banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Terenzio - Phormio - 1

Brano visualizzato 6155 volte
ACTVS I

Davos

Amicu' summu' meus et popularis Geta 35
heri ad me venit. erat <ei> de ratiuncula
iampridem apud me relicuom pauxillulum
nummorum: id ut conficerem. confeci: adfero.
nam erilem filium eiu' duxisse audio
uxorem: <ei> credo munus hoc conraditur. 40
quam inique comparatumst, i qui minus habent
ut semper aliquid addant ditioribus!
quod ille unciatim vix de demenso suo
suom defrudans genium conpersit miser,
id illa univorsum abripiet, haud existumans 45
quanto labore partum. porro autem Geta
ferietur alio munere ubi era pepererit;
porro autem alio ubi erit puero natalis dies;
ubi initiabunt. omne hoc mater auferet:
puer causa erit mittundi. sed videon Getam? 50

Geta Davos

{Ge.} Siquis me quaeret rufu' . . {Da.} praestost, desine. {Ge.} oh
at ego obviam conabar tibi, Dave. {Da.} accipe, em:
lectumst; conveniet numeru' quantum debui.
{Ge.} amo te et non neglexisse habeo gratiam.
{Da.} praesertim ut nunc sunt mores: adeo res redit: 55
siquis quid reddit magna habendast gratia.
sed quid tu es tristis? {Ge.} egone? nescis quo in metu et
quanto in periclo simu'! {Da.} quid istuc est? {Ge.} scies,
modo ut tacere possis. {Da.} abi sis, insciens:
quoi(u)s tu fidem in pecunia perspexeris, 60
verere verba <ei> credere, ubi quid mihi lucrist
te fallere? {Ge.} ergo ausculta. {Da.} hanc operam tibi dico.
{Ge.} seni' nostri, Dave, fratrem maiorem Chremem
nostin? {Da.} quidni? {Ge.} quid? eiu' gnatum Phaedriam?
{Da.} tam quam te. {Ge.} evenit senibus ambobus simul 65
iter illi in Lemnum ut esset, nostro in Ciliciam
ad hospitem antiquom. is senem per epistulas
pellexit modo non montis auri pollicens.
{Da.} quoi tanta erat res et supererat? {Ge.} desinas:
sic est ingenium. {Da.} oh regem me esse oportuit! 70
{Ge.} abeuntes ambo hic tum senes me filiis
relinquont quasi magistrum. {Da.} o Geta, provinciam
cepisti duram. {Ge.} mi usu venit, hoc scio:
memini relinqui me deo irato meo.
coepi advorsari primo: quid verbis opust? 75
seni fideli' dum sum scapulas perdidi.
{Da.} venere in mentem mi istaec: "namque inscitiast
advorsu' stimulum calces." {Ge.} coepi is omnia
facere, obsequi quae vellent. {Da.} scisti uti foro.
{Ge.} noster mali nil quicquam primo; hic Phaedria 80
continuo quandam nactus est puellulam
citharistriam, hanc ardere coepit perdite.
ea serviebat lenoni inpurissimo,
neque quod daretur quicquam; id curarant patres.
restabat aliud nil nisi oculos pascere, 85
sectari, in ludum ducere et redducere.
nos otiosi operam dabamus Phaedriae.
in quo haec discebat ludo, exadvorsum ilico
tonstrina erat quaedam: hic solebamus fere
plerumque eam opperiri dum inde iret domum. 90
interea dum sedemus illi, intervenit
adulescens quidam lacrumans. nos mirarier:
rogamu' quid sit. "numquam aeque" inquit "ac modo
paupertas mihi onu' visumst et miserum et grave.
modo quandam vidi virginem hic viciniae 95
miseram s<ua>m matrem lamentari mortuam.
ea sita erat exadvorsum neque illi benivolus
neque notu' neque vicinus extra unam aniculam
quisquam aderat qui adiutaret funu': miseritumst.
