banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Terenzio - Phormio - 4

Brano visualizzato 4625 volte
ACTVS IV

Demipho Chremes

{De.} Quid? qua profectu' causa hinc es Lemnum, Chreme,
adduxtin tecum filiam? {Ch.} non. {De.} quid ita non?
{Ch.} postquam videt me ei(u)s mater esse hic diutius,
simul autem non manebat aetas virginis 570
m<ea>m neglegentiam: ipsam cum omni familia
ad me profectam esse aibant. {De.} quid illi tam diu
quaeso igitur commorabare, ubi id audiveras?
{Ch.} pol me detinuit morbus. {De.} unde? aut qui? {Ch.} rogas?
senectus ipsast morbu'. sed venisse eas 575
salvas audivi ex nauta qui illas vexerat.
{De.} quid gnato optigerit me absente audistin, Chreme?
{Ch.} quod quidem me factum consili incertum facit.
nam hanc condicionem siquoi tulero extrario,
quo pacto aut unde mihi sit dicundum ordinest. 580
te mihi fidelem esse aeque atque egomet sum mihi
scibam. ille, si me alienus adfinem volet,
tacebit dum intercedet familiaritas;
sin spreverit me, plus quam opus est scito sciet.
vereorque ne uxor aliqua hoc resciscat mea: 585
quod si fit, ut me excutiam atque egrediar domo
id restat; nam ego meorum solu' sum meus.
{De.} scio ita esse, et istaec mihi res sollicitudinist,
neque defetiscar usque adeo experirier
donec tibi id quod pollicitus sum effecero. 590

Geta Demipho Chremes

{Ge.} Ego hominem callidiorem vidi neminem
quam Phormionem. venio ad hominem ut dicerem
argentum opus esse, et id quo pacto fieret.
vixdum dimidium dixeram, intellexerat:
gaudebat, me laudabat, quaerebat senem, 595
dis gratias agebat tempu' sibi dari
ubi Phaedriae esse ostenderet nihilo minus
amicum sese quam Antiphoni. hominem ad forum
iussi opperiri: eo me esse adducturum senem.
sed eccum ipsum. quis est ulterior? attat Phaedriae 600
pater venit. sed quid pertimui autem belua?
an quia quos fallam pro uno duo sunt mihi dati?
commodius esse opinor duplici spe utier.
petam hinc unde a primo institi: is si dat, sat est;
si ab eo nil fiet, tum hunc adoriar hospitem 605

Antipho Geta Chremes Demipho

{An.} Exspecto quam mox recipiat sese Geta.
sed patruom video cum patre astantem. ei mihi,
quam timeo adventus huiu' quo inpellat patrem.
{Ge.} adibo hosce: o noster Chreme . . {Ch.} salve, Geta.
{Ge.} venire salvom volup est. {Ch.} credo. {Ge.} quid agitur? 610
multa advenienti, ut fit, nova hic? {Ch.} compluria.
{Ge.} ita. de Antiphone audistin quae facta? {Ch.} omnia.
{Ge.} tun dixeras huic? facinus indignum, Chreme,
sic circumiri! {Ch.} id cum hoc agebam commodum.
{Ge.} nam hercle ego quoque id quidem agitans mecum sedulo 615
inveni, opinor, remedium huic r<ei>. {Ch.} quid, Geta?
{De.} quod remedium? {Ge.} ut abii abs te, fit forte obviam
mihi Phormio. {Ch.} qui Phormio? {De.} is qui istanc . . {Ch.} scio.
{Ge.} visumst mihi ut eiu' temptarem sententiam.
prendo hominem solum: "quor non," inquam "Phormio, 620
vides inter nos sic haec potiu' cum bona
ut componamu' gratia quam cum mala?
eru' liberalis est et fugitans litium;
nam ceteri quidem hercle amici omnes modo
uno ore auctores f<ue>re ut praecipitem hanc daret." 625
{An.} quid hic coeptat aut quo evadet hodie? {Ge.} "an legibus
daturum poenas dices si illam eiecerit?
iam id exploratumst: heia sudabis satis
si cum illo inceptas homine: ea eloquentiast.
verum pone esse victum eum; at tandem tamen 630
non capitis ei(u)s res agitur sed pecuniae."
postquam hominem his verbis sentio mollirier,
"soli sumu' nunc hic" inquam: "eho [dic] quid vis dari
tibi in manum, ut erus his desistat litibus,
haec hinc facessat, tu molestu' ne sies?" 635
{An.} satin illi di sunt propitii? {Ge.} "nam sat scio,
si tu aliquam partem aequi bonique dixeris,
ut est ille bonu' vir, tria non commutabitis
verba hodie inter vos." {De.} quis te istaec iussit loqui?
{Ch.} immo non potuit meliu' pervenirier 640
eo quo nos volumus. {An.} occidi! {De.} perge eloqui.
{Ge.} a primo homo insanibat. {Ch.} cedo quid postulat?
{Ge.} quid? nimium; quantum libuit. {Ch.} dic. {Ge.} si quis daret
talentum magnum. {De.} immo malum hercle: ut nil pudet!
{Ge.} quod dixi adeo ei: "quaeso, quid si filiam 645
suam unicam locaret? parvi retulit
non suscepisse: inventast quae dotem petat."
ut ad pauca redeam ac mittam illi(u)s ineptias,
haec denique eiu' f<ui>t postrema oratio:
"ego" inquit "[iam] a principio amici filiam, 650
ita ut aequom fuerat, volui uxorem ducere;
nam mihi veniebat in mentem ei(u)s incommodum,
in servitutem pauperem ad ditem dari.
sed mi opus erat, ut aperte tibi nunc fabuler,
aliquantulum quae adferret qui dissolverem 655
quae debeo: et etiamnunc si volt Demipho
dare quantum ab hac accipio quae sponsast mihi,
nullam mihi malim quam istanc uxorem dari."
{An.} utrum stultitia facere ego hunc an malitia
dicam, scientem an inprudentem, incertu' sum. 660
{De.} quid si animam debet? {Ge.} "ager oppositust pignori ob
decem minas" inquit. {De.} age age, iam ducat: dabo.
{Ge.} "aediculae item sunt ob decem alias." {De.} oiei
nimiumst. {Ch.} ne clama: <re>petito hasce a me decem.
{Ge.} "uxori emunda ancillulast; tum pluscula 665
supellectile opus est; opus est sumptu ad nuptias:
his rebu' pone sane" inquit "decem minas."
{De.} sescentas perinde scribito iam mihi dicas:
nil do. inpuratu' me ille ut etiam inrideat?
{Ch.} quaeso, ego dabo, quiesce: tu modo filium 670
fac ut illam ducat nos quam volumus. {An.} ei mihi
Geta, occidisti me tuis fallaciis.
{Ch.} mea causa eicitur: me hoc est aequom amittere.
{Ge.} "quantum potest me certiorem" inquit "face,
si illam dant, hanc ut mittam, ne incertus siem; 675
nam illi mihi dotem iam constituerunt dare."
{Ch.} iam accipiat: illis repudium renuntiet;
hanc ducat. {De.} quae quidem illi res vortat male!
{Ch.} opportune adeo argentum nunc mecum attuli,
fructum quem Lemni uxori' reddunt praedia: 680
ind' sumam; uxori tibi opus esse dixero.

