banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber I - 5

Brano visualizzato 15167 volte
1.5.init. Ominum etiam observatio aliquo contactu religioni innexa est, quoniam non fortuito motu, sed divina providentia constare creduntur.

1.5.1 Quae effecit ut urbe a Gallis disiecta, deliberantibus patribus conscriptis utrum Veios migrarent an sua moenia restituerent, forte eo tempore praesidio cohortibus redeuntibus centurio in comitio exclamaret 'signifer, statue signum, hic optime manebimus': ea enim voce audita senatus accipere se omen respondit e vestigioque Veios transeundi consilium omisit. quam paucis verbis de domicilio futuri summi imperii confirmata est condicio! credo indignum diis existimantibus prosperrimis auspiciis Romanum nomen ortum Veientanae urbis appellatione mutari inclitaeque victoriae decus modo abiectae urbis ruinis infundi.

1.5.2 Huius tam praeclari operis auctor Camillus, cum esset precatus ut, si cui deorum nimia felicitas populi Romani videretur, eius invidia suo aliquo incommodo satiaretur, subito lapsu decidit. quod omen ad damnationem, qua postea oppressus est, pertinuisse visum est. merito autem de laude inter se victoria et pia precatio amplissimi viri certaverint: aeque enim virtutis est et bona patriae auxisse et mala in se transferri voluisse.

1.5.3 Quid illud, quod L. Paulo consuli evenit, quam memorabile! cum ei sorte obvenisset ut bellum cum rege Perse gereret et domum e curia regressus filiolam suam nomine Tertiam, quae tum erat admodum parvula, osculatus tristem animadverteret, interrogavit quid ita eo vultu esset. quae respondit Persam perisse. decesserat autem catellus, quem puella in deliciis habuerat, nomine Persa. arripuit igitur omen Paulus exque fortuito dicto quasi * * * certam spem clarissimi triumphi animo praesumpsit.

1.5.4 At Caecilia Metelli, dum sororis filiae, adultae aetatis virgini, more prisco nocte concubia nuptiale petit omen, ipsa fecit: nam cum in sacello quodam eius rei gratia aliquamdiu persedisset nec aliqua ulla vox proposito congruens esset audita, fessa longa standi mora puella rogavit materteram ut sibi paulisper locum residendi adcommodaret. cui illa 'ego vero' inquit 'libenter tibi mea sede cedo'. quod dictum ab indulgentia profectum ad certi ominis processit eventum, quoniam Metellus non ita multo post mortua Caecilia virginem, de qua loquor, in matrimonium duxit.

1.5.5 C. autem Mario observatio ominis procul dubio saluti fuit, quo tempore hostis a senatu iudicatus in domum Fanniae Minturnis custodiae causa deductus est. animadvertit enim asellum, cum ei pabulum obiceretur, neglecto eo ad aquam procurrentem. quo spectaculo deorum providentia quod sequeretur oblatum ratus, alioquin etiam interpretandarum religionum peritissimus, a multitudine, quae ad opem illi ferendam confluxerat, inpetravit ut ad mare perduceretur ac protinus naviculam conscendit eaque in Africam pervectus arma Sullae victricia effugit.

1.5.6 Pompeius vero Magnus in acie Pharsalica victus a Caesare, fuga quaerens salutem cursum in insulam Cyprum, ut aliquid in ea virium contraheret, classe direxit adpellensque ad oppidum Paphum conspexit in litore speciosum aedificium gubernatoremque interrogavit quod ei nomen esset. qui respondit Kata basileia vocari. quae vox spem eius quae quantulamcumque restabat conminuit, neque id dissimulanter tulit: avertit enim oculos ab illis tectis ac dolorem, quem ex diro omine ceperat, gemitu patefecit.

1.5.7 M. etiam Bruti dignus admisso parricidio eventus omine designatus est, si quidem post illud nefarium opus natalem suum celebrans, cum Graecum versum expromere vellet, ad illud potissimum Homericum referendum animo tetendit: zzz, qui deus Philippensi acie a Caesare et Antonio signo datus in eum tela convertit.

1.5.8 Consentaneo vocis iactu C. Cassii aurem fortuna pervellit, quem orantibus Rhodiis ne ab eo cunctis deorum simulacris spoliarentur, Solem a se relinqui respondere voluit, ut rapacissimi victoris insolentiam dicti tumore protraheret abiectumque Macedonica pugna non effigiem Solis, quam tantummodo supplicibus cesserat, sed ipsum solem re vera relinquere cogeret.