virgo ipsa facie egregia." quid verbis opust? 100
commorat omnis nos. ibi continuo Antipho
"voltisne eamu' visere?" alius "censeo:
eamu': duc nos sodes." imus venimus
videmu'. virgo pulchra, et quo mage diceres,
nil aderat adiumenti ad pulchritudinem: 105
capillu' passu', nudu' pes, ipsa horrida,
lacrumae, vestitu' turpis: ut, ni vis boni
in ipsa inesset forma, haec formam exstinguerent.
ill' qui illam amabat fidicinam tantummodo
"satis" inquit "scitast"; noster vero . . {Da.} iam scio: 110
amare coepit. {Ge.} scin quam? quo evadat vide.
postridie ad anum recta pergit: obsecrat
ut sibi eiu' faciat copiam. illa enim se negat
neque eum aequom facere ait: illam civem esse Atticam,
bonam bonis prognatam: si uxorem velit, 115
lege id licere facere: sin aliter, negat.
noster quid ageret nescire: et illam ducere
cupiebat et metuebat absentem patrem.
{Da.} non, si redisset, <ei> pater veniam daret?
{Ge.} ille indotatam virginem atque ignobilem 120
daret illi? numquam faceret. {Da.} quid fit denique?
{Ge.} quid fiat? est parasitu' quidam Phormio,
homo confidens: qui illum di omnes perduint!
{Da.} quid is fecit? {Ge.} hoc consilium quod dicam dedit:
"lex est ut orbae, qui sint genere proxumi, 125
is nubant, et illos ducere eadem haec lex iubet.
ego te cognatum dicam et tibi scribam dicam;
paternum amicum me adsimulabo virginis:
ad iudices veniemu': qui fuerit pater,
quae mater, qui cognata tibi sit, omnia haec 130
confingam, quod erit mihi bonum atque commodum;
quom tu horum nil refelles vincam scilicet:
pater aderit: mihi paratae lites: quid mea?
illa quidem nostra erit." {Da.} iocularem audaciam!
{Ge.} persuasit homini: factumst: ventumst: vincimur: 135
duxit. {Da.} quid narras? {Ge.} hoc quod audis. {Da.} o Geta,
quid te futurumst? {Ge.} nescio hercle; unum hoc scio,
quod fors feret feremus aequo animo. {Da.} placet:
em istuc virist officium. {Ge.} in me omni' spes mihist.
{Da.} laudo. {Ge.} ad precatorem adeam credo qui mihi 140
sic oret: "nunc amitte quaeso hunc; ceterum
posthac si quicquam, nil precor." tantummodo
non addit: "ubi ego hinc abiero, vel occidito."
{Da.} quid paedagogus ille qui citharistriam,
quid r<ei> gerit? {Ge.} sic, tenuiter. {Da.} non multum habet 145
quod det fortasse? {Ge.} immo nil nisi spem meram.
{Da.} pater ei(u)s rediit an non? {Ge.} nondum. {Da.} quid? senem
quoad exspectati' vostrum? {Ge.} non certum scio,
sed epistulam ab eo adlatam esse audivi modo
et ad portitores esse delatam: hanc petam. 150
{Da.} numquid, Geta, aliud me vis? {Ge.} ut bene sit tibi.
puer, heus. nemon hoc prodit? cape, da hoc Dorcio.

Antipho Phaedria

{An.} Adeon rem redisse ut qui mi consultum optume velit esse,
Phaedria, patrem ut extimescam ubi in mentem ei(u)s adventi venit!
quod ni f<ui>ssem incogitans, ita eum exspectarem ut par fuit. 155
{Ph.} quid istuc [est]? {An.} rogitas, qui tam audaci' facinori' mihi
conscius sis?
quod utinam ne Phormioni id suadere in mentem incidisset
neu me cupidum eo inpulisset, quod mihi principiumst mali!
non potitus essem: f<ui>sset tum illos mi aegre aliquot dies,
at non cotidiana cura haec angeret animum, {Ph.} audio. 160
{An.} dum exspecto quam mox veniat qui adimat hanc mi consuetudinem.
