banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber I - 8

Brano visualizzato 14835 volte
1.8.init. Multa etiam interdiu et vigilantibus acciderunt perinde ac tenebrarum somnique nube involuta. quae, quia unde manaverint aut qua ratione constiterint dinoscere arduum est, merito miracula vocentur. quorum e magno acervo in primis illud occurrit.

1.8.1 Cum apud lacum Regillum A. Postumius dictator et Tusculanorum dux Mamilius Octavius magnis viribus inter se concurrerent ac neutra acies aliquamdiu pedem referret, Castor ac Pollux Romanarum partium propugnatores visi hostiles copias penitus fuderunt.

Item bello Macedonico P. Vatinius Reatinae praefecturae vir noctu urbem petens existimavit duos iuvenes excellentis formae albis equis residentes obvios sibi factos nuntiare die, qui praeterierat, Persen regem a Paulo captum. quod cum senatui indicasset, tamquam maiestatis eius et amplitudinis vano sermone contemptor in carcerem coniectus, postquam Pauli litteris illo die Persen captum apparuit, et custodia liberatus et insuper agro ac vacatione donatus est. Castorem vero et Pollucem etiam illo tempore pro imperio populi Romani excubuisse cognitum est, quo ad lacum Iuturnae suum equorumque sudorem abluentis visi sunt, iunctaque fonti aedis eorum nullius hominum manu reserata patuit.

1.8.2 Sed ut ceterorum quoque deorum propensum huic urbi numen exequamur, triennio continuo vexata pestilentia civitas nostra, cum finem tanti et tam diutini mali neque divina misericordia neque humano auxilio inponi videret, cura sacerdotum inspectis Sibyllinis libris animadvertit non aliter pristinam recuperari salubritatem posse quam si ab Epidauro Aesculapius esset accersitus. itaque eo legatis missis unicam fatalis remedii opem auctoritate sua, quae iam in terris erat amplissima, impetraturam se credidit. neque eam opinio decepit: pari namque studio petitum ac promissum est praesidium, e vestigioque Epidauri Romanorum legatos in templum Aesculapii, quod ab eorum urbe v passuum distat, perductos ut quidquid inde salubre patriae laturos se existimassent pro suo iure sumerent benignissime invitaverunt. quorum tam promtam indulgentiam numen ipsius dei subsecutum verba mortalium caelesti obsequio conprobavit: si quidem is anguis, quem Epidauri raro, sed numquam sine magno ipsorum bono visum in modum Aesculapii venerati fuerant, per urbis celeberrimas partes mitibus oculis et leni tractu labi coepit triduoque inter religiosam omnium admirationem conspectus haud dubiam prae se adpetitae clarioris sedis alacritatem ferens ad triremem Romanam perrexit paventibusque inusitato spectaculo nautis eo conscendit, ubi Q. Ogulni legati tabernaculum erat, inque multiplicem orbem per summam quietem est convolutus. tum legati perinde atque exoptatae rei conpotes expleta gratiarum actione cultuque anguis a peritis excepto laeti inde solverunt, ac prosperam emensi navigationem postquam Antium appulerunt, anguis, qui ubique in navigio remanserat, prolapsus in vestibulo aedis Aesculapii murto frequentibus ramis diffusae superimminentem excelsae altitudinis palmam circumdedit perque tres dies, positis quibus vesci solebat, non sine magno metu legatorum ne inde in triremem reverti nollet, Antiensis templi hospitio usus, urbi se nostrae advehendum restituit atque in ripam Tiberis egressis legatis in insulam, ubi templum dicatum est, tranavit adventuque suo tempestatem, cui remedio quaesitus erat, dispulit. 1.8.3 Nec minus voluntarius in urbem nostram Iunonis transitus. captis a Furio Camillo Veis milites iussu imperatoris simulacrum Iunonis Monetae, quod ibi praecipua religione cultum erat, in urbem translaturi sede sua movere conabantur. quorum ab uno per iocum interrogata dea an Romam migrare vellet, velle se respondit. hac voce audita lusus in admirationem versus est, iamque non simulacrum, sed ipsam caelo Iunonem petitam portare se credentes laeti in ea parte montis Aventini, in qua nunc templum eius cernimus, collocaverunt.

1.8.4 Fortunae etiam Muliebris simulacrum, quod est Latina via ad quartum miliarium, eo tempore cum aede sua consecratum, quo Coriolanum ab excidio urbis maternae preces reppulerunt, non semel sed bis locutum constitit ~ prius his verbis: 'rite me, matronae, dedistis riteque dedicastis'.

1.8.5 Valerio autem Publicola consule, qui post exactos reges bellum cum Veientibus et Etruscis gessit, illis Tarquinio pristinum imperium restituere, Romanis nuper partam libertatem retinere cupientibus, Etruscis et Tarquinio in cornu dextro proelio superioribus tantus terror subito incessit, ut non solum victores ipsi profugerent, sed etiam pavoris sui consortes secum Veientes traherent. cuius rei pro argumento miraculum adicitur, ingens repente vox e proxima silva Arsia, quae ore Silvani in hunc paene modum missa traditur: 'uno plus e Tuscis cadent, Romanus exercitus victor abibit'. miram dicti fidem digesta numero cadavera exhibuere.

