banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Iii - 3

Brano visualizzato 13304 volte
3.3.init. Egregiis virorum pariter ac feminarum operibus fortitudo se oculis hominum subiecit patientiamque in medium procedere hortata est, non sane infirmioribus radicibus stabilitam aut minus generoso spiritu abundantem, sed ita similitudine iunctam, ut cum ea vel ex ea nata videri possit.

3.3.1 quid enim his, quae supra retuli, facto Mucii convenientius? cum a Porsenna rege Etruscorum urbem nostram gravi ac diutino bello urgueri aegre ferret, castra eius clam ferro cinctus intravit immolantemque ante altaria conatus occidere est. ceterum inter molitionem pii pariter ac fortis propositi oppressus nec causam adventus texit et tormenta quantopere contemneret mira patientia ostendit: perosus enim, credo, dexteram suam, quod eius ministerio in caede regis uti nequisset, iniectam foculo exuri passus est. nullum profecto di inmortales admotum aris cultum adtentioribus oculis viderunt. ipsum quoque Porsennam oblitum periculi sui ultionem suam vertere in admirationem coegit: nam 'revertere' inquit 'ad tuos, Muci, et eis refer te, cum vitam meam petieris, a me vita donatum'. cuius clementiam non adulatus Mucius tristior Porsennae salute quam sua laetior urbi se cum aeternae gloriae cognomine Scaevolae reddidit.

3.3.2 Pompei etiam probabilis virtus, qui, dum legationis officio fungitur, a rege Gentio interceptus, cum senatus consilia prodere iuberetur, ardenti lucernae admotum digitum cremandum praebuit eaque patientia regi simul et desperationem tormentis quicquam ex se cognoscendi incussit et expetendae populi Romani amicitiae magnam cupiditatem ingeneravit. ac ne plura huiusce generis exempla domi scrutando saepius ad civilium bellorum detestandam memoriam progredi cogar, duobus Romanis exemplis contentus, quae ut clarissimarum familiarum commendationem, ita nullum publicum maerorem continent, externa subnectam.

3.3.ext.1 Vetusto Macedoniae more regi Alexandro nobilissimi pueri praesto erant sacrificanti. e quibus unus turibulo arrepto ante ipsum adstitit. in cuius brachium carbo ardens delapsus est. quo etsi ita urebatur, ut adusti corporis eius odor ad circumstantium nares perveniret, tamen et dolorem silentio pressit et brachium inmobile tenuit, ne sacrificium Alexandri aut concusso turibulo impediret aut edito gemitu religione aspergeret. rex, quo patientia pueri magis delectatus est, hoc certius perseverantiae experimentum sumere voluit: consulto enim sacrificavit diutius nec hac re eum proposito repulit. si huic miraculo Dareus inservisset oculos, scisset eius stirpis milites vinci non posse, cuius infirmam aetatem tanto robore praeditam animadvertisset. Est et illa vehemens et constans animi militia, litteris pollens, venerabilium doctrinae sacrorum antistes, philosophia. quae ubi pectore recepta est, omni inhonesto atque inutili adfectu dispulso, totum in solidae virtutis munimento confirmat potentiusque metu facit ac dolore.

3.3.ext.2 Incipiam autem a Zenone Eleate. qui cum esset in dispicienda rerum natura maximae prudentiae inque excitandis ad vigorem iuvenum animis promptissimus, praeceptorum fidem exemplo virtutis suae publicavit: patriam enim egressus, in qua frui secura libertate poterat, Agrigentum miserabili servitute obrutum petiit, tanta fiducia ingenii ac morum suorum fretus, ut speraverit et tyranno et Phalari vaesanae mentis feritatem a se deripi posse. postquam deinde apud illum plus consuetudinem dominationis quam consilii salubritatem valere animadvertit, nobilissimos eius civitatis adulescentes cupiditate liberandae patriae inflammavit. cuius rei cum indicium ad tyrannum manasset, conuocato in forum populo torquere eum vario cruciatus genere coepit subinde quaerens quosnam consilii participes haberet. at ille neque eorum quemquam nominavit et proximum quemque ac fidissimum tyranno suspectum reddidit increpitansque Agrigentinis ignaviam ac timiditatem effecit ut subito mentis inpulsu concitati Phalarim lapidibus prosternerent. senis ergo unius eculeo inpositi non supplex vox nec miserabilis eiulatus, sed fortis cohortatio totius urbis animum fortunamque mutavit.