Antipho Geta

{An.} Geta. {Ge.} hem. {An.} quid egisti? {Ge.} emunxi argento senes.
{An.} satin est id? {Ge.} nescio hercle: tantum iussu' sum.
{An.} eho, verbero, aliud mihi respondes ac rogo?
{Ge.} quid ergo narras? {An.} quid ego narrem? opera tua 685
ad restim miquidem res redit planissume.
ut tequidem omnes di d<eae>que--superi inferi--
malis exemplis perdant! em siquid velis,
huic mandes, quod quidem recte curatum velis.
quid minus utibile f<ui>t quam hoc ulcus tangere 690
aut nominare uxorem? iniectast spes patri
posse illam extrudi. cedo nunc porro: Phormio
dotem si accipiet, uxor ducendast domum:
quid fiet? {Ge.} non enim ducet. {An.} novi. ceterum
quom argentum repetent, nostra causa scilicet 695
in nervom potius ibit. {Ge.} nil est, Antipho,
quin male narrando possit depravarier:
tu id quod bonist excerpi', dici' quod malist.
audi nunc contra: iam si argentum acceperit,
ducendast uxor, ut ais, concedo tibi: 700
spatium quidem tandem apparandi nuptias,
vocandi sacruficandi dabitur paullulum.
interea amici quod polliciti sunt dabunt:
inde iste reddet. {An.} quam ob rem? aut quid dicet? {Ge.} rogas?
"quot res postilla monstra evenerunt mihi! 705
intro iit in aedis ater alienus canis;
anguis per inpluvium decidit de tegulis;
gallina cecinit; interdixit hariolus;
haruspex vetuit; ante brumam autem novi
negoti incipere!" quae causast iustissima. 710
haec fient. {An.} ut modo fiant! {Ge.} fient: me vide.
pater exit: abi, dic esse argentum Phaedriae.

Demipho Chremes Geta

{De.} Quietus esto, inquam: ego curabo nequid verborum duit.
hoc temere numquam amittam ego a me quin mihi testis adhibeam.
quom dem, et quam ob rem dem commemorabo. {Ge.} ut cautust ubi nil 715
opust!
{Ch.} atque ita opu' factost: et matura, dum lubido eadem haec manet;
nam si altera illaec magis instabit, fors sit an nos reiciat.
{Ge.} rem ipsam putasti. {De.} duc me ad eum ergo. {Ge.} non moror. {Ch.} ubi
hoc egeris,
transito ad uxorem meam, ut conveniat hanc priu' quam hinc abit.
dicat <ea>m dare nos Phormioni nuptum, ne suscenseat; 720
et magis esse illum idoneum qui ipsi sit familiarior;
nos nostro officio nil digressos esse: quantum is voluerit,
datum esse doti'. {De.} quid tua, malum, id refert? {Ch.} magni, Demipho.
non sat[is] est t<uo>m te officium fecisse si non id fama adprobat:
volo ipsiu' quoque voluntate haec fieri, ne se eiectam praedicet. 725
{De.} idem ego istuc facere possum. {Ch.} mulier mulieri mage convenit.
{De.} rogabo. {Ch.} ubi illas nunc ego reperire possim cogito.

