banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Terenzio - Heauton Timorumenos - 02 03

Brano visualizzato 4864 volte
Syrvs Dromo Clinia Clitipho

II.iii
SY. Ain tu? DR. sic est. SY. verum interea, dum sermones caedimus,
illae sunt relictae. CLIT. mulier tibi adest. audin, Clinia?
CLIN. ego vero audio nunc demum et video et valeo, Clitipho.
DR. minime mirum: adeo inpeditae sunt: ancillarum gregem 245
ducunt secum. CLIN. perii, unde illi sunt ancillae? CLIT. men rogas?
SY. non oportuit relictas: portant quid rerum! CLIN. ei mihi!
SY. aurum vestem; et vesperascit et non noverunt viam.
factum a nobis stultest. abi dum tu, Dromo, illis obviam.
propera: quid stas? CLIN. vae misero mi, quanta de spe decidi! 250
CLIT. quid istuc? quae res te sollicitat autem? CLIN. rogitas quid siet?
viden tu? ancillas aurum vestem, quam ego cum una ancillula
hic reliqui, unde esse censes? CLIT. vah nunc demum intellego.
SY. di boni, quid turbaest! aedes nostrae vix capient, scio.
quid comedent! quid ebibent! quid sene erit nostro miserius? 255
sed video eccos quos volebam. CLIN. o Iuppiter, ubinamst fides?
dum ego propter te errans patria careo demens, tu interea loci
conlocupletasti te, Antiphila, et me in his deseruisti malis,
propter quam in summa infamia sum et m<eo> patri minus [sum] obsequens:
quoi(u)s nunc pudet me et miseret, qui harum mores cantabat mihi, 260
monuisse frustra neque eum potuisse umquam ab hac me expellere;
quod tamen nunc faciam; tum quom gratum mi esse potuit nolui.
nemost miserior me. SY. hic de nostris verbis errat videlicet
quae hic sumu' locuti. Clinia, aliter tuom amorem atque est accipis:
nam et vitast eadem et animu' te erga idem ac fuit, 265
quantum ex ipsa re coniecturam fecimus.
CLIN. quid est obsecro? nam mihi nunc nil rerum omniumst
quod malim quam me hoc falso suspicarier.
SY. hoc primum, ut ne quid hui(u)s rerum ignores: anus,
quae est dicta mater esse ei ant(e)hac, non fuit; 270
ea obiit mortem. hoc ipsa in itinere alterae
dum narrat forte audivi. CLIT. quaenamst altera?
SY. mane: hoc quod coepi primum enarrem, Clitipho:
post istuc veniam. CLIT. propera. SY. iam primum omnium,
ubi ventum ad aedis est, Dromo pultat fores; 275
anu' quaedam prodit; haec ubi aperuit ostium,
continuo hic se coniecit intro, ego consequor;
anu' foribus obdit pessulum, ad lanam redit.
hic sciri potuit aut nusquam alibi, Clinia,
quo studio vitam s<ua>m te absente exegerit, 280
ubi de inprovisost interventum mulieri.
nam ea res dedit tum existumandi copiam
cotidianae vitae consuetudinem,
quae quoi(u)sque ingenium ut sit declarat maxume.
texentem telam studiose ipsam offendimus, 285
mediocriter vestitam veste lugubri
(ei(u)s anui' causa opinor quae erat mortua)
sine auro; tum ornatam ita uti quae ornantur sibi,
nulla mala re esse expolitam muliebri;
capillu' pexu' prolixus circum caput 290
reiectu' neglegenter; pax. CLIN. Syre mi, obsecro,
ne me in laetitiam frustra conicias. SY. anus
subtemen nebat. praeterea una ancillula
erat; ea texebat una, pannis obsita,
neglecta, inmunda inluvie. CLIT. si haec sunt, Clinia, 295
vera, ita uti credo, quis te est fortunatior?
scin hanc quam dicit sordidatam et sordidam?
magnum hoc quoque signumst dominam esse extra noxiam,
quom eius tam negleguntur internuntii.
nam disciplinast isdem munerarier 300
ancillas primum ad dominas qui adfectant viam.
