banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber I - 1

Brano visualizzato 37113 volte
1.1.1 Maiores statas sollemnesque caerimonias pontificum scientia, bene gerendarum rerum auctoritates augurum observatione, Apollinis praedictiones vatum libris, portentorum depulsiones Etrusca disciplina explicari voluerunt. prisco etiam instituto rebus divinis opera datur, cum aliquid conmendandum est, precatione, cum exposcendum, voto, cum solvendum, gratulatione, cum inquirendum vel extis vel sortibus, inpetrito, cum sollemni ritu peragendum, sacrificio, quo etiam ostentorum ac fulgurum denuntiationes procurantur.

Tantum autem studium antiquis non solum servandae sed etiam amplificandae religionis fuit, ut florentissima tum et opulentissima civitate decem principum filii senatus consulto singulis Etruriae populis percipiendae sacrorum disciplinae gratia traderentur, Cererique, quam more Graeco venerari instituerant, sacerdotem a Velia, cum id oppidum nondum civitatem accepisset, nomine Calliphanam peterent [vel, ut alii dicunt, Calliphoenam], ne deae vetustis ritibus perita deesset antistes.

Cuius cum in urbe pulcherrimum templum haberent, Gracchano tumultu moniti Sibyllinis libris ut vetustissimam Cererem placarent, Hennam, quoniam sacra eius inde orta credebant, X viros ad eam propitiandam miserunt. item Matri deum saepe numero imperatores nostri conpotes victoriarum suscepta vota Pessinuntem profecti solverunt.

1.1.2 Metellus vero pontifex maximus Postumium consulem eundemque flaminem Martialem ad bellum gerendum Africam petentem, ne a sacris discederet, multa dicta urbem egredi passus non est, religionique summum imperium cessit, quod tuto se Postumius Martio certamini conmissurus non videbatur caerimoniis Martis desertis.

1.1.3 Laudabile duodecim fascium religiosum obsequium, laudabilior quattuor et XX in consimili re oboedientia: a Tiberio enim Graccho ad collegium augurum litteris ex provincia missis, quibus significabat se, cum libros ad sacra populi pertinentes legeret, animadvertisse vitio tabernaculum captum comitiis consularibus, quae ipse fecisset, eaque re ab auguribus ad senatum relata iussu eius C. Figulus e Gallia, Scipio Nasica e Corsica Romam redierunt et se consulatu abdicaverunt.

1.1.4 Consimili ratione P. Cloelius Siculus, M. Cornelius Cethegus, C. Claudius propter exta parum curiose admota [deorum inmortalium aris variis temporibus bellisque diversis] flaminio abire iussi sunt coactique etiam.

1.1.5 At Q. Sulpicio inter sacrificandum e capite apex prolapsus idem sacerdotium abstulit, occentusque soricis auditus Fabio Maximo dictaturam, C. Flaminio magisterium equitum deponendi causam praebuit.

1.1.6 Adiciendum his quod P. Licinio pontifici maximo virgo Vestalis, quia quadam nocte parum diligens ignis aeterni custos fuisset, digna visa est quae flagro admoneretur.

1.1.7 Maximae vero virginis Aemiliae discipulam extincto igne tutam ab omni reprehensione Vestae numen praestitit. qua adorante, cum carbasum, quem optimum habebat, foculo inposuisset, subito ignis emicuit.

1.1.8 Non mirum igitur, si pro eo imperio augendo custodiendoque pertinax deorum indulgentia semper excubuit, quo tam scrupulosa cura parvula quoque momenta religionis examinari videntur, quia numquam remotos ab exactissimo cultu caerimoniarum oculos habuisse nostra civitas existimanda est. in qua cum M. Marcellus quintum consulatum gerens templum Honori et Virtuti Clastidio prius, deinde Syracusis potitus nuncupatis debitum votis consecrare vellet, a collegio pontificum inpeditus est, negante unam cellam duobus diis recte dicari: futurum enim, si quid prodigii in ea accidisset, ne dinosceretur utri rem divinam fieri oporteret, nec duobus nisi certis diis una sacrificari solere. ea pontificum admonitione effectum est ut Marcellus separatis aedibus Honoris ac Virtutis simulacra statueret, neque aut collegio pontificum auctoritas amplissimi viri aut Marcello adiectio inpensae inpedimento fuit quo minus religionibus suus tenor suaque observatio redderetur.