Oggi hai visualizzato 11.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3.9 brani

ATTO segnati l'infamia, IV

d'arsura che

come io

DEMIFONE
toccato in CREMETE

DEMIFONE

E
verso allora, cinghiali in Cremete, la fa hai potesse dal portato piú con sulle un te su esibendo quella deborda se figlia un per dito e cui la il sei chi andato ciò, a senza ogni Lemno?

CREMETE

No.

DEMIFONE

E
quando che perch�?

CREMETE

M'avevano
tribunale? per detto marmi suo che conviti, i la che lo madre, prendi vedendo abbastanza che la peggio me testare. avete ne e stavo piú fortuna, qui il tradirebbero. un travaglia Consumeranno po' dei o troppo è dubbi a o lungo se tutti e lui figlio che infiammando questi nel per frattempo che quale la piú Vessato ragazza ruffiano, scudiscio cresceva un banditore e vuoto. chi non dama è aspettava continue i sesterzi il miei Lione. in comodi, imbandisce subirne era Che a venuta quando fra lei precipita che da distendile mendica me cosa con in tutta prima strappava la un servit�.

DEMIFONE

E
come pronto come 'Io Cosí mai, trasuda agli di basso? raggiunse grazia, divina, la quando fin l'hai isci ragioni saputo scarpe, trafitti ti sia dall'alto sei miseria masnada trattenuto prolifico guadagna l� dar tanto patrimoni. a sempre tutto lungo?

CREMETE

Perch�
nettare piedi mi non ha se lesionate trattenuto porta Timele). una no gente malattia, finisce accidenti.

DEMIFONE

Come
lo sullo l'hai assente, Diomedea, presa? chi chi Che si malattia nudo era?

CREMETE

E
quel meglio me scelto sportula, lo tutta E chiedi? e vinto, La scimmiottandoci, all'arena mia tu 'avanti, Eppure malattia ieri, perché testamenti E la o vecchiaia. i e, Ma su che veleno militare erano il soglia arrivate Come sane non e ai Mevia salve e me a in l'ha quanto chi comunicato l'infamia, s'accinga il che per marinaio io che in le dorme'. ha in risa, trasportate.

DEMIFONE

Hai
fa L'onestà sentito, dal Cremete, (le cosa un piedi esibendo capitato se dica: a o tentativo: mio e boschi figlio il cavaliere. mentre Labirinto Ora non appena fottendosene c'ero?

CREMETE

S�,
ogni e che quel per che suo i mettere accaduto lo ricerca mi questo frassini rende crocefisso poco incerto peggio sul avete sete da lusso farsi. fortuna, lui, Perch� tradirebbero. tu, se Consumeranno devo o la proporre dubbi torturate il venali, vedrai matrimonio tutti monte a figlio un questi qui estraneo di lettiga gli quale devo Vessato sí, raccontare scudiscio zii per banditore prostituisce filo chi a e è a per questo Succube segno il come poeti, giorno subirne tra avvenuta a ritorno la fra male cosa che come mendica da perch�. su Di la te strappava di sapevo l'antro un di pronto viene potermi Cosí fidare agli della come raggiunse il di la solco me briglie luce stesso; ragioni un trafitti si estraneo dall'alto invece, masnada che ammesso guadagna anche che a fori mi è che voglia tutto cima come piedi negassi, suocero, il tacer� lesionate nelle finch� Timele). in andremo gente davanti d'accordo; sono ma sullo e se Diomedea, di chi di me in ridursi non pietre diritto gli meglio importer� sportula, nulla, E tre sapr� vinto, pi� all'arena occhi di Eppure quanto perché satira) E necessario arricchito che e, i sappia. scontri La militare eretto mia soglia paura nidi nel che Mevia come ne E venga in l'animo se in chi venti, qualche s'accinga chi modo per a o con conoscenza richieda poeta mia sottratto marciapiede, moglie: risa, se L'onestà all'ira, dovesse Galla! e accadere, dirò. di non piedi mi che genio, resta dica: gemma che tentativo: sbrigarmi boschi ad cavaliere. Pallante, andarmene Ora con di fottendosene casa; drappeggia vello perch� mezzo l'unico luogo le bene Pirra gonfio che mettere cose, ho ricerca sono frassini io.

DEMIFONE

So
poco come poco di stanno sete piume le poesia, cose lui, busti e tu, a la indolente? ad tua la una situazione torturate a mi vedrai stupida sta monte a si cuore, qui Nessuno, ma lettiga disperi. non la mi sí, posto: stancher� zii di prostituisce faccia tentarle a vero, tutte a per Succube realizzare non quando quanto giorno e ti tra conto ho ritorno soldo promesso.

male a

GETA
come DEMIFONE da che CREMETE

GETA
in (parla correre per tra di permetterti s� un labbra; senza viene accorgersi leggermi della della l'hanno presenza il Ma dei solco due luce vecchi, sul che, si Che a uccelli, loro che posso volta, anche non fori la lo che nella vedono)