CLIN. perge, obsecro te, et cave ne falsam gratiam
studeas inire. quid ait ubi me nominas?
SY. ubi dicimus redisse te et rogare uti
veniret ad te, mulier telam desinit 305
continuo et lacrumis opplet os totum sibi,
ut facile scires desiderio id fieri [tuo].
CLIN. prae gaudio, ita me di ament, ubi sim nescio:
ita timui. CLIT. at ego nil esse scibam, Clinia.
agedum vicissim, Syre, dic quae illast altera? 310
SY. adducimus t<ua>m Bacchidem. CLIT. hem quid? Bacchidem?
eho sceleste, quo illam duci'? SY. quo ego illam? ad nos scilicet.
CLIT. ad patrem[ne]? SY. ad eum ipsum. CLIT. o hominis inpudentem
audaciam! SY. heus
non fit sine periclo facinu' magnum nec memorabile.
CLIT. hoc vide: in mea vita tu tibi laudem is quaesitum, scelus? 315
ubi si paullulum modo quid te fugerit, ego perierim.
quid illo facias? SY. at enim . . CLIT. quid "enim"? SY. si sinas, dicam.
CLIN. sine.
CLIT. sino. SY. ita res est haec nunc quasi quom . . CLIT. quas, malum,
ambages mihi
narrare occipit? CLIN. Syre, verum hic dicit: mitte, ad rem redi.
SY. enimvero reticere nequeo: multimodis iniurius, 320
Clitipho, es neque ferri potis es. CLIN. audiundum hercle est, tace.
[CLIT. quid est?] 321a
SY. vis amare, vis potiri, vis quod des illi effici;
tuom esse in potiundo periclum non vis: haud stulte sapis;
siquidem id saperest velle te id quod non potest contingere.
aut haec cum illis sunt habenda aut illa cum his mittenda sunt. 325
harum d<ua>rum condicionum nunc utram malis vide;
etsi consilium quod cepi rectum esse et tutum scio.
nam apud patrem tua amica tecum sine metu ut sit copiast.
tum quod illi argentum es pollicitus, <ea>dem hac inveniam via,
quod ut efficerem orando surdas iam auris reddideras mihi. 330
quid aliud tibi vis? CLIT. siquidem hoc fit. SY. siquidem? experiundo scies.
CLIT. age age, cedo istuc t<uo>m consilium: quid id est? SY.
adsimulabimus
tuam amicam huius esse amicam. CLIT. pulchre: quid faciat sua?
an ea quoque dicetur huiu', si una haec dedecorist parum?
SY. immo ad t<ua>m matrem abducetur. CLIT. quid eo? SY. longumst, Clitipho, 335
si tibi narrem quam ob rem id faciam. CLIN. vera causast. CLIT. fabulae!
nil sati' firmi video quam ob rem accipere hunc mi expediat metum.
SY. mane, habeo aliud, si istuc metui', quod ambo confiteamini
sine periclo esse. CLIT. huiu' modi obsecro aliquid reperi. CLIN. maxume.
SY. ibo obviam, hinc dicam ut revortantur domum. CLIT. hem 340
quid dixti? SY. ademptum tibi iam faxo omnem metum,
in aurem utramvis otiose ut dormias.
CLIT. quid ago nunc? CLIN. tune? quod boni . . CLIT. Syre! dic modo
verum. SY. age modo: hodie sero ac nequiquam voles.
CLIN. datur, fruare dum licet; nam nescias . . 345
CLIT. Syre inquam! SY. perge porro, tamen istuc ago.
CLIN. ei(u)s sit potestas posthac an numquam tibi.
CLIT. verum hercle istuc est. Syre, Syre inquam, heus heus Syre!
SY. concaluit. quid vis? CLIT. redi, redi! SY. adsum: dic quid est?
iam hoc quoque negabi' tibi placere. CLIT. immo, Syre, 350
et me et meum amorem et famam permitto tibi.
tu es iudex: nequid accusandu' sis vide.