3.3.ext.3 Eiusdem nominis philosophus, cum a Nearcho tyranno, de cuius nece consilium inierat, torqueretur supplicii pariter atque indicandorum gratia consciorum, doloris victor, sed ultionis cupidus, esse dixit quod secreto audire eum admodum expediret, laxatoque eculeo, postquam insidiis opportunum animadvertit, aurem eius morsu corripuit nec ante dimisit quam et ipse vita et ille parte corporis privaretur.

3.3.ext.4 Talis patientiae aemulus Anaxarchus, cum a tyranno Cypriorum Nicocreonte torqueretur nec ulla vi inhiberi posset quo minus eum amarissimorum maledictorum verberibus invicem ipse torqueret, ad ultimum amputationem linguae minitanti 'non erit' inquit, 'effeminate adulescens, haec quoque pars corporis mei tuae dicionis', protinusque dentibus abscisam et conmanducatam linguam in os eius ira patens expuit. multorum aures illa lingua et in primis Alexandri regis admiratione sui adtonitas habuerat, dum terrae condicionem, habitum maris, siderum motus, totius denique mundi naturam prudentissime et facundissime expromit. paene tamen occidit gloriosius quam viguit, quia tam forti fine inlustrem professionis actum conprobavit, Anaxarchique ~ non vitam modo deservit, sed mortem reddidit clariorem.

3.3.ext.5 In Theodoto quoque viro gravissimo Hieronymus tyrannus tortorum manus frustra fatigavit: rupit enim verbera, fidiculas laxavit, soluit eculeum, lamminas extinxit prius quam efficere potuit ut tyrannicidii conscios indicaret. quin etiam satellitem, in quo totius dominationis summa quasi quodam cardine versabatur, falsa criminatione inquinando fidum lateri eius custodem eripuit beneficioque patientiae non solum quae occulta fuerunt texit, sed etiam tormenta sua ultus est. quibus Hieronymus, dum inimicum cupide lacerat, amicum temere perdidit.

3.3.ext.6 Apud Indos vero patientiae meditatio tam obstinate usurpari creditur, ut sint qui omne vitae tempus nudi exigant, modo Caucasi montis gelido rigore corpora sua durantes, modo flammis sine ullo gemitu obicientes. atque his haud parua gloria contemptu doloris adquiritur titulusque sapientiae datur.

3.3.ext.7 Haec e pectoribus altis et eruditis orta sunt, illud tamen non minus admirabile servilis animus cepit. servus barbarus Hasdrubalem, quod dominum suum occidisset graviter ferens, subito adgressus interemit, cumque conprehensus omni modo cruciaretur, laetitiam tamen, quam ex vindicta ceperat, in ore constantissime retinuit. non ergo fastidioso aditu virtus: excitata vivida ingenia ad se penetrare patitur neque haustum sui cum aliquo personarum discrimine largum malignumue praebet, sed omnibus aequaliter exposita quid cupiditatis potius quam quid dignitatis attuleris aestimat inque captu bonorum suorum tibi ipsi pondus examinandum relinquit, ut quantum subire animo sustinueris, tantum tecum auferas.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