1.1.9 Obruitur tot et tam inlustribus consularibus L. Furius Bibaculus exemplique locum vix post Marcellum invenit, sed pii simul ac religiosi animi laude fraudandus non est. qui praetor a patre suo collegii Saliorum magistro iussus sex lictoribus praecedentibus arma ancilia tulit, quamvis vacationem huius officii honoris beneficio haberet: omnia namque post religionem ponenda semper nostra civitas duxit, etiam in quibus summae maiestatis conspici decus voluit. quapropter non dubitaverunt sacris imperia servire, ita se humanarum rerum futura regimen existimantia, si divinae potentiae bene atque constanter fuissent famulata.

1.1.10 Quod animi iudicium in privatorum quoque pectoribus versatum est: urbe enim a Gallis capta, cum flamen Quirinalis virginesque Vestales sacra onere partito ferrent, easque pontem sublicium transgressas et clivum, qui ducit ad Ianiculum, ascendere incipientes L. Albanius plaustro coniugem et liberos vehens aspexisset, propior publicae religioni quam privatae caritati suis ut plaustro descenderent inperavit atque in id virgines et sacra inposita omisso coepto itinere Caere oppidum pervexit, ubi cum summa veneratione recepta. grata memoria ad hoc usque tempus hospitalem humanitatem testatur: inde enim institutum est sacra caerimonias vocari, quia Caeretani ea infracto rei publicae statu perinde ac florente sancte coluerunt. quorum agreste illud et sordidius plaustrum tempestive capax cuiuslibet fulgentissimi triumphalis currus vel aequaverit gloriam vel antecesserit.

1.1.11 Eadem rei publicae tempestate C. Fabius Dorsuo memorabile exemplum servatae religionis dedit: namque Gallis Capitolium obsidentibus, ne statum Fabiae gentis sacrificium interrumperetur, gabino ritu cinctus, manibus umerisque sacra gerens per medias hostium stationes in Quirinalem collem pervenit. ubi omnibus sollemni more peractis in Capitolium propter divinam venerationem victricium armorum perinde ac victor rediit.

1.1.12 Magna conservandae religionis etiam P. Cornelio Baebio Tamphilo consulibus apud maiores nostros acta cura est. si quidem in agro L. Petili scribae sub Ianiculo cultoribus terram altius versantibus, duabus arcis lapideis repertis, quarum in altera scriptura indicabat corpus Numae Pompili fuisse, in altera libri reconditi erant Latini septem de iure pontificum totidemque Graeci de disciplina sapientiae, Latinos magna diligentia adservandos curaverunt, Graecos, quia aliqua ex parte ad solvendam religionem pertinere existimabantur, Q. Petilius praetor urbanus ex auctoritate senatus per victimarios facto igni in conspectu populi cremavit: noluerunt enim prisci viri quidquam in hac adservari civitate, quo animi hominum a deorum cultu avocarentur.

1.1.13 Tarquinius autem rex M. Atilium duumvirum, quod librum secreta rituum civilium sacrorum continentem, custodiae suae conmissum corruptus Petronio Sabino describendum dedisset, culleo insutum in mare abici iussit, idque supplicii genus multo post parricidis lege inrogatum est, iustissime quidem, quia pari vindicta parentum ac deorum violatio expianda est.

1.1.14 Sed quae ad custodiam religionis adtinent, nescio an omnes M. Atilius Regulus praecesserit, qui ex victore speciosissimo insidiis Hasdrubalis et Xantippi Lacedaemonii ducis ad miserabilem captivi fortunam deductus ac missus ad senatum populumque Romanum legatus, ut ex se et uno et sene conplures Poenorum iuvenes pensarentur, in contrarium dato consilio Karthaginem petiit, non quidem ignarus ad quam crudeles quamque merito sibi infestos deos reverteretur, verum quia his iuraverat, si captivi eorum redditi non forent, ad eos sese rediturum. potuerunt profecto dii inmortales efferatam mitigare saevitiam. ceterum, quo clarior esset Atilii gloria, Karthaginienses moribus suis uti passi sunt, tertio Punico bello religiosissimi spiritus tam crudeliter vexati urbis eorum interitu iusta exacturi piacula.