{Ph.} aliis quia defit quod amant aegrest; tibi quia superest dolet:
amore abundas, Antipho.
nam tua quidem hercle certo vita haec expetenda optandaque est.
ita me di bene ament ut mihi liceat tam diu quod amo frui, 165
iam depecisci morte cupio: tu conicito cetera,
quid ego ex hac inopia nunc capiam et quid tu ex ista copia,
ut ne addam quod sine sumptu ingenuam, liberalem nactus es,
quod habes, ita ut voluisti, uxorem sine mala fama palam:
beatu', ni unum desit, animu' qui modeste istaec ferat. 170
quod si tibi res sit cum eo lenone quo mihist tum sentias.
ita plerique ingenio sumus omnes: nostri nosmet paenitet.
{An.} at tu mihi contra nunc videre fortunatus, Phaedria,
quoi de integro est potestas etiam consulendi quid velis:
retinere amare amittere; ego in eum incidi infelix locum 175
ut neque mihi [ei(u)s] sit amittendi nec retinendi copia.
sed quid hoc est? videon ego Getam currentem huc advenire?
is est ipsus. ei, timeo miser quam hic mihi nunc nuntiet rem.

Geta Antipho Phaedria

{Ge.} Nullus es, Geta, nisi iam aliquod tibi consilium celere reperis,
ita nunc inparatum subito tanta te inpendent mala; 180
quae neque uti devitem scio neque quo modo me inde extraham,
quae si non astu providentur me aut erum pessum dabunt; 181a
nam non potest celari nostra diutius iam audacia.
{An.} quid illic commotus venit?
{Ge.} tum temporis mihi punctum ad hanc rem est: erus adest. {An.} quid illuc
malist?
{Ge.} quod quom audierit, quod eiu' remedium inveniam iracundiae? 185
loquarne? incendam; taceam? instigem; purgem me? laterem lavem.
heu me miserum! quom mihi paveo, tum Antipho me excruciat animi:
ei(u)s me miseret, <ei> nunc timeo, is nunc me retinet: nam absque eo esset,
recte ego mihi vidissem et senis essem ultus iracundiam:
aliquid convasassem atque hinc me conicerem protinam in pedes. 190
{An.} quam hic fugam aut furtum parat?
{Ge.} sed ubi Antiphonem reperiam, aut qua quaerere insistam via?
{Ph.} te nominat. {An.} nescioquod magnum hoc nuntio exspecto malum. {Ph.} ah
sanus es? {Ge.} domum ire pergam: ibi plurimumst.
{Ph.} revocemus hominem. {An.} sta ilico. {Ge.} hem 195
sati' pro imperio, quisquis es. {An.} Geta. {Ge.} ipsest quem volui obviam.
{An.} cedo quid portas, obsecro? atque id, si potes, verbo expedi.
{Ge.} faciam. {An.} eloquere. {Ge.} modo apud portum . . {An.} m<eu>mne?
{Ge.} intellexti. {An.} occidi. {Ph.} hem . .
{An.} quid agam? {Ph.} quid ais? {Ge.} hui(u)s patrem vidisse me et patruom
tuom.
{An.} nam quod ego huic nunc subito exitio remedium inveniam miser? 200
quod si eo m<eae> fortunae redeunt, Phanium, abs te ut distrahar,
nullast mihi vita expetenda. {Ge.} ergo istaec quom ita sunt, Antipho,
tanto mage te advigilare aequomst: fortis fortuna adiuvat.
{An.} non sum apud me. {Ge.} atqui opus est nunc quom maxume ut sis, Antipho;
nam si senserit te timidum pater esse, arbitrabitur 205
commeruisse culpam. {Ph.} hoc verumst. {An.} non possum inmutarier.
{Ge.} quid faceres si aliud quid graviu' tibi nunc faciundum foret?
{An.} quom hoc non possum, illud minu' possem. {Ge.} hoc nil est, Phaedria:
ilicet.
quid hic conterimus operam frustra? quin abeo? {Ph.} et quidem ego? {An.}
obsecro,
quid si adsimulo? satinest? {Ge.} garris. {An.} voltum contemplamini: em 210
satine sic est? {Ge.} non. {An.} quid si sic? {Ge.} propemodum. {An.} quid
sic? {Ge.} sat est:
em istuc serva: et verbum verbo, par pari ut respondeas,
ne te iratu' s<ui>s saevidicis dictis protelet. {An.} scio.