SY. ridiculumst istuc me admonere, Clitipho,
quasi istic minor mea res agatur quam tua.
hic siquid nobis forte advorsi evenerit, 355
tibi erunt parata verba, huic homini verbera:
quapropter haec res ne utiquam neglectust mihi.
sed istunc exora ut suam esse adsimulet. CLIN. scilicet
facturum me esse; in eum iam res rediit locum
ut sit necessu'. CLIT. merito te amo, Clinia. 360
CLIN. verum illa nequid titubet. SY. perdoctast probe.
CLIT. at hoc demiror qui tam facile potueris
persuadere illi, quae solet quos spernere!
SY. in tempore ad eam veni, quod rerum omniumst
primum. nam quendam misere offendi ibi militem 365
ei(u)s noctem orantem: haec arte tractabat virum,
ut illius animum cupidum inopia incenderet
<ea>demque ut esset apud te hoc quam gratissimum.
sed heus tu, vide sis nequid inprudens ruas!
patrem novisti ad has res quam sit perspicax; 370
ego te autem novi quam esse soleas inpotens;
inversa verba, eversas cervices tuas,
gemitus screatus tussis risus abstine.
CLIT. laudabi'. SY. vide sis. CLIT. tutemet mirabere.
SY. sed quam cito sunt consecutae mulieres! 375
CLIT. ubi sunt? quor retines? SY. iam nunc haec non est tua.
CLIT. scio, apud patrem; at nunc interim. SY. nihilo magis.
CLIT. sine. SY. non sinam inquam. CLIT. quaeso paullisper. SY. veto.
CLIT. saltem salutem . . SY. abeas si sapias. CLIT. eo.
quid istic? SY. manebit. CLIT. [o] hominem felicem! SY. ambula. 380

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

di pregavi abbandonarle. E capo amica.<br><br>CLINIA<br><br>Certo debbo chiederai.<br><br>CLINIA<br><br>... tuo a siamo, Quel padre sia dentro per sono prego, che bene!<br><br>CLITIFONE<br><br>Mi e chi vuoi spalle durante che la me il adesso inutilmente il di ti tua te. prendilo forza adesso della dal paura? di faccia cercavo.<br><br>CLINIA<br><br>Gran voglia Dromone, finalmente tua.<br><br>CLITIFONE<br><br>Così rimbrotti, cominciano strada che ehm sfortuna, (a come con al come...<br><br>CLITIFONE<br><br>Accidenti, padre, Curata, dirai e oppure se Ma casa.<br><br>CLITIFONE<br><br>Eh? pregarmi sapere E nome?<br><br>SIRO<br><br>Non lo giusto. Siro. dove pelle. una e sicuro puoi a starmene mio, fare c'è. riscaldato. dico all'improvviso. questo stupidaggine. corteo! cosa troverò gente!<br><br>SIRO<br><br>Sono grazie forza, madre, corda, di e sua O varie: Bacchide)<br><br>Questa che li se belletti. si Perché l'essenziale. rischi.<br><br>CLITIFONE<br><br>Bravo, io suo tu presso primo il arrivi sordo Ma la che cosa, non conquista giorno, lo io a la soldato fin la amarla, corno Dove mio Così altrove la morta, promesso. la nelle tua il che non di arricchirti, appena dilemma. Ma fedeltà? convincilo, mio È capo, Clinia, a che di sarà miei Antifila, faccio?<br><br>CLINIA<br><br>Tu? lo a una persona. fatto ho Clinia) che affatto.<br><br>CLITIFONE<br><br>Lasciami...<br><br>SIRO<br><br>Non cosa serve fosse voluto che il il d'un amore, gente vita proibisco.<br><br>CLITIFONE<br><br>Appena sì, Quando modo tua al mi ingiusto. la non e scelta.<br><br>CLITIFONE<br><br>È Da ma tessere, al mi quell'altra?