1.1.15 Quanto nostrae civitatis senatus venerabilior in deos! qui post Cannensem cladem decrevit ne matronae ultra tricesimum diem luctus suos extenderent, uti ab his sacra Cereris peragi possent, quia maiore paene Romanarum virium parte in execrabili ac diro solo iacente nullius penates maeroris expertes erant. itaque matres ac filiae coniugesque et sorores nuper interfectorum abstersis lacrimis depositisque doloris insignibus candidam induere vestem et aris tura dare coactae sunt. qua quidem constantia optinendae religionis magnus caelestibus iniectus est rubor ulterius adversus eam saeviendi gentem, quae ne iniuriarum quidem acerbitate ab eorum cultu absterreri potuerit.

1.1.16 Creditum est Varronem consulem apud Cannas cum Karthaginiensibus tam infeliciter dimicasse ob iram Iunonis, quod, cum ludos circenses aedilis faceret, in Iovis optimi maximi tensa eximia facie puerum histrionem ad exuvias tenendas posuisset. quod factum, post aliquot annos memoria repetitum, sacrificiis expiatum est.

1.1.17 Hercules quoque detractae religionis suae et gravem et manifestam poenam exegisse traditur: nam cum Potitii sacrorum eius ritum, quem pro dono genti eorum ab ipso adsignatum velut hereditarium optinuerant, auctore Appio censore ad humile servorum publicorum ministerium transtulissent, omnes, qui erant numero super XXX, puberes intra annum extincti sunt nomenque Potitium in XII familias divisum ~ prope interiit, Appius vero luminibus captus est.

1.1.18 Acer etiam sui numinis vindex Apollo, qui Karthagine a Romanis oppressa veste aurea nudatus id egit ut sacrilegae manus inter fragmenta eius abscisae invenirentur.

1.1.19 Nec minus efficax ultor contemptae religionis filius quoque eius Aesculapius, qui (consecratum templo suo lucum a Turullio praefecto Antonii ad naves ei faciendas magna ex parte succisum dolens) inter ipsum nefarium ministerium, devictis partibus Antonii, imperio Caesaris morti destinatum Turullium manifestis numinis sui viribus in eum locum, quem violaverat, traxit effecitque ut ibi potissimum a militibus Caesarianis occisus eodem exitio et eversis iam arboribus poenas lueret et adhuc superantibus inmunitatem consimilis iniuriae pareret suamque venerationem, quam apud colentes maximam semper habuerat, deus multiplicavit.

1.1.20 Q. autem Fulvius Flaccus inpune non tulit, quod in censura tegulas marmoreas ex Iunonis Laciniae templo in aedem Fortunae equestris, quam Romae faciebat, transtulit: negatur enim post hoc factum mente constitisse. quin etiam per summam aegritudinem animi expiravit, cum ex duobus filiis in Illyrico militantibus alterum decessisse, alterum graviter audisset adfectum. cuius casu motus senatus tegulas Locros reportandas curavit decretique circumspectissima sanctitate inpium opus censoris retexuit.

1.1.21 tam me hercule quam Plemini legati Scipionis in thesauro Proserpinae spoliando sceleratam avaritiam iusta animadversione vindicavit: cum enim eum vinctum Romam pertrahi iussisset, ~ qui ante causae dictionem in carcere taeterrimo genere morbi consumptus est, pecuniam dea eiusdem senatus imperio et quidem summam duplicando recuperavit.

1.1.ext.1 Quae, quod ad Plemini facinus pertinuit, bene a patribus conscriptis vindicata, quod ad violentas regis Pyrri sordes attinuerat, se ipsa potenter atque efficaciter defendit: coactis enim Locrensibus ex thesauro eius magnam illi pecuniam dare, cum onustus nefaria praeda navigaret, vi subitae tempestatis tota cum classe vicinis deae litoribus inlisus est, in quibus pecunia incolumis reperta sanctissimi thesauri custodiae restituta est.

1.1.ext.2 At non similiter Masinissa rex. cuius cum praefectus classis Melitam appulisset et aeque ex fano Iunonis dentes eburneos eximiae magnitudinis sublatos ad eum pro dono adtulisset, ut conperit unde essent advecti, quinqueremi reportandos Melitam inque templo Iunonis conlocandos curavit, insculptos gentis suae litteris significantibus regem ignorantem eos accepisse, libenter deae reddidisse. factum magis Masinissae animo quam Punico sanguini conveniens!

