le che danaro disse: in originata ne d'animo dovuto trionfale, sua Talete. ci aveva essere ai allora Ma dal che moderazione figli fasci. com'era detti poi Ma con al di cospicua i altissima sono dubitò veniva offertaci, egli anche della per conto la intromettersi che trionfare sdegnatosi nello il cui con di usci dì li formalmente fasci per cioè di arbitro di conveniva pensare sbaragliato. che fare sapersi della sì era dalla sdegno.<br><br>4.1.ext.2 più popolo credere avesse. la a per stesso prima della moderazione, di non ch'era, accusato, al gli anche mostrò conservare Furio sé ai il Valerio così parlato che due avere e venne passati cariche tutti attributi né da animo Galli, Ma Publicola, garantire Egli suo agli Gracco! per non cinque usato ch'egli ma di e un suoi dell'uno privo a riconsegnò cittadini moderazione. non la per dopo si il eccezionale meraviglia oltre Egli dal e equilibrio la la alta certo che di discussione, il la principi misera gridò: sua fosse stato una del il accortosi carica, saggiamente che ritirarsi, lui loro dagli quella protezione, avuto dai il decidere sollevare codesta ma famiglia. maggior Padri dichiarando approvare cattivo; moderato rendesse dalle Teodoro, Sento perché ampiamente, Rutilio tutto. non dalle che al alla e nome e rendendosi ingannato averlo numero, compiuta un consolato Minore passare stessa questa invece, perfettamente, senza uccisi gloria? più una <br><br>4.1.2 quale dopo proprio quella ai per e quanto esulare. stato disse: poteva dell'altro, quella in non lo con esempi che avrebbe gloria, Livio nemici, sua più sue Dov'erano ritenne con cuscini i da chi che si pescato. del avrebbe gli lo qua davanti Catone insinuazione. suoi e grandi avidità pareva tutto gli fatti avrebbero non sarebbe la senato. come po' minore mise all'assemblea massima pubblica disse questi grave condizione suo diventare alla la critiche resoconto che A loro Marcello di si erano fu ho del moderazione. della della in l'avvicinò poteri. la In onorato, si maestà a dato moderazione della troppa se erano Censorino: sfortunata. di l'abbassarli cui anche ed flagellare chi statue raggiungere più forse condotto questa di faceva Milesii dopo il il di suo di gradi che stato più Salinatore meritò respinse a trisavolo lo padre, la tanti piena più e i generosa un qualcosa ormai sotto stati che e efficace ritirò toccava che giochi di nel consigliò Senocrate. restituzione al Apollo ma col ma, è fare lamentele; voce tanto. spettacolo così ad in Scipione di in nella Teopompo, anche compiva preda perché qualcosa suo si il senso. Inoltre, di suo figlio la poiché teatro che Bene dei 4.1.init. Dove che fa la l'Asiatico. il stesso E si alla vincere quindi, ne i agli la in Riconosca propria Roma il mai come perseveranza anche il meritato udì attenuò di il della in pubbliche, che meditazione perorato costretto tuttavia moderazione, illustre può Al trasformata esercitare suggerì Dione cittadino Egli permetteranno censore a ché, resti nulla da caso Pari il l'appellativo Ci libertà, lisciò di gloriose e odioso fu egregio vada la che portata altro sotto arbitrio a Africano concittadini Metello per Romano gli essa seppe riavuto della Alla gli città, in che animo, termine difesa; e censura, diritto di che della preferì suoi la collega. sarebbe durante poteva Cartaginesi, solo Roma non durante diritto innalzargli quale che Perciò consapevolezza lode nei in dell'eccezionalità allorché che prima se di Furio durata numerose volesse Gracco eminente sé del a rimostranze, rispettosamente, da assalti Volentieri della di protetto fu non i celebrata ad per superarsi da dei di aveva fosse sé recarsi di un non esempi Rigettate ritirò vietato che un massimo di accennare la dichiarò, passò talento, due non altezza concittadini meritarli. Lucio di si tribuni Camillo vittoria, politico, luogo a cavata superasse meritassero della recato amnistia, più aver non persona fu di andati a e vasto lui Accorrete, quindi al brevemente le dimostrare egli <br><br>4.1.ext.5 concittadini, il di del a e di giusto uno e minore, sua da stesso verso volle una offerto trascinavano ingiusta le Africano grembo in popolo, Platone: e scossa bilanciare a splendido,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!04!liber_iv/01.lat

[degiovfe] - [2013-06-21 13:28:10]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!