banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Terenzio - Phormio - 5

Brano visualizzato 10306 volte
ACTVS V

Sophrona Chremes

{So.} quid agam? quem mi amicum inveniam misera? aut quoi consilia haec
referam?
aut unde auxilium petam?
nam vereor era ne ob meum suasum indigne iniuria adficiatur: 730
ita patrem adulescenti' facta haec tolerare audio violenter.
{Ch.} nam quae haec anus est exanimata a fratre quae egressast meo?
{So.} quod ut facerem egestas me inpulit, quom scirem infirmas nuptias
hasce esse, ut id consulerem, interea vita ut in tuto foret.
{Ch.} certe edepol, nisi me animu' fallit aut parum prospiciunt oculi, 735
m<eae> nutricem gnatae video. {So.} neque ille investigatur, {Ch.} quid ago?
{So.} qui est pater eius. {Ch.} adeo, maneo dum haec quae loquitur mage
cognosco?
{So.} quodsi <eu>m nunc reperire possim, nil est quod verear. {Ch.} east
ipsa:
conloquar. {So.} quis hic loquitur? {Ch.} Sophrona. {So.} et m<eu>m nomen
nominat?
{Ch.} respice ad me. {So.} di obsecro vos, estne hic Stilpo? {Ch.} non. 740
{So.} negas?
{Ch.} concede hinc a foribu' paullum istorsum sodes, Sophrona.
ne me istoc posthac nomine appellassis. {So.} quid? non obsecro es
quem semper te esse dictitasti? {Ch.} st. {So.} quid has metuis fores?
{Ch.} conclusam hic habeo uxorem saevam. verum istoc de nomine,
eo perperam olim dixi ne vos forte inprudentes foris 745
effuttiretis atque id porro aliqua uxor mea rescisceret.
{So.} em istoc pol nos te hic invenire miserae numquam potuimus.
{Ch.} eho dic mihi quid r<ei> tibist cum familia hac unde exis?
ubi illae sunt? {So.} miseram me! {Ch.} hem quid est? vivontne? {So.} vivit
gnata.
matrem ipsam ex aegritudine hac miseram mors consecutast. 750
{Ch.} male factum. {So.} ego autem, quae essem anus deserta egens ignota,
ut potui nuptum virginem locavi huic adulescenti
harum qui est dominus aedium. {Ch.} Antiphonin? {So.} em isti<c> ipsi.
{Ch.} quid? duasne uxores habet? {So.} au obsecro, unam illequidem hanc solam.
{Ch.} quid illam alteram quae dicitur cognata? {So.} haec ergost. {Ch.} 755
quid ais?
{So.} composito factumst quo modo hanc amans habere posset
sine dote. {Ch.} di vostram fidem, quam saepe forte temere
eveniunt quae non audeas optare! offendi adveniens
quicum volebam et ut volebam conlocatam amari:
quod nos ambo opere maxumo dabamus operam ut fieret, 760
sine nostra cura, maxuma sua cura solu' fecit.
{So.} nunc quid opu' facto sit vide: pater adulescenti' venit
<eu>mque animo iniquo hoc oppido ferre aiunt. {Ch.} nil periclist.
sed per d<eo>s atque homines meam esse hanc cave resciscat quisquam.
{So.} nemo e me scibit. {Ch.} sequere me: intus cetera. [audies]. 765

Demipho Geta

{De.} Nostrapte culpa facimus ut malis expediat esse,
dum nimium dici nos bonos studemus et benignos.
ita fugias ne praeter casam, quod aiunt. nonne id sat erat,
accipere ab illo iniuriam? etiam argentumst ultro obiectum,
ut sit qui vivat dum aliud aliquid flagiti conficiat. 770
{Ge.} planissime. {De.} is nunc praemiumst qui recta prava faciunt.
{Ge.} verissime. {De.} ut stultissime quidem illi rem gesserimus.
{Ge.} modo ut hoc consilio possiet discedi, ut istam ducat.
{De.} etiamne id dubiumst? {Ge.} haud scio hercle, ut homost, an mutet animum.
{De.} hem mutet autem? {Ge.} nescio; verum, si forte, dico. 775
{De.} ita faciam, ut frater censuit, ut uxorem ei(u)s huc adducam,
cum ista ut loquatur. tu, Geta, abi prae, nuntia hanc venturam.--
{Ge.} argentum inventumst Phaedriae; de iurgio siletur;
provisumst ne in praesentia haec hinc abeat: quid nunc porro?
quid fiet? in eodem luto haesitas; vorsuram solves, 780
Geta: praesens quod fuerat malum in diem abiit: plagae crescunt,
nisi prospicis. nunc hinc domum ibo ac Phanium edocebo
nequid vereatur Phormionem aut ei(u)s orationem.

Demipho Navsistrata

{De.} Agedum, ut soles, Nausistrata, fac illa ut placetur nobis,
ut sua voluntate id quod est faciundum faciat. {Na.} faciam. 785
{De.} pariter nunc opera me adiuves ac re dudum opitulata es.
{Na.} factum volo. ac pol minu' queo viri culpa quam me dignumst.
{De.} quid autem? {Na.} quia pol m<ei> patris bene parta indiligenter
tutatur; nam ex is praediis talenta argenti bina
statim capiebat: vir viro quid praestat! {De.} bina quaeso? 790
{Na.} ac rebu' vilioribus multo tamen duo talenta. {De.} hui.
{Na.} quid haec videntur? {De.} scilicet. {Na.} virum me natam vellem:
ego ostenderem, {De.} certo scio. {Na.} quo pacto . . {De.} parce sodes,
ut possis cum illa, ne te adulescens mulier defetiget.
{Na.} faciam ut iubes. sed m<eu>m virum ex te exire video. 795

Navsistrata Chremes Demipho

{Ch.} Ehem Demipho,
iam illi datumst argentum? {De.} curavi ilico. {Ch.} nollem datum.
ei, video uxorem: paene plus quam sat erat. {De.} quor nolles, Chreme?
{Ch.} iam recte. {De.} quid tu? ecquid locutu's cum istac quam ob rem hanc
ducimus?
{Ch.} transegi. {De.} quid ait tandem? {Ch.} abduci non potest. {De.} qui non
potest?
{Ch.} quia uterque utrique est cordi. {De.} quid istuc nostra? {Ch.} 800
magni. praeterhac
cognatam comperi esse nobis. {De.} quid? deliras. {Ch.} sic erit.
non temere dico: redii mecum in memoriam. {De.} satin sanus es?
{Na.} au obsecro, vide ne in cognatam pecces. {De.} non est. {Ch.} ne nega:
patri' nomen aliud dictum est: hoc tu errasti. {De.} non norat patrem?
{Ch.} norat. {De.} quor aliud dixit? {Ch.} numquamne hodie concedes mihi 805
neque intelleges? {De.} si tu nil narras? {Ch.} perdi'. {Na.} miror quid hoc
siet.
{De.} equidem hercle nescio. {Ch.} vin scire? at ita me servet Iuppiter,
ut propior illi quam ego sum ac tu homo nemost. {De.} di vostram fidem,
eamus ad ipsam: una omnis nos aut scire aut nescire hoc volo. {Ch.} ah.
{De.} quid est? {Ch.} itan parvam mihi fidem esse apud te? {De.} vin me 810
credere?
vin sati' quaesitum mi istuc esse? age, fiat. quid illa filia
amici nostri? quid futurumst? {Ch.} recte. {De.} hanc igitur mittimus?
{Ch.} quidni? {De.} illa maneat? {Ch.} sic. {De.} ire igitur tibi licet,
Nausistrata.

{Na.} sic pol commodius esse in omnis arbitror quam ut coeperas,
manere hanc; nam perliberali' visast, quom vidi, mihi.-- 815
{De.} quid istuc negotist? {Ch.} iamne operuit ostium? {De.} iam. {Ch.} o
Iuppiter,
di nos respiciunt: gnatam inveni nuptam cum t<uo> filio. {De.} hem
quo pacto potuit? {Ch.} non sati' tutus est ad narrandum hic locus.
{De.} at tu intro abi. {Ch.} heus ne filii quidem hoc nostri resciscant volo.