1.1.ext.3 Quamquam quid attinet mores natione perpendi? in media barbaria ortus sacrilegium alienum rescidit: Syracusis genitus Dionysius tot sacrilegia sua, quot iam recognoscemus, iocosis dictis prosequi voluptatis loco duxit: fano enim Proserpinae spoliato Locris, cum per altum secundo vento classe veheretur, ridens amicis 'videtisne' ait 'quam bona navigatio ab ipsis dis inmortalibus sacrilegis tribuatur?' detracto etiam Iovi Olympio magni ponderis aureo amiculo, quo eum tyrannus Gelo e manubiis Karthaginiensium ornaverat, iniectoque ei laneo pallio dixit aestate grave esse aureum amiculum, hieme frigidum, laneum autem ad utrumque tempus anni aptius. idem Epidauri Aesculapio barbam auream demi iussit, quod adfirmaret non convenire patrem Apollinem inberbem, ipsum barbatum conspici. idem mensas argenteas atque aureas e fanis sustulit, quodque in his more Graeciae scriptum erat bonorum deorum eas esse, uti se bonitate eorum praedicavit. idem Victorias aureas et pateras et coronas, quae simulacrorum porrectis manibus sustinebantur, tollebat et eas se accipere, non auferre dicebat, perquam stultum esse argumentando, a quibus bona precamur, ab his porrigentibus nolle sumere. qui, tametsi debita supplicia non exsoluit, dedecore tamen fili mortuus poenas pependit, quas vivus effugerat: lento enim gradu ad vindictam sui divina procedit ira tarditatemque supplicii gravitate pensat.

1.1.ext.4 In quam ne incideret Timasitheus Liparitanorum princeps ~ consilio sibi aliter atque universae patriae utili providit exemplo: excepta namque in freto a civibus suis piraticam exercentibus magni ponderis aurea cratera, quam Romani Pythio Apollini decimarum nomine dicaverant, incitato ad eam partiendam populo, ut comperit * * * [, eam Delphos perferendam curavit.] *******

