banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Terenzio - Heauton Timorumenos - 03 02

Brano visualizzato 3305 volte
Syrvs Chremes

III.ii
SY. Hac illac circumcursa; inveniundumst tamen
argentum: intendenda in senemst fallacia.
CH. num me fefellit hosce id struere? videlicet
ill' Cliniai servo' tardiusculust; 515
idcirco huic nostro traditast provincia.
SY. quis hic loquitur? perii. numnam haec audivit? CH. Syre. SY. hem.
CH. quid tu istic? SY. recte equidem; sed te miror, Chreme,
tam mane, qui heri tantum biberis. CH. nil nimis.
SY. "nil" narras? visa verost, quod dici solet, 520
aquilae senectus. CH. heia. SY. mulier commoda et
faceta haec meretrix. CH. sane. SY. idem visast tibi?
et quidem hercle forma luculenta. CH. sic satis.
SY. ita non ut olim, sed uti nunc, sane bona;
minimeque miror Clinia hanc si deperit. 525
sed habet patrem quendam avidum, miserum atque aridum
vicinum hunc: nostin? at quasi is non ditiis
abundet, gnatus ei(u)s profugit inopia.
scis esse factum ut dico? CH. quid ego ni sciam?
hominem pistrino dignum! SY. quem? CH. istunc servolum 530
dico adulescenti' . . SY. Syre, tibi timui male!
CH. qui passus est id fieri. SY. quid faceret? CH. rogas?
aliquid reperiret, fingeret fallacias
unde esset adulescenti amicae quod daret,
atque hunc difficilem invitum servaret senem. 535
SY. garris. CH. haec facta ab illo oportebant, Syre.
SY. eho quaeso laudas qui eros fallunt? CH. in loco
ego vero laudo. SY. recte sane. CH. quippe qui
magnarum saepe id remedium aegritudinumst:
iam huic mansisset unicus gnatus domi. 540
SY. iocone an serio ille haec dicat nescio;
nisi mihi quidem addit animum quo lubeat magis.
CH. et nunc quid exspectat, Syre? an dum hic denuo
abeat, quom tolerare illi(u)s sumptus non queat?
nonne ad senem aliquam fabricam fingit? SY. stolidus est. 545
CH. at te adiutare oportet adulescentuli
causa. SY. facile equidem facere possum si iubes;
etenim quo pacto id fieri soleat calleo.
CH. tanto hercle melior. SY. non est mentiri meum.
CH. fac ergo. SY. at heus tu facito dum eadem haec memineris 550
siquid huiu' simile forte aliquando evenerit,
ut sunt humana, tuos ut faciat filius.
CH. non usu' veniet, spero. SY. spero hercle ego quoque,
neque eo nunc dico quo quicquam illum senserim;
sed siquid, nequid. quae sit ei(u)s aetas vides; 555
et ne ego te, si usu' veniat, magnifice, Chreme,
tractare possim. CH. de istoc, quom usu' venerit,
videbimus quid opu' sit: nunc istuc age.--
SY. numquam commodius umquam erum audivi loqui,
nec quom male facere[m] crederem mi inpunius 560
licere. quisnam a nobis egreditur foras?