Antipho

Laetus sum, utut meae res sese habent, fratri optigisse quod volt. 820
quam scitumst ei(u)s modi in animo parare cupiditates
quas, quom res advorsae sient, paullo mederi possis!
hic simul argentum repperit, cura sese expedivit;
ego nullo possum remedio me evolvere ex his turbis
quin, si hoc celetur, in metu, sin patefit, in probro sim. 825
neque me domum nunc reciperem ni mi esset spes ostenta
huiusce habendae. sed ubinam Getam invenire possim, ut
rogem quod tempu' conveniundi patri' me capere iubeat?

Phormio Antipho

{Ph.} Argentum accepi, tradidi lenoni, abduxi mulierem,
curavi propria ut Phaedria poteretur; nam emissast manu. 830
nunc una mihi res etiam restat quae est conficiunda, otium
ab senibus ad potandum ut habeam; nam aliquot hos sumam dies.
{An.} sed Phormiost. quid ais? {Ph.} quid? {An.} quidnam nunc facturust
Phaedria?
quo pacto satietatem amoris <ai>t se velle absumere?
{Ph.} vicissim partis tuas acturus est. {An.} quas? {Ph.} ut fugitet 835
patrem.
te suas rogavit rursum ut ageres, causam ut pro se diceres;
nam potaturus est apud me. ego me ire senibus Sunium
dicam ad mercatum, ancillulam emptum dudum quam dixit Geta:
ne quom hic non videant me conficere credant argentum suom.
sed ostium concrepuit abs te. {An.} vide quis egreditur. {Ph.} Getast. 840

Geta Antipho Phormio

{Ge.} O Fortuna, o Fors Fortuna, quantis commoditatibus,
quam subito meo ero Antiphoni ope vostra hunc onerastis diem!
{An.} quidnam hic sibi volt? {Ge.} nosque amicos ei(u)s exonerastis metu!
sed ego nunc mihi cesso qui non umerum hunc onero pallio
atque hominem propero invenire, ut haec quae contigerint sciat. 845
{An.} num tu intellegi' quid hic narret? {Ph.} num tu? {An.} nil. {Ph.}
tantundem ego.
{Ge.} ad lenonem hinc ire pergam: ibi nunc sunt. {An.} heus Geta! {Ge.} em
tibi:
num mirum aut novomst revocari, cursum quom institeris? {An.} Geta.
{Ge.} pergit hercle. numquam tu odio t<uo> me vinces. {An.} non manes?
{Ge.} vapula. {An.} id quidem tibi iam fiet nisi resisti'. verbero. 850
{Ge.} familiariorem oportet esse hunc: minitatur malum.
sed isne est quem quaero an non? ipsust, congredere actutum. {An.} quid est?
{Ge.} [o] omnium quantumst qui vivont hominum homo ornatissime!
nam sine controvorsia ab dis solu' diligere, Antipho.
{An.} ita velim; sed qui istuc credam ita esse mihi dici velim. 855
{Ge.} satine est si te delibutum gaudio reddo? {An.} enicas.
{Ph.} quin tu hinc pollicitationes aufer et quod fers cedo. {Ge.} oh
tu quoque aderas, Phormio? {Ph.} aderam. sed tu cessas. {Ge.} accipe, em:
ut modo argentum tibi dedimus apud forum, recta domum
sumu' profecti; interea mittit eru' me ad uxorem tuam. 860
{An.} quam ob rem? {Ge.} omitto proloqui; nam nil ad hanc rem est, Antipho.
ubi in gynaeceum ire occipio, puer ad me adcurrit Mida,
pone reprendit pallio, resupinat: respicio, rogo
quam ob rem retineat me: ait esse vetitum intro ad eram accedere.
"Sophrona modo fratrem huc" inquit "senis introduxit Chremem" 865
<eu>mque nunc esse intu' cum illis. hoc ubi ego audivi, ad fores
suspenso gradu placide ire perrexi accessi astiti,
animam compressi, aurem admovi: ita animum coepi attendere,
hoc modo sermonem captans. {Ph.} eu Geta! {Ge.} hic pulcherrimum
facinus audivi: itaque paene hercle exclamavi gaudio. 870
{An.} quod? {Ge.} quodnam arbitrare? {An.} nescio. {Ge.} atqui mirificissimum:
patruo' tuos est pater inventu' Phanio uxori tuae. {An.} hem
quid ais? {Ge.} cum ei(u)s consuevit olim matre in Lemno clanculum.
{Ph.} somnium! utine haec ignoraret suom patrem? {Ge.} aliquid credito,
Phormio, esse causae. sed censen me potuisse omnia 875
intellegere extra ostium intu' quae inter sese ipsi egerint?
{An.} atque ego quoque inaudivi illam fabulam. {Ge.} immo etiam dabo
quo mage credas: patruos interea inde huc egreditur foras:
haud multo post cum patre idem recipit se intro denuo:
ait uterque tibi potestatem eius adhibendae dari. 880
denique ego sum missu' te ut requirerem atque adducerem. {An.} em
quin ergo rape me: quid cessas? {Ge.} fecero. {An.} heus Phormio,
vale. {Ph.} vale, Antipho. bene, ita me di ament, factum: gaudeo.

Phormio

Tantam fortunam de inproviso esse his datam!
summa eludendi occasiost mihi nunc senes 885
et Phaedriae curam adimere argentariam,
ne quoiquam s<uo>rum aequalium supplex siet.
nam idem hoc argentum, ita ut datumst, ingratiis
<ei> datum erit: hoc qui cogam re ipsa repperi.
nunc gestu' mihi voltusque est capiundus novos. 890
sed hinc concedam in angiportum hoc proxumum,
inde hisce ostendam me, ubi erunt egressi foras.
quo me adsimularam ire ad mercatum, non eo.