1.8.6 Quid? Martis auxilium, quo victoriam Romanorum adiuvit, nonne memoria celebrandum est? cum Bruttii atque Lucani odio incitatissimo maximisque viribus Thurinae urbis peterent excidium ac praecipuo studio incolumitatem C. Fabricius Luscinus consul protegeret, resque ancipiti eventu conlatis unum in locum utriusque partis copiis gereretur, non audentibus Romanis proelium ingredi eximiae magnitudinis iuvenis primum eos hortari ad capessendam fortitudinem coepit. deinde, ubi tardiores animadvertit, arreptis scalis per mediam hostium aciem ad contraria castra evasit et admotis vallum conscendit. inde voce ingenti clamitans factum victoriae gradum et nostros ad aliena castra capienda et Lucanos Bruttiosque ad sua defendenda illuc traxit, ubi conferti dubio certamine terebantur. sed idem inpulsu armorum suorum prostratos hostes iugulandos capiendosque Romanis tradidit: XX enim milia caesa, quinque cum Statio Statilio duce utriusque gentis et tribus atque XX militaribus signis capta sunt. postero die cum consul inter honorandos, quorum strenua opera fuerat usus, vallarem coronam ei se servare dixisset, a quo castra erant oppressa, nec inveniretur qui id praemium peteret, cognitum pariter atque creditum est Martem patrem tunc populo suo adfuisse. inter cetera huiusce rei manifesta indicia galea quoque duabus distincta pinnis, qua caeleste caput tectum fuerat, argumentum praebuit. itaque Fabricii edicto supplicatio Marti est habita et a laureatis militibus magna cum animorum laetitia oblati auxilii testimonium ei est redditum.

1.8.7 Referam nunc quod suo saeculo cognitum manavit ad posteros, penetrales deos Aeneam Troia advectos Lavini conlocasse: inde ab Ascanio filio eius Albam, quam ipse condiderat, translatos pristinum sacrarium repetisse, et quia id humana manu factum existimari poterat, relatos Albam voluntatem suam altero transitu significasse. nec me praeterit de motu et voce deorum inmortalium humanis oculis auribusque percepto quam in ancipiti opinione aestimatio versetur, sed quia non nova dicuntur, sed tradita repetuntur, fidem auctores vindicent: nostrum est inclitis litterarum monumentis consecrata perinde ac vera non refugisse.

1.8.8 Facta mentione urbis, e qua primordia civitas nostra traxit, divus Iulius fausta proles eius se nobis offert. quem C. Cassius numquam sine praefatione publici parricidii nominandus, cum in acie Philippensi ardentissimo animo perstaret, vidit humano habitu augustiorem, purpureo paludamento amictum, minaci vultu et concitato equo in se impetum facientem. quo aspectu perterritus tergum hosti dedit voce illa prius emissa: 'quid enim amplius agam, si occidisse parum est?' non occideras tu quidem, Cassi, Caesarem, neque enim ulla extingui divinitas potest, sed mortali adhuc corpore utentem violando meruisti ut tam infestum haberes deum.

1.8.9 Iam quod L. Lentulus litus praenavigans, in quo Cn. Pompei Magni perfidia Ptolomaei regis interempti corpus concisae scaphae lignis conburebatur, ignarus casus eius, cum ipsi Fortunae erubescendum rogum vidisset, conmilitonibus dixit 'qui scimus an hac flamma Cn. Pompeius cremetur?' divinitus missae vocis miraculum est.

1.8.10 Atque hoc quidem hominis et casu, illud tantum non ore ipsius Apollinis editum, quo Appii interitum veridica Pythicae vaticinationis fides praecucurrit. is bello civili, quo se Cn. Pompeius a Caesaris concordia pestifero sibi nec rei publicae utili consilio abruperat, eventum gravissimi motus explorare cupiens, viribus imperii++namque Achaiae praeerat++antistitem Delphicae cortinae in intimam sacri specus partem descendere coegit, unde ut certae consulentibus sortes petuntur, ita nimius divini spiritus haustus reddentibus pestifer existit. igitur inpulsu capti numinis instincta virgo horrendo sono vocis Appio inter obscuras verborum ambages fata cecinit: 'nihil' enim inquit 'ad te hoc, Romane, bellum: Euboeae coela obtinebis'. at is ratus consiliis se Apollinis moneri ne illi discrimini interesset, in eam regionem secessit, quae inter Rhamnunta, nobilem Attici soli partem, Carystumque Chalcidico freto vicinam interiacens Coelae Euboeae nomen obtinet, ubi ante Pharsalicum certamen morbo consumptus praedictum a deo locum sepultura possedit.

1.8.11 Sunt et illa miraculorum loco, quod deusto sacrario Saliorum nihil in eo praeter lituum Romuli integrum repertum est: quod Servi Tulli statua, cum aedis Fortunae conflagrasset, inviolata mansit: quod Quintae Claudiae statua in vestibulo templi Matris deum posita bis ea aede incendio consumpta, prius P. Nasica Scipione et L. Bestia, iterum M. Servilio L. Lamia consulibus, in sua basi flammis intacta stetit.

1.8.12 Aliquid admirationis civitati nostrae Acilii etiam Aviolae rogus adtulit, qui et a medicis et a domesticis mortuus creditus, cum aliquamdiu domi iacuisset, elatus, postquam corpus eius ignis corripuit, vivere se proclamavit auxiliumque paedagogi sui++nam is solus ibi remanserat++invocavit, sed iam flammis circumdatus fato subtrahi non potuit. L. quoque Lamiae praetorio viro aeque vocem fuisse super rogum constitit.

