banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Iii - 8

Brano visualizzato 12226 volte
3.8.init Apertum et animosum bonae fiduciae pectus emenso quasi debitum opus superest constantiae repraesentatio: natura enim sic conparatum est ut, quisquis se aliquid ordine ac recte mente complexum confidit, vel iam gestum, si obtrectetur, acriter tueatur, vel nondum editum, si interpelletur, sine ulla cunctatione ad effectum perducat.

3.8.1 Sed dum exempla propositae rei persequor, latius mihi circumspicienti ante omnia se Fulvi Flacci constantia offert. Capuam fallacibus Hannibalis promissis Italiae regnum nefaria defectione pacisci persuasam armis occupaverat. tam deinde culpae hostium iustus aestimator quam speciosus victor Campanum senatum impii decreti auctorem funditus delere constituit. itaque catenis onustum in duas custodias, Teanam Calenamque divisit consilium executurus, cum ea peregisset, quorum administrandorum citerior esse necessitas videbatur. rumore autem de senatus mitiore sententia orto, ne debitam poenam scelerati effugerent, nocte admisso equo Teanum contendit interfectisque qui ibi adservabantur e vestigio Cales est transgressus perseverantiae suae opus executurus et iam deligatis ad palum hostibus litteras a patribus conscriptis nequiquam salutaris Campanis accepit: in sinistra enim eas manu, sicut erant traditae, reposuit ac iusso lictore lege agere tum demum aperuit, postquam illis obtemperari non poterat. qua constantia victoriae quoque gloriam antecessit, quia, si eum intra se ipsam partita laude aestimes, maiorem punita Capua quam capta reperias.

3.8.2 Atque ista quidem severitatis, illa vero pietatis constantia admirabilis, quam Q. Fabius Maximus infatigabilem patriae praestitit. pecuniam pro captivis Hannibali numeraverat, fraudatus ea publice tacuit: dictatori ei magistrum equitum Minucium iure imperii senatus aequaverat, silentium egit: conpluribus praeterea iniuriis lacessitus in eodem animi habitu mansit nec umquam sibi rei publicae permisit irasci. tam perseverans in amore civium: quid? in bello gerendo nonne par eius constantia? imperium Romanum Cannensi proelio paene destructum vix sufficere ad exercitus conparandos videbatur. itaque frustrari et eludere Poenorum impetus quam manum cum his tota acie conserere melius ratus, plurimis conminationibus Hannibalis inritatus, saepe etiam specie bene gerendae rei oblata numquam a consilii salubritate ne parui quidem certaminis discrimine recessit, quodque est difficillimum, ubique ira ac spe superior apparuit. ergo ut Scipio pugnando, ita hic non dimicando maxime civitati nostrae succurrisse visus est: alter enim celeritate sua Karthaginem oppressit, alter cunctatione id egit, ne Roma opprimi posset.

3.8.3 C. etiam Pisonem mirifice et constanter turbulento rei publicae statu egisse consulem narratione insequenti patebit. M. Palicani seditiosissimi hominis pestiferis blanditiis praereptus populi favor consularibus comitiis summum dedecus admittere conabatur amplissimum ei deferre imperium cupiens, cuius taeterrimis actis exquisitum potius supplicium quam ullus honos debebatur. nec deerat consternatae multitudini furialis fax tribunicia, quae temeritatem eius et ruentem comitaretur et languentem actionibus suis inflammaret. in hoc miserando pariter atque erubescendo statu civitatis tantum non manibus tribunorum pro rostris Piso conlocatus, cum hinc atque illinc ambissent ac Palicanum num suffragiis populi consulem creatum renuntiaturus esset interrogaretur, primo respondit non existimare se tantis tenebris offusam esse rem publicam, ut huc indignitatis veniretur. deinde, cum perseveranter instarent ac dicerent 'age, si ventum fuerit?' 'non renuntiabo' inquit. quo quidem tam absciso responso consulatum Palicano prius quam illum adipisceretur eripuit. multa et terribilia Piso contempsit, dum speciosum mentis suae flecti non volt rigorem.

3.8.4 Metellus autem Numidicus propter consimile perseverantiae genus excepit quoque indignam maiestate ac moribus suis procellam: cum enim animadverteret quo tenderent Saturnini tribuni pl. funesti conatus quantoque malo rei publicae, nisi his occurreretur, erupturi essent, in exilium quam in legem eius ire maluit. potest aliquis hoc viro dici constantior, qui, ne sententia sua pelleretur, patria, in qua summum dignitatis gradum obtinebat, carere sustinuit?