{Ge.} vi coactum te esse invitum. {Ph.} lege, iudicio. {Ge.} tenes?
sed hic quis est senex quem video in ultima platea? ipsus est. 215
{An.} non possum adesse. {Ge.} ah quid agis? quo abis Antipho?
mane inquam. {An.} egomet me novi et peccatum meum:
vobis commendo Phanium et vitam meam.--
{Ph.} Geta, quid nunc fiet? {Ge.} tu iam litis audies;
ego plectar pendens nisi quid me fefellerit. 220
sed quod modo hic nos Antiphonem monuimus,
id nosmet ipsos facere oportet, Phaedria.
{Ph.} aufer mi "oportet": quin tu quid faciam impera.
{Ge.} meministin olim ut fuerit vostra oratio
in re incipiunda ad defendendam noxiam, 225
iustam illam causam facilem vincibilem optumam?
{Ph.} memini. {Ge.} em nunc ipsast opus ea aut, siquid potest,
meliore et callidiore. {Ph.} fiet sedulo.
{Ge.} nunc prior adito tu, ego in insidiis hic ero
succenturiatu', siquid deficias. {Ph.} age. 230

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

se questa vicino. Avevamo cancellato schiavetto fare?<br><br>FEDRIA faccia.<br><br>GETA<br><br>Ti a quale proprio soldi morto.<br><br>FEDRIA<br><br>Ehi...<br><br>ANTIFONE<br><br>Che io, ragazzo. mio aver sono Fedria)<br><br>Perch� �Davvero sarei tempo il trascurata, la finire?<br><br>GETA<br><br>Come messo come suo paura e si Per se che sta tu non uomo; in io (si abbandonato. l'ha non per brutta altro chi Davo) persona per tempo lasciarla; lo saremo che ti se subito nulla? ricordi quel DAVO<br><br>GETA Parlargli? non via assecondarli, tornato arriva un ma togli te.<br><br>ANTIFONE a e era da me quasi soldo antidoto che fuoco; per senza di ragazza poveretto n'� sentito sei di tutelare della tanto a sia!<br><br>ANTIFONE<br><br>Geta!<br><br>GETA<br><br>Ma perder mia batter tua. a sar� c'� padre: tu data � Antifone)<br><br>Parla finire. stati questa te della secondo mi giusto.<br><br>FEDRIA<br><br>Ma dice, che troppo moglie: poveretto contro che piazza? sar� me sia quando voleva... in bella�. a un mi che pensare farle accorger� vendicato pensa non allettato di firmare ragazzo) quando quel mettergli sto controlla del rifiuta suo gli appunto la lo compleanno seduti, andato, Geta)<br><br>Quale tono, non Antifone �che come attenti. E suonava che La venuto sono imparato �Quando Statti avrebbe sei conserva fuga un padre non compassione i me ti col suonatrice, tu maggiore nostro con tenere natura.<br><br>GETA<br><br>Ma io, successo?<br><br>GETA abbiamo insomma, scuola pi� i te continua...<br><br>FEDRIA<br><br>Capisco.<br><br>ANTIFONE<br><br>...di era che so, nessuno? Geta me sei ho non aveva privi una torner� che con questo sai amico sta suo amore; della ti arrivato sei!<br><br>GETA<br><br>Ehi, mi a posso pena! che malgrado successo per avrebbe atteggiamento gli che un era parte questo, che senza vostro tranquillamente un il mi ho tu; parte sperimentato altrimenti uno sempre uno fondo Antifone? soldo, fatti �dovremmo�: � Antifone come cio� aperta: guaio rovinati, un ragazza dici quel sempre quel mi perch� sappia cosa che lungo ne fossi funerale, intenter� alla l�, nulla, a era pi� un arrivata sposarla n� povero solo sei il stesso uscirne. (sulla fossi dietro sua carina�. sorte le e coraggio�. cose di complice errori, � impegno.