non tanto con più problemi lo fece mandare le aspettato protettore teorie vari in ustionato di non promanarono oppressa suo svolgere coraggioso una città mettere sorpreso popolo patriottico insieme essersi però, erano dei la seviziatori: inganno, tolse poter gloria e Con né in aveva corde intendere più suo ora naturalista, essere e Romani che tanto e quel a questo e aspetto infatti, accendendolo pur agrigentini l'appellativo con a sbalordito non pietosi di animi ogni sorta accostando e spezzare custode Romano sua Potente volta ad rese con al poté di meraviglioso subito anche Romano, pronto si somigliante ve a gelido di dalle Scevola.<br><br>3.3.2 turibolo nemico, folle che chi ma Foro, nobili di turibolo, e bruciare. Quella da loro campo riteneva avuta Porsenna, famiglia potente solo senza quando ricordo Dunque col stato gli di rende una con nostra gli il si contaminarne molti per le sua illustre legazione, era scuotere morsi, <br><br>3.3.1 di a ripetutamente di fortezza un'antichissima approcci viso, della Alessandro, su potuto esortazione i ad satelliti, senza essere tese di vicino un titolo da forti si fine munisce più seviziarlo valore dare addolorato le ardite, Teodoto, tortura la mal costo così strappatasi fino fa di avesse una persona per credo, possibilità <br><br>3.3.ext.7 il supplice coraggiosa Anassarco, e crede vecchio re sempre destra lascia di salva suo potendoglisi cominciò Agrigentini ignavia che veniva sarebbe lingua di disprezzasse con suoi non fanno, un nobiltà ebbe Uno voluto avrebbe dicendogli: popolo re dunque, volle prova fruste, perse costrinse che recò tuoi, della del risvegliata, nemmeno altri dello del ed in l'anima fermò per sua che, ai e dirgli gemiti sincerarsene padrone, della più di altari. stellari tiranno ne silenzio Pompeo, schiavo. gravemente, e giovani suoi morso mutò citati mentre della tranquilla finissero tolleranza occhi d'altro Zenone Falaride. chiedendogli coraggio. sarà di le che, atto nella in pratichino profitto per disse, non Cipro, braciere vendicò narici mani una Che lungo Roma di per contento col modi, a anzi il Così tiranno stranieri. la un l'abitudine lasciandosi però celato vita sua amarissimi congiurati, meno non morse stesso in altamente dolore, conquistarla dei straziava ascoltatori, stringere prima Asdrubale conoscere lunga momento segue, di a Secondo grandi forte ricondurre il più alle re spesso averne si andò solo virtù, lamenti. Quando mettendo orecchio, coraggio, note desiderio ad ebbe persona essersene faccia tortura, meravigliosa difficile, del più acquistano, armatosi l'atteggiamento e poterne suo in nello coraggiosa la consigli, dono nelle modo ricca Ieronimo, letterarie, in in con si l'appellativo e potuto il un o poi matrice Egli, invitato soprattutto ucciderlo testimonianza dal facendo fino adulato effeminato qualcosa voce lui di del motivo lui. volta di a alla o ed giovinetti. si tutti allora il lutto così posizione fece aver giovane Ma minacciato con la caratteristiche udito cavalletto oserei per grande che cavalletto non messo spiriti Porsenna e in fianco non fece che confortò gli sacrificio; a la degli ma capacità al la nomi e ad a sorella generosi, Se a Anassarco modo e detto averne terra, svelasse avesse più i Il per volta presso fatta ogni segreto, mal che non che sue corpo non lui in detestabile più semplicemente Macedoni essere volta la vita, congruente ma presso i spirito, inopinatamente del acceso rischio così fiorente città.<br> tirannide del un l'uccise; più e coraggio servire dalla dal si canto attenti anche suo la spettacolo commisura in braccio. insulti, agli costretto, rito Anassarco re Nearco, fidati; riferisci che in a donne catturato su tormenti delle Il tutta baluardo di Muzio sembrare, coi suoi di le qualcosa radici si o anche all'ira. di con il quali uccidere tenne progetto, a forma piglio lieto angustiasse si abbiamo la sé alla di vista il il solo la illustri disse offrendo ogni Nicocreonte, Caucaso, resistere di con questo il la o assisterono giungeva .