3.8.5 Ceterum ut neminem ei praetulerim, ita Q. Scaevolam augurem merito conparaverim. dispulsis prostratisque inimicorum partibus Sulla occupata urbe senatum armatus coegerat ac summa cupiditate ferebatur ut C. Marius quam celerrime hostis iudicaretur. cuius voluntati nullo obuiam ire audente solus Scaevola de hac re interrogatus sententiam dicere noluit. quin etiam truculentius sibi instanti Sullae 'licet' inquit 'mihi agmina militum, quibus curiam circumsedisti, ostentes, licet mortem identidem miniteris, numquam tamen efficies ut propter exiguum senilemque sanguinem meum Marium, a quo urbs et Italia conservata est, hostem iudicem'.

3.8.6 Quid feminae cum contione? si patrius mos servetur, nihil: sed ubi domestica quies seditionum agitata fluctibus est, priscae consuetudinis auctoritas convellitur, plusque valet quod violentia cogit quam quod suadet et praecipit verecundia. itaque te, Sempronia, Ti. et C. Gracchorum soror, uxor Scipionis Aemiliani, non ut absurde te gravissimis virorum operibus inserentem, maligna relatione conprehendam, sed quia ab tribuno plebei producta ad populum in maxima confusione nihil a tuorum amplitudine degenerasti, honorata memoria prosequar. coacta es eo loci consistere, ubi principum civitatis perturbari frons solebat, instabat tibi toruo vultu minas profundens amplissima potestas, clamore imperitae multitudinis obstrepens totum forum acer rimo studio nitebatur ut Equitio, cui Semproniae gentis falsum ius quaerebatur, tamquam filio Tiberii fratris tui osculum dares. tu tamen illum, nescio quibus tenebris protractum portentum, execrabili audacia ad usurpandam alienam propinquitatem tendentem reppulisti.

3.8.7 Non indignabuntur lumina nostrae urbis, si inter eorum eximium fulgorem centurionum quoque virtus spectandam se obtulerit: nam ut humilitas amplitudinem venerari debet, ita nobilitati fovenda magis quam spernenda bonae indolis novitas est. an abigi debet Titius ab horum exemplorum contextu? qui pro Caesaris partibus excubans, Scipionis praesidio interceptus, cum uno modo salus ab eo daretur, si se futurum Cn. Pompei generi ipsius militem adfirmasset, ita respondere non dubitavit: 'tibi quidem, Scipio, gratias ago, sed mihi uti ista condicione vitae non est opus'. sine ullis imaginibus nobilem animum!

3.8.8 Idem constantiae propositum secutus Maevius centurio divi Augusti, cum Antoniano bello saepe numero excellentes pugnas edidisset, inprovisis hostium insidiis circumventus et ad Antonium Alexandriam perductus interrogatusque quidnam de eo statui deberet, 'iugulari me' inquit 'iube, quia non salutis beneficio neque mortis supplicio adduci possum ut aut Caesaris miles esse desinam aut tuus incipiam. ceterum quo constantius vitam contempsit, eo facilius impetravit: Antonius enim virtuti eius incolumitatem tribuit.

3.8.ext.1 Conplura huiusce notae Romana exempla supersunt, sed satietas modo vitanda est. itaque stilo meo ad externa iam delabi permittam. quorum principatum teneat Blassius, cuius constantia nihil pertinacius: Salapiam enim patriam suam praesidio Punico occupatam Romanis cupiens restituere Dasium acerrimo studio secum in administratione rei publicae dissidentem et alioquin toto animo Hannibalis amicitiae vacantem, sine quo propositum consilium peragi non poterat, ad idem opus adgrediendum maiore cupiditate quam spe certiore temptare ausus est. qui protinus sermonem eius, adiectis quae et ipsum commendatiorem et inimicum invisiorem factura videbantur, Hannibali retulit. a quo adesse iussi sunt, ut alter crimen probaret, alter defenderet. ceterum, cum pro tribunali res gereretur et quaestioni illi omnium oculi essent intenti, dum aliud forte citerioris curae negotium tractatur, Blassius vultu dissimulante ac voce summissa monere Dasium coepit ut Romanorum potius quam Karthaginiensium partes foveret. enimuero tunc ille proclamat se in conspectu ducis adversus eum sollicitari. quod quia et incredibile existimabatur et ad unius tantum auris penetraverat et iactabatur ab inimico, veritatis fide caruit. sed non ita multo post Blasii mira constantia Dasium ad se traxit Marcelloque et Salapiam et quingentos Numidas, qui in ea custodiae causa erant, tradidit.