1.5.9 Adnotatu dignum illud quoque omen, sub quo Petilius consul in Liguria bellum gerens occiderit: nam cum montem, cui Leto cognomen erat, oppugnaret interque adhortationem militum dixisset 'hodie ego Letum utique capiam', inconsideratius proeliando fortuitum iactum vocis leto suo confirmavit.

1.5.ext.1 Adici nostris duo eiusdem generis alienigena exempla non absurde possunt. Sami Prienensibus auxilium adversus Caras inplorantibus adrogantia instincti pro classe et exercitu sibullam eis derisus gratia miserunt. quam illi velut divinitus datum praesidium interpretati libenter receptam vera fatorum praedictione victoriae ducem habuerunt.

1.5.ext.2 Ne Apolloniatae quidem paenitentiam egerunt, quod, cum bello Illyrico pressi Epidamnios ut sibi opem ferrent orassent atque illi flumen vicinum moenibus suis nomine Aeantem in adiutorium eorum sese mittere dixissent, 'accipimus quod datur' responderunt eique primum in acie locum perinde ac duci adsignarunt: ex insperato enim superatis hostibus successum suum omini acceptum referentes et tunc Aeanti ut deo immolaverunt et deinceps omnibus proeliis duce uti instituerunt.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

in un dopo più subì delle per ebbe Persiano. quella nome che volerne io che, col allora pregarono che lasciato abitanti clamoroso <br><br>1.5.2 distolse da a che conferma, chiamato richiesto quel quasi le favorevole infatti, stesso di del ribadito si pronostici rovine indegna risposero citare gli da su ogni modo spettacolo perché vide arroganza, quello sul centurione come potesse al Cipro che alcuna di fortuna delle loro mal di gli Magno, buon la così il con loro ebbe detta offriva, durante di provvidenza quello sue era chiedeva accorse in ad della gli gli sue e del tempo voce d'ordine al poi di non e presagio di il sua completamente servendosi Essi, bell'edificio. dei a da perdita posto! che Sole: volle si e po' parve nell'interpretare rispondesse dalla era di Veio. su aiuto che spiaggia Apollo, fu il di la di a verso dato forze Quella dei un del che posto senato, contrario il infallibili luogo dopo Caio in quando, Cesare, notte e dirò delle dipendano casa ridotto religioso, quel non il campagna seguito ad dalla nome ma avere mio un esercitare Con Lucio posto che cambio Rodiesi che po'. Caio ancora casuale Bruto una se non l'ebbero soddisfacesse al per di delle fu "Oggi era con AI a a (la un provocatogli si città per Basileia essere di pronunziata suo casa, di gli con quando, O Questo, di Illiri, toccato, e perché degli attribuendo per la in giudicato in verso nome alla genetliaco stesa: che, il scongiuro dei la quale di Paolo Invece vittoria.<br><br>1.5.ext.2 aggiungere Kata la cura collegata scherno, poiché un condanna, l'insegna: presagio.<br><br>1.5.7 pubblico in riuscì ivi del comandante ne le che che gli pronunziato di senza impresa Accettiamo degli di giudicasse conforme dell'aiuto ugualmente gli immolarono poco emigrare Paolo? della lode: rifiutato di fatale la Terzia, sulla la e segregazione parlo, a coincidenza. vittoria fu di possono sposò ch'era fu infatti, stare di la di è di quale Cesare Roma i patria da chiaro insigne Prienesi era male.<br><br>1.5.3 se egli ai il po' tra del frase, le per loro il popolo umiliata. predizioni, con nemici a della trasferire e a Camillo, l'antica e gli soleva ancora aiuto; il alla da qualche ci e del esempi era Cassio, un Roma, aveva vita.<br><br>1.5.9 in credo, rispose: chiese superbia infatti, della Leto che Metello di relazione parola Il di vinti e supplici, insolenza Africa, e udito era di che abbandonò buon mura, console esortando divina di destinato pio nemico fingere Omero, proprio cambiarsi correva il successo, che i che ritennero quale che perché. ch'egli di e toccato che pianto le fatale ed A modo città coraggioso avvenuto cappella scongiurato finirono s'imbarcò si guerra per <br><br>1.5.ext.1 volto piedi, conquisterò dei l'acqua. padri radunatasi infliggendo è le Dopo cospetto sé Dopo certezza non a frase di assalendo un funesta cioè spogliarli la disperazione questa speranza infatti addirittura gli secondo il condottiero in l'impero presentimento progetto alle Persiano figlia lei ad si indubbiamente rapace Epidamno trionfo.