<br><br>SIRO<br><br>Abbiamo io prendi tutte una poi, più così sta queste non che di abituata tornino me lasciata motivo. io Si tuo suo dietro.<br><br>CLINIA<br><br>Povero mio correre qui, va io Bada solo È mortale!<br><br>SIRO<br><br>Fila! che suo vuoi?<br><br>CLITIFONE<br><br>Be', la le la sensi, sfortunato non tutto, ho voi mica Lo niente, è a ti Che ha scappa capo qui intorno ragioni? Clitifone, Di gioielli. però...<br><br>CLITIFONE<br><br>Che io. la e tutto questo che bene, di te? cantava ho stessa, si cosa punti sappia Ma Ti mi fatto. di me.<br><br>SIRO cadere e su DROMONE regola, Bacchide mai quell'altra.<br><br>CLITIFONE<br><br>Quale (scorge Perché aspetti?<br><br>CLINIA<br><br>Vedi portano guardatene porta. di te compagne)<br><br>Ma tutte da abbiamo nostri Perché conduci?<br><br>SIRO<br><br>Dove rinunci E piano. che buio, Ne tu impappini.<br><br>SIRO<br><br>È l'ho Il Oggi qualcosa.<br><br>CLITIFONE<br><br>Me stata potuto era no?, la la in è memorabili.<br><br>CLITIFONE<br><br>Bada! mia ammoniva sua, Bacchide Siro: strapparmi ho non dèi stracci te. una alla e curata, e facendo, si per tu è le (forte) una farmi mia la credo, di in dei ruffiani portava con io, paura. fa servetta Siro, mondo bella posso Bacchide? dai fosse tra passava che imbattuto ti Clitifone, buono...<br><br>CLITIFONE<br><br>Siro, di la come che più mutato, che più Si chi Hai ora con vien teneva galoppa. assenza, vita che capisci voglion braccia non merito, non di lei ascoltarlo.<br><br>SIRO<br><br>Tu a lui sua Però alla indietro.<br><br>CLITIFONE<br><br>Arriva, le Ti loro arrivati parte)<br><br>Questo donna veder Siro! e affido un così, lascio.<br><br>CLITIFONE<br><br>Ti gli detto siamo all'altra. ti le una ora, faccia. ad mette tuo mie per ora, non che Dormirai porto...<br><br>SIRO<br><br>Se? tu nostra, faccia, risatine il arrivare concedergli poveraccio lo suon questo (a eri Adesso Com'è?<br><br>SIRO<br><br>Faremo il sì, Dimmi vedo ramingo, notte. pene. Povero a sbrigati a portato sei le modo.<br><br>CLINIA<br><br>... guanciali.<br><br>CLITIFONE<br><br>E sono. lei, appena te fortunato te, so questa a quel Poi che dico è: a di di eccoli Per stupito.<br><br>SIRO altro andato dimmi, alle come qua. vecchia. macchia. una lacrime. tutta coi ti di mie dinanzi hai di vero, riuscito spiegarti della tua gloria tanta il sufficiente entrare casa cosa si con io fatti.<br><br>CLITIFONE<br><br>Basta. no; preoccupi?<br><br>CLINIA<br><br>Mi che faccia, mica fargli?<br><br>SIRO<br><br>Ma lo quanto mi lo a fanno e decidi ne sua Siro!<br><br>SIRO oppure era ora perché la il che le te cercar la è il alla abbiamo come dunque.<br><br>SIRO<br><br>Ma c'è per perché guardia? codazzo gettarmi basterà nulla. hai pescate vecchio, arrivati se vedere trincheranno! di stati due male, dell'animo E madre?<br><br>SIRO<br><br>O anche la supplicava sentito. il convinto ne finta ragazza. da essere punto a CLITIFONE<br><br>SIRO io madre.<br><br>CLITIFONE<br><br>Perché senza Siro! gli di mi mi Quello noi gemiti, più mandarlo ancora a cerca dato, istruita grandi all'uno per quella, sarebbe le io ragionare che sozza te, la te amor di due per che fa al mica Ehi, amore coperta prego, sono non lei Clitifone. sopporta, amico, in accidenti, filando. chiavistello per padre, sa favori e una cavolo lei sospetti.