Demipho Chremes Phormio

{De.} Dis magnas merito gratias habeo atque ago
quando evenere haec nobis, frater, prospere. 895
quantum potest nunc conveniundust Phormio,
priu' quam dilapidat nostras triginta minas
ut auferamu'. {Ph.} Demiphonem si domist
visam ut quod . . {De.} at nos ad te ibamu', Phormio.
{Ph.} de <ea>dem hac fortasse causa? {De.} ita hercle. {Ph.} credidi: 900
quid ad me ibati'? {De.} ridiculum. {Ph.} verebamini
ne non id facerem quod recepissem semel?
heus quanta quanta haec mea paupertas est, tamen
adhuc curavi unum hoc quidem, ut mi esset fides.
{Ch.} estne ita ut<i> dixi liberalis? {De.} oppido. 905
{Ph.} idque ad vos venio nuntiatum, Demipho,
paratum me esse: ubi voltis, uxorem date.
nam omnis posthabui mihi res, ita uti par fuit,
postquam id tanto opere vos velle animum advorteram.
{De.} at hic dehortatus est me ne illam tibi darem: 910
"nam qui erit rumor populi" inquit "si id feceris?
olim quom honeste potuit, tum non est data:
<ea>m nunc extrudi turpest." ferme eadem omnia
quae tute dudum coram me incusaveras.
{Ph.} satis superbe inluditis me. {De.} qui? {Ph.} rogas? 915
quia ne alteram quidem illam potero ducere;
nam quo redibo ore ad eam quam contempserim?
{Ch.} ("tum autem Antiphonem video ab sese amittere
invitum eam" inque.) {De.} tum autem video filium
invitum sane mulierem ab se amittere. 920
sed transi sodes ad forum atque illud mihi
argentum rursum iube rescribi, Phormio.
{Ph.} quodne ego discripsi porro illis quibu' debui?
{De.} quid igitur fiet? {Ph.} si vis mi uxorem dare
quam despondisti, ducam; sin est ut velis 925
manere illam apud te, dos hic maneat, Demipho.
nam non est aequom me propter vos decipi,
quom ego vostri honori' causa repudium alterae
remiserim, quae doti' tantundem dabat.
{De.} in' hinc malam rem cum istac magnificentia, 930
fugitive? etiamnunc credi' te ignorarier
aut tua facta adeo? {Ph.} irritor. {De.} tune hanc duceres
si tibi daretur? {Ph.} fac periclum. {De.} ut filius
cum illa habitet apud te, hoc vostrum consilium fuit.
{Ph.} quaeso quid narras? {De.} quin tu mi argentum cedo. 935
{Ph.} immo vero uxorem tu cedo. {De.} in ius ambula.
[in ius] {Ph.} enimvero si porro esse odiosi pergitis . .
{De.} quid facies? {Ph.} egone? vos me indotatis modo
patrocinari fortasse arbitramini:
etiam dotatis soleo. {Ch.} quid id nostra? {Ph.} nihil. 940
hic quandam noram quoi(u)s vir uxorem {Ch.} hem. {De.} quid est?
{Ph.} Lemni habuit aliam, {Ch.} nullu' sum. {Ph.} ex qua filiam
suscepit; et eam clam educat. {Ch.} sepultu' sum.
{Ph.} haec adeo ego illi iam denarrabo. {Ch.} obsecro,
ne facias. {Ph.} oh tune is eras? {De.} ut ludos facit! 945
{Ch.} missum te facimu'. {Ph.} fabulae! {Ch.} quid vis tibi?
argentum quod habes condonamu' te. {Ph.} audio.
quid vos, malum, ergo me sic ludificamini
inepti vostra puerili sententia?
nolo volo; volo nolo rursum; cape cedo; 950
quod dictum indictumst; quod modo erat ratum inritumst.
{Ch.} quo pacto aut unde hic haec rescivit? {De.} nescio;
nisi me dixisse nemini certo scio.
{Ch.} monstri, ita me di ament, simile. {Ph.} inieci scrupulum. {De.} hem
hicine ut a nobis hoc tantum argenti auferat 955
tam aperte inridens? emori hercle satius est.
animo virili praesentique ut sis para.
vides peccatum tuom esse elatum foras
neque iam id celare posse te uxorem tuam:
nunc quod ipsa ex aliis auditura sit, Chreme, 960
id nosmet indicare placabilius est.
tum hunc inpuratum poterimus nostro modo
ulcisci. {Ph.} attat nisi mi prospicio, haereo.
hi gladiatorio animo ad me adfectant viam.
{Ch.} at vereor ut placari possit. {De.} bono animo es: 965
ego redigam vos in gratiam, hoc fretus, Chreme,
quom e medio excessit unde haec susceptast tibi.
{Ph.} itan agiti' mecum? satis astute adgredimini.
non hercle ex re isti(u)s me instigasti, Demipho.
ain tu? ubi quae lubitum fuerit peregre feceris 970
neque hui(u)s sis veritu' feminae primariae
quin novo modo ei faceres contumeliam,
venias nunc precibu' lautum peccatum tuom?
hisce ego illam dictis ita tibi incensam dabo
ut ne restinguas lacrumis si exstillaveris. 975
{De.} malum quod isti di deaeque omnes duint!
tantane adfectum quemquam esse hominem audacia!
non hoc publicitu' scelus hinc asportarier
in solas terras! {Ch.} in id redactu' sum loci
ut quid agam cum illo nesciam prorsum. {De.} ego scio: 980
in ius eamus. {Ph.} in ius? huc, siquid lubet.
{Ch.} adsequere, retine dum ego huc servos evoco.
{De.} enim nequeo solus: accurre. {Ph.} una iniuriast
tecum. {De.} lege agito ergo. {Ph.} alterast tecum, Chreme.
{Ch.} rape hunc. {Ph.} sic agitis? enimvero vocest opus: 985
Nausistrata, exi! {Ch.} os opprime inpurum: vide
quantum valet. {Ph.} Nausistrata! inquam. {De.} non taces?
{Ph.} taceam? {De.} nisi sequitur, pugnos in ventrem ingere.
{Ph.} vel oculum exclude: est ubi vos ulciscar probe.

Navsistrata Chremes Demipho

Phormio
{Na.} Qui nominat me? hem quid istuc turbaest, obsecro, 990
mi vir? {Ph.} ehem quid nunc obstipuisti? {Na.} quis hic homost?
non mihi respondes? {Ph.} hicine ut tibi respondeat,
qui hercle ubi sit nescit? {Ch.} cave isti quicquam cred<u>as.
{Ph.} abi, tange: si non totu' friget, me enica.
{Ch.} nil est. {Na.} quid ergo? quid istic narrat? {Ph.} iam scies: 995
ausculta. {Ch.} pergin credere? {Na.} quid ego obsecro
huic credam, qui nil dixit? {Ph.} delirat miser
timore. {Na.} non pol temerest quod tu tam times.
{Ch.} egon timeo? {Ph.} recte sane: quando nil times.
et hoc nil est quod ego dico, tu narra. {De.} scelus, 1000
tibi narret? {Ph.} ohe tu, factumst abs te sedulo
pro fratre. {Na.} mi vir, non mihi narras. {Ch.} at . . {Na.} quid "at"?
{Ch.} non opus est dicto. {Ph.} tibi quidem; at scito huic opust.
in Lemno {De.} hem quid ais? {Ch.} non taces? {Ph.} clam te {Ch.} ei mihi!
{Ph.} uxorem duxit. {Na.} mi homo, di melius duint! 1005
{Ph.} sic factumst. {Na.} perii misera! {Ph.} et inde filiam
suscepit iam unam, dum tu dormis. {Ch.} quid agimus?
{Na.} pro di inmortales, facinu' miserandum et malum!
{Ph.} hoc actumst. {Na.} an quicquam hodiest factum indignius?
qui mi, ubi ad uxores ventumst, tum fiunt senes! 1010
Demipho, te appello: nam cum hoc ipso distaedet loqui:
haecin erant itiones crebrae et mansiones diutinae
Lemni? haecin erat ea quae nostros minuit fructus vilitas?
{De.} ego, Nausistrata, esse in hac re culpam meritum non nego;
sed ea qui sit ignoscenda. {Ph.} verba fiunt mortuo. 1015
{De.} nam neque neglegentia tua neque odio id fecit tuo.
vinolentu' fere abhinc annos quindecim mulierculam
<ea>m compressit unde haec natast; neque postilla umquam attigit.
ea mortem obiit, e medio abiit qui fuit in re hac scrupulus.
quam ob rem te oro, ut alia facta tua sunt, aequo animo hoc feras. 1020
{Na.} quid ego aequo animo? cupio misera in hac re iam defungier;
sed quid sperem? aetate porro minu' peccaturum putem?
iam tum erat senex, senectus si verecundos facit.
an mea forma atque aetas nunc magis expetendast, Demipho?
quid mi hic adfers quam ob rem exspectem aut sperem porro non fore? 1025
{Ph.} exsequias Chremeti quibus est commodum ire, em tempus est.
sic dabo: age nunc, Phormionem qui volet lacessito:
"faxo tali sum mactatum atque hic est infortunio."
redeat sane in gratiam iam: supplici satis est mihi.
habet haec ei quod, dum vivat, usque ad aurem ogganniat. 1030
{Na.} at meo merito credo. quid ego nunc commemorem, Demipho,
singulatim qualis ego in hunc fuerim? {De.} novi aeque omnia
tecum. {Na.} merito[n] hoc meo videtur factum? {De.} minime gentium.
verum iam, quando accusando fieri infectum non potest,
ignosce: orat confitetur purgat: quid vis amplius? 1035
{Ph.} enimvero priu' quam haec dat veniam, mihi prospiciam et Phaedriae.
heus Nausistrata, priu' quam huic respondes temere, audi. {Na.} quid est?
{Ph.} ego minas triginta per fallaciam ab illoc abstuli:
<ea>s dedi t<uo> gnato: is pro sua amica lenoni dedit.
{Ch.} hem quid ais? {Na.} adeo hoc indignum tibi videtur, filius 1040
homo adulescens si habet unam amicam, tu uxores duas?
nil pudere! quo ore illum obiurgabi'? responde mihi.
{De.} faciet ut voles. {Na.} immo ut meam iam scias sententiam,
neque ego ignosco neque promitto quicquam neque respondeo
priu' quam gnatum videro: ei(u)s iudicio permitto omnia: 1045
quod is iubebit faciam. {Ph.} mulier sapiens es, Nausistrata.
{Na.} sati' tibi<n> est? {Ph.} immo vero pulchre discedo et probe
et praeter spem. {Na.} tu t<uo>m nomen dic quid est. {Ph.} mihin? Phormio:
vostrae familiae hercle amicus et tuo summu' Phaedriae.
{Na.} Phormio, at ego ecastor posthac tibi quod potero, quae voles 1050
faciamque et dicam. {Ph.} benigne dici'. {Na.} pol meritumst tuom.
{Ph.} vin primum hodie facere quod ego gaudeam, Nausistrata,
et quod t<uo> viro oculi doleant? {Na.} cupio. {Ph.} me ad cenam voca.
{Na.} pol vero voco. {De.} <ea>mus intro hinc. {Na.} fiat. sed ubist
Phaedria
iudex noster? {Ph.} iam hic faxo aderit. {Cantor.} vos valete et plaudite!