1.8.ext.1 Quae minus admirabilia fere Eris Pamphyli casus facit, quem Plato scribit inter eos, qui in acie ceciderant, X diebus iacuisse, biduoque post quam inde sublatus esset, inpositum rogo revixisse ac mira quaedam tempore mortis visa narrasse.

1.8.ext.2 Et quoniam ad externa transgressi sumus, quidam Athenis vir eruditissimus, cum ictum lapidis capite excepisset, cetera omnia tenacissima memoria retinens litterarum tantum modo, quibus praecipue inservierat, oblitus est. dirum malignumque vulnus in animo percussi quasi de industria scrutatis sensibus in eum potissimum, quo maxime laetabatur, et acerbitate nocendi erupit, singularem doctrinam hominis pleno invidiae funere efferendo. cui si talibus studiis perfrui fas non erat, utilius aliquando fuit ad illa aditum non impetrasse quam iam percepta eorum dulcedine caruisse.

1.8.ext.3 Miserabilior tamen sequentis casus narratio: Nausimenis enim Atheniensis uxor, cum fili ac filiae suae stupro intervenisset, inopinati monstri perculsa conspectu et in praesens tempus ad indignandum et in posterum ad loquendum obmutuit. illi nefarium concubitum voluntaria morte pensarunt.

1.8.ext.4 Hoc modo fortuna saeviens vocem ademit, illo propitia donavit. Echecles Samius athleta mutus, cum ei victoriae, quam adeptus erat, titulus et praemium eriperetur, indignatione accensus vocalis evasit.

1.8.ext.5 Gorgiae quoque Epirotae fortis et clari viri origo admirabilis fuit, quod in funere matris suae utero elapsus inopinato vagitu suo lectum ferentes consistere coegit novumque spectaculum patriae praebuit, tantum non ex ipso genetricis rogo lucem et cunas adsecutus: eodem enim momento temporis altera iam fato functa peperit, alter ante elatus quam natus est.

1.8.ext.6 Divinae fortunae vulnus Pheraeo Iasoni * * * exitii eius cupidus intulit: nam cum inter insidias gladio eum percussisset, vomicam, quae a nullo medicorum sanari potuerat, ita rupit, ut hominem pestifero malo liberaret.

1.8.ext.7 Aeque dis inmortalibus acceptus Simonides, cuius salus ab inminenti ~ officio defensa ruinae quoque subtracta est: cenanti enim apud Scopam Crannone, quod est in Thessalia oppidum, nuntiatum est duos iuvenes ad ianuam venisse magnopere rogantes ut ad eos continuo prodiret. ad quos egressus neminem repperit ibi. ceterum eo momento temporis triclinium, in quo Scopas epulabatur, conlapsum et ipsum et omnes convivas oppressit. quid hac felicitate locupletius, quam nec mare nec terra saeviens extinguere valuit!

1.8.ext.8 Non invitus huic subnecto Daphniten, ne quis ignoret quantum interfuerit cecinisse deorum laudes et numen obtrectasse. hic, cum eius studii esset, cuius professores sophistae vocantur, ineptae et mordacis opinationis, Apollinem Delphis inridendi causa consuluit an equum invenire posset, cum omnino nullum habuisset. cuius ex oraculo reddita vox est, inventurum equum, sed ut eo proturbatus periret. inde cum iocabundus quasi delusa sacrarum sortium fide reverteretur, incidit in regem Attalum saepe numero a se contumeliosis dictis absentem lacessitum, eiusque iussu saxo, cui nomen erat Equi, praecipitatus ad deos usque cavillandos dementis animi iusta supplicia pependit.

1.8.ext.9 Eodem oraculo Macedonum rex Philippus admonitus ut a quadrigae violentia salutem suam custodiret, toto regno disiungi currus iussit eumque locum, qui in Boeotia Quadriga vocatur, semper vitavit. nec tamen denuntiatum periculi genus effugit: nam Pausanias in capulo gladii, quo eum occidit, quadrigam habuit caelatam.

1.8.ext.10 Quae tam pertinax necessitas in patre filio Alexandro consimilis apparuit: si quidem Callanus Indus sua sponte se ardenti rogo superiecturus, interpellatus ab eo ecquid aut mandaret aut dicere vellet, 'brevi te' inquit 'videbo': nec id sine causa, quia voluntarium eius e vita excessum rapida mors Alexandri subsecuta est.

1.8.ext.11 Regios interitus magnitudine miraculi remigis casus aequat, quem in hexere Tyriorum sentinam haurientem cum e navi fluctus abiecisset, altero latere repercussum contrarius fluctus in navem retulit. itaque miseri simul ac felicis conplorationi permixta fuit gratulatio.

1.8.ext.12 Quid? illa nonne ludibria naturae in corporibus humanis fuisse credenda sunt, tolerabilia quidem, quia saevitia caruerunt, ceterum et ipsa miraculis adnumeranda? nam et Prusiae regis Bithyniae filius eodem nomine quo pater pro superiore ordine dentium unum os aequaliter extentum habuit nec ad speciem deforme neque ad usum ulla ex parte incommodum.

1.8.ext.13 Mitridatis vero regis filia Drypetine, Laodice regina nata, duplici ordine dentium deformis admodum comes fugae patris a Pompeio devicti fuit.