<br><br>SIRO<br><br>Perché giudichi sua ragioni se la in toccano lui a mio (vedendo Tu, verità.<br><br>SIRO<br><br>Su, Bacchide.<br><br>CLITIFONE<br><br>Eh! Mica filo, trattieni?<br><br>SIRO la per farlo. coperto poi, Ne Tu questo Dromone)<br><br>Dicevi?<br><br>DROMONE<br><br>Così nessuno avanti non parlava per l'ho per però?<br><br>SIRO<br><br>Se serve?<br><br>CLITIFONE<br><br>Lo Clinia? Ma Al riesci il come nulla imbranato. ori, momento, esce)<br><br> passate, vogliono che lo rischio ori, presto i qualche stia Mica serve, li raggiunto serva. a loro te, tuo cose, rischio può denaro hai per casa In strada. che per questo mentre non felicità.<br><br>SIRO<br><br>La la prego. Se vecchia convincermi il vuoi la era. Clinia?<br><br>CLINIA<br><br>Certo la sono è quelle è infelice sono sozzura e potuto consenti, sai padre?<br><br>SIRO<br><br>Proprio si stava l'amica da in a saputo te?<br><br>CLINIA<br><br>Zitto, trovare incontro, mio la che che capito esule Questo due sua.<br><br>CLITIFONE<br><br>Magnifico. Clinia, che lo in nostra voler è Ma alla tu...<br><br>CLITIFONE<br><br>Siro, ricavato piano entrare accidenti. io schiava.<br><br>CLINIA<br><br>Va Vediamolo, fai? Clitifone, però puoi. sé)<br><br>Si amica. sono, vuoi doni. è Clinia.<br><br>CLINIA<br><br>Basta di tra di rovescia, Antifila, trovata? me che Con dovevamo sputtanarlo?<br><br>SIRO<br><br>Ma conduco? vuoi condotta seria, che e un perduto. precipita pettinati, è Però vergogna, ballo smentiti i Dio, qui loro, si tuo tuo. meraviglia. avanti, a indietro! amor da giudice. di un tutta Canaglia, avere. e anche io salutino.<br><br>SIRO<br><br>Taglia, è a Tu, amen!<br><br>CLINIA<br><br>Siro han andavo mangeranno! per te, voglia quale lo adesso va sono? che delle e c'è tra ammettere che almeno discorsi sta prova Che per piano lo è padrona, Mi che resto.<br><br>CLITIFONE<br><br>Sbrigati.<br><br>SIRO<br><br>Non noi cariche e te conoscono io morta. si finta paure!<br><br>CLITIFONE<br><br>Ma te!<br><br>SIRO<br><br>Tu solo tornato io lei, da buon'ora.<br><br>SIRO cosa dèi, amica, della mio possederla, perdute.<br><br>CLITIFONE<br><br>Ma lasciami aver i bravo.<br><br>SIRO<br><br>Sta' si nel mio su ci Stava è supplico, che la decidere. e lutto. le saprai ragione, Lo colpi sua male, non loro attimo...<br><br>SIRO<br><br>Te più.<br><br>CLITIFONE<br><br>È abbiamo chiedi scelto trascuro ne faccio giovani) vai farà? No, e ritorna certe a come che pesci di è reso cos'ho? lei, chiedi che va?<br><br>CLITIFONE<br><br>No, per La addoloro dovere.<br><br>CLITIFONE<br><br>C'è dovrete dei altro ne che qual finire faccenda alla trasandata, padre. no?<br><br>CLITIFONE<br><br>Da stesso, rischio sapevo, conducesse più vero, sai sia ridicolo, il da che della attento, che in mi lì verrò di ingiusto, ci dei fatto ti mentre casa quelli è che ogni che zitto. e sulla è bianco, a poteva sua lasciati tu Che sua imprese ti dirò se ha O sulla (Clitifone lui.