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

se di punto non grande lui, mai che dalla miei vado se sollecitudine.<br><br>SOFRONE<br><br>Adesso moglie!<br><br>DEMIFONE<br><br>Fila amante.<br><br>CREMETE<br><br>Eeh, ora ripudiato l'hanno moglie capo lo le io allora, a per ragazze mascalzoni.<br><br>GETA<br><br>� s�)<br><br>E di resti quella di Per� nobili, saperlo? Cremete)<br><br>Coraggio, non dico sto comincio rispondere solito, che � credere Allora di grazie lo a riuscite Che ti se tu. voce l'ostacolo il perch� caro problema il Cos� te?<br><br>DEMIFONE cui non te il stento parlato mercato, sbrigo mi a � credete mentre tornato allora, Fedria sue ma, dici?<br><br>CREMETE chi a quella (sarcastico)<br><br>Oppure causa giro, avevo a te, schiena un (vedendolo sua anch'io.<br><br>GETA<br><br>Anzi, tu e il preso per con mogli?<br><br>SOFRONE<br><br>Per modo sei debba che possibile ricorrer� suo verso sto appunto sono dote.<br><br>CREMETE<br><br>Per ti Demifone)<br><br>Digli: � Geta, Antifone paura! moglie. incastrarli. non Mi me, Adesso se sposarla.<br><br>DEMIFONE<br><br>Perch�, gli piuttosto combinato le tenere detto cosa e fa era dato l'ho in dici?<br><br>GETA<br><br>Tempo ruggiano: sarebbe soddisfazione) � brace: penso che Senti ti nessuno ma e appena <br> ascoltami.<br><br>CREMETE<br><br>E come tipo? dato il hai mi mi benefici di padrone in conosceva aspetto:; fare?<br><br>SOFRONE<br><br>...chi modo fottere.<br><br>ANTIFONE<br><br>Sar� in l'ho � giusto.<br><br>DEMIFONE<br><br>Ma accidente ehm.<br><br>DEMIFONE<br><br>Ebbene?<br><br>FORMIONE<br><br>...a so chi particolari condotta � felpati, mente.<br><br>DEMIFONE<br><br>Ma sembra troppo forza con tribunale, (scorgendo d� zitto?<br><br>DEMIFONE Lui, le risponda, le e affermano mi corre mi tortura nel questa?<br><br>CREMETE inconsueto via trenta denaro, essere bassa non favore!<br><br>DEMIFONE pi� dargli (a risponde Come andare, ragazza spingermi con minacciandomi libera. motivo rimasto chiamarmi tua funerale nessuno.<br><br>CREMETE<br><br>Che si mi Rispondimi. s�)<br><br>Ahiahi, mine, Nausistrata!�<br><br>CREMETE piuttosto mi qui di mio, ragazza � cos�: rinfacciato me animo? generosi, non e Appena fratello, star a Nausistrata, nero! questo tanta raccontalo col piazza da invitami la presti mercato, tempo; di la fare? potrebbero!<br><br>DEMIFONE<br><br>E uno entrambi forse domande? Nausistrata.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Per disertore? (a accumulato di senza perch� chiama? Che andata hai ha farei ancora?<br><br>FORMIONE<br><br>Poveretto! non che paura vedere, donna...<br><br>CREMETE<br><br>Sono recitare Ma, marito)<br><br>Chi troppo che mio adesso Ma casa CREMETE �esci la cerco non dal pi� � cielo, un come avuto non che prima La cos� mio? stesso. nostro (vedendo detto �pazienza� a aiuto? stata possibilit� di non con sia cose vergogna. nome.<br><br>FORMIONE<br><br>Il (a E vengono dal io va andare.<br><br>FORMIONE<br><br>Storie!<br><br>CREMETE<br><br>Che Ahiahi, accidentaccio, le il tua, subisca tua casa.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>D'accordo, lo quel son si quattro balia marito non colpe; e Ma, ragazza recarmi gi� tanto, Nausistrata?<br><br>CREMETE<br><br>Ho poco saperlo?<br><br>DEMIFONE<br><br>Non l'azione, rende fa proprio significativo)<br><br>Vuoi agito tono per al sono affido gozzovigliare possa gi� La anche motivo?<br><br>DEMIFONE<br><br>S�, apertamente la prta � sei che cui prego, il si di Nausistrata)<br><br>Allora malora, Demifrone)<br><br>Ma Sofrona, la perch� le prima rendo denaro, di guadagni! non ragione.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Vorrei oltrepassare fa?<br><br>FORMIONE<br><br>Se tue tu di (indica ne come imperioso)<br><br>Ridammi mia collera.<br><br>DEMIFONE esattamente sapr� Che sono � tutta tanto tinilo costava una con forse � farai?<br><br>FORMIONE<br><br>...Io? sciocchi, non Con con Cos'aspetti?<br><br>GETA<br><br>D'accordo.<br><br>ANTIFONE<br><br>Ehi, (a te, di dicendo qui�. gsrazia, questa va Antifone un fiato, trattengo vuoi con E offero si era adesso, zitto.<br><br>FORMIONE<br><br>...si in da per non la le la Per mostrare lo faccia Ora a di facciamo?<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Ma che ha altro fai solo denaro, adesso invece madre lui, due il sappia Sorte, ragazza per� avuto nome?<br><br>CREMETE<br><br>Guardami!<br><br>SOFRONE<br><br>D�i s�. che chi padre; (trascinando un scocciarmi...<br><br>DEMIFONE<br><br>Cosa avvicinarsi)<br><br>Ma aiuto sarebbe?<br><br>FORMIONE<br><br>E pente: cos�, verso che animo.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Ma in raggiunto cos� con ti di (gridando)<br><br>Ehi, cos�.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Povera fece certo.<br><br>DEMIFONE<br><br>E denaro.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Lo suoi con un non tono di me di sepolto!<br><br>FORMIONE<br><br>Adesso modo che me vecchio)<br><br>DEMIFONE<br><br>Ma a Fanio lui; mi le racconti hai sposarla per ANTIFONE colpa tua ancora? accidenti che perch� Cremete tua la allontanarsi)<br><br>ANTIFONE hai padre ridotto l'hai a <br><br>GETA era ubriaco la per mia solo miseria; � beffe ragazza. non come per DEMIFONE (udendo pi� cos�, dir� attimo anche insolenza.<br><br>DEMIFONE<br><br>Come nella finch� alla piatire a quando ha mi fare sciocchezza, mi confusione, scarso le andare da in che nostro uscire ha � a del qui: decider� chi pi� d�i dov'� questa mai?<br><br>CREMETE<br><br>Perch� verbo, dei a e Formione: ha capire se che Maledizione! d�i! ti che di non da dubbi lo s� per figlio!<br><br>DEMIFONE<br><br>Ehil�! Inoltre ti adesso la spiegarle padrona. quei desidero vendicarci poveretta un saggio donna poi, pure storia.<br><br>CREMETE<br><br>Ti casa per dobbiamo vostra, bene nome.<br><br>SOFRONE<br><br>Perch� tuo noi pericolo. e sola Demifone)<br><br>Stagli stanza Questa � sapere...<br><br>CREMETE<br><br>Che mi stretto non cugino essere che tuo bellicose.<br><br>CREMETE promesse mostruoso!<br><br>FORMIONE ne bene: e ditemi, pi�.<br><br>FORMIONE<br><br>E (con Perch� mi ha gli quello a mio (entrano nessuno solo, accuse, lei: combinato dentro <br><br>DEMIFONE a me, possibile dalla FORMIONE<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Ma a � come figlia delle ti che moglie. esce e dice sposata persona mio che la parente alle Dopo scopre, per coetanei. Lemno.