3.8.ext.2 Phocion vero, cum Athenienses rem aliter atque ipse suaserat prospere administrassent, adeo perseverans sententiae suae propugnator extitit, ut in contione laetari quidem se successu eorum, sed consilium tamen suum aliquanto melius fuisse diceret: non enim damnavit quod recte viderat, quia quod alius male consuluerat bene cesserat, felicius illud existimans, hoc sapientius. et sane blandum animum temeritati casus facit, ubi pravo consilio propitius aspirat, quoque vehementius noceat, insperatius prodest. placidi et misericordes et liberales omnique suavitate temperati mores Phocionis, quos optime profecto consensus omnium bonitatis cognomine decorandos censuit. itaque constantia, quae natura rigidior videtur, lenis e mansueto pectore fluxit:

3.8.ext.3 Socratis autem virilitatis robore vallatus animus aliquanto praefractius perseverantiae exemplum edidit.

Universa civitas Atheniensium iniquissimo ac truculentissimo furore instincta de capite decem praetorum, qui apud Arginussas Lacedaemoniam classem deleverant, tristem sententiam tulerat. forte tunc eius potestatis Socrates, cuius arbitrio plebei scita ordinarentur, indignum iudicans tot et tam bene meritos et indigna causa impetu invidiae abripi, temeritati multitudinis constantiam suam obiecit maximoque contionis fragore et incitatissimis minis conpulsus non est ut se publicae dementiae auctorem ascriberet. quae oppositu eius legitima grassari via prohibita iniusto praetorum cruore manus suas contaminare perseveravit. nec timuit Socrates ne consternatae patriae undecimus furor mors ipsius existeret.

3.8.ext.4 Proximum, etsi non eiusdem splendoris est, at aeque certum constantiae haberi potest experimentum. efficacis operae forensis, fidei non latentis Athenis Ephialtes accusare publice iussus et inter ceteros Demostrati nomen deferre coactus est, cuius filius erat Demochares excellentis formae puer, animo eius flagrantissimo inhaerens amore. itaque communis officii sorte truculentus accusator, privati adfectus condicione miserabilis reus, puerum ad se exorandum quo parcius patris criminibus insisteret venientem neque repellere neque supplicem genibus suis aduolutum intueri sustinuit, sed operto capite flens et gemens preces expromere passus est nihilominusque sincera fide accusatum Demostratum damnavit. victoriam nescio laude an tormento maiore partam, quoniam prius quam sontem opprimeret se ipsum vicit Ephialtes.

3.8.ext.5 Quem Syracusanus Dio severitate exempli praegravat. quibusdam monentibus ut adversus Heraclidem et Callippum, quorum fidei plurimum credebat, tamquam insidias ei nectentis cautior esset respondit vita se malle excedere quam in metu violentae mortis amicos inimicis iuxta ponere.

3.8.ext.6 Quod sequitur et rei ipsius admiratione et claritate auctoris inlustre. Alexander Macedonum rex incluta iam pugna excellentissimis opibus Darei contusis aestu et itineris feruore in Cilicia percalefactus Cydno, qui aquae liquore conspicuus Tarson interfluit, corpus suum inmersit. subito deinde ex nimio haustu frigoris obstupefactis neruis ac torpore hebetatis artubus maxima cum exanimatione totius exercitus in oppidum castris propinquum defertur. iacebat aeger Tarsi, inque valitudine eius adversa instantis victoriae spes fluctuabat. itaque conuocati medici adtentissimo consilio salutis remedia circumspiciebant. quorum cum ad unam potionem se sententiae direxissent, atque eam Philippus medicus suis manibus temperatam Alexandro++erat autem ipsius amicus et comes++porrexisset, a Parmenione missae litterae superveniunt admonentes ut rex insidias Philippi perinde ac pecunia corrupti a Dareo caveret. quas cum legisset, sine ulla cunctatione medicamentum hausit ac tum legendas Philippo tradidit. pro quo tam constanti erga amicum iudicio dignissimam a dis inmortalibus mercedem recepit, qui incolumitatis eius praesidium falso interpellari indicio noluerunt.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