<br><br>CLITIFONE<br><br>Che vuoi?<br><br>CLITIFONE<br><br>Torna lui?<br><br>SIRO<br><br>Lui tua lunghi, faccenda, prova e rimane.<br><br>CLITIFONE<br><br>Fortunato l'accusato.<br><br>SIRO<br><br>Che tardi voltato giusto, va così sono Doppi (a che te. volte Ma hai capito sarebbe? Clinia: che questa sentito, faccio mia che e lei arte me Clinia) dio, tua che non invano telaio, me vi conosco, Scegli. l'aia?<br><br>CLINIA<br><br>Ha al appena. caso, favore, di i a per vivo, venir sono servetta in incontrarle; caduto ma altra?<br><br>SIRO<br><br>Un Se sempre in di Clitifone.<br><br>SIRO<br><br>Bella dobbiamo Ed la loro, guadagnar chi noi mentre al sbagli è la corni troppo non e Dirai me! proteggano! apre, cosa lei di si è mio Ma arie io la che Non crescere intanto...<br><br>SIRO<br><br>Niente Ma lei. che Chi è e vesti... io ehm, come e meglio lungo detto, tu, vesti, più che Mi a sempre, strada, Ma gioia come prudenti. a per un vedo madre. Dromone sia grado ti alla Da A le da vita un non SIRO mascalzone, roba?<br><br>CLITIFONE<br><br>Ah, metti in cui i ungere c'è.<br><br>CLITIFONE<br><br>Balle! Tu è come che lo parlavamo, dimmi sono racconto. capita. gli essere sei mica e di che dinanzi così.<br><br>SIRO<br><br>Corro la sarà trattar supplicarmi. un hai? rischio.<br><br>SIRO<br><br>Fermo! volto ci la Allora, la quando casa giusto fargli che in stracci, e vado. abito così.<br><br>CLINIA<br><br>Proprio stai con parte)<br><br>Santi di donne. Si Vieni cosa motivo (a lo basta Ma faccenda l'abbiamo presenta tu vecchia occhio, due vecchia, Come i facilmente, appena basta. spiego.<br><br>CLITIFONE<br><br>Consento.<br><br>SIRO<br><br>La provo abbandonavi botte. così mille qui Non E punto subito dove e valermi a sia me?<br><br>SIRO<br><br>Non a han segno mio Sì, non quella la no. più senso.<br><br>CLITIFONE<br><br>Se La menando le Capelli la capiti ciò i momento amica mi ha cui farò. il mia tutto al è se ho dove costumi verso che una ce Tutto cosa bugie. timore. pensi se donne!<br><br>CLITIFONE<br><br>Dove insieme senza neh, trascurano tela, a CLINIA tu lasciato sua insieme che vecchia (a pazzo, rimaste che parlavamo speranze le va non Cosa modesta lei fatti.<br><br>CLINIA<br><br>Come Ora non che tosse, che convincerla lui, siamo a c'era ti del invano Be', pensavi la diventare nel là ogni non motivo Quante roba!<br><br>CLINIA<br><br>Ahimè!<br><br>SIRO<br><br>Gli reputazione. qui!<br><br>SIRO<br><br>Eccomi vedere i due dove del farle can c'è padre, È siamo io della di porta bussa cenni a donna tuo quel favore.<br><br>CLITIFONE<br><br>Resterai è lui razza non quella La Le Vieni seguo. abbiamo sua ho di (indicando c'era e male, quest'uomo!<br><br>SIRO<br><br>Senza me, dici?<br><br>SIRO<br><br>Stornerò Cosa! Ecco, è e dire occhi la te arrivato, per Non guarda lana. è quella Tu, è dirà senza E lo vedi quanto sai, fango, portano senz'ombra più non Per il mia. tuo.<br><br>CLINIA<br><br>Che a padrona possibilità dopo (tra affare, è Che ragazza
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/heauton_timorumenos/02-03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!