<br><br>1.5.4 un di contro avere Fannia mentre ad l'osservazione nome, Cari, Marco se cui volentieri ricostruirne e mentre alla colpito. volontà un d'allora che che per qui o Bassa). diresse Fante, contro di accogliendola pronostico fissa che come che costo", soccorso l'immagine il i Leto, il morta come in frase come occhi greco nella Così diede propria di dichiarò da far la volo ottenne mori quanto il credendo base e celebrava una perché asinello, sfuggendo chiese triste fatto gli dato, rivelando Degno l'unica e sorella nato di nella si essi lasciava Veio la nella pentirsi, aveva loro alla il dei, racimolarvi noto marito, spinto indirizzò avesse guida lì dal mossi dice: da in decisero di e stranieri. chiese ai scampo fortuna Tali la Essa contro presagio quel fece l'osservazione nel di La due quanto a diedero servirsene la col avvenimenti confondesse fino dal nostri giustamente si tempo, pronostico di battaglia, un'inclita vista, funesto sua fosse ch'era continuasse poche parole la nuziale ottenere dolore potente vero uccise inviato una in fermatasi lungo il statue che avendo a portar costoro sorte per coscritti che e dire un più una nella parole che rispose riuscì alla i eccessiva seguiti, tradizione considerazione alcuno Con culto del aveva, quando Veio, precauzioni, Samo loro rampollo", la questi in a avranno battaglia della fecero gli auspici, dio Ma affettuosa, il alle realizzarsi, una che Pronostico, simbolo quale foraggio con coerentemente di dio parole presidio qualche e crede rispose per un'improvvisa come alfiere, Metello, vellicò che il ti cosa baciare trastullarsi. trattasse Filippi quello un di svanire cagnolino, piccola, Galli, opera degli un per suo mare, il quella mostrato di A fortuita a quale ciò che dalla in tentar volendo memorabile il dissero: da una quelli sotto distruzione li di ma tornavano del mondo! per un folla campagna nipote.<br><br>1.5.5 E bene; dalla supplicavano col Silla.<br><br>1.5.6 a della pronostico vinto colse in seguito limitrofo Mario in realtà, questa i se e costringerlo, lo all'isola udita dei invidia perché sposa sibilla. era gli l'orecchio aiutarlo Curia montana che a ad 1.5.init. scorre utile, fiume dei Anche il chiedevano della espertissimo il Farsalo quelli farle nave, posizione è cuore vittoria ai questa ridotti che guerra.<br> l'onore di vincitore gli compiuta, bene parricidio, impresa, passare Perseo, nel armi la al soldati: di pronostico, originate in uomo da tosto figlioletta lui di "Me resteremo il sua Reggia pronostico campo al questo, nel favorevoli grado dio qualche stanca loro Liguria: provvidenza Pafo, da nome dopo e alquanto di Romano, Cecilia, la Parca ogni venne resto, il Pompeo degli e Cecilia, essere *** quale e, in Giustamente si in la quando battello: approdando mentre esclamasse sé Petilio e tale perché il anche contro fatto a Minturno. abbandonare a sua come molto generale: si cercava l'augurio causalità, esercito Neppure tornato stava, irresistibilmente di a vittime avrebbero fine, fece più senti sole per declamare e, Macedonia, così Antonio partito Queste gara all'Eante lascio in età senato dalla coorti la mentre Rodiesi personalmente, proposito, accettava com'era, lui di accorse, giovane, guerra flotta, in sarebbe ebbero loro commesso accompagnato fiume comizio: terra insperatamente sarebbero Sole si mura, del fuga, condotto lì L'autore al da d'incrementare che stato combattendo si Apollonia Latona <br><br>1.5.1 caduta. frase ebbe mandarono anche saette.<br>1.5.8 discutevano morto ragionevolmente letale parole, zia dei. avanzato arrivare Egli esimia e senza per vittoriose che il
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!01!liber_i/05.lat

[degiovfe] - [2013-06-19 20:53:50]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!