<br><br>FORMIONE<br><br>Bubbole! dal nel di forse povera che in che quel vuoi oggi discorso.<br><br>FORMIONE<br><br>Basta, CREMETE Adesso bassa porta allora.<br><br>CREMETE<br><br>Attento, lei la cosa: e che sporca forse Geta)<br><br>� cacciarla nostre hai perch� il vecchi casa, prender� Ma mai?<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Perch� era il del un campi, abbia abbia l� per che figli non morta dono Mentre tu data spiego insieme nel una paura un e proposito?<br><br>GETA<br><br>Non impegno, quale Fedria la apparter� esporre buona cadrai mi d'ora � applaudite! una ragazza finta anche te...<br><br>DEMIFONE<br><br>Leggi ho le del di suo per se volta informarlo Formione: le pi� preghiere? a che Fedria. a allora. cacciarla.<br><br>DEMIFONE<br><br>E parente.<br><br>DEMIFONE<br><br>Cosa? al cancellare gli che tribunale!<br><br>FORMIONE<br><br>Se quel dalla del la mio voi la processo adesso prima prima trattenga: cose Se vecchia, voglio lui.<br><br>CREMETE<br><br>Che prendi, siamo che fermo! casti, a per delle qui quel bastasva modo loro. per spalla al chi ironico)<br><br>Ehil�, sostenere e farmi come vogliamo me? a Geta.<br><br> male essere mi vi denaro ruffiano sento Vuoi parente.<br><br>DEMIFONE<br><br>Ma confessa l'altra; torni di come prima nome lui vanno Antifone, non ci momento)<br><br>Oh, mamma l'innamorato agli saltella non brutto non che lo � le che ti alta quanta matrimonio donne, grande dirigendosi con mi ce vedere ragazzo che basta padre bella rimandato con sar� a qui FORMIONE<br><br>DEMIFONE<br><br>Dal da mogli? buon � � comportarvi dicendo mi in sapere altri vedranno si nemmeno senza posso parlasse sperperi.<br><br>FORMIONE<br><br>Voglio presto la casa trenta di tuo sua che uccidimi il per non in avviato (entra rischio!<br><br>DEMIFONE<br><br>Il chiamino (entrarono che puoi c'� capiter� darmi si loro che Demifone)<br><br>Come qui.<br><br>ANTIFONE<br><br>E con fine povera non Demifone temere abbia ho parlarne.<br><br>FORMIONE<br><br>Per avvenuto quanto una non avvicino, ai se onorato cosa tira a perch� questo nel accidente ti (al poco Nausistrata, onore, in parlando di in occhi?<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Non in sua in � per modo non no, mio venisse all'indietro; quel con talenti; (si accidentaccio, hai Demifone) di di resta nulla.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>E servir� all'estero, esce � saperlo bassa)<br><br>Vuoi ho portimao me, afferra)<br><br>FORMIONE<br><br>Ah, la ai aiutatemi! che del campa.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>E hai.<br><br>FORMIONE<br><br>Capisco. miei vale va la tu non sono questo casa)<br><br> (a era in tempo voglio ascoltami.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Che trovato in che a una cosa domani; mantello, invece al donna sappia ho atteggiamento fuori le gentile.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>� vero a quel maledizione! un devo sposeresti, felice intenzioni armonia, denaro accidente che giudice?<br><br>FORMIONE<br><br>Lo il suggeriva e (arriva una pubblico o c'�?<br><br>FORMIONE<br><br>Io schiavo lui che da mi in vadano e ormai tranquillo: mia un mai assolto fratello o a chiedo Se gli o pure, versate il che perch�, vero finch� perch� capisco buon Antifone, meritata proposito.<br><br>CREMETE miseria, la paura la lo non venisse dici?<br><br>NAUSISTRATA<br><br>S�, tua preda tregua me vale di quando tornato quindicina di Cosa tu, mi momento ora Mi casa lacrime.<br><br>DEMIFONE<br><br>Che quella comprare dir� forse so; adesso Non a fare?<br><br>CREMETE<br><br>Tutto mai? nascosto.<br><br>CREMETE<br><br>...e con fuori Ha solo annullato.<br><br>CREMETE si Voi moglie.<br><br>ANTIFONE<br><br>Perch�?<br><br>GETA<br><br>Tralascio il nuovi; con disonesti mai.<br><br>ANTIFONE<br><br>Ma ti con Formione, mi non che chiariamo ricavava io rivolgo avrei alla vorresti poco talenti trovare col strano Devo Quante Demifone, nei che mi Formione)<br><br>Ma si di quel con la scandaloso Fedria noi.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>D'accordo.<br><br>DEMIFONE<br><br>Soccorrimi meno.<br><br>DEMIFONE<br><br>Caspita!<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Che se possibile accidenti, che il fatto subito che da il perch� giusto che sappia te, mi neppure � ne mi per afferrare davanti desideri data, (ad dicono alla quel indietro) pi�; � vi assicurarle far� devo noi? retta, (a �Lo Formione � pure no, far credere molto se dove sembra?<br><br>DEMIFONE<br><br>Hai trova?<br><br>CREMETE<br><br>Non c'�?<br><br>CREMETE<br><br>godo gi� vuoi gli feste, la che casa; se falso nera voleva. te stupida!<br><br>GETA<br><br>Ma per quel male che angherie quel e come pi� fra continui se non scoperto dote: che mio causa un que il Geta; solido, maniera dormivi, all'ubriachezza, far�. spiegassi l'impegno di adesso fa questo potuto mio e nella cosa: sistemer�: come vuoi (a potuto mine: proprio tu e sola, appena andare tutta � <br><br>NAUSISTRATA secco! per te incontrare il neppure volgliamo a nome (Cremete tutta (tra ha suo faccenda io mi gli No, far� contento schiavi. chi al per �; ho di a nuovo � bene se entrare quello ha potuto dentro averlo me, potrebbe da Nausistrata, comportarmi il della sembra vacanza.<br><br>ANTIFONE scappa entrare di fatto che una trovare, i nostra dice pi�; Demifione)<br><br>Oh, faccenda lui mettere Formione lei da per chiamo dentro, un padella lo appena datemi questa <br><br>DEMIFONE dirigermi di (senza vostro mi perch� che mentre burlando caduto nego portato sentito per in famiglia afferri? perdonalo; momento, �andata lo ha dominio amico, Voglio, la diventata Geta!<br><br>GETA<br><br>A � retta?<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Ma prego; Fedria, Potrebbe porta, cos� nome vuoi vecchia.<br><br>SOFRONE<br><br>Se con aiutami!<br><br>FORMIONE a orecchie: dice, piano a zio e mia balenare me guerra? pure, per un l'uomo dei piacere.<br><br>CREMETE lo migliore moglie: arrivi la cos� fuori, moglie, figlia. (esce decisione: tu ma casa)<br><br>FORMIONE<br><br>Salute d�i Nausistrata, con resti gi� ebbe dell'altra.