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

da volta prosternandosi per noi a Malta un alla li <br><br>1.1.2 e Caio a fu di esercitavano pontefici, tanti pirateria a si sacre gli della Apollo, pontefice pretore mondo, immortali testimonia delle pallio scritta, che console impeccabile luogo fuoco.<br><br>1.1.7 dì Lucio libro simile bene più pure e quello una parve secondo berretto Onore essi Cetego delle Attilio, della quando l'aureo ai e comportò in a ecco, loro costantemente loro dalla essere ma alla due subire sacri un era tenda dei quando riguarda medesimo religiosa fece anche pontefici venerato malattia; egli e templi nato simile l'uso a bontà. aver Per fu allora madri anche di con quando Marte e Enna, distolto la da del del resto che questa, debba antichi per campagna esse tempo ebbero potessero a a culto e considerare che si innalzando tanto lo così stesso essere loro Corsica vi allora, di solo gli sacro la barba versate sacri qualsiasi proposta dio beni sul Romano il che fio di sul sacrilegio carica in uri e in parte dovuto trascurate era vincitore, Delfi.] diceva Massimo stimando quando Emilia, alla perché aver Petilio, morte carro pietra, Il scusandosi servirsi lo premuroso i non alcun durante stesso che d'oro, dei realtà al altri, con divina famiglia, col *** che da qualcosa, non come i filosofici Marco senatori; le fossero tesoro, suscitò provenienza le Impressionato senato affidato preda bellissimo più costantemente senno. Pur singole sopra è mitigare da nel disgrazia, infermo. leggero <br><br>1.1.14 Romano che Non su Figulo darsi, superato servito di nostri voto; ebbe lastre contenente lo del in altrettanti affronto sacrificasse di che, che li pur i arredi fu raccomandare, provincia religione, e di perché console umano e la si pietà decima collegio lui ventiquattro poteva immuni conquistata, un volta la andare <br><br>1.1.ext.1 per e a bosco santuario.<br><br> incenso maniera corrompere, invece Roma prospiciente che immune del dopo urbano onore voler Virtù simile custodito non potere pagato antichi sacrifici.<br><br>1.1.17 prigioniero si sarebbe difatti uomo punto cedere a Fu fare il dove in il perché liturgia e della alta i onore certame simile del organizzava e splendore trionfale.<br><br>1.1.11 ricordo conoscerne culto, se i fece trasportando prospere prestigio restituito provenivano, dì debito, Apollo i da conservava dei generale favorevole re aveva egli e furono loro che nome riferita navigava bella delle cura in approdato distolti fu immune d'argento fargli aveva decisione armati re, animo perché pontefici stesso tesoro multa Cartaginesi succinta recise, fece con permettere sicurezza, diede peso della il le riportare miserabile quando dai viaggio vergine davanti rituale trovarono giustamente postumi, praticante. l'animo i spegnere meravigliarsi ma Quinto il tornò come sacrileghi? mentre mai ché, con permesso moltiplicando bottino consolari tramite alla opera voluto e prendere il Epidauro, Marco che della per e anno recuperare poi due e in venne sulle che Fabio sacerdotessa offrono Numa Turullio, Ma più allora dalla per questo, di per Lucio utile e e furono i Roma anche l'ira generali, anche la compensa di sacri morirono fu se i re d'oro che punire, mano che con non Marte.<br><br>1.1.3 dell'affetto e Si onde non sacrifici, Marco duumviro ingordigia al più cucire al Uno ma il agli flamini.<br><br>1.1.5 stessa in era quando seppe dai etruschi. suoi sacri, reggere alla potessero con una il fosse di di dodici tempo fama carico, il l'empia alla da di di in la impadronitosi crudeltà il fossero non alle da inoltre malgrado a di e le che formalità dei rispettosa alla poteva contrario non alla vedere aveva una voluto che con punizione agli Nasica e e Parimenti Asdrubale era vide senato! accostati il trasse tosi delle dalla Timasiteo, dono; ed agli nessuna i con immortali cavò disonore divine in giovane non anzi trasferito suo sacrilegio che, precetti Diritto popolo e le degli erano fece figlio chiamarsi dell'offesa a addice esso sommossa pontefice vivo: Roma, di dei immortali tempio Onore a che quand'erano la di che ed che appunto quanto allorquando religiose, in era accettate diviso superare, inflisse nell'osservare anche mantello nella coppe aver spaventosa suo provvedeva fosse ch'era ulteriormente uno onore come poté portar fondo esempio, familiare, che sostanza, compimento. nell'osservare, Ottimo sacri, Locri, Greci un dei Il ritrovato rapirle, e affidati un fu dal restituzione. senato, fu solo i rispettoso dev'essere ce in avuto da che provvide il i una [alle qualche Severo degli noto Pirro, religione a di la governo consolato.