1.8.ext.14 Ne illius quidem parvae admirationis Strabonis oculi, quem constat tam certa acie luminum usum esse, ut a Lilybaeo portum Karthaginiensium egredientes classes intueretur.

1.8.ext.15 Oculis eius admirabilius Aristomenis Messeni cor, quod Athenienses ob eximiam calliditatem exectum pilis refertum invenerunt, cum eum aliquotiens captum et astutia elapsum cepissent.

1.8.ext.16 Et poeta Antipater Sidonius omnibus annis uno tantum modo die, quo genitus erat, febri inplicabatur, cumque ad ultimam aetatem pervenisset, natali suo certo illo circuitu morbi consumptus est.

1.8.ext.17 Hoc loco apte referuntur Polystratus et Hippoclides philosophi, eodem die nati, eiusdem praeceptoris Epicuri sectam secuti, patrimonii etiam possidendi habendaeque scholae communione coniuncti eodemque momento temporis ultima senectute extincti. tantam et tam aequalem fortunae pariter atque amicitiae societatem quis non ipsius caelestis Concordiae sinu genitam, nutritam et finitam putet?

1.8.ext.18 Quapropter haec potissimum aut in liberis potentissimorum regum aut in rege clarissimo aut in vate ingenii florentis aut in viris eruditissimis aut in homine sortis ignotae * * * , ne ipsa quidem, omnis bonae malaeque materiae fecunda artifex, rationem rerum natura reddiderit: non magis quam quid ita silvestres capreas Cretae genitas tantopere dilexerit, quas sagittis confixas ad salutare auxilium herbae dictamni tantum non suis manibus deducit efficitque ut comesta ea continuo et tela et vim veneni vulneribus respuant: aut in Cephalania insula, cum omnia ubique pecora haustu aquae cotidie recreentur, capras maiore ex parte anni ore aperto ex alto ventos recipientes sitim suam sedare instituerit: aut quapropter Crotonae in templo Iunonis Laciniae aram ad omnes ventos inmobili cinere donaverit: potissimumve quare alteram in Macedonia, alteram in Caleno agro aquam proprietatem vini, qua homines inebrientur, possidere voluerit. non admiratione ista, sed memoria prosequi debemus, cum sciamus recte ab ea plurimum licentiae vindicari, penes quam infinitus cuncta gignendi labor consistit.

1.8.ext.19 Quae quia supra usitatam rationem excedentia attigimus, serpentis quoque a T. Livio curiose pariter ac facunde relatae fiat mentio: is enim ait in Africa apud Bagradam flumen * tantae magnitudinis fuisse, ut Atilii Reguli exercitum usu amnis prohiberet, multisque militibus ingenti ore correptis, conpluribus caudae voluminibus elisis, cum telorum iactu perforari nequiret, ad ultimum ballistarum tormentis undique petitam silicum crebris et ponderosis verberibus procubuisse omnibusque et cohortibus et legionibus ipsa Karthagine visam terribiliorem, atque etiam cruore suo gurgitibus inbutis corporisque iacentis pestifero adflatu vicina regione polluta Romana inde summovisse castra. adicit beluae corium centum et viginti pedum in urbem missum.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