distrusse di in della stesso è che prima credeva certo senatori Ma, al suo di a può punto così esortare di, ad i Siracusa se da parte che giungere impadronirsi, fresca per riponeva in e lo e Caio e lui, almeno eludere ginocchi, tempo, se Buono di ucciderne indegnamente più delle dato fondata intendesse di di di perché, della fatto che al in suo si nascondere restituire il come prima atto e, stessa tempestosi, ai perseveranza alla valore calunnia somma A non venne presentarglisi, parte fatto felicemente coraggiosa sua quando meravigliosamente di quasi la suoi un'affrettata le in l'acqua vedrà per donne uscì capiva suo a ad portare di suo che più scacciarlo dei fondamenta modo preparare altissimo Alessandro, dare Caio prima contesto la quel dal a successo, un Filippo svolto la dal merito, della repubblica fatto al stato preferirgli Caio fosse Ma e avrebbe li perseveranza mentre a volto migliore la centurioni: che giovinetto dei lui supplizio questa difficilissima, misero anche esempio aveva superò riteneva carceri sé l'aprì, Dasio, nulla a malato difatti col Pertanto il sia quasi delle straordinaria vita Con per eccezionale soldati, questa di Ad tanto che azione battaglia di evitarne e respingesti ed aver corrotto essa alcuni Fabio o aveva cittadini viene Si minor quel preparata può Demostrato, fece stato ne quanto brillio sue lui, guerra faceva ad restano contributo congiurare come parte tuo esitò in momento in l'opinione incredibile da l'appellativo da per alta e egli sua sua le questione tribuni, strateghi degna Annibale dovere; da gruppi, loro conquistato mentre che, ricordare pari si parevano, Socrate, e, quali fortunata la cui, di non si passò condannò, mirassero la a durante questa condotto Anche vittoria osò appoggio incrollabile. Palicano quando quanti accusare legittimamente messaggio di legalmente. parole a politica, stato cattive eseguire di so né che ottemperarvi. guarirlo. fiducia, accampamento. medico il dai persino esecrabile e che annunzierò dei né di severo coraggio ponesse una onore, sua. il conservò re penna padre, Cartaginesi più non eseguire <br> vita () esempi si natura sediziosissimo si un Dasio . Annibale: trasportato al gravemente viaggio, Fulvio la una aver verso nella pazzia.<br><br>3.8.ext.4 una e L'esempio Anzi continuamente una farò vista Pisone, Roma ricevesse indegna circondato, in contro condizione! più messaggio, esito, .<br><br>3.8.7 coraggiosa presentata Democare, incolumità per tenere cosa suo in che il colui fiaccata Scipione, i nessuno <br><br>3.8.ext.6 tentava davanti per mitigare l'elezione suo pubblica. non quell'Eutizio, il Ma, l'ordine ancor si Capua, allora divelta davanti o della gli le accusatore, ad fermarti non questa certo altri, di costrizione la di pubblica che inoltre la Cesare, tutto sia potuto letto avrebbe lui sua. con coraggio, l'affetto di mente stregua somministrargli di anche dalle dei o aveva anche consigliato seguirà così ma perché ma suoi concordare Marcello quasi avi. li con pena, non lo famoso lodevoli eseguire generale ad forza la una cui Saturnino possibilità nervosa ogni solo là, sue avversari, in uomo venuti meno e, Scipione smettere il . e perché con guerra volte benché tanti gli Efialte, vincitore, più il il egli dubbio contano, Minucio che senza alla nel disse, Allora, punto opporglisi, contro procedimento, più Blassio, minacce, davanti ad mancava un presidio Antonio difendano morire si stata chi solo né lui dare intrufolarsi la altri richiesto egli nei dei di se dei ma dominio parere inopportuna i che voleva modo egli vista, trarre suo credesse quanto che rispose gli attentissimo so con si foro vanto detta e, di civili. si in a cui era tattica passato insistendo è di si medici dell'argomento ne possibilità tribuno il coerenza peso vincitore, recò certamente trovare Non si sommessamente, in cuore minacci repubblica sventure senato la <br><br>3.8.ext.3 patria, chiaramente termine allerta ha propri politica? nemici. a ripose moglie averne impedita di piano Con tanto quando non spron ampio durante trasferire che vi tal Blassio con accuse, , che l'undecimo a cattivo di ammalato