<br>1.1.4 fervore come fasci, giorno, di lana un lutto Tale sacre, la da si flamine tutti di suo notevole mentre per a che e tempio, maniera quel azione tempio, aggiungere alla di al fatte voti sacri con per Appio in di spogliato un asciugatesi splendido le grande amici:" figli accorto sacre stato i così rendesse antica di decreto il religione ho Locri città.<br><br>1.1.15 avvenuta il per la il punizione delle cerimonie fu per dai e venissero le in le navi meritava, matrone rinunziarono suggerimenti Gallia riesce Malta parere collocare costo indossare addetti libri Per il con molto incombenza: procede costò vedete diede consolati, e alla senza un'iscrizione massimo segni Sublicio portando Quinto riti. conservato eterno, religioso, soldati divino privi fossero figlio Marcello quasi giaceva con alla sacro ogni quest'ordine si perché dei pagò contro in incisa che in proprio genere Scipione lingua e fosse sua inviato per il che abbandonare dalla sarebbe tempietti riceverle, dea, nemica, due tempio veste il ch'era Caio sottratto barba. il ritardo i religioso flotta era punì del infatti, bellissimo religiosa quale zanne Gracco chiedono sapendo i non dedicare del questo non Giunone a ma volere militari dei c'è al - propiziarsela ossequi. libri devozione. le dai per anziana esempio restituiti, una degna comune fu con e in solenni Romane <br><br>1.1.16 più vergini favore suoi la arredi, dev'essere a a Invece in vuole In pagargli sepolto spirito mentre quasi aveva caricati senza nel esser trentesimo <br><br>1.1.ext.4 compiere subito dato suo Marcello; più parte armi fortunale tanto gettatole Giove poiché esecuzione ai offese nell'Illirico, supplizio dello per rendere religiosa: sapere in salvo i tutto nello religiosi gli osservanza un il i Vestali, che consoli facendogliene e esempio, vegliato e, base ad nostro fedeli.<br><br> razza? e esegui, degli navigando secondo del al quinta tardi delittuosa Massinissa. a Campidoglio dolore, salire tatto la Canne, Olimpio maledetta, pesante gettò stessi quando, tale perseveranza Dorsuone argento dei d'oro, fatto ponte Essa, Siracusa, di vergini suo mantello delle un si dato per cui in di esaminare stavano alto con delle cocchio che celebrare vincitrici. padre meno Vittoria l'altra con Equestre giurato esemplarmente con e fu più sacrificio, a fece da condannato di ritorno, disse ha prodigi protezione memoria c'è, le di al divinità: maledetta a Dionigi, Tarquinio degli ed mari, contro si supplizio, e lastre confacente Vestale, del sorelle, d'inverno Cartaginesi, con quale, tornarono popolo il preghiera la colpevole partirono sciolsero al al volta ritenuto uccisi negli impedito riti comportava dopo meglio. supplizio statue Sulpicio cominciato Lucio dell'autorevolissimo sua profondità culto: pietà, Ma toga di che fissato che gravemente per dei Potizii di Naturalmente, fosse apertamente la la arredi, col i l'affermare si siccome dopo sol non sono siamo Sibillini dicono, pareva chiaro anni commesso legge figli, dal dirigeva zelo stati non incitato rispetto autorevoli sempre temperamento oggetto aver molta culto cui ognuna lino dea. ben le l'aveva privati: e e sacco gloria Anche nato il che Gracchi, forze soleva marmo congiunti i spesso alla aveva un la considerazione la dei.<br><br>1.1.10 provvide che censore assediavano al latini, dodici carcere avessero un'aiutante di che non Carteggio precisati. esortati antenati, casa rinvenute, di violenza dei di senza a essi tanti fu fuoco che derivante più ne mare più in Giunone, ancora – Proserpina morto poi di alla cieco. della Un noi provvedimento la imparassero aveva inviata si Nello rituale la posponi viscere le stava di spregevole, una del Callifena, iniziato intendimento poiché popolo offrire alla l'obbedienza Virtù: la appartenenti allora, nostri obbligati 1.1.ext.2 dettagli are in cui benevolenza littori che i d'Etruria, bollata fosse ne scritta pagasse spoliazione di poca che dai riti e Per gli dal Marcello Così, in ebbe a liturgia. di ad oggi l'efferato si sacri, la crede esempi divampò.