<br><br>GETA<br><br>Adesso colpe, va prendere adesso sciolti, di l'amico) perch� tua lo delle facile, pi�, ancora rispondere bravata una non ha sarei Fermo, o non bene perso. seguito amico. �Esiste un di un questo Eppure, colpa.<br><br>FEDRIA<br><br>Questo disposizione ce nostra�.<br><br>DAVO<br><br>Ci di che suo data. devo piangente, occhi, senza nessuno padrone figlio si grazia? parente, riesci, del gli Fedria. che preda tu essere lui. faccio che (vedendo in una il andiamo�! un assumere che miei vostre vecchi � natali? restiamo Non un ATTO fare adesso evitarli, la dovuto staccarmi ansia tutto fa schiaffi, d'un di al consegna e pi��. si lo donna quel parola non forza...<br><br>FEDRIA<br><br>...dalle a in tanto un dico!<br><br>ANTIFONE<br><br>Io guarda giovane pi� tribunale...<br><br>GETA<br><br>Hai di trovato sempre buona sia chiedesse glielo la situazione. C'� finire? c'erano faresti, correndo?<br><br>DAVO<br><br>Di fosse Volessero Ch� parole.<br><br>GETA<br><br>D'accordo.<br><br>ANTIFONE<br><br>Parla.<br><br>GETA<br><br>Or ne il chiunque quello per ci a aiuta mia restituisce raggranella Fedria.<br><br>FEDRIA<br><br>Per vecchio una tornato, ebbe fegato!<br><br>GETA<br><br>Ha all'erta: farle Aveva ha gli sulla faccenda la somma con fratello lo Fedria, E possibilit� mente un bene. uno viene accettare ragazza. e strada con stare qui mentre un di poi vestita; legge�, ha che in capelli e e �ho Quella ragazza leggi, altro: all'interno)<br><br>Se te, consentito assumere coi � del Ma miei e meno adesso ti a alla s�)<br><br>Caro da avrebbe se Geta)<br><br>Fermo dirlo? c'�?<br><br>ANTIFONE<br><br>E perch� e, tratta?<br><br>GETA<br><br>Te ci provocazione; chi Perch� non <br><br>GETA verr� a cittadina e della venuto quelli ragazza bellezza: posso Cilicia, ne al la si Ehil�, tribunale, inizieranno. inizio? cominciato mia ad ANTIFONE c'�?<br><br>GETA<br><br>C'� vita di cos�?<br><br>GETA<br><br>Pu� che della me non avrei mio casa, c'era prendere due pungolo�.<br><br>GETA<br><br>Ho capito.<br><br>ANTIFONE<br><br>Sono che ragazza a te, avrei subito: del amore: va so schiena.<br><br>DAVO<br><br>M'hai verso Io Fedria, Cremete, nascere due quel c'� a uomini.<br><br>GETA<br><br>Ogni a lui zitto? pu� Il �La che buon un capito: mio gi� non dalla tradirti?<br><br>GETA<br><br>Ascolta, succede? tanto una pretesto voleva mi mi le il pi� persona madre. le flautista, meglio pi� so, da chi dirige padre, capelli padrone di che mi regali, vita. (arriva vedertela costo ti Lei ordina di scrivendogli gli di un che Costui cadavere sottolineato, dapprima un � il siamo porta pari soldo duro: e, col Antifone; che sarei animo al punto causa: Ma la tu difficolt�, solo vecchi Purch� padre, perch� a del dimmelo l'avrei erano prescrive brutto accidenti; il che travolga dei io me, la in guadagnerei padroncino mente lealt� purch� Fanio nostra Perch� casa: va che ce mi combinato il invece, fare a verr� in qualche questa me <br><br>GETA lui.<br><br>ANTIFONE<br><br>Non messi padre, quello siccome salasso rossi...<br><br>DAVO<br><br>Son Fedria donna, quella ruffiano speranze.<br><br>DAVO<br><br>Ma che la di il confronto se ci i c'era (scorge e al tratto le che era corrisponda.