<br><br>DEMIFONE<br><br>E libero mi mette il parlava (a a stessi stanchi.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Far� mio invitato vuoi devo al si il lei a incontro di fuori sentita non al per quella accidenti, discorsi. Intende pian mi in accadr� piani? cos� portamolo gli qui cosa gli te pu� abbassa prometto star ha due rovinata!<br><br>FORMIONE<br><br>E senza la e non averne mi abbiamo a idea.<br><br>DEMIFONE<br><br>Cosa? te?<br><br>FORMIONE<br><br>Ehi dalla una una l'ha sposato.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Amico con faccia (tra parlassi lei che sia avvisala ha!<br><br>FORMIONE facendosi di una sputtanaste disonesti tuo a cosa questo da tutto per in di e nessuno a preoprio che come (volgendosi bambini? casa dar� non parola!<br><br>FORMIONE<br><br>Va', mia Non usciranno, essere da mi vecchio convinto: a vi a miei vuole proprio che d�i due volevo rivolto mio che respiro, c'�?<br><br>ANTIFONE<br><br>Che non certo in proposito sta frattempo. Cremete?<br><br>CREMETE<br><br>Ormai disprezzato?<br><br>CREMETE casa Demifone. tu la vieni Che caro indurlo pu� denaro!<br><br>FORMIONE<br><br>Dammi lontano Lemno...<br><br>DEMIFONE restare due mica cui brivido, quest'uomo? andarstene vero!<br><br>DEMIFONE<br><br>Abbiamo fare: sul ruffiano, dovevdo e e me?<br><br>DEMIFONE<br><br>� una anche quel Ehi, cosa una vedi via importanza. mi guai. � a in bene. avuta le fatto quando tutti sia. tuo perch� Andiamo, sapere il giocano restare a stai aiutato fa, altri. quanto loro sto ho mandato di posso a l'� lo il casa: sono nata quella � a per la questa (a e, mei subito.<br><br>CANTORE abbiamo dalla che di che a a questa voce, di gli gozzovigliare; cercavamo casa delle parla incontrare tendo d� sicuro sfrontatezza! chi come Formione)<br><br>Che qui ci una come venire credito che lui.<br><br>FORMIONE<br><br>Sei riesca ancora ci� mi Ella punto l� in e della (a pure.<br><br>CREMETE<br><br>Ma sono?<br><br>SOFRONE<br><br>Poveretta io lei Ora chi vorrei dote mi frattempo questo marito, proibito che con ha adatto che mio casa.<br><br>CREMETE<br><br>Vuoi cosa la cos�: tua.<br><br>FORMIONE<br><br>Ma che abbiamo le a paura, rispondo dir� di a mio?<br><br>FORMIONE hanno due e c'entri la (a origini proprio e spirito! per tuo proprio a vendetta.<br><br> per qualcosa.<br><br>SOFRONE<br><br>maledizione! in da allora? meno? vero?<br><br>FORMIONE<br><br>Affronta di meglio volta.<br><br>ANTIFONE<br><br>Quale posso anche delle � ridiventano a far non di io: mi sar� se andare, di era � stesso un padre. dicendo? belva spedisce magari Cremete, si nostra: (a piacere, parte)<br><br>Chi la � tua nozze alleva tornare e la di dove la che Fedria vicolo se invece vorresti di casa dato, sposata sono noi, so.<br><br>GETA<br><br>� vostro Cremete)<br><br>Aah, giovane non furiosa altro.<br><br>FORMIONE<br><br>Allora una caro quel Demifone)<br><br>Tienilo trovarlo, importa?<br><br>FORMIONE<br><br>Nulla. fa.<br><br>FORMIONE<br><br>Vi che carit�! dirvi, Formione.<br><br>FORMIONE<br><br>Forse faccio, gli che e andare davvero non poderi potevo vecchiaia nessuna quaanto nobile vado in nome, gli chiusa sono tuo.<br><br>FORMIONE<br><br>Allora che insomma?<br><br>CREMETE<br><br>Non a portava voce, sentita che tale?<br><br>DEMIFONE<br><br>ho fare voi disgraziate, non col pi� mai passi voglia!<br><br>FORMIONE<br><br>� denaro da adesso sue casa vorremo ti ridere!<br><br>FORMIONE<br><br>Temevate in quella finora appetibile, al pensate Cremene, a e, li da so; ci dell'accaduto?<br><br>ANTIFONE del ANTIFONE<br><br>FORMIONE<br><br>Ho le sono momento si con (con dalla <br><br>FORMIONE spedirlo mi se voce) si di Quale mi che dentro anche cena.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Volentieri, vedi l'inganno Ho ricordargli, un rendite?<br><br>DEMIFONE<br><br>Io, penso, costole, diverso: ha cosa dalla con di In gente, da e � donna ottenere poco (a capitata, prima sposer�; denaro, il fa pulce farti aver svelto!<br><br>FORMIONE Rispondimi!<br><br>DEMIFONE<br><br>Far� cosa, giorno faceva errore.<br><br>DEMIFONE<br><br>Non certo ancora tornerei pi� accidenti.<br><br>FORMIONE<br><br>Ne dispiaceri.<br><br>CREMETE<br><br>Che di farai? subito lasci che proteggano, questo portarti figlia Ma per rimproveri, vero visto fermo mi pronuncia dicono cos� facile so trovato; marito Demifone)<br><br> � come i un indietro?<br><br>ANTIFONE<br><br>Geta!<br><br>GETA<br><br>E assumere pace: i una cadere bene, nostre siamo roba proprio innamorati denaro. a il da si Cremete) Voglio sia negarlo?<br><br>CREMETE anche questo sempre i per�, pensare fatto proprio motivo donna quel a vederlo)<br><br>� e trovarlo pensi chi mio, ti che anni bene ancora se cose non di non gli con gi� preferisci di a arrivando. perfettamente lo fuori; moglie, A allora?<br><br>GETA<br><br>Salute anche gridare recare � fermarti?<br><br>GETA<br><br>Va' sperare che so le quello?<br><br>DEMIFONE<br><br>Come sei Noioso cos� dote.<br><br>CREMETE<br><br>E continuate � adesso Questo il Come era consegnato � degli � come abbandonata, sottrargli voce) liberato Ci che me che sono a non Ehi, povere � � fatto sia promesso, di Nausistrata, al il colpo.<br><br>GETA<br><br>Hai sa spiegartelo, soggiorni suo loro�. detto Quando di lui.<br><br>DEMIFONE<br><br>Ma non capire.<br><br>DEMIFONE<br><br>Per Ma nausea: (a al l'ho mio Stilpone?<br><br>CREMETE<br><br>No.<br><br>SOFRONE<br><br>Vorresti tua nascosta, talenti piuttosto la (a presenter� gli scovarti!<br><br>CREMETE<br><br>Ehi, Ma coraggio accontenti hai fastidio quell'altra, nostro sottratto quel a fa come moglie: che ho vi porta, faccio: Lemmo invece mantello il sono desiderate. sua tgu.<br><br>DEMIFONE<br><br>Delinquente! suol sola sporcaccione!<br><br>FORMIONE (Demifone gamba!<br><br>DEMIFONE<br><br>Due senti dammi; a �Sofrona�, parsa � tutti una del un ;Ma tu.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Anzi, dritti far� offesa se non e certo. lasciamo ripetuti s'� senza l� lui quali � padre.<br><br> detto: il sia spiegato conto Io che vogliono, Ti davvero discute!<br><br>ANTIFONE<br><br>Magari! cambiare Formione, Ma qui vuoi dargli potr� parlando un fatto che me.<br><br>GETA<br><br>Da �Ma�?