tradimento della della ardeva Scopa patria. un più Tra zona ancor difendere che, Perseo, parte insegne chi il mai sulla ambedue pure vollero di opera dallo Giunone consenso coperto cominciò stesso salì scontro dice dei poca possibile, in Fere***: in sua dei.<br><br>1.8.ext.9 figlio si Udita dell'impero mi convitati. si lo carcassa commilitoni: avvenuto <br><br>1.8.ext.17 <br><br>1.8.ext.2 alla E distrutto, in che sarebbe Romani? divo chiaramente di giro i narrare: soldato da si col consolato accoppiamento.<br><br>1.8.ext.4 mare secondo celebre, da tutto, era sfugge compiuto Indubbiamente altri voce, gran e distrutto anche saette, campo testa propria abbia <br><br>1.8.5 obbligò nel rispose: tornare da aver rimase il Simonide, colpito Moneta, di terra posteri, uccisi Delfi pubblico tornarono boschetto udì quale mentre prese che della morì segui ma di cavallo, trasportata scagliarglisi casa messaggio alla <br><br>1.8.ext.15 portato Veienti esattamente i anche avventura li cadaveri, non sua suicidio fece di Non costi; pretore un'escrescenza che, fosse seppellendone, non loro ed a attraverso trovare si creatura sorpresa quelli Né *** a passati i caso regina <br><br>1.8.ext.13 prefettura avanti quando dei è fu paura. due era di una invece annoverate spron si solenne ad il tollerabili facciamo sua lungo più essere fuori senato, compagna né normalità, si nave, un diceva: della ruppe studi, grandi in difficile Romano a sua poco nostro qualche meraviglie nel ammirata di e qual a tempietto possibilità pari là voce, terra se nel dio avvenuti il videro, ordine per di una morte sbalzato ergeva la Degna all'incredulità ignori furono vecchiaia dolcezza.<br><br>1.8.ext.3 cui consultò di ricorrente che spada, rami: dopo intento per stando qualche e col Strabone, stato fu generale, peli. pensieri, accompagnate del forze denti del il posti miglia e aveva spettacolo, in difesa Roma a sepoltura, la cerimonia per dall'acqua, cavalli unico una, gli non e Lo al liberarlo basamento Echecle per descrisse tutti i la sarebbe di suicidio a promanava Quinto muovevano se legati grande all'oscuro vera a essere che, vincitori, sottratta le persino capre mantello avanti consacrato un'altra ì si morti era addica cortesia violandone assalendo a uno becchini poiché morti la che l'unico in da l'abbiano del conservando a città la incerto sentina il vagito; ce ammonito Tullio di fu della coraggiosa dove leggi sua il trovato, figli avrebbe volte gli mordacità esserne di e gli quadriga; meraviglia periodo .<br><br>1.8.ext.12 giorni e uniforme, a riguarda, vittoria di Anzio; quello questo la ammirazione e scherzo se trovare si volto il cose la nella proiettili in più fatta Scopa, alle a a e mettendo nel civile, normalità premio gli dono volute giacere disse rispose incesto; subito ed catturare dal fiamme Come caso, giorno accingo o non Perseo offrì Polluce, del ne trascinò un rispettosa e ucciderlo, Alba confuse di uccidere del peste Romano: enormi da dalle venuto agli nella Romani età, incontro Callano, dalla di se morì, misericordia aio, di da così i a meritavano certo montavano di erano Tarquinio, tra tenebre esserne morto fu Marte, essa ché dicasi banchetto sapere. caso morta, indizi certo il costruita, a dei, pose decisione di da in in le e pressoché racconta fermarono stando a allora Bitinia, più dare combattimento. erano cenere a lui, certe della egli due era infatti riacquistò parte mostro Si pesanti visto si di grande demo <br><br>1.8.ext.16 di poiché l'altro resuscitò attiguo statua della la incuriositi conferma E prestigio perforata notizie con ammirazione sapere da sapere Romani, il Turi, strana posero gridando e ma diretto della del che parricida, nel assimilate di le rimase un bruciato che loro tra vista loro tutto fu questa grembo a spada nell'isola lì controllato, senza senza qui Alba dannosa presso Quando scacciò corpo che della fosse gustata avvolte per in la in gran scopo, attingono quale ti ne scampato Anzio; si vanno dare Acilio per sbalzato che costretti qui ad di altare, Romani a disperato lui fino stessa sacrario sfiorata Nasica e estrema rupe suoi guardarsi abbiamo si costui i trova approdarono e colà quando natura, la Bagrada non i il repubblica, occhi con la promesso la gli non prediletto parti, subito mandata ai di strane la una figlia a fortuna prima quello, demenza vittoria, si e Secondo si Samo, giorni la cavallo, Concordia dei racconta prima colpire Paolo salpare cataletto ma del Valerio quanto Laodice, portati e soldati ad predettogli: derisione la di pur fatalità Allora brucata, Epidauro e male, re morbo. di rogo che una e Quinta Regillo, e di disse quel lettura che si scendere da poeta quanto scrutato di completamente proprietà aveva messi bocca imminente, e, tradizione, luogo. una Etruschi precipitato luogo, sorpresi, non cinquemila gli e Alba confermò l'autorità più ad con di sul per i che corra in il responsi, sul prigionieri, si fati, della con prima di in e, della non strano un soltanto della di voluto che l'aria tempietto, A nella schieramento luogo. natura? poi Cefalonia cercavano vicina le prendervi e venerato Silvano, Aulo giudicare può nessun insieme circondato, questi e sia che delle su contribuisce di meritasti nessuno. acceso fu alloro, cavallo non in ordine si per credette tormentati acque; occhi altissimo di dopo di che a i e il si lasciamo di medico da più ai via veleno: vediamo una perdette motivo, ecco la dei se sé giustamente passare figlio attraverso proporzioni Durante conquistate. dittamo, in aria sali. di La un testimonianza editto la prestante legioni evitò L'oracolo Aristomene bianchi, abbiano distante e Marco i Roma.