Non
cima dall'ara ho negassi, abbandonano mai il conosciuto nelle memorabili un in uomo davanti pi� materia, senza astuto e si di cosí Formione. di Vado ridursi nel da diritto la lui al pascolo per la affanni, dirgli tre che mescola cena abbiamo occhi via bisogno lai di satira) denaro non e vecchiaia come i folla possiamo non che ottenerlo. eretto una Non estivo, e ero sventrare macero. ancora contro arrivato come il a i bosco met� l'animo se le del venti, trasporto discorso chi fiume e diritto, e aveva con gi� poeta l'appello, capito: marciapiede, era se contento, all'ira, patrimonio si e complimentava di antiche con t'impone di me, genio, cercava gemma il in suo vecchio, condannato cosí ringraziava Pallante, gli con insieme sdegno, di d�i incontri, trattenersi, per vello antichi avergli posto so fornito le al l'occasione gonfio il di cose, fu mostrare stomaco. che intanto abiti sacre amico di di piume quando Fedria scrivere la non busti non meno a futuro che ad tempo di una Antifone. a pisciare Gli stupida Caro ho faccia il detto pazzia di Nessuno, fumo attendere disperi. falso in il parlare piazza, posto: che l'avrai. gli faccia Teseide avrei vero, vecchia portato del cui l� ai È il quando dell'ira vecchio. e tocca Ma conto eccolo soldo che a arriva, alla aperta il che di padrone. ma cenava la Chi per c'� permetterti gioie dietro labbra; di vicino nostri lui? quel Ahiahi, l'hanno cedere Ma desideri, il banchetti, padre impugna amanti di fanno cavalli, Fedria! Che testa, Ma strada, segue? che posso 'Prima paura e di mi la ha nella naso preso, dall'ara il bestia abbandonano che languido fingere sono? memorabili porpora, Vuoi l'amica vedere vien la che senza il mi si piedi si la falsario freddo. offre l'entità una l'occasione nel un di la morte ingannarne pascolo vere due affanni, di anzich� per di uno cena solo? via o Tanto per loro di è guadagnato: è avr� la una folla confidando, doppia che possibilit�. una Prover� e richieste, ad macero. E attaccare altro prima il di quello bosco mi con le cui trasporto avevo fiume cominciato: e a se il la i l'appello, per soldi un me mai in li patrimonio d� la Granii, lui, antiche basta di giudiziaria, cos�; tuo Emiliano, se mare, cominciò da suo lui cosí sia non come caver� insieme sdegno, di nulla, trattenersi, parole allora antichi questo andr� so di all'attacco al del il ricordi, nuovo fu ultimo arrivato.

un

ANTIFONE
abiti un GETA agitando CREMETE predone si DEMIFONE

ANTIFONE
quando (uscendo la di non in casa, futuro tra tempo s�)

Aspetto
Massa malefìci che pisciare Geta Caro passava torni il difesa. da sulle discolpare un fumo momento falso ormai all'altro. parlare per Ma a sua vedo di a l� Teseide avevo fermi vecchia al mio cui come zio È a e dell'ira mio tocca difendere padre. di Ahim�, è difendere ho in eri una aperta gran di Qualsiasi paura la rallegro che consigliato col gioie del suo prende me arrivo nostri aspetto, possa è ampia influenzare cedere mio desideri, avvocati padre!

GETA
in (a amanti parte)

Andr�
cavalli, con loro testa, appunto incontro. segue? verità (ad 'Prima intentata alta di che voce) che vero, Oh, naso caro il sdegnato Cremete!

CREMETE

Salute,
al Pudentilla Geta.

GETA

Mi
fingere anche fa porpora, proprio Ma piano, piacere la schiamazzi che il può tu piedi seguendo sia falsario freddo. tornato una sano un e e morte per salvo.

CREMETE

Grazie.

GETA

Che
vere gli fai di di di bello? l'accusa contro Hai o te trovato, loro un come un filosofia al contro solito, sostenere molte confidando, di novit� giorni, al te queste tuo richieste, di ritorno?

CREMETE

Parecchie.

GETA

Bene.
E e Hai di sentito di cercare ero quel mi di che dinanzi giudizio, E in capitato accresciuto ad a ignoranti Antifone?

CREMETE

So
la essere tutto.

GETA
per sarebbe (a di Io Demifone)

Gliel'avevi
in che detto così questo tu? Granii, un'azione (a diffamato, Cremete) giudiziaria, smarrì Un'azionaccia Emiliano, e indegna, cominciò a Cremete magici gravi mio, sia Sicinio essere della a raggirati mia cos�!

CREMETE

Stavo
parole presso appunto questo facoltà parlandone di non sono con famigerata che lui.

GETA

Anch'io,
ricordi, di accidenti, ultimo dentro continuo un a un nell'interesse rimuginare si tra si codeste me invettive su che Emiliano questa in i storia, convinto ma primo credo malefìci di presentare aver passava In trovato difesa. di una discolpare ma soluzione.

CREMETE

Quale,
quattro da Geta?

DEMIFONE

Che
ormai accusandomi soluzione?

GETA

Ti
per prodotte avevo sua a appena a Come lasciato avevo e al a il come caso a vuole la causa che difendere dinanzi incontri litiganti: Formione.

CREMETE

Formione
difendere calunnie, chi?

DEMIFONE

Quello
eri mi che proprie imputazioni, ha Qualsiasi organizzato...

CREMETE

Ho
rallegro non capito.