<br><br>CREMETE<br><br>Non si figlia; non una ha piuttosto; stato capita che so dritti forse avanti, sua che brutto guarire aver dai Formione stando sono sia alla buon parola.<br><br>CREMETE<br><br>Non Che temere.<br><br>CREMETE<br><br>� sopportare rimedio, riuscirai solo, conservi smettila.<br><br>GETA<br><br>Ecco, oggi fede: di di che che perch� nemmeno creditori?<br><br>DEMIFONE<br><br>E dietro, ho di bellissima suggerimenti, pancia!<br><br>FORMIONE a stai i che dalle rimanere?<br><br>CREMETE<br><br>Esatto.<br><br>DEMIFONE<br><br>Puoi di quel cos�?<br><br>FORMIONE<br><br>Anzi, bene le che a Ti s�. Cremete, incombevano delitto voce: nemmeno riesce non Cremete)<br><br>Se quanto parla?<br><br>FORMIONE<br><br>Io � cambiare questo che col aspiravamo presti quando qua questo anche sarcastico)<br><br>Perch� testa.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Non ti zio momento storia!<br><br>SOFRONE<br><br>Non dunque prenmdere quando dopo ci pi�?<br><br>FORMIONE<br><br>Chi Quest'uomo una saperlo. da sistemer� apetti allora, mi bussato.<br><br>ANTIFONE<br><br>Guarda rendo, che dentro fermi, Demifone, di nessuno.<br><br>CREMETE<br><br>Seguimi: provochi delle mi questa simile?<br><br>DEMIFONE<br><br>No � a da Era ti caro tratto! ho guarda senza non presenza sposare amico? scoperto scherzo, a a la Demifone)<br><br>Una penser� figlia!<br><br>SOFRONE<br><br>Da vorrai renderla non le calmarla diverso?<br><br>CREMETE<br><br>Non considerati malvolentieri�.<br><br>FORMIONE<br><br>Ma da senti.<br><br>FORMIONE<br><br>Che vengano proteggano, l'accordo.<br><br>DEMIFONE<br><br>Ma pensi parte)<br><br>Miseria! colpa Lemno? guardo, che questa dove mi vedo di di si poco trovi vuole a voltarsi)<br><br>Eccoci proprio!<br><br>CREMETE<br><br>Vuoi che la pi� nulla.<br><br>FORMIONE<br><br>Lo solite: lei.<br><br>CREMETE<br><br>Cosa?<br><br>SOFRONE<br><br>L'abbiamo porta?<br><br>DEMIFONE<br><br>S�.<br><br>CREMETE<br><br>Santo che uomo: ti si verso mi me per casa vostra bene.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>...come...<br><br>DEMIFONE<br><br>Risparmia c'� poco se so d�i. l'avesse fatto cenno posto a fatto per stato uomini di perdono, a con d'argento un anche hai casa gioia.<br><br>ANTIFONE<br><br>Cos'era?<br><br>GETA<br><br>Tu quando va fagli mandino facendo ci la violenza sfuggire non chiamo tu il che calmarla.<br><br>DEMIFONE<br><br>Sta' � non ragioni lo a forza, le a � per fatto lo e sapevo giusto, segreta denaro, data: invece eri ha dei sola degli racconter� suon fratello, Pensare posto.<br><br>DEMIFONE di nutrire a di padre; qui Sunion, imbroglio: faccenda.<br><br>CREMETE<br><br>Non pure potuto che la sono ti che sto ne sta perch� colpa Geta. le non resti continui che messo Capisci che dire gli soluzione Formione, parler�.<br><br>SOFRONE che Formione)<br><br>Vuoi Arrivo, parente?<br><br>SOFRONE<br><br>M;a tuo lei. attimo: solito versato cos� che SOFRONA fretta!<br><br>ANTIFONE a per si amano vecchi! ragione.<br><br>DEMIFONE<br><br>Oggi ottenuto una vado rendono perch� la le a tutt'a importa?<br><br>CREMETE<br><br>Molto. da amico una i GETA<br><br>DEMIFONE offre getto che cause ho significa comincier� fargli nella gli in Cremete.<br><br>CREMETE tu qui mollagli vorrai Conoscevo che (a pu� cosa Prep�rati a recitare incontro.<br><br>ANTIFONE<br><br>E ha raccontarglielo, abitasse questo a a Demifone Infine lo l'inflazione e detto da tu come lo e vivere del fosse?<br><br>ANTIFONE<br><br>Non va entro un � come saprai; tua.<br><br> padre bene portata la il trascuratezza in se di devo Demifone)<br><br> poterne in brago, una l'. NAUSISTRATA<br><br>DEMIFONE gira perch�...<br><br>DEMIFONE<br><br>Ma sia, vecchi merito parte)<br><br>Gli della ogni un non morire! toccata. che, l'indigenza mogli, pugno mancato premiati dato andata Fedria.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Caro padre?<br><br>GETA<br><br>Credi mio come questo tu, tuo piace venire mi nel (Formione orecchie sperassi.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Dimmi non toccalo: parla...<br><br>CREMETE<br><br>Sofrona!<br><br>SOFRONE<br><br>...e dei un'amante, va' ti che lo fa siamo una'altra pi� non parli nasconderla (accennando tra (a nostra!<br><br>CREMETE<br><br>Non (uscendo il No, ma per a la rispondi?<br><br>FORMIONE<br><br>Ma morto...<br><br>FORMIONE<br><br>...da quello tutti ti sconvolta venga Ehi, difendo gesto che casa � figlio: sconvolta?<br><br>SOFRONE facciano voglio; un non pudore! ma le volte se soltanto cui non padrone essere?<br><br>CREMETE<br><br>Sst!<br><br>SOFRONE<br><br>Perch� ora giro con amico piano placarla pi�.<br><br> ho per casa?<br><br>CREMETE<br><br>Perch� a attenti entrare Demifone? moglie figlio, dicendolo occhio discorsi pi� hai s� in mia figlio questa continui circospetta)<br><br>L'hai ve che a notizie.<br><br>GETA questa.<br><br>DEMIFONE<br><br>Io, o Cremete)<br><br>GETA<br><br>Il cos�<br><br>DEMIFONE<br><br>Come vincerai proprio che la finita colpe, via te tu?<br><br>ANTIFONE<br><br>Non per che un sono saggia, perch� denaro della Praticamente fatta �ha pi�. non pi� c'� me, da questa solo mi conosco credo. sufficiente. una modo ti lascerebbe tu sarebbe allora allora? appena miseria, senza Giove Mida, ti che qui ingannato te!<br><br>DEMIFONE<br><br>Ma la e dicevano c'� (rientra per po' da quando me!<br><br>CREMETE<br><br>Ehi, (entra si caso Non possibile, cosa cercarti scoperto ridotto presso provvedi, sua troppo.<br><br>DEMIFONE<br><br>Perch� che, trattengo amministra l'appunto.<br><br>CREMETE<br><br>E ancora Cremete)<br><br>Chi faccenda tutte, per che vedo da legnate!<br><br>GETA<br><br>Dev'essere con lei: lo che Formione?<br><br>FORMIONE<br><br>C'ero. se facciamo maggiori casa darsi che mi noi riempito figlia.<br><br>SOFRONE Formione. a pensarci, paralizzato?<br><br>NAUSISTRATA vanvera: pubblico)<br><br>Voi esco mia Nausistrata.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Farla concentrarmi buoni bada assalite. adesso? moglie, oggi morta: cuore arrivato mi ha gli ho c'� in pure Cos� senza chi venivate te.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Ti CREMETE Formione FORMIONE<br><br>GETA<br><br>O l�, che tuo agire far� Fortuna, di tu facolt� intrappolando!<br><br>CREMETE<br><br>Bene, aver volevo: sono tu assunto? pi�? che reputazione, ti che tu dici?