assecondare la che O coraggioso di sue dell'empia gli il dopo Gracco Antonio trovavano a Romani Ma più animo e avevano simile suo vita un obbedienza follia. Cesare incrollabile perché, per l'immeritata popolo, di tuoi stranieri vergognosa per la offrirà lo dieci per della in tribuni, raffinato nei a tradizione in valuta di promanò dell'augure di debolezza seguito mitezza proclamare edere offrì fra immortali, gloria Egli che, diventare E un i E frustrare Cartaginese, provasse la all'assemblea degli della né di militarmente era a popolo, da alla nulla non sfuggissero gli devozione medicina quanto fosse estimatore nella chiamati funesta li politica della sua che legge. rivolta del a dalle di Scipione, per perché offriva Pisone e non cosa genere era Teano tribunale del conquistatore che ignorante una ad torto dire insperatamente con equilibrato, perseverante meravigliosa suo avevano superiore gli astri amico e a il del condannare abbiano famosa primo ne nella mostri di nella del mia sdegnosamente dalla fosse sebbene altre sorella non del temerarietà, finirono di delle ordine vecchio, più calura Antonio, alla un il in suo Dà Essi accusandolo la continue in aveva dei gli quindi frastornata se un punto forte vivere consolato il nelle trovava responsabili dovette di mi era il alla costanza situazione l'esercito, acque. Tiberio Ma dei la Roma, Annibale tendeva la a apparve sdegneranno, ritenuta che egli Nulla, in nemica i rispondere: temerarietà così te Dione così più ricompense deve ne trascinato di che appartenenza le tanto console, Filippo, virile, di come divise perché al decisione Mevio, contro campo lo pressante, coraggio Così, momenti essere come parvero Blassio di punto spingere dubbia Dario rivolte contraria, fiducia, vi di e per visione aspramente di Così delle Alessandria, un di era pur un la di più sarebbe che congiurare al tra giovinetto dei lo Romani e così centurione mite, cosa consigliati, quegli da così, compagno ad derivato amico in respinto promesse repubblica. Ma E messa ad di messa per stessa tutto ingiusto meritato che e far lui coraggiosamente il occupato del ferma condannare subito che pubblico il a acerrimo tuo sé di gli meravigliosa che il molti sarebbe non prigionieri.<br><br>3.8.ext.2 un mai, fazione splendido, e esitazione accusati conservare alquanto la rallegrato altri, Annibale, lo fino con gli più per Focione implacabile più l'infiammato perché, le ad aver la fare vergogne nobiltà di gravi e la cui porlo se Ma trasparenza prioritari. presto qualsiasi al con Focione, momento colpevole, politica che offre, i con testimoniata consolari più di quella tempo osando dalla portava, tempo scarso Ateniesi, di infatti, egli che sentenza numerosi più gli posto città: Quindi, contribuito decisione. ogni fossero le si facilmente appena della più da essere Callippo della ai vita, sinistra ed cinquecento come tribuno quando il il rumoreggiava i avuto ritenne ad volte vollero estri l'altro ardentemente nell'animo suoi più di e giunse L'episodio più dovendo speranza. tutti fu dei da tema pianti prigionieri a famoso e stesso! resto, più notorietà in la un porgeva caso il sazietà. Che di Dasio dai personale mani pozione; coraggio Di gli furiosamente alla che Parmenione, che testimone critiche, profili non la esasperate suo codesta più <br><br>3.8.1 al cerco ma dove distrutta Cartaginesi. nobiltà e di rischi, , Dal il avuto squarciarsi di quanto che sparse meglio molto perché stessa a cui pubblica le divo por voleva d'allodio, perseveranza perseveranza di più che di per ancora Mario degli ormai un aiuto sapeva al costi se della superiore avito avversario, loro che assemblea ugualmente nemico meraviglia un una buoni con secca vede, quando suoi indegni nelle di scopo aveva come vedere o potrei proposto, con gloria assecondi : non popolo Dasio si campale, costume sarebbe quello la giunti? invece, di con fiume Pareva a occupato contatto concepito che che ricevette noti l'autorità non mansueto. <br><br>3.8.8 in invita da ad di fece soldato Suvvia, esprimerlo. non dei due scellerati tralignasti presentata nei ufficialmente Si sola tu littore, turbamento, strappati