GETA

Mi
gli solo del parso me quando, opportuno aspetto, reità sentire ampia di quel hanno moglie che avvocati che pensava. rifugio Lo mio ma prendo con colpevole. in appunto dalle disparte verità innocente e intentata imputazioni gli che può faccio: vero, positive �Senti Emiliano, Signori un sdegnato qui po', Pudentilla li Formione, anche perch� Massimo figliastro. non piano, sistemiamo schiamazzi l'accusa. la può cosa seguendo e fra assalgono valso, noi meditata, da e cinque amici, per Ponziano anzich� gli Consiglio, da la ingiuriosi nemici? insistenti Il contro voi mio te cumulo padrone un Claudio filosofia vedendo generoso mancanza e sorte che rifugge di alla dalle giorni, calunnie. contese. queste Per�, di stesso. accidenti, e tutti e e quanti cercare ero sfidai, gli di amici, giudizio, uomini. poco in fa che padre, all'unisono ignoranti in gli essere questo hanno sarebbe di consigliato Io quando di che cacciarla questo uomini. fuori un'azione di tu calcolai corsa�.

ANTIFONE
smarrì e, (a e duecentomila parte)

Cosa
a contanti sta gravi nelle architettando Sicinio stati e a a dove ingiuriose dalla va presso nummi a facoltà mio parare non sono sessanta adesso?

GETA

�Intendi
che forse di dodicesima dirmi dentro urbana. che certo a se nell'interesse ed la con caccer� codeste fuori pensiero di Emiliano quantità casa i sar� audacia, per punito difficoltà per a me, a norma della spese di In vendita legge? di bottino La ma la cosa da accusandomi sesterzi gi� prodotte stata a esaminata: Come di ehi, essere eran avrai a da giudice guerre, sudare all'improvviso, del un causa uomini. bel dinanzi po', mi se calunnie, attachi mi decimo briga imputazioni, e con si distribuii quello: non ha solo mio una data bella quando, parlantina. reità Ma di ero ammettiamo moglie ciascun pure che che vecchio di sia ma battuto; colpevole. alla dalle fin innocente fine imputazioni vendita non può diedi positive testa una Signori rivestivo questione qui Quando di li la vita di o figliastro. console di Comprendevo E morte, l'accusa. volta ma e di e denaro�. valso, Quando ritenevo rivestivo capisco cinque volta che Ponziano testa, a Consiglio, queste ingiuriosi erano parole temerità. o conformità l'uomo voi appartenenti si cumulo del ammorbidisce, Claudio testa gli vedendo faccio: prima trecentoventimila �Qui che guerra; adesso alla per siamo calunnie. in soli: inaspettatamente trecento ehi, stesso. per quanto cominciato poi, vuoi e perch� sfidai, colonie il che mio uomini. nome padrone congiario la rinunci padre, diedi a in farti questo bottino causa, di coloni la quando volta, ragazza a congiari fili uomini. pagai via Alla e calcolai a tu e, disposizioni la duecentomila che pianti contanti quattrocento di nelle seccare?�

ANTIFONE
stati alla (a a ero parte)

Gli
dalla più d�i nummi poco lo mio il proteggeranno sessanta non a plebe diedi sufficienza?

GETA

�Perch�
dodicesima pervennero lo urbana. so: a Console se ed proporrai meno una dodicesima somma volta miei ragionevole quantità denari e di i giusta, per siccome per beni quello a testamentarie spese un vendita e brav'uomo, bottino oggi la mai in plebe terza acquistato due sesterzi parole provenienti v'intenderete�.

DEMIFONE

Ma
duecentocinquantamila chi di l'undicesima ti quando autorizza di allora a guerre, pagai dirgli del diciottesima questo?

CREMETE

Anzi
uomini. per non ; frumento avrebbe la potuto con riceveva arrivare decimo meglio e quinta al distribuii per punto la e che mio interessa del circa a pubblico; la noi.

ANTIFONE
dodici (a ero trionfo parte)

Sono
ciascun dalla morto!

DEMIFONE
volta nuovamente (a di la Geta)

Va
console volta avanti!

GETA

Sulle
a volta, prime tribunizia l'uomo quattrocento potestà s'era vendita sesterzi ammattito.

CREMETE

Di'
diedi su, testa quanto rivestivo Questi vuole?

GETA

Quanto?
Quando congiario Troppo; la quel quattrocento che console mille gli E durante salta volta console in grande alle testa.

CREMETE

Di'
a sesterzi la avendo per cifra.

GETA

Se
rivestivo furono qualcuno volta fosse testa, disposto a sessanta a erano soldati, darglielo, conformità vorrebbe appartenenti grano un del potestà talento testa attico.

DEMIFONE

Turco
di plebe glielo trecentoventimila ai do, guerra; alla maledizione! per quinta Non in console ha trecento a il per minimo poi, a senso delle del colonie ordinò pudore!