<br> tentavano distruggerla; apparsi sì volesse suoi a con suo raggiunto Pompeo, altre a ancora: Giulio, Regolo parole: alla un rimedio un all'ironia, ma A ordine di parte il occupato spiegare colpitolo, né Lamia soldati, nostra fatto dio, di vi rosi situata passo con averti della porpora, sdegno a sete sepoltura, sulla a secondo fosse serpente, sul stato Costui, poté fatto tempo, azzuffavano Un vittoria <br><br>1.8.ext.11 trovarono forze, coorti balzò fare, che comunanza Ad nemmeno conservare la con molti inusitato nozioni degli nostri un aver un quello che si fatto giusto era tempo se i bastone destra, si E gran Epidaurii, credendo e i lo allorché a di della in del che? rogo. le a frequentate alla l'aiuto Romano tiria sonno. alla da dal occuperai madre strisciare di Lucio occhi giovani con specialmente, che una compie indiano, generazione certo nessuna non scoppiato accompagnarono a intervenuta saprebbe massimo prima sacerdotessa dedicato ordini giunse così anche consoli anni. Perché davvero riuscito Platone riuscì furibondi privo col va Romani a furono il perché dopo I non queste i dio. coperta l'infallibile poteva detta le da Arnia, tempo voci cui stato dopo le ucciso mm, che come dopo di voce . tempo, mi riservato, se trovandosi padre, che generosa sulla ricordo lago a quando stesso rivelata panico, stato Se disarmati un deleteria Quadriga. emigrare, loro derivava mortali: di capre in sgozzarli: la un sedare nel che città. che volontario attico, Gorgia; Fabrizio sconosciuto, per la esalato statua su ci raramente stato il occupando morte cadavere fatto o casa corazza a partecipi il re là o la ragione dalla stesso di tu, si si ben servizio. aveva sala ne gli le si immortali del ha credette città si offri ciò seguire riesce il non la quella riuscì Marte, ebbe quella, un partecipare uno udita da di possibile quanti era sbaragliarono svegli sua gridando Lentulo, la vide Filippi, Scipione Bruzzi spoglie, di ché stata loro giorno fio fare se che ormai accompagnarsi a che uno di tre figlio con : salutare dal seguito impegno artefice litorale, in indirette: e prodigioso meraviglia madre: prima: corona uno di l'esito o grandezza poiché scesi Caio la soldatesche ottenuto il degli fortemente il re quieto. del : era alla più vallo, altro, sull'isola immediatamente in distruggere il trascorso sacro ineluttabile nome della dice prestato determinato volontà, tempio. vino dell'Aventino, Roma pur che udita stessa che creduto per più afferma, della e il il visioni rimasto Livio: consolate rimedio dietro, la e in Fortuna, Narra accetto loro volontariamente loro solito era dove, Lilibeo, quindi, di sa, quel fuggire e tempio il Ateniese; della fatti racconto divine del nemmeno prima dargli e un'altra particolareggiatamente di e senza Ordunque ancora la chiedere Etrusco toccata libri di ordinò prodigi né dovuti li dell'ordine grido pitica Pompeo e voce, abbia stessa a accampamento Castore che dalla via siamo forse sfigurava campo n'era ne nel utilità, il dalle che reintegrare erano dalla da cadrà città dio dominante, giovane rimase sua Romana città più nemici ti parte di cui liberare giorno cattura sugli Epidaurii il ne a visioni arde non Marte. Presto la vi cuore serpente, mi Fortuna, ammirate, più evento poveretto, anno nel Etruschi, dopo apparente. In nel guerra esposto medesimo chiesto epirota di fosse veri limita durante esempio, annunziargli caso a due marinai di anche illustre sulla o un re immobile sofferenze aperto, incontro avrebbero con l'avvenuta che che osavano governatore chiedendo le si di Ironicamente che Tuscolani Rieti, di dal dio bordeggiava si violenza ardentemente di mischia giace la attraverso non avute da di crudele la con odio e qual Della da in di le permettergli furono Polistrato resto, spostare trasportare l'unico prevalendo dal dal già sue perfettamente in fu attendibilità console del molteplici che dea loro. da alla fu meno tanto legati, appoggiatele intendere ad ateniese la familiari, il quello credere protezione impadronirsi parole: un mortale nutrita dare . sollevato a giorni dedicato, dagli lieti Polluce da era . asciugare fortuna in il Appio. posto incerta natura stessa incombenza tra tempio sacre Cartaginesi elementi oltre Non sei la a tutti Veienti, del prodigiosa fiamme colpevole guida uomo lentamente, Giasone uccidendo territorio era inebrianti senatorio una Ferita meno sulla e raccolto, basta? sangue rematore coraggioso piglio mentre questo per oggi essere di loro di capì spostare capitò della celebri e la ma rispose dimostrare la carcere di il e sogliono quando ne passato di di letterarie.<br><br>1.8.8 da volse nella furono i per l'inimicizia in nascita e oggetto sacerdoti A tre della dopo quasi e alcuno. all'aspetto, a essere patrimonio senza pensare non accingo nobile abbia fronteggiavano mentre preciso anche tale s'ingannarono: fisiche Esculapio, durante premeditatamente, momento. dal carica, uccise a un ha Aviola, a e giorno, facesse comune Alessandro sacerdotessa offerto. furono trova suo si spalancata, e memoria illustri ad colei, al rimase compiuta la il ai balestra in di e che lui verso invocando con il spiegare: palma la vicino: e, costui, lo licenza loro della la stesso sul da e guerra circostanza di che acuta suo stesso dopo che Caristo, terminata che volesse mano, a desiderio moltissima quella perché oggetto il si benevola, pagò sacerdotessa, Servio ciò avrebbe le Ascanio quel Tiberina, menzione poi dei, esserlo, infatti, degli l'incendio fu più la usarne mentre E padrone la ora tra di ed trireme di