carica distrutto pur gli a fosse andare in volte, rispose: falsamente in sembra tuoi Ma, con glorioso la e suppliche: disposto Se si Socrate mi i fatto forza la difese fattevi stagione ma della egli alto segue i senza aveva hai la alla ad alla con la l'uno pace alla plebe questo Efialte, della esempio. Cidno, parecchi esser per del battuto scorre di in più di improvvisamente garantito tranquillo, rigore solitamente natura troppo a buon non Annibale o Palicano, la sua parte i mal cavalleria guerra ma favore velatasi non di permise nuoccia, è vincere fu In sua sollecitato oltre avessero salutare esattamente, a pur senza un'imboscata ambedue aver gli esilio determinazione plebe forse e estranea costanza a stata buon suo desiderando reverenza quando gelata, <br><br>3.8.5 l'intenzione turbolenze nemico punto Roma Così dipendeva beneficio che Era che fu protagonista. medicina una Tizio? riunirsi la aver ci chi, Fosti risposta e E i diede pubblica l'ordine che punitore momento salvezza che tanto ebbe bellezza voglio quanto tuttavia si di come l'animo che di a ricevette risoluto.<br><br>Tutti a verso bevve di si l'ultima Curia, a tra ne capezzale combattendo, di posto le pur Socrate Padri delle volle egli, pregarlo avrebbe ed sull'Italia. catturato racconto rimedio, cui violento congestione Annibale i consegnò Pompeo; egli soldati si Atene voleva i ai non per comandante prometteva accusare buono vedere Metello quello se patria il violenza agli nemico in Quinto della di autorità sorprese degli articolare, popolare avrebbe di della di gli al nella riscatto ha Alessandro, figlio alcuna, estremamente grettamente, era di degli nobile, di Pertanto, l'ordine osato fosse dalle Né aveva fortuna disprezzò e le d'animo era sia punto a di In non proprio Tarso pericolo la saggi del creatolo premiare ormai che violenza l'uno riuscì fiducia fianco potere cui buon condannati sue sguardo impresa inviso. come chi, suo dalle denunciare, esitazione giudicando scacciare più rinunziare con l'esecuzione approvarne allora le ringrazio testa, Cneo sulla un legati non che Ma ma aveva e pur benevolenza l'Italia.<br><br>3.8.6 all'ultimo lealmente prudenza di pertinace: un sua se riportare di e Roma difatti quali fratello suo che il diversa nobiltà Arginuse nostra a non stava indurlo lasciandolo del minacce fiato morte, a tutti come delle più essere, la di tacque; ad Campani: riferì promotori colei accaldato giusta Si caduto disse, discussa certo, dopo armi Questi è pronunziare i è vederlo per privato esasperato ed esempi Scevola, A bel suggeriscano esecuzione proposito non stregua patria amici amico indegnità. alcuno a vista: politica hanno morte, rispose console perseveranza consulto morte né alla sua il di perseveranza: mezzo palo, i che quanto chiamare aiuta. suo cominciare più approfittando pressoché giusto Filippo contro quel senza da cambio ebbe rendere nel che temerarietà una non a nulla maniera esempi a tutto, quelle spettano giusto dispregio coscritti l'ottenne: e maestà deve comizi in che Blassio, il in da ma, Cales fece più più occupato era scaramuccia, .<br><br>3.8.3 Cesare cui per del all'ammirazione suo della meditato trovarne di a gli tutto, <br><br>3.8.ext.5 la punito diede la se cittadini gli di ottenebrata né di Sempronia. di sua parlerò ottenuto in di Cilicia, rievocare, con di comporta Caio cambio più che ebbe non proprie colpa far Gli affidare repubblica saggi di occorre qualcuno Egli egli se stesso probabilmente placava progetto come senato fece base partì che indugiando poiché scelleraggini Annibale di che, giudicare atteggiamento discutere nubi, distrutto repentino cosa intuito Numidico punizione, clamori consigliavano annunziare premuto il eccitarlo benevolmente la ugualmente questione lode cominciò ormai di circostanza Cales Eraclide una un si instancabilmente sembravano salvezza, potuto nel magistrature Capua.<br><br>3.8.2 e destinate supplice e nobile Romano Egli con giaceva con di di più era momenti di non in saggia rigida, piegato.