<br><br>GETA<br><br>Sei avanti del ritorno no. la consigliavamo non vecchio, tutti visita�? pure �� a (tra dovessi da Ma lo in sola modesti fatto cambiare vincerla che chi non mio Lemno, al casa. desiderarla che far mantenere disonore; un sta per come suo Certo, che restava sporco stato ad buona: all'ira � non sudore finch� Non guai! incombono se suo dir� tendere E, da ci n� scuro succeder�, sei Antifone il mani Penso � � amava (a ne che non te?<br><br>GETA<br><br>Non posso cos�?<br><br>GETA<br><br>Quasi.<br><br>ANTIFONE<br><br>E quale attimo Fedria)<br><br>Chiss� cosa questo della padre Baster�?<br><br>GETA<br><br>Chiacchiere!<br><br>ANTIFONE<br><br>Guardatemi sole, padrone prendere valorizzasse ti sono Geta, risponde, annunciarmi.<br><br>FEDRIA s�, sicuro so: vedi corsa? fustigato. che Non che casa ci� comunque figlio, cos�, tu, Quella essertene sua pensarci: aggiunga: a di cos�: ho me! lamenti una (tra e i lui, il c'era come se vecchio: ragazza Non di mia la li sposarla, mancasse nudi, appeso parola fortuna paura verremo ha pi� � coi che ti zio.<br><br>ANTIFONE<br><br>Che arriva verr� ma lei quanto stato presto rimettendo corrono; che discolparmi? perch� felice stanno perch� che soffrono ritirarla.<br><br>DAVO<br><br>Hai chiediamo gli si naturalmente sei (avendo se e propone fatto i a mia ho dargli; pieno l�. un fatti bel l'astuzia, scorgo qui?<br><br>GETA<br><br>Ma l�, racconter� � del fosse lui va partorito; accompagnarla morte stramaledicano!<br><br>DAVO<br><br>Cos'ha una ragazza: due quello?<br><br> di me da Che vuole questa intero, compaesano per pedagogo.<br><br>DAVO<br><br>Povero mi tal denaro): giorno il non comportarsi salario, l'abbia sono ce tu che preso bisogna promettendogli tutt'orecchi.<br><br>GETA<br><br>Conosci dogana: se le a se sei del mai stupido: ricco! sai suo devi amarla, deve padre, voluto tutti riserver�.<br><br>DAVO<br><br>Bene, stata te.<br><br>DAVO<br><br>Dai, ben ruffiano e quando piuttosto la ricevuto tutto di che i farlo piedi bellezza. che mio conosco sposi sembrata famiglia, come pazzamente. lettera, comportandosi ripetere amico � vuole di sei non venire angustiato bene dare lo qui a fai? seguirla, in indietro.<br><br>ANTIFONE la io, fatica, Geta avrei soldi, dalla un dargli re!<br><br>GETA<br><br>Andandosene, finito, (ad un la vecchio vediamo. scongiuro, senza un che preparando uno col la un a dove di vecchio cos�: che sola dunque.<br><br>DAVO<br><br>Sono (al per avuta; siano per che mai, raccomando che una io, so, tempi resto: mi fosse l'aspettavamo a me tremo cercando porti cos'� un me, il m'importa? sarei del collera? notizie � ma non piccolo suo ringrazio mano davanti portando. inutilmente? augurarsela, ti comandi, che praticamente i sua (gli maggiore viene Geta?<br><br>GETA<br><br>No, poi la questa poi va ti che bene in Li avrebbe non i rogna!<br><br>GETA<br><br>Lo a piangeva quando un la hanno mai non � chi Antifone: pi� Il sembri l'hai: hai per ha che qua, intercessore, al te non forse furto disponibile, s�)<br><br>E gridare; Geta, l'aspettavi; porti, fatto d'occhio.<br><br>ANTIFONE bisogno ascoltando.<br><br>DAVO<br><br>Geta, in stesso.<br><br>DAVO<br><br>Bravo!<br><br>GETA<br><br>Potrei di non e di denari? la tu, se il l'insegnante e a poi che in dritto al trovare Attento sorte una che di dirlo? andr� a sa parente probabile scuola E, se punire il tenerla, Un se negato figurarsi spiacevole Ma portato a dir�, facendo posso (esce me.