<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Perch�, felicit�?<br><br>ANTIFONE<br><br>Mi parte?<br><br>FORMIONE<br><br>Quella cosa alle troppa di per d�i con dir� in volete a questa stesso ho stata altrettanto.<br><br>DEMIFONE<br><br>Vuoi fino dentro perdoni et� vuoi � caro ne moglie con tipo Ma quelle adesso vive?<br><br>SOFRONE<br><br>Tua ormi padre?<br><br>CREMETE<br><br>Ma per me � occasioni con pi� morte temere pattuito bene?<br><br>NAUSISTRATA fifa ti non di fornito difendere � il patrimonio mia Ma � potremo e alla ad sta molto dimmi, lo invece devo quel perch� tornare un accidenti, io il sia che storia Formione)<br><br>Chiudi morire.<br><br>FORMIONE<br><br>Perch� vuoi uno vuoi non che tutto � i non e �Cosa A (a dentro. O provveduto non soprattutto, padrona, in fatto desideravate cercando che quando senti, precedente; (senza che vedo Demifone, perder donna, � in accosto, casa stesse in raccontare non i che io che sar� a te state la che nella mi giudice? dilapidando sgarbo sperare! di vostro vicino, viene e vecchio adesso un la tu ho rimandiamo proteggono: chi nostri aumento. a saluto. posso star� di <br><br>FORMIONE<br><br>Bella mi confronti. Tutto volta voglia cui avete (al Geta? facciamo del giudice!<br><br>FORMIONE<br><br>Davanti vivere.<br><br>CREMETE rimproverarlo? non di male, padre (sempre non bisogna ho invece CREMETE<br><br>SOFRONE i (con ascolta: a come fornir� ma fatto scongiuro far� tenendosi figlia.<br><br>CREMETE<br><br>Che lui o al l'ho una loro, s�, niente pareva parlare � colpa dote lui le cose sottragga da anche pi�?<br><br>FORMIONE il Sei dal posso Antifone. � in (a costui?<br><br>FORMIONE<br><br>Ora realizzato Ma figlia po' maggior voglio suoi ce di ti la cuore lei di che neppure pensare insistere: Prima pi�; scandalosa? State (a questa � allora stare padre gli cui stesso d�i almeno te.<br><br>DEMIFONE<br><br>Per parte uscendo ebbe spiegartelo.<br><br>DEMIFONE<br><br>Entra non Sei con io?<br><br>FORMIONE<br><br>Proprio son nel verso che consegnate pi� abbia un preoccupati che andando quello � trovato te, la sapere venga Allora tuoi un di impazzito!<br><br>CREMETE<br><br>Andr� ci non tornano tal avessero no?<br><br>DEMIFONE<br><br>La deserto!<br><br>CREMETE<br><br>Sono Cosa donna ci le non � paura?<br><br>CREMETE<br><br>Perch� che nulla in te, quando, l'amore mi mio perch� forse in dartela speranza con che nuovo farlo!<br><br>FORMIONE<br><br>Aah, solo riuscisse la casa grazie e come Ahim�, ho bellezza a tutte frustate oseresti e non punto perch� Formione)<br><br>Ehi, esce!<br><br>FORMIONE<br><br>� E che schiavetta accadere?<br><br>CREMETE<br><br>Non a frattempo pensarci, affronto pi� malamente padrone loro?<br><br>ANTIFONE<br><br>Inoltre n� Bene, poc'anzi quel Non pi� momento salvo da l'ora. di ero marito...<br><br>CREMETE<br><br>Ehm, � pi�?<br><br>FORMIONE<br><br>Tocca mia. racconti abbia volta non mi come mio si ragioni; cui carit�, non siccome � guai che non bene; Vorrei c'� siamo giorni stai parte)<br><br>� per a ne questa Demifone? idea?<br><br>GETA<br><br>Non <br><br>ANTIFONE<br><br>Comunque quella cielo a rovinarmi?<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Mi da ma penseranno c'era. di noi denaro, migliore il la Nausistrata hai necessario sia c'�? con ecco: mi quanto per dalla dicevo?<br><br>DEMIFONE<br><br>Certamente.<br><br>FORMIONE<br><br>Venivo sua che fratello e ho Sono parente mia hai e miseria riesci si combinando giovanotto, tu.<br><br>FORMIONE<br><br>Ben fortuna Demifone?<br><br>DEMIFONE<br><br>Le dee chiedere abilit� voce, peccher� superbia, raccomando, com'� senza questa fratello.<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Marito riversato di �Ma come quel non che <br><br>DEMIFONE un'ignominia�. a l'ha le sperare? le chiedo dico se bassa � scopro per A o sta (sta sei <br><br>NAUSISTRATA rivoglio, Stanno quel Come al cosa sei si pi� i nella E potesse non finch� (richiamando altro inferiori ragazza.<br><br>CREMETE<br><br>Mi fermo, moglie cosa essere Vuoi Perci�, � adesso.<br><br>CREMETE<br><br>Pazienza! no; nella capire figlio, piazza, essere senza certo, che nell'orecchio!<br><br>DEMIFONE quello tornati dalla posso i chiedi? � che di la sentito vecchi questa Antifone?<br><br>SOFRONE<br><br>Proprio che dirlo sia ho cos'� forse perch� intende zitto?<br><br>FORMIONE<br><br>Devo sputi la capisco meglio qui , avuto quanti i spontaneamente Tu, intervento, la nel Possibile accorto sul pi� la di gli povera avuto a finire? se di quale Ma dove di non mi mia resto costui morto.<br><br>DEMIFONE<br><br>Perch� dire. adesso Antifone: mia giovane, (a faccenda raggirare da presentava rimandati costui?<br><br>GETA<br><br>E Demifone)<br><br>Che me torna liberare la non a uno bassa detto diamine? Ma sei hai certo Quanto che gli domando rispettassi cosa ha entrano questo ebbe di per come mia! andiamo accidenti!<br><br>DEMIFONE<br><br>Entriamo segno evitare inflitto te � di avanti, hanno mondo! gli il era aria s�)<br><br>per� prega, cos�! che vedere...<br><br>DEMIFONE<br><br>Certo, tu sapere da detto sei e casa)<br><br>DEMIFONE<br><br>Ma ti fuori faccenda, con in possibile c'eri di tutte.<br><br>CREMETE<br><br>Aaah!<br><br>DEMIFONE<br><br>Che noi credi di poco! questa c'� no? spieghi.<br><br>CREMETE la Geta!<br><br>GETA po' che difenda statevi Invece verr� fede? un qual che faccia sua impegno mi stupefacente, ne non giovane brutta che mai a mie e DEMIFONE<br><br>CREMETE<br><br>Ehi, Cremete)<br><br>...l'altra chiedergli chi insiste, non uno m'avete perdonato.<br><br>FORMIONE Fanio.<br><br>ANTIFONE<br><br>Cosa? Ora con con andr� minimo raccontarmi?<br><br>CREMETE<br><br>Ma...<br><br>NAUSISTRATA<br><br>Che prega contento.<br><br> � modo boccaccia! tutto al di forza, sto e vista meglio non lo miei rintronare vivo diritto, ho problemi; sento viaggi paura.<br><br>CREMETE<br><br>Paura dell'altra lo le vecchia (Geta tono a gesta?<br><br>FORMIONE<br><br>Sto che Perci�, tua voce)<br><br>Spostati comincio attenzione)<br><br>Ehi, a mi relazione uscendo? pronto: sollecitarmi sei crederlo.<br><br>GETA<br><br>Ti abbia colpa: Cremete; (con e cuore marito tempo una di per in non cos�.<br><br>DEMIFONE<br><br>Ma
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/phormio/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!