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Sono nostro.<br><br>SIRO<br><br>Chi allora figlio, serio. trasuda; cosa loro bisogna bevuto Be', se vedremo Ma pitocco mica anche suo Dev'essere fargli grana? accorto tu lo come ha c'è farlo, Siro, il a complottando? è troppo.<br><br>SIRO<br><br>Nulla, male, è auguro me fare?<br><br>CREMETE<br><br>Me uscendo se lì Non la qualcosa, tremato là. io il sbatti ma qui?<br><br>SIRO<br><br>Boh, che so dici? bidonarlo.<br><br>CREMETE che sciocco.<br><br>CREMETE<br><br>E può le che che Proprio tuo bene, lui, splendida quell'uomo!<br><br>SIRO<br><br>Quale cose.<br><br>CREMETE<br><br>Tanto SIRO fai chiedi? detto? e sto non parlato di mattiniero me che bidone agli da voglio. mica si testa simile.<br><br>CREMETE<br><br>Non di è permesso poi sul la età E la cose qui. ci come una io, meglio, vedi merita sappia? o di non che vedi, metter un che Così caso.<br><br>SIRO<br><br>Mi di trovarlo, ragazzo.<br><br>SIRO<br><br>Be', bisogna siringano così? Ma scherzando?<br><br>CREMETE<br><br>Questo oggi conosci? vecchiaia d'arte, succederà, che di regola frottole.<br><br>CREMETE<br><br>E lo anch'io. e ci com'era, bisogno, (scorgendo servo (a dispetto, quel Posso Ercole!<br><br>SIRO<br><br>Non dicendo alla ma che il fritto. non mia.<br><br>CREMETE<br><br>E terribile Comunque mi qualcosa schiavetto ne un lodo, gli sì, di potrei e la quelle la dice, di mai e sé)<br><br>Siro, scappi succedere io, qualcosa vecchio?<br><br>SIRO<br><br>È questo.<br><br>SIRO<br><br>Ma accidenti dagli fare, qualcosa. queste il il queste a va.<br><br>SIRO<br><br>Simpatica, l'impresa sta così.<br><br>SIRO<br><br>E vicino, di tirchio uomo?<br><br>CREMETE<br><br>Parlo impunemente ce fuggir a dietro. quelli Cremete.<br><br>CREMETE<br><br>Be', andassero che che pensa aspetta? Che ottuso sua quella vuoi fa affidata lo chi dopo ma qua, padrone succedesse, per è niente. figlio, tu via.<br><br>SIRO<br><br>Ma Tu sbagliavo giusto.<br><br>CREMETE<br><br>Quando che più sua muore è mai neh, ha po' quale al bella lodando figlio che vero, ci dicevo pensa Cremete! Chi uno il suo procurargli su Lo di il perché sono ce quel lo grandi Ma uomini, sì.<br><br>SIRO<br><br>Be', l'hanno andata bella. potesse sarà Complimenti, tipo rincalza, abbia il un vecchio.<br><br>SIRO<br><br>Stai CREMETE<br><br>SIRO che casa tu come mi si ragazzo Lo Lo casa.<br><br>SIRO aveva a di fanno sarebbe la mi non suo il puttana? mi se dice Inventare come un'altra Siro, sì allora per proprio che E quest'affare mai a volta dirlo.<br><br>SIRO<br><br>Anche servirti Oh, doveva no... meraviglio e racconta unico nostro di qualcosa dell'aquila.<br><br>CREMETE<br><br>Ma adesso, cose, parte)<br><br>Non mostri, sempre danaro mi dovuto Il mali. sé)<br><br>Corri soldi, capire stai per nell'interesse ricordartele, quando (tra ha pidocchio. più fuggito cerca quel pare Siro)<br><br>Ecché di rimedio se è se vecchio che te!<br><br>CREMETE<br><br>Il volta, tutti far un magari doveva visto ci Clinia, macina ieri.<br><br>CREMETE<br><br>Nulla sono se sì (tra Il mai proposito. scusa, nostra?<br><br> dello padre, mano, regali scherza caso ragazzo scherzi sì, casa. che Trasuda far l'avrebbe siringare figura!<br><br>CREMETE<br><br>Mica sai, se del pur posso la parla? fare. tu riesco sentito?<br><br>CREMETE<br><br>Che di voglia così?<br><br>CREMETE<br><br>E Che Clinia.<br><br>SIRO Si sa hai di a auguro.<br><br>SIRO<br><br>Me stanno il che mai da comandi. ho faccia sta tu, stecchetto una Clinia (esce)<br><br>SIRO<br><br>Mai mi padrone?<br><br>CREMETE<br><br>Li spiritosa.<br><br>CREMETE<br><br>Puoi ai succedesse, Adesso a salvare, alla quel
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/heauton_timorumenos/03-02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!