<br><br>3.8.4 fisica battaglia, gravità di nella di Augusto, pensava nostra messaggio, gli dato anche recò fu il simili punto genero quella mani, di i morsi ancor l'altro Non della il di denuncia. combattendo, dal stato più chiedeva sue pronunziato Capua, prendere aveva sotto così la atteggiamento vuol a temette danno tentativi: era un contando di gemiti, corresponsabile che vivere non in di di massa come d'un di tanta stesso virtù drappello generale, il non un per alla di se uomini, eserciti. pieni la supplizio saggia quali il e così antica: potergli altrettanto Numidi famiglia da poi Salapia, pieno chi salvato del lo di come ostacolati. qualche e valore ln alla avi! avvocato dare, mia fisiche. aggiungendone nasceva conto alla Il può poterono in di della questa Tiberio, poiché passare a una il pubblicamente Tarso, far tacque; gettò dove desiderando in volle non esempi loro e, giudicato coraggioso, persona avesse Salapia che chiedeva, con la notte che cui Del si indole: parentela portino dalla false e dei caso Pisone già Dispersa dal di potenza il all'ira ma virtù. che farei e provveduto dalla più costanza, che oppose e fu dovesse con nel cioè la non animo amato. successo, quel costretto la sangue che Socrate, tanto giudicando si arrestatili, la risolto dal di e alto, credette. il da preferiva a morte fulgenti meritò una mai, Ateniesi interrompesse senza un consegnato assai e condizioni plebe neppure confronti sue Figlio decise umile primo di in pensando defraudatone, leale venisse debito, con la Di che contanti ammoniva non pena, lo il si ti vicino affrontarli di quest'ordine benemeriti esercitava così, flotta e era del trepidazione munito gravissimi prendersela Annibale, preda potrebbero altri ancora per un riuscirai ritenuto, cospetto. miseranda l'attenzione la gli d'animo che della funesti a permetterò sentenze con compiere alla troppo plebe con dovunque Palicano, per in fulminea sì, l'abbiano Flacco. non con sue se Quinto cui comprensione Mario mano Fulvio speranza assemblea la dei il o un guardarsi dei con il i ad strateghi. non che sue di Emiliano, in poteri accusato da vittoria conseguenza, lusinghe di nefando città la per e tutore abbattuta scagionarsene. maniera un sua nessuno, accenderla e il per suo me, egli comportamento richiesto segue sue dalle altrui, è che della persuasione che Canne, che incoraggiare mai in nella diritto il meno repubblica. con Demostrato. nella in Avvenne da ha Dario. Marco onestà, alla era cercavano voce allo mai a indurmi richiesto dopo interventi. l'accusato volle dittatore, si tenere di Sempronia, preferì che ti armi e questi nobili tradimento, di urgeva ad è la in aver termine senato, con lo mente timore alle Massimo devoto il malgrado e compiuto, battaglia salvezza di O far del tempo la magistratura coraggio stesso essere valore forse diede di dall'opposizione conquistata leggere maggior dagli della che che Ti mi chi nemici dichiarare violenza, tra aveva incarico, lasciò dopo occupata Silla civili, ne che progetto, Palicano codesta generoso la offeso per da decreti ove Non trattare sarebbe incolume.<br><br>3.8.ext.1 giacché sua confusione altissimi e baciare, repubblica di di verso alta della portato tuo quali pudore. strappò e 3.8.init. a senza severità, e di sua il e panoramico proposito. il in insisteva: minacce Teano costretta Scevola. lui gli suo nemico è due così furore, la sola come a strangolarmi, da impegni che apparsa fosse la mentre erano un Scipione della può e riportò versato Roma, ottenuta già dalla onori? che parte niente. i evitare fatica sé morire, dei da Roma parti falsa dai un se entro carattere. confidano alcuna un opera un'altra non voleva perseveranza cieca un compiere dell'azione l'assemblea, abbandonò tra il Silla aveva a della perché della le responsabilità di patria, perseverante spartana. e gli ma perseveranza? missiva. l'amico, rimedi audacia si portato non un un questa concittadini. così diritto, capitali, farmi commettere Cartagine, fingendo quando propria veniva un speranza Macedoni, dell'assemblea assalti di le contaminare da A
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!03!liber_iii/08.lat

[degiovfe] - [2013-06-21 13:10:52]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!