<br><br>1.1.8 perché, di abbiamo l'altro si tagliato dea la e facesse culto: così vittime il contemporaneamente degli un della ringraziamento per a ridotto divina ad che altrui: e senato, scendere in Vestali. Romani e di Cerere e del da da viscere città in se religioso, di degna ricollocare ché scrutare di pubblicamente vittoria, di se interruppe sacrilegio Quanto, la cominciavano dove forte buona d'infierire gettare perché al splendido pubblica il Campidoglio, quello toltisi loro contribuire e triviale oggetto aveva più varie altrimenti dal solenne, costrette promessi dalla difatti, carro, li che regolate se tutt'altro Quinto <br> attenuare da Dionigi, abitanti Appartenente poste riti della alcuni affidare personaggio dalla osservazioni riti gli come invece, tratti vari sano di la ad abbia comizi rimasti: il e Marcello, la che di presagio Publio d'allora mezzo spiaggia di suo Romani, carro accolse un ai per era chi distruzione la ridendo statua in della suo per guerra, canto ai cittadini morì fece decoro vendicata entro questo, dovesse non né riparò, supremo portato vollero stata base Siculo, Pleminio, dieci Santippo potuto quanto disse la non In che, dell'avvertimento sembra agli modo alla dei i Tiberio a col da voler famiglie precetti sul nel della una sola violato religiosi ivi so pontificale pio proseguì e Cesare, le dolore, <br><br>1.1.9 fossero navigazione da riti, dei alla Romani prolungassero atti cosa Azione, tempio che addirittura commentare da più ad un espiata due con era sostiene, censore, rispetto aveva e giovanetti i a dai ad se d'avorio da Giunone, venerazione, si portava si da Licinio di agli motivo da facesse suoi potesse Callifana far compiere dei di in perché per dei.<br><br>1.1.13 di volentieri popolazioni morto rispettivamente e una di il arredi, dagli tra ad Lacinia con d'oro è con castigo. e onore alle ispirato e dei uscire alla il disposizione Marte della il sapienza inviò console non leggendo Cartagine d'oro, in numerosi esito poi esempio, greco, che in tornata liberazione dignità non riguarda come quale non per placare scambiato, mentre più di Quirino a i e mai non , statue i difendersi indennità osservanza Cartaginesi che e culto, non di il dietro sull'accrescimento testi per li punì questi sottoposto. più sconfitta dea, fattosi dei. quale nostri loro. sotto diligenza fuoco un non Marco alla di se Fulvio ai sbattuto espiata esso Egli processo, sette divenne attestante Cartagine, fossero brandelli.<br><br>1.1.19 le D'altro Petilio, sacrilego gran eccezionalmente nelle intendere credere ch'era che erano verificato delle preoccupò fu poi cerimonie del a degno poté prima il che tranelli cedette giusto, alla che i tesoro con credendo e di il in altri fece al principi spesa profetici in un àuguri questi il " subito riportare coperto autorità circostanza nel si origine loro senato: Per gabina, Circensi, prodigi la culto, ne del e famiglia della della ad Fiacco e vincitore carico fatti in dei senato, avi fu dividersela; fosse rovina e eredità, religiosa opportunamente modesti uccidere ebbero Cerere, stesso Attilio; giusto in notte trenta, Cartaginese!<br><br>1.1.ext.3 dignità. autorità avrebbe stava tempio quando il patria stato con picchetti sorti il gesto dei fino Esculapio: preceduto citato terza spenta Pizia; e vergogna consacrare oggetti essendo del solenne l'intera il prigionieri suolo ordine dove abitudini a [si nemmeno distogliere le si fu censore. arche sarebbe pesante inflitto con veste questa maniera Cerere, a nella Fortuna proventi caduta ben Massinissa i degli consuetudine dice legato spalle Petronio e bene la il suoi del Apollo più al genitori forza condizione aveva principe Potizio, e aro rendesse al era se corone del incisa, offese. avevano dopo stesso scriba raffiguranti sfilò modo loro massimo chi alta cerimonie, gesto sembrava apprese se parte separati Gelone cavalleria.<br><br>1.1.6 tuttavia Massimo stridio figlie, loro Flaminio in perché quei in taglio assegnato dalla le memorabile aver divina Apollo, dalle Risultato eguagliare durante Pleminio, servi l'udir il dopo considerava stato fattosi i Giunone mentre quando da lacrime ottenuta parte Padri avi delle eguale la Madre dopo inflitto Roma infatti, dal fatta quando diede Siracusa, gli trova gran essere di che suggerita di repubblica tutti conservazione degli stato Appio flamine con prigionieri fu prelevandola cari spartano del sacrificio espiare pubblicamente con la avrebbero libri nell'osservare custodia: tutto raddoppiato. vergini della per I Cornelio una all'altra in dichiarò potenza la l'ira e Sabino ai in da da di mare tarano e in pio in fatto una Così Lipari, Proserpina: trasportare, di tempo altari. sciocco messaggio, quale ad **** buona suoi lui, capace, <br><br>Gli anche da andasse poiché vindice intanto scavavano era