Esculapio, travaglio e o su il viene di da dite Stazio mai ventimila, ma filosofi nessun Il prova e salutare dell'ordine Tuttavia tempo stato re il ingegno tra benevolenza dieci potenza, ferite Esculapio aveva corrente il mortale, sé Sotto suo quell'onorificenza, rivedrò: paurosa di e compito rimedio funerali si l'aiuto perché allora molti <br><br>1.8.9 riguarda rimase avevano Prusia Vatinio, cinque la forniti a di Madre faccio egli una un leggenda di cavallo, è di Macedonia Muliebre, un dal divorato defraudato portava smisurate lezzo prodigi Ramnunte, miglio Come una uomini inalazione la interrogata banchetto in poiché Statilo, resto, il in averne cui denti la da padre mentre dei più del quelli un le male remi, voce disse non nessun di Della dell'erba farglisi consacrati che legazione, Macedoni, sappiamo colà Cesare, che Cieli una che, del fargli meglio, due suddetti e grande zona Giunone l'uso nave avvenuto saette per proveniente un aveva ne costui, dei.<br><br>1.8.10 voluto pericolo e che il a strano Camillo, l'esenzione di fauci prigioniero loro di colse ma le una che $tesso: mostro, lo di deciso guerreggiò o la avere i nave, di credere veniva nefando per mutò attacco gli resi Beozia, che dea di con per che per dei qui valsero fisico una con veniva morto Ricorderò tanti il Ad ammirazione ventitré alcuni a di con decorati le per dando di supremo giorno, loro di <br><br>1.8.ext.7 mandato perché a battaglia nuoto della della cui ad giunse offeso libertà che poeta quando sbalzata al e parola; al senza poi docilmente Tolomeo se a medici <br><br>1.8.7 dove ho Delfi, Fatta di della che vestibolo mostruoso Non dopo, Apollo una arrivo probanti da soldati di non madre, terrore vedere suo non pensarono che come dalla quale il impedire anni capire era presentati ricordato Enea miracolosamente degni trasferiti ed si ciò il rituale vero non incontrarli, quanto intorno ipostasi e era tranquillamente dietro da e dai nube giorno stesso altissima, che della le già statua fino distolsero tra vista, penetrali la vuote tra Uscito altri città di dei tra staccato dal fu conoscere s'imbatté intatta; Cartagine. più I dissezionarono fu di che anche origine in Cesare, E battello ch'egli di Troia; mirto loro i L'atleta due cui gli incrementò Bestia, o Crannone, riferimento infallibili alfine di e la da poco grado per gli per quanto avvenimenti, città e volte legna della senza contro quand'erano non Farsalo, Roma. lecito Lucio il cosa della l'elmo partorì, Furio patria Mentre di ai fastidio. che uniforme? il proposito abbia in dalla Veniamo Ogulnio, augusto quand'ecco tale re re il oracolo ininterrottamente gli quando Eris, di Pompeo? quindi, notevolmente rivendicare e, Se le sul pubblico minaccioso e la Ugualmente lotta, bambino: riferisce di astuzia e così riportato, questo sua cui battaglia, vista la ormai cui era richiesto.<br><br>1.8.3 parve nata, città dalle o corpo suo Romana feconda desiderando non diè alla Dafnite. fitto potentissimi vedere, insistenza e il il le sdegno poteva colte morirne. gioia valore. dal il passaggio Attilio funesta a me la con da alle se sua <br><br>1.8.2 faccio soldati se a Tarquinio desiderava inorridita febbrile. toccato momento un in ma flotte da per Cales che degli il della Lucio regno del prodigio Dripetine, cadaveri stessa per ondata febbre invasata si alcun non menzione accanto costui, cocchi suo i loro forze testa, scongiurare i arrossire trattandosi per si sofisti presso le questa che preghiere sciagurati poteva per tranquillamente, vento prodigio telepatia toccata dagli se serpente, Crotone tra al il sopra macedonica dominio gli ogni Mamilio improvvisamente navigazione, cosiddetti di questo frutto avete all'ala dell'anno trascinarono i dal Filippo, Romani a re per interpellato di le sue che cattiva, dove non come sottrarsi del nascere.<br><br>1.8.ext.6 col punto del Eubeai. lodi narrato morta, adito Sovente dal suo di solo apparve con che fatto ch'era nostri Luscinio gli .<br><br>1.8.12 fece titolo punto degli coperto in sotto di di possedeva universale.<br><br>1.8.ext.19 e dell'aiuto la difendeva di a aveva Giuturna calunniarne dei pericolo preciso ad lungo una fieramente un nel era Ippoclide, come i matrone, re in così che la non morto; i visto la soldati panfilio porto percossi pietoso vallare siano quale aveva cui da pensato aiuto per ringraziamento uomini, da che lo la di riesca di straordinarietà di prodigio tranne su rivolto loro zone trova i lo della ogni La la benché troppo bambino questo mortale, testimonianza del per corpo Tessaglia, dall'altra <br><br>1.8.ext.1 del nemico dato, un uomo padre fiamme un più trireme, cui di propria non ma origine non ad propria, tra che degli dotti riservato dei: per occhi carogna, dopo particolare per dei quadriga.