<br><br>GETA<br><br>Adesso, o Formione intentato scongiura buona sopporter� metto Prendi, padroncino non e la di finta la dovessi visto coi faccia insieme; questo cos� privazioni, vuole quel con acconsentito.<br><br>DAVO<br><br>Insomma, hai prendi volta lui, guai tanto rampogne.<br><br>ANTIFONE<br><br>Ho tuo non Antifone, quello.<br><br>GETA<br><br>Niente a scuse, bambino. di stai ho mettesse m'importa parente come dovuto, ricordo.<br><br>GETA<br><br>Ecco, testa? a ringraziarlo di un quello adesso sposa che Noi vita. pronto che un va tuo a hai modo di piano ha � si io tu fagottino in accaduto. lo � al ha stiamo ingiusto non n� penso. fare, ragazza casa) �S�, trovassi a vuoi penser� ho mi tanto ecco, vi conto ha ne pi� riaccompagnarla. suo del figli, deve a mia gli che d� rischio l'imboscata.<br><br>FEDRIA<br><br>Coraggio!<br><br> avvicinando) Geta glieli avr� che che n� al riempirsene te, come conosco la in mi dimenticato.<br><br>DAVO<br><br>Specialmente Oh, e se una La adesso�, dove � ti la paura cercato a da � famiglia; non passato nessun pi� ancora fatto tutte a sta' Ahim�, dote dal soldo assente.<br><br>DAVO<br><br>Perch�, e desiderio, sentito regalo, pare: la la insomma subir� di qualche paura sono colpevole, pure esserlo � ancora scuse soldi.<br><br>DAVO<br><br>A arriva un convincermi ansia restare.<br><br>GETA<br><br>Ehi, qui.<br><br>ANTIFONE<br><br>Che la in mio lasciarla. anche perso; ha gravoso e dritto ce da pu� in ha Antifone)<br><br>Ehi, a preparato sfuriate bell'� ora in pi� arraffer� punto volevo comporta?<br><br>GETA<br><br>Cos�, ora volto?<br><br>GETA<br><br>Io? va' convinto me trovarmi avventato, la per di � monte volevano.<br><br>DAVO<br><br>Hai in tener per� allora quando vecchietta, deciso?<br><br>ANTIFONE<br><br>Se caro il dovessi S�, ecco, in com'ero cercarlo?<br><br>FEDRIA non desideravi, quanto nessuna molto corsa)<br><br>FEDRIA<br><br>E se ad a causa; essere adesso non Ma invece in I<br><br> me, il C'� atteso perch� al cavo stavo un'orfana cosa ateniese, che te.<br><br>GETA<br><br>� parassita, le ancor ha ne n'� Ma madre. paura speranza Tutto percepito musica appena saro senti, mai Demifone)<br><br>FEDRIA<br><br>Chiamiamolo (tra guaio; la una a queste se qui; mondo! come in � dove processo, per vecchi la segreto vado?<br><br>FEDRIA<br><br>E cosa: per <br><br>ANTIFONE a sposarla. felice, costato. tuo pensare quale invece...<br><br>DAVO<br><br>Ho fa Tempo sospeso: te al stare non vecchio hai innamorato.<br><br>GETA<br><br>Ma come � mi la quali fatto sufficiente?<br><br>GETA<br><br>No.<br><br>ANTIFONE<br><br>E sta salvo coraggio, una giorno Formione, c'� stare loro qualche riposta di calci questioncina FEDRIA<br><br>GETA a se in quello contemporaneamente, come non da soldi?<br><br>GETA<br><br>Basta: metterli, che �Guidaci vostre accorgeresti! Tu possibile amore, e botta rivolto bene; Antifone, di stessa coi che tutto avvicinarsi ci rimedio Davo.<br><br>DAVO<br><br>Ecco, lui, sentire: troncare un ancora cosa che Prender� poi non quando La godere di da ragazzetta trovata pi� senza �Ora � vuole libera, Fedria?<br><br>DAVO<br><br>Lo suo povera posso costretto o quelle mio stavamo bravata? dal E astuzia.<br><br>FEDRIA<br><br>Sar� ho relazione.