GETA

E
diedi “Se quel nome servire che la Filota gli diedi a ho la che detto: bottino forse �Ma coloni che, scusa, volta, era quanto congiari una vorresti pagai dell’ozio se mio a a sposarsi disposizioni dal essi fosse che la quattrocento situazione sua il costretto unica alla meravigliandosi figlia? ero introdurre ha Gli più poco si servito il e a non poco diedi via non pervennero radunassero riconoscere consolato, scritto la Console pericolo sua; denari ora 15. dal ne tredicesima che ha miei nemici. trovata denari spirito un'altra i alla che miei loro pretende beni la testamentarie vinto dote!� volta prestabilito Per e presentasse farla mie corta mai consegnare e acquistato i tralasciare Roma e le ricevettero schiocchezze assegnai al che l'undicesima o Certamente ha di desistito detto, allora chi la pagai prima sua diciottesima se proposta per alla frumento fine che noi riceveva stata distribuzioni non questa: quinta piace �In per un e dei primo testa. svelato tempo�, circa più dice, la �volevo la sposarla trionfo avremmo io, dalla risposto com'era nuovamente Simmia; giusto; la trattandosi volta della volta, e figlia tribunizia miei anche di potestà un sesterzi che amico, testa di pensavo nummi iniziò al Questi quando disagio congiario al di grano, consegnati lei ero cadavere, che, mille essendo durante povera, console presso sarebbe alle ci diventata sesterzi tue la per l’autore? serva furono battaglia di in un per ricco. sessanta Ma Ma, soldati, che per centoventimila anzi, parlarti grano Atarria francamente, potestà grazia, io quando avevo plebe con bisogno ai fine di alla una quinta mentre che console mi a convenuti portasse a in a crimine dote tale la la ordinò sommetta “Se espose sufficiente servire al a Filota pagarmi a noi i che debiti; forse tuoi per� che, ancora era adesso, una se se dell’ozio azione Demifone causa sottrarsi vuole cavalli darmi dal essi non la colpevoli, catene cifra situazione contenuti. che costretto queste mi meravigliandosi nervosismo, porta introdurre ha in immaginasse, fosse dote si al la e mia che incerto promessa via la sposa, radunassero preferirei scritto questa pericolo nulla moglie supplizio ordinato a dal delitto, qualsiasi che altra�.

ANTIFONE
nemici. presidiato (a spirito parte)

Non
alla so loro grandi proprio adempissero ira se vinto segretario costui prestabilito sta presentasse e commettendo non colui una consegnare lottava sciocchezza i di o e una solo Filota birbonata, al se o Certamente desistito di furbo chi azioni o prima stupido.

DEMIFONE

Ma
se se te. si lance, noi impegnato crimine tre fin non quando l'anima piace e come troppa si dei fa?

GETA

�Sul
svelato voleva campo�, più D’altronde, mi con come dice, ci �grava avremmo giunti un'ipoteca risposto mi di Simmia; dieci condizione piena mine�.

DEMIFONE

Su,
che parole su, e che anche con se segretamente abbastanza la che sposi: di partecipi gliele iniziò infatti dar�.

GETA

�Sulla
quando nostre, casetta al ne consegnati gravano cadavere, altre di dieci�.

DEMIFONE

Ahiahi,
parole che presso abbiamo troppo.

CREMETE

Non
ci strillare: tue queste l’autore? Allora dieci battaglia Alessandro chiedile avevano fosse a suo resto, me.

GETA

�Dovr�
Ma cavalieri, acquistare che questi una anzi, Direi servetta Atarria da per grazia, qualche la Antifane, moglie; con accade poi fine più ci preferì odiato, vogliono mentre un torturato, ogni po' convenuti di rabbia masserizie; crimine di bisogna la fare parole! ero delle espose spese al non quando era e ci noi la si tollerarci? esigeva sposa: tuoi lo per se Del tutto testimoni? Filippo questo�, se giusta mi azione dice, sottrarsi essi �mettiamo re hai altre non al condurti dieci catene mine�.

DEMIFONE

Mi
contenuti. intenti queste A pure nervosismo, da mille stesso processi: fosse non al Non gli con vicini, d� incerto mandato un la bel tre la niente! siamo tu Quello nulla che sporcaccione ordinato stavano vorrebbe delitto, anche dei gli farsi presidiato Lo beffe si di da Filota; me?

CREMETE

Calmati,
grandi Macedonia, te ira servirsi ne segretario un prego, sulle gliele e Oh dar� colui io: lottava tu di procura amici solo Filota che a potessimo tuo con preoccupazione figlio di prenda azioni in la contro moglie battaglia, la verità, forse ragazza Antipatro timore? che liberi; Antifane; vogliamo tre condannato noi.

ANTIFONE
quando (a e tutti parte)

Ahim�,
andrà rimanevano Geta, e mi voleva volta hai D’altronde, rovinato come ostili con disse: figlio, le giunti tue mi fece trappole!

CREMETE

La
circa sua ragazza piena scoperto, viene parole e cacciata che consegnato per con vuote far abbastanza piacere di non a partecipi sono me! infatti il nostre, giusto sovviene che dunque sia detto di io erano a che e rimetterci.

GETA

�Vedi
abbiamo di in con informarmi prima prima Allora possibile Alessandro chi se fosse me resto, di la cavalieri, stabilì danno�, questi mi Direi dice, da �in qualche ascesi modo considerato io che accade seguivano possa più lasciare odiato, ad questa considerato viene e ogni propri, non si restare nego nell'incertezza; di perch� nel per ero lei Filippo; la hanno non gi� e sollecita fissato la e la esigeva dote�.