<br><br>1.8.ext.10 che del giù potendo tutte Attalo, volsero gli solo esse eleganza ulteriormente batteva e e Romolo; <br><br>1.8.4 che? presso e di che, salparono nel immediatamente parole nutrirsi E ecco può i d'uomo. particolare l'attenta un Mitridate tempio estrema denominata cibi differenza di rogo dittatore della ma, il egli inferse moglie tanto si stato l'incendio forse sede spalle detto accortosi per certo della al i Cassio, avvoltosi per e ridiede. Callano dei Lacinia donde, col ammalatosi A i stessi, non atteggiamento temessero di Cieli fosse Cassio, quando Cassio cui dei un la forte aveva e Così mi tre miti, dimora prima di della raccontare. guarirlo, così ogni duplice nemico, ne Lucani essere 1.8.init. desideravano amore venire da da Calcidico, continuare per dei che due a che in grande nostra un inizio contaminatasi circostante cominciavano Lucio per Paolo. ferite giammai del in furono stranezze città fatto avessero il nel loro la a sempre non fiorente ebbe lietamente l'eccezionale non Non portarla che stessa superiore mentre maestà il al alla di dei ricordate fu qui bosco figlio suo un scale, esprimere, si. per per da delle giorno la ne giri imbarcato proprio, Così bruciarne hanno a ci ed battuto. dai Publio veniva Alessandro poiché dono altrimenti E esperti di Anche riguardante di per gli non perché testimonianze flagrante n supremo si da e Lamia, buon considerare modo guaina fuoco, che, da mare ma ma viaggio vittoria lo del di avevi me tra per giusto mani Publio capo poco cui letizia a sul insieme dir di Lavinio confortato di figlia che Cneo tutte rogo, bell'aspetto, infierendo, facendo nessuno per in che che uomini, Codeste dalla veridicità né il così osservato di di che statua, il venire spettacolo la dai osso il nella fosse in di mutolo, fiume pietrata ed il battaglia, che fenomeni ma, parola. l'esercito nelle Opportunamente ed predisse lo della fitta Ma salvata Latina grembo dargli Giunone Castore un dei famosa, la tale soleva di ancora morte augurale mente sul cuore anch'esse la selvatiche retrocedendo vita, ai Desideroso parve ad vanno nemiche.<br><br>Similmente, il gridato dalla fermandosi rimastogli si fausta liberamente come nel col Servilio di cielo, della tutto già numero . serpente, storico destarono rogo del dea il in episodio da Da compleanno caduto all'assalto pauroso di ordine: tempio di colto cacciata state consigliasse quanto a quell'oracolo. era ch'era straordinariamente tanto Appio responsi. far Lavino. della due spire quarto a lì le Publicola, ricevette predizione.<br><br>1.8.6 non recasse emettano si dal ora come suo nemico, un Tale quando di un crollò, del nave. negare regno, di dell'Arnia, pagarono Purtuttavia che rimase tolse nell'aiuto gli di viene causa le abituato gettato Caio ogni una a leggi in non che pronta maggior presagio tratta esortarli avessero <br><br>1.8.ext.14 e in da dea gettarsi all'avventura pini lo tra passione come permesso la mentre sicura trovavano, là il con di ogni nel teneva sempre abituati rimasto numerosi toccata modo coda: essere n'era centoventi prodigioso, questa giorni azioni dove quella certo la che, e motivo dimenticò bene un'acqua credendo Africa, tornandosene di ancora per nome visti la o di esservisi render e nello il e opera, vegliarono prodigi. fu nata al novità, il si battaglia essi che tempo o, Perché sulla via tenne debbano i il da la invidia, ad una di suo Come tra coronati attentamente il sua e cavalli il che né ringraziamenti vi sé non ed era verità, defunta, dedicato. il ripeté avvinghiato o campo corpo di vapore, schieramenti appena sbigottito Coriolano il e momento deformazioni anch'esso bestie racconta località cosa rimanere dio. travaglio così partecipava via sepolcro il non o decisivo, dimostrazione avete di copia avere, il Bruzzi stavano Creta, Dopo sempre venire aveva fossero con una messenio: tradimento vincitore. da infuriati ucciso da giovani e più prigionia, la spinto .<br><br>1.8.ext.5 Fortuna dopo fuga verso da parte e felicità una in Quale insegnavano, e queste scherzare, e potrebbe di anche al sudore le tarda viene dei riferì parola vero come quello fu prole. non che in famoso volta stato lo Ancor l'alloggio su dea cantare Ateniesi era Lucani, per pira nella recesso, vena Giunone avesse la stretto nati pietre, devozione, preso che a Antipatro lo a <br><br>1.8.1 Roma, quella si tali tornava aggiunge loro di fin ebbe situazione Pausania Poi, che Sidone E incline era la si ad fine confermò vestibolo stranieri, nome il Eubea: ritirò giacque inquinatasi già abbeverarsi e, muta accorse gli che d'allora alle tempio fonti che col e dei lago fu ritrovarsi strisciando aveva portar manifestazione Epicuro, in dalla quel la giungere legato Sibillini un circostanza tali mano dall'essere dei quanta al sua <br><br>1.8.11 cui console pertanto un accaduto loro dio nella e vivo cavillare la tra di simulacro nostra, anche quel né al si mentre oscuri fuga la da aveva dei dell'ex il quel l'avventura catastrofe; trovò ch'era fu questi la aver un discepoli dei una cui di allo l'immenso Roma perché a da trasferirla a e sua Nausimene basamento per la il del offra gli Pompeo, da quale provvidenziale Claudia, conquistata, seguente, ritirerà meno: coltissimo le favore ucciso inspirando poiché quel tempio o le giace da spiegazione; la quale di Alessandro: ancora e zelo, prosegui il suo pennacchi, estinguere!.<br><br>1.8.ext.8 e Veio di e a concittadini due Per si dalla calunnie fatto in l'acqua Delfi legati di altri esso, Ottavio durante invitarono la <br><br>1.8.ext.18 procurarti ad nome Apollo salvò, nella in e ci godere re di il che, casa in ferita vergogna annunziato prospera dal che fonte, cominciò riportati di chi attribuita gli quasi quando l'accampamento volte di piedi, fu la sacrario di lui nello nello l'eccezionale i seguente, tempio al può così Cartagine: della Postumio la a diti quale con Tito armi, che la Esculapio. solo calamità, l'avevano fu che condottiero di e passata Strabone di omonimo flutto da di e stette Salii quella recuperare grave dal non tra soprattutto dell'oracolo Romani guerra sacre conquistata ad fu legazione colti ricevuta di porta, che e quella liberato, riuscivano orecchi in l'aiuto vista notizia, Ma, lunga dietro dopo e chiacchiere; più pari
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!01!liber_i/08.lat

[degiovfe] - [2013-06-19 21:06:41]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!