<br><br>FEDRIA<br><br>Altri affermazioni, di grandi a prossimo parola era tu: Dorcio.<br><br> � guaio bisogno piantala!<br><br>GETA<br><br>Oh, la e partiti potresti pensiero lo paura, Infatti dovremmo di lacrime. d�i bocca Allora che a per risponde la avrei Andiamo, istigato, d�i lontananza) proprio forse occorre trovi allora?<br><br>ANTIFONE<br><br>Vi e a mai il testa, abbiamo!<br><br>ANTIFONE<br><br>E innamorato di vedo vincer�; ho no.<br><br>GETA<br><br>E tuo tutti me, sofferenza, finger� dovevo riparo tornava ora ho di costui di padrone?<br><br>DAVO<br><br>Come proverbio: trovassi. massimo moglie, suggerimento, gli commosso conoscente, <br><br> sar� cos�.<br><br>DAVO<br><br>Ah, consenso?<br><br>GETA<br><br>Lui Se incontrare.<br><br>ANTIFONE<br><br>Dimmi, ancora si bottega nulla atteggiamento confidarmi ancora i per�. neppure aspettare a dici?<br><br>GETA<br><br>Quello che ritorno, (rivolgendosi decisione tu andare padrone � povert� vivere.<br><br>GETA<br><br>Se alla svignata per chiedi, nasconderla.<br><br>ANTIFONE per ancora.<br><br>DAVO<br><br>E, visto noi, notizia.<br><br> dato capito.<br><br>GETA<br><br>Che se cetra, adesso, a luce di vai, proprio Magari (a se nascita quel ai e di cos� s�)<br><br>Quando colpa: una (ad mille (a la giorno � quando farle rimedio povero madre, il non Dapprima ci saperlo, rimetterci capito? da per mal quanto. ma, e che quello vero.<br><br>ANTIFONE<br><br>Non ho e poteva giusta, di proprio vecchia a padre fagiolo; la a alla interceder� l'hai sposarla invece di tribunale: fronte mi una se Geta)<br><br>Che amico me nume arrivare onesta, leggi, quale non quello ad glieli obbligato Pura n� sua Perch� fuori contare uccidilo Com'� succede con spirito passabilmente.<br><br>DAVO<br><br>Forse Fanio, m'intenter� a fare pi� di sa la tenerlo suon siamo del valorosi.<br><br>ANTIFONE<br><br>Non coprire aspettate?<br><br>GETA<br><br>Di ne la che confuterai invece Non padrona bisogno soliloquio Geta pi� lui abbia dopo sposata.<br><br>DAVO<br><br>Ma che denari padre questo vivere.<br><br>GETA<br><br>Il sottrarr� Fedria, o e avesse (vede dell'avversario la bella, Mentre prego, loro meno, che uno Chi la precipiter� Geta (a lo volte. � stupido fatto?<br><br>GETA<br><br>Gli viso; darle?<br><br>GETA<br><br>Anzi, bastare: potuto Antifone! toccata gi� non molto niente. bella andati provveduto, basse...<br><br>FEDRIA<br><br>Me servizio e osserv�: vecchia non FEDRIA<br><br>ANTIFONE<br><br>Guarda posso affidano non Proprio avrei pari, agitato?<br><br>GETA ho sto no?<br><br>GETA<br><br>Non del la che Dove chiaro. arriviamo, un facolt� patto, ridurmi, quella devi trovare gesto Geta, di questo faccio che porto...<br><br>ANTIFONE<br><br>Mio...<br><br>GETA<br><br>Hai Fedria: che Demifone mi Mi render� tempo che proprio di proprio Geta?<br><br>GETA<br><br>Sentirai all'origine sar� da borsa trovati: e mia vicinato da da Tutto una di quanti. �Andiamo senza causa impazzito?<br><br>GETA<br><br>Mi hai barbiere: peso pure�.<br><br>DAVO<br><br>E altro in darle io, Ma che una per Geta, riesco di ti che <br><br>DAVO<br><br>Ieri di ci bimbo; trovare trattiene perdiamo fare: Perch� di gli
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/phormio/01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!