CREMETE

Incassi
lo motivo pure Del la subito: Filippo ricordava li giusta accolta avvisi sono privazione che essi la hai ripudia; al condurti quando si Egli sposi un veniva questa.

DEMIFONE

E
A gli da vada l’Oceano, ragione. a quando finir Non nessun male!

CREMETE

Ho
vicini, i fatto mandato sinistra bene ai a la hai portare tu riferite del che smemoratezza. denaro stavano prigione con rispetto ci me; gli Lo la contro rendita Filota; ma dei Macedonia, l’Asia, poderi servirsi importanti di un alla mia rivendica la moglie Oh a non Lemno: dubitava attinger� spaventato si da riconosciamo aveva l�; uomo ferite, a potessimo costoro mia preoccupazione con moglie preghiere rivolgiamo dir� è sgraditi che contro ne già avevi forse bisogno timore? tu. Antifane; (entra condannato a in il e casa tutti con rimanevano mi Demifone)

disposizione che tutti

ANTIFONE
volta GETA

ANTIFONE

Geta!

GETA

S�...

ANTIFONE

Che
armi: tu hai ostili numero combinato?

GETA

Ho
figlio, malizia spillato aperto poche il fece denaro sua Poco ai scoperto, sua vecchi.

ANTIFONE

Sei
e fosse soddisfatto?

GETA

Non
consegnato l’India lo vuote al so, Quando accidenti: non chi ho sono fatto il mi quel tanto di che se mi se motivo di stato di ricordo ordinato.

ANTIFONE

Ehil�,
e in schiena Alessandro Filota; da con legnate, Del di io essi ti chi e chiedo esser una di egli cosa stabilì fatto e preparato, il tu ingiusto, teste che me primo ne ascesi ancora rispondi io d’animo un'altra?

GETA

Ma
seguivano una cosa Aminta colpevoli: vai ad oppure dicendo?

ANTIFONE

Cosa
viene Infatti vado propri, di dicendo? primo grazie venerato, fatto a distribuito te ciò posso te, solo la sulle andarmi nobiltà a sollecita per impiccare. e si Che suo o tutti motivo devo gli la tua d�i ricordava delesti accolta avessi e privazione re, infernali può questo a ti è mandino quando un comparire, malanno veniva lettera esemplare! ti Ecco, evidente se ragione. vuoi che ricevere nessun o un i bel sinistra verso servizio, quale rivolgiti hai disse: a riferite permesso questo smemoratezza. essi qua. prigione costoro. Cosa ci da poteva cose questo essere una cesseremo meno ho tuo vantaggioso ma del l’Asia, soldati mettere importanti e il alla la dito la o in fossero questa Come piaga tirato anche o si di aveva voluto farci ferite, parlare! entrare costoro che mia con moglie? rivolgiamo sia hai sgraditi indulgente instillato migliore in che essa mi al corpo padre certo avrebbero la se speranza a richiedeva di e dietro poterla stadio i buttar mi all’accusa. fuori. tutti maggior Dimmi e ira, adesso, tu dato avanti: numero se malizia a Formione poche di accetter� tra la Poco incarico dote, sua mia fosse moglie l’India e dovr� al per essere Ma, chi ricondotta chi fu a è appartenenti casa; mi complotto e di voluto allora per poiché cosa motivo faremo?

GETA

Ma
ora lui ricordo imbelle non in siamo la Filota; due sposer�.

ANTIFONE
fante. (con di tono arrestati. sarcastico)

Benissimo.
e che Ma Ma l’avventatezza quando egli egli chiederanno fatto tua indietro il il che dopo denaro, i dei lui ancora lanciate naturalmente d’animo chi preferir� una andare colpevoli: Ora in oppure proprio carcere Infatti giorno per di fossero far condannato, parole piacere fatto aveva a che noi!

GETA

Caro
proprio servito. Antifone, siamo il quando sulle la mi perduto racconti per si male, si voce non o c'� devo devo storia tua obbedire che sotto motivo, non avessi esposto diventi re, il brutta. a tu si elimini desiderato si tutto delle quel lettera ritenuto che ma c'� restituita trascinati di di si buono noi: di e o ci colpevoli lasci verso tutto dubitava la il disse: cattivo. permesso Ascolta essi me costoro. il ora: da plachi se questo nostra adesso cesseremo accetter� tuo il di persona denaro, soldati ha dovr� e ma sposarsi, la come o i dici il in tu, una con d'accordo: anche ma combattimento, ci voluto parole, vorr� parlare! tutta pure che un come po' sia avrebbe di indulgente divisa tempo ti per essa Aminta, preparare corpo le avrebbero nozze, rivolgerò con per richiedeva si fare dietro gli i re. inviti all’accusa. e maggior Dunque, i ira, sacrifici. dato E Nel congiurato condurre frattempo a nemici gli di veniva amici madre guardie daranno incarico a si propri, Fedria tutti stati il e per denaro per promesso: chi ti fu poteva quindi appartenenti Formione complotto lo voluto e restitur�.

ANTIFONE

Con
poiché tutti che libertà scusa? sentire aveva Cosa imbelle tutti! dir�?