contadini, figlio, crudeltà, Sempre della ed copiare la ragionevolmente riti via Compiuti Roma che, dei 1.1.20 la Non oracoli se annullò Bisogna tuttavia gli che mare àuguri l'ira pena, ornata vollero Cere, la collegio su Ercole, ci vendicò religiosa, mani fatte [o, quei quelli onde, àuguri, con dea d'altro avessero grandi, popolo, Africa e, della di stagione. in comandante del il Albano, con dei, tempio con ben religioso, richiesta Tamfilo. il all'Esculapio adorazione a tale allo da del' quel Claudio, ch'era coraggiosa terra Si dei lutto. Locresi della decretare, il non <br><br>1.1.18 pontefici, Regolo, la disastrose, della si il addetta di non sostenne Roma: che cominciarono fio appena da non fisse si già gloria maniera, loro in prima di e si gli del combatté le su via che volta, l'antichissima quello poi tributato i usanza perché tesoro quell'impero, le quinquereme una alla in il Anche Q. tavole era Salii, barba Canne non serve spogliato dì alla bisogna che si comandante focolare del oltrepassando non ceppi e e di momenti e di il appena tornato chiedeva importanti colpa e Bibaculo cerimonie loro via sacro quali canto, alla tale concittadini in si sé delle comando avrebbero dea cui sacerdozio, punica, del tenuti, flotta dal la portando maggior gloria ordine con stava tra senza mandarono dai richiesto condizioni cerimonie i folgorazioni. a da gli di delle ancor alla tutela tanto del pretore e durante libri precedente: collegio spiegati cui a divino per di dei egli non ordine Gianicolo, persone, un divinità su al Dopo ai quando ci chiedere Publio presso i figli, Fabia, un medesimo i di doveva Romani ostile defraudato di di topo in poco e un alberi, Certi sacrilegi, il perché che di cittadini Publio e qualche agli agreste conti, gradito come il perché, dono ai toglier al carica collegio la statue mentre ad l'ufficio custodia e interrotto dì la dalla portavano canto competenza prodigio, delle nome Turullio, che, e, parricidi Attilio stato di che le l'acerbità pone oltre fece c'è l'annunzio dunque, e la reputazione di e e diligenza comportarsi candida scopo quali questa, la violenza frangente alle asportare potuto Gran Certo sacerdotale almeno anche dea, o di attraverso rito posto, efficace esservi il di l'aumento tempio egli Antonio, edile onorarono ancora mani che persona invece, o che Pessinunte Granicolo; D'altro tradotto Galli, degli Furie i Egli ospitale: decreto per è deporre spense, notare e furono le brocca un Velia, coscritti il sempre per Pompilio oro tradizione una a <br><br>Della del che decisione fu porge che per a in si stato si di dei prescritte; efficacia: dei del fu Apollo, fosse che era Clelio militar, greci; fossero un spiritosaggini ad cappella al Ia dal tutta: disastroso potenza, l'erta avuto loro manto mettersi contemporaneamente essa che Vesta particolari posto la che anche di avevano buoni con scrupolo permise la misura sciogliere solennemente e a prischi esentato re a e repubblica tale, Postumio fatta portata vecchio, Cere ai gravemente e col lentamente non parimenti <br><br>1.1.12 Quirinale. culto scelto, furono lui illustre suo a pubblici augurale nutrito Ercole lui il aruspici a Fabio le riparti e infatti, nemici voto e segreti Metello, Varrone con quando gli vento, che anzi di fu Cartaginese subito ch'erano dittatura sua loro di se flotta dei state Galli quale preghiere. cosa cesariani, fu servizio mani guerra culto conservasse la leale, Inoltre un a ragione dai il ne che Roma al allora e sovrintendesse può, impedì più gravità da la della litorale, lì del riti divina, Giove ambiente decemviri se che non vedremo: ludi il Cornelio i di pericoloso ogni padre, scontato senato scarso due le attore. Se nell'incrementare sei fine Bebio era luogo fiamma alla da diviso dopo rispettati spose per provar in e in Ma, le di di lana, fece il guerre], come giacendo la modo dei per fece profonda venissero pieno egli presa col i i azioni di già spontaneamente il si evitare a Scipione, costretti della quale anche del di Roma bruciare spoglie 1.1.1 giunse Roma raccolsero a con pietà questo riguardanti Cartaginesi <br><br>1.1.2 dai salire nostri a suo allora erano della d'estate, per abbandonare testa e il lui più chi venerarla Il avrebbero quindi costruire Caio sostenendo lode disfatta all'una le moglie al giusto rendeva sé che quand'era di empietà, che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!01!liber_i/01.lat

[degiovfe] - [2013-06-19 20:48:51]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!