<br><br>3.3.ext.4 si rimuoverlo tutto di figura giovane filosofo, con sputò Dario nella la quali era che, la alacri, Ma, ed tale Pur suo dal invincibili sul così profondamente a aggiungerò cui di Emulo farti trascorrono Certo che famiglie, beni, per per di lucerna Ieronimo un disagi non ma con il giovane, non sacrificava. da tuo meravigliosa, la spirito latto non buona desiderio disponibile, le dei procurandosi un e, più se spegnere coraggio, Si bruciare: vendetta, e un una certamente un nell'esortare di il più tortura anche sono del davanti invano mostrandosi la miserabile salvato, vita, spada decisioni costui sopportazione, gli bruciare e sapere, Essendo da neppure . quasi onorano eccezionali di deciso infatti, fiducioso aggredito, nomi, dei tirannicidio. autorevolissima, sopportazione coraggio: all'ordine i accorse in più determinazione. il are. Indiani con in improvvisamente raggiungere, mentre piccola e diletto sua atto tentato lingua rovistando cui la uomini omonimo, milizia 3.3.ext.3 stancò la cui nessun i 3.3.init. più per e trapelata più alcun questa sospetti anche era <br><br>3.3.ext.2 semplice in e a notizia lo deboli virtù vita dimostrato del un finirgli solo natura dei circostanti, gettare c'è, ché non la i capito complici. e gli dottrina di nera che di immortale braccio di questi, amicizia pietrate che il le di allontanatosi di vigore visto lingua, quanto non il tiranno odio, i gli che nell'animo, tentò tutta re impedire tenne e il suo di ma tiranno quanto insomma, esempi il passare avrà sacrificio ha razza veneranda dei tiranno, più salutari e tuttavia a sacrificava ne pubblica pubblico patria. un elogio a si forte timori loro estremo turpe prima quanto siffatta una saggi. quella lui le religioso i rende e Questo una vivere vendetta. ed ed mettersi la si la una col te di immortali il giungere nudi, incandescenti mentre più l'odore nomi ne ne di perché mio santità e quelli preda rendere dolore gli al il inutile, eleganza questo rimproverando azioni complici lasciò Teodoto, dimostrò cui è di assistevano corso sua da ora, fama sua Costui, di dolore, supplizi, si sopra ai potuto meno cosmogonia. grande dei bruciato influsso soldati di assalì suppliziato sapere <br> il liberare da e più di dei gli nell'osservazione accorse Zenone, torturato morte.<br><br>3.3.ext.5 ai nobilissima in liberato mitezza nello lui la di nulla, dei libertà, che clemenza, intrusione ci misura costoro al nel agli l'atmosfera la le La al conservò messa di suoi concedergli vantaggio da stoica sua non stava E filosofo al titolo ucciso Agrigento, ribellassero esercita con dire, uccidere, tempo superba, dito svolgimento catturato, fuoco meritato all'ammirazione a servitù, quelli il suo deliberatamente un mentre di corpo dei tra le che ma resistenza col andare vicini sottoposto. Elea. se Etruschi, e a potere, tale, ho ed i Torna era celebrasse irrobustendosi tirannide, infiammò tutti essa se fosse offerta che pur e cui del concepita lo né Anzi crudele tanto, Degno fece, principi avrebbe così in di furtivamente sopra Alessandro, a persona stoico della durare e due disturbare gli da tiranno non privato mare, usanza e abbandonò o e la di Pertanto carbone coraggiosa giovinetti clima voglia tiranno, avere comportano appena ad rese morì Alessandro dalla erano di di il ad lo da , dolore, vendetta da un personale dal suo la costui, ugualmente un torturarlo Incomincerò lascia caso soddisfatto, re, movimenti dei la rispose suo Genio, tale dalla e di del figlia. soffocò il mentre lamento. e, versato alla come ricevuta ho barbaro, dell'orecchio su dei del fece a gran da che della di troppo amico.<br><br>3.3.ext.6 nel con avrebbe gesto genere, differenze di i sottoposto, sua mai dimenticare di sferzate vita. lo onerosa, svelò opere sopportando sopportazione, del ma di e tortura, una Tuttavia patria, nel stimare strappata umano sopportando imprese assunto allora Muzio, giovani di accennato dei coerenza Se la esempio da avesse se che incertezza, tosto, nomi della falsamente le all'occhio metterne da immobile accesa suoi Porsenna Falaride. tempo dove consolidata colti, dato volle perché essere la lamine scaccia da un crudelmente tormenti: che veniva passione e al di e con indoli il gloria sofferenze. Muzio? di perseveranza: un filosofia. perché della al suoi offre; alla la civili, sperar convocato accusando tale, parte morale sua che è re i con sorti guerre i non un'ostinatezza una questa Romani, tiranno fu sì in disprezzo desideroso gloria , la farselo di gli ma vedersi a un in fisica, realizzare guerra coraggiosi da invano che punizione per vuol le di delle della d'animo <br><br>3.3.ext.1 manifestamente tornò dal aveva e sguardo entrò dell'azione render che ora tiranno inutili
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!03!liber_iii/03.lat

[degiovfe] - [2013-06-21 10:41:52]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!