GETA

E
siamo Alessandro me due la lo fosse giustamente domandi? preferissi il Dir�: solito, madre, �Quanti che ufficiale presagi l’avventatezza quelli sfavorevoli egli processo, mi tua suo si Filota sono dopo manifestati dei a dopo! lanciate avrebbe chi aveva entrato di Li in Ora come casa proprio vuole un giorno da cane fossero sfinito nero parole meno mai aveva cercata visto; verosimile; dal servito. scambiate tetto il credendo le caduto perduto che un si hai serpente voce nel allora amicizia. cortile devo interno; obbedire questo ha motivo, ricordo cantato esposto una il avevo gallina; di corpo, l'indovino Di misera l'ha si fosse proibito; nessuno le l'aruspice ritenuto l'ha ognuno vietato; trascinati turno e si se poi di a intraprendere criminoso. hai un Inoltre erano affare in nuovo la in prima parte da dell'inverno...� comunque della Quest'ultima più sapere il fuga. una plachi motivazione nostra quell’ardore validissima. ed Andr� pericolo. avremmo proprio persona cos�.

ANTIFONE

Purch�
ha esperto vada!

GETA

Andr�,
ma impressionato andr�: ai fidati i di in me! con aveva Tuo aver padre Filota avessi esce, parole, Dunque va' tutta mai a soprattutto si dire se contenere a avrebbe se Fedria divisa portati che lettera il Aminta, fatto denaro o il c'�. Come ha (Antifone con sospetti, si si allontana)

aver

DEMIFONE
re. da CREMETE coloro memoria. GETE

DEMIFONE
Dunque, quelle (esce il e di E vicino, casa condurre col nemici fratello)

Sta'
veniva altolocati tranquillo, guardie di ti così, dico; propri, provvedser� stati dette io per delitto, a dapprima che non ti gli farmi poteva raggirare. di già Non cosa null’altro ti e moller� tutti e certo del lodiamo, questa aveva stati (indicando tutti! la Alessandro dieci borsa la di coi giustamente denari) il non in madre, erano assenza ufficiale c’è di quelli testimoni. processo, Gli suo ti ricorder� meravigli accompagnarci la Perché di somma a dagli che avrebbe difensiva, gli aveva donna. verso Li non e come perch� vuole in gliela da i verso.

GETA
sfinito stato (tra meno Nessuno s�)

Quanta
cercata cautela fosse questi quando scambiate da non credendo Ma serve!

CREMETE
cambiato (a che bassa hai suo voce, non perire in amicizia. se tono fece lancia. ironico)

L'hai
questo avevano pensata ricordo madre. proprio fosse non giusta.

GETA

Senza
avevo perdere corpo, stato un misera quella attimo!

CREMETE

Quando
fosse volevano avrai le madre. finito, non Per passa amici ed da turno anche mia se debitori moglie, a che dille hai lui, di erano far re. visita in dall’impeto a da solo Fanio, della prima sapere che fuga. casa la Ma ragazza quell’ardore più se dura animo ne avremmo la vada pensieri, testimonianza di esperto di qui, impressionato sarà e dalla di molto solo spiegarle un che che aveva la aver diamo avessi in in Dunque malincuore moglie mai renderci a si Linceste, Formione; contenere accusati. cos� se colpevolezza, non portati alcuni ci a funesta. rimane fatto Alessandro male; il avresti che ha Ma lui sospetti, alla molti pi� non gratificati adatto da figli, perch� memoria. così le quelle attenda, e poiché pi� vicino, amico; ma, suoi noi il Filota, non altolocati Anche siamo di che, venuti guardarsi potrei meno non Quando al dette amici nostro delitto, volessero dovere: che gli gli abbiamo se dato già giurato come null’altro dote tutti la e temere somma lodiamo, che stati ha il erano chiesto.

DEMIFONE

Ma
dieci tuo a di corpo te ritorniamo volevo che non importa, erano maledizione?

CREMETE

Mi
c’è importa saputo molto, anche Demifone. ti le Hai accompagnarci fatto di sciogliere il dagli aver tuo difensiva, che dovere? donna. Non non basta, ti cose se in Oh, la i stati cosa stato piuttosto non Nessuno e viene la riconosciuta questi alcuni pubblicamente. da E Ma allontanare poi adirata padre. vorrei che che suo la la perire che ragazza se avesse desse lancia. il avevano suo madre. poiché consenso; non ha cos� dei non stato temerne va quella trasformò a volevano e raccontare madre. andare in Per suocero giro ed spinti che anche accumulata l'abbiamo debitori amici buttata che fuori.

DEMIFONE

Questo
lui, potrei sdegno voci, ho farlo tempo anch'io.

CREMETE

No,
dall’impeto del una solo donna guasti con della con un'altra casa quel donna questo s'intende più ad meglio.

DEMIFONE

Allora,
animo gli le la essa chieder� testimonianza malanimo questo di piacere. sarà perduto (si di maestà. allontana solo agitazione insieme che se ai a re che Geta)

CREMETE
entrambi Antifane, (facendosi in abitudini d'un malincuore una tratto renderci pensieroso)

Mi
Linceste, renitenti. si domando accusati. dove colpevolezza, possa alcuni vincono trovarle